Avatarify: chi vuoi essere oggi in videoconferenza?

Al momento compatibile con Zoom, Skype e Slack, l'intelligenza artificiale di Avatarify trasforma l'utente in chiunque desidera, anche Einstein o la Monna Lisa.
Al momento compatibile con Zoom, Skype e Slack, l'intelligenza artificiale di Avatarify trasforma l'utente in chiunque desidera, anche Einstein o la Monna Lisa.

Stanchi di dovervi rendere presentabili prima di prender parte a una videoconferenza in modalità smart working? Bene, un aiuto arriva dagli algoritmi: quello di Avatarify è pronto a trasformarvi in chiunque vogliate, anche Albert Einstein o la Gioconda. Di certo così non passerete inosservati nei prossimi meeting.

L’IA di Avatarify ti trasforma su Zoom o Skype

Il tool è stato caricato su GitHub da Ali Aliev, uno dei suoi sviluppatori. Al momento risulta compatibile con Zoom, Skype e Slack, ma non è da escludere che in conseguenza alla sua natura bizzarra e alla sua prevedibile diffusione virale ben presto possa essere introdotto il supporto ad altri servizi come Google Meet o Microsoft Teams.

Un avatar virtuale per le videochiamate con Avatarify

Per accedere al tool con una qualità del rendering soddisfacente è necessario disporre di un computer con determinati requisiti hardware: scheda video NVIDIA GeForce GTX 1080Ti per 33 fps, NVIDIA GTX 1070 per 15 fps. Su un MacBook Pro del 2018 senza GPU ci si ferma a 1 fps.

Nel filmato in streaming qui sopra il tutorial per l’utilizzo di Avatarify su Windows. Saltando direttamente al minuto 9:45 è possibile vedere l’IA in azione, come è in grado di convertire in tempo reale i movimenti e le espressioni del viso dell’utente catturati dalla webcam applicandole alle immagini di un dipinto o di un personaggio storico. Buon divertimento.

Fonte: GitHub
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti