Cogent Communications taglia il backbone in Russia

Cogent Communications taglia il backbone in Russia

Cogent Communications ha comunicato la sospensione di tutti i contratti con i clienti russi, bloccando l'accesso alla sua dorsale Internet.
Cogent Communications ha comunicato la sospensione di tutti i contratti con i clienti russi, bloccando l'accesso alla sua dorsale Internet.

Il governo ucraino ha chiesto di escludere la Russia da Internet per fermare la macchina della propaganda. Finora sono stati solo bloccati i media di stato in seguito al ban imposto dall’Europa. La decisione più drastica è arrivata da Cogent Communications. Il provider ha comunicato di aver interrotto l’accesso alla sua dorsale in Russia. Intanto SpaceX ha inviato altri terminali Starlink in Ucraina.

Cogent disconnette gli utenti russi

Cogent Communications fornisce connettività in oltre 50 paesi e trasporta il 25% del traffico Internet mondiale. Il provider statunitense ha comunicato che tutti i servizi in Russia sono stati sospesi a partire dal 4 marzo per rispettare le sanzioni imposte dall’Unione europea. In realtà le restrizioni sono relative esclusivamente a RT e Sputnik (due media di stato russi), ma Cogent ha tagliato l’accesso a tutti i clienti.

L’azienda statunitense ha sospeso tutti i contratti. Gli indirizzi IP verranno recuperati a partire dalla data di scadenza. Le apparecchiature dei clienti con contratto di colocation verranno spente e, se non ritirate entro 30 giorni, verranno rimosse dai rack e conservate in magazzino.

La disconnessione dal backbone non bloccherà completamente il traffico Internet, ma ci saranno congestioni dovute alla riduzione della larghezza di banda disponibile per la connettività internazionale. Il principale cliente di Cogent è Rostelecom. L’operatore gestito dallo stato può tuttavia sfruttare le reti di Vodafone, Telecom Italia Sparkle, Lumen e Arelion.

Gli attivisti dei diritti digitali hanno criticato la decisione di Cogent, in quanto tagliare l’accesso ad Internet impedirà ai cittadini di trovare online informazioni affidabili e di organizzare le proteste.

Il Ministro per la Trasformazione Digitale Mykhailo Fedorov ha chiesto ad Amazon e Cloudflare di interrompere la fornitura dei servizi cloud in Russia. Elon Musk ha invece respinto la richiesta di bloccare l’accesso al servizio Starlink. Il Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha comunicato che sono in arrivo altri terminali per la connessione satellitare.

Fonte: Kentik
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 mar 2022
Link copiato negli appunti