Dialer, PlugIt non ci sta

Le sanzioni decise dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni non vanno giù al management dell'azienda, che preannuncia ricorsi


Roma – Più di 3 milioni di euro. Questa la sanzione decisa contro PlugIt nei giorni scorsi dall’ Autorità TLC , una multa che non va giù alla società.

PlugIt, da mesi ribattezzata Eutelia , ha infatti da un lato sottolineato di non aver ancora ricevuto alcuna notifica di alcunché ma ha anche dichiarato che si riserva di difendersi in tutte le sedi più opportune, ritenendo ingiusta la deliberazione dell’Autorità. In ballo, come noto, l’annosa questione dei dialer, i programmi gonfiabolletta.

Secondo Eutelia l’Autorità ha sparato ma ha sbagliato il suo obiettivo. Anziché prendere di mira chi forniva in modo fraudolento i contenuti su Internet, ha spiegato Eutelia, l’AGCOM ha preferito aggredire “gli operatori titolari dei codici 709”. Secondo Eutelia, PlugIt ha seguito le regole: “Gli scaglioni tariffari 709 utilizzati dagli operatori erano riportati in offerte di interconnessione di riferimento pubbliche, regolarmente approvate dall’Autorità”.

In uno statement, Eutelia se la prende anche con le dichiarazioni del commissario dell’AGCOM relatore del provvedimento di sanzione, Alessandro Luciano, spiegando che “il tenore delle dichiarazioni appare di una durezza senza precedenti e irrazionale”.

