Contrappunti/ Il lettore immaginario

di Massimo Mantellini - Chi legge su web o su carta legge pressoché allo stesso modo, il lettore-internet non esiste. Una ricerca invita a pensarci bene prima di dichiarare quali siano i limiti della Rete

Roma – Da anni ormai “rubo” dal blog di Luisa Carrada e dal suo sito web Il mestiere di scrivere informazioni interessanti sulla scrittura ai tempi del web. Così qualche giorno fa un post di Luisa mi ha incuriosito più del solito. Il Poynter Institute ha appena pubblicato Eyetrack07 , uno studio molto approfondito sulle abitudini di lettura dei cittadini di quattro differenti città americane, comparando la lettura di quotidiani e settimanali sul web a quella su carta e traendone alcune indicazioni interessanti. Il dato più importante fra quelli ottenuti incrina una convinzione che in molti abbiamo mantenuto e contribuito a diffondere nel tempo: l’idea secondo la quale i testi lunghi e complicati siano poco adatti alla lettura online e siano meglio fruibili sul supporto cartaceo. Da questa convinzione, vecchia ormai di un decennio, sono poi discese tutte le teorie secondo le quali sul web occorra scrivere testi brevi e sintetici se non si vuole correre il rischio di essere completamente ignorati dal nuovo velocissimo e frenetico lettore-internet.

Ebbene oggi Poynter ci dice che questo lettore immaginario proprio non esiste. Che i 2/3 dei lettori online quando trovano una storia interessante la leggono fino in fondo anche se è lunga, a dispetto delle indicazioni sulla usabilità del testo sul web alle quali siamo abituati. L’altro dato interessante che esce da questo lavoro è il fatto che non esistono sostanziali differenze fra il leggere notizie online o su carta e che, per lo meno negli Stati Uniti, quando esistono, queste privilegiano l’utilizzo del mezzo elettronico.

Non è chiaro se simili nuove indicazioni vadano spiegate con un cambiamento delle abitudini di lettura online che si sono consolidate nel corso degli ultimi anni o se, come altre volte è accaduto, le nostre idee sulle modalità del comportamento umano, nel momento in cui si inizia ad utilizzare uno strumento radicalmente nuovo (come è accaduto nell’ultimo decennio con la rete Internet) fossero tanto incrollabili quanto errate. Abbiamo per esempio sostenuto per anni che la ragione principale del clamoroso insuccesso degli e-book fosse da ricercarsi nella nostra difficoltà ad abituarci alla lettura di lunghi testi su uno schermo e che quindi di pura barriera tecnologica si trattasse. E non è un caso che il mercato dei lettori di ebook si sia sostanzialmente bloccato in attesa di prodotti nuovi dall’interfaccia innovativa pensata per superare questo gap. Ma siamo sicuri che magari le ragioni del flop non fossero altre?

I preconcetti dell’era digitale sono almeno tanti quanti gli effettivi vantaggi che siamo in grado di riconoscere al volo.

Il lettore-internet secondo Poynter non esiste. Ed esistono anche differenze tutto sommato marginali fra tipi differenti di lettori, fra abitudini differenti di lettura. Poynter individua per esempio due tipi differenti di lettori: i lettori metodici e quelli “scanner”. I primi affrontano il testo dall’inizio, lo leggono tutto, magari fermandosi a rileggere alcuni punti per comprenderne meglio il significato, i secondi hanno comportamenti meno lineari, saltando di continuo fra notizie o parti di un articolo che li interessa. La ricerca indica che la lettura online stimola (seppur in maniera modesta) il comportamento “saltellante” dei lettori ma che questo è, in definitiva, molto più influenzato dal tipo di lettura nella quale ci si impegna.

Ormai alcune strade sembrano segnate: si legge più online che su carta, per lo meno come volume di informazioni e ci si è abituati ad una visione mista della composizione informativa nella quale testo ed immagini hanno, ciascuno per proprio conto, un preciso significato. Per esempio le foto in un articolo, se si decide di metterle – parrà banale – conviene metterle grandi.

Se da un lato le ricadute di un simile studio sono vigorosamente commerciali e servono agli editori per immaginare come comporre i propri prodotti e come bilanciare al meglio l’online con l’editoria cartacea (come ben sappiamo si tratta di un argomento centrale nel mondo dell’editoria negli ultimi tempi), dall’altra servono a noi lettori per capire che non tutto è pacifico nella nostra idea di utilizzo della rete Internet. Che i nostri comportamenti sono solo parzialmente mediati da ragioni emozionali sociali ed ambientali (la facilità per esempio della lettura su carta, un’abitudine assunta negli anni e data da tutti per scontata) ma che questi sono determinati anche da ragioni contingenti (la disponibilità, per esempio, di una biblioteca digitale immensa ed in buona parte di libero utilizzo a portata di mouse, a confronto con un mercato editoriale convenzionale sempre meno frequentato).

Ed anche – e soprattutto – simili analisi aiutano a sgretolare alcuni dei luoghi comuni che avvolgono la rete Internet, pregiudizi nati talvolta in rete, ma molto più spesso altrove, su come sia Internet, quali siano i suoi limiti e a cosa possa o non possa servire. Qualche cautela in più sembrerebbe oggi richiesta. A tutti. Guru dell’usabilità compresi.

