Decreto Urbani, la parola ai provider

Punto Informatico intervista Paolo Nuti, presidente dell'associazione dei provider AIIP. Il decreto rischia di creare grossi problemi non solo agli utenti ma anche agli ISP. Tra problemi di legalità, Grande Fratello e diritto alla copia

Roma – Il decreto Urbani sulla pirateria cinematografica li tira in ballo direttamente, sollevando l’attenzione dei giuristi e preoccupando gli operatori. Sono i provider italiani, i fornitori di connettività che ancora una volta hanno a che fare con un dispositivo normativo tutt’altro che facile da gestire, con conseguenze a cascata sulla legalità e sul diritto degli utenti. Punto Informatico ha parlato del decreto e dei suoi effetti con Paolo Nuti , presidente dell’ Associazione dei provider italiani AIIP .

Punto Informatico: Il decreto Urbani è stato approvato. Pensi che sia destinato a raggiungere i propri scopi dichiarati nella lotta alla pirateria sul cinema?
Paolo Nuti: No: la pirateria si combatte responsabilizzando gli autori delle violazioni, non sparando nel mucchio senza neanche fare lo sforzo di capire che differenza c’è tra l’upload e il download, tra un fornitore di accesso e un fornitore di servizi, tra “notizia” ed “effettiva conoscenza”, tra provider e giudice istruttore, tra magistratura e Digos.

PI: Sei uno dei pionieri della rete italiana e sei un testimone diretto della sua evoluzione. Ritieni che una normativa del genere possa inficiarne lo sviluppo e la diffusione o serva invece a creare un quadro di garanzie essenziali per lo sviluppo delle attività economiche su internet?
PN: Così com’è, questo testo obbligherebbe i fornitori di accesso a “tagliare la linea” ad un fornitore di servizi un cui cliente fosse segnalato come autore di una violazione del diritto di autore. Di conseguenza rimarrebbero isolati tutti i clienti di quel fornitore di servizi.
E’ evidente che se si estende ai fornitori di accesso una obbligazione che dovrebbe essere diretta esclusivamente ai fornitori di servizi, questi ultimi non possono che trasferirsi in massa all’estero.

E, già che ci siamo, al danno economico si aggiungerebbe anche un vulnus costituzionale : con l’eccezione dei delitti di mafia e, dopo l’11 settembre, terrorismo, nel nostro ordinamento solo il magistrato può disporre una limitazione al diritto di comunicare.

PI: Al primo articolo del decreto si afferma che “I fornitori di connettività e di servizi che abbiano avuto effettiva conoscenza” della presenza di contenuti illegali devono informarne l’Autorità giudiziaria.
Con il decreto cambiano a tuo parere obblighi e doveri degli internet service provider? Come potrebbe un ISP avere “effettiva conoscenza”?

PN: Bella domanda. “Effettiva conoscenza” è un concetto molto esteso che implica una attività di verifica; in pratica l’ISP dovrebbe sostituirsi al magistrato nelle prime fasi di una istruttoria. Per la qual cosa non ha né titolo, né preparazione. E al termine di questa “pre istruttoria” dovrebbe decidere se denunciare il proprio cliente o correre il rischio di essere denunciato .

A parte la riscrittura indiretta del codice di procedura penale, vedo grossi nodi non solo di privacy, ma anche costituzionali. In pratica o si cancella tutto il comma 5 o si cancella la parola “effettiva”. Nel qual caso il provider diligentemente girerà alla Digos tutte le segnalazioni che riceve, astenendosi da qualsiasi verifica.

PI: Vogliamo affrontare la questione delle sanzioni comprese tra 50mila e 250mila euro che vengono previste per gli ISP che violano gli obblighi previsti dal decreto? Ti sembrano sanzioni equilibrate?
PN: Non è neanche il caso di parlarne: è il decreto legge nel suo insieme ad essere squilibrato.

PI: Gli esperti e gli utenti lamentano l’assenza di una concertazione sulla normativa prima della sua approvazione. Non è stato chiesto il parere dei provider prima dell’approvazione del decreto?
PN: No, dopo lo stop del 4 marzo, i provider si accingevano a preparare una serie di osservazioni costruttive tese a suggerire una riformulazione che, sulla falsariga della direttiva europea in corso di approvazione, desse garanzie a tutte le parti, dai titolari dei diritti agli utenti finali, passando ovviamente per fornitori di accesso e di servizi.

