Datagate, in Europa dilaga il sospetto

Il cancelliere tedesco Angela Merkel chiede spiegazioni sulle presunte intercettazioni del suo dispositivo mobile. Mentre l'ombra del tecnocontrollo si allunga sulla Spagna, il Parlamento Europeo blocca la fornitura di dati bancari al Tesoro USA

Roma – Le rivelazioni dalla rivista tedesca Der Spiegel , sulla telefonata del cancelliere Angela Merkel alla Casa Bianca di Washington. Da anni, l’intelligence statunitense avrebbe intercettato le comunicazioni private del primo ministro a Berlino , tenendo sotto controllo il suo dispositivo mobile personale nell’esteso programma di sorveglianza digitale adottato dalla National Security Agency (NSA).

Rappresentato da un suo portavoce, il cancelliere federale ha chiesto chiarimenti al Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che ha immediatamente smentito qualsiasi forma di intercettazione a mezzo telefonico nei confronti di Merkel. “Sarebbe una grave violazione dei nostri rapporti di fiducia – ha spiegato il portavoce tedesco – Pratiche di questo tipo dovrebbero essere immediatamente interrotte”.

Da un’analisi condotta dall’agenzia teutonica Federal Intelligence Service (BND), il governo di Berlino sembra invece sufficientemente convinto della plausibilità delle operazioni di tecnocontrollo da parte di Washington. Nella sua telefonata alla Casa Bianca, Merkel ha chiesto al governo USA di consegnare tutti i dettagli sul programma PRISM relativo agli utenti tedeschi .

Dopo il polverone sollevato da Le Monde sulle intercettazioni in Francia , il governo italiano ha ribadito la necessità di verifica delle eventuali attività di violazione della privacy a danno degli utenti tricolore. Il premier Enrico Letta ha incontrato il Segretario di Stato John Kerry trovando un atteggiamento cooperativo.

A livello europeo, i sospetti verso le attività di PRISM si diffondono con le indiscrezioni lanciate dal grande quotidiano spagnolo El Pais , in contatto con l’intelligence iberica per la presunta intercettazione di milioni di telefonate, SMS e messaggi di posta elettronica. Il governo spagnolo ha intenzione di chiedere chiarimenti agli Stati Uniti, per il rastrellamento di massa dei metadati – dalla durata delle chiamate all’elenco di mittenti e destinatari – relativi alle comunicazioni private dei suoi cittadini.

Con 280 voti favorevoli e 254 contrari, il Parlamento Europeo ha stabilito la sospensione dell’accordo con gli Stati Uniti per la condivisione di dati nel Terrorist Finance Tracking Program ( TFTP ). In questo modo, il Tesoro USA non avrà più accesso agli archivi europei di SWIFT , che tengono traccia delle transazioni bancarie a livello internazionale.

Negli Stati Uniti, invece, una coalizione di giornalisti, attivisti e membri dello show business – dal regista Oliver Stone all’attore John Cusack – ha avviato la campagna Stop Watching Us per chiedere al governo federale di bloccare immediatamente la raccolta di dati nel rispetto della privacy di quei cittadini non affatto coinvolti in attività sospette. Con il supporto di Electronic Frontier Foundation (EFF), i protagonisti del video di protesta hanno messo a confronto la gestione di NSA con lo scandalo Watergate e i crimini commessi dall’amministrazione di Richard Nixon.

Sul fronte delle diefse che il cittadino può scegliere di imbracciare, invece, in un lungo e dettagliato articolo pubblicato dalla testata specializzata TorrentFreak , numerosi provider di servizi VPN (Virtual Private Network) hanno spiegato il livello di sicurezza delle connessioni anonime, mai capaci di garantire il 100 per cento di tutela nei casi di cifratura delle informazioni trasmesse . Il servizio VPN CryptoSeal Privacy, dopo il caso Lavabit , ha preferito chiudere piuttosto che rischiare di dover consegnare le sue chiavi di cifratura all’intelligence a stelle e strisce.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Lutto nel mondo dell'home video
    Un grave lutto ha colpito il mondo dell'home video.Nel fine settimana e' mancato Kadir Nurman, di 80 anni, inventore del kebab.http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2013/10/26/Germania-morto-inventore-doner-kebab_9525855.htmlCon l'avvento del digitale e la diffusione della banda larga, il nuovo kebab standard ha iniziato a sostituire i negozi di vhs.Pian piano simpatici individui dai tratti mediorientali e dai modi gentili hanno iniziato a prendere il posto di padani rancorosi e poco istruiti, introducendo il nuovo standard kebab derivato direttamente da una bobina di betamax sormontata da un'asta con infilata della carne, che viene riavvolta di continuo.La principale innovazione delle nuove botteghe e' stata la CONSEGNA A DOMICILIO senza obbligo di riconsegna dopo la visione, e dei prezzi decisamente piu' concorrenziali rispetto alle gestioni precedenti.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    MediaHuman Youtube to MP3 Converter
    http://www.mediahuman.com/youtube-to-mp3-converter/
  • Pallo Pinco scrive:
    I soliti reazionari
    Queste notizie mi convincono sempre più che la lotta alla pirateria sia una malcelata lotta al progresso. Alcuni sono riusciti ad acchiappare il treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i loro brani on line a pochi euro e riuscendo ad ottenere un fatturato; altri vorrebbero continuare ad imporre vetusti modelli commerciali (spiegatemi perché se voglio comprare un solo brano, devo beccarmi un intero CD che ne contiene altri che non mi interessano) portano avanti la crociata contro i consumatori, all'occorrenza bollati come pirati per comprimere la loro libertà di scelta.
    • krane scrive:
      Re: I soliti reazionari
      - Scritto da: Pallo Pinco
      Queste notizie mi convincono sempre più che la
      lotta alla pirateria sia una malcelata lotta al
      progresso. Alcuni sono riusciti ad acchiappare il
      treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i
      loro brani on line a pochi euro e riuscendo ad
      ottenere un fatturato; altri vorrebbero
      continuare ad imporre vetusti modelli commerciali
      (spiegatemi perché se voglio comprare un solo
      brano, devo beccarmi un intero CD che ne contiene
      altri che non mi interessano) portano avanti la
      crociata contro i consumatori, all'occorrenza
      bollati come pirati per comprimere la loro
      libertà di scelta.Stessa cosa gia' accaduta durante la diffusione dell'automobile con gli allevatori di cavalli che si stracciavano le vesti, niente di nuovo e tra un po' accadra' di nuovo con autisti, taxisti, guidatori vari.
      • Allibito scrive:
        Re: I soliti reazionari
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Pallo Pinco

        Queste notizie mi convincono sempre più che
        la

        lotta alla pirateria sia una malcelata lotta
        al

        progresso. Alcuni sono riusciti ad
        acchiappare
        il

        treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i

        loro brani on line a pochi euro e riuscendo
        ad

        ottenere un fatturato; altri vorrebbero

        continuare ad imporre vetusti modelli
        commerciali

        (spiegatemi perché se voglio comprare un solo

        brano, devo beccarmi un intero CD che ne
        contiene

        altri che non mi interessano) portano avanti
        la

        crociata contro i consumatori, all'occorrenza

        bollati come pirati per comprimere la loro

        libertà di scelta.

        Stessa cosa gia' accaduta durante la diffusione
        dell'automobile con gli allevatori di cavalli che
        si stracciavano le vesti, niente di nuovo e tra
        un po' accadra' di nuovo con autisti, taxisti,
        guidatori
        vari.PERCHE' CONTINUATE A CONFONDERE IL PROGRESSO CON LE VIOLAZIONI DELLA LEGGE? Nessuno vuole intralciare il progresso, i modi di fruizione di opere d'ingegno si evolveranno sempre ma non dimenticare che è chi detiene i diritti a scegliere come divulgare le proprie opere e non certi soggetti che ne ne appropriano e guadagnano sul lavoro. Mettetevi in testa che chi mette su siti pirata è un delinquente che sfrutta l'ignoranza e la noncuranza dell'utente finale che pur di avere il suo filmetto o il brano musicale, fa finta di non capire da che parte stanno i buoni. Uno produce e lavora, l'altro sottrae e specula senza pagare nessuno... come si fa ad avere dubbi?
        • cicciobello scrive:
          Re: I soliti reazionari

