Bielorussia, accendi la TV e c'è il P2P

Una copia pirata del premiatissimo film The Hurt Locker è stata trasmessa dal broadcaster nazionale. Che pare averla avuta in concessione dal noto tracker Interfilm.ru

Roma – A scoprirlo sono stati solo gli spettatori più attenti, nel corso di un’insolita messa in onda da parte della televisione di stato bielorussa. Una copia pirata del premiatissimo film The Hurt Locker è stata trasmessa in diretta nazionale , presa in prestito dagli illeciti marosi del torrentismo .

Un caso scoppiato grazie adun blogger locale, che aveva da poco assistito ad uno speciale sui grandi film premiati con l’ambito Oscar. Le trasmissioni erano state avviate dal broadcaster nazionale, in attesa della recente assegnazione delle statuette più famose del cinema.

Ma una voce femminile ha all’improvviso coperto l’audio dell’ultimo film di Kathryn Bigelow, sottolineando come la versione della pellicola fosse stata rilasciata in esclusiva da Interfilm.ru . Ovvero uno dei più noti tracker BitTorrent in terra russa, già al centro di una causa miliardaria intentata dai vertici della Motion Picture Association of America (MPAA).

Si tratterebbe però di un semplice errore di natura tecnica, almeno stando a quanto successivamente dichiarato da una portavoce della televisione di stato bielorussa. Il broadcaster nazionale avrebbe acquisito i regolari diritti attraverso la società locale GALA Media .

