Chrome 38 e il conto salato dei bugfix

L'ultima versione stabile del browser di Google si segnala soprattutto per la gran quantità di fix a problemi di sicurezza, bug per cui la corporation ha pagato un bel po' di dollari a chi li ha scoperti

Roma – Dopo lo storico passaggio ai 64 bit della precedente release , la nuova versione di Chrome contiene novità soprattutto sul fronte della sicurezza; il browser è ora più sicuro grazie all’implementazione di un gran numero di bugfix, e Google ha pagato non pochi dollari a chi quei bug li ha scoperti.

Magro, dal punto di vista delle nuove funzionalità, il “bottino” di Chrome 38 con “un certo numero di nuove API/estensioni” e modifiche al codice di base tese a migliorare la stabilità e le performance del software.

Per quanto riguarda le correzioni dei bug, invece, Chrome 38 conta ben 159 bugfix per altrettanti problemi di sicurezza con vari livelli di pericolosità – 113 dei quali di importanza “relativamente” minore sono stati implementati grazie all’impiego del tool MemorySanitizer .

Google paga una taglia agli esperti di sicurezza più o meno congrua al grado di difficoltà connesso alla ricerca di un particolare bug, taglie che hanno raggiunto 1 15mila dollari, e nel caso di Chrome 38 la spesa totale per le suddette taglie ammonta, tutto considerato, a più di 75mila dollari.

Mountain View ha distribuito una versione aggiornata del suo browser anche su gadget mobile, e su Android in particolare dove Chrome 38 può contare su due nuove API (Battery Status e Screen Orientation), miglioramenti alle performance e modifiche incrementali al design così da renderlo, nel tempo, maggiormente consistente allo stile Material Design presto al debutto assieme ad Android L.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Credits Movie scrive:
    Motore di ricerca anti-pirateria
    http://searchcopyright.credits-movie.it/
    • Un altro scrive:
      Re: Motore di ricerca anti-pirateria
      - Scritto da: Credits Movie
      http://searchcopyright.credits-movie.it/Ti dice direttametne dove trovare i link dal nome dei film !Fichissimo, si troverà molto prima il materiale pirata cosi', ottimo grazie, spero lo completino presto.
      • Credits Movie scrive:
        Re: Motore di ricerca anti-pirateria
        Sarà con acXXXXX privato solo per chi avrà titolo per effettuare ricerche.- Scritto da: Un altro
        - Scritto da: Credits Movie

        http://searchcopyright.credits-movie.it/

        Ti dice direttametne dove trovare i link dal nome
        dei film
        !
        Fichissimo, si troverà molto prima il materiale
        pirata cosi', ottimo grazie, spero lo completino
        presto.
        • Un altro scrive:
          Re: Motore di ricerca anti-pirateria
          - Scritto da: Credits Movie
          Sarà con acXXXXX privato solo per chi avrà titolo
          per effettuare ricerche.Allora continueremo a usare google come sempre.
  • bubba scrive:
    mentre agcom abbaia, accade che
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/07/diritto-dautore-bloccare-un-sito-perche-dei-file-violano-il-copyright-e-sproporzionato-lo-dice-il-tribunale-di-roma/in sintesi <il Tribunale ha quindi chiarito che, anche in caso di siti residenti fisicamente allestero per i quali deve operare il blocco allacXXXXX attraverso i provider per violazione della legge sul diritto dautore, il sequestro e quindi linibizione ad opera dei provider, deve, in linea di principio, essere limitato solo ai file che consentono la visione dei filmati protetti dal diritto dautore.
    hehhehe... un bel PROBLEMA per i cacatori di ip da dare all'ISP...
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    A chi abusa delle richieste
    Andrebbe tolto il copyright su tutte le sue produzioni.Dal momento che fa una richiesta su opere di cui non ha il copyright, tutte le opere di cui ha il copyright ricadranno automaticamente nel pubblico dominio, chiunque potrà farne quello che vuole, copiarle, diffonderle e pure venderle, senza che lui veda un centesimo.Così vediamo poi se stanno attenti e fanno perdere tempo alla gente (perché il tempo per ricaricare le opere indebitamente cancellate o per fare richiesta di ripristino è tempo che nessuno poi ripaga).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 ottobre 2014 18.15-----------------------------------------------------------
    • bubba scrive:
      Re: A chi abusa delle richieste
      e di questo che ne dici? :) http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/07/diritto-dautore-bloccare-un-sito-perche-dei-file-violano-il-copyright-e-sproporzionato-lo-dice-il-tribunale-di-roma/in sintesi <il Tribunale ha quindi chiarito che, anche in caso di siti residenti fisicamente allestero per i quali deve operare il blocco allacXXXXX attraverso i provider per violazione della legge sul diritto dautore, il sequestro e quindi linibizione ad opera dei provider, deve, in linea di principio, essere limitato solo ai file che consentono la visione dei filmati protetti dal diritto dautore.
      hehhehe... un bel problema per i cacatori di ip da dare all'ISP...
      • Leguleio scrive:
        Re: A chi abusa delle richieste