          PERCHE' CONTINUATE A CONFONDERE IL PROGRESSO CON
          LE VIOLAZIONI DELLA LEGGE?Questo capita quando la legge non è adeguata ai tempi.Ad esempio, anni fa la legge ostacolava il progresso della telematica perchè per poter avere un modem era obbligatorio avere la licenza di utente telegrafico (legge che aveva senso per gli uffici che avevano le telescriventi, tanto erano pochi, ma non aveva nessun senso per i privati)
          Nessuno vuole
          intralciare il progresso, i modi di fruizione di
          opere d'ingegno si evolveranno sempre ma non
          dimenticare che è chi detiene i diritti a
          scegliere come divulgare le proprie opereFinchè sono sue, sì; ma se le vende non sono più sue. Quando l'opera era indissolubilmente legata al supporto materiale, le leggi attuali avevano senso, ma adesso non più.
          e non
          certi soggetti che ne ne appropriano e guadagnano
          sul lavoro.Scusa, se compri una cosa avrai il diritto di appropriartene o no? È tua o no?
          Mettetevi in testa che chi mette su
          siti pirata è un delinquente che sfrutta
          l'ignoranza e la noncuranza dell'utente finale
          che pur di avere il suo filmetto o il brano
          musicale, fa finta di non capire da che parte
          stanno i buoni.Per l'utente finale i buoni sono quelli che gli regalano qualcosa, i cattivi sono quelli che gliela vogliono togliere.Tu che cosa hai da offrire di buono all'utente finale? Cosa fai di utile per l'utente finale? Cosa gli dai in più rispetto al gestore del sito?
          Uno produce e lavora, l'altro
          sottraeSe qualcuno ti sottrae qualcosa, tu non ce l'hai più. Ti sono per caso spariti dei brani di musica o dei film?
          e specula senza pagare nessuno... come si
          fa ad avere
          dubbi?Tu cosa produci?Mettiamola in questo modo: se tu entri in sciopero (perchè sei stufo di vedere che la gente non ti paga), l'utente finale ci rimette qualcosa? Se sì, cosa? Cosa fai di utile per lui?
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: I soliti reazionari
          - Scritto da: Allibito
          PERCHE' CONTINUATE A CONFONDERE IL PROGRESSO CON
          LE VIOLAZIONI DELLA LEGGE?Perché il progresso è sempre andato contro la legge.Basti pensare alla stampa a caratteri mobili, che ha eliminato il lavoro dei copisti e ha introdotto una nuova figura: i tipografi.I copisti, che erano religiosi, lanciarono invettive contro questo strumento del demonio, scomunicando e bruciando sul rogo i libri che avevano permesso a tutti i non analfabeti di dire quello che volevano.Col risultato che le prime Bibbie stampate arrivarono molto tempo dopo.Con l'invenzione della radio, i produttori di dischi e cilindri si lamentavano che la gente ascoltava la musica gratis con la radio e spesso anche con qualità molto migliore visto che spesso si eseguiva dal vivo per la radio (la radio, anche AM, suonava meglio dei primi cilindri e dischi).Con il videoregistratore, il presidente della MPAA disse che il videoregistratore sta ad Hollywood come lo strangolatore di Boston sta ad una donna sola. E tentarono di fare di tutto per rendere illegale questo nuovo strumento. Persero la causa ma la Sony di fatto perse la battaglia commerciale perché il Betamax venne attaccato duramente dalle major. La JVC vinse con il VHS, che aveva una qualità nettamente inferiore e per anni ci siamo tenuti quei cassettoni neri grossi una volta e mezzo i betamax e che si vedevano molto peggio (ovviamente c'erano anche altri problemi che decretarono la vincita del VHS, su tutti il fatto che <b
          non fosse coperto da royalties </b
          , la JVC permise a tutti gli altri di produrre videoregistratori e videocassette VHS senza dover corrispondere un centesimo alla JVC; la Sony invece deteneva il brevetto e pretese le royalties da tutti gli altri produttori: questo fu un colpo maggiore che non la stessa causa, che comunque Sony alla fine vinse).In anni più recenti l'abbiamo visto con la musica, la RIAA fece causa alla Diamond Multimedia perché quest'ultima produsse il primo lettore mp3 portatile (1998), pretendendo che questo non venisse commercializzato. La causa fu (nemmeno tanto ovviamente) persa dalla RIAA e oggi tutti abbiamo i lettori mp3 in tutte le forme e dimensioni, integrati dentro i cellulari e lettori multimediali, ecc.. Fino al lettore della Diamond, gli mp3 si sentivano solo tramite computer.Successivamente poi si sono viste le battaglie contro Napster (2000), eDonkey (2001) e tutto quello che è arrivato dopo, la decentralizzazione dei server, i protocolli di offuscamento, Freenet, TOR, I2P e tutto il resto.
          Nessuno vuole
          intralciare il progresso,NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO... tutti gli esempi citati qui sopra dimostrano che chi ha in mano la tecnologia precedente combatte e lotta sempre contro la tecnologia nuova, iniziando battaglie legali, lobbismo sui politici per far fare le leggi a suo favore, e perdendo poi, nei fatti, miseramente dopo un tempo ragionevolmente breve. E questo solo perché la gente accetta il progresso molto più rapidamente di chi dovrebbe invece essere solo felice di cavalcarlo.Lo stesso fatto che invece di fare subito Spotify in risposta a Napster hanno voluto lottare contro Napster.Netflix dove è sbarcato ha fatto piazza pulita e milioni di abbonati. In Italia non sbarca perché ci sono proprio quelli come te che non vogliono che arrivi.
          i modi di fruizione di
          opere d'ingegno si evolveranno sempre ma non
          dimenticare che è chi detiene i diritti a
          scegliere come divulgare le proprie opere e non
          certi soggetti che ne ne appropriano e guadagnano
          sul lavoro.Gli unici che dovrebbero guadagnare sono gli autori e non lo fanno, chi si appropria e guadagna sul lavoro altrui sono le major.E' per questo che stanno prendendo sempre più piede altre forme, come le donazioni (che arrivano direttamente agli autori) o i gadget e le sponsorizzazioni (che arrivano agli autori in percentuali molto più alte).
          Mettetevi in testa che chi mette su
          siti pirata è un delinquente che sfrutta
          l'ignoranza e la noncuranza dell'utente finale
          che pur di avere il suo filmetto o il brano
          musicale, fa finta di non capire da che parte
          stanno i buoni.Il buono è chi mi dà gratis.Non mi importa se lui ci guadagna, se per me è gratis mi va bene.Per la musica, Spotify è già così.Se per i film le major non l'hanno fatto, non è certo un mio problema.
          Uno produce e lavora, l'altro
          sottrae e specula senza pagare nessuno... come si
          fa ad avere dubbi?L'autore produce e lavora. La Sony, la Warner, la Universal, la Disney, la Fox ecc. sottraggono agli autori e speculano senza pagare nessuno o pagando le briciole rispetto ai guadagni miliardari che fanno e che si vantano di fare, nonostante tutte le perdite che lamentano.Come si fa ad avere dubbi tra finanziare l'autore (magari con una donazione) o finanziare la major che lo sfrutta e ci specula sopra?Certo, se l'autore non vuole essere finanziato in altra forma, vuol dire che gli va bene essere sfruttato... ma se va bene a lui, non va certo bene a me: anche gli schiavi avevano la sindrome di Stoccolma...
    • Dr Doom scrive:
      Re: I soliti reazionari
      - Scritto da: Pallo Pinco
      Queste notizie mi convincono sempre più che la
      lotta alla pirateria sia una malcelata lotta al
      progresso. Alcuni sono riusciti ad acchiappare il
      treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i
      loro brani on line a pochi euro e riuscendo ad
      ottenere un fatturato; altri vorrebbero
      continuare ad imporre vetusti modelli commerciali
      (spiegatemi perché se voglio comprare un solo
      brano, devo beccarmi un intero CD che ne contiene
      altri che non mi interessano)Mai sentito parlare di itunes?Ah dimenticavo li si pagano :D
      • panda rossa scrive:
        Re: I soliti reazionari
        - Scritto da: Dr Doom
        Mai sentito parlare di itunes?
        Ah dimenticavo li si pagano :DAnche su YT si pagano.
        • Marf scrive:
          Re: I soliti reazionari
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Dr Doom


