Avada kedavra Scribd!

Pare che JK Rowling, autrice della saga di Harry Potter, sia furiosa con il portale che consente di condividere testi e libri. Per chi ha visto Viacom contrapporsi a YouTube, una sorta di déjà vu

Roma – Presto, ma molto presto a sentire quello che dice il Times di Londra, il portale della lettura e della letteratura Scribd si potrebbe trovare in acque agitate. A scatenare la furia degli elementi, una che di magia se ne intende: la donna più ricca del Regno Unito, la scrittrice di una delle saghe più vendute della storia dell’editoria, la creatrice di Harry Potter e del suo universo fantastico, JK Rowling . A quanto si dice, infuriata per aver scovato le sue opere condivise indebitamente sul sito in Rete.

Secondo la ricostruzione del quotidiano, gli avvocati della scrittrice sarebbero partiti lancia in resta in seguito ad una segnalazione per ottenere l’immediata rimozione di tutti i contenuti appartenenti alla loro assistita: lo staff Scribd, da parte sua, si sarebbe mostrato collaborativo e avrebbe consentito la rimozione dei materiali sgraditi. Ma sotto accusa ora ci sarebbero le policy del sito, con maglie troppo larghe che farebbero passare anche ciò che online non dovrebbe finire : “Questi non sono altro che pirati, non dobbiamo cedere – spiega l’agente letterario Peter Cox – Non ci possiamo permettere di fare gli stessi errori dell’industria musicale”.

Su Scribd, in ogni caso, non ci sono soltanto materiali illegali: migliaia di documenti di pubblico dominio, caricati da gente comune e persino dallo staff del presidente USA Barack Obama, sono a disposizione dei milioni di visitatori che ogni giorno affollano le pagine del sito per essere scaricati direttamente sul proprio lettore di ebook o sul proprio computer. Ci sono anche titoli di letteratura contemporanea, caricati sulla piattaforma con il consenso di autori ed editori , allo scopo di allagare il pubblico potenziale dei lettori di un genere e far conoscere nomi nuovi a un target differente.

Lo staff del sito, inoltre, fa anche sapere di avere a disposizione dei detentori dei diritti un sistema di “notifica e rimozione” dei loro contenuti dal sistema: se un certo materiale viene individuato dal suo legittimo proprietario e segnalato allo staff, non solo viene rimosso ma il database interno viene aggiornato per impedire che in futuro lo stesso libro o documento possa venire nuovamente reso disponibile senza permesso . Ma per gli autori e gli editori non sarebbe abbastanza, sempre secondo il Times : “Spesso – conclude il quotidiano – questi ultimi non sono a conoscenza del fatto che la gente condivida illegalmente i loro libri”.

Da parte sua Scribd, sul blog aziendale , tenta di smorzare i toni della polemica . L’articolo del Times sarebbe “fuorviante” e comprenderebbe “errori che vanno corretti”. Nessuna azione legale sarebbe stata intentata contro Scribd, a differenza di quanto si evinceva dalla prima stesura del quotidiano britannico, e le tecniche di confronto del materiale caricato con il database (ivi compresa la sezione proibita) sarebbero costantemente migliorate e rese più efficienti proprio per garantire ai legittimi proprietari di un opera il rispetto del diritto d’autore.

Insomma: se il pezzo del Times dovesse essere misurato dalla storpiatura del cognome del CEO di Scribd (chiamato Trip Adkins al posto di Trip Adler), così dice l’azienda, forse varrebbe la pena di sentire qualche altra campana prima di esprimere un giudizio sulla vicenda. Probabilmente, comunque, a Scribd non farebbe piacere ritrovarsi nello stesso oceano di guai in cui annaspa Google con la causa intentata da Viacom contro il suo portale di videosharing YouTube (per non parlare dell’equivalente italiana lanciata da Mediaset): di qui l’esigenza di chiarire, al più presto, la sua totale accondiscendenza alle richieste degli autori.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Terminator scrive:
    SKYNET
    Sto aspettando con ansia il famoso giorno in cui skynet lancera' le testate, quando gli zombie usciranno dalle tombe e potrò imbracciare il mitico AK47 per le strade, di notte e di giorno e uccidere TUTTI !!
  • Vinsent scrive:
    spero che i giappi...
    ...leggano Asimov e non finisca con un:I CYLON FURONO CREATI DALL UOMOSI RIBELLARONOSI SONO EVOLUTIHANNO LO STESSO ASPETTO E SI SENTONO UMANIALCUNI SONO PROGRAMMATI PER CREDERE DI ESSERI UMANICI SONO MOLTE COPIEE HANNO UN PIANOPS: visto la fine dell' ultima puntata?
    • So say we all scrive:
      Re: spero che i giappi...
      Certo....bellisssima...Una delle poche puntate finali degne di concludere una serie sci-fi di sucXXXXX come Galactica. Al pari di VOYager.Così diciamo tuttiPave
  • Donald111 scrive:
    Barzelletta / Trollatina
    Un famoso gezzista fa un incidente e perde tutt'e due le braccia.Sicche' t'arrivano quelli dell'Honda tutti 'ontenti e gni di'ano: "Okoto'! Noi avele soluzione pel te!"Deh! 'r gezzista allibito rimane a senti'."Akata'! Qui avele nuovo dispositivo attacato a lobot. Te penZale e lui fale."Per di cui 'r gezzista si fa 'nstalla' tutto l'ambarada' e lo lasciano da solo cor robottino.Passa un mese, tutto bene.Passano du' mesi, tutto ganzo.Dopo 'r terzo mese quelli dell'Honda vengano chiamati dall'ospidale e un dottore gni' fa: "Deh! C'e' qui un vostro criente e' rimasto 'ncastrato ar vostro robottino."Sicche' tutti l'ingegneri partano dar Giappone e arrivano all'ospidale e ti ritrovano 'r robottino che continua a zeba' ner XXXX 'r gezzista.Sicche' lo spengano e 'niziano a fa' tutti i debagghe der caso.Senonche' un ingegnere va dar gezzista e gni fa:"Okoto! Cosa avele penZato???"'R gezzista, un po' 'ncarognito e parecchio dolorante, 'gni risponde: "Senti palle! Io 'un ho penZato a nulla di male, quell'aggeggio li' m'ha preso, ma ribartato e ha 'niziato a zebammi bene bene.""Oooooh Katzo! Ma cosa avele fale fatto tu a lobottino.""Deh... quer giorno c'avevo fame, sicche' ho penZato -Ovo-""E lobottino?""E lui m'ha fatto l'ovo ar tegame e poi m'ha fatto mangia'. Poi c'avevo voglia di beve, sicche' ho penZato -Vino-""E lobottino?""E lui m'ha pienato 'r bicchiere di vino e poi me l'ha fatto beve.""E poi...""E poi e poi... poi mi mancavano le mi sessioni gezze e sicche' c'avevo voglia di sona'!""Cosa pensato tu?""Deh, cos'avro' penZato -TROMBA-!!!"
  • C64 scrive:
    Brain Stick Commodore 64
    Già ai tempi del C64 c'era un rudimentale Joystick comandato dal pensiero, ovviamente era qualcosa di molto "rozzo" come capacità di discriminare... mi pare potesse "comprendere" azioni del tipo: già, sù, avanti, indietro, spara, salta...Secondo voi come mai nell'era del pc non si è più visto nulla del genere ?Saluti
    • v1doc scrive:
      Re: Brain Stick Commodore 64
      Link?
      • C64 scrive:
        Re: Brain Stick Commodore 64
        Non sono riuscito a trovare molte info in rete, comunque questo file contiene 3 immagini scannerizzare di riviste dell'epoca che pubblicizzavano il prodotto:http://amstradcpc.mforos.com/visit/?http://www.megaupload.com/?d=Q6ZDGDT3
        • v1doc scrive:
          Re: Brain Stick Commodore 64
          grazie per il link, saperebbe interessante ritrovare questo dispositivo per ritestarlo :-)
          • MegaJock scrive:
            Re: Brain Stick Commodore 64
            Io lo ricordo: era un pesce d'aprile. Un'interfaccia Kempston con due ventose attaccate.E dopo vent'anni, ci cascate ancora.NERDS!
    • z f k scrive:
      Re: Brain Stick Commodore 64
      - Scritto da: C64
      Già ai tempi del C64 c'era un rudimentale
      Joystick comandato dal pensiero, ovviamente era
      qualcosa di molto "rozzo" come capacità di
      discriminare... mi pare potesse "comprendere"
      azioni del tipo: già, sù, avanti, indietro,
      spara,
      salta...Alla faccia del rudimentale...
      Secondo voi come mai nell'era del pc non si è più
      visto nulla del genere
      ?Sinceramente non ricordo niente del genere.Esisteva un controller per - credo - una console nintendo (il NES?), ma si usava per inquadrare l'obiettivo in un mirino e gridare il comando di sparo. E fu un sostanziale flop a causa della scarsa accuratezza.Cosa simile, piu' recente, un "caschetto" per pc, con dei sensori per le direzioni e le cuffie (hm e forse il microfono?).Roba che facesse tutto quello che dici, non ne conosco proprio. Vabbe' che la mia memoria fa schifo...CYA
  • Funz scrive:
    Firefox
    No, non il browser :p"com'è che questo dannato aggeggio non vuole funzionare? Ah, già, dimenticavo che devo pensare in russo!" :DGran film by the way
    • longinous scrive:
      Re: Firefox
      - Scritto da: Funz
      No, non il browser :p

