Brevetti, si riapre il caso Amazon one-click

Un attore neozelandese ha spinto l'ufficio brevetti degli Stati Uniti a riesaminare la validità del celeberrimo brevetto one-click buy di Amazon, fulcro della tecnologia e-commerce utilizzata dal negozio online

Roma – L’ Ufficio Brevetti degli Stati Uniti ha riaperto il cosiddetto caso Amazon sul brevetto che riguarda la tecnologia “one-click buy”, ovvero l’acquisto online di un prodotto attraverso un’interfaccia che consente di ordinare ciò che si vuole acquistare in un solo click. Peter Calveley , un attore neozelandese, ha chiesto alle istituzioni americane di riesaminare la validità del brevetto. Ed ha ottenuto lo scopo.

Come emerge dal suo blog , Calveley ha impugnato alcune invenzioni dall’archivio dell’Ufficio Brevetti per dimostrare che Amazon non può arrogarsi la paternità dell’invenzione. La tecnologia “one-click-buy” è stata conferita ad Amazon nel 1998 e sin da allora è diventata un elemento essenziale per il funzionamento del negozio online oltreché il fulcro di una accesissima controversia sul senso stesso della brevettazione.

Le spese legali necessarie a portare al riesame del brevetto sono state donate dai visitatori del blog dell’attore. Calveley sostiene che la sua crociata contro Amazon, completamente indipendente e svincolata da interessi commerciali, è una “rivincita” nei confronti del negozio statunitense per “punirlo” delle “consegne postali estremamente lente”. Un ” utu “, secondo il vocabolario maori: uno “scotto” da far pagare a chi fa un torto. I portavoce di Amazon hanno accolto il procedimento con estrema calma, limitandosi a far sapere che il reclamo di Calveley è una “opportunità per ribadire l’importanza della nostra innovazione tecnologica nel settore del commercio via Internet”.

Un altro importante caso legato ai brevetti sulle tecnologie digitali, quello di Creative contro Apple sembra destinato a ingarbugliarsi ulteriormente: Apple , denunciata da Creative per violazione di brevetto, ha esposto a sua volta una controdenuncia. L’attrito tra i due marchi è ormai al culmine.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marcopb scrive:
    Nessun suggerimento ?
    Cavolo... Google non ha niente da suggerirmi su "sex" o "tits" :)))-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 maggio 2006 10.32-----------------------------------------------------------
  • HotEngine scrive:
    Questa volta google ha torto...
    ..eh si.Perchè google suggest non si limita ad indicizzare i siti web da bravo motore di ricerca e fornirne i risultati all'utente dopo l'inserimento della chiave di ricerca (che deve impostare l'utente stesso). No! Fornisce proprio una lista (mentre si digita) di stringhe di ricerca da usare! Giridicamente sono due cose ben distinte. Un conto è trovare delle pagine web dietro richiesta, un altro è SUGGERIRE all'utente COSA CERCARE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa volta google ha torto? No

      Un conto è trovare delle pagine web
      dietro richiesta, un altro è SUGGERIRE all'utente
      COSA
      CERCARE.Pure il T9 ti suggerisce cosa scrivere...per completare più velocemente le parole. Facciamo causa pure alla Nokia?Non ti rendi conto che l'unico obiettivo di questa società belga è cercare di togliere un po' di quattrini a Google?
      • HotEngine scrive:
        Re: Questa volta google ha torto? No
        - Scritto da:
        Pure il T9 ti suggerisce cosa scrivere...per
        completare più velocemente le parole. Facciamo
        causa pure alla
        Nokia?E che attinenza ha con una ricerca di software pirata sul web?
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa volta google ha torto? No
          - Scritto da: HotEngine
          - Scritto da:


          Pure il T9 ti suggerisce cosa scrivere...per

          completare più velocemente le parole. Facciamo

          causa pure alla

          Nokia?

          E che attinenza ha con una ricerca di software
          pirata sul
          web?Assolutamente nessuna. Se vai su un motore di ricerca wap, magari scrivi nella casella di ricerca con T9...e ti viene fuori una parola che porta a siti pirata...può capitare.Questo però non giustifica azioni legali così stupide.
          • HotEngine scrive:
            Re: Questa volta google ha torto? No
            - Scritto da:
            ricerca con T9...e ti viene fuori una parola che
            porta a siti pirata...può
            capitare.
            Questo però non giustifica azioni legali così
            stupide.il t9 però non ti suggerisce "serverschek crack" dopo aver digitato solo "serversc"... Ci arrivi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa volta google ha torto...
      - Scritto da: HotEngine
      ..eh si.
      Perchè google suggest non si limita ad
      indicizzare i siti web da bravo motore di ricerca
      e fornirne i risultati all'utente dopo
      l'inserimento della chiave di ricerca (che deve
      impostare l'utente stesso). No! Fornisce proprio
      una lista (mentre si digita) di stringhe di
      ricerca da usare! Giridicamente sono due cose ben
      distinte. Un conto è trovare delle pagine web
      dietro richiesta, un altro è SUGGERIRE all'utente
      COSA
      CERCARE.Google Suggest *tecnicamente* non suggerisce nulla. Non fa altro che visualizzare le ricerche maggiormente effettuate dagli utenti del web , pertinenti con quella che si sta facendo. Hai presente quanto si critica google per il fatto che colleziona e memorizza le tendenze di ricerca? Ecco, adesso quelle tendenze di ricerca, invece di rivenderle sottobanco al miglior offerente (come avrebbe fatto chiunque), le mette a disposizione del pubblico stesso, gratuitamente, per aiutarlo nelle ricerche. Non ci vedo nulla di male in tutto ciò: se c'è gente che cerca nomeProgramma+crack Google cosa deve fare? Censurare questa tendenza? Solo perchè lo dite tu e ServersCheck? ;)
      • HotEngine scrive:
        Re: Questa volta google ha torto...
        - Scritto da:
        Google Suggest *tecnicamente* non suggerisce
        nulla. Non fa altro che visualizzare le
        ricerche maggiormente effettuate dagli utenti del
        web , pertinenti con quella che si sta
        facendo. Hai presente quanto si critica google
        per il fatto che colleziona e memorizza le
        tendenze di ricerca? Ecco, adesso quelle tendenze
        di ricerca, invece di rivenderle sottobanco al
        miglior offerente (come avrebbe fatto chiunque),
        le mette a disposizione del pubblico stesso,
        gratuitamente, per aiutarlo nelle ricerche. Non
        ci vedo nulla di male in tutto ciò: se c'è gente
        che cerca nomeProgramma+crack Google cosa deve
        fare? Censurare questa tendenza? Solo perchè lo
        dite tu e ServersCheck? Perchè sono due cose BEN DISTINTE l'indicizzare i siti ed il PROPORRE COSA cercare. Il fatto che *tecnicamente* siano le ricerche effettuate da altri non cambia il contesto. E' GOOGLE a suggerirtele, non un anonimo utente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa volta google ha torto...
          - Scritto da: HotEngine

          - Scritto da:


          Google Suggest *tecnicamente* non suggerisce

          nulla. Non fa altro che visualizzare le

          ricerche maggiormente effettuate dagli utenti
          del

          web , pertinenti con quella che si sta

          facendo. Hai presente quanto si critica google

          per il fatto che colleziona e memorizza le

          tendenze di ricerca? Ecco, adesso quelle
          tendenze

          di ricerca, invece di rivenderle sottobanco al

          miglior offerente (come avrebbe fatto chiunque),

          le mette a disposizione del pubblico stesso,

          gratuitamente, per aiutarlo nelle ricerche. Non

          ci vedo nulla di male in tutto ciò: se c'è gente

          che cerca nomeProgramma+crack Google cosa deve

          fare? Censurare questa tendenza? Solo perchè lo

          dite tu e ServersCheck?

          Perchè sono due cose BEN DISTINTE l'indicizzare i
          siti ed il PROPORRE COSA cercare. Il fatto che
          *tecnicamente* siano le ricerche effettuate da
          altri non cambia il contesto. E' GOOGLE a
          suggerirtele, non un anonimo
          utente.E che reato sarebbe? (newbie)
          • HotEngine scrive:
            Re: Questa volta google ha torto...
            - Scritto da:

            altri non cambia il contesto. E' GOOGLE a

            suggerirtele, non un anonimo

            utente.

            E che reato sarebbe? (newbie)Legge 633 - 1941Art. 102-quaterArt. 171-ter
          • ryoga scrive:
            Re: Questa volta google ha torto...
            - Scritto da: HotEngine
            - Scritto da:



            altri non cambia il contesto. E' GOOGLE a


            suggerirtele, non un anonimo


            utente.



            E che reato sarebbe? (newbie)

