Brevetto sul search, Godado diffida NetZapping

Il brevetto sulla ricerca spinge ad una azione che rappresenta una prima assoluta per l'Italia. Potrebbe presto essere seguita da una seconda, una terza e via contando


Roma – Sono passati solo pochi giorni da quando Godado ha annunciato l’ottenimento di un brevetto sul search legato al text matching e già una diffida a procedere è stata trasmessa a NetZapping , società che gestisce il portale bancario Portalino .

Quest’ultimo ha pubblicato un dossier sulla vicenda nel quale è inserita, tra le altre cose, anche la lettera di diffida nella quale si legge che NetZapping “visualizza ricerche correlate in base a matching testuale e/o semanticamente correlate e/o ricerche consigliate alla ricerca principale ogni volta che l’utilizzatore, servendosi della modalità appositamente offertagli, effettua una ricerca”.

Si tratta di un servizio sul quale Godado rivendica appunto il proprio brevetto e che a suo dire “dagli atti posti in essere si possono denotare gli estremi della contraffazione, ossia dell’utilizzo non autorizzato del brevetto”, una situazione “foriera di significativi danni economici per Godado Italia Srl”.

Nella diffida si chiede dunque di “eliminare immediatamente la visualizzazione delle ricerche correlate” e si mantiene la riserva di “agire per i danni derivanti dalla contraffazione”.

La diffida non rappresenta in sé una sorpresa, visto che il presidente di Godado Italia, Diego Ratti, aveva dichiarato nei giorni scorsi che la brevettazione consentiva di “estendere la tutelabilità del predetto brevetto ottenuto in Inghilterra anche nei seguenti paesi: Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Francia”. Sebbene Godado non abbia ancora commentato ufficialmente la diffida a NetZapping non si può escludere che a questa prima azione ne seguano altre verso siti che ospitino motori di ricerca che diano risultati nelle modalità su cui Godado rivendica il brevetto.

Sulla delicata questione si è aperto un dibattito nella lista Discussioni .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: e Bill e il suo ultimo brevetto ?
    Senza cervello....già...dev'essere proprio un tontolone per avere più di 200 mila milioni di dollari tra liquidità e patrimonio!
  • Anonimo scrive:
    Re: Che brevettino la cura per il cancro
  • Anonimo scrive:
    Re: e Bill e il suo ultimo brevetto ?
    - Scritto da: Gigio2k
    Rotfl ! Bell'articolo, soprattutto pensando
    che la M$ ha appena brevettato il corpo
    umano , no, non e' una bufala !

    GHGHGHHG mamma che goduria, domani vado e
    brevetto bill gates !Cioè la vita umana senza uso del cervello.....
  • gerry scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: Anonimo
    Cioe' se io ho un'idea geniale perche' mi
    cade una mela in testa, non posso
    brevettarla?Beh, dicevo che è giusto il concetto di premiare chi investe in R&D. Dopotutto metterci dei soldi per non vedere niente indietro non fa piacere a nessuno.Chiaro che poi alcune idee possono venire anche per intuizioni geniali, ma non credo siano la maggioranza.
    LOL. Non devono proprio farlo. Il loro
    compito e' fondamentalmente quello di
    brevettare qualsiasi ca##ata. Per piu' o
    meno chiare disposizioni superiori...Non dovrebbero farlo.
    Il che significa: gli unici a poterlo fare
    sono quelli che hanno i soldi.Esatto, uno dei tanti effetti collaterali.La mitica frase dell'Acacia tecnologies "a molti conviene pagarci piuttosto che intraprendere una causa legale"
  • Anonimo scrive:
    Brevettare la pasta
    :D:DBene ... missa` missa` che adesso mi brevetto il metodo per cuocere la pastasciuta , cosi` verro` da voi , e ogni volta che pranzate mi dovrete pagare i diritti . BUAHAHAHAHovviamente ..post ironico...ma attenzione...:|
    • Anonimo scrive:
      Re: Brevettare la pasta
      - Scritto da: Anonimo
      :D:D
      Bene ... missa` missa` che adesso mi
      brevetto il metodo per cuocere la
      pastasciuta , cosi` verro` da voi , e ogni
      volta che pranzate mi dovrete pagare i
      diritti .
      BUAHAHAHAH
      ovviamente ..post ironico...ma
      attenzione...:|okkio che ho brevettato la cacca...quando la fai mi devi pagare i diritti!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: gerry
    Brevettare un idea che ha richiesto un certo
    investimento in R&D è giusto.Cioe' se io ho un'idea geniale perche' mi cade una mela in testa, non posso brevettarla?Mi pare una fesseria distinguere la brevettabilita' in questo modo (che per altro significa: se sei una grossa industria, brevetti tutto; se sei piccola, devi pure dimostrare di investire in R&D).Propongo una soluzione piu' semplice: le idee non si brevettano. :D
    Un po' questi poveracci li capisco.No, davvero, non hai capito nulla.
    La materia si cui devono giudicare è
    diventata troppo vasta per loro, non credo
    che siano più in grado di discernere
    fra idee innovative e idee fuffa...LOL. Non devono proprio farlo. Il loro compito e' fondamentalmente quello di brevettare qualsiasi ca##ata. Per piu' o meno chiare disposizioni superiori...
    Noi si brevetta tutto, se un brevetto è
    troppo stupido ci penserà un
    tribunale a cancellarlo.Il che significa: gli unici a poterlo fare sono quelli che hanno i soldi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: Iperion
    Personalmente non sono d'accordo con nessuna
    delle due informazioni. Se ho un'idea e
    voglio lucrarci sopra, per quale motivo non
    dovrei brevettarla?Perche' qualunque coglione e' in grado di brevettare l'idea di andare sulla Luna. Farlo, pero', e' un altro paio di maniche.
    Piuttosto è opinabile l'eccessiva
    durata dei brevetti. Due, tre anni al
    massimo dovrebbero durare. Be' d'accordo. Con durate cosi' brevi il problema non si porrebbe.
    Ciò nonostante anche in questo caso,
    senza i brevetti l'industria non avrebbe
    investito sulla ricerca.Favole.Quello che scrivi tu vale _realmente_ solo per particolari industrie dove gli investimenti sono enormi e i possibili ricavi molto distanti nel tempo. In tal caso i rischi sono enormi. Per es. le fabbriche di RAM: mi sembra di ricordare che prima di avere la fabbrica operativa devi spendere cifre _folli_ per un certo numero di anni.Tutto cio' non vale per il 70-80% abbondante dell'industria. Qui il sistema dei brevetti e' solo un modo per massimizzare il guadagno riducendo il rischio (il brevetto garantisce un reddito con _nessuno_ sforzo, se non quello iniziale).
    Ciò tenendo conto del fatto che gli
    uffici brevetti (soprattutto americani) son
    composti da incompetenti che danno la
    possibilità di brevettare cose di uso
    comune con una frequenza allucinante.Trascuri un elementare dettaglio: pensi davvero che l'ufficio brevetti sia _casualmente_ composto dalle persone da te descritte?La scelta di 'far brevettare qualunque cazzata' e' una precisa scelta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: shevathas

    - Scritto da: LordBison

    che se Thomas Edison avesse brevettato
    la

    lampadina, oggi stavamo ancora con le
    torce

    :D



    I Brevetti impediscono l'evoluzione...