        e di questo che ne dici? :)

        http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/07/diritto

        in sintesi <il Tribunale ha quindi chiarito
        che, anche in caso di siti residenti fisicamente
        allestero per i quali deve operare il blocco
        allacXXXXX attraverso i provider per violazione
        della legge sul diritto dautore, il sequestro e
        quindi linibizione ad opera dei provider, deve,
        in linea di principio, essere limitato solo ai
        file che consentono la visione dei filmati
        protetti dal diritto dautore.
        hehhehe...
        un bel problema per i cacatori di ip da dare
        all'ISP...Un'altra notizia bucata da PI. :)Per dirla tutta io ad avvocati che hanno il weblog sul Fatto quotidiano non credo molto, in assenza di un riscontro esterno, e forse questa mia riserva è condivisa dalla redazione.
        • bubba scrive:
          Re: A chi abusa delle richieste
          - Scritto da: Leguleio

          e di questo che ne dici? :)




          http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/07/diritto



          in sintesi <il Tribunale ha quindi
          chiarito

          che, anche in caso di siti residenti
          fisicamente

          allestero per i quali deve operare il blocco

          allacXXXXX attraverso i provider per
          violazione

          della legge sul diritto dautore, il
          sequestro
          e

          quindi linibizione ad opera dei provider,
          deve,

          in linea di principio, essere limitato solo
          ai

          file che consentono la visione dei filmati

          protetti dal diritto dautore.

          hehhehe...

          un bel problema per i cacatori di ip da dare

          all'ISP...

          Un'altra notizia bucata da PI. :)gia'
          Per dirla tutta io ad avvocati che hanno il
          weblog sul Fatto quotidiano non credo molto, in
          assenza di un riscontro esterno, e forse questa
          mia riserva è condivisa dalla
          redazione.anche questo e' abbastanza ovvio. a te piacciono i panzoni delle major e i loro portaborse. :Pcmq detto cio', quello che ha detto il tribunale dovrebbe far cadere i capelli all'agcom e ai vari gini paoli, perche' tecnicamente E' UN BEL PROBLEMA... a meno di istituire un mega http proxy e tenerci sotto l'italia, in stile cinese... probabilmente faranno finta di nulla (tanto mica e' la corte costituzionale)
          • Leguleio scrive:
            Re: A chi abusa delle richieste


            Per dirla tutta io ad avvocati che hanno il

            weblog sul Fatto quotidiano non credo molto, in

            assenza di un riscontro esterno, e forse questa

            mia riserva è condivisa dalla

            redazione.
            anche questo e' abbastanza ovvio. a te piacciono
            i panzoni delle major e i loro portaborse.
            :PNon è che mi piacciano, ma credo più a loro che a questi esagitati del foro. Non guadagnano i soldi perché studiano strategie difensive efficaci oppure perché ravanano nei codici e nelle ordinanze, guadagnano facendo polveroni sulla stampa e in tv.
            cmq detto cio', quello che ha detto il tribunale
            dovrebbe far cadere i capelli all'agcom e ai vari
            gini paoli, perche' tecnicamente E' UN BEL
            PROBLEMA... Per ora è un'ordinanza del tribunale del riesame, che non ha alcun effetto di precedente. Per dire, il tribunale del riesame di un'altra sezione, oppure di un'altra città, può disporre l'opposto.Potrebbe diventare un problema se fosse confermata in Cassazione, e ancora di più se la Cassazione decidesse a sezioni unite, perché è un parere vincolante per tutte le decisioni future. Ma non credo avverrà.
            a meno di istituire un mega http
            proxy e tenerci sotto l'italia, in stile
            cinese... probabilmente faranno finta di nulla
            (tanto mica e' la corte
            costituzionale)Quella arriva, ma con comodo. Il TAR ha rinviato la questione lì.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: A chi abusa delle richieste
          Giudichi il mezzo ma non il contenuto.
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    "La legge statunitense punisce coloro che abusino delle richieste di rimozione sulla base della sezione 512(f) del DMCA" Eh, questo in effetti è un grosso problema, ma c'è una semplice soluzione per aggirare questo problema: "La legge statunitense non punisce coloro che abusino delle richieste di rimozione sulla base della sezione 512(f) del DMCA" A questo punto non ci saranno più problemi! Se le leggi ostacolano la lotta alla pirateria, bisogna cambiare le leggi! @^
  • Contabile scrive:
    pirateria senza freni
    Cose figlie di questa pirateria senza freni e di come sono costrette a difendersi delle aziende che producono contenuti.Anziche' concentrare le loro forze sui film o su quanto producono devono utilizzare 200 persone per non farsi XXXXXXX dagli scariconi, poi tutti a piangere per i DRM.Che cosa volete? tutto gratis e le maestranze come si pagano? oggi do uno stipendio "gratis" al regista uno stipendio "gratis" al macchinista, ma domani sara' vuoto cosmico
    • cicciobello scrive:
      Re: pirateria senza freni
      - Scritto da: Contabile
      Cose figlie di questa pirateria senza freni e di
      come sono costrette a difendersi delle aziende
      che producono contenuti.Anziche' concentrare le
      loro forze sui film o su quanto producono devono
      utilizzare 200 persone per non farsi XXXXXXX
      dagli scariconi,Appunto: e la qualità dei film cala sempre di più. Tra poco non varrà nemmeno più la pena di scaricarli, e il problema sarà risolto.
      poi tutti a piangere per i
      DRM.Il DRM è la mossa più stupida: a loro costa, e peggiora la fruibilità del film per gli utenti paganti. In genere, se un prodotto non guadagna quanto il produttore vorrebbe, le opzioni sono due: o si realizza un prodotto migliore, o si realizza lo stesso prodotto spendendo meno: invece con il DRM spendono di più per realizzare un prodotto peggiore... significa andarsi a cercare gli insuccessi.
      Che cosa volete? tutto gratisEsatto.
      e le maestranze
      come si pagano?I siti pirata come si mantengono? Con gli introiti pubblicitari.Tali introiti non bastano per pagare la realizzazione del film? Hanno solo da provare a fare il film spendendo meno. Non si può fare? Allora non si realizza il film.
      oggi do uno stipendio "gratis" al
      regista uno stipendio "gratis" al macchinista, ma
      domani sara' vuoto
      cosmicoL'idea è proprio quella. L'avevo già proposto pure io.
    • panda rossa scrive:
      Re: pirateria senza freni
      - Scritto da: Contabile
      Cose figlie di questa pirateria senza freni e di
      come sono costrette a difendersi delle <b
      aziende </b

      <b
      che producono contenuti </b
      .Alla fine, dai e dai, l'ipocrisia viene sempre a galla, come quella roba marrone che galleggia.L'artista e' buono solo per riempirsi la bocca di buoni propositi.Difendere l'artista di qua, l'autore di la', poveretti, che non hanno di che vivere, loro e i loro figli...Invece la realta' nuda e cruda, e' che a lamentarsi della libera diffusione della cultura non sono mai gli artisti o gli autori, ma solo, sempre e comunque i parassiti intermediari della filiera.In questo caso le aziende.Vale a dire gente assolutamente incapace di creare qualcosa di suo, degno di essere considerato opera artistica, ma solo una meschina manica di miseri sfruttatori delle qualita' artistiche di pochi, oppure burattinai di personaggi costruiti appositamente per poter vendere prodotti.Questo schifo deve finire!
      • Contabile scrive:
        Re: pirateria senza freni
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Contabile

        Cose figlie di questa pirateria senza freni
        e
        di

        come sono costrette a difendersi delle
        <b
        aziende </b



        <b
        che producono contenuti
        </b

        .

        Alla fine, dai e dai, l'ipocrisia viene sempre a
        galla, come quella roba marrone che
        galleggia.

        L'artista e' buono solo per riempirsi la bocca di
        buoni
        propositi.
        Difendere l'artista di qua, l'autore di la',
        poveretti, che non hanno di che vivere, loro e i
        loro
        figli...

        Invece la realta' nuda e cruda, e' che a
        lamentarsi della libera diffusione della cultura
        non sono mai gli artisti o gli autori, ma solo,
        sempre e comunque i parassiti intermediari della
        filiera.

        In questo caso le aziende.

        Vale a dire gente assolutamente incapace di
        creare qualcosa di suo, degno di essere
        considerato opera artistica, ma solo una meschina
        manica di miseri sfruttatori delle qualita'
        artistiche di pochi, oppure burattinai di
        personaggi costruiti appositamente per poter
        vendere
        prodotti.

        Questo schifo deve finire!https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Warner_Bros._filmsStudios[img] http://3.bp.blogspot.com/_Z4Sw3_Z10es/TKI7cDspRZI/AAAAAAAAAB0/U-HK4oZz_zw/s1600/Warner_Brothers_Studios.jpg[/img]
        • panda rossa scrive:
          Re: pirateria senza freni
          - Scritto da: Contabile
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Contabile


          Cose figlie di questa pirateria senza freni

          e

          di


          come sono costrette a difendersi delle

          <b
          aziende </b





          <b
          che producono contenuti

          </b


          .



          Alla fine, dai e dai, l'ipocrisia viene sempre a

          galla, come quella roba marrone che

          galleggia.



          L'artista e' buono solo per riempirsi la bocca
          di

          buoni

          propositi.

          Difendere l'artista di qua, l'autore di la',

          poveretti, che non hanno di che vivere, loro e i

          loro

          figli...



          Invece la realta' nuda e cruda, e' che a

          lamentarsi della libera diffusione della cultura

          non sono mai gli artisti o gli autori, ma solo,

          sempre e comunque i parassiti intermediari della

          filiera.



          In questo caso le aziende.



          Vale a dire gente assolutamente incapace di

          creare qualcosa di suo, degno di essere

          considerato opera artistica, ma solo una
          meschina

          manica di miseri sfruttatori delle qualita'

          artistiche di pochi, oppure burattinai di

          personaggi costruiti appositamente per poter

          vendere

          prodotti.



          Questo schifo deve finire!


          https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Warner_Bros.

          Studios

          [img]
          http://3.bp.blogspot.com/_Z4Sw3_Z10es/TKI7cDspRZI/Incassi Warner Bros (un titolo a caso)http://en.wikipedia.org/wiki/The_Hobbit:_An_Unexpected_JourneyBudget $200315 millionBox office $1,017,003,568Divertiti a spulciarli tutti.Se magari ne trovi uno che non ha incassato a causa della pirateria, faccelo sapere.http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Warner_Bros._films
          • Pianeta Video scrive:
            Re: pirateria senza freni
            - Scritto da: panda rossa
            Divertiti a spulciarli tutti.
            Se magari ne trovi uno che non ha incassato a
            causa della pirateria, faccelo
            sapere.
            http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Warner_Bros._Un biglietto invenduto o specialmente un noleggio mancato a causa della pirateria nella lista dei film elencati è capitato sicuramente! La pirateria va debellata, senza "se" e senza "ma"! Costi quello che costi! @^
          • cicciobello scrive:
            Re: pirateria senza freni
            Smetti di produrre materiale piratabile, e la pirateria morirà in fretta. Di fame.
          • prova123 scrive:
            Re: pirateria senza freni
            è sufficiente fare una corretta offerta commerciale per fare svanire la pirateria.
          • Contabile scrive:
            Re: pirateria senza freni

            Incassi Warner Bros (un titolo a caso)

            http://en.wikipedia.org/wiki/The_Hobbit:_An_Unexpe

            Budget $200315 million
            Box office $1,017,003,568
            e' un'industria di 8000 dipendenti, ci sono film che hanno un buon incasso altri meno e altri in passivo si chiama rischio d'impresa avrebbero gia' chiuso da un pezzo se fossero sempre in passivo mi sembra ovvio. E' chiaro che non e' tutta colpa della pirateria ma concorread un mancato incasso, se poi uno guarda su internet un film perche' non puo' permettersi di andare al cinema e' un'altro paio di maniche ed e' discutibile anche questo prova tu ad entrare al cinema senza biglietto.
          • cicciobello scrive:
            Re: pirateria senza freni

            e' un'industria di 8000 dipendenti, ci sono film
            che hanno un buon incasso altri meno e altri in
            passivo si chiama rischio d'impresa avrebbero
            gia' chiuso da un pezzo se fossero sempre in
            passivo mi sembra ovvio.Quindi è ovvio che non avendo chiuso vuol dire che non sono in passivo; e se non sono in passivo hanno poco da lamentarsi: non puoi incolpare qualcuno per un danno se il danno non c'è.
            E' chiaro che non e'
            tutta colpa della pirateria ma
            concorre
            ad un mancato incasso, se poi uno guarda su
            internet un film perche' non puo' permettersi di
            andare al cinema e' un'altro paio di maniche ed
            e' discutibile anche questo prova tu ad entrare
            al cinema senza
            biglietto.Paragone senza senso, ti risulta forse che i pirati entrino clandestinamente nelle sale? Entrare in sala senza biglietto ostacolerebbe la visione agli spettatori paganti, che si troverebbero in una sala sovraffollata. Non mi risulta che la pirateria abbia mai avuto effetti del genere.
          • Contabile scrive:
            Re: pirateria senza freni


            Quindi è ovvio che non avendo chiuso vuol dire
            che non sono in passivo; e se non sono in passivo
            hanno poco da lamentarsi: non puoi incolpare
            qualcuno per un danno se il danno non
            c'è.
            Per fortuna non hanno chiuso vorrai dire che nonostante tutto possono ancora produrre altri film con i soldi ricavati in gran parte nelle sale americane di italiani furbi si muore di fame

            Paragone senza senso, ti risulta forse che i
            pirati entrino clandestinamente nelle sale?


            Entrare in sala senza biglietto ostacolerebbe la
            visione agli spettatori paganti, che si
            troverebbero in una sala sovraffollata. Non mi
            risulta che la pirateria abbia mai avuto effetti
            del
            genere.pero' quando e' in programmazione nelle sale e contemporaneamente lo si trova su internet il paragone calza perfettamente ed e' questo il momento dove il danno e' maggiore.
          • panda rossa scrive:
            Re: pirateria senza freni
            - Scritto da: Contabile



            Quindi è ovvio che non avendo chiuso vuol dire

            che non sono in passivo; e se non sono in
            passivo

            hanno poco da lamentarsi: non puoi incolpare

            qualcuno per un danno se il danno non

            c'è.



            Per fortuna non hanno chiuso vorrai dire che
            nonostante tutto possono ancora produrre altri
            film con i soldi ricavati in gran parte nelle
            sale americane di italiani furbi si muore di fameQuindi non hai dimostrato ancora niente.Vieni qui a parlare di babbo natale, di scie chimiche e di pirati e pretendi che la gente ci creda.Ci vogliono prove.Io le prove te le ho portate: tutti i film Warner dal 2000 a oggi (cioe' da quando internet e' diffusa in tutte le case) hanno guadagnato o alla peggio non ci hanno perso.Io dico che la pirateria non esiste.Tu insisti a sostenere che esiste.Basta solo che citi un titolo, ne basta uno solo, che abbia incassato di meno di quanto sia costato, ma che tutti conoscono (quindi se lo sono visto), non una porcheria di film, che non ha incassato per motivi diversi.

            Paragone senza senso, ti risulta forse che i

            pirati entrino clandestinamente nelle sale?





            Entrare in sala senza biglietto ostacolerebbe la

            visione agli spettatori paganti, che si

            troverebbero in una sala sovraffollata. Non mi

            risulta che la pirateria abbia mai avuto effetti

            del

            genere.

            pero' quando e' in programmazione nelle sale e
            contemporaneamente lo si trova su internet il
            paragone calza perfettamente ed e' questo il
            momento dove il danno e'
            maggiore.Porta i numeri del danno.Altrimenti parliamo di babbo natale, che esiste solo per chi ci crede.
          • cicciobello scrive:
            Re: pirateria senza freni

            Per fortuna non hanno chiuso vorrai dire che
            nonostante tutto possono ancora produrre altri
            film con i soldi ricavati in gran parte nelle
            sale americane di italiani furbi si muore di famePer fortuna di chi? Se il pubblico non ha voglia di pagare per la produzione di nuovi film di supereroi, forse è perché non gli interessano. Se la produzione di nuovi film si fermasse, ben pochi protesterebber

            pero' quando e' in programmazione nelle sale e
            contemporaneamente lo si trova su internet il
            paragone calza perfettamente ed e' questo il
            momento dove il danno e'
            maggiore.Il paragone non calza per nulla: ti pare forse che si guarda il film in streaming ti impedisca di andarlo a vedere al cinema?Chi entra clandestinamente ti occupa il posto, tu vedi che non riesci a sederti e non ci vai più.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: pirateria senza freni
            - Scritto da: Contabile

            Quindi è ovvio che non avendo chiuso vuol dire

            che non sono in passivo; e se non sono in

            passivo hanno poco da lamentarsi: non puoi incolpare

            qualcuno per un danno se il danno non

            c'è.



            Per fortuna non hanno chiuso vorrai direPer fortuna un corno. Chi insulta il cliente è un commerciante stupido.
            che
            nonostante tutto possono ancora produrre altri
            film con i soldi ricavati in gran parte nelle
            sale americane di italiani furbi si muore di fameFilm presente su Megavideo, a qualità DVD (la fonte erano i DVD dati ai giornalisti per la recensione), la settimana prima dell'uscita al cinema.Benvenuti al sud, film italiano, è costato 4 milioni di euro e ne ha incassati 32 (fonte: http://www.primissima.it/film/scheda/benvenuti_al_nord/ dove si parla del seguito e vengono riportati i dati su benvenuti al sud), quindi ha incassato OTTO VOLTE quello che hanno speso per girarlo. E meno male che è stato strapiratato (ripeto, a qualità perfetta sia audio che video, quindi non c'era nemmeno la scusa che si vedesse/sentisse male).

            Paragone senza senso, ti risulta forse che i

            pirati entrino clandestinamente nelle sale?





            Entrare in sala senza biglietto ostacolerebbe la

            visione agli spettatori paganti, che si

            troverebbero in una sala sovraffollata. Non mi

            risulta che la pirateria abbia mai avuto effetti

            del
            genere.

            pero' quando e' in programmazione nelle sale e
            contemporaneamente lo si trova su internet il
            paragone calza perfettamente ed e' questo il
            momento dove il danno e' maggiore.Non vedo come possa essere un danno, la pirateria sopperisce ad un servizio (visione comoda a casa, visione con sottotitoli se si hanno problemi di udito, visione senza vicini che parlano o mangiucchiano, visione mangiando e bevendo quello che si vuole e comprandoselo dove si vuole, possibilità di andare avanti e indietro in qualunque punto del film, possibilità di mettere in pausa tutte le volte che si vuole senza che nessuno se ne lamenti, possibilità di vedere a pezzi e all'orario che si vuole se si ha solo mezz'ora libera al giorno) che è completamente diverso da quello del cinema.Ah, l'ultimo l'ho specificato prima che qualcuno tiri fuori che anica sta per lanciare lo streaming su internet: non permette di vedere il film oltre le 24 ore da quando si è premuto play la prima volta senza dover pagare di nuovo, quindi è un servizio morto già in partenza.
          • Nauseato scrive:
            Re: pirateria senza freni
            pero' quando e' in programmazione nelle sale e contemporaneamente lo si trova su internet il paragone calza perfettamente ed e' questo il momento dove il danno e' maggiore. E' verissimo quel che dici, e te lo appoggio (senza spingere però).Quindi dopo alcuni mesi, ma voglio essere generoso, dopo alcuni anni, diciamo 5, il prodotto non dovrebbe più rendere, e dovrebbe diventare di pubblico dominio, a favore dell'Umanità, vero?Me lo appoggi? (meglio di no, tu magari spingi...)Oppure si pretende che generi introiti per gli intermediari all'infinito o quasi? (se mi dici che è ti sta bene stavolta spingo di brutto).
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: pirateria senza freni
            - Scritto da: Contabile

            Incassi Warner Bros (un titolo a caso)




            http://en.wikipedia.org/wiki/The_Hobbit:_An_Unexpe



            Budget $200315 million

            Box office $1,017,003,568




            e' un'industria di 8000 dipendenti, ci sono film
            che hanno un buon incasso altri meno e altri in
            passivo si chiama rischio d'impresaEsatto si chiama rischio d'impresa, esattamente come il creare cose facilmente copiabili a costo zero per tutti senza perdita di qualità, cosa questa spinta dalle major perché fa comodo anche a loro stampare 100 DVD piuttosto che 100 videocassette, anche se con le videocassette la gente se teneva al film tendeva a prenderlo originale visto che la copia si vedeva sempre e comunque peggio.Questo fino a che non hanno deciso di mettere quella ciofeca del macrovision, perché da quel punto in poi le copie de-macrovisionizzate si vedevano MEGLIO dell'originale (il macrovision del VHS, sull'originale, sulla stragrande maggioranza dei televisori comporta quantomeno dei cambi di luminosità dell'immagine).
            avrebbero
            gia' chiuso da un pezzo se fossero sempre in
            passivo mi sembra ovvio. E' chiaro che non e'
            tutta colpa della pirateria ma concorre
            ad un mancato incasso,A parte che ci sono numerosi studi (non di parte) che spiegano come chi scarica spesso poi tenda ad acquistare, se non il film, quantomeno i prodotti ad esso correlati, quello che dici è frutto di un ragionamento falso che non tiene conto del fattore principale: i soldi degli utenti per gli svaghi sono sempre gli stessi. Se anche non venissero spesi per X verranno spesi per Y, dove Y magari è qualcosa che appartenga all'economia soprattutto italiana (un parco di divertimenti, una partita allo stadio, una vacanza) e questo evita che i soldi finiscano in mano estera (dove finirebbero se pagassero per un film, che è il più delle volte prodotto all'estero).
            se poi uno guarda su
            internet un film perche' non puo' permettersi di
            andare al cinema e' un'altro paio di maniche ed
            e' discutibile anche questo prova tu ad entrare
            al cinema senza biglietto.Il cinema lo paghi per avere lo schermo da 500 pollici, portami uno schermo da 500 pollici a casa e al cinema non ci vado più. Michael Jackson nella sua casa a Neverland aveva un cinema del genere e i film nuovi se li guardava a casa sua, ma lui aveva talmente tanti soldi da potersi permettere una casa di quel tipo, portami prima tutti i soldi che aveva Michael Jackson e poi stai tranquillo che andare al cinema diventa inutile. Se il film me lo vedo a casa è un'altra cosa, sto usando la corrente e le apparecchiature pagate da me, ed è un servizio che ad oggi nessuno offre in modo legale perché nessuno permette di guardarsi legalmente a casa un film che oggi è nelle sale, quindi non vedo a chi dovrei rivolgermi.Aspettare non è la risposta, se tu lamenti mancati guadagni io ti potrei quindi rispondere con lo stesso ragionamento di aspettare che prima o poi qualcuno ti darà quello che io non ho dato.
      • cicciobello scrive:
        Re: pirateria senza freni

        Invece la realta' nuda e cruda, e' che a
        lamentarsi della libera diffusione della cultura
        non sono mai gli artisti o gli autori, ma solo,
        sempre e comunque i parassiti intermediari della
        filiera.In effetti sono gli intermediari che prendono i soldi dagli spettatori e li usano per pagare gli autori. Quindi l'autore non protesta, perché anche se gli spettatori pagano di meno, a lui la cifra che arriva è uguale... chi protesta è l'intermediario, che ha guadagni più bassi.L'artista comincia a preoccuparsi solo quando l'intermediario non lo paga più.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: pirateria senza freni
          - Scritto da: cicciobello

          Invece la realta' nuda e cruda, e' che a

          lamentarsi della libera diffusione della
          cultura

          non sono mai gli artisti o gli autori, ma
          solo,

          sempre e comunque i parassiti intermediari
          della

          filiera.

