Codacons: spegnete il WiFi sul treno

Codacons: spegnete il WiFi sul treno

L'associazione ha chiesto la disattivazione della rete wireless nelle tratte ferroviare in cui è operativa. L'esposizione ai campi elettromagnetici, dice, supera le norme di legge
L'associazione ha chiesto la disattivazione della rete wireless nelle tratte ferroviare in cui è operativa. L'esposizione ai campi elettromagnetici, dice, supera le norme di legge

Una richiesta chiara e decisa: la disattivazione del WiFi sui treni per consentire una riduzione dell’esposizione ai campi magnetici da parte dei passeggeri. È l’appello lanciato dal Codacons ai Ministeri dell’Ambiente, della Salute e all’Arpa dopo la misurazione delle emissioni su due convogli.

Come si legge nella nota ufficiale, “sui treni italiani dotati di WiFi l’esposizione alle onde magnetiche ed elettromagnetiche supera complessivamente i limiti fissati dalla legge, e rappresenta pertanto un potenziale pericolo per la salute dei passeggeri”. La rilevazione condotta per conto dell’associazione in difesa dei consumatori è stata effettuata a bordo delle carrozze di Trenitalia e NTV , in particolare su un treno Frecciarossa in servizio tra Milano e Roma, e su un convoglio Italo operativo tra Roma Ostiense e Milano Porta Garibaldi.

Secondo i valori registrati, l’influenza elettromagnetica supererebbe i limiti del 588 percento sul Frecciarossa mentre Italo arriverebbe a più 6800 percento . Per questo motivo, è stato presentato un esposto alle alle Procure della Repubblica di Roma, Milano, Torino, Bologna e Firenze e agli organi di controllo competenti chiedendo , oltre all’ interruzione del servizio di connessione senza fili , che venga compiuto qualsiasi altro intervento volto a ottenere il rispetto delle soglie massime di esposizione magnetica ed elettromagnetica

I parametri considerati dal Codacons sono recepiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ( WHO ), i cui studi hanno inserito i campi nei quali agiscono le radiazioni elettromagnetiche all’interno del “Gruppo 2B”, ossia “potenzialmente cancerogene per gli individui”.

Cristina Sciannamblo

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 10 ott 2012
Link copiato negli appunti