Come si ricorderà, Luciano aveva descritto le sanzioni come necessarie per “tutelare l’utenza contro quei comportamenti illegali che gettano discredito sul settore delle tlc, minandone lo sviluppo”. Stando all’azienda è inappropriato parlare di “comportamenti che minano lo sviluppo del settore” in riferimento ad una società che è impegnata “in un processo di espansione anche attraverso l’acquisizione di aziende di telecomunicazioni in difficoltà economiche ed occupazionali”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono soldi buttati, tutti.
    Quando lo capiranno quell'ammasso di ignoranti, mah.
  • FAM scrive:
    "aggrediti dalla pirateria sul Web"
    ma per pietà...... vergognaora siamo sicuri che siamo governati da retrogradi in combutta con le major(vabbè.... non che si dubitasse prima)
  • Anonimo scrive:
    Barbarossa non trema
    Segnalo un piccolo qui pro quo sull'introduzione della news :)Barbarossa non trema perchè era un imperatore Germanico e quindi non aveva niente a che vedere con i pirati.Al massimo potrebbe tremare Barbanera (Edward Teach) che fu un temibile pirata.;)Veon
    • Anonimo scrive:
      Re: Barbarossa trema trema
      - Scritto da: Anonimo
      Segnalo un piccolo qui pro quo
      sull'introduzione della news :)
      Barbarossa non trema perchè era un
      imperatore Germanico e quindi non aveva
      niente a che vedere con i pirati.
      Al massimo potrebbe tremare Barbanera
      (Edward Teach) che fu un temibile pirata.;)No, c'e' anche Khaye-ed-din, detto appunto "Barbarossa" , pirata del XVI secolo che operava nel Mediterraneo e che fu autore tra l'altro di un'epica battaglia navale contro gli spagnoli di Carlo V nel 1541 in qualita' di ammiraglio della flotta turca.
      • Anonimo scrive:
        Re: Barbarossa trema trema
        - Scritto da: Anonimo
        No, c'e' anche Khaye-ed-din, detto appunto
        "Barbarossa" , pirata del XVI secolo che
        operava nel Mediterraneo e che fu autore tra
        l'altro di un'epica battaglia navale contro
        gli spagnoli di Carlo V nel 1541 in qualita'
        di ammiraglio della flotta turca.Ma dai! Non lo sapevo!:$Allora chiedo venia, i corsari del Mediterraneo non li conosco molto, sono più ferrato su quelli delle americhe e delle indie.Grazie per la precisazione. :)Veon
  • Anonimo scrive:
    PROTEZIONI: esperienza personale
    Dopo aver copiato e sperimentato centinaia di programmi commerciali, a casa e per scopo privato, un giorno trovai un software che mi serviva sul serio, per uno scopo utile e importante. Decisi così per la prima volta (!) di acquistare un software anzichè copiarlo - nonostante la solita licenza d'uso con la quale il venditore dichiara che il software è fornito così com'e senza alcuna garanzia di alcunchè eccetera eccetera - mentre i soldi che chiede sono garantiti, ovviamente.Mi preparai con la carta di credito a portata di mano e mi collegai al sito per l'acquisto. Ma a questo punto mi accorsi che nel frattempo la versione del programma da me testato era stata sostituita da una nuova versione. Decisi quindi di scaricare il trial della nuova versione per provarlo.... sorpresa: il produttore, nella nuova versione, aveva introdotto un sistema di concessione del codice di licenza generato in base all'hardware del PC su cui il programma veniva installato. In pratica, una volta acquistato, il programma avrebbe potuto funzionare solo su un PC, e in caso di guasto o sostituzione del PC, avrei dovuto acquistare una nuova licenza.Infastidito, rinunciai all'acquisto. Alcuni giorni dopo uscì il keygen. Il produttore perse un cliente.bye
    • Anonimo scrive:
      Re: PROTEZIONI: esperienza personale
      dove stavava scritto che in caso di guasto ecc ecc dovevi riacquistare la licenza? o te lo sei inventato tu per giustificarti per il mancato pagamento?il controllo dell'hw viene fatto per evitare che il software venga installato su n macchine(nel caso specifico che una stessa chiave venga utilizzata per far funzionare milioni di copie distribuite su p2p)Una semplice email di chiarimento avrebbe evitato questo "malinteso"(non ci crede nessuno)
      • Anonimo scrive:
        Re: PROTEZIONI: esperienza personale
        - Scritto da: Anonimo
        dove stavava scritto che in caso di guasto
        ecc ecc dovevi riacquistare la licenza? o te
        lo sei inventato tu per giustificarti per il
        mancato pagamento?
        il controllo dell'hw viene fatto per evitare
        che il software venga installato su n
        macchine(nel caso specifico che una stessa
        chiave venga utilizzata per far funzionare
        milioni di copie distribuite su p2p)Fai cosa allora:prova a far funzionare la tua copia di XP con Activation Product su un nuovo pc, buttando quello vecchio.Se riesci ad installarlo fammi un fischio...
        • Anonimo scrive:
          Re: PROTEZIONI: esperienza personale
          non entriamo in polemicama non è una giustificazione valida la tuase usi il prodotto lo vedi pagare punto.se butti il pc gli scrivi e chiedi una nuova chiave sempre associata al tuo nome, se non te la rilasciano sono bastardi loro, ma è questa la trafila, non ci arrampichiamo sugli specchi per favore
  • JoJo79 scrive:
    Soldi "publici" buttati...
    Edit: Soldi "pubblici" buttati... scusate l'errore! :DPer l'ennesima volta verranno usati i soldi di noi contribuenti per finanziare la cavolata di turno.Non esiste un sistema di protezione "sicuro". Un CD per poterlo copiare, basta poterlo ascoltare. Ho detto tutto.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 11.01.57
    • Anonimo scrive:
      Re: Soldi "publici" buttati...
      - Scritto da: JoJo79
      Edit: Soldi "pubblici" buttati... scusate
      l'errore! :D


      Per l'ennesima volta verranno usati i soldi
      di noi contribuenti per finanziare la
      cavolata di turno.

