Cina, nuova corsa alla conquista dello spazio?

Gli States abbandonano il programma Shuttle, mentre la Cina sembra intenzionata a ripercorrere a tappe forzate la storica "corsa allo spazio" degli anni della Guerra Fredda

Roma – Mentre gli USA si avviano mestamente alla dismissione dello storico programma Shuttle , con una NASA in ambasce nel tentativo di far quadrare i bilanci assieme alla volontà di partire alla conquista umana di Luna e Marte, un nuovo protagonista asiatico si affaccia alla scena dell’esplorazione spaziale – con propositi belligeranti da vera e propria “corsa allo spazio” di storica memoria.

La Cina vuole affermare il suo nuovo ruolo di superpotenza mondiale anche nello spazio , e per raggiungere tale scopo si prepara a inviare sonde e astronauti sulla Luna in vista di obiettivi ancora più ambiziosi. Il primo rover lunare cinese dovrebbe allunare entro il 2013, mentre di astronauti si riparlerà entro il 2020.

In gioco c’è ovviamente molto più dell’esplorazione della Luna, dei pianeti e del Sistema Solare : “La leadership nello spazio è altamente simbolica delle capacità nazionali e dell’influenza internazionale – dice Scott Pace che ha amministrato NASA all’epoca di George W. Bush – e un declino della leadership nello spazio sarà avvertito come simbolico di un relativo declino della potenza e dell’influenza degli Stati Uniti”.

Per il loro nuovo ruolo di pionieri spaziali, le autorità cinesi starebbero preparando un programma spaziale nazionale capace di evolvere e adattarsi in relazione alle esperienze pregresse: i cinesi “stanno adottando un approccio passo-dopo-passo – sostiene un esperto di Janès Space Systems and Industry Peter Bond – prendendosi il loro tempo e migliorando gradualmente le proprie capacità. Stanno mettendo assieme tutti i pezzi di un’industria spaziale molto capace e avanzata”.

Dopo l’allunaggio, i cinesi progettano infatti di esplorare Marte, Venere e di inviare nello spazio una propria stazione spaziale nel 2020 – giusto in tempo per il ritiro definitivo dell’attuale Stazione Spaziale Internazionale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti