Chi cerca i VIP trova rogne

L'undicesimo rapporto McAfee Most Dangerous Celebrities evidenzia come troppo spesso le ricerche di personaggi celebri effettuate sui principali motori di ricerca conducano a siti potenzialmente pericolosi

Roma – Cerchi in rete una celebrità e puoi trovare un malware o su un sito di phishing. McAfee, una delle principali società di sicurezza informatica ha presentato i risultati del suo undicesimo Most Dangerous Celebrities 2017 , studio condotto utilizzando i rating di WebAdvisor per determinare il numero di siti Web rischiosi generati dalle ricerche su Google, Bing e Yahoo che includono un nome di celebrità e termini di ricerca che possono restituire risultati potenzialmente dannosi. Per ogni celebrità è stata calcolata una percentuale di rischio globale, utilizzando il numero totale di siti Web rischiosi diviso per il numero di risultati di ricerca restituiti. Quest’anno il non invidiabile primato è andato alla cantante Avril Lavigne, che ha scalzato l’attrice Amy Schumer nel ruolo di celebrità più pericolosa nelle ricerche online . Da notare come nei primi dieci posti vi siano quasi esclusivamente cantanti. Al secondo posto troviamo infatti Bruno Mars, seguito a ruota da Carly Rae Jepsen e poi Zayn Malik, Celine Dion, Calvin Harris, Justin Bieber, Diddy, Katy Perry e Beyoncé.


“Nel mondo digitale di oggi, vogliamo gli ultimi album di successo, video, film e altro ancora, immediatamente disponibili sui nostri dispositivi” – ha dichiarato Gary Davis, chief consumer security evangelist di McAfee. “E spesso, purtroppo, soddisfacciamo i nostri desideri di fan accaniti senza pensare alla sicurezza, rischiando comportamenti avventati come fare clic su link sospetti che promettono le ultime notizie sulle celebrità più amate. Dobbiamo imparare a fermarci un attimo e considerare i rischi associati alla ricerca di contenuti scaricabili. Pensare prima di cliccare è una buona abitudine per navigare online in modo sicuro”.

I criminali informatici, infatti, sfruttano il fascino che le celebrità hanno sul grande pubblico per indurre gli ignari utenti a visitare siti Web potenzialmente dannosi, utilizzati per installare malware, rubare password e informazioni personali. Ricercando i termini “Avril Lavigne free mp3”, ad esempio, si ha il 22 per cento di probabilità di ritrovarsi su un sito Web pericoloso. Altri termini di ricerca che hanno dato risultati significativi sono: “Nome della celebrità + free torrent” e “Nome della celebrità + free mp4”.

Insomma, è soprattutto la ricerca di contenuti audio e video gratuiti, quindi in violazione delle norme sui diritti d’autore, a costituire una minaccia per gli utenti di Internet . Il fenomeno non risparmia neanche i VIP italiani. Seppure con percentuali di rischio più ridotte, rispetto ai colleghi statunitensi, le celebrità italiane “più pericolose” fanno sempre parte del mondo della musica; al primo posto c’è Emma Marrone, seguita da Vasco Rossi e Fedez .

Quali sono i consigli per evitare di incappare nelle maglie dei malintenzionati del Web, oltre all’installazione di protezioni software come antivirus e sistemi antiphishing per il browser? Per effettuare ricerche online in sicurezza, gli esperti di McAfee raccomandano di prestare attenzione a ciò su cui si clicca, meglio andare sui siti ufficiali anziché visitare siti Web di terze parti che potrebbero contenere malware. Attenzione poi al richiamo degli MP3 gratuiti. Secondo gli estensori del rapporto, la ricerca dei termini “MP3 free” ha restituito il maggior numero di siti Web rischiosi.

Pierluigi Sandonnini

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pennino scrive:
    Re: Un tempo
    Incredibile! Sei sempre il solito scemo.
  • 4042c117d20 scrive:
    Solo incentivi economici?
    Solo incentivi economici?Banda larga e altre infrastrutture? Formazione professionale? Burocrazia?Revisione del funzionamento dei BIC ed eventualmente un po più di pubblicità visto che quasi nessuno sa che esistono?https://it.wikipedia.org/wiki/Business_Innovation_CentreUn bel decreto con un po di finanziamenti serve solo a fare scena, per incoraggiare l'innovazione vera di serve molto di più.
  • prova123 scrive:
    Chiacchiere da bar
    e nel frattempo la gente viene licenziata tramite messaggino sms e gli esodati continuano a prenderla nel cul*. La realtà è questa.
  • sono confuso scrive:
    versione
    ma non erano arrivati alla 3.0? adesso sono alla 4.0? e la 5.0 quando arriva?cambia governo e cambiano numero di versione? funziona cosi'?
    • Prozac scrive:
      Re: versione
      - Scritto da: sono confuso
      ma non erano arrivati alla 3.0? adesso sono alla
      4.0? e la 5.0 quando
      arriva?

      cambia governo e cambiano numero di versione?
      funziona
      cosi'?Non hai studiato storia alle medie?1a rivoluzione industriale: ?2a rivoluzione industriale: ?3a rivoluzione industriale: ?La quarta è, in realtà, una buzzword. A differenza delle prime tre, la quarta è una "rivoluzione" industriale pre-costruita ("nata" in Germania nel 2011).
      • Prozac scrive:
        Re: versione
        - Scritto da: sono confuso

        Non hai studiato storia alle medie?



        1a rivoluzione industriale: ?

        2a rivoluzione industriale: ?

        3a rivoluzione industriale: ?



        La quarta è, in realtà, una buzzword. A

        differenza delle prime tre, la quarta è una

        "rivoluzione" industriale pre-costruita ("nata"

        in Germania nel

        2011).


        dove sta scritto rivoluzione industriale? Vedi che ti ostini a non studiare!Mi tocca metterti un altro -... Al prossimo devo darti 3 in storia.Industria 4.0 è la trasposizione in italiano di "Industrie 4.0" termine inventato nel 2011 in Germania e che significa la 4 rivoluzione industriale.
        io sono fermo alla secondaElementare?La terza rivoluzione industriale è quella che ha come cause scatenanti ciò che, in teoria, riguarda questo portale d'informazione.Studia e poi torna che ti interrogo sulle differenze tra le prime tre rivoluzioni industriali e quella che fa riferimento alla buzzword "Industria 4.0".
        • sono confuso scrive:
          Re: versione
          lascia che siano gli storici nel prossimo futuro a chiamarla rivoluzione a scuola mi hanno insegnato questo, tu al massimo la puoi chiamarla cambiamento, noi facciamo la storia del nostro tempo ma non possiamo analizzarla magari i figli dei tuoi figli
          • Prozac scrive:
            Re: versione
            - Scritto da: sono confuso
            lascia che siano gli storici nel prossimo futuro
            a chiamarla rivoluzione a scuola mi hanno
            insegnato questo, tu al massimo la puoi chiamarla
            cambiamento, noi facciamo la storia del nostro
            tempo ma non possiamo analizzarla magari i figli
            dei tuoi
            figliQuindi hai studiato e hai capito quello che ho detto?Bene.Ora non sarai più confuso sui numeri delle varie rivoluzioni industriali ;)P.S.Rispondendo seriamente al tuo pensiero, con Industrie 4.0 (Industria 4.0, Quarta rivoluzione industriale, ecc...) gli stati stanno cercando di provocarla la quarta rivoluzione industriale.Questo la differenzia dalle altre tre. Le prime tre sono state definite così dopo che, analizzando fatti e cause, si è capito che erano avvenute delle rivoluzioni.La quarta, invece, è pianificata a tavolino: gli stati vorrebbero modificare (in meglio) tessuto socio-economico e struttura produttiva, innescando "artificialmente" una quarta rivoluzione industriale.Che questa, poi, avvenga allo stesso modo nei vari stati è tutto da vedere.Pure io penso che in Italia, più che rivoluzione industriale, avremo un'evoluzione industriale.
          • Prozac scrive:
            Re: versione
            - Scritto da: sono confuso
            sei duro la terza rivoluzione non esiste insieme
            alla quarta e alla quintaNiente...Non hai studiato e non vuoi studiare.
            sei tu che improp <u
            <b
            r </b
            </u
            iamente hai tirato fuori la
            terza rivoluzione che non
            esiste

            Torna tu a scuolaVisto che siamo a scuola, ti ho corretto anche un errore di grammatica...Per ovviare alle tue lacune sulla storia, puoi iniziare da qui:https://www.skuola.net/storia-contemporanea/terza-rivoluzione-indust.html
          • Prozac scrive:
            Re: versione
            - Scritto da: sono confuso
            se ti bevi tutto quello che dicono non e' colpa
            miaChe dicono chi?
  • il Fruttaro scrive:
    Industria 4.0 a Impresa 4.0
    Disoccupazione 4.0 :$.
Chiudi i commenti