Atari, fallimento storico

La divisione statunitense avvia le pratiche per la procedura di fallimento controllato. Serviranno 5 milioni di dollari per continuare le attività. E si pensa a nuovi modelli di business

Roma – Dalle indiscrezioni all’ufficialità, in un sintetico comunicato stampa diramato dai vertici della divisione Atari Interactive Inc, leggendario marchio statunitense nell’industria videoludica. Alla U.S. Bankruptcy Court di New York i creatori di Pong hanno avviato le pratiche per ottenere la separazione dal gruppo francese Atari SA, all’interno della procedura nota come chapter 11 (fallimento controllato).

Stando alle fonti del quotidiano californiano Los Angeles Times , Atari Interactive verrà rivoluzionata a partire da un modello di business “modesto”, ovvero basato sullo sviluppo di piattaforme digitali a livello mobile . La nuova azienda statunitense vorrebbe inoltre mantenere la distribuzione nel settore merchandising , attualmente responsabile del 17 per cento sul totale dei guadagni a bilancio.

Sempre secondo le fonti del Los Angeles Times – molto più dettagliate del comunicato ufficiale di Atari Interactive – la divisione a stelle e strisce di Atari SA avrebbe numerose proposte economiche sul tavolo, alla ricerca dei 5,25 milioni di dollari necessari per continuare le sue attività quotidiane . Attesa una decisione da parte dei giudici fallimentari di New York, dopo l’offerta della società d’investimenti Tenor Capital Management. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giorgio ragni scrive:
    rinnova
    va be rinnovabili
  • Nadir Asani scrive:
    bbbb
    nnnnn
  • Cannavacciu olo Sebastiano scrive:
    Passworld vecchie
    come devo procedere. Già avast non lo accetta piu'le vecchie passworld
  • marina bosia scrive:
    nuova password
    come devo procedere. Già avast non lo accetta piu'
  • giancarlo ritarossi scrive:
    aggiornamento
    non commento
  • giancarlo ritarossi scrive:
    aggiornamento
    ottimo
  • giulia morandi scrive:
    google
    grazie per le informazioni
  • PAOLO ROITER scrive:
    GRAZIE DELL'INFORMAZIONE
    GRAZIE DELL'INFORMANIIONE. POALO ROITER
  • anna sladecka scrive:
    password
    molto curioso
  • PAOLO ROITER scrive:
    NON C'E' PRIVACY
    LA PRIVACY NON C'E'. OGNI GIORNO SIAMO CONTROLLATTI DAI SATELLITI DELLA C.I.A.( Central Intelligence Agency), DELL'F.B.I.( Federal Bureau of Investigation)INGLESI (Il Secret Intelligence Service (SIS) è l'agenzia di spionaggio per l'estero della Gran Bretagna. È più comunemente noto con il nome di MI6 (Military Intelligence, Sezione 6), E I RUSSI. PAOLO ROITER
  • Romy Beat scrive:
    Password Google
    La cosa che nessuno pensa è che ... LO FANNO SOLAMENTE PER TENERCI SOTTO CONTROLLO ! ... in modo più sicuro e ... CERTO ! ... amen
  • jason donovan daby scrive:
    ti amo
    ti voglio bene
  • Quelo scrive:
    Verifica a doppio passaggio ?
    Mah veramente io uso la verifica a doppio passaggio da un annetto su Google (su cui ho anche account di sviluppatore, quindi questioni di soldi) ed è comodissima.In pratica usa il cellulare Android con un'APP (ma in caso di emergenza anche con un SMS) che genera un numero tipo le chiavette delle banche da usarsi CON la password principale e adesso hanno reso più veloce anche l'acXXXXX al browser se già registrato.Così la Password generale diventa una Master Password da usarsi con la doppia verifica, poi è possibile generare SOLO DA LÌ un numero arbitrario di password secondarie (molto complesse da copia incolla) da usarsi classicamente con i singoli dispositivi o addirittura applicazioni assegnandogli un nome.In questo caso se si perde un dispositivo te lo rubano o diviene iraggiungibile o inusabile (da riparare) , puoi comunque disattivare istantaneamente quel dispositivo senza toccare l'account. A mio parere è meglio della sicurezza di alcune banche, poi tutto dipende molto dalla gente che la usa.
    • krane scrive:
      Re: Verifica a doppio passaggio ?
      - Scritto da: Quelo
      Mah veramente io uso la verifica a doppio
      passaggio da un annetto su Google (su cui ho
      anche account di sviluppatore, quindi questioni
      di soldi) ed è comodissima.
      In pratica usa il cellulare Android con un'APP
      (ma in caso di emergenza anche con un SMS) che
      genera un numero tipo le chiavette delle banche
      da usarsi CON la password principale e adesso
      hanno reso più veloce anche l'acXXXXX al browser
      se già registrato.
      Così la Password generale diventa una Master
      Password da usarsi con la doppia verifica, poi è
      possibile generare SOLO DA LÌ un numero
      arbitrario di password secondarie (molto
      complesse da copia incolla) da usarsi
      classicamente con i singoli dispositivi o
      addirittura applicazioni assegnandogli un
      nome.