      Non esiste un sistema di protezione
      "sicuro". Un CD per poterlo copiare, basta
      poterlo ascoltare. Ho detto tutto.Purtroppo si! e' cosi' banale! tu hai detto tutto e "loro" invece non hanno capito un tubo! ... che mondo! :'(
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    Storicamente l'unico Barbarossa assurto agli "onori dei manuali" è Federico I di Hohenstaufen detto il Barbarossa (1123ca. - 1190). Il pirata a cui credo ci si volesse qui riferire è Barbanera, al secolo Edward Teach.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per la redazione
      - Scritto da: Anonimo
      Storicamente l'unico Barbarossa assurto agli
      "onori dei manuali" è Federico I di
      Hohenstaufen detto il Barbarossa (1123ca. -
      1190). No, c'e' anche Khaye-ed-din, detto appunto "Barbarossa" , pirata del XVI secolo che operava nel Mediterraneo e che fu autore tra l'altro di un'epica battaglia navale contro gli spagnoli di Carlo V nel 1541 in qualita' di ammiraglio della flotta turca.
  • Anonimo scrive:
    Perfetto!
    Ultima occasione???Vuoi vedere che poi la piateranno di scassarci i marroni con sti diritti del menga?ennesima dimostrazione di dove vannno a finire i soldi che paghiamo (profumatamente) di tasse e balzelli vari...vanno a finire in una spesa del tutto inutile! (a volte anche nelle tasche di qualcuno ancora piu' inutile)spendono soldi in queste stronzate nel tentativo di ingrassare chi e' gia' grasso come un bue quando nel mondo c'è ancora chi fa la fame nera..una vergogna!!
  • Anonimo scrive:
    Chiudono la stalla...
    14 milioni di euri?8 della UE e il resto dei "privati?"MMMM.... la vedo come una bella operazione fiscale per fare lavorare un po' di istituto in giro...A parte che per avere il grano ora, devono avere presentato il progetto un paio di anni fa (la CEE e' lentina di solto..)E poi chi ci crede che una roba (protocollo) del genere possa venire dagli europei?Se America e Japan non gradiscono ( e sicuramente non gradiranno) di venire prevaricati tecnologicamente, faranno fuori lo standard con la loro solita eleganza, con le leggi di mercato...Quindi per me non c'e' da preoccuparsi.Anche perche' CHIUDONO LA STALLA QUANDO I BUOI SONO SCAPPATI, se oggi si disintegrasse DEFINITIVAMENTE il p2p, (o per legge o a mazzolate sui PC...) ormai tanta roba e' stata distribuita...
  • Anonimo scrive:
    arma finale?
    arma finale, nel senso che, se non riescono a blindare come si deve stavolta, non lo fanno piu'?:
    • Anonimo scrive:
      Re: arma finale?
      arma finale, nel senso che, se non riescono a blindare come si deve stavolta, non lo fanno piu'?si beh direi di si..pero' anche nel senso che se falliscono stavolta (questo e' certo e tanto ormai ai fallimenti ci sono abituati) lo prendono nelle chiappe in maniera piu' che sonora hahahahahhahahahahah
      • Anonimo scrive:
        Re: arma finale?
        Beh, perché, secondo voi ci riescono?Non cercare di piegare il cucchiaio. E' impossibile... :D- Scritto da: Anonimo
        arma finale, nel senso che, se non riescono
        a blindare come si deve stavolta, non lo
        fanno piu'?