PI: In un tuo vecchio intervento del ’98 su Interlex affermavi che i log non bastano a rintracciare eventuali malfattori in rete. Eppure da lì in genere parte questo tipo di indagini…
PN: Mi riferivo al fatto che i registri di assegnazione temporanea di un numero di rete, il cosiddetto log del Radius, sono indispensabili, ma non sempre sufficienti a perseguire il responsabile di un reato informatico.
D’altro canto è assolutamente inaccettabile il log del “traffico telematico” , bocciato da Camera e Senato in sede di conversione della 254/03, la legge nota come “Grande fratello” e, incredibilmente, rispuntato fuori in una delle prime formulazioni del DL Urbani.

PI: Ma l’Autorità giudiziaria degli strumenti li deve avere…
PN: Il problema è quello di trovare un adeguato bilanciamento tra privacy e lotta al computer crime . Questo bilanciamento, a mio avviso esiste, e lo possiamo identificare nel cosiddetto “anonimato protetto” (secondo cui l’ISP rivela l’identità di un abbonato solo dietro richiesta di un magistrato, ndr.) che mi piacerebbe fosse accolto in sede di stesura del codice di autodisciplina e buona condotta per i servizi telematici, previsto dall’articolo 133 della nuova disciplina della privacy e che è ormai urgente definire.

PI: E’ risaputo che molta parte del traffico broad band italiano e non solo è legato all’utilizzo dei sistemi peer-to-peer . Oggi questo rappresenta un vantaggio o uno svantaggio per i provider?
PN: Penso che l’equivalenza “Grande traffico = P2P” sia in via di esaurimento. I servizi di videotelefonata, videoconferenza, Internet TV, connessione LAN to LAN, distribuzione di contenuti multimediali (non necessariamente a pagamento, ma comunque nel rispetto della proprietà intellettuale) si avviano a fare la parte del leone.
Certamente il P2P ha dato un forte contributo alla richiesta di banda e ne hanno beneficiato economicamente i provider che hanno venduto a volume/tempo (posto che qualcuno faccia P2P a tempo…) e quelli “infrastrutturati”, ovverosia che hanno una rete in fibra.

PI: Al di fuori di ogni altra considerazione sul decreto Urbani, a tuo parere il file sharing via P2P è destinato ad essere imbrigliato da normative e soluzioni tecnologiche antipirateria? Siamo al tramonto di queste piattaforme di condivisione?
PN: Sul sito della ALCEI (Associazione per la Liberta nella Comunicazione Elettronica Interattiva, Electronic Frontiers Italy) c’è un documento che inquadra molto bene la questione sotto il profilo legale e, di fatto, fa intravedere quello che potrebbe essere un ragionevole punto di equilibrio tra i diversi interessi in gioco: il down-load (DL Urbani a parte) è già legale; l’up-load può essere fatto solo da chi ha la titolarità dei diritti, ovvero la acquisisce direttamente o indirettamente. Non le chiamerei soluzioni tecnologiche antipirateria, ma soluzioni tecnologiche per un DRM (Digital Rights Management) equo.

PI: Equo?
PN: E’ una soluzione già adottata in Canada, tutela i titolari dei diritti, riporta la copia per uso personale nel suo ambito naturale, evita che la tutela del diritto di autore si trasformi in un argomento in più a favore del “Grande Fratello” e soprattutto, a differenza del DL Urbani, è compatibile con la Direttiva comunitaria in fase di approvazione definitiva e con la Costituzione italiana.

