Caso Senna, il computer condanna la Williams

di D. Pizzi - Le ricostruzioni digitali di quanto avvenuto in occasione dell'incidente in cui ha perso la vita il celebre pilota di Formula1 decidono il processo
di D. Pizzi - Le ricostruzioni digitali di quanto avvenuto in occasione dell'incidente in cui ha perso la vita il celebre pilota di Formula1 decidono il processo


Bologna – Non è stato un malore o errore del pilota, né l’imperfezione del circuito di Imola, a determinare l’incidente del 1 maggio 1994, in cui trovò la morte il campione di F.1. Ayrton Senna.

“L’unico motivo in cui si può ravvisare la causa dell’uscita di pista è il cedimento del piantone dello sterzo”, così aveva detto il Procuratore Generale Rosini nella sua requisitoria di poche settimane fa. E di questo avviso è stata anche la terza sezione penale della Corte d’Appello di Bologna che oggi, con una nuova sentenza di secondo grado, ha confermato quello che, fin dall’inizio, era stato additato come l’elemento chiave dell’intero processo. Ma c’è di più.

A undici anni dai fatti, la prescrizione del reato (che, lo ricordiamo, per omicidio colposo con attenuanti generiche interviene dopo 7 anni e 6 mesi circa) non ha significato esenzione da responsabilità. Patrick Head, direttore tecnico del team Williams, una delle persone più stimate e apprezzate nel grande mondo della F.1, porta ora sulle spalle una grande peso. Quello della morte di Ayrton Senna.

Il collegio ha riconosciuto a suo carico la colpa di non essersi adoperato a dovere nel curare la fase di realizzazione del piantone dello sterzo. Egli infatti, in qualità di responsabile tecnico-sportivo della scuderia, avrebbe dovuto effettuare un controllo preventivo sull’operato di meccanici e progettisti, verificando che tutto fosse conforme agli standard di resistenza ed affidabilità previsti.

Quanto all’altro imputato, il tecnico aerodinamico Adrian Newey, è stata esclusa qualsivoglia ipotesi di colpa, essendo stata valutata la sua completa estraneità alla gestione di quella che, come ha tenuto a precisare l’Avvocato Stortoni, è una “parte della monoposto prettamente meccanica, senza alcun risvolto aerodinamico”. Per lui, quindi, conferma della sentenza di primo grado “per non aver commesso il fatto”.

Dopo più di due ore di attesa il Presidente della Corte, dott. D’Orazi, ha dato lettura della sentenza. L’udienza era formalmente iniziata alle ore 11.00 con la rinuncia alle repliche da parte di accusa e difesa.

Grande soddisfazione hanno subito espresso l’avv.Stortoni e la collaboratrice dott.Marelli (che lo ha sostituito in apertura di udienza), per il successo in “un processo che, nonostante la sua lunghezza, ha manifestato una grande correttezza e un notevole fair play tra le parti”.

Non sono ovviamente mancate le reazioni opposte, prima fra tutte quelle dell’avvocato Causo, difensore di Patrick Head, che così ha commentato: “Un’amara sentenza che non ci aspettavamo. Attendiamo ora la pubblicazione del testo integrale e delle motivazioni in cui il giudice dovrà chiarire cosa l’ha spinto ad una tale decisione, dopo che già un Tribunale (all’epoca Pretura, 16-12-1997 – ndr) e una Corte d’Appello (3a sezione penale, 22-11-1999 – ndr) avevano fugato il dubbio di qualsiasi responsabilità per colpa in capo al mio cliente”.

Rilevante assenza della giornata è stata quella del prof. Oreste Dominioni (legale di Head insieme all’avv. Causo) che, dal suo studio milanese, ha lapidariamente fatto sapere: “Me l’aspettavo”. Soddisfazione è stata invece espressa dal Procuratore Generale Rosini (“Il mio assunto è stato riconosciuto e ritenuto valido”), uscito vincente da questo processo. Un particolare merito, in questa giornata, va riconosciuto all’ex PM Maurizio Passarini, il sostituto procuratore che, con geniale intuito, aveva sin da subito avviato e orientato le indagini verso la direzione giusta.

Come ben si ricorderà, caposaldo di tutto il castello accusatorio era stata la rielaborazione digitale delle immagini e dei video dell’incidente effettuata dal CINECA (Consorzio Interuniversitario di Bologna) per conto del PM. Da essa – diceva Passarini – “si evince chiaramente come il piantone dello sterzo fosse ceduto o quantomeno gravemente compromesso nella sua efficienza, già prima dell’impatto della vettura contro il muro”.

La difesa Head aveva replicato con un’ulteriore ricostruzione digitale che, però, a differenza della prima, simulava tramite una vettura virtuale ed un pilota “umanoide”, le ipotetiche e possibili uscite di pista a seconda delle variabili inserite. C’è però da dire che tale elemento probatorio non è mai stato ritenuto fondante da parte dei vari giudici e, per dirla con Dominioni, “sempre, ingiustificatamente trascurato”.

Ha così vinto il computer che, con un’inconfutabile dimostrazione, ha palesato come il piantone fosse gravemente danneggiato ancor prima dello schianto fatale.

La causa del cedimento venne sin dall’inizio individuata in una imperfetta modifica del tubo sterzante, ridotto di diametro per consentire al pilota una più agevole posizione di guida. Operazione a cui, stando alla Corte, avrebbe dovuto sovrintendere Head e che oggi, a undici anni di distanza da quel funesto 1° maggio 1994, gli viene a costare salato. Il piantone dello sterzo era rotto, la responsabilità per la morte di Ayrton Senna è sua. Parola di computer.

Daniele Pizzi

Vedi anche:
Processo Senna, il computer decide

Nota
L’autore è laureando in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano con tesi sperimentale in Informatica Giuridica Avanzata sull’utilizzabilità del mezzo informatico come elemento probatorio nel procedimento penale italiano.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 05 2005
Link copiato negli appunti