    Edison aveva brevettato la lampadina, quello
    che si era dimenticato di brevettare era
    l'idea di "apparato illuminogeno mediante
    l'impiego di energia elettrica".Non l'ha dimenticato, giustamente non ha potuto farlo. L'idea di brevettare le idee :| 'tout court' e' una cazzata degli ultimi anni.
  • Anonimo scrive:
    DURATA
    Come ho scritto in un post precedente non e' datto al 21^ secolo questo sistema di brevetti!La durata deve essere adattata al tipo di brevetto ... un oper aletteraria non e' un sistema meccanico che a sua volta non e' software che a sua volta non e' un farmaco!Per il software e per l'elettronica i brevetti devono durare molto poco data la velocita' di sviluppo. Per un opera letteraria come H.Potter invece si puo' tranquillamente lasciare un secolo anche se sinceramente io limiterei la durata alla vita dell'artista/autore dato che non mi sembra giusto che gli eredi vivano di un opera che non gli appartiene!Per un farmaco invece stabilirei che il brevetto inizia con la messa in vendita del farmaco e non dalla sintesi della molecola perche' senno si accorcia di 12-13 anni che servono alla ricerca e le case farmaceutiche sono costrette a rifarsi della spesa nei 3 anni che rimangono ...percio' si deve dinamicamente adattare il brevetto e la durata al tipo di prodotto/invenzione.Come ultima notazione, ritengo che il brevetto NON debba impedire la EMULAZIONE, il MIGLIORAMENTO di un prodotto/invwenzione ... dve impedire la COPIA ... percio' deve ssere possibile MIGLIORARE un algoritmo per citare un caso specifico ... e non deve essere brevettabile l'algoritmo MA solamenta la sua IMPLEMENTAZIONE in uno o piu' linguaggi! Non si deve poter brevettare una idea ma solo l'implementazione di un'idea! Questo per me e' fondamentale!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: DURATA
      - Scritto da: Anonimo
      .. percio' deve
      ssere possibile MIGLIORARE un algoritmo per
      citare un caso specifico ... e non deve
      essere brevettabile l'algoritmo MA solamenta
      la sua IMPLEMENTAZIONE in uno o piu'
      linguaggi! Questo è un punto di difficile attuazione. Tanto per dire, secondo tej = 0;for (i=1; i
  • Africano scrive:
    Re:PURTROPPO LO STANNO FACENDO ...
    - Scritto da: Anonimo
    Non stupirti lo stanno facendo gia' da
    alcuni anni! No non sei tu ignorante che non
    sapevi che esistono gia' le cure per molti
    tumori ... in realta' perche' non ci sono(!)
    ... ma c'e' chi sta brevettando migliaia di
    geni a funzione IGNOTA nel CASO che UN
    GIORNO arrivi QUALCUNO e scopra a cosa
    servono e basandosi su queste CONOSCENZE
    risolva una qualunque patologia ...tumori
    inclusi!

    Sicche' legalmente sara' letteralmente
    rubato il lavoro altrui ...perche' un conto
    e' sequenziare del DNA un conto e' capirne
    il significato ... sarebbe come se si
    brevettassero varie combinazioni random di
    parole ... nela caso un giorno qualcuno crei
    un opera letteraria che ne contiene
    alcune!!!

    Io sono a favore dei brevetti ma NON come
    sono intesi oggi ... uno strumento cosi'
    utile e' stato lasciato invecchiare e non e'
    adatto al 21^ secolo ... e' uno trumento
    TARATO sul 19^ secolo!!! Poteva essere
    tollerato per meta' 20^ secolo ma ora e'
    DANNOSO allo sviluppo ed al progresso!
    concordo, si dovrebbe poter brevettare tutto il brevettabile ma vincolare solo percentualmente lo sfruttamento commerciale, cioè brevetti a? chi sfrutta a non deve royalties, non deve chiedere permessi, chi guadagna con a deve dare una percentuale sul guadagno a chi ha il brevetto, se è valido.
  • shevathas scrive:
    Re: Sono Convinto....