      In questo caso se si perde un dispositivo te lo
      rubano o diviene iraggiungibile o inusabile (da
      riparare) , puoi comunque disattivare
      istantaneamente quel dispositivo senza toccare
      l'account.Ma in questo modo tu fai avere ad un'unica azienda le password di tutti i servizi che usi.
      • Quelo scrive:
        Re: Verifica a doppio passaggio ?
        No, si parla di password per accedere SOLO a Google che teoricamente loro dovrebbero già conoscere no ?Il punto è che la verifica a doppio passaggio la fai sul Browser a casa tua, poi generi tutte le password secondarie, una per ogni dispositivo che hai o se vuoi applicazione . Per esempio se in azienda usi Google Talk , o un client per GMail ci dovresti mettere la tua password dell'account principale e ciò è male su un computer aziendale. Gli gli metti quella fake, usi tranquillamente il computer, nessuno può risalire alla tua principale, mentre tu col doppio passaggio e la password master puoi cancellarne l'acXXXXX ad ogni istante e generare password nuove, così come se perdi il telefono, il computer o il tablet.Chiaro ? Le altre password non c'entrano.
        • krane scrive:
          Re: Verifica a doppio passaggio ?
          - Scritto da: Quelo
          No, si parla di password per accedere SOLO a
          Google che teoricamente loro dovrebbero già
          conoscere no ?
          Il punto è che la verifica a doppio passaggio la
          fai sul Browser a casa tua, poi generi tutte le
          password secondarie, una per ogni dispositivo che
          hai o se vuoi applicazione .
          Per esempio se in azienda usi Google Talk , o un
          client per GMail ci dovresti mettere la tua
          password dell'account principale e ciò è male su
          un computer aziendale.

          Gli gli metti quella fake, usi tranquillamente il
          computer, nessuno può risalire alla tua
          principale, mentre tu col doppio passaggio e la
          password master puoi cancellarne l'acXXXXX ad
          ogni istante e generare password nuove, così come
          se perdi il telefono, il computer o il tablet.
          Chiaro ? Le altre password non c'entrano.Ok, si piu' chiaro grazie.
    • Undertaker scrive:
      Re: Verifica a doppio passaggio ?
      - Scritto da: Quelo
      comodissima.
      Così la Password generale diventa una Master
      Password da usarsi con la doppia verifica, poi è
      possibile generare SOLO DA LÌ un numero
      arbitrario di password secondarie (moltonon mi sembra tanto comodo.dovrei fare una tiritera del genere ogni volta che leggo la mail ?cos'ha che non va la classica mail letta con un normale client ?
  • signor se scrive:
    meglio i cellulari
    certo, certo, soprattutto un bell'android venduto in bundle con un bel rootkit(rotfl)
  • piastrina scrive:
    non ho capito...
    Ma quindi se uno ti frega la chiave fisica, ha direttamente acXXXXX a tutti i tuoi dati senza alcuna difficoltà?Se è così non mi sembra un bel passo avanti.Qualcuno può smentirmi e dirmi che non ho capito una mazza e spiegarmi meglio come funziona? Mi piacerebbe.
    • krane scrive:
      Re: non ho capito...
      - Scritto da: piastrina
      Ma quindi se uno ti frega la chiave fisica, ha
      direttamente acXXXXX a tutti i tuoi dati senza
      alcuna difficoltà?Bensveglio...Curiosamente non sei lontano dalla verita'Credevi di aver scelto la pillola azzurra ma non importaE' stata una lunga attesa, l'onore e' mio...( martrix ( c ) )
      • Quelo scrive:
        Re: non ho capito...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: piastrina

        Ma quindi se uno ti frega la chiave fisica,
        ha

        direttamente acXXXXX a tutti i tuoi dati
        senza

        alcuna difficoltà?

        Bensveglio...
        Curiosamente non sei lontano dalla verita'
        Credevi di aver scelto la pillola azzurra ma non
        importa
        E' stata una lunga attesa, l'onore e' mio...
        ( martrix ( c ) )Se posso darti un consiglio, viste le tue risposte sparate a casaccio, sarebbe opportuno che anche tu facessi attenzione alle pillole che prendi.
        • krane scrive:
          Re: non ho capito...
          - Scritto da: Quelo
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: piastrina


          Ma quindi se uno ti frega la chiave


          fisica, ha direttamente acXXXXX a tutti


          i tuoi dati senza alcuna difficoltà?

          Bensveglio...

          Curiosamente non sei lontano dalla verita'

          Credevi di aver scelto la pillola azzurra

          ma non importa

          E' stata una lunga attesa, l'onore e' mio...

          ( martrix ( c ) )
          Se posso darti un consiglio, viste le tue
          risposte sparate a casaccio, E che si puo' rispondere a uno che ha scoperto l'acqua fredda ?
          sarebbe
          opportuno che anche tu facessi attenzione
          alle pillole che prendi.Ho la massima fiducia nel mio pusher.
          • Quelo scrive:
            Re: non ho capito...

            E che si puo' rispondere a uno che ha scoperto
            l'acqua fredda
            ?
            No è che capisco che l'articolo di Maruccia è leggermente fuorviante, specie ove parla di pulsantoni da premere, però se non sai esattamente il significato di "cryptographic card", è iutile lanciare strali inquietanti tirando in ballo pillole rosse e pillole blu.Siccome l'hai già fatto un paio di articoli fa quando chiedevo del link in centro pagina fuorviandomi dal fatto che poi il problema c'era e si vedeva, ci tenevo solo precisare. :D
          • krane scrive:
            Re: non ho capito...
            - Scritto da: Quelo

            E che si puo' rispondere a uno che ha scoperto

            l'acqua fredda ?
            No è che capisco che l'articolo di Maruccia è
            leggermente fuorviante, specie ove parla di
            pulsantoni da premere, però se non sai
            esattamente il significato di "cryptographic
            card", è iutile lanciare strali inquietanti
            tirando in ballo pillole rosse e pillole
            blu.Gli articoli di Maruccia non li leggo piu', semplicemente a me ha fatto ridere l'ingenuita' di piastrina quando ha chiesto: "Ma quindi se uno ti frega la chiave fisica, ha direttamente acXXXXX a tutti i tuoi dati senza alcuna difficoltà?"
            Siccome l'hai già fatto un paio di articoli fa
            quando chiedevo del link in centro pagina
            fuorviandomi dal fatto che poi il problema c'era
            e si vedeva, ci tenevo solo precisare.
            :D
      • Undertaker scrive:
        Re: non ho capito...
        - Scritto da: krane
        Bensveglio...
        Curiosamente non sei lontano dalla verita'
        Credevi di aver scelto la pillola azzurra ma nonammetto di non aver capito subito il riferimento...pensavo ad un altra "pillola azzurra" (fortunatamente non ne ho ancora bisogno...)
        • krane scrive:
          Re: non ho capito...
          - Scritto da: Undertaker
          - Scritto da: krane

          Bensveglio...

          Curiosamente non sei lontano dalla verita'

          Credevi di aver scelto la pillola azzurra ma non
          ammetto di non aver capito subito il
          riferimento...
          pensavo ad un altra "pillola azzurra"
          (fortunatamente non ne ho ancora bisogno...)Hahahahaha non ci avevo proprio pensato !!
    • Quelo scrive:
      Re: non ho capito...
      Leggi questo :http://tekdrops.wordpress.com/2011/11/30/google-account-verifica-in-due-passaggi/e nota la data dell'articolo !
  • AxAx scrive:
    Quello che in realtà vogliono
    è non permettere la creazione di account multipli.e che cavolo di grande fratello siamo se non sappiamo vita morte e miracoli di chi si collega non appena si collega a internet.
    • collione scrive:
      Re: Quello che in realtà vogliono
      ma dove sta scritto?non credo proprio che una chiave del genere non sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali diverse per il medesimo sito web
      • thebecker scrive:
        Re: Quello che in realtà vogliono
        - Scritto da: collione
        ma dove sta scritto?

        non credo proprio che una chiave del genere non
        sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali
        diverse per il medesimo sito
        webse quella chiavetta è multiuso va bene. Cioè è possibile memorizzare tutte le password di account diversi e accedere poi con la chiavetta inserendo la password del supporto fisico. Allo stesso tempo hai un supporto con crittografia dove salvare tutte le tue password.Insomma hai un ID unico da ricordare ma invece di utilizzare un servizio online (tipo OpenID o quello di Mozilla) usi un supporto fisico che conservi tu ed è ovviamente più sicuro.
        • krane scrive:
          Re: Quello che in realtà vogliono
          - Scritto da: thebecker
          - Scritto da: collione

          ma dove sta scritto?

          non credo proprio che una chiave del genere non

          sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali

          diverse per il medesimo sito web
          se quella chiavetta è multiuso va bene. Cioè è
          possibile memorizzare tutte le password di
          account diversi e accedere poi con la chiavetta
          inserendo la password del supporto fisico. Allo
          stesso tempo hai un supporto con crittografia
          dove salvare tutte le tue
          password.
          Insomma hai un ID unico da ricordare ma invece di
          utilizzare un servizio online (tipo OpenID o
          quello di Mozilla) usi un supporto fisico che
          conservi tu ed è ovviamente più sicuro.Mi fai pensare a questo:Un plughin per i browser piu' diffusi che non faccia altro che:- scompattare un file di testo pgp- leggere un xml contenente i campi "sito,loghi,pwd"- mostrare le informazioni relative al sito che si sta aprendosemplice, standard, aperto, lo realizziamo ?
        • AxAx scrive:
          Re: Quello che in realtà vogliono
          Anche la chiavetta avrà un ID e scommettiamo che è la prima cosa che trasmetterà, alla pari di un cookie eterno?
      • dubito ergo sum scrive:
        Re: Quello che in realtà vogliono
        - Scritto da: collione
        non credo proprio che una chiave del genere non
        sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali
        diverse per il medesimo sito webNon sarebbe + sicuro per la tua privacy usare 2-3 chiavette diverse? Da associare successivamente ognuna a un account a tua scelta?Vogliamo scommettere che per ottenere una chiavetta dovrai PRIMA fornire i tuoi (veri) dati personali? Non sarebbe + sicuro per la tua privacy ricevere chiavette anonime, senza prima associarlle ai propri dati?
      • spie gazione scrive:
        Re: Quello che in realtà vogliono
        - Scritto da: collione
        ma dove sta scritto?

        non credo proprio che una chiave del genere non
        sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali
        diverse per il medesimo sito webma nache 10 o 50...tutte credenziali che comunque fanno capo alla SINGOLA persona a cui la chiavetta viene rilasciata... ovviamente previa radiografia completa dalla testa ai piedi...
        • thebecker scrive:
          Re: Quello che in realtà vogliono
          - Scritto da: spie gazione
          - Scritto da: collione

          ma dove sta scritto?



          non credo proprio che una chiave del genere
          non

          sia in grado di memorizzare 2-3 credenziali

          diverse per il medesimo sito web

          ma nache 10 o 50...
          tutte credenziali che comunque fanno capo alla
          SINGOLA persona a cui la chiavetta viene
          rilasciata... ovviamente previa radiografia
          completa dalla testa ai
          piedi...ovviamete se per avere la chiavetta chiedono i miei dati, vogliono la mia identità reale e tutti i miei account vanno a finire nel loro server allora la chiavetta se la possono mettere in quel posto non la voglio neanche regalata!
    • spie gazione scrive:
      Re: Quello che in realtà vogliono
      - Scritto da: AxAx
      è non permettere la creazione di account multipli.mah... sì insomma... anche questo probabilmentema più che altro vogliono che, sia che tu abbia 1 account o che ne abbia 10, tutti gli account siano associati a una persona reale, FISICAMENTE NOTA...
      e che cavolo di grande fratello siamo se non
      sappiamo vita morte e miracoli di chi si collega
      non appena si collega a internet.appunto... questo è il vero obbiettivo di G e di chi la "ispira" (leggasi "servizi" di <s
      controllo e repressione </s
      sicurezza...
      • Anonimo scrive:
        Re: Quello che in realtà vogliono
        Mi chiedevo quando sarebbe arrivato il paranoico sulla privacy e sul fatto che tutti vogliono identificarti mentre vai sui siti XXXXX...
    • Quelo scrive:
      Re: Quello che in realtà vogliono
      - Scritto da: AxAx
      è non permettere la creazione di account multipli.
      e che cavolo di grande fratello siamo se non
      sappiamo vita morte e miracoli di chi si collega
      non appena si collega a
      internet.Di solito secondo la logica Google, l'account è memorizzato nel cookie sul tuo browser, regolarmente registrato (in un cookie) . La chiave crittografica serve per criptare il cookie insieme a qualche hashcode inviato sul momento dal server stesso. È molto probabile che se cambi browser o se non usi i cookies devi ripetere la procedura di login classica comunque. Con le attuali verifiche a doppio passaggio è così.
      • AxAx scrive:
        Re: Quello che in realtà vogliono
        E' appunto quello che vorrebbero evitare, cioè la procedura di login classico, optando per una molto migliore -per loro- procedura a 2 3 o x passaggi, magari dopo aver fornito obbligatoriamente il numero di cellulare.
    • Undertaker scrive:
      Re: Quello che in realtà vogliono
      - Scritto da: AxAx
      è non permettere la creazione di account multipli.
      e che cavolo di grande fratello siamo se non
      sappiamo vita morte e miracoli di chi si collega
      non appena si collega a
      internet.bravissimo, é proprio cosí, ed é per questo che ogni tanto gmail blocca gli account dicendo di aver rilevato "attivitá sospette" e chiededi inserire un numero di cellulare.L'unica attivitá sospetta che rilevano é che stai usando i loro servizi gratis, se vuoi continuare ad usare la loro mail paga o lascia il numero di telefono (cosí lo vendono e finisci bombardato di sms spam)
Chiudi i commenti