      "com'è che questo dannato aggeggio non vuole
      funzionare? Ah, già, dimenticavo che devo pensare
      in russo!"
      :D

      Gran film by the wayCome Shinji che nello 02 mandava in conflitto l'interfaccia perché non pensava in tedesco :D
  • attonito scrive:
    Non saremo piu' liberi di pensare?
    Anno 2050.Arrivi in ufficio, gia' XXXXXXXXX di tuo perche' stamattina hai trovato ma portiera rigata.Il capo ti convoca nel suo ufficio, e ti fa un XXXXXatone perche hai consegnato con 2 giorni di ritardo il prospeto che ti aveva chiesto (ovviamente sorvola sul fatto che lui ti aveva dato i dati indispensabili alla relazzazione cel prospetto con 3 settimane di ritardo).A quel punto tiu pensi un bel "ma XXXXXXXXXX tu e il tuo prospetto dimXXXXX!"ED ECCO CHE SI ACCENDONO 27 mila luci di allarme, una sirena si mette a suonare e sul monitor 3D del capo compare quello che hai appena pensato.Ah, che bel mondo di XXXXX che ci aspetta.
    • Germano scrive:
      Re: Non saremo piu' liberi di pensare?
      Mettiti un cappello di carta stagnola in testa e hai risolto.
      • attonito scrive:
        Re: Non saremo piu' liberi di pensare?
        - Scritto da: Germano
        Mettiti un cappello di carta stagnola in testa e
        hai risolto.LOL :D
        • Lost Bou scrive:
          Re: Non saremo piu' liberi di pensare?
          Esatto, come Futurama,nell'ultimo film del mese scorso, metti una carta stagnola e schermi la mente.
  • Mauro Esposito scrive:
    E Macross?
    Questa cosa non può non far venire a mente il controllo di un velivolo robotico da parte del pilota con una interfaccia molto simile:http://www.steelfalcon.com/Macross/yf21.shtml#bcsOvviamente la saga è Macross, quindi aereo trasformabile, un pò troppo fantasiosa come cosa, ma il controllo non sembra per niente lontano da questo tipo di applicazione.E, tra parentesi, questo tipo di controllo potrebbe anche essere effettuato facendo volare un uav stando comodamente in una sala di controllo, spaventoso.
    • Wolf01 scrive:
      Re: E Macross?
      Bhe, tenendo conto che ultimamente c'è sempre più gente che guida automobili e aerei con l'iphone (e per le simulazioni dell'aeronautica usano aerei normali senza pilota comandati da terra) non darei per scontato che una cosa del genere (quella dell'articolo) se in futuro verrà migliorata fino a raggiungere la reale velocità del pensiero potrà essere veramente usata ovunque
  • Beppe scrive:
    Sta cosa ha un effetto lassativo
    Hahaha, che bello, progresso?Io mi vergognerei persino se fossi uno degli ingegnieri filmati, ma ti pare che in un uso pratico io debba aspettare 7 secondi per dare un comando mentale?Che abbia quel popò di coso dietro la schiena? a me piacerebbe che si potesse usare almeno il pc a comandi vocali, così non devo stare attento a cosa pensare, entro in casa e dico, luce scale, alza riscalmento a 20 gradi, aprimi la posta, chiamami tizio e preriscalda il forno che dopo devo cucinare, una cosina così sarebbe utile, pratica, senza aggeggi da portarsi dietro o sulla testa, senza contare che al di la dei tempi di elaborazione mi sarei aspettato che l'umano guidasse il robot in un percorso con varie destinazioni scegliendone una diversa da quella programmata,non una cosina che riesco a fare con il robottino della lego schiacciando un solo tasto della tastiera, si saremo ai primordi e lo capisco, ma sembra un film degli anni 60 di fantascienza pure fatto male, su di me ha un effetto al quanto lassativo!!!
    • Funz scrive:
      Re: Sta cosa ha un effetto lassativo
      Come sei limitato... e se l'inventore dell'automobile si fosse sentito rispondere "ma perchè dovrei limitarmi ad andare a 10Km/h quando in calesse posso già fare la stessa strada in minor tempo"
    • malvyn scrive:
      Re: Sta cosa ha un effetto lassativo
      - Scritto da: Beppe
      Hahaha, che bello, progresso?
      Io mi vergognerei persino se fossi uno degli
      ingegnieri filmati, ma ti pare che in un uso
      pratico io debba aspettare 7 secondi per dare un
      comando
      mentale?
      Che abbia quel popò di coso dietro la schiena? a