    Personalmente non sono d'accordo con nessuna
    delle due informazioni. Se ho un'idea e
    voglio lucrarci sopra, per quale motivo non
    dovrei brevettarla? E' anche uno dei motivi
    che spinge l'industria a investire sulla
    ricerca e sviluppo, ricordando che un
    qualsiasi apparato pubblico non avrà
    mai la forza di competere con le risorse che
    possono mettere in campo i privati.già ma sarebbe opportuno che l'idea sia qualcosa di innovativo e che si possa tradurre in qualcosa di concreto.Quello da brevettare non è l'idea di per se, ma la sua attuazione.Tanto per esempio:Ho l'idea di creare un software per vendere su internet, la brevetto e mi faccio pagare le royalty da chiunque realizzi un qualche tipo di software per la vendita su internet.Ho l'idea di creare un software per vendere su internet, brevetto il programma e mi faccio pagare le royalty da chiunque lo impieghi per vendere su internet.Noti qualche differenza fra i due ?Tanto per tornare a edison: se avesse brevettato l'idea di usare la corrente eletttrica per generare luce avrebbe bloccato molte invenzioni successive lontanamente imparentate con la lampadina, che so i tubi al neon, i led.
    Piuttosto è opinabile l'eccessiva
    durata dei brevetti. Due, tre anni al
    massimo dovrebbero durare. Direi che dipende dal tipo di brevetto e da quanto in fretta cambia la tecnologia, per un brevetto di tipo "meccanico", che so un nuovo tipo di pompa o un motore innovativo dieci o venti anni possono andar bene, per brevetti più vaghi, algoritmi e idee... direi che sei mesi bastano.
    Roba come quella che avviene in campo
    genetico o farmacologico è ancora
    più impressionante di ciò che
    accade in campo informatico: per dirne una
    c'è una norma della quale non ricordo
    il nome la quale afferma che dice che se
    estraggo da un essere un elemento e lo
    brevetto, automaticamente acquisto una
    specie di diritto di prelazione sull'essere
    stesso, come se diventasse mia esclusiva.probabilmente si tratta dei diritti commerciali sullo sfruttamento di sostanze tratte da esseri viventi.Non diventi proprietario della creatura ma ti vengono pagate le royalty se qualcun'altro vuole sfruttare la sostanza.
    Ciò nonostante anche in questo caso,
    senza i brevetti l'industria non avrebbe
    investito sulla ricerca. Ribadisco che per
    me l'idea migliore è diminuirne
    abbondantemente la durata.
    Mia personale opinione, eh.
    sono parzialmente d'accordo.[cut]
    Ciò tenendo conto del fatto che gli
    uffici brevetti (soprattutto americani) son
    composti da incompetenti che danno la
    possibilità di brevettare cose di uso
    comune con una frequenza allucinante.:( vedi post sotto, sarà da divertirsi se un furbone riesce a brevettare il brevetto :D
  • Anonimo scrive:
    3 anni
    in ambito informatico mi sembra un limite temporale accettabile per la durata di un brevetto.a tre anni et un giorno...zac!:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono Convinto....
    Fuori le slitte!http://punto-informatico.it/p.asp?i=36679
  • Anonimo scrive:
    Re: Che brevettino la cura per il cancro
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ..........se mai verrà trovata.

    Così solo una bella guerra,
    questa

    volta più che giusta,
    monderà

    il pianeta da questi approfittatori.



    Inventare va bene; percepire danaro per

    ciò, va bene.



    Ma a tutto c'è un limite!

    Stai parlando di un argomento tutt'altro che
    limpido...
    in molti pensano che la cura si sarebbe
    già potuta trovare... ma che alle
    industrie farmaceutiche convenga spingere la
    chemio... Ed effettivamente è così. La cura è chiusa in un cassetto.Il mercato dei medicinali è enorme, chi ha interesse a fermarlo?E non venitemi a dire che sto fantasticando.
    • Anonimo scrive:
      Re: Che brevettino la cura per il cancro
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Anonimo


      ..........se mai verrà
      trovata.


      Così solo una bella guerra,

      questa


      volta più che giusta,

      monderà


      il pianeta da questi
      approfittatori.





      Inventare va bene; percepire
      danaro per


      ciò, va bene.





      Ma a tutto c'è un limite!



      Stai parlando di un argomento
      tutt'altro che

      limpido...

      in molti pensano che la cura si sarebbe

      già potuta trovare... ma che
      alle

      industrie farmaceutiche convenga
      spingere la

      chemio...

      Ed effettivamente è così. La
      cura è chiusa in un cassetto.Vediamo di collegare il cervello prima di scrivere castronerie e se proprio mettiamo un minimo di "prove" a queste affermazioni.P.S. Come sta il coccodrillo delle fogne?
  • gerry scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: Iperion
    Se ho un'idea e
    voglio lucrarci sopra, per quale motivo non
    dovrei brevettarla? E' anche uno dei motivi
    che spinge l'industria a investire sulla
    ricerca e sviluppo, Brevettare un idea che ha richiesto un certo investimento in R&D è giusto.Il fatto è che con questa normativa viene brevettato di tutto. Quindi sei nella situazione in cui i brevetti che rendono sono quelli che più assomigliano a delle truffe.Che R&D ci vuole per brevettare il download?Le idee vanno tutelate, il problema è stabilire il concetto di idea...
    Piuttosto è opinabile l'eccessiva
    durata dei brevetti. Due, tre anni al
    massimo dovrebbero durare. Giusto, sarebbe già un miglioramento.
    Ciò tenendo conto del fatto che gli
    uffici brevetti (soprattutto americani) son
    composti da incompetenti che danno la
    possibilità di brevettare cose di uso
    comune con una frequenza allucinante.Un po' questi poveracci li capisco. La materia si cui devono giudicare è diventata troppo vasta per loro, non credo che siano più in grado di discernere fra idee innovative e idee fuffa...Come soluzione hanno scelto l'opt-out. Noi si brevetta tutto, se un brevetto è troppo stupido ci penserà un tribunale a cancellarlo.Così scaricano un lavoro che non possono (e IMHO non vogliono) fare sulle spalle di qualcuno che è più interessato a farlo.==================================Modificato dall'autore il 06/07/2004 9.15.33
  • Anonimo scrive:
    Brevetti ... e loro durata
    Io non sono contrario nel breveto in se ma sulla sua durata..Al giono d'oggi 20 anni sono un'eternità ... per me 2 anni sarebbero già tanti per un brevetto che può far ricavare un bel pò di soldi a chi l'inventa,ma non blocca la tecnologia che progradisce più di 10 volte più velocemente di quando è stato deciso il sistema dei brevetti.Il mondo si evolve .. deve evolvere anche il sistema dei brevetti.W:-}(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Che brevettino la cura per il cancro
    - Scritto da: Anonimo
    ..........se mai verrà trovata.
    Così solo una bella guerra, questa
    volta più che giusta, monderà
    il pianeta da questi approfittatori.

