Cina, mappatura quasi liberale

Il governo di Pechino ha annunciato che non bloccherà i servizi di mappatura delle aziende ancora sotto osservazione. Spiragli nei confronti di Microsoft e Google

Roma – In fatto di geopolitica la Cina ha sempre avuto le idee abbastanza chiare: nessuna mappa in circolazione se non previa autorizzazione da parte di Pechino. Fino a ora, solo aziende del calibro di Nokia e Baidu sono riuscite a passare le durissime prove di selezione predisposte dalla Repubblica Popolare. Le ultime notizie informano che i servizi di mappatura online condotti dalle aziende che hanno correttamente inoltrato le domande di autorizzazione non saranno bloccati: Google e Microsoft possono tirare un sospiro di sollievo.

Secondo l’ultimo regolamento in materia di mappatura geografica impartito da Pechino, è necessaria una licenza concessa dallo stato per procedere con i lavori . Il Dipartimento addetto ai rilevamenti topografici e alla mappatura geografica aveva così sottolineato che avrebbe bloccato tutti i siti giudicati “non idonei”, oltre a non rilasciare i permessi alle aziende che, dal primo luglio, presentano domande errate o parziali.

“Non indagheremo o bloccheremo i siti che hanno presentato le proprie richieste e che sono ancora al vaglio”, spiega l’Ufficio preposto attraverso una email inviata al quotidiano China Daily .
Secondo gli analisti si tratta di un segnale positivo lanciato nei confronti di Redmond e, in particolare, di Mountain View, i cui segnali di vita in Cina sono notoriamente deboli. Per Yan Xiaojia, analista presso Analysys International a Pechino, si tratta solamente di attendere, ma ci sono pochi dubbi sul fatto che entrambi i colossi IT riusciranno a ottenere i permessi.

Marsha Wang, portavoce di BigG in Cina, ha preferito non esprimersi sulla questione, limitandosi a ripetere che l’azienda è in trattative con il governo circa le modalità con le quali offrire un servizio di mappatura al paese.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo scrive:
    dimostrazione di debolezza
    Altro esempio di "tutti contro Android". E' vero che è una spina nel fianco di Google, ma è anche una clamorosa dimostrazione di debolezza da parte di MST APL RIM, che non potendo competere tecnicamente all'avanzata inarrestabile di Android, si stanno buttando su cause legali a 360°.
    • ruppolo scrive:
      Re: dimostrazione di debolezza
      - Scritto da: Paolo
      Altro esempio di "tutti contro Android". E' vero
      che è una spina nel fianco di Google, ma è anche
      una clamorosa dimostrazione di debolezza da parte
      di MST APL RIM, che non potendo competere
      tecnicamente all'avanzata inarrestabile di
      Android, si stanno buttando su cause legali a
      360°.HAHAHAHAHAHAHAHHAH!!!!Android è tutta FUFFA. La realtà è che i produttori di smartphone NON sanno fare smartphone, ma solo "phone", solo la FERRAGLIA. Quindi non hanno altra scelta che Android, se vogliono vendere tale ferraglia. Un eco sistema pernicioso, non virtuoso, esattamente come i PC e Windows.Android è un sistema che farà la fine di Symbian, un sistema presente oggi nella MAGGIOR PARTE degli "smartphone", ma di cui a nessuno interessa nulla: nessun software, nessun acXXXXXrio, nessun contenuto viene veicolato attraverso Symbian. Nemmeno all'utente interessa come si chiama il sistema operativo del suo cellulare che scatta foto e fa filmini.
      • Darwin scrive:
        Re: dimostrazione di debolezza
        - Scritto da: ruppolo
        HAHAHAHAHAHAHAHHAH!!!!

        Android è tutta FUFFA.La tua invece è tutta rosicata.Tranquillo....presto tornerete nella nicchia insieme a Sculley a vendere acqua colorata.
        La realtà è che i
        produttori di smartphone NON sanno fare
        smartphone, ma solo "phone",Phone esattamente come iPhone.
  • lul scrive:
    ho sbagliato mestiere e paese
    avrei dovuto fare l'avvocato negli usal'informatico in italia è una brutta combinazione
Chiudi i commenti