CES2015/ Samsung e il TB da taschino

L'azienda coreana sfrutta la tecnologia V-NAND per sfornare SSD esterni capaci di garantire capienza nel minimo ingombro

Roma – Leggero e estremamente compatto, può contenere fino a un TB di dati: Samsung ha presentato al CES di Las Vegas T1 , un SSD esterno che potrebbe trovare spazio in ogni tasca, ma non esattamente alla portata di tutte le tasche.

T1

Con uno spessore di 9,2 mm, e lati di 72 mm e 52 mm, il piccolo SSD offre velocità di lettura/scrittura sequenziali fino a 450MB/s, su USB 3.0 (4 volte più veloce di un comene HD esterno, dichiara Samsung), e capace di garantire fino a 8000 IOPS e 21000 IOPS rispettivamente in lettura/scrittura random. Le performance e la compattezza di Samsung sono frutto dell’impiego della tecnologia 3D Vertical NAND (V-NAND), già a bordo della linea 850 EVO .

Per la sicurezza dei dati dei propri utenti, Samsung offre cifratura AES da 256-bit contro le ambizioni dei malintenzionati e un design capace di garantire la massima resistenza per far fronte agli urti e alle temperature più estreme.

T1 sarà disponibile in 15 paesi nel corso del mese di gennaio in tagli da 250GB, 500GB e 1TB, con prezzi a partire da 179,99 dollari per il taglio minore, 299,99 dollari per il taglio medio e 599,99 dollari per il più capiente.

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Izio01 scrive:
    Evvai col lossless
    Lossless che occupa ovviamente più spazio di un formato compresso, e risulta indistinguibile da esso anche per esperti del settore con attrezzatura da laboratorio, lo dimostrano le prove in doppio cieco.In compenso, leggo che il nuovo walkman prevede la connessione con gli speaker bluetooth, geniale! Quindi: spreco un fantastiliardo di gigabyte perché la musica non la voglio comprimere, poi la comprimo più di quanto farebbe un mp3 (in teoria col bluetooth si potrebbe disporre di una banda decente, leggo che in effetti il codec LDAC di cui sopra dovrebbe averne tre volte tanta) e infine la ascolto su uno scatolotto di plastica con altoparlanti a una via, stile radiolina a transistor.Io ho il mio Fiio che ha l'uscita audio digitale, oltre a un DAC di tutto rispetto. Se lo attacco al mio ampli, uso il DAC di quest'ultimo e le casse del mio stereo. Sono sicuro che si senta meglio un mp3 così che un FLAC nel bluetoothino portatile, se il bitrate è decente.
Chiudi i commenti