    Inventare va bene; percepire danaro per
    ciò, va bene.

    Ma a tutto c'è un limite!Stai parlando di un'argomento tutt'altro che limpido... in molti pensano che la cura si sarebbe già potuta trovare... ma che alle industrie farmaceutiche convenga spingere la chemio...
  • shevathas scrive:
    Re: Sono Convinto....
    - Scritto da: LordBison
    che se Thomas Edison avesse brevettato la
    lampadina, oggi stavamo ancora con le torce
    :D

    I Brevetti impediscono l'evoluzione...Edison aveva brevettato la lampadina, quello che si era dimenticato di brevettare era l'idea di "apparato illuminogeno mediante l'impiego di energia elettrica".ha brevettato l'oggetto, non l'idea alla base.Altrimenti oggi non avremmo i led, le lampadine alogene o quelle al neon...Correggerei con: i brevetti sulle idee impediscono l'evoluzione.
    • Iperion scrive:
      Re: Sono Convinto....
      - Scritto da: shevathas

      - Scritto da: LordBison

      che se Thomas Edison avesse brevettato
      la

      lampadina, oggi stavamo ancora con le
      torce

      :D



      I Brevetti impediscono l'evoluzione...

      Edison aveva brevettato la lampadina, quello
      che si era dimenticato di brevettare era
      l'idea di "apparato illuminogeno mediante
      l'impiego di energia elettrica".
      ha brevettato l'oggetto, non l'idea alla
      base.
      Altrimenti oggi non avremmo i led, le
      lampadine alogene o quelle al neon...
      Correggerei con: i brevetti sulle
      idee impediscono l'evoluzione.Personalmente non sono d'accordo con nessuna delle due informazioni. Se ho un'idea e voglio lucrarci sopra, per quale motivo non dovrei brevettarla? E' anche uno dei motivi che spinge l'industria a investire sulla ricerca e sviluppo, ricordando che un qualsiasi apparato pubblico non avrà mai la forza di competere con le risorse che possono mettere in campo i privati. Piuttosto è opinabile l'eccessiva durata dei brevetti. Due, tre anni al massimo dovrebbero durare. Roba come quella che avviene in campo genetico o farmacologico è ancora più impressionante di ciò che accade in campo informatico: per dirne una c'è una norma della quale non ricordo il nome la quale afferma che dice che se estraggo da un essere un elemento e lo brevetto, automaticamente acquisto una specie di diritto di prelazione sull'essere stesso, come se diventasse mia esclusiva. Ciò nonostante anche in questo caso, senza i brevetti l'industria non avrebbe investito sulla ricerca. Ribadisco che per me l'idea migliore è diminuirne abbondantemente la durata.Mia personale opinione, eh.Ciò tenendo conto del fatto che gli uffici brevetti (soprattutto americani) son composti da incompetenti che danno la possibilità di brevettare cose di uso comune con una frequenza allucinante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono Convinto....
      Esistono già forme di brevetto migliorate come le CC.Io penso che il brevetto così com'è sia in generale dannoso soprattutto sulle idee generiche, ma anche sulle cose specifiche.I mali principali secondo me sono:* il numero di brevetti: se uno vuole rispettare i brevetti è praticamente impossibilitato di sapere se quello che sta facendo va contro uno dei miliardi di brevetti depositati* la disponibilità di ciò che è brevettato: se uno brevetta qualcosa può non renderlo disponibile a nessuno ed anzi può impedire che altri lo rendano disponibile. Secondo me un brevetto può essere valido solo se chi brevetta garantisce sia la diffusione di ciò che ha brevettato sia la possibilità ad altri di usarlo/commercializzarlo dietro pagamento. Mancando anche solo una condizione il brevetto deve decadere.