            Legge 633 - 1941
            Art. 102-quater
            Art. 171-terNon so che leggi sono, ma posso presumere che siano tipo " Istigazione a delinquere ".Ebbene hai torto.Google Suggest, e' un programma che memorizza le parole di ricerca degli utenti e permette ad altri utenti di risparmiare del tempo a digitare la stessa parola ( o aiuta, in caso di ignoranti dinanzi ad un pc, a scrivere correttamente una parola ).Ora se il Mondo ( Popolazione Globale ), scrive NOMEPROGRAMMA+CRACK, mi dici dove sarebbe l'aiuto di Google a delinquere?Se una persona vuol delinquere, sa benissimo quali sono i canali e come cercare materiale pirata ( ma poi secondo chi? ).Se invece una persona non vuol delinquere, quei suggerimenti, non li legge neanche e quindi fila via per la sua strada.Fatti dire come la penso io:Domani, metto su un sito dove mi diffamo ( affermando di essere un'altro tizio ), indicizzo il sito e dopo un paio di mesi vado dinanzi ad un giudice chiamando in causa Google e dicendo che permette ad un tizio di offendermi e di pubblicizzare le sue offese.Che ne pensi?
          • HotEngine scrive:
            Re: Questa volta google ha torto...
            - Scritto da: ryoga
            Ora se il Mondo ( Popolazione Globale ), scrive
            NOMEPROGRAMMA+CRACK, mi dici dove sarebbe l'aiuto
            di Google a
            delinquere?Per il fatto di proporle. Mi ripeto: un conto è indicizzare i siti (ma a trovarli sta a te con le TUE chiavi di ricerca) un altro è PROPORRE LE RICERCHE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa volta google ha torto...
      - Scritto da: HotEngine
      ..eh si.
      Perchè google suggest non si limita ad
      indicizzare i siti web da bravo motore di ricerca
      e fornirne i risultati all'utente dopo
      l'inserimento della chiave di ricerca (che deve
      impostare l'utente stesso). No! Fornisce proprio
      una lista (mentre si digita) di stringhe di
      ricerca da usare! Giridicamente sono due cose ben
      distinte. Un conto è trovare delle pagine web
      dietro richiesta, un altro è SUGGERIRE all'utente
      COSA
      CERCARE.Ma quelle informazioni non ce le ha messe GOOGLE!!!!!Sono ricerche fatta dagli utenti di google, che alimentano quel dB!
  • Anonimo scrive:
    denunciare i siti pirata no?!?
    bah! :-o
    • Anonimo scrive:
      Re: denunciare i siti pirata no?!?
      Secondo te da chi riuscirebbero a trarre più soldi? Dai siti pirata o da Google?Piuttosto, questi qui potrebbero usare Google per cercare i siti pirata da denunciare...in pratica dovrebbero ringraziare Google, non portarla in tribunale.
  • Anonimo scrive:
    LA CUPOLA DI GOOGLE
    ormai e' un dato di fatto, goggle gestisce le informazioni della rete, o con lei, o contro di lei.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA CUPOLA DI GOOGLE
      - Scritto da:
      ormai e' un dato di fatto, goggle gestisce le
      informazioni della rete, o con lei, o contro di
      lei.
      bah...puoi sempre usare un altro motore...
      • Anonimo scrive:
        Re: LA CUPOLA DI GOOGLE
        - Scritto da:

        bah...
        puoi sempre usare un altro motore...Cosi' come puoi usare il SO che vuoi, anche nei notebook. :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: LA CUPOLA DI GOOGLE

      ormai e' un dato di fatto, goggle gestisce le
      informazioni della rete, o con lei, o contro di
      lei.In realtà esistono decine di motori di ricerca.Ognuno è libero di usare ciò che vuole.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA CUPOLA DI GOOGLE
      - Scritto da:
      ormai e' un dato di fatto, goggle gestisce le
      informazioni della rete, o con lei, o contro di
      lei.
      non è esatto, Google non gestisce niente. Più semplicemente Google indicizza le informazioni della rete.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA CUPOLA DI GOOGLE
      - Scritto da:
      ormai e' un dato di fatto, goggle gestisce le
      informazioni della rete, o con lei, o contro di
      lei.L'unico dato di fatto è che in Google sono molto bravi a fare le cose, e la gente se n'è accorta, e questo da fastidio a chi le sa fare peggio e per anni ha fatto facili guadagni con poche idee o software sgangherati. Soprattutto è eccezionale il lavoro di Google sulle interfacce utente.A partire dal motore di ricerca, poi google maps e google earth (avete provato a confrontarli con gli equivalenti Yahoo e Microsoft, vero?), software come Picasa 2 (interfaccia anni luce avanti rispetto a roba tipo acdsee o adobe), il framework per convertire java in dhtml, e via dicendo.Adwords, ottimo sistema per la pubblicità poco invasivo ed efficace, immagino abbia dato noia a molti.I prodotti Google nessuno ti obbliga a usarli, non li trovi preinstallati, eppure la gente li cerca e gli piacciono, cosa che forse ad altri non riesce.Insomma, Google fa le cose meglio degli altri, ha idee e gli altri devono inseguire, perciò si buttano tutti addosso a Google nel tentativo di fermarla con ogni mezzo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Google Suggest favorisce la pirateri
    ahahah ke puttanata...nn serve mica google suggest?basta google semplice...e questo succede per altri millemila programmi...
    • Avion scrive:
      Re: Google Suggest favorisce la pirateri
      In effetti la notizia fa sorridere.Questi più che altro cercano soldi e pubblicità, dovrebbero rivolgersi contro i siti dei crack, mica contro un motore di ricerca che si limita a indicizzare il web in maniera totalmente automatica.Ma così non parlerebbe nessuno di loro!
Chiudi i commenti