          In effetti sono gli intermediari che prendono i
          soldi dagli spettatori e li usano per pagare gli
          autori. Quindi l'autore non protesta, perché
          anche se gli spettatori pagano di meno, a lui la
          cifra che arriva è uguale... chi protesta è
          l'intermediario, che ha guadagni più
          bassi.

          L'artista comincia a preoccuparsi solo quando
          l'intermediario non lo paga
          più.http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-52fcc1de-37ce-4f9c-961c-a67408c02ee0.htmlZULU - 99 POSSEÈ stato passato 4 o 5 volte "Sud" a canale 5. In "Sud" ci sta "Curre curre guaglio": non ho mai avuto una lira, non è mai arrivato un rendiconto in cui ci stava scritto che io avevo avuto 100 lire per un passaggio.
    • bradipao scrive:
      Re: pirateria senza freni
      - Scritto da: Contabile
      Anziche' concentrare le
      loro forze sui film o su quanto producono devono
      utilizzare 200 persone per non farsi XXXXXXX
      dagli scariconi, poi tutti a piangere per i
      DRM.Che cosa volete? tutto gratis e le maestranze
      come si pagano?Il problema delle major (e di chi mangia delle loro briciole) è che non vogliono ammettere di dover cambiare modello di business. Non ha quasi più senso vendere la sola "visione" di un film, è qualcosa che nella società di oggi non ha più valore. Sarebbe come lamentarsi che nessuno vuol comprare macchine da scrivere per colpa degli infami distributori di word proXXXXXrs gratuiti.Puoi permetterti di vendere la visione di un film solo abbinata a qualcosa. Per esempio al cinema abbinata ad una visione di livello superiore, che nessuno può avere a casa propria, in occasione dell'uscita serale con amici/famiglia, popcorn e la bibita.Poi ti faccio notare una cosa. Se uno ha per esempio l'abbonamento a sky cinema di fatto sta già pagando tutto quello che deve pagare.
      • Leguleio scrive:
        Re: pirateria senza freni

        Il problema delle major (e di chi mangia delle
        loro briciole) è che non vogliono ammettere di
        dover cambiare modello di business. Non ha quasi
        più senso vendere la sola "visione" di un film, è
        qualcosa che nella società di oggi non ha più
        valore. Sarebbe come lamentarsi che nessuno vuol
        comprare macchine da scrivere per colpa degli
        infami distributori di word proXXXXXrs
        gratuiti.In Germania e in Russia progettano un ritorno alle macchine da scrivere, perché non sono intercettabili dall'NSA:http://www.theguardian.com/world/2014/jul/15/germany-typewriters-espionage-nsa-spying-surveillancehttp://www.theguardian.com/world/2013/jul/11/russia-reverts-paper-nsa-leaksDove le troveranno non lo so. L'ultimo produttore al mondo, Godrej and Boyce, ha smesso nel 2011. Ecco il modello Prima, ultimo ad uscire dalla fabbrica :)[img]http://www.globalems.in/images/godrej/godrej_prima_brief_size_english_marathi.jpg[/img]
        • Sg@bbio scrive:
          Re: pirateria senza freni
          Bella curiosità, ma non ci azzecca nulla con il discorso.
          • Un altro... scrive:
            Re: pirateria senza freni
            - Scritto da: Sg@bbio
            Bella curiosità, ma non ci azzecca nulla con il
            discorso.Sai com'è fatto..
        • Nauseato scrive:
          Re: pirateria senza freni
          In Germania e in Russia progettano un ritorno alle macchine da scrivere, perché non sono intercettabili dall'NSA Come faccio a credere a notizie del genere, visto che si tratta di attività che si fanno senza essere connessi e quindi senza essere intercettabili?Se poi al giorno d'oggi la moda è quella di essere connessi anche quando non ce n'è bisogno, mi sta bene che vengano intercettati.
    • Lorenzo scrive:
      Re: pirateria senza freni
      le persone impiegate sembra siano solo 7 , un bel dispiegamento di forze per difendersi dal male del secolo .
  • Ansioso scrive:
    Sono preoccupato
    Si parla di pirateria e ancora non si è visto Legù su questo articolo sarà mica malato?
    • ... scrive:
      Re: Sono preoccupato
      - Scritto da: Ansioso
      Si parla di pirateria e ancora non si è
      visto Legù su questo articolo sarà mica
      malato?posso dire solo una cosa: "speriamo".
      • preoccupato scrive:
        Re: Sono preoccupato
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Ansioso

        Si parla di <b
        pirateria </b
        e ancora non si è

        visto Legù su questo articolo sarà mica

        malato?

