ChatGPT: a giugno calano gli utenti, anche su Bing Chat

ChatGPT: a giugno calano gli utenti, anche su Bing Chat

Secondo nuove statistiche, ChatGPT sarebbe in una lieve fase di calo: a giugno 2023 il numero di utenti sarebbe diminuito, ma perché?
ChatGPT: a giugno calano gli utenti, anche su Bing Chat
Secondo nuove statistiche, ChatGPT sarebbe in una lieve fase di calo: a giugno 2023 il numero di utenti sarebbe diminuito, ma perché?

Lanciato nel novembre 2022, ChatGPT ha riscosso fin da subito un successo incredibile a livello globale, conquistando anche coloro che con la tecnologia hanno sempre avuto un rapporto complesso. Con i chatbot oramai mainstream, le aziende hanno investito su di essi cercando di integrarli nei loro servizi il più rapidamente possibile. Tuttavia, esattamente come accaduto nel recente passato con gli NFT, cosa assicura loro che non si tratti di un trend momentaneo, spinto ulteriormente da un hype alimentato, ad esempio, attraverso i social network? A far sorgere questo dubbio sono i numeri degli accessi mensili e dei visitatori unici di ChatGPT e Bing Chat, in calo a giugno 2023.

ChatGPT e Bing Chat hanno ora meno utenti

Secondo le analisi condotte da Similarweb, il traffico mensile di ChatGPT sarebbe calato per la prima volta lo scorso mese di 9,7 punti percentuali, mentre i visitatori unici sono scesi del 5,7%. La quantità di tempo trascorsa con il chatbot sul sito Web, invece, è diminuita dell’8,5%. È un chiaro segno che l’effetto novità sta svanendo, complice il mancato accesso alle informazioni in tempo reale tramite Internet, feature disponibile solo previo pagamento dell’abbonamento Plus.

Nel frattempo, i costi sono aumentati a dismisura per la gestione dei server. A confermarlo è stato Sam Altman, co-fondatore e amministratore delegato di OpenAI.

ChatGPT

Ne consegue che gli oltre 10 miliardi investiti da Microsoft nell’azienda non stanno fruttando, al momento, come sperato. Potrebbe trattarsi anche di un calo dovuto al periodo dell’anno e al minor tempo trascorso su Internet, nonché alle aziende che chiudono o hanno dipendenti in ferie. Ma se si prolungasse, cosa significherebbe per il settore?

Ad ogni modo, una notizia positiva emerge da questo calo di utenza: il rallentamento della crescita potrebbe aiutare a controllare i costi di esecuzione di ChatGPT, magari rendendo più accessibile il piano a pagamento oppure attraverso l’implementazione di funzionalità extra.

Fonte: CorCom
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 lug 2023
Link copiato negli appunti