Cala il buio, calino i Google Glass

Indossarli è ora esplicitamente proibito in certe sale cinematografiche statunitensi: agevolerebbero la pirateria mediata dal camcording. Anche se la durata della batteria dei dispositivi in registrazione non raggiunge l'ora

Roma – Appena cala il buio in sala, gli spettatori sono pregati di riporre i Google Glass che abbiano inforcati sul naso: la catena statunitense di cinema Alamo Drafthouse ha proibito ai propri spettatori l’uso degli occhiali intelligenti di Google. La pratica del camcording, che i cinema di mezzo mondo stanno tentando di contrastare con ogni mezzo, sarebbe dietro l’angolo.

Ad annunciare la nuova policy, a seguito dell’ apertura al pubblico generalista delle vendite dei Google Glass, è il dirigente Tim League: la motivazione è da ricercare nel potenziale che i dispositivi rappresenterebbero per gli aspiranti pirati, a cui basterebbe attivare la funzione di registrazione indossando gli occhiali, senza dover ricorrere ad acrobatici occultamenti di videocamere e dispositivi mobile avente questa funzione.

Poco importa che la durata della batteria non sia sufficiente per catturare un intero film e che la qualità delle riprese risulti probabilmente intollerabile per eventuali fruitori del file registrato: lo stesso League avrebbe subito intuito i rischi connessi al dispositivo, dopo averli indossati. La decisione di proibirne l’uso a luci spente, nell’aria da ormai un anno, è seguita ai primi avvistamenti di spettatori muniti di occhiali intelligenti. Spettatori che peraltro, in altre sale cinematografiche, hanno già subito reprimende : un uomo dell’Ohio è stato condotto fuori dal cinema e interrogato dalle maschere antipirateria, liberato solo perché ha saputo dimostrare che indossava il dispositivo, con lenti graduate, come ausilio a dei problemi di vista.

Del resto, i cinema già proibiscono l’utilizzo di qualsiasi strumento atto alla registrazione: l’industria cinematografica di tutto il mondo, e gli States di MPAA non fanno eccezione , considera il camcording una piaga da estirpare. Con ogni minaccia e con ogni tecnologia .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Etype scrive:
    ........................................
    Tutte cose che già si sapevano da anni ma ora si fa finta di cadere dalle nuvole.
  • Michele Montanari scrive:
    Non so perchè...
    Ma ritengo che presto vedremo strani movimenti societari... PRIMA che le legislazioni fiscali comunitarie e statali della comunità cambino.
  • MacGeek scrive:
    Invece di indagare sui 'paradisi fiscali
    Io indagherei sugli INFERNI fiscali come l'itaGlia...
    • nome e cognome scrive:
      Re: Invece di indagare sui 'paradisi fiscali
      - Scritto da: MacGeek
      Io indagherei sugli INFERNI fiscali come
      l'itaGlia...L'itaglia è un inferno fiscale anche perché esistono paradisi fiscali. Per carità è giustissimo che gli stati si facciano concorrenza fiscale e che le multinazionali vadano dove fa più comodo, ma è anche giusto che ci siano delle regole.
      • krane scrive:
        Re: Invece di indagare sui 'paradisi fiscali
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: MacGeek

        Io indagherei sugli INFERNI fiscali come

        l'itaGlia...
        L'itaglia è un inferno fiscale anche perché
        esistono paradisi fiscali. Per carità è
        giustissimo che gli stati si facciano concorrenza
        fiscale e che le multinazionali vadano dove fa
        più comodo, ma è anche giusto che ci siano delle
        regole.Giustissimo ? E per te magari e' giustissimo che si facciano pure la guerra ?Allora facciamoci concorrenza pure tra regioni e vicini di casa !
        • nome e cognome scrive:
          Re: Invece di indagare sui 'paradisi fiscali

          Giustissimo ? E per te magari e' giustissimo che
          si facciano pure la guerra
          ?

          Allora facciamoci concorrenza pure tra regioni e
          vicini di casa
          !Certo che è giusto, e sta accadendo da sempre. L'importante è che ci siano regole e che vengano seguite. La concorrenza fiscale è fondamentale per calmierare le tasse che i governi applicano.
          • krane scrive:
            Re: Invece di indagare sui 'paradisi fiscali
            - Scritto da: nome e cognome

            Giustissimo ? E per te magari e'

            giustissimo che si facciano pure la

            guerra ?

            Allora facciamoci concorrenza pure

            tra regioni e vicini di casa !
            Certo che è giusto, e sta accadendo da sempre.
            L'importante è che ci siano regole e che
            vengano seguite.
            La concorrenza fiscale è fondamentale per
            calmierare le tasse che i governi
            applicano.E cosi' abbiamo mezzo pianeta composto da ciccioni e l'altra meta' che muore di fame, sotto un cielo in cui passano missili nucleari, bello.
          • bubba scrive:
            Re: Invece di indagare sui 'paradisi fiscali
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: nome e cognome


            Giustissimo ? E per te magari e'


            giustissimo che si facciano pure la


            guerra ?



            Allora facciamoci concorrenza pure


            tra regioni e vicini di casa !


            Certo che è giusto, e sta accadendo da
            sempre.

            L'importante è che ci siano regole e che

            vengano seguite.


            La concorrenza fiscale è fondamentale per

            calmierare le tasse che i governi

            applicano.

            E cosi' abbiamo mezzo pianeta composto da
            ciccioni e l'altra meta' che muore di fame, sotto
            un cielo in cui passano missili nucleari,
            bello.gh... cmq "divertente" l'ossimoro " La concorrenza fiscale è fondamentale per calmierare le tasse che i governi applicano" .... come se ci fosse un fisco NON prodotto dal legislatore...
  • sisko212 scrive:
    Certo che sarebbe bello...
    Che anch'io potessi fare lo stesso...Diciamo che quest'anno prevedo un certo fatturato (se poi io ne faccio di più a te non riguarda), per cui ti pago una certa percentuale (di solito molto più bassa degli altri miseri mortali), in cambio ti garantisco che se le cose vanno bene (stabilito da chi poi) assumo un certo numero di persone, sulle quali tu puoi applicare la tassazione piena.E si... peccato che io faccio parte dei miseri, schifosi, evasori, partite iva...Il tutto alla faccia della libera concorrenza... si proprio libera...
Chiudi i commenti