Copyright, nuvole nere su Amazon

Le major all'attacco del nuovo servizio musicale in the cloud. Amazon non avrebbe siglato accordi di licenza per l'archiviazione dei brani online. Ma Cloud Drive sarebbe pari ad un comune hard disk

Roma – C’è chi ha sottolineato come il nuovo servizio musicale in the cloud di Amazon abbia già sollevato un vespaio di polemiche, scatenando un’agguerrita battaglia sul licensing di milioni di brani archiviati dagli utenti del retailer statunitense .

Al centro della bufera è così finita la piattaforma Cloud Drive , che permette a tutti gli utenti di Amazon di caricare i propri brani tra i vasti cieli del cloud computing , prima di poterli ascoltare in streaming su qualsiasi dispositivo connesso alla Rete.

Una vera e propria pioggia di musica, a partire dai 5 GB di spazio gratuito inizialmente offerti dalla società di Jeff Bezos. Ma i rappresentanti legali delle grandi sorelle del disco non sembrano aver affatto apprezzato questa nuova modalità di distribuzione.

Amazon non ha siglato alcun contratto di licenza per l’archiviazione in the cloud dei brani, dal momento che si tratta di file legalmente acquistati dagli utenti e poi riversati in uno spazio vuoto offerto dal servizio Cloud Drive .

Per le major, Amazon sarebbe responsabile di violazione massiva del copyright. Avrebbe cioè bisogno di una specifica licenza per permettere ai suoi utenti di archiviare musica online , per poi riprodurla su qualsiasi altra tipologia di device .

Gli alti vertici del retailer a stelle e strisce hanno ora scritto una lettera aperta alle varie major, sottolineando come in appena due settimane il servizio Cloud Drive abbia fatto innalzare il livello globale di musica venduta in formato mp3 .
Come a dire: perché lamentarsi per questioni – in questo caso nemmeno inquadrate perfettamente a livello legale – di licensing quando il nostro servizio spinge verso l’aumento delle vendite di musica legale?

Amazon non ha tuttavia quantificato questo aumento delle vendite, rimarcando la sua intenzione di non siglare alcun contratto specifico di licenza. Lo spazio a disposizione degli utenti resterebbe alla pari di quello offerto da un comune hard drive .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cobra Reale scrive:
    Su Ubuntu aggiornarlo è facile
    Se gli aggiornamenti automatici non sono attivati, basta aprire Synaptic, poi aggiornare la lista dei pacchetti, selezionare gli aggiornamenti disponibili (basta un clic) ed infine applicarli. Verrà aggiornato anche Opera, lo sto provando e non sembra affatto male :)
    • lantaca scrive:
      Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
      Ma Opera ha la funzione di aggiornamento incrementale? perché in azienda non posso scaricare file .exe e quindi non lo posso aggiornare scaricando il programma da capo.Se non avesse questa funzione sarebbe una grave mancanza.Ho windows xp-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 aprile 2011 09.31-----------------------------------------------------------
      • Cobra Reale scrive:
        Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
        Modificato dall' autore il 14 aprile 2011 09.31
        --------------------------------------------------Si dovrebbe disabilitare temporaneamente quella estrizione, per poi riattivarla subito dopo averlo scaricato. Credo che con Windows non vi siano alternative.
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
        Modificato dall' autore il 14 aprile 2011 09.31
        --------------------------------------------------
        • mimmuccio bello scrive:
          Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
          - Scritto da: Joliet Jake
          Non vedo perchè debbe essere una "grave mancanza"
          visto che il tuo caso non mi sembra molto
          standard...

          Ma soprattutto, nel 2011 ancora le aziende
          mettono su 'sti blocchi assurdi?Purtroppo molte aziende lo fanno perchè hanno a che fare con dipendenti dal quoziente intellettivo prossimo allo zero...
      • Pallino Pinco scrive:
        Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
        non c'è bisogno di scaricare file exe, vai dal menù impostazioni
        aiuto
        ricerca aggiornamenti.
        • lantaca scrive:
          Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
          ha, ecco, allora c'è il download incrementale... volevo vedere che no ci fosse.Grazie. Sto incominciando a usare Opera e a confrontarlo con chromium.Anche se come motore webkit mi pare ancora superiore, co sono delle chicche di opera che tutti gli altri non hanno: esiste la versione per qualunque dispositivo mobile, e la sincronizzazione dei preferiti quindi diventa facile facile...
    • Pallino Pinco scrive:
      Re: Su Ubuntu aggiornarlo è facile
      a me dava uno strano errore di chiavi pgp, ho dovuto fare come dice qui:http://wiki.ubuntu-it.org/Cestino/GestioneChiaviPgpcomunque esteticamente contro windows non regge il contronto, la trasparenza delle finestre di seven è troppo avanti... spero che con gnome3 cambierà qualcosa...
  • Pallino Pinco scrive:
    L'unico problema di opera...
    sono le applicazione flash complesse (aka cityville, farmville e simili) che non hanno mai funzionato come dovrebbero, e con pessime prestazioni rispetto all'unico concorrente che gli sta davanti in questo campo, ovvero chrome... veramente, è incredibile che le applicazioni in flash siano così smooth in chrome rispetto agli altri browser, anche se odio Google sono costretto a tenere installato il suo browser solo per quel motivo...
    • Antonio Serino scrive:
      Re: L'unico problema di opera...
      è ottimo, ma yahoo mail non l'ha mai visualizzata bene ed è quella che uso
    • Joliet Jake scrive:
      Re: L'unico problema di opera...
      - Scritto da: Pallino Pinco
      sono le applicazione flash complesse (aka
      cityville, farmville e simili) che non hanno mai
      funzionato come dovrebbero, e con pessime
      prestazioni rispetto all'unico concorrente che
      gli sta davanti in questo campo, ovvero chrome...

      Mah... Io uso Opera da anni e mi funziona benissimo ed è veloce (molto più di FF ad esempio) con animazioni e giochi flash dentro e fuori Facebook.Forse era vero anni fa, ma tutte le utlime versioni funzioonano perfettamente...
      • Pallino Pinco scrive:
        Re: L'unico problema di opera...
        Ovvio che FF è peggio (c'è forse qualcosa in cui FF e ie sono meglio? :)) infatti parlavo di chrome...
Chiudi i commenti