* la generalità: ci sono brevetti talmente generali che possono voler dire tutto o nulla; ne ho visti alcuni che abbracciano un'intera disciplina scientifica* cosa è brevettabile: non devono essere brevettabili alcune cose come: esseri viventi (se io brevetto il tuo DNA, sì proprio il DNA di tu che stai leggendo questo ....), cose già usate o diffuse (capita spesso che si brevetti qualcosa che magari è in uso da parte di popolazioni minoritarie situate in luoghi inaccessibili)* durata: il brevetto deve avere una durata massima precisa e questa deve dipende dall'ambito del brevetto stesso (la nona sinfonia di Beethoven è eterna, mentre la versione X del programma pinco pallo è usabile solo per pochi mesi) e non deve mai essere superiore al ciclo di vita (usabilità) del prodotto brevettato* non deve essere possibile brevettare qualcosa che attualmente non è possibile fare od avere, ma che si suppone che fra qualche anno si potrebbe avverare
  • Anonimo scrive:
    Che brevettino la cura per il cancro....
    ..........se mai verrà trovata. Così solo una bella guerra, questa volta più che giusta, monderà il pianeta da questi approfittatori.Inventare va bene; percepire danaro per ciò, va bene.Ma a tutto c'è un limite!
    • samu scrive:
      Re: Che brevettino la cura per il cancro
      - Scritto da: Anonimo
      ..........se mai verrà trovata.
      Così solo una bella guerra, questa
      volta più che giusta, monderà
      il pianeta da questi approfittatori.

      Inventare va bene; percepire danaro per
      ciò, va bene.

      Ma a tutto c'è un limite!guarda l'esempio dell'aids .. il test di sieropositivita' e' brevettatodai due "coscopritori" del virus...
    • Anonimo scrive:
      Re:PURTROPPO LO STANNO FACENDO ...
      Non stupirti lo stanno facendo gia' da alcuni anni! No non sei tu ignorante che non sapevi che esistono gia' le cure per molti tumori ... in realta' perche' non ci sono(!) ... ma c'e' chi sta brevettando migliaia di geni a funzione IGNOTA nel CASO che UN GIORNO arrivi QUALCUNO e scopra a cosa servono e basandosi su queste CONOSCENZE risolva una qualunque patologia ...tumori inclusi!Sicche' legalmente sara' letteralmente rubato il lavoro altrui ...perche' un conto e' sequenziare del DNA un conto e' capirne il significato ... sarebbe come se si brevettassero varie combinazioni random di parole ... nela caso un giorno qualcuno crei un opera letteraria che ne contiene alcune!!!Io sono a favore dei brevetti ma NON come sono intesi oggi ... uno strumento cosi' utile e' stato lasciato invecchiare e non e' adatto al 21^ secolo ... e' uno trumento TARATO sul 19^ secolo!!! Poteva essere tollerato per meta' 20^ secolo ma ora e' DANNOSO allo sviluppo ed al progresso!
  • LordBison scrive:
    Sono Convinto....
    che se Thomas Edison avesse brevettato la lampadina, oggi stavamo ancora con le torce :DI Brevetti impediscono l'evoluzione...
  • Anonimo scrive:
    e Bill e il suo ultimo brevetto ?
    Rotfl ! Bell'articolo, soprattutto pensando che la M$ ha appena brevettato il corpo umano , no, non e' una bufala ! GHGHGHHG mamma che goduria, domani vado e brevetto bill gates !
  • shevathas scrive:
    speriamo...
    che riescano a dimostrare le assurdità di una legge che più che tutelare il progresso serve ad ingrassare uffici legali.
Chiudi i commenti