Intervista a cura di Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea Ghelli scrive:
    scadenza registrazione marchio
    Gentili Signori,Vi informo che la registrazione di marchio della Vostra azienda è in scadenza, numero 953749 trascorsi anni 10 dal deposito, siamo a disposizione per fornire un preventivo per l'operazione di rinnovo.Cordiali salutiAndrea GhelliCellulare 3382176231
  • Anonimo scrive:
    Re: c'era di mezzo la telecom
    - Scritto da: Anonimo
    Mi sa tanto che l'indagine è stata
    portata a termine perchè questa
    società oltre a fregare i propri
    clienti, fregava i propri fornitori, (tra i
    quali telecom) e come si legge si parla di
    soldi grossi...
    Chissà se avessero fregato solo i
    consumatori, in quanti anni avrebbero finito
    le indagini?...probabilmente le avrebbero archiviate in tempi brevissimi e con nulla di fatto...
  • Anonimo scrive:
    Doppio scatto con Tiscali
    Come ha fatto Tiscali a ragranellare tutti quei soldi in così poco tempo ? Si ok, Soru è un genio, ha comprato immobili e tecnologia barattando azioni della società quando Internet era la grande risorsa...ok ok. ma io, utente Tiscali dal primo minuto, ogni volta, regolarmente, che mi connettevo col mio povero 28.800 almeno UNA volta mi cadeva la linea, o mi si connetteva per 4-5 secondi poi saltava fuori qualche magagna e si disconnetteva, costringendoti a rifare il numero e pagare un DOPPIO scatto...L'ho sempre pensavo, ma venivo accusato di essere un paranoico. Ho anche scritto alla Tiscali, ma ovviamente nessuno mi ha mai risposto. Adesso fanno la stessa cosa per esasperarti e farti passare all'adsl...Maledetti!!!!:@:@
    • Mariobusy scrive:
      Re: Doppio scatto con Tiscali
      - Scritto da: Anonimo
      Come ha fatto Tiscali a ragranellare tutti
      quei soldi in così poco tempo ?
      Tiscali dal primo minuto, ogni volta,
      regolarmente, che mi connettevo col mio
      povero 28.800 almeno UNA volta mi cadeva la
      linea, o mi si connetteva per 4-5 secondi
      poi saltava fuori qualche magagna e si
      disconnetteva, costringendoti a rifare il
      numero e pagare un DOPPIO scatto...L'ho
      sempre pensavo, ma venivo accusato di essere
      un paranoico. Ho anche scritto alla Tiscali,
      ma ovviamente nessuno mi ha mai risposto.
      Adesso fanno la stessa cosa per esasperarti
      e farti passare all'adsl...Maledetti!!!!:@:@Non hai mai pensato a provare gli altri innumerevolicollegamenti free dial up che esistono sul mercato?Non ti ci costringe mica nessuno a rimanere con Tiscali...prova e verifica se non sia un tuo problema hw o sw
  • Anonimo scrive:
    Una pubblicità x questa notizia....
    McItalia:Succede solo in Italia!:p
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
    - Scritto da: Anonimo
    Le autorita' preposte devono solo
    VERGOGNARSI. Per ammissione del comandante
    della guardia di finanza, si sono mossi in
    seguito alla segnalazione di Striscia la
    notizia.

    Che vergogna.Striscia la notizia e' un programma orrendo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Si muovono solo se c'e' Striscia

      Striscia la notizia e' un programma orrendo.:@ e si, scommetto che tu adori Amici e il Costantino....vero??
  • Anonimo scrive:
    L'acqua calda
    Sinchè ho utilizzato le connessioni dial-up la disconnessione dopo la prima chiamata è stata praticamente la regola. Tiscali, Libero, Tin-it... Quando più, quando meno, questo scherzetto me l'hanno fatto praticamente tutti. Ora vanno a beccare il pesce piccolo perchè hanno scoperto una pratica usata da tutti i provider da anni (vedi moltissimi commenti prima del mio). Chissà perchè a nessuno è mai venuto in mente di rompere le uova nel paniere ai grossi ISP... Ha ragione Travaglio: Banana Republik.
  • deltree scrive:
    Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
    secondo me si devono vergognare più gli italioti truffati che come al solito sono troppo pigri anche per segnalare le cose a chi di dovere (il 117 della finanza è un numero dove trovi un sacco di info e di disponibilità, peccato che ci sia la mentalità : "e che devo telefonare alla finanza?")
  • Anonimo scrive:
    Re: A me succede con libero
    confermo: con tutti i maggiori provider e da qualunque utenza telefonica capita spesso di essere disconnessi
  • Anonimo scrive:
    Re: Libero è stato un campione....
    - Scritto da: Anonimo
    per queste cose, mi accadeva spesso in certi
    periodo, la prima chiamata nulla da fare, la
    seconda perfetta... Ora a pensare si fa male
    ma spesso ci si azzecca.Senza contare le volte in cui ti connettevi a 33.000 o a 14.400...Capisco nelle ore di punta, ma in piena notte!!!
  • Anonimo scrive:
    Luca Schiavoni RULEZ...
    un impegno morale:vota Schiavoni...scherzi a parte, il tuo lavoro è davvero eccellente... complimenti!
  • The FoX scrive:
    Re: A me succede con libero
    - Scritto da: Anonimo
    Spesso e volentieri quando mi connetto la
    prima chiamata fallisce, alla seconda riesco
    sempre a collegarmi.

    Problema di driver? O problema di
    qualcos'altro?
    Mah....... intanto spesso pago 2
    scatti.....:@E ti va' ancora bene!!!La mia media con Libero e' 3 scatti.Mai meno di 2, spesso 4.Loro ormai sulle freeinternet in dial up guadagnano piu' che altro dagli scatti alla risposta...
  • Anonimo scrive:
    Re: A me succede con libero

    Spesso e volentieri quando mi connetto la
    prima chiamata fallisce, alla seconda riesco
    sempre a collegarmi.

    Problema di driver? O problema di
    qualcos'altro?
    Mah....... intanto spesso pago 2
    scatti.....:@Idem, succedeva anche a me. Ora ho l'ADSL con un'altro provider.
  • Anonimo scrive:
    Re: A me succede con libero
    - Scritto da: Anonimo
    Spesso e volentieri quando mi connetto la
    prima chiamata fallisce, alla seconda riesco
    sempre a collegarmi.

    Problema di driver? O problema di
    qualcos'altro?
    Mah....... intanto spesso pago 2
    scatti.....:@Anche a me succedeva la stessa cosa con LiberoLa compagnia si nascondeva dietro la solita scusa della congestione di rete (peccato che capitasse anche di notte :@) Ai tempi avevo optato per Lombardiacom (ora Elitel) e il problema si era risolto Il consiglio (se non vuoi spendere qualcosa di più con l'ADSL) è di cercarti un altro provider
    • Anonimo scrive:
      Re: A me succede con libero
      A me capita anche con Tiscali... :
      • Anonimo scrive:
        Re: A me succede con libero
        - Scritto da: Anonimo
        A me capita anche con Tiscali... :Mai successo con wooow.it (Edisontel) ed ha una tariffa piu' bassa dell'urbana.Anzi per un mese mi hanno regalato un contrato che e' flat dopo le 18:30.
  • Anonimo scrive:
    Libero è stato un campione....
    per queste cose, mi accadeva spesso in certi periodo, la prima chiamata nulla da fare, la seconda perfetta... Ora a pensare si fa male ma spesso ci si azzecca.In questo paese ormai stanno prendendo il sopravvento i comici e Striscia la notizia, se vuoi avere giustizia ormai chiami il Gabibbo...Bel paese , bel paese davvero, esempio di civiltà !
  • Anonimo scrive:
    Re: A me succede con libero
    - Scritto da: Anonimo
    Spesso e volentieri quando mi connetto la
    prima chiamata fallisce, alla seconda riesco
    sempre a collegarmi.

    Problema di driver? O problema di
    qualcos'altro?
    Mah....... intanto spesso pago 2
    scatti.....:@In realtà io credo che questi trucchetti siano molto frequenti anche con i maggiori fornitori di servizio.A me per esempio capitava spesso quando ero connesso a Internet in dial up.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
    Uhm...striscia come ne è venuta a conoscenza? i truffati vanno prima di striscia che alla polizia? Uhmmmm...
    • Anonimo scrive:
      Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
      - Scritto da: Anonimo
      Uhm...striscia come ne è venuta a
      conoscenza? i truffati vanno prima di
      striscia che alla polizia? Uhmmmm...Non sono certo i primi ad ammettere che l'indagine ha avuto seguito dopo la segnalazione di Striscia la notizia.I truffati vanno prima alla polizia, non se ne fa niente, poi vanno da Striscia, diventa un caso nazionale, e allora si smuovono le acque...
      • Anonimo scrive:
        Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
        Purtroppo le cose in italia vanno cosi'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
        la democrazia in italia fa ridere i paesi del terzo mondo
        • Anonimo scrive:
          Re: Si muovono solo se c'e' Striscia
          Come quell'altra vergogna di quell'impianto di smaltimento dei rifiuti nuovo di zecca (non so se lo avete visto a striscia) e non funzionante perché non gli arriva spazzatura.E il motivo è che ci sono delle fantomatiche associazioni/organizzazioni riconosciute giuridicamente ma che in pratica non esistono se non sulla carta, e che dovrebbero occuparsi dei rifiuti. Sono state create solo per ricevere i fondi statali e rubarli.Che schifo, l'Italia! Quanta gente disonesta. Quanto marciume.Io nel mio piccolo sono onesto. Mi sento una goccia in un mare di ladri....
  • Anonimo scrive:
    Si muovono solo se c'e' Striscia
    Le autorita' preposte devono solo VERGOGNARSI. Per ammissione del comandante della guardia di finanza, si sono mossi in seguito alla segnalazione di Striscia la notizia.Che vergogna.
  • Anonimo scrive:
    Re: HANNO SCOPERTO L'h2o calda
    - Scritto da: Anonimo
    fossero gli unici....si sa che fanno cosi',
    tutti in generale....come al solito pero' i
    grandi non vengono toccati....figuriamoci!
    Ringraziamo Teleom per lo scatto alla
    risposta.....Infatti tutti possno constatare che da quando è stato il numero unico per alcuni grandi provider le disconnessioni sono più frequenti e lo scopo potrebbe essere duplice: 1) far pagare più scatti alla risposta; 2) esasperare gli utenti per costringerli a passare all'adsl. Speriamo che la GDF indaghi anche in questo senso.
  • Anonimo scrive:
    c'era di mezzo la telecom
    Mi sa tanto che l'indagine è stata portata a termine perchè questa società oltre a fregare i propri clienti, fregava i propri fornitori, (tra i quali telecom) e come si legge si parla di soldi grossi...Chissà se avessero fregato solo i consumatori, in quanti anni avrebbero finito le indagini?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma ci saranno rimborsi?
    Ma figurati, guarda che siamo in Italia dove i consumatori non hanno nessun tipo di diritto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma ci saranno rimborsi?
      Anche se un giudice stabilisse un diritto al rimborso, si tratta di una SPA con 5 milioni di Euro di debiti, il rimborso finiribbe a bilancio assieme agli altri debitie dopo il fallimento della società non si vedrà una lira...ops un euro uno.
  • Anonimo scrive:
    A me succede con libero
    Spesso e volentieri quando mi connetto la prima chiamata fallisce, alla seconda riesco sempre a collegarmi.Problema di driver? O problema di qualcos'altro?Mah....... intanto spesso pago 2 scatti.....:@
  • Anonimo scrive:
    Ma ci saranno rimborsi?
    Per chi e' stato gabbato sono previsti risarcimenti?
  • Anonimo scrive:
    noscatto alla risposta:quali?
    mi potete dire quali provider non hanno lo scatto alla risposta?per evitare fregature dovrebbero tutti mettere zero scatti alla risposta..
  • danielebassani scrive:
    I provider e lo scatto alla risposta.
    Gentili Signori,i nostri provider non sono trapsrenti e spesso capitano episodi che ci irritano. Quando usavo il collegamento tradizionale a internet, mi capitava spesso con Libero, e un po' meno con Tiscali, che il provider rispondesse per poi, dopo 3/4 secondi, veder cadere la linea e veder ripetere questa situazione anche 2 o 3 volte consecutivamente.Probabilmente Qtel è stata meno furba degli altri e si è fatta "beccare", ma credo che anche i suoi concorrenti, nascondendosi dietro all'intasamento della rete, non siano molto diversi. Ormai stiamo andando verso l' "ADSLizzazione" e questo problema si traduce in "banda minima garantita". Forse sarebbe il caso che chi di dovere cominciasse una campagna di controllo preventiva e non come per la linea tradizionale (ormai al tramonto) per la quale si traduce in "curativa".Cordiai saluti.Daniele Bassani
  • Anonimo scrive:
    Per la Redazione
    Dovreste completare l'articolo specificando che l'indagine e' partita dopo una segnalazione di Striscia la Notizia...
  • Anonimo scrive:
    Re: Un po' come LTS...
    non mi risulta che LTS truffasse i clienti, anzi era più economica di Telecom, ma come sempre le cose del Sud non devono mai funzionare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' come LTS...
      - Scritto da: Anonimo
      non mi risulta che LTS truffasse i clienti,
      anzi era più economica di Telecom, ma
      come sempre le cose del Sud non devono mai
      funzionare.Noooo... Non partiva una bolletta corretta e poco prima di fallire "casualmente" sono partiti doppi addebiti con rid...Poveri dipendenti piuttosto...
  • picdp scrive:
    Re: E Telecom con l' 'ultimo miglio' ?
    - Scritto da: Anonimo

    Telecom, in barba alle leggi, non ha mai
    liberalizzato il mercato delle
    telecomunicazioni fisse in italia.ed è sempre in ritardissimo sulle istallazioni dell'adsl nelle varie centrali.sul loro sito erano prevista una cinquantina di nuove centrali entro gennaio e ne sono state attivate solo 5.a causa della loro promessa avevo disattivato la flat trimestrale.
    Quand'e' che si interesseranno dei 'grossi e
    ricchi' invece (e non dico che sia sbagliato
    a priori) di rompere le scatole alla
    sconosciuta Qtel sarda ??????that is capitalism
    Beppe Grillo for President !!!su telepiù ogni 31 dicembre faceva il discorso presidenziale nell'acqua alta.
  • Anonimo scrive:
    E Telecom con l' 'ultimo miglio' ?
    Telecom, in barba alle leggi, non ha mai liberalizzato il mercato delle telecomunicazioni fisse in italia.Quand'e' che si interesseranno dei 'grossi e ricchi' invece (e non dico che sia sbagliato a priori) di rompere le scatole alla sconosciuta Qtel sarda ??????Beppe Grillo for President !!!
  • Anonimo scrive:
    Bravi
    bravi, hanno beccato dei furboni.Uppate questo per favore ?http://punto-informatico.it/p.asp?i=47406
  • Anonimo scrive:
    Re: Luca Schiavoni sei un genio
    e' ufficiale la nascita dello SCHIAVONI FANS CLUB!
  • Anonimo scrive:
    HANNO SCOPERTO L'h2o calda
    fossero gli unici....si sa che fanno cosi', tutti in generale....come al solito pero' i grandi non vengono toccati....figuriamoci! Ringraziamo Teleom per lo scatto alla risposta.....
  • Anonimo scrive:
    Un po' come LTS...
    Chi se la ricorda ancora? Ah!
  • Anonimo scrive:
    Re: Luca Schiavoni sei un genio
    - Scritto da: Anonimo
    "Scappo alla risposta" con
    quell'immagine..ancora sto ridendoluca schiavoni ti amo!(scherzavo eh)
    • Anonimo scrive:
      Re: Luca Schiavoni sei un genio
      luca schiavoni facciamo all'ammore :D
      • Luca Schiavoni scrive:
        Re: Luca Schiavoni sei un genio
        - Scritto da: Anonimo
        luca schiavoni facciamo all'ammore :Doccupatissimo sono ! 8)e... sniff sniff sono sempre piu commosso(comunque ora basta complimenti l aumento l ho gia' avuto eh!) ;)ciao!LucaS
        • Anonimo scrive:
          Re: Luca Schiavoni sei un genio
          chiedi di piu, sei un mitoooooo!!!!!! :-DD
          • Anonimo scrive:
            Re: Luca Schiavoni sei un genio
            - Scritto da: Anonimo
            chiedi di piu, sei un mitoooooo!!!!!! :DD
            (sviolinata mode ON)la piu grande soddisfazione e' nel lavorare e collaborare con PI dal 1996, da pochi mesi dopo la sua nascita. E i soldi non sono tutto nella vita, quando si fa parte di un progetto come PI ! 8)(sviolinata mode OFF) LucaS
  • Anonimo scrive:
    Luca Schiavoni sei un genio
    "Scappo alla risposta" con quell'immagine..ancora sto ridendo
Chiudi i commenti