          Mai sentito parlare di itunes?

          Ah dimenticavo li si pagano :D

          Anche su YT si pagano.In che senso?Ho un canale Youtube, devo cominciare a preoccuparmi? (newbie)
          • panda rossa scrive:
            Re: I soliti reazionari
            - Scritto da: Marf
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Dr Doom




            Mai sentito parlare di itunes?


            Ah dimenticavo li si pagano :D



            Anche su YT si pagano.

            In che senso?
            Ho un canale Youtube, devo cominciare a
            preoccuparmi?
            (newbie)Hai un canale YT?Hai migliaia di iscritti al tuo canale?Quando avrai migliaia di iscritti, cominceranno ad arrivarti dei soldi.Quindi qualcuno paga.
          • Marf scrive:
            Re: I soliti reazionari




            Mai sentito parlare di itunes?



            Ah dimenticavo li si pagano :D





            Anche su YT si pagano.



            In che senso?

            Ho un canale Youtube, devo cominciare a

            preoccuparmi?

            (newbie)

            Hai un canale YT?Sì, da due anni e mezzo.
            Hai migliaia di iscritti al tuo canale?Sì, 12 000 e rotti.
            Quando avrai migliaia di iscritti, cominceranno
            ad arrivarti dei
            soldi.Guarda che hai un'idea mitizzata delle politiche di Youtube. Quello è un programma riservato ai pochi utenti che caricano contenuti propri. E tra l'altro è a scelta dell'utente, se vuole il canale sgombro da pubblicità invadenti non sottoscrive un bel niente.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: I soliti reazionari
            - Scritto da: Marf
            Guarda che hai un'idea mitizzata delle politiche
            di Youtube. Quello è un programma riservato ai
            pochi utenti che caricano contenuti propri. E tra
            l'altro è a scelta dell'utente, se vuole il
            canale sgombro da pubblicità invadenti non
            sottoscrive un bel niente.Ti sbagli:http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=6624
          • Marf scrive:
            Re: I soliti reazionari


            Guarda che hai un'idea mitizzata delle
            politiche

            di Youtube. Quello è un programma riservato
            ai

            pochi utenti che caricano contenuti propri.
            E
            tra

            l'altro è a scelta dell'utente, se vuole il

            canale sgombro da pubblicità invadenti non

            sottoscrive un bel niente.