        si beh direi di si..pero' anche nel senso
        che se falliscono stavolta (questo e' certo
        e tanto ormai ai fallimenti ci sono
        abituati) lo prendono nelle chiappe in
        maniera piu' che sonora hahahahahhahahahahah
  • riddler scrive:
    DRM=sogno/incubo
    Il DRM e' semplicemente una favola, non esiste un drm perfetto ed impenetrabile. Semplicemente non ci sara' mai un drm funzionante al 100% e finche' non sara' al 100% si puo' star certi che qualcuno lo aprira'.In sostanza tutto questo muoversi sul drm e' inutile, sono investimenti che con tutta probabilita' non avranno mai un ritorno adeguato.La protezione sulle videocassette, seca, seca2... hanno una cosa in comune: erano dei parenti del drm. Anzi ne hanno due: hanno fallito.
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo
      sì bravo e poi? cosa risolvi? speri che tutti quelli che prelevano musica a scrocco si convertano di botto, caghino banconote da cinquanta ?uri e il mercato musicale impenni?ma l'industria vive davvero nella pia illusione che il mercato pirata si possa convertire in cash flow stratosferici col drm? l'ipotesi più realistica è che si elimini la pirateria e la parte legale resti così come è, in crisi e in picchiata... ed è giusto che sia così. chi preleva musica a scrocco oggi, se domani non potrà farlo, penso vivrà benissimo, mica si campa di musica... finchè ci sarà la demodulazione di frequenza ( o il dab) tanti saluti alle sette sorelle coi miei peggiori augurips: wma non lo ha craccato nessuno perchè nessuno se lo cagapps: un pc, avendo una parte software, è sempre un drm bacato. basta questo a rendere labile qualsiasi catena. a meno di avere pc tipo pleistescion due, ma a quel punto vorrei vedere chi lo compra.saluti
      • Anonimo scrive:
        ekle perrchè non mi rispondi?
        carenza di argomenti? tanto hai visto il mio post, hai scritto giusto sotto. cosa devo dedurre da te che sei ormai portavoce ufficiale delle major? che le major non sanno che dire in merito?
    • TPK scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo
      Scommetto che il tuo sogno e' di andare a lavorare per Axmedis... :s
      • Ekleptical scrive:
        Re: DRM=sogno/incubo

        Scommetto che il tuo sogno e' di andare a
        lavorare per Axmedis... :sSai che, per coincidenza, ci stavo giusto pensando, visto che fra un 2 mesi mi laureo? :P(se non fosse che non è il mio settore)
        • TPK scrive:
          Re: DRM=sogno/incubo
          - Scritto da: Ekleptical

          Scommetto che il tuo sogno e' di andare
          a

          lavorare per Axmedis... :s

          Sai che, per coincidenza, ci stavo giusto
          pensando, visto che fra un 2 mesi mi laureo?
          :p
          (se non fosse che non è il mio
          settore)Pensa che se riuscissi a realizzare il DRM perfetto, verresti insultato non solo qui, ma in tutto il mondo! ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: DRM=sogno/incubo
          - Scritto da: Ekleptical

          Scommetto che il tuo sogno e' di andare
          a

          lavorare per Axmedis... :s

          Sai che, per coincidenza, ci stavo giusto
          pensando, visto che fra un 2 mesi mi laureo?
          :p
          (se non fosse che non è il mio
          settore)Peccato! uno che non ha ancora capito che per "sproteggere" qualunque pezzo basta poterlo ascoltare sarebbe stato certamente molto utile! :D
    • sterlina scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo
      - Scritto da: Ekleptical

      Il DRM e' semplicemente una favola, non

      esiste un drm perfetto ed impenetrabile.

      Semplicemente non ci sara' mai un drm

      funzionante al 100% e finche' non sara'
      al

      100% si puo' star certi che qualcuno lo

      aprira'.

      Non è necessariamente vero. Il varco
      è che nella catena ad un certo punto
      c'è una periferica analogica o una
      digitale non protetta. Eliminate quelle il
      sistema diventa, per l'avventore casuale,
      impenetrabile.
      Se prendiamo una catena fatta così:
      a) brano DRM via Internet con protezione
      forte, tipo WMA9 (tuttora indenne da crack,
      da un paio d'anni che è in giro)
      b) riproduttore DRM portatile stile iPod
      c) computer privo di uscite analogiche, solo
      digitale
      d) stereo DRM, con IN solo digitale DRM
      compliant
      e) casse con IN esclusivamente digitali e
      conversione D/A interna
      e così via, varchi analogici non ce
      ne sono. Il trucco è rendere
      impossibile l'utilizzo dei CD-Audio e di
      ogni dispositivo analogico.
      voglio proprio vedere come riusciranno ad impedirmi di mettere un microfono non DRM davanti alle casse audio del mio stereo DRM:D
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo e proposte
      tutto molto bello il nostro vociferare ma anche tutto molto inutilequello che mi fa incazzare leggendo di loro e leggendovi è che non la volete tutti quanti proprio capire per non far vivere la pirateria bisogna che i ladri veri si svestano dei panni da pirati che per anni hanno prosciugato i nostri portafogliABBASSARE I