La diffusione illecita di The Hurt Locker continua così a tormentare i legittimi detentori dei diritti, già protagonisti in patria di una causa contro migliaia di scariconi. Il film di Kathryn Bigelow era finito online prima della sua uscita nelle sale, diventando in poco tempo una delle pellicole più scaricate. Ora anche in diretta nazionale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • BSD_like scrive:
    Tracciamento "a piedi" e con GPS
    Scusate, ma dove è la differenza?Se un poliziotto, investigatore, etc. esegue un pedinamento di una persona E LO FÀ ACCURATAMENTE, ad esempio tracciando con netbook, tablet, taccuino, ... gli spostamenti della persona, i locali in cui và , le persone incontrate, se lo documenta con foto, filmati quando è in pubblico: non è uguale, anzi "più invasivo" di un tracciamento GPS?Si potrà  dire che un poliziotto o investigatore non può stare 24/24h addosso a una persona: però 5-6 investigatori a turno si; sopratutto per 1-3 mesi, con permessi e ferie; anzi con un cambio di investigatori diventa più difficile per il pedinato accorgersi di essere ... pedinato (ovviamente ha sempre più possibilità di accorgersene rispetto ad una microspia GPS).Se entrasse nel diritto che il pedinamento via GPS ha bisogno di mandato perché troppo invasivo, allora dovrebbero averlo anche i pedinamenti "a piedi" troppo invasivi (es con più di 2 investigatori assegnati alla persona e/o con report dei luoghi, locali etc. visitati dal pedinato)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 marzo 2011 17.36-----------------------------------------------------------
    • Deus Ex scrive:
      Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
      Secondo me il problema risiede più nelle motivazioni. In questo caso in sostanza non c'era alcun motivo, a parte la religione, per seguire questa persona.
      • H5N1 scrive:
        Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
        Il che significa discriminare un individuo solo in base alla sua etnia o alla sua religione.Rabbrividisco.
    • Punto scrive:
      Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
      Modificato dall' autore il 09 marzo 2011 17.36
      --------------------------------------------------Non direi che à la stessa cosa, installare un sistema di tracciamento sull'auto presuppone la violazione di una proprietà privata (l'auto appunto), per tanto penso sarebbe più corretto chiedere l'autorizzazione ad un Giudice, anche perché le norme USA sono diventate enormemente più permissive riguardo alla sorveglianza grazie alla scusa del terrorismo, io trovo vergognoso essere spiati solo perché si appartiene ad un'altra razza o ad un'altra religione, la fobia del sospetto e della delazione non è nuova negli Stati Uniti lo hanno fatto nella seconda guerra mondiale internando senza motivo in campi di prigionia i loro cittadini di origine Asiatica o in specie di ghetti quelli di origine Italiana, lo hanno fatto durante la guerra fredda negli anni del maccartismo e tutte le volte che questa fobia si è presentata ha fatto solo danni.
      • H5N1 scrive:
        Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
        E io trovo vergognoso che si usi ancora il termine "razza".
        • topo gigio scrive:
          Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
          Io trovo vergognosi gli Usa:finto paese liberale finto paese democratico(imho)
        • Punto scrive:
          Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
          - Scritto da: H5N1
          E io trovo vergognoso che si usi ancora il
          termine
          "razza".Il temine Razza e un termine corretto usato nel regno animale (noi facciamo parte del regno animale)per l'essere umano serva ad identificare una diversa provenienza geografica e culturale, l'accezione dispregiativa che tu gli imputi si ottiene solo aggiungendogli il termine inferiore.
          • H5N1 scrive:
            Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
            Non sono stato io ad usare il termine con quell'accezione. Parlando di uomini la razza è una sola: homo sapiens sapiens.
    • ephestione scrive:
      Re: Tracciamento "a piedi" e con GPS
      In altre parole se inviassero senza motivo apparente 5 investigatori per starti attaccati tutto il giorno, o ti infilassero un dispositivo di tracciamento satellitare nelle mutande, a te starebbe parimenti bene :DIl nocciolo della questione è un altro: gli investigatori che mi seguono, fintantoché rimangono in suolo pubblico e non invadono la mia proprietà privata, lo faranno di nascosto ma senza "violare" nulla di mio.L'agente che mi incolla un dispositivo gps sotto la macchina:1) A meno che non lo fa quando è parcheggiata in strada sotto al luogo di lavoro, viola la mia proprietà privata entrandoci per piazzare l'aggeggio2) Viola a prescindere la mia proprietà privata appiccicando sulla MIA auto un qualunque oggetto, elettronico o meno che sia, e costringendomi a portarmelo dietro dovunque vado3) Insulta la mia intelligenza pretendendo la restituzione del dispositivo una volta che lo trovoProblemi? Hai a che fare in sostanza col tuo stesso governo, con quelli che fanno le leggi e che ti "taggano" come se fossi un capo di bestiame col microchip sotto la cute della natica destra.Quindi faresti umanamente bene a spaccare la faccia a chi fa questo, ma non puoi.
  • Australiano scrive:
    Attenzionare?
    Come da oggetto, che lingua è?
    • Prozac scrive:
      Re: Attenzionare?
      - Scritto da: Australiano
      Come da oggetto, che lingua è?http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=8019&ctg_id=93
    • infame scrive:
      Re: Attenzionare?
      - Scritto da: Australiano
      Come da oggetto, che lingua è?non l'hai compreso perchè è scritto senza le "K"?:-)
  • Giulia scrive:
    Onore all FBI...
    ...che non usa a tradimento i cellulari per localizzare i movimenti dei cittadini ma si espone in prima persona con strumenti di indagine come quello illustrato.
    • panda rossa scrive:
      Re: Onore all FBI...
      - Scritto da: Giulia
      ...che non usa a tradimento i cellulari per
      localizzare i movimenti dei cittadini ma si
      espone in prima persona con strumenti di indagine
      come quello
      illustrato.Dove hai letto che il pedinato avesse un cellulare?
    • OldDog scrive:
      Re: Onore all FBI...
      - Scritto da: Giulia
      ...che non usa a tradimento i cellulari per
      localizzare i movimenti dei cittadini ma si
      espone in prima persona con strumenti di indagine
      come quello illustrato.Non usa a tradimento i cellulari? Beate ingenuità: le leggi post 11 settembre hanno dato molta più mano libera negli USA per intercettazioni e localizzazioni con poche o nulle garanzie civili. Im altre parole, al minimo sospetto riconducibile al "terrorismo" o "minaccia alla nazione" gli enti federali si muovono con molta più autonomia, senza dover ottenere tutti quei benestare preventivi che occorrono in Italia. In certi casi, poi, si deve seguire un veicolo e il suo carico, indipendentemente da quello che potrebbe esserne il guidatore o il passeggero. Se cambiano "in viaggio" non è che chiedi loro che numero di cellulare usano e li riagganci come se fossi l'NCIS della TV. :-)
      • Sgabbio scrive:
        Re: Onore all FBI...
        il cellulare e il mezzo più intercettato al mondo o quasi, in italia, dove berlusconi si lamenta tanto, le intercettazioni sono ben regolamentate e le fa un ente solo tra l'altro.
Chiudi i commenti