            Ti sbagli:
            http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=6624Di grazia, cosa c'entra un documento dell'AgCom su Google con le politiche di Youtube riguardo ai propri utenti? Uso Youtube da due anni e passa, saprò bene come funziona...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: I soliti reazionari
            - Scritto da: Marf


            Guarda che hai un'idea mitizzata delle

            politiche


            di Youtube. Quello è un programma
            riservato

            ai


            pochi utenti che caricano contenuti
            propri.

            E

            tra


            l'altro è a scelta dell'utente, se
            vuole
            il


            canale sgombro da pubblicità invadenti
            non


            sottoscrive un bel niente.



            Ti sbagli:

            http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=6624

            Di grazia, cosa c'entra un documento dell'AgComIl documento è di Google, che risponde all'Agcom.
            su Google con le politiche di Youtube riguardo aiL'hai letto? In particolare da pagina 6 in poi?
          • Marf scrive:
            Re: I soliti reazionari




            Guarda che hai un'idea mitizzata
            delle


            politiche



            di Youtube. Quello è un programma

            riservato


            ai



            pochi utenti che caricano contenuti

            propri.


            E


            tra



            l'altro è a scelta dell'utente, se

            vuole

            il



            canale sgombro da pubblicità
            invadenti

            non



            sottoscrive un bel niente.





            Ti sbagli:



            http://www.agcom.it/Default.aspx?DocID=6624



            Di grazia, cosa c'entra un documento
            dell'AgCom

            Il documento è di Google, che risponde all'Agcom.Appunto. Se risponde solo sul motore di ricerca Google, sai che attinenza...Qui si parla di Youtube.

            su Google con le politiche di Youtube
            riguardo
            ai

            L'hai letto? In particolare da pagina 6 in poi?Ora andrò a leggerlo da pagina 6 in poi. Ti costava tanta fatica fare un riassunto, anziché giocare al bel link?
          • Marf scrive:
            Re: I soliti reazionari

            L'hai letto? In particolare da pagina 6 in poi?Allora, si parla dei proventi da pubblicità che arrivano ai detentori dei diritti attraverso il Content ID. In pratica ogni detentore può decidere se quel contenuto musicale va bloccato sul nascere, e non comparirà su Youtube tranne, eventualmente, sul suo canale esclusivo, oppure se lasciare che venga pubblicato da uno o più utenti e ricevere parte dei guadagni dalle inserzioni su quel video. Dubito arrivi alcunché se il canale sfigato mette online una canzone di 40 anni fa, e questa canzone totalizza 200 visualizzazioni in 6 mesi: ci vogliono grandi numeri per far partire gli introiti, ma questo Google nella comunicazione ad AgCom non lo dice. :)Mi sembra un concetto un po' diverso da quanto diceva Panda Rossa: "Quando avrai migliaia di iscritti, cominceranno ad arrivarti dei soldi.Quindi qualcuno paga".I soldi, se arrivano, arrivano solo al legittimo detentore dei diritti. Che non sono io.E ammetto che io non sono in grado di rendermene conto, visto che ho i vari filtri anti banner installati nel browser, e quindi di pubblicità non ne vedo.
          • Dr Doom scrive:
            Re: I soliti reazionari
            - Scritto da: Marf

            L'hai letto? In particolare da pagina 6 in
            poi?

