Chrome viola un brevetto israeliano

Lo sostiene Red Bend Software. Uno degli algoritmi di compressione usati da Google nel suo browser sarebbe utilizzato abusivamente. Nessun commento da Mountain View
Lo sostiene Red Bend Software. Uno degli algoritmi di compressione usati da Google nel suo browser sarebbe utilizzato abusivamente. Nessun commento da Mountain View

Google Chrome violerebbe un brevetto depositato nel 2003 da Red Bend Software, un’azienda israeliana che produce software per cellulari.

Il browser di BigG si serve di una tecnologia denominata Courgette per comprimere e inviare gli update. Il nodo della questione sarebbe da ricercare in un algoritmo che Google non solo avrebbe utilizzato senza autorizzazione , ma avrebbe anche distribuito liberamente i sorgenti essendo Chrome un software open source.

Secondo Red Bend Software a Mountain View erano da tempo a conoscenza del problema , e la mancanza di un intervento risolutivo ha spinto la società israeliana a rivolgersi a una corte del Massachusetts per ottenere giustizia. Dal Googlplex replicano invece di non aver ricevuto nessuna comunicazione in merito: al momento non è stato rilasciato alcun commento ufficiale sull’intera vicenda.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 10 2009
Link copiato negli appunti