      me piacerebbe che si potesse usare almeno il pc a
      comandi vocali, così non devo stare attento a
      cosa pensare, entro in casa e dico, luce scale,
      alza riscalmento a 20 gradi, aprimi la posta,
      chiamami tizio e preriscalda il forno che dopo
      devo cucinare, .......magari non è pensata per i normodotati come te che sono in grado di parlare (ma non di pensare)magari è fatta per chi è ancora in grado di pensare ma per malattia o incidente non è in grado né di muovere aun dito e nemmeno di parlare, e il solo collegamento con il mondo esterno è proprio la sua mente.
    • il signor rossi scrive:
      Re: Sta cosa ha un effetto lassativo
      - Scritto da: Beppe
      Hahaha, che bello, progresso?
      Io mi vergognerei persino se fossi uno degli
      ingegnieri filmati, ma ti pare che in un uso
      pratico io debba aspettare 7 secondi per dare un
      comando mentale?Ossantoddio!!! Ecco l'ENNESIMO ingegnerone del forum di PI che sputa sul lavoro di fior di scienziati ai quali non potrebbe neanche legare le scarpe... tu nel 1940 vedendo Eniac avresti detto: "Hahaha, progresso? Ma ti pare che debba aspettare 7 secondi per avere la risposta a un semplice calcolo matematico? E che gli servano quel popò di armadi dietro per funzionare?"Come si fa a non capire che i 7 secondi o quel popò di coso là dietro sono tali perché si tratta di una tecnologia solo agli inizi, ma magari fra vent'anni i 7 secondi saranno un decimo di secondo, la "centralina" sarà grande come un pacchetto di sigarette e un anziano o un disabile potrà avere magari degli arti artificiali che si muovono solo col pensiero. Naturalmente bisogna avere una mentalità da scienziato e ragionare anche in termini di 20-50 anni... e soprattutto riflettere un attimo su cosa sei in grado di fare tu prima di sputare sentenze sul lavoro di altri!
      • Peppe scrive:
        Re: Sta cosa ha un effetto lassativo
        Non so se vi interessa, ma il comandare il computer con la voce e' anch'esso in lavorazione.Il problema in tal caso e' discriminare le parole dell'utente, senza dover apprendere il suo tono di voce (pattern recognition con i XXXXX) e date delle parole, capire il loro significato semantico.Il primo problema e' in via di risoluzione, il secondo e' piu' complesso (alla fine e' come cercare siti web su google facendogli domande nella propria lingua madre) e coinvolge anche la linguistica.E quando si riuscira' ad analizzare automaticamente la semantica di una frase, non comanderai con la voce solo il computer ma il robot stesso.La domanda e', quando questo capitera' e con quale livello di complessita'
  • Gang scrive:
    cosa succede se...
    Ma va a cag.... "si ho ricevuto l'ordine e credo che l'ordine sia ..."
  • z f k scrive:
    sceneggiatura
    Riproporre il filmatino paripari, solo che ad un certo punto entra una bella topolona col camice inguinale (magari le cade qualcosa e si china a raccoglierla o qualche altro cliche').L'operatore rimane impassibile, ma la macchina dietro comincia a lampeggiare in modo frenetico; gli assistenti cominciano ad agitarsi; asimo alza gli avambracci e comincia a muovere le braccia avanti e indietro, in sincrono con analoghi e contrapposti movimenti del bacino, "dicendo" qualcosa come , sempre in sincrono. Gli assistenti corrono avanti e indietro agitatissimi, arriva altra gente con cartelle e strumenti di analisi, portatili e quant'altro, cavi vengono connessi ovunque.La macchina lampeggia ora con un colore rosso e comincia a fumare.Dissolvenza, magari su una scritta con la battuta finale.CYA
  • Joliet Jake scrive:
    Roujin Z
    Katsuhiro Otomo, già nel '91, aveva immaginato una situazione simile, con apparecchiature mediche per gli anziani robotizzate.Peccato che il finale sia un pò diverso! ;)http://it.wikipedia.org/wiki/Roujin_Z
  • hey scrive:
    ma basta una connessione al nervo A-10!!
    Piccola citazione di Neon Genesis Evangelion.... che nel 1995 già raffigurava diverse tecnologie di uso oggi quotidiano. E già vedeva il Giappone come patria della tecnologia robotica
Chiudi i commenti