Massimo Mantellini
Manteblog

Gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non ci siamo proprio
    160 GB sono troppo pochi per un notebook avanzato. Più di due anni fa c'erano già i 100 GB come quello che ho acquistato io.Vorrei un hard disk da almeno mezzo tera per il mio portatile....Dovevo cambiare il mio ma mi sa che aspetto ancora un po'. Mi sembra che in questo settore c'è stato un rallentamento notevole.
    • Anonimo scrive:
      Re: non ci siamo proprio
      MA scusa ma sul portatile con 500gb nn ci fai proprio un cavolo....prendi un bel box 3.5" firewire e sparaci 120euro di 500gb e vai col tango!
      • Anonimo scrive:
        Re: non ci siamo proprio
        - Scritto da:
        MA scusa ma sul portatile con 500gb nn ci fai
        proprio un cavolo....prendi un bel box 3.5"
        firewire e sparaci 120euro di 500gb e vai col
        tango!l'idea non è sbagliata, ma tiratelo dietro nella borsa...
      • Anonimo scrive:
        Re: non ci siamo proprio
        - Scritto da:
        MA scusa ma sul portatile con 500gb nn ci fai
        proprio un cavolo....prendi un bel box 3.5"
        firewire e sparaci 120euro di 500gb e vai col
        tango!Bisognerebbe capire che esigenza porta a desiderare 500 GB di HD interno su notebook.AFAIK un disco esterno (io ne ho uno con firewire/USB 2) non è un gioiello per rumorosità, velocità di comunicazione e carico CPU. Oltretutto per quei tagli funziona solo con alimentatore esterno collegato, quindi qualche vincolo di accesso lo hai rispetto al portatile con la sua batteria.Poi se uno di quei 500GB deve fare un decente backup... allora il disco esterno può essere l'unica soluzione con tempi d'esecuzione umani, tenendo conto che non stiamo parlando di server tenuti up h24.
        • Anonimo scrive:
          Re: non ci siamo proprio

          Bisognerebbe capire che esigenza porta a
          desiderare 500 GB di HD interno su
          notebook.
          Chiaramente metterci dentro tutti i giochetti crackati e le migliaia di MP3 e film scaricati da internet, che altro sennò ?!(newbie)
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio

            Chiaramente metterci dentro tutti i giochetti
            crackati e le migliaia di MP3 e film scaricati da
            internet, che altro sennò
            ?!
            O a quelli che "COOOME!!.. non dirmi che ancora non hai (scegliere a piacere) l'HD da 500GB sul portatileil televisore superfigo al plasmal'ultimo grido di telefoninoecc ecc:'(
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            No non ci siamo!Hai colto nel segno!sono 3-4 anni che gli HD non stanno tenendo il passo degli altri componenti, tanto è vero che ora vengono minacciati dagli HD a stato solido!Ma vi rendete conto che per meno di 50 Euro si incominciano a vedere delle chiavette USB VELOCI da 8 Gb?Cosa assolutamente impensabile solo due anni fa!Di questo passo gli HD a piattelli verranno fatti fuori e non in tempi biblici, ma nel giro di 3-4 anni.
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            - Scrit
            Di questo passo gli HD a piattelli verranno fatti
            fuori e non in tempi biblici, ma nel giro di 3-4
            anni.Prevedibile un boom di iscrizioni di informatici ai corsi di tiro al piattello...(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            - Scritto da: Enjoy with Us
            No non ci siamo!
            Hai colto nel segno!
            sono 3-4 anni che gli HD non stanno tenendo il
            passo degli altri componenti, tanto è vero che
            ora vengono minacciati dagli HD a stato
            solido!
            Ma vi rendete conto che per meno di 50 Euro si
            incominciano a vedere delle chiavette USB VELOCI
            da 8
            Gb?
            Cosa assolutamente impensabile solo due anni fa!
            Di questo passo gli HD a piattelli verranno fatti
            fuori e non in tempi biblici, ma nel giro di 3-4
            anni.ma magari!
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio


            Bisognerebbe capire che esigenza porta a

            desiderare 500 GB di HD interno su

            notebook.



            Chiaramente metterci dentro tutti i giochetti
            crackati e le migliaia di MP3 e film scaricati da
            internet, che altro sennò
            ?!

            (newbie)per la cronaca lavoro nel settore audio-video, ecco perchè mi servirebbe quella capacità. Dovete sempre pensare male :
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            Dell'audio e video ahhhhmp3 e divx... (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            - Scritto da:
            Dell'audio e video ahhhh
            mp3 e divx... (rotfl) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ @^
          • Anonimo scrive:
            Re: non ci siamo proprio
            l'unica cosa che ti posso consigliare è un portatile da 2500euri con doppio hd dentro :D o un 17 tranquillo dove ci sbatti dentro un disco 3.5"..però si parla di soldi e ingombro :D
  • Anonimo scrive:
    VA BENE PER UPGRADE HDD MACBOOK PRO?
    come da titolo.grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: VA BENE PER UPGRADE HDD MACBOOK PRO?
      - Scritto da:
      come da titolo.
      grazieOvvio che si, la misura è scritta chiaramente ed è di 2,5".
      • Anonimo scrive:
        Re: VA BENE PER UPGRADE HDD MACBOOK PRO?
        thanks(idea)
        • IL RE DEI TROLL scrive:
          Re: VA BENE PER UPGRADE HDD MACBOOK PRO?
          - Scritto da:
          thanks

          (idea) e' logico che funzioni 8)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2007 00.44-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: VA BENE PER UPGRADE HDD MACBOOK PRO?
            Modificato dall' autore il 02 aprile 2007 00.44
            --------------------------------------------------Sua maestà suprema (troll3), grazie per il prezioso contributo.Adessi torni pure a ricompilare il kernel !!!
  • Anonimo scrive:
    Ottimo
    Mi Pareva un pò strano che l'Hitachi 100GB 7200rpm (che monta il mio Latutude) fosse dopo quasi 2 anni l'unico HDD con quei rpm..Finalmente ci mobilitiamo anche su questo settore.. Ottimo..
Chiudi i commenti