Aste online, non desiderare l'identità d'altri

La Cassazione condanna un 40enne di Roma per aver sfruttato i dati anagrafici di una donna in modo da acquistare beni su un sito d'aste. La vittima si era ritrovata con gli avvisi di mora. Il nickname non elude la sostituzione di persona

Roma – “Rientra nel reato di sostituzione di persona la condotta di colui che crei e utilizzi un account di posta elettronica, attribuendosi falsamente le generalità di un diverso soggetto e inducendo in errore gli utenti della rete Internet, nei confronti dei quali le false generalità siano declinate e con il fine di arrecare danno al soggetto le cui generalità siano state abusivamente spese”. È quanto stabilito dai giudici della terza sezione penale della Corte di Cassazione, che hanno condannato un 40enne residente a Roma al pagamento di una sanzione pecuniaria di circa 1200 euro.

Il misterioso Andrea A. aveva infatti sfruttato i dati anagrafici di una donna per aprire un account di posta elettronica e creare un nickname su una non meglio specificata piattaforma di aste online.

Una vera e propria truffa – in concorso con un soggetto terzo – ai danni dell’inconsapevole vittima, che si era improvvisamente ritrovata con un fiume di avvisi di mora per il pagamento dei beni acquistati dall’uomo. Giunto in primo grado, Andrea A. si era difeso affermando di aver sfruttato i dati anagrafici solo ed esclusivamente per iscriversi al sito e dunque partecipare alle aste con un nome di fantasia .

Ma, sempre secondo la Cassazione , “la partecipazione ad aste online con l’uso di uno pseudonimo presuppone necessariamente che a tale pseudonimo corrisponda una reale identità, accertabile online da parte di tutti i soggetti con i quali vengono concluse le compravendite”. In altre parole , l’uso di un nickname – che pure è legittimo quando si partecipa alle aste – non è sufficiente ad eludere una responsabilità penale .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Seb G. scrive:
    Facce ride!
    Zukkerberg adesso dovrai lavorare di faccia.
  • ... scrive:
    Secondo me
    con Magic si divertirebbero di piu'....
  • Matteo Wu scrive:
    Ciao
    vghcfhc
  • Camilla Celoni scrive:
    Laura Pausini
    Laura sei la cantante più bella e più brava che ci sia al mondo.Ma lo sai chi sono io? La tua più grande FAN.Ti prego se hai tempo leggi questo articolo te ne prego.Io c'ho di te ogni C-D.Io ho solo 11 anni e sei veramente brava continua cosi mi fai impazzire dalla bravezza
    • sbertuccia scrive:
      Re: Laura Pausini
      - Scritto da: Camilla Celoni
      Laura sei la cantante più bella e più brava che
      ci sia al mondo.Ma lo sai chi sono io? La tua più
      grande FAN.Ti prego se hai tempo leggi questo
      articolo te ne prego.Io c'ho di te ogni
      C-D.
      Io ho solo 11 anni e sei veramente brava continua
      cosi mi fai impazzire dalla
      bravezzaWTF?
  • Ubunto scrive:
    Mai brevetti sul software!
    a prescindere da Facebook VS Yahoo VS Motorola VS ...Ma vi rendete conto che se mai doveste realizzare un sito web originale, portando avanti una vostra idea, curando i dettagli e le rifiniture, studiando per tante ore come migliorare l'esperienza di navigazione dei vostri utenti, da un momento all'altro potrebbe spuntar fuori questa o quell'azienda che vi chiede dei soldi perché prima di voi ha pensato di brevettare il "tag associato alle foto sulla base delle preferenze degli utenti, ma messo a N px di distanza dal margine destro e M da quello più basso"?Com'è possibile accettare un'abominio di questo genere? :@
    • MacGeek scrive:
      Re: Mai brevetti sul software!
      Infatti non dovrebbero accettare simili brevetti"Originalità--------Un'invenzione si dice originale quando non è compresa e deducibile in modo evidente nello stato della tecnica da una persona esperta del ramo."Ma accettano tutto, perché controllare costa fatica, e i bei soldi li prendono lo stesso.Poi sono ca**i degli altri, che vadano in tribunale a risolvere la questione.Indubbiamente il sistema patenti USA (ma credo anche il nostro) è ormai più che marcio.
      • ... scrive:
        Re: Mai brevetti sul software!
        beh stiamo pur sempre parlando di un sistema che per centinaia di anni ha permesso di brevettare macchine del tempo, macchine a moto perpetuo, teletrasporto, e così via...addirittura qualche decina di anni fa iniziarono a rifiutare i brevetti sulle macchine del tempo perché ne avevano troppi...
  • AxAx scrive:
    E basta co sti brevetti...
    non se ne può più.
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    Re: se fossi io
    Se fossi foco,arderei lo monno
    • stelvio scrive:
      Re: se fossi io
      Fossi figo guiderei una grande jeep fino in disco, attesissimo in zona V.I.P. il mio nome sarebbe sempre incluso nella lista non dico proprio il primo della lista ma neanche l'ultimo degli XXXXXXX.
Chiudi i commenti