Crittografia end-to-end anche per Zoom Phone

Crittografia end-to-end anche per Zoom Phone

Il servizio cloud VoIP Zoom Phone supporta la crittografia end-to-end per le chiamate one-to-one tra due utenti che usano lo stesso account aziendale.
Il servizio cloud VoIP Zoom Phone supporta la crittografia end-to-end per le chiamate one-to-one tra due utenti che usano lo stesso account aziendale.
Guarda 21 foto Guarda 21 foto

Da metà ottobre 2020, tutti gli utenti possono sfruttare la crittografia end-to-end (inizialmente era previsto solo per gli abbonati) durante i meeting. Ora la funzionalità è disponibile per Zoom Phone, il servizio VoIP aziendale che ha superato le 3 milioni di postazioni. Prossimamente verrà supportata anche dalle Breakout Rooms, la funzionalità che permette di dividere le riunioni in sessioni separate.

Crittografia end-to-end per Zoom Phone

Zoom Phone è un servizio cloud VoIP che permette alle aziende di avere un sistema telefonico avanzato con numerose funzionalità, tra cui trasferimento, inoltro, registrazione e blocco delle chiamate. L’azienda californiana ha aggiunto ora l’opzione per attivare la crittografia end-to-end (E2EE) durante le chiamate. In questo modo la comunicazione verrà cifrata con una chiave nota solo ai dispositivi del chiamante e del chiamato. Eventualmente gli utenti possono verificare lo stato E2EE mediante un codice di sicurezza.

Per utilizzare la funzionalità è necessario soddisfare alcuni requisiti minimi:

  • l’account admin deve attivare la crittografia end-to-end sul portale web
  • gli utenti devono utilizzare lo stesso account Zoom aziendale e possono effettuare solo chiamate one-to-one
  • entrambi devono usare i client desktop e mobile (non sono supportate le chiamate PSTN)
  • entrambi devono disattivare la registrazione automatica delle chiamate

Come detto, la crittografia end-to-end è disponibile per i meeting da metà ottobre 2020. In alcuni casi è utile dividere la riunione in gruppi più piccoli con Breakout Rooms. Al momento la funzionalità è incompatibile con la E2EE, ma presto sarà possibile sfruttarla anche con le Breakout Rooms, ognuna delle quali avrà la sua chiave separata.

Fonte: Zoom
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 lug 2022
Link copiato negli appunti