Cracker ruba 830.000$ dal gioco Aurory di Solana

Cracker ruba 830.000$ dal gioco Aurory di Solana

L'attacco cracker al gioco Aurory ha gettato nuove ombre sulla sicurezza nel comparto: serve attenzione ai token sui quali investire.
Cracker ruba 830.000$ dal gioco Aurory di Solana
L'attacco cracker al gioco Aurory ha gettato nuove ombre sulla sicurezza nel comparto: serve attenzione ai token sui quali investire.

L’assalto informatico al gioco Aurory di Solana ha creato delle increspature nell’ecosistema della sicurezza informatica. È stato riferito che un hacker è riuscito a portare via con astuzia un’ingente somma di 830.000$ di token dal gioco Aurory di Solana.

Questa violazione sottolinea le persistenti difficoltà incontrate dalle reti distribuite nel garantire la sicurezza delle finanze degli utenti e nel proteggersi dai rischi informatici di alto livello.

Inoltre, sottolinea il fatto che Solana sta entrando in una fase di euforia, in quanto questi hack su larga scala avvengono solitamente al culmine del ciclo locale di una criptovaluta.

In altre notizie, la prevendita di InQubeta sta avanzando rapidamente, pronta a superare presto gli 8 milioni di dollari. Potrebbe anche essere la preferita dagli investitori alla ricerca di quale criptovaluta in cui investire.

L’attacco informatico al gioco Aurory

Ultimamente, Solana è stata elogiata per le sue transazioni veloci ed economicamente efficienti ed è diventata il registro di criptovalute preferito per le applicazioni non centralizzate e le piattaforme di gioco.

Purtroppo questa popolare piattaforma ha subito una significativa violazione della sicurezza quando un criminale non riconosciuto si è appropriato di 830.000 $ di asset digitali.

Il colpo ha riguardato le falle nella sicurezza del contratto programmabile del gioco Aurory, che ha permesso all’hacker di approfittare degli account e dei fondi degli utenti.

La somma illegittimamente sequestrata consiste in varie valute virtuali, tra cui la moneta nativa di Solana (SOL), che attualmente è considerata una delle migliori criptovalute in cui investire. Speriamo che questa notizia non cambi le cose per i massimi investitori di SOL.

L’impennata di InQubeta verso gli 8 milioni di dollari

InQubeta (QUBE) non è una normale criptovaluta, ma una nuova piattaforma fresca e audace che punta a una riprogettazione totale dei tipici progetti di AI. Grazie alla sua esclusiva piattaforma di crowdfunding e i token QUBE, InQubeta offre un processo di investimento per i sostenitori appassionati della crescita e del successo delle startup di AI.

InQubeta si trova all’intersezione tra AI e criptovalute, creando un ecosistema di investimento trasparente, sicuro e democratico che favorisce la crescita e il successo delle startup AI. Offrendo opportunità di investimento frazionato e utilizzando le NFT, InQubeta apre nuove strade agli investitori per sostenere e partecipare all’entusiasmante rivoluzione dell’AI.

Utilizzando la blockchain e gli smart contract, il marketplace NFT di InQubeta permette alle startup di AI di raccogliere fondi offrendo NFT basati su ricompense e azioni. Gli investitori possono investire con estrema facilità in tutti i progetti in cui credono, creando un ecosistema simbiotico che porta benefici a entrambe le parti. La natura deflazionistica del token QUBE, con una tassa di acquisto e di vendita del 2% che viene versata al wallet di burning, garantisce che il valore del token aumenti nel tempo. Inoltre, una tassa di vendita del 5% contribuisce a una pool di ricompense dedicata, consentendo agli investitori di guadagnare ricompense staking i loro token.

Visita la prevendita di InQubeta

Conclusione

La violazione del gioco Aurory ricorda in modo eclatante le difficoltà che caratterizzano la lista delle criptovalute decentralizzate e sottolinea ulteriormente la necessità di misure di sicurezza solide per proteggere gli investimenti degli utenti.

Inoltre, InQubeta continua la sua tendenza al rialzo, piantando potenti semi nel settore dell’AI e aiutandoli a crescere.

 

 

In collaborazione con LocxLabs

Punto Informatico non accetta alcuna responsabilità per eventuali errori su questo sito Web (comprese omissioni o materiale inesatto). Punto Informatico non è altresì responsabile per eventuali perdite derivanti da trading o investimento subite dai visitatori.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 dic 2023
Link copiato negli appunti