Australia, proposta legge anti-crittografia nei messaggi Web

La nuova legge metterebbe a repentaglio la sicurezza dei sistemi di crittografia di ogni provider intenzionato a fare business in Australia. No comment di Apple, Facebook dichiara preoccupazione

Roma – Il governo australiano, guidato da Malcolm Turnbull, primo ministro e leader del Partito Liberale d’Australia (il quale, a discapito del nome, ha posizioni conservatrici), è intenzionato a introdurre una legge che imponga l’obbligo per gli Internet Service Provider a collaborare con le forze dell’ordine per decifrare i messaggi inviati tramite Internet e protetti dalla crittografia end-to-end .

malcolm turnbull primo ministro

La legge sarebbe basata sull’ Investigatory Powers Act in vigore nel Regno Unito dal 2016, bollata dall’opinione pubblica con il nome Snoopers’ Charter (letteralmente, “la carta dei ficcanaso”): mentre la legge britannica impone ai provider dei servizi di comunicazione locali di collaborare con le forze dell’ordine nelle operazioni di intercettazione e sorveglianza (senza bisogno di alcun mandato), la legge australiana si prefigge traguardi più ambiziosi poiché, pur con il bisogno di un mandato, imporrebbe agli stessi provider di decifrare messaggi cifrati inviati da sospetti terroristi e criminali.

Questo tipo di operazione è in palese contrasto con le leggi della matematica, a meno che i provider non salvino una copia di tutte le chiavi pubbliche utilizzate dagli utenti: una procedura che, come dichiarato anche da diversi provider, comprometterebbe irrimediabilmente l’efficacia del processo di cifratura per tutti gli utenti.

Nello specifico, un portavoce di Facebook ha dichiarato al Sydney Morning Herald che l’azienda sta già collaborando con le forze dell’ordine attraverso una serie di appositi protocolli , tuttavia indebolire i sistemi di cifratura per loro implicherebbe indebolirli per tutti .

Apple, invece, ha preferito non rilasciare dichiarazioni in merito alla nuova proposta di legge, mantenendo un profilo atto a tutelare la privacy degli utenti, già adottato contro l’FBI per il caso degli attentati terroristici di San Bernardino , avvenuti nel dicembre del 2015. Nei giorni successivi all’attentato, l’azienda si rifiutò di aiutare l’FBI nel decifrare il contenuto di un iPhone 5C appartenuto ad uno dei terroristi ucciso dalle forze dell’ordine. Il caso si chiuse in poche settimane, a seguito del ritiro della richiesta da parte dell’FBI, in quanto l’agenzia riuscì nel suo intento , con la presunta assistenza di hacker professionisti in possesso di una backdoor.

Nonostante i pareri contrari dei provider, il primo ministro australiano Malcolm Turnbull sembra intenzionato a procedere con la legge: ha infatti dichiarato alla stampa che, per quanto lodevoli siano le leggi della matematica, l’unica legge che si applichi in Australia è la legge d’Australia ; un punto di vista in linea con le politiche adottate dal Paese nel corso degli ultimi anni, volte a censurare o limitare contenuti relativi al suicidio, alla violazione del diritto d’autore e alla pornografia.

logo censura australia

Elia Tufarolo

Fonte Immagini: 1 , 2

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • user_ scrive:
    duecento euro
    è ancora troppo costoso.
  • usul scrive:
    masse acefale e vr profilante
    Mah, essendo un prodotto facebook mi trovo ad essere diffidente di default.Vedremo se, quando e come le chiacchiere di oggi diventeranno realtà nel prossimo futuro.Con un occhio attento alla profilazione che sicuramente sarà implicita nel suo uso.
    • Mao99 scrive:
      Re: masse acefale e vr profilante
      - Scritto da: usul
      Mah, essendo un prodotto facebook mi trovo ad
      essere diffidente di
      default.
      Vedremo se, quando e come le chiacchiere di oggi
      diventeranno realtà nel prossimo
      futuro.
      Con un occhio attento alla profilazione che
      sicuramente sarà implicita nel suo
      uso.Prevedo molta più gente "rimbambita" e comandabile con questi aggeggi.Anche io non mi fido FB e nemmeno degli altri social.
  • Fan innamorato di Bertuccia il macaco scrive:
    ... per le masse
    Se c'è una cosa mi fa irritare (c'è ne sono molte, invero), è che i padroni del mondo mi consideri parte della massa. Non parte del popolo o della umanità. No. Massa. Proprio massa.Capisco che loro sono i Pastori e noi le pecorelle smarrite, ma un po' di tatto è sempre benvenuto.Utenti delle masse! Unitevi! Unitevi in un altra massa. Magari marrone.
    • massone scrive:
      Re: ... per le masse
      Ben scritto il tuo post.Ma direi che non siamo pecorelle smarrite, bensì pecoroni consenzienti.Infatti nessuno è padrone di un altro se questi non gli si vende.
    • prova123 scrive:
      Re: ... per le masse
      Perchè irritarsi, è meglio essere sottovalutati ... arrivi con tranquillità e mentre nemmeno se l'aspettano ... zak! ... avanti il prossimo ... senza fretta.La reciprocità è la base di tutte le relazioni.
Chiudi i commenti