Cina: Apple evita il ban di iPhone con un update

Un aggiornamento software per evitare il blocco alla vendita degli iPhone in Cina: Apple inizierà a distribuirlo la prossima settimana.

Nei giorni scorsi la notizia relativa al ban degli iPhone in Cina, dal 6S al modello X lanciato lo scorso anno. Il motivo è da ricercare nella violazione di due brevetti depositati da Qualcomm nel paese asiatico. Un nuovo capitolo nell’ormai lunga e complessa battaglia legale che vede fronteggiarsi il gruppo di Cupertino e quello di San Diego. Oggi la mela morsicata annuncia l’intenzione di rilasciare un aggiornamento software attraverso il quale evitare che venga bloccata la commercializzazione dei dispositivi.

Gli iPhone, la Cina e i brevetti Qualcomm

Il nodo della discordia è costituito da proprietà intellettuali riguardanti la modalità di gestione delle applicazioni sui display touchscreen e il sistema impiegato per il ridimensionamento delle fotografie catturate con gli smartphone. Le accuse mosse da Qualcomm alla fine del 2017 sono state ritenute fondate dalla corte di Fuzhou, portando così all’ordinanza che la scorsa settimana ha imposto il blocco delle importazioni nel paese asiatico per i telefoni della mela morsicata. Un potenziale duro colpo per il business di Apple, che in questo periodo già si trova a dover fare i conti con vendite al di sotto delle aspettative per le new entry del catalogo XS, XS Max e XR.

Se negli Stati Uniti il ban riguarda ormai da tempo una realtà cinese come Huawei (non solo per gli smartphone), in Cina un atteggiamento del tutto simile è stato assunto nei confronti di quello che è uno dei gruppi più importanti e maggiormente rappresentativi della Silicon Valley americana. Una sorta di guerra fredda tecnologica combattuta tra due superpotenze, una occidentale e l’altra orientale, facendo leva sugli enormi interessi economici che gravitano attorno alla commercializzazione dei prodotti e all’erogazione dei servizi.

Apple: un aggiornamento per evitare il ban

La misura riguarda i seguenti modelli di iPhone: 6S, 6S Plus, 7, 7 Plus, 8, 8 Plus e X (ne sono esclusi i più recenti XS, XS Max e XR). È dunque a questi dispositivi che sarà indirizzato l’aggiornamento citato in apertura, la cui distribuzione è prevista a partire dalla prossima settimana. Riportiamo di seguito, in forma tradotta, la breve dichiarazione affidata da Apple alle pagine di Reuters.

All’inizio della prossima settimana distribuiremo un update software per gli utenti iPhone in Cina, destinato alle funzionalità “minori” riguardanti i due brevetti citati nel caso.

Da verificare se attraverso un semplice update Apple sarà in grado di convincere il giudice cinese a revocare il blocco, permettendo così al gruppo di Cupertino di continuare a vendere i propri dispositivi in quello che per numero di potenziali clienti rappresenta il mercato più appetibile per i produttori hi-tech.

Fonte: Reuters

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti