Brasile, terra di spammer

A rivelarlo uno studio della spagnola Panda Security. Il paese verdeoro è il più attivo nella distribuzione di spam nel mondo. Mentre un altro studio sancisce che Seattle è un postaccio: almeno online

Roma – C’è un post apparso recentemente sul blog ufficiale di Panda Security, la società spagnola impegnata dal 1990 nella lotta a virus, spyware e altre malignità informatiche. Un breve articolo che si è posto un fondamentale interrogativo: chi sono i maggiori responsabili delle ormai invasive attività di spamming ?

Un approccio d’analisi che è quindi andato al di là dell’aspetto prettamente tecnologico, interrogandosi sulla provenienza dei milioni di messaggi truffaldini che ogni giorno riempiono le caselle di posta elettronica dei netizen. Per iniziare, gli esperti di Panda Security hanno dichiarato che sono stati circa 5 i milioni di messaggi analizzati nel primo bimestre del 2010.

Cinque milioni di email che sono state inviate da circa un milione di indirizzi IP diversi , con una media di cinque messaggi spediti da ogni indirizzo. Gli esperti spagnoli sono quindi riusciti a geolocalizzare questi indirizzi IP, ottenendo la loro approssimativa posizione sul globo.

Brasile, India, Corea, Vietnam e Stati Uniti si sono così rivelate le nazioni più prolifiche nella distribuzione mondiale di spam. Il paese sudamericano si è piazzato al primo posto della speciale classifica, con una quantità pari al 13,76 per cento di messaggi inviati. In particolare messaggi contenenti la promessa di incontri online piccanti con ragazze brasiliane.

Seguono poi l’India, con il 10,98 per cento, e la Repubblica Coreana con il 6,32 per cento. Seoul si è rivelata la città più attiva da questo punto di vista, seguita a ruota da Hanoi, Nuova Delhi, Bogotà, San Paolo e Mumbai. E, a proposito di metropoli delle malignità informatiche, Seattle si è piazzata al primo posto in una speciale classifica stilata dall’azienda di sicurezza Norton. Ovvero quella delle città statunitensi più esposte al cybercrimine.

Una minaccia diffusa che, secondo Norton , costerebbe agli statunitensi una cifra pari a 560 milioni di dollari (relativi all’anno 2009). La classifica è stata stilata in base a svariati criteri come il numero dei netizen connessi in città, quello degli hotspot pubblici e soprattutto il comportamento mostrato online dagli abitanti. Seattle sarebbe un postaccio da cyberfrequentare , molto meglio trasferirsi ad El Paso, Texas, prima tra i luoghi più sicuri del web a stelle e strisce.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    ma quale esordio!
    è dal 2001 che Mondadori vende ebook! si tratta di un rinnovamento, un abbandono dell'ormai obsoleto microsoft reader a favore di nuovi partner e nuovi formati.
  • angros scrive:
    Se costa quanto un libro su carta
    Tanto vale prenderlo su carta!E poi, ci sono già centinaia di modi per scaricare i libri gratis (l'unico ostacolo alla loro diffusione è la scomodità a leggerli sul pc), quindi chi mai comprerebbe gli ebook?
    • Homo Technicus scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      - Scritto da: angros
      Tanto vale prenderlo su carta!

      E poi, ci sono già centinaia di modi per
      scaricare i libri gratis (l'unico ostacolo alla
      loro diffusione è la scomodità a leggerli sul
      pc), quindi chi mai comprerebbe gli
      ebook?Beh, per rimanere in ambito Mondadori, penso che le edizioni di scarso pregio (tipo Oscar o gli ultimi Hardcover) possano benissimo essere presi in formato elettronico.Tanto più che con un iLiad o un Sony PRS si leggono meglio che sulla cartaccia che usano...Io li comprerei, se il prezzo tenesse conto del fatto che non li posso rivendere come usati...Almeno non fanno come certi editori americani che vendono gli ebook al prezzo degli hardcover anche quando sono fuori in paperback.Certo è che, se con una buona fetta del loro catalogo già in rete edk, si svegliano solo adesso, ne avranno da piangere sui mancati ricavi. Ma, come si dice, chi è causa del suo mal.....
    • Redpill scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      - Scritto da: angros
      Tanto vale prenderlo su carta!

