Contrappunti/ E poi il Search dominerà il mondo

di M. Mantellini - L'accordo tra Google, Bing e Twitter apre la strada alla ricerca nella vita digitale di tutti i navigatori. Con il rischio di mettere nelle mani di pochi il destino di molti

Roma – Le aspirazioni enciclopediche di Google sembrano ormai non avere confini. Non contenta di essere leader nella pubblicità in Rete, nelle ricerche sul web, nella digitalizzazione di testi e in tutta una serie di servizi che vanno dalla posta elettronica alle suite di produttività online, la casa di Mountain View, solo nelle ultime settimane, ha dato il via a Google Wave, una interfaccia collaborativa innovativa e molto caotica, si è spesa nel campo musicale, annunciando un sistema ibrido di search di musica in Rete che prenderà il nome di Google Discover Music ed ha allungato con convinzione il proprio interesse al mondo dei social network.

Nel corso del Web 2.0 di San Francisco Marissa Mayer di Google ha annunciato un accordo con Twitter per includerne i dati nei propri risultati di ricerca (ma la stessa cosa ha fatto Twitter con Bing di Microsoft) e ha presentato l’ennesimo nuovo prodotto dei Google Labs che prenderà il nome di Google Social Search.

Esiste da tempo una contraddizione di principio fra ricerche sul web e social network. Non è un caso se, per esempio, l’immensa quantità di informazioni contenute nei profili di Facebook, sono generalmente tenute lontane dai database dei motori di ricerca. La natura di questa contraddizione è tanto evidente quanto sacrosanta: la gran parte delle nostre attività sociali di Rete sono, per loro stessa essenza, attività sostanzialmente private.

Nel momento in cui grandi fette della vita di relazione in tutto il mondo si trasferiscono dai cassetti delle nostre scrivanie alla Rete è evidente che questa distinzione fra pubblico e privato acquista un valore sempre maggiore. Per la stessa ragione i progetti di social search andrebbero considerati pericolosi fino a prova contraria.

Secondo l’idea nata nei laboratori di Google sarà possibile limitare la ricerca per keywords ad un circolo limitato di utenti da noi stessi scelti, per poter raggiungere informazioni messe in Rete solo da questi contatti speciali. Il prossimo passo sarà probabilmente quello di includere nei risultati di ricerca i dati provenienti da Facebook (per ora Microsoft ha annunciato un accordo per includere nelle ricerche di Bing gli status update di Facebook) e a questo punto, quando la potenza delle ricerche sarà capace di scandagliare anche i luoghi privati della vita di Rete, il danno sarà probabilmente fatto.

Tutti sappiamo che al crescere della pervasività degli strumenti di Rete dovrebbe crescere la maturità degli utenti nel loro utilizzo. Questo ovviamente non è, e infatti oggi la grande leva commerciale di Facebook e le sue speranze per il futuro risiedono anche in questa “altrui inadeguatezza”, una scarsa attenzione ai propri dati che certamente potrà e dovrà ridursi nel tempo ma che è, in ogni caso, destinata a mantenersi molto diffusa. Da questo punto di vista le opzioni di privacy di default di Facebook assumono una doppia valenza: da un lato tutelano gli utenti dalla invadenza dei motori di ricerca, dall’altro consegnano a Facebook stesso la gestione futura di una simile montagna di informazioni. Una volta sperimentata la scarsa praticabilità della gestione di simili dati per creare canali di pubblicità targettizzata (il progetto Beacon, annunciato alla fine del 2007 poi precipitosamente abbandonato), oggi l’unica concreta ricchezza di Facebook risiede nella grande mole di informazioni che ogni giorno i suoi utenti caricano sulle sue pagine.

Contemporaneamente anche la lotta fra i motori di ricerca per l’accesso alle informazioni contenute nei social network travalica la necessità, da tutti oggi molto sentita, di raffinare la ricerca integrandola col racconto del “realtime web”: il prezzo da pagare è quello di accettare di indicizzare enormi quantità di dati se non privati, largamente irrilevanti, come per esempio gli aggiornamenti di stato di milioni di cittadini del pianeta.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ninjaverde scrive:
    AllaFaccia
    Alla faccia di "Crik e Crok"...o per meglio dire di Intel & Micro$oft...Con i Cinesi e Giapponesi siamo ad un passo in avanti! ;)
  • Sir Luca scrive:
    bah...
    Non mi sembra il massimo come soluzione...
    • nome e cognome scrive:
      Re: bah...
      - Scritto da: Sir Luca
      Non mi sembra il massimo come soluzione...Se Intel non si degna di darci usb 3.0 non ce altra soluzione... :D
  • fbassini scrive:
    Cosa fa il p55......
    ....se usb3 e sata 3 li gestiscono chip esterni al chipset gli rimane ben poco da fare....CiaoBas
    • mura scrive:
      Re: Cosa fa il p55......
      - Scritto da: fbassini
      ....se usb3 e sata 3 li gestiscono chip esterni
      al chipset gli rimane ben poco da
      fare....Gestisce le altre porte usb2 e sata2 oltre che una cosetta da niente come il bus pci-e con tutte le periferiche annesse e connesse, senza scordare dispositivi integrati come audio e lan ovviamente anch'essi connessi sul pci-e. Se per te questo è niente ...
  • pay the Bill scrive:
    non funziona su windows
    peccato.http://apcmag.com/usb_in_windows_7_more_reliable_but_no_30_speed_boost.htmper fortuna linux supporta questa tecnologia da tempo.(linux)
    • attonito scrive:
      Re: non funziona su windows
      - Scritto da: pay the Bill
      peccato.
      http://apcmag.com/usb_in_windows_7_more_reliable_bOvvio che su windows non funziona: non ci sono ancora i drivers.
      per fortuna linux supporta questa tecnologia da
      tempo. (linux)gia', meno male. Peccato che non ho NESSUNA intenzione di cambiare il ferro solo per beneficiare delle USB 3.0. Se ne parlera' tra 5-6 anni qunado cambiero' hardware.
      • scherzando scrive:
        Re: non funziona su windows
        semplice, la situazione attualmente è quesa: i driver per linux ci sono, per windows al momento no.cmq se intel decide di supportare ligth peak per l'usb 3 la strada si fa in salita (forse)
        • LuNa scrive:
          Re: non funziona su windows
          non serve a un tubo però lo supporta :)questa scheda è uno scherzo della natura, fuori standard di mercato. in'oltre, viene implementato usb 3.0 con controller al di fuori del chipset. bella roba. se windows non lo supporta è magari perchè nessuno ce l'ha. no ?
          • LaNberto scrive:
            Re: non funziona su windows
            so che non fa netiquette, ma davvero in'oltre non l'avevo mai visto :)
      • ninjaverde scrive:
        Re: non funziona su windows



        per fortuna linux supporta questa tecnologia da

        tempo. (linux)
        gia', meno male. Peccato che non ho NESSUNA
        intenzione di cambiare il ferro solo per
        beneficiare delle USB 3.0. Se ne parlera' tra 5-6
        anni qunado cambiero'
        hardware.Ma forse nel frattempo uscirà una scheda USB3 come area sucXXXXX con i Pc che avevano la USB 1 e poi sono uscite le schede aggiuntive USB 2...Suppongo sia possibile prossimamente... ovvio però che dipende dai produttori (se vogliono aspettare Intel & Micosoft o meno).
Chiudi i commenti