Con il telefonino si pagherà l'autostrada?

In un convegno di due giorni, la Regione Toscana illustra progetti e sviluppi della partecipazione al programma europeo Galileo. Il pedaggio autostradale è solo uno dei tanti servizi possibili
In un convegno di due giorni, la Regione Toscana illustra progetti e sviluppi della partecipazione al programma europeo Galileo. Il pedaggio autostradale è solo uno dei tanti servizi possibili


Firenze – Contanti, Viacard, Telepass, Cellulare. Ci sarà anche il telefonino nel futuro delle forme di pagamento al casello autostradale. E’ uno degli scenari ipotizzabili, e verosimili, del convegno La Toscana e il sistema informativo geografico – Risultati dei progetti e programmi di sviluppo”, in programma oggi e domani presso il Teatro di Rifredi di Firenze.

Organizzato dalla Regione Toscana con Anci Toscana, Uncem, Urpt, l’evento vuole spiegare risultati, progetti e sviluppi del Sistema Informativo geografico toscano. La regione dichiara di essere tra le prime in Europa a partecipare al programma europeo Galileo , il sistema GPS che, una volta ultimato, sarà formato da 30 satelliti “Made in UE” e fornirà dati e servizi geografici, contribuendo alla realizzazione di ulteriori servizi collaterali.

Tra questi la possibilità di utilizzare il telefono cellulare per pagare i pedaggi autostradali, leggere l’orario dei treni, avere dati di posizione geografica.

“Risultati e prospettive ? ha dichiarato l’assessore Riccardo Conti – che dimostrano che il governo del territorio non significa solo piani e vincoli, ma informazione e servizi che aiutano gli enti locali, i professionisti ed i cittadini. Le nuove tecnologie di gestione e diffusione delle cartografie e di localizzazione satellitare possono costituire una vera e propria “infrastruttura geografica” utilissima all’innovazione e allo sviluppo della Toscana”.

“Nella tavola rotonda con i rappresentanti dell’Esa, delle imprese, degli utenti, – prosegue l’assessore – ci confronteremo sui progetti che la Regione intende avviare, creando le infrastrutture a terra, per applicare in Toscana i nuovi servizi di Galileo che Unione Europea renderà disponibili sui futuri cellulari: l’orario multimodale bus-treno-areo-traghetti, la gestione on line delle flotte di bus, ambulanze, camion, il pagamento dei pedaggi sulle nuove autostrade regionali”.

Dario Bonacina

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 02 2006
Link copiato negli appunti