Attacchi ransomware: colpito il 58% delle organizzazioni italiane

Attacchi ransomware: colpito il 58% delle organizzazioni italiane

Un nuovo studio Trend Micro testimonia che il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi 3 anni.
Un nuovo studio Trend Micro testimonia che il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi 3 anni.

Sono ancora tante le vittime dei cybercriminali in Italia. Un nuovo rapporto pubblicato da Trend Micro certifica che il 58% delle organizzazioni italiane è stato colpito da un attacco ransomware negli ultimi tre anni. Il 57% di queste, inoltre, ha visto almeno un’altra azienda della propria supply chain cadere vittima degli attacchi.

I dati forniti dalla ricerca sono molto interessanti perché l’80% dei responsabili IT italiani ritiene che i propri partner e clienti rendano la propria organizzazione un bersaglio più attraente per gli attacchi ransomware. Per questa ragione l’invito è quello di prestare sempre la massima attenzione e dotare la propria azienda della miglior sicurezza software, come quella garantita da Trend Micro.

Attacchi ransomware: un problema sottovalutato?

Le PMI rappresentano il 56% delle supply chain di molte organizzazioni: eppure sono quelle potenzialmente meno sicure, se si considera inoltre che solo il 51% condivide i dati sugli attacchi ransomware con i propri fornitori. Il 37% ammette di non informare del tutto i partner.

Trend Micro sottolinea come i tassi di rilevamento siano bassi in modo preoccupante per attacchi come:

  • Ransomware – 54%
  • Esfiltrazione di dati – 44%
  • Accesso iniziale – 41%
  • Utilizzo di tool come PSexec, Cobalt Strike – 31%
  • Movimenti laterali – 29%

Alessandro Fontana, Head of Sales di Trend Micro Italia, ha affermato:

Il 57% delle aziende italiane ha visto almeno un’altra organizzazione all’interno della propria supply chain venire colpita da un attacco ransomware e questo mette i propri sistemi potenzialmente a rischio di compromissione. Molti però non adottano misure per migliorare la sicurezza informatica dei partner. Il primo passo per mitigare questi rischi deve essere una maggiore visibilità e controllo sulla superficie di attacco digitale che è in continua espansione“.

Non bisogna dimenticare del resto come le supply chain possano essere fonte per i cybercriminali allo scopo di ottenere un effetto leva tra i loro obiettivi. Tra le organizzazioni che hanno subito un attacco ransomware negli ultimi tre anni, il 60% ha spiegato che gli attaccanti hanno contattato clienti e/o partner riguardo alla violazione allo scopo di forzare il pagamento del riscatto.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 21 set 2022
Link copiato negli appunti