BlackBerry, nuovi telefonini e messaggi per tutti

La società canadese annuncia nuovi smartphone con tastiera fisica, servizi di messaggistica per gli altri sistemi mobile e update a BB10. Perché BlackBerry ha il mobile come priorità. Ma vende poco più di Windows Phone
La società canadese annuncia nuovi smartphone con tastiera fisica, servizi di messaggistica per gli altri sistemi mobile e update a BB10. Perché BlackBerry ha il mobile come priorità. Ma vende poco più di Windows Phone

La corporation precedentemente nota come Research In Motion presenta BlackBerry Q5 , smartphone “giovane e divertente” ma dotato di tastiera QWERTY fisica posta al di sotto di uno schermo LCD multi-touch da 3,1 pollici. Costa (relativamente) poco, e sarà indirizzato a mercati ben precisi.

BlackBerry Q5 è in sostanza una versione economica del già commercializzato Q10, con specifiche altrettanto contenute: il processore è un ARM dual-core a 1,2 GHz, lo spazio di storage interno è di 8 Gigabyte, la fotocamera sul retro ha una risoluzione da 5 megapixel e la batteria non è removibile.

Disponibile in quattro diversi colori, BlackBerry Q5 verrà commercializzato a partire da luglio sui mercati di Europa, Asia, Medio Oriente, Africa, America Latina con un prezzo ancora ignoto ma che si prospetta contenuto.

Ma il nuovo smartphone economico non è la sola novità annunciata in queste ore da BlackBerry: la corporation ha avviato la distribuzione gratuita del primo aggiornamento per BlackBerry 10 (BB 10.1) con modifiche alla personalizzazione, una modalità High Dynamic Range (HDR) per la app fotografica integrata e altro ancora.

Una novità destinata ad avere ricadute molto più marcate è poi l’annuncio di nuove app Android e iOS per accedere al servizio di comunicazione BlackBerry Messenger (BBM): quello che una volta era il punto forte dell’ecosistema BB diverrà ora una comune app “social” per telefonini come ce ne sono già tantissime, e non è forse un caso che il mercato azionario abbia punito le quotazioni di BlackBerry dopo l’annuncio dell’apertura di BBM alle altre piattaforme mobile.

D’altronde la strategia di BlackBerry è “mobile first”, una definizione scontata considerando che la società ha sempre prodotto quasi esclusivamente telefonini, ma che il CEO Thorsten Heins tiene a rimarcare tra un epitaffio inclemente sulla morte del mercato dei tablet e dichiarazioni di interesse per un form factor che secondo l’amministratore avrà un futuro diverso dal presente.

Chiacchiere a parte, la dura legge dei numeri colpisce BlackBerry nell’orgoglio prima che nelle finanze : lo stato del mercato mobile fotografato da Gartner indica in un magrissimo 3 per cento la quota di mercato ascrivibile all’OS BB10, un crollo di più del 50 per cento rispetto al 6,8 per cento dello scorso anno e appena superiore al 2,9 per cento di Windows Phone. Ai primi posti, neanche a dirlo, ci sono Android (74,4 per cento, in netta salita) e iOS (18,2 per cento, in discesa).

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 05 2013
Link copiato negli appunti