        posso dire solo una cosa: "speriamo".oggi è giù di giri, comunque è dall'altra parte a pontificare di autori medievali e magnati (tranquilli).
  • bubba scrive:
    richiesta di rimozione senza controllo
    "la richiesta di rimozione viene inviata senza alcun controllo sulla reale natura del file"embe'? sara' mica na novita'...... l'abuso sistemico e' connaturato nell'esistenza stessa di questi soggetti..
    • panda rossa scrive:
      Re: richiesta di rimozione senza controllo
      - Scritto da: bubba
      "la richiesta di rimozione viene inviata senza
      alcun controllo sulla reale natura del
      file"

      embe'? sara' mica na novita'...... l'abuso
      sistemico e' connaturato nell'esistenza stessa di
      questi
      soggetti..Ma la cosa divertente e' che questi meschini, prima intasano i motori di ricerca coi loro bot che sparano milioni di ricerche mirate a ripetizione, poi vanno a piangere lamentandosi che il mondo intero fa quelle ricerche, quando invece il 99% sono generate da loro stessi.
      • Pianeta Video scrive:
        Re: richiesta di rimozione senza controllo
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: bubba

        "la richiesta di rimozione viene inviata
        senza

        alcun controllo sulla reale natura del

        file"



        embe'? sara' mica na novita'...... l'abuso

        sistemico e' connaturato nell'esistenza
        stessa
        di

        questi

        soggetti..

        Ma la cosa divertente e' che questi meschini,
        prima intasano i motori di ricerca coi loro bot
        che sparano milioni di ricerche mirate a
        ripetizione, poi vanno a piangere lamentandosi
        che il mondo intero fa quelle ricerche, quando
        invece il 99% sono generate da loro
        stessi.Se anche solo l'1% delle ricerche fossero effettuate dai pirati, il dato sarebbe comunque allarmante! La pirateria deve sparire del tutto! @^
        • bubba scrive:
          Re: richiesta di rimozione senza controllo
          - Scritto da: Pianeta Video
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: bubba


          "la richiesta di rimozione viene inviata

          senza


          alcun controllo sulla reale natura del


          file"





          embe'? sara' mica na novita'......
          l'abuso


          sistemico e' connaturato nell'esistenza

          stessa

          di


          questi


          soggetti..



          Ma la cosa divertente e' che questi meschini,

          prima intasano i motori di ricerca coi loro
          bot

          che sparano milioni di ricerche mirate a

          ripetizione, poi vanno a piangere
          lamentandosi

          che il mondo intero fa quelle ricerche,
          quando

          invece il 99% sono generate da loro

          stessi.

          Se anche solo l'1% delle ricerche fossero
          effettuate dai pirati, il dato sarebbe comunque
          allarmante! La pirateria deve sparire del tutto!
          @^ma questo e' facilissimo. occupate Malta. togliete internet. e rimanete tutti li' (tanto di piu' non siete nel mondo. quelli che non sono "pirati", intendo).
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: richiesta di rimozione senza controllo
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: Pianeta Video

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: bubba



            "la richiesta di rimozione viene
            inviata


            senza



            alcun controllo sulla reale natura del



            file"







            embe'? sara' mica na novita'......

            l'abuso



            sistemico e' connaturato
            nell'esistenza


            stessa


            di



            questi



            soggetti..





            Ma la cosa divertente e' che questi
            meschini,


            prima intasano i motori di ricerca coi loro

            bot


            che sparano milioni di ricerche mirate a


            ripetizione, poi vanno a piangere

            lamentandosi


            che il mondo intero fa quelle ricerche,

            quando


            invece il 99% sono generate da loro


            stessi.



            Se anche solo l'1% delle ricerche fossero

            effettuate dai pirati, il dato sarebbe comunque

            allarmante! La pirateria deve sparire del
            tutto!


            @^
            ma questo e' facilissimo. occupate Malta.
            togliete internet. e rimanete tutti li' (tanto di
            piu' non siete nel mondo. quelli che non sono
            "pirati",
            intendo).Malta è troppo grande. Occupassero Andorra.
        • Lorenzo scrive:
          Re: richiesta di rimozione senza controllo
          tanto le copie dei dvd sottobanco non le venderai piu' lo stesso :P
  • Guybrush scrive:
    Ora ci vorrebbe un bel multone
    Per i danni causati a tutti gli altri attori della rete.80.000.000$ dovrebbero bastare.GT
    • Izio01 scrive:
      Re: Ora ci vorrebbe un bel multone
      - Scritto da: Guybrush
      Per i danni causati a tutti gli altri attori
      della rete.
      80.000.000$ dovrebbero bastare.

      GTSe la caveranno più probabilmente con 80.000$ allungati al politico o giudice di turno :-(
      • ... scrive:
        Re: Ora ci vorrebbe un bel multone
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: Guybrush

        Per i danni causati a tutti gli altri attori

        della rete.

        80.000.000$ dovrebbero bastare.



        GT

        Se la caveranno più probabilmente con 80.000$
        allungati al politico o giudice di turno
        :-(eh no! vendersi, d'accordo, ma se si abbassano i prezzi cosi' tanto, si svilisce l'istituzione stessa del vendersi. 800 mila o niente.
Chiudi i commenti