Chiesti 110mila euro agli utenti del p2p

Clamorosa iniziativa legale dell'antipirateria danese che ha individuato 150 utenti dei sistemi di condivisione dei file, ha tracciato quanto hanno scaricato e ora ha mandato loro le fatture. Con l'appoggio del tribunale


Roma – Dalla Danimarca arriva una notizia destinata a scuotere il mondo del peer-to-peer: per la prima volta sono stati individuati, e verranno portati in tribunale, 150 utilizzatori di sistemi p2p ai quali i fonografici hanno ora chiesto l’equivalente di circa 110mila euro per aver scaricato materiale protetto da copyright.

Stando a quanto riportato dalla Reuters, il Gruppo Antipirateria Danese (APG) avrebbe commissionato ad un team di sviluppatori universitari un software capace di tenere traccia di alcune delle operazioni svolte su network di condivisione molto noti, come KaZaa o eDonkey. Un software che avrebbe consentito non solo di individuare i numeri IP dei computer degli utenti coinvolti nello scaricamento di file ma anche di tenere traccia di quali file con quegli IP sono stati condivisi.

Con questo materiale i legali di APG si sono rivolti ad un tribunale danese che ha accettato di chiedere ufficialmente ai provider di fornire alla magistratura i dati degli utenti che corrispondevano agli IP rilevati dal Gruppo Antipirateria.

Successivamente, APG ha preparato per circa 150 persone altrettante fatture che ha spedito per posta, fatture che nell’insieme raggiungono un milione di corone danesi, pari a circa 100mila euro. Fatture che vorrebbero rappresentare “il giusto compenso” per i download effettuati ma che per alcuni rappresentano invece una prepotente richiesta di danni. Insieme alla fattura ai 150 è stato notificato anche l’avvio ufficiale delle indagini nei loro confronti.

A contestare la clamorosa mossa di APG sono alcuni esperti di cose della rete e del diritto, che mettono in evidenza le enormi difficoltà che avrà APG nel dimostrare se un certo file contestato ad un determinato utente sia effettivamente un file che viola il copyright, e questo in assenza di un “sequestro di massa” di computer e della conseguente analisi dei materiali che vi sono archiviati.

Morten Lindegaard, legale APG, sostiene che “quello che stiamo chiedendo è un pieno pagamento per l’uso di questi materiali protetti da copyright”. APG, a quanto pare, ha calcolato l’ammontare della fatture seguendo uno schema per il quale un brano musicale “vale” 20 corone, un film nel vale 200 e un videogioco circa il doppio.

Occorre sottolineare che proprio APG ha collaborato a suo tempo con la IFPI, la Federazione dell’Industria Fonografica, quella che già nel marzo 2000 chiese che venissero individuati e perseguiti i singoli utilizzatori dei sistemi di condivisione e non ci si limitasse ad aggredire legalmente i produttori e i distributori dei software per il peer-to-peer.

Va detto che proprio in Danimarca il dibattito sul peer-to-peer è particolarmente acceso come dimostrato peraltro dall’iniziativa governativa dell’anno scorso che sembrava puntare alla “legalizzazione” del peer-to-peer prima di naufragare in un nulla di fatto.

E mentre alcuni esperti segnalano che non può essere l’AGP a quantificare l’eventuale ammontare di danni che solo un tribunale può stabilire, tutta l’operazione ha iniziato a scatenare un putiferio di polemiche, una parte delle quali possono facilmente essere rintracciate in queste ore su Usenet. Intanto una 50ina di coloro che sono stati raggiunti dalle fatture ha iniziato a muoversi chiedendo l’intervento del Consiglio dei Consumatori danesi che, però, ha per ora dato ragione ad APG.

Secondo Lindegaard, che ha anche coordinato la realizzazione del “software spia”, i 150 sotto accusa avrebbero scaricato le “top 10” dei film, della musica e dei videogiochi, dall’ultimo “Star Wars” ai brani di “Eminem” passando per games come “Grand Theft Auto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' anche un database
    Phoenix e' anche il nome di un database open derivato da Interbasehttp://www.ibphoenix.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: E' anche un database
      Ah, e` anche il nome del mio secondo hard disk... mi faranno causa? Boh? E` un nome parecchio comune... anzi e` un nome comune di animale (ehm... leggendario, va be', ma sempre nome comune e`) che cambino il loro o la smettano di tirare fuori queste cause assurde. Gia` ma il comunismo e` morto, viva il comunismo! Loro vanno da un estremo all'altro pero`, privatizzare anche i nomi degli oggetti e degli animali... mah...
  • Anonimo scrive:
    ma è Open/free ?
    anche questo (ex) Phoenix è free/open?perché farne uno basato su mozilla, invece di contribuire in mozilla?scusate le domande sempliciotte, ma se qualcuno spiega, lo faccia in maniera semplice
    • Anonimo scrive:
      Re: ma è Open/free ?
      Ciao, un po' di risposte le puoi trovare nella news che PI aveva dedicato a questo browser: http://punto-informatico.it/p.asp?i=41553- Scritto da: informankio
      anche questo (ex) Phoenix è free/open?


      perché farne uno basato su mozilla, invece
      di contribuire in mozilla?


      scusate le domande sempliciotte, ma se
      qualcuno spiega, lo faccia in maniera
      semplice
  • Anonimo scrive:
    ma per piacere
    Conosco almeno 3 società che si chiamano Phoenix, con la Phoenix Technology fanno 4... se volevano essere unici dovevano darsi un nome in una lingua non ancora inventata.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma per piacere
      - Scritto da: Federico
      Conosco almeno 3 società che si chiamano
      Phoenix, con la Phoenix Technology fanno
      4... se volevano essere unici dovevano darsi
      un nome in una lingua non ancora inventata.e' la moda del momento... citare in giudizio un gruppo di volontari per il gusto di rompere le scatole, ottenere pubblicita', rivendicare il proprio dominio intellettuale, come i cani che pisciano sugli alberi e sugli steli, ben consapevoli del fatto che non potranno mai affrontare delle spese legali.vorrei vedere cosa farebbe la phoenix se il futuro longhorn si chiamasse windows phoenix. oh se sarei curioso...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma per piacere

        e' la moda del momento... citare in giudizio
        un gruppo di volontari per il gusto di
        rompere le scatole, ottenere pubblicita',
        rivendicare il proprio dominio
        intellettuale, come i cani che pisciano
        sugli alberi e sugli steli, ben consapevoli
        del fatto che non potranno mai affrontare
        delle spese legali.oppure scegliere dei nomi a rischio proprio perche' una eventuale causa fa pubblicita'...alla lindows per intenderci...ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: ma per piacere
          - Scritto da: maks

          e' la moda del momento... citare in
          giudizio

          un gruppo di volontari per il gusto di

          rompere le scatole, ottenere pubblicita',

          rivendicare il proprio dominio

          intellettuale, come i cani che pisciano

          sugli alberi e sugli steli, ben
          consapevoli

          del fatto che non potranno mai affrontare

          delle spese legali.

          oppure scegliere dei nomi a rischio proprio
          perche' una eventuale causa fa
          pubblicita'...
          alla lindows per intenderci...Infatti tutti conoscono la Phoenix Technologies... ma per favore...
Chiudi i commenti