      E poi, ci sono già centinaia di modi per
      scaricare i libri gratis (l'unico ostacolo alla
      loro diffusione è la scomodità a leggerli sul
      pc), quindi chi mai comprerebbe gli
      ebook?L'ideale sarebbe poter scaricare gratuitamente la versione digitale di un libro cartaceo acquistato regolarmente (per poterlo inserire sul proprio ebook reader e portarlo ovunque con tutti gli altri). Però è un miraggio utopico.Rimango comunque più legato al cartaceo, di quanti libri si può ave bisogno in tasca? Non so voi ma io ne leggo uno, massimo due alla volta. Se esco non ci penso nemmeno a portarmeli, tantomeno in vacanza e anche se mi viene la fantasia ne porto uno al massimo. L'utilità del libro elettronico la vedo nello studio, nelle scuole. Altra utopia?
      • fiertel91 scrive:
        Re: Se costa quanto un libro su carta
        - Scritto da: Redpill
        Rimango comunque più legato al cartaceo, di
        quanti libri si può ave bisogno in tasca? Non so
        voi ma io ne leggo uno, massimo due alla volta.
        Se esco non ci penso nemmeno a portarmeli,
        tantomeno in vacanza e anche se mi viene la
        fantasia ne porto uno al massimo. L'utilità del
        libro elettronico la vedo nello studio, nelle
        scuole. Altra
        utopia?No, perché è anche la speranza mia.
        • Wolf01 scrive:
          Re: Se costa quanto un libro su carta
          Idem, anche io sarei per la stessa idea, mi aggrego alla speranza...
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Se costa quanto un libro su carta
            E anche la mia, legata anche al progetto dei libri scolastici open che negli Stati Uniti sta prendendo piede... In Italia è un mercato troppo ricco per morire (un testo comune, tra medie e superiori, costa tra i 20 e i 30 euro) ma renderebbe finalmente la scuola di tutti. Io stesso ho fatto un paio di anni di superiori con libri scannerizzati/prestati (ovviamente non gli stessi consigliati dei docenti), con tutti gli svantaggi che ne derivano. Sono veramente una mannaia, si arriva anche oltre i 150 euro all'anno! Senza neppure contare il vantaggio rappresentato dagli ebook sarebbe di per sé una rivoluzione. Altro che lavagna digitale...
          • Wolf01 scrive:
            Re: Se costa quanto un libro su carta
            E pensare che una volta i libri di testo erano messi a disposizione dalle scuole e li pagavi solo se li perdevi, li rovinavi o te li volevi tenere...
    • fiertel91 scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      - Scritto da: angros
      Tanto vale prenderlo su carta!

      E poi, ci sono già centinaia di modi per
      scaricare i libri gratis (l'unico ostacolo alla
      loro diffusione è la scomodità a leggerli sul
      pc), quindi chi mai comprerebbe gli
      ebook?Chi ha un ebook reader?
      • shevathas scrive:
        Re: Se costa quanto un libro su carta

        Chi ha un ebook reader?io mi son acchiappato un iliad book edition della iRex. Mi trovo abbastanza bene per la lettura dei testi in formato prc/mobipocket, un po meno per la lettura dei PDF pensati per il formato A4, i caratteri vengono visualizzati di dimensione piccola.pregi:-
        l'e-ink consente di leggere un gran numero di pagine senza affaticare la vista a differenza dei monitor. E' ottimo per immagini che devono stare per la maggior parte del tempo statiche, come i lunghi testi scritti.-
        una diagonale di 8'' facilita la lettura dei testi e consente di leggere, anche se con fatica i pdf in formato A4 senza dover giocare di zoom.-
        il tocuh screen facilita l'uso del dispositivo e consente di usarlo anche come block notes di emergenza.svantaggi:-
        memoria: ha solo 128M di memoria interna e supporta le schede SD fino ad 1Gb. -
        batteria: la durata della batteria, a causa dell'interfaccia touch-screen è di circa 12/15 ore.
      • ciliani scrive:
        Re: Se costa quanto un libro su carta

        Chi ha un ebook reader?Io pure ho un Iliad e mi ci trovo benissimo. Per i libri in pdf e' possibile leggeri in modalita' landscape, zoomando sul solo spazio effettivamente occupato da testo (eliminando quindi i margini). In tal modo anche un pdf A4 si legge bene, purche' non sia gia' stampato a caratteri piccoli in partenza.Certo l'ideale e' avere uno spazioe e-ink veramente A4, ma... ancora non ce ne sono in giro.Comunque l'Iliad mi sembra il massimo disponibile, ora come ora.
    • Wolf01 scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      Se costa quanto un libro su carta fa pensare 2 cose:1) il prezzo del supportodistribuzionericavo negozio è irrisorio2) sono dei ladri del XXXXX, egoisti e non gli basta mai quello che ricavano
      • angros scrive:
        Re: Se costa quanto un libro su carta
        - Scritto da: Wolf01
        Se costa quanto un libro su carta fa pensare 2
        cose:
        1) il prezzo del supportodistribuzionericavo
        negozio è
        irrisorio
        2) sono dei ladri del XXXXX, egoisti e non gli
        basta mai quello che
        ricavanoLa seconda che hai detto: p) p) p) p) p)
    • nome e cognome scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      - Scritto da: angros
      Tanto vale prenderlo su carta!se è un romanzo, io non lo voglio il libro cartaceo, a meno che non si tratti di un'edizione di pregio od altre esigenze specifiche.Non ho spazio a casa, quei due ripiani che ho come libreria sono già pieni :(
    • ruppolo scrive:
      Re: Se costa quanto un libro su carta
      - Scritto da: angros
      Tanto vale prenderlo su carta!Tanto vale prenderlo elettronico!
      E poi, ci sono già centinaia di modi per
      scaricare i libri gratis (l'unico ostacolo alla
      loro diffusione è la scomodità a leggerli sul
      pc), quindi chi mai comprerebbe gli
      ebook?Chi non ha la casa grande, chi ogni tanto deve traslocare, chi vuole trovare quella cosa che ha letto in libro e non si ricorda quale e in quale pagina, chi deve scarrozzarsi chili di libri a scuola, chi vuole donare al libro il dono dell'ubiquità, chi non lo vuole perdere prestandolo (infatti non può), chi non lo vuole rischiare ammuffito o allagato in cantina, chi non vuole rischiare la sua collezione di fumetti tagliuzzata con la forbici dal fratellino minore (ogni riferimento alla realtà è puramente... voluto :D )Sicuramente molti avranno altri motivi da aggiungere...
      • angros scrive:
        Re: Se costa quanto un libro su carta
        Tutte le uova in un solo paniere, insomma. Ciò può presentare qualche vantaggio, ma anche svantaggi.
Chiudi i commenti