            Mi sembra un concetto un po' diverso da quanto
            diceva Panda Rossa: "Quando avrai migliaia di
            iscritti, cominceranno ad arrivarti dei
            soldi.
            Quindi qualcuno paga".E tu gli dai ancora ascolto? :D
      • cicciobello scrive:
        Re: I soliti reazionari
        Appunto: itunes è basato su modello anacronistico
        • Dr Doom scrive:
          Re: I soliti reazionari
          - Scritto da: cicciobello
          Appunto: itunes è basato su modello anacronisticoe vai a prendili sul mulo :D
    • Allibito scrive:
      Re: I soliti reazionari
      - Scritto da: Pallo Pinco
      Queste notizie mi convincono sempre più che la
      lotta alla pirateria sia una malcelata lotta al
      progresso. Alcuni sono riusciti ad acchiappare il
      treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i
      loro brani on line a pochi euro e riuscendo ad
      ottenere un fatturato; altri vorrebbero
      continuare ad imporre vetusti modelli commerciali
      (spiegatemi perché se voglio comprare un solo
      brano, devo beccarmi un intero CD che ne contiene
      altri che non mi interessano) portano avanti la
      crociata contro i consumatori, all'occorrenza
      bollati come pirati per comprimere la loro
      libertà di
      scelta.MAI SENTITO PARLARE DI SITI DOVE COMPRI UN BRANO PER 0.99?
      • cicciobello scrive:
        Re: I soliti reazionari
        E cosa ti offrono tali siti in più rispetto a quelli gratuiti?In altre parole: con i soldi, cosa compri? Cosa diventa tuo? Almeno, con i cd quando pagavi diventavi il proprietario di un disco con confezione e libretto. Con i siti di cui parli tu cosa acquisti?
        • krane scrive:
          Re: I soliti reazionari
          - Scritto da: cicciobello
          E cosa ti offrono tali siti in più rispetto a
          quelli gratuiti?
          In altre parole: con i soldi, cosa compri? Cosa
          diventa tuo?
          Almeno, con i cd quando pagavi diventavi il
          proprietario di un disco con confezione e
          libretto. Con i siti di cui parli tu cosa
          acquisti?Allibito a qeste domande non risponde, non c'e' dialogo.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: I soliti reazionari
          - Scritto da: cicciobello
          E cosa ti offrono tali siti in più rispetto a
          quelli
          gratuiti?

          In altre parole: con i soldi, cosa compri? Cosa
          diventa tuo?


          Almeno, con i cd quando pagavi diventavi il
          proprietario di un disco con confezione e
          libretto. Con i siti di cui parli tu cosa
          acquisti?[yt]onjDjKzik1I[/yt]
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: I soliti reazionari
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Pallo Pinco

        Queste notizie mi convincono sempre più che la

        lotta alla pirateria sia una malcelata lotta al

        progresso. Alcuni sono riusciti ad acchiappare
        il

        treno dell'evoluzione tecnologica, vendendo i

        loro brani on line a pochi euro e riuscendo ad

        ottenere un fatturato; altri vorrebbero

        continuare ad imporre vetusti modelli
        commerciali

        (spiegatemi perché se voglio comprare un solo

        brano, devo beccarmi un intero CD che ne
        contiene

        altri che non mi interessano) portano avanti la

        crociata contro i consumatori, all'occorrenza

        bollati come pirati per comprimere la loro

        libertà di

        scelta.
        MAI SENTITO PARLARE DI SITI DOVE COMPRI UN BRANO
        PER
        0.99?No, ma ho sentito parlare di Youtube, dove trovo lo stesso brano, postato sul canale dell'artista o della casa discografica, con tanto di video ufficiale, e lo guardo GRATIS. E lo faccio da qualunque dispositivo collegato a internet, e posso anche registrarmelo nel formato che mi pare, sia direttamente (conversione flusso) sia indirettamente (registratore di suoni).
  • ivp scrive:
    qualità
    capirai... ricomprimere in mp3, magari a 128Kbps, uno stream già compresso assieme al video. forse i ragazzini non si accorgono dello schifo che esce.Io gli mp3 li tengo solo per motivi di spazio, ma li ricavo da cd e dvd, e sempre a 320kbps (che non risolve del tutto il problema della qualità).A volte uso formati loseless (tipo flac, Monkey's Audio, wav 7zippati.
    • cicciobello scrive:
      Re: qualità
      Dipende anche dalla situazione in cui poi ascolterai tali mp3. Se li ascolti con lo stereo di casa, vuoi una qualità buona... ma se li ascolti in macchina, o all'aperto con l'auricolare, ci saranno comunque tanti di quei rumori esterni che anche se c'è qualche ronzio e qualche altro disturbo di fondo, rumore più rumore meno...Ricordati quanti anni si è andati avanti con walkman e cassette rovinate, o con 45 giri e mangiadischi...
    • king volution scrive:
      Re: qualità
      - Scritto da: ivp
      capirai... ricomprimere in mp3, magari a 128Kbps,
      uno stream già compresso assieme al video. forse
      i ragazzini non si accorgono dello schifo che esce.verissimo... la roba compressa scaricata da YT (o dal web in genere) è di norma una cagata pazzesca...
      Io gli mp3 li tengo solo per motivi di spazio, ma
      li ricavo da cd e dvd, e sempre a 320kbps (che
      non risolve del tutto il problema della qualità).io neanche per quesllo... nel senso che vado di ogg/vorbis in alta qualità: file un po' più grandi (ma sempre molto meno che in wav o flac) ma qualità decente (per ascolti estemporaneo ovviamente, tipo in macchina... non certo su un vero impianto hifi...)
      A volte uso formati loseless (tipo flac, Monkey's
      Audio, wav 7zippati.anche sì;-)
      • ivp scrive:
        Re: qualità
        - Scritto da: king volution
        - Scritto da: ivp

