Datagate, la parola agli avvocati

EFF e sodali avviano una causa contro le intercettazioni telefoniche messe in atto dalla NSA. Sono a rischio i principi della Costituzione americana, dicono. Microsoft, nel mentre, continua a chiedere trasparenza

Roma – Una coalizione variegata di attivisti, gruppi di interesse e organizzazioni a favore dei diritti digitali rappresentata dai legali di Electronic Frontier Foundation ha denunciato la National Security Agency (NSA) in merito alla raccolta dei metadati sulle telefonate dei cittadini statunitensi, una pratica che a dire dell’accusa rappresenta una flagrante violazione dei principi sanciti dalla Costituzione USA.

Quella che viene salutata come la sfida più esplicita contro la dragnet della NSA si focalizza dunque sulle intercettazioni a strascico dei provider telefonici statunitensi , prima rivelazione fornita dall’ex-agente della CIA Edward Snowden e all’origine di quello che è poi divenuto noto come lo scandalo Datagate .

La causa lascia fuori tutte le questioni riguardanti la sorveglianza globale delle reti di comunicazioni digitali, nondimeno le accuse rivolte all’intelligence sono di quelle pesanti: EFF sostiene che la pratica di intercettare le telefonate e i metadati vìoli ben tre Emendamenti della Costituzione statunitense (Primo, Quarto e Quinto) costituendo una minaccia per i diritti di espressione, il diritto a non subire ispezioni irragionevoli e anche quello connesso alla libera associazione e all’attivismo politico libero da interferenze governative.

Sono 19 le organizzazioni impegnatesi con EFF contro la NSA, una coalizione a dir poco eterogenea che comprende associazioni che difendono i diritti umani (Human Rights Watch), chiese e associazioni religiose islamiche, post-cristiane liberali ( First Unitarian Church of Los Angeles ), organizzazioni in difesa dei diritti al possesso delle armi, Greenpeace e gruppi di sinistra, Open Technology Institute, Free Software Foundation e altri gruppi di matrice tecnologica.

Il reverendo Rick Hoyt della First Unitarian Church of Los Angeles evidenzia come le intercettazioni telefoniche della NSA influenzino negativamente il diritto dei cittadini a rivolgersi alla sua comunità, attiva (negli anni ’80) nel dare asilo ai rifugiati delle guerre civili nell’America Centrale e nel fornire assistenza a chi è coinvolto in fatti e questioni controverse. Lo spionaggio dell’intelligence “rende le persone timorose di appartenere alla nostra comunità religiosa”, spiega Hoyt.

I provider telefonici statunitensi sono da tempo sospettati di controllare le comunicazioni dei cittadini, ma ora EFF ha un’arma in più nel tentativo di inchiodare il governo alle sue responsabilità visto che l’esistenza di PRISM e degli altri mille tentacoli della dragnet federale è stata ampiamente confermata dai pezzi da novanta della struttura di potere degli USA – presidente Barack Obama in primis.

E se EFF trascina la NSA nei tribunali, Microsoft è piuttosto interessata a seguire Yahoo! sulla strada della trasparenza chiedendo il coinvolgimento “personale” del Ministro della Giustizia statunitense affinché dia alla corporation la possibilità di fornire informazioni più dettagliate circa la sua “collaborazione” con il governo.

Microsoft non è in alcun modo impegnata a garantire un accesso privilegiato ai dati dei suoi utenti alla NSA o a chiunque altro, assicura Microsoft, anche se la corporation è stata chiamata direttamente in causa dalle rivelazioni di Snowden come partner diretto dell’intelligence per quanto riguarda la comunicazione delle vulnerabilità del suo software , l’intercettazione delle chiamate su Skype e tutto quanto. La collaborazione con le autorità si svolge secondo la legge, senza ordini “segreti” e con il pieno coinvolgimento del potere giudiziario, continua a ribadire Redmond.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    Potete mettere adblock quanto volete...
    Ma con i dns vi tracceranno sempre.Mai pensato a quanto valgono i logs dei dns delle telecom o di google ai fini commerciali?
    • oltrelamente scrive:
      Re: Potete mettere adblock quanto volete...
      sarà per questo che uso open dns
    • tucumcari scrive:
      Re: Potete mettere adblock quanto volete...
      - Scritto da: AxAx
      Ma con i dns vi tracceranno sempre.
      Mai pensato a quanto valgono i logs dei dns delle
      telecom o di google ai fini
      commerciali?Baah!Per quanto mi riguarda non valgono nulla dato che uso il mio dns!
      • Santo California scrive:
        Re: Potete mettere adblock quanto volete...
        "Fonte?:-DIl tuo pusher?(rotfl)(rotfl)Cambialo è robba troppo pesante per te!"Anche se non è mia, come risposta va benissimo:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3650460&m=3651813#p3651813
      • Criptainer scrive:
        Re: Potete mettere adblock quanto volete...

        Baah!
        Per quanto mi riguarda non valgono nulla dato che
        uso il mio
        dns!Anch'io tempo fa avevo attivato sul muletto un DNS ricorsivo+caching e redistribuito il servizio sulla LAN di casa.Al posto di BIND ho usato UNBOUND (http://unbound.net/), un servizio DNS ben realizzato e dalla configurazione molto granulare. P.es. si può arrrivare a definire quali e quanti core utilizzare nelle risoluzioni e tutta una serie di meccanismi di sicurezza per validare le risposte dei Root Server.Ovviamente ci vuole un po' di tempo per studiare e definire al meglio il file di configurazione in funzione delle proprie esigenze e dell'hardware a disposizione.Funzionava bene, anche i benckmark erano soddisfacenti, ma avevo dei problemi con la risoluzione di alcuni host delle reti CDN (Akamai, etc.), attualmente molto usate per la distribuzione video, update, etc. quindi un problema non trascurabile.Ora l'ho riconfigurato per offrire il semplice servizio di caching appoggiandomi ai server opendns, ma preferirei ritornare alla funzione ricorsiva.Hai mai avuto problemi del genere?
        • tucumcari scrive:
          Re: Potete mettere adblock quanto volete...
          - Scritto da: Criptainer
          Hai mai avuto problemi del genere?No io uso il normalissimo bind..Facilissimo da configurare e senza nessun problema.
          • Santo California scrive:
            Re: Potete mettere adblock quanto volete...
            E, messa in vero tucumcari style:"No è la sconfitta dell'XXXXXXXXX che clikka e da i permessi senza sapere quello che fa puoi girarla come ti pare!Il BIND non c'entra proprio un tubo l'exploit è locale al tuo Mac o pc windows!Capisci la parola "locale" o no?"http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3556897&m=3557215#p3557215
        • Undertaker scrive:
          Re: Potete mettere adblock quanto volete...
          - Scritto da: Criptainer
          Anch'io tempo fa avevo attivato sul muletto un
          DNS ricorsivo+caching e redistribuito il servizio
          sulla LAN di
          casa.
          Al posto di BIND ho usato UNBOUND[img]http://2.bp.blogspot.com/-GJa8Uey1OAI/US7pMa4zk2I/AAAAAAAABe0/VBrkX7VsbKc/s400/douchebag+2.jpg[/img]
      • AxAx scrive:
        Re: Potete mettere adblock quanto volete...
        Se non è criptato e su porta non standard le telcom ti tracciano sempre lo stesso loggando tutte le richieste che passano sulla porta 53 udp.
        • Insomma scrive:
          Re: Potete mettere adblock quanto volete...
          Se il DNS ha una cache che puoi decidere di salvare su disco significa che risolvi "punto-informatico.it" oggi e nuovamente tra 7 giorni. E' già qualcosa un tracciamento che diventa a <i
          saltelli </i
          ...Ma ovviamente, per il tuo punto di vista dove una telecom analizza il contenuto dei pacchetti che passano sulla porta 53 udp può allora intercettare e leggere il contenuto dei pacchetti TCP/IP sulla porta 80.... e allora il discorso che vuoi fare qual'è? Tutto ciò che non è cifrato ent-to-end è intercettabile e anche se è cifrato dai metadati (nel caso il pacchetto IP) si può sapere che con server comunichi. Se comunichi col server dedicato di punto-informatico.it allora sanno che lo visiti anche se non riescono a decifrare il contenuto di un possibile tunnel SSL.Cioè, non capisco qual'è il punto della tua obiezione. Se uno vuole essere difficilmente rintracciabile deve usare Tor o i2p (oh, una telco può sapere che usi Tor e allora quando non lo usi ti invia le pubblicità di programmi di $icurezza, tipo gi antivirus :D )
        • tucumcari scrive:
          Re: Potete mettere adblock quanto volete...
          - Scritto da: AxAx
          Se non è criptato e su porta non standard le
          telcom ti tracciano sempre lo stesso loggando
          tutte le richieste che passano sulla porta 53
          udp.Il problema è che loggare tutte le richieste DNS è virtualmente impossibile a meno di non buttare un mare di storage!Hai mai provato a guardare sul serio quanta roba passa?Io si e ti assicuro che l'interesse pratico a mentenere un log del genere rapportato alla spesa per mantenerlo e farci data mining è da pura follia!
          • Santo California scrive:
            Re: Potete mettere adblock quanto volete...
            Oppure, con maggiore aderenza alla realtà:"Evvai berti!Diamoci una bella sfogata con i migliori "argomenti"...To ci metto il link alla tua fonte di ispirazione:http://trollemipsum.appspot.com/?type=apple&length...Basta un click ed ecco pronto il post!"Sì sì sì, carta canta:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3394768&m=3395178#p3395178
          • AxAx scrive:
            Re: Potete mettere adblock quanto volete...
            Guarda, tenendo conto che la lunghezza media del dominio è 11 caratteri e che ognuno dei 20 milioni di utenti italiani che usa internet faccia 1000 risoluzioni di dominio al giorno, logghi tutto con meno di 400 giga al giorno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Potete mettere adblock quanto volete...
            - Scritto da: AxAx
            Guarda, tenendo conto che la lunghezza media del
            dominio è 11 caratteri e che ognuno dei 20
            milioni di utenti italiani che usa internet
            faccia 1000 risoluzioni di dominio al giorno,
            logghi tutto con meno di 400 giga al
            giorno.Vorrai memorizzare anche l'ip, il mac address (che a quanto pare e' stato definito per legge equivalente al numero di telaio), la data, l'ora, lo user agent...Comincia a diventare un tera al giorno.Piu' gli indici, per fare ricerche e aggregazioni.Il backup.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Potete mettere adblock quanto volete...
            contenuto non disponibile
  • ndr scrive:
    Ma...
    ...visto che la pubblicità ci sarà comunque...perchè non va bene averla almeno "utile", calibrata sui miei gusti?Se cerco informazioni su acquari, barbecue e viaggi...mi sta bene che la pubblicità nei successivi siti che visito mi proponga argomenti in tema...E se usano le mie preferenze politiche per "boicottarmi"...il problema è chi (e come) mi boicotta, non certo il fatto che conosca le mie idee...
    • astro scrive:
      Re: Ma...
      - Scritto da: ndr
      ...visto che la pubblicità ci sarà
      comunque...perchè non va bene averla almeno
      "utile", calibrata sui miei
      gusti?sicuro?
      E se usano le mie preferenze politiche per
      "boicottarmi"...il problema è chi (e come) mi
      boicotta, non certo il fatto che conosca le mie
      idee...si, certo, non hai niente da nascondere vero?Finchè un bel giorno ti svegli con una bella stella gialla adosso :(
      • ndr scrive:
        Re: Ma...

        si, certo, non hai niente da nascondere vero?
        Finchè un bel giorno ti svegli con una bella
        stella gialla adosso
        :(Come ho detto, non devo mica tenere nascoste le mie idee per paura di "gente che mette stelle gialle"...se mi dovessi nascondere come dici tu glie la daresti vinta...Il problema da combattere sono infatti "quelli che mettono le stelle gialle", non certo il fatto che il mio orientamento politico sia a loro noto.Il punto è che non devo temere conseguenze per ciò che io sono o che mi piace. Il problema è lì...puntare alla "privacy" per non affrontare questo, che è il reale problema, significa nacondere la polvere sotto al tappeto......
    • Alessio scrive:
      Re: Ma...
      Immagina un PC usato in famiglia da più persone con lo stesso account e con lo stesso browser (sarà strano ma credo che in moltissime famiglie accada così), ed immagina che uno dei componenti si diletti qualche volta a frequentare youporn, redtube e similari, già me la vedo la felicità dei consanguinei alla comparsa delle cosiddette pubblicità personalizzate.
      • ndr scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: Alessio
        Immagina un PC usato in famiglia da più persone
        con lo stesso account e con lo stesso browser
        (sarà strano ma credo che in moltissime famiglie
        accada così), ed immagina che uno dei componenti
        si diletti qualche volta a frequentare youporn,
        redtube e similari, già me la vedo la felicità
        dei consanguinei alla comparsa delle cosiddette
        pubblicità
        personalizzate.La soluzione l'hai già citata tu: invece di discutere sui massimi sistemi e scrivere maree di leggi, leggine e regolette, paranoie o meno su privacy o non privacy...basterebbe avere un account per cisacun utente. O no? Ti sembra così difficile? Qual è la soluzione più semplice e logica alla luce delle considerazioni che tu stesso hai fatto?
        • Alessio scrive:
          Re: Ma...
          Certo, a casa mia è già così, ma credo che per la maggior parte della gente in Italia il computer=windows e internet=google=facebook=IE, e se chiedi loro di crearsi un nuovo account è capace di risponderti "acche"?
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma...
            - Scritto da: Alessio
            Certo, a casa mia è già così, ma credo che per la
            maggior parte della gente in Italia il
            computer=windows e internet=google=facebook=IE, e
            se chiedi loro di crearsi un nuovo account è
            capace di risponderti
            "acche"?L'informatica non ammette ignoranza.Chi e' ignorante e' giusto che si becchi le pubblicita', che venga tracciato e profilato, e che paghi anche per quelli che sanno e che intendono non pagare.
          • astro scrive:
            Re: Ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Alessio

            Certo, a casa mia è già così, ma credo che
            per
            la

            maggior parte della gente in Italia il

            computer=windows e
            internet=google=facebook=IE,
            e

            se chiedi loro di crearsi un nuovo account è

            capace di risponderti

            "acche"?

            L'informatica non ammette ignoranza.
            Chi e' ignorante e' giusto che si becchi le
            pubblicita', che venga tracciato e profilato, e
            che paghi anche per quelli che sanno e che
            intendono non
            pagare.quindi se tuo figlio si collega a terroristi.it è giusto che TU paghi? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma...
            - Scritto da: astro

            L'informatica non ammette ignoranza.

            Chi e' ignorante e' giusto che si becchi le

            pubblicita', che venga tracciato e
            profilato,
            e

            che paghi anche per quelli che sanno e che

            intendono non

            pagare.
            quindi se tuo figlio si collega a terroristi.it è
            giusto che TU paghi?
            :DPerche' dovrei pagare?Su terroristi.it c'e' abbastanza materiale gratuito. Non c'e' bisogno di sottoscrivere l'abbonamento per quello di cui ha bisogno mio figlio.
      • pippo75 scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: Alessio
        Immagina un PC usato in famiglia da più persone
        con lo stesso account e con lo stesso browser
        (sarà strano ma credo che in moltissime famiglie
        accada così), ed immagina che uno dei componenti
        si diletti qualche volta a frequentare youporn,
        redtube e similari, già me la vedo la felicità
        dei consanguinei alla comparsa delle cosiddette
        pubblicitàchi è causa del suo mal pianga se stesso.E dove sarebbe il problema di vedere 4 donnine nude? Perchè ci sono dei bambini/adulti sensibili, bene so quei siti non si passa.
        • Alessio scrive:
          Re: Ma...
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: Alessio

          Immagina un PC usato in famiglia da più persone

          con lo stesso account e con lo stesso browser

          (sarà strano ma credo che in moltissime famiglie

          accada così), ed immagina che uno dei componenti

          si diletti qualche volta a frequentare youporn,

          redtube e similari, già me la vedo la felicità

          dei consanguinei alla comparsa delle cosiddette

          pubblicità

          chi è causa del suo mal pianga se stesso.

          E dove sarebbe il problema di vedere 4 donnine
          nude? Perchè ci sono dei bambini/adulti
          sensibili, bene so quei siti non si
          passa.Insomma viva enlarge your penis? :-D
      • tucumcari scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: Alessio
        Immagina un PC usato in famiglia da più personeNon c'è alcun bisogno di immaginare uno dei giochi più in voga da noi è lo scambio dei cookies (ce l'ho... ce l'ho... mi manca... questo è meglio il tuo...) :DGli effetti sono strabilianti...(rotfl)(rotfl)
        • Santo California scrive:
          Re: Ma...
          Bene, tre faccine.Ora qualcosa di più. Non so, uno psicologo della mutua, un invito a farsi un clistere mandato in automatico ogni volta che PI lo cancella, un "adieux mon petit chou" con la X finale di Asterix, ma anche di tucumcarix.
    • nome scrive:
      Re: Ma...
      - Scritto da: ndr
      ...visto che la pubblicità ci sarà
      comunque...perchè non va bene averla almeno
      "utile", calibrata sui miei
      gusti?

      Se cerco informazioni su acquari, barbecue e
      viaggi...mi sta bene che la pubblicità nei
      successivi siti che visito mi proponga argomenti
      in tema...Se sanno che cerchi acquari, barbecue e viaggi perchè dovrebbero proporti offerte stracciate su quegli argomenti? Tanto lo sanno che sei interessato quindi disposto a pagare per averli. Sarebbero proprio stupidi a farti pagare poco qualcosa per cui sei disposto a pagare di più..
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: nome
        - Scritto da: ndr

        ...visto che la pubblicità ci sarà

        comunque...perchè non va bene averla almeno

        "utile", calibrata sui miei

        gusti?



        Se cerco informazioni su acquari, barbecue e

        viaggi...mi sta bene che la pubblicità nei

        successivi siti che visito mi proponga argomenti

        in tema...

        Se sanno che cerchi acquari, barbecue e viaggi
        perchè dovrebbero proporti offerte stracciate su
        quegli argomenti? Tanto lo sanno che sei
        interessato quindi disposto a pagare per averli.
        Sarebbero proprio stupidi a farti pagare poco
        qualcosa per cui sei disposto a pagare di
        più..mi sembra abbastanza riduttivo pensare che il problema privacy sia solo il comperare un barbecue o un viaggio.Per quanto riguarda il tema marketing e prezzi, non dovremmo scordare che siamo comunque sempre noi a scegliere come spendere i nostri soldi.
  • Likik scrive:
    Tracciamento
    Consiglio:fixtracking.com
  • MZorzy scrive:
    hosts
    il file hosts è obsoleto oppure ha ancora la sua affidabilità?in particolare in device android, anche per limitar la banda ;-)(ovvio se ci son gli url)
    • Ingnorante scrive:
      Re: hosts
      Mai sentito parlare di Adblock Plus? Sui browser è tuo amico.
      • MZorzy scrive:
        Re: hosts
        - Scritto da: Ingnorante
        Mai sentito parlare di Adblock Plus? Sui browser è tuo amico.hai un bel nick. chissà che file và a modificare anche quel programma eh?
        • volgata scrive:
          Re: hosts
          - Scritto da: MZorzy
          - Scritto da: Ingnorante

          Mai sentito parlare di Adblock Plus? Sui
          browser è tuo
          amico.

          hai un bel nick. chissà che file và a modificare
          anche quel programma
          eh?Dovresti prendere esempio da quel nick, visto che AdBlock non modifica nessun file ma blocca le richieste dal browser verso i siti di una blacklist piuttosto che quelli aggiunti manualmente dall'utente.
    • asdf scrive:
      Re: hosts
      Non sò, ma comunque non costa niente aggiungerci qualcosa come http://someonewhocares.org/hosts/.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: hosts
        contenuto non disponibile
        • astro scrive:
          Re: hosts
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: asdf

          Non sò, ma comunque non costa niente
          aggiungerci

          qualcosa come

          http://someonewhocares.org/hosts/.

          Ho letto l'elenco: filtra un sacco di siti legali
          e non correlati
          all'advertising.

          edit:
          non che siano siti indispensabili (sono i vari
          meme-shock quali goatse e 2girlonecup), però non
          vedo perché debba importi a tua insaputa una
          costrizione del
          genere.Insaputa?In un file di testo?Basta saper leggere, o no?
Chiudi i commenti