Chrome 76 renderà più semplice aggirare i paywall

Il prossimo aggiornamento di Chrome, alla versione 76, renderà più facile aggirare i paywall delle testate online navigando in modalità Incognito.

È trascorso solo qualche giorno dal rilascio della versione 75 (stabile), ma già è possibile guardare avanti per anticipare quelle che saranno le novità introdotte da Google in Chrome 76, grazie alla beta pubblicata ieri. Tra le più importanti un cambiamento destinato a non essere ben accolto dagli editori che si affidano ai paywall per rendere i loro articoli accessibili solo agli abbonati.

Chrome 76: modalità Incognito e paywall

Alcune testate online fanno affidamento sui cookie per identificare se il visitatore è in possesso di un account premium e se dunque ha il diritto di vedere i contenuti. Altre permettono di consultarne un numero limitato in forma gratuita, esaurito il quale l’accesso viene bloccato. Poiché navigando in modalità Incognito non è possibile eseguire lettura o scrittura dei file sul dispositivo dell’utente, chi gestisce i siti ha fino ad oggi fatto affidamento sulla capacità di identificarla controllando l’azione della FileSystem API del browser: questo non sarà più possibile.

In altre parole, con l’arrivo della prossima versione di Chrome (la release definitiva è attesa per il 30 luglio) gli script che si occupano di effettuare il controllo non otterranno alcun riscontro, dunque non sarà possibile stabilire se il visitatore naviga in modalità Incognito o meno. Il risultato è che i paywall potrebbero perdere almeno in parte la loro efficacia, almeno fino a quando i webmaster non troveranno un modo alternativo per impedire la lettura degli articoli ai non paganti.

Chrome 76: addio Flash

Chrome 76 disabiliterà inoltre Flash di default. Un ennesimo step del lungo percorso avviato ormai diversi anni fa. Gli utenti saranno comunque ancora in grado di riabilitarlo digitando “chrome://settings/content/flash” (senza virgolette) nella barra dell’indirizzo e agendo sul parametro mostrato.

Chrome: Progressive Web App e tema scuro

Ancora, un pulsante inserito nella Omnibox renderà più semplice installare le Progressive Web App e ai webmaster sarà consentito prevedere lo switch verso un layout con tema scuro per il sito aggiungendo poche righe di codice, così che lo stile dell’interfaccia possa essere adattato automaticamente sulla base delle preferenze di sistema.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: The Next Web
Chiudi i commenti