        capirai... ricomprimere in mp3, magari a
        128Kbps,

        uno stream già compresso assieme al video.
        forse

        i ragazzini non si accorgono dello schifo
        che
        esce.

        verissimo... la roba compressa scaricata da YT (o
        dal web in genere) è di norma una cagata
        pazzesca...


        Io gli mp3 li tengo solo per motivi di
        spazio,
        ma

        li ricavo da cd e dvd, e sempre a 320kbps
        (che

        non risolve del tutto il problema della
        qualità).

        io neanche per quesllo... nel senso che vado di
        ogg/vorbis in alta qualità: file un po' più
        grandi (ma sempre molto meno che in wav o flac)
        ma qualità decente (per ascolti estemporaneo
        ovviamente, tipo in macchina... non certo su un
        vero impianto
        hifi...)


        A volte uso formati loseless (tipo flac,
        Monkey's

        Audio, wav 7zippati.

        anche sì
        ;-)
        • ivp scrive:
          Re: qualità


          io neanche per quesllo... nel senso che vado
          di

          ogg/vorbis in alta qualità: file un po' più

          grandi (ma sempre molto meno che in wav o
          flac)

          ma qualità decente (per ascolti estemporaneo

          ovviamente, tipo in macchina... non certo su
          un

          vero impianto

          hifi...)

          certo, anch'io uso formati lose-a-lot per ascoltarli in auto o con iPod (e simili players).Per fortuna nel settore pro-audio, nessuno si sognerebbe di comprimere a scapito della qualità. Sono finiti i tempi in cui lo spazio su HD costava molto : )
  • king volution scrive:
    basta uno script...
    allora:1) usare un browser "vero", compatibile con l'estensione grasemonkey2) installare l'estensione 'greasemonkey' da qui:https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/greasemonkey/3) installare lo script 'Download YouTube Videos as MP4' da qui:https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/greasemonkey/4) visualizzare il video YT di interesse (comparirà un nuovo pulsante 'scarica')5) scaricare il video 6) installare VLC (multipiattaforma) da qui:https://www.videolan.org/vlc/7) estrarre dal file scaricato la parte audio e/o video, semplicemente usando VLC (voce di menù: 'Media-
    Converti/Salva')tutto qui(e tanti saluti a lor signori)
    • ...o un plugin scrive:
      Re: basta uno script...
      1) scaricare il suddetto browser2) installare il plugin Downloadhelper3)andare su un qualsiasi sito con uno stream video (youtube non è l'unico)4)passare con il mouse sopra l'icona del plugin e decidere se scaricare il video (a che risoluzione/formato) o convertirlo in traccia audio (selezionare formato)...ancora più semplice ;)
      • king volution scrive:
        Re: basta uno script...
        - Scritto da: ...o un plugin
        1) scaricare il suddetto browser
        2) installare il plugin Downloadhelper
        3)andare su un qualsiasi sito con uno stream
        video (youtube non è
        l'unico)
        4)passare con il mouse sopra l'icona del plugin e
        decidere se scaricare il video (a che
        risoluzione/formato) o convertirlo in traccia
        audio (selezionare
        formato)...
        ancora più semplice ;)ma con la differenza che downloadhelper è software proprietario... e non si sa bene cosa faccia mentre ti scarica i video...
  • tucumcari scrive:
    proprio solo mp3?
    Ma poi perchè solo mp3?http://rg3.github.io/youtube-dl/so' 4 righe 'n croce de python...Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v' estraete l'audio separato co' ffmpeg (o similia) e ve lo trasformate in wav o mp3 o quello che ve pare...ah regà dimenticavo... io nun ho detto gnente ... se capisce! ;) @^(rotfl)Ah me scordavo! se può fa' pure co' winzozze (compilandose domine e nomine co' mingw).. però...Si c'avete er pinguozzolo fate prima (in genere nelle distro già ce sta tutto quello che ve serve e ve bastano le 4 righe 'n croce de python) e è pure meijo......Chi fa da se fa pe' tre... ;)
    • panda rossa scrive:
      Re: proprio solo mp3?
      - Scritto da: tucumcari
      Ma poi perchè solo mp3?
      http://rg3.github.io/youtube-dl/
      so' 4 righe 'n croce de python...
      Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v'
      estraete l'audio separato co' ffmpeg (o similia)
      e ve lo trasformate in wav o mp3 o quello che ve
      pare...

      ah regà dimenticavo... io nun ho detto gnente ...
      se
      capisce!
      ;) @^(rotfl)

      Ah me scordavo! se può fa' pure co' winzozze
      (compilandose domine e nomine co' mingw)..
      però...

      Si c'avete er pinguozzolo fate prima (in genere
      nelle distro già ce sta tutto quello che ve serve
      e ve bastano le 4 righe 'n croce de python) e è
      pure
      meijo...
      ...
      Chi fa da se fa pe' tre...
      ;)Anvedi!
    • bubba scrive:
      Re: proprio solo mp3?
      - Scritto da: tucumcari
      Ma poi perchè solo mp3?
      http://rg3.github.io/youtube-dl/
      so' 4 righe 'n croce de python...
      Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v'githubbe va chiuso.Le major nell'articolo (eng) spiegano che "con la scusa delle norme sulla copia privata, gli utenti (e il sito) compiono atti illegali. Cio' va fermato e la norma va' riformata." PS: non e' una traduzione letterale, ma il senso e' quello
      • king volution scrive:
        Re: proprio solo mp3?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: tucumcari

        Ma poi perchè solo mp3?

        http://rg3.github.io/youtube-dl/

        so' 4 righe 'n croce de python...

        Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v'
        githubbe va chiuso.prima o dopo aver dato fuoco alle major e aver messo in galera a vita tutti i loro capibastone e relativi scagnozzi?
        • bubba scrive:
          Re: proprio solo mp3?
          - Scritto da: king volution
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: tucumcari


          Ma poi perchè solo mp3?


          http://rg3.github.io/youtube-dl/


          so' 4 righe 'n croce de python...


          Ve scarica er video (basta daije l'url)
          e poi
          v'

          githubbe va chiuso.

          prima o dopo aver dato fuoco alle major e aver
          messo in galera a vita tutti i loro capibastone e
          relativi
          scagnozzi?si puo' scegliere "prima" E "dopo"? :)Cmq sono davvero senza pudore...
      • panda rossa scrive:
        Re: proprio solo mp3?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: tucumcari

        Ma poi perchè solo mp3?

        http://rg3.github.io/youtube-dl/

        so' 4 righe 'n croce de python...

        Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v'
        githubbe va chiuso.
        Le major nell'articolo (eng) spiegano che "con la
        scusa delle norme sulla copia privata, gli utenti
        (e il sito) compiono atti illegali. Cio' va
        fermato e la norma va' riformata."
        La norma va riformata ABROGANDO l'illegalita'.
    • Sayan scrive:
      Re: proprio solo mp3?
      - Scritto da: tucumcari
      Ma poi perchè solo mp3?
      http://rg3.github.io/youtube-dl/
      so' 4 righe 'n croce de python...
      Ve scarica er video (basta daije l'url) e poi v'
      estraete l'audio separato co' ffmpeg (o similia)
      e ve lo trasformate in wav o mp3 o quello che ve
      pare...

      ah regà dimenticavo... io nun ho detto gnente ...
      se
      capisce!
      ;) @^(rotfl)

      Ah me scordavo! se può fa' pure co' winzozze
      (compilandose domine e nomine co' mingw)..
      però...

      Si c'avete er pinguozzolo fate prima (in genere
      nelle distro già ce sta tutto quello che ve serve
      e ve bastano le 4 righe 'n croce de python) e è
      pure
      meijo...
      ...
      Chi fa da se fa pe' tre...
      ;)Ahò, gajardo... :D :D
  • bubba scrive:
    major contro M$,mozilla,apple e opera
    major contro M$,mozilla,apple e opera. Il tasto "Save as" del browser e' illegale.Perche' " Under the guise of private copying deceives people into thinking that everything is above-board, even though the user unwittingly avails himself of an illegal download platform "
  • YouTube scrive:
    Uso YouTube
    I patti erano che il video te lo pruzzi com'è. :@ Beh tezzo ci pai, ma cavilli sai.
    • tucumcari scrive:
      Re: Uso YouTube
      - Scritto da: YouTube
      I patti erano che il video te lo pruzzi com'è. :@[img]http://cdn.blogosfere.it/teledicoio/images/estiqaatsi-grande-capo.jpg[/img]
    • micron scrive:
      Re: Uso YouTube
      what?! (della serie:L'italiano scritto, questo sconosciuto!) :@
Chiudi i commenti