Canali Rai, nuove frequenze: quali, dove e quando

Canali Rai, nuove frequenze: quali, dove e quando

I canali Rai trasmessi sul digitale terrestre stanno per effettuare il passaggio alle nuove frequenze: quali sono interessati, dove e quando.
I canali Rai trasmessi sul digitale terrestre stanno per effettuare il passaggio alle nuove frequenze: quali sono interessati, dove e quando.

Come da tabella di marcia, il 3 gennaio prenderà il via il riassetto delle frequenze per alcuni dei canali Rai (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24) trasmessi sul digitale terrestre, un’operazione che andrà a interessare le regioni del paese in diverse fasi, come già descritto nel dettaglio in un articolo dedicato alla Fase 2 del refarming, arrivando a completarsi il 30 giugno.

Il passaggio dei canali Rai alle nuove frequenze

Cosa dovranno fare gli utenti? Per farla breve, risintonizzare il televisore o il decoder non appena si accorgeranno di non riuscire più a vedere i canali.

Riportiamo di seguito il calendario delle attivazioni delle nuove frequenze per le regioni del Nord Italia (e Sardegna) stabilito dal Ministero dello Sviluppo Economico.

  • Dal 3 gennaio 2022 in Valle d’Aosta;
  • dal 4 gennaio in Sardegna;
  • dal 10 gennaio in Piemonte;
  • dal 20 gennaio in Lombardia;
  • dal 10 febbraio in Trentino-Alto Adige;
  • dal 24 febbraio in Veneto;
  • dall’1 marzo in Friuli Venezia Giulia;
  • dal 2 marzo in Emilia-Romagna.

Canali Rai, il passaggio alle nuove frequenze: dove e quando

A partire da lunedì 3 gennaio, inoltre, Rai News 24 inizierà progressivamente a trasmettere in alta definizione, risultando quindi visibile solo ed esclusivamente dai televisori in grado di assicurare il supporto all’HD oppure da quelli a cui è stato collegato un decoder con questa funzionalità.

Il 2022 sarà un anno di transizione verso quella che viene definita la Nuova TV, la cui introduzione definitiva è fissata per l’1 gennaio 2023, con l’adozione su tutto il territorio nazionale dello standard DVB-T2 accompagnato dalla codifica HEVC Main10. Un’altra fase di questo passaggio è prevista per il mese di marzo, quando tutti i canali nazionali dovranno trasmettere in MPEG-4, pur continuando a poter supportare il datato MPEG-2 così da non escludere dalla visione dei programmi coloro ancora non pronti ad affrontare il passaggio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 dic 2021
Link copiato negli appunti