Brevetti, citate Microsoft e Symantec

Ventidue società IT sono state denunciate da una microcosa texana. L'accusa è la violazione di un brevetto che quest'ultima rivendica. E' relativo ai permessi delle applicazioni

Roma – Una piccola società americana con base in Texas, la Information Protection and Authentication of Texas (IPAT), ha fatto causa a Microsoft, Symantec e venti altre aziende accusandole di violare un brevetto da lei registrato nella metà degli anni ’90. A riportarlo è Ars Technica , secondo la quale la causa è stata presentata il 30 dicembre scorso presso la Corte distrettuale orientale del Texas.

Il brevetto in questione, con numero 5412717 , descrive metodi e apparati “per limitare la capacità di un programma in esecuzione di utilizzare alcune risorse predefinite”, quali file di dati, funzionalità di scrittura su disco ecc. Il brevetto di IPAT descrive anche un sistema di controllo che, in coppia con un database, definisce e applica ai programmi una serie di autorizzazioni e permessi.

IPAT ci tiene a precisare che i concetti contemplati nel proprio brevetto vanno ben oltre la semplice protezione dei file resa celebre da Unix e oggi presente in tutti i sistemi operativi. Il suo sistema è infatti in grado di monitorare costantemente un’applicazione e di regolarne nel dettaglio il comportamento, limitandone ad esempio l’accesso a certi dati o il tipo e il numero massimo di operazioni.

Nessuna delle aziende citate in giudizio sembra implementare per intero la tecnologia descritta nel brevetto ‘717 , ma evidentemente IPAT ritiene che parti di quest’ultimo siano state utilizzate nei software delle terze parti.

Tra le 22 aziende querelate dalla società texana compaiono anche AVG Technologies USA, F-Secure, Novell e PC Tools.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Psicologo pazzo scrive:
    Agente da capire
    Probabilmente l'agente dopo l'ennesima giornata in cui si sentiva inutile e non succedeva nulla che lo facesse sentire importante, ha colto la palla al balzo per sentirsi qualcuno e sentirsi considerato, o almeno sentirsi vivo ed essere notato. Oppure era in cerca di qualcosa da raccontare alla moglie che dopo decenni di matrimonio si chiede perche il marito non ha mai ricevuto una medaglia nonostante gli racconti di essere un agente dell'antiterrorismo.
    • gianiaz scrive:
      Re: Agente da capire
      che sia sindacabile il comportamento dell'agente siamo d'accordo, la cosa triste è che ci siano delle leggi che supportino questo tipo di comportamento, ad ogni giorno che passa comincio a convincermi che Orwell fosse un grande ottimista.
      • mirkojax scrive:
        Re: Agente da capire
        e si ma uno che si aggira e scatta foto davanti ad un vecchio ufficio pubblico e' un po' spospetto... hanno fatto bene a fermalo... a schedarlo come un delinquente no.Pure io non c'e' volta che qualche poliziotto o della sicurezza non mi richiama quando scatto foto a palazzi o grattacieli americani che non siano i soliti famosi. L'ultima volta ero su un parcheggio multipiano e mi ha fischiettato dopo 2 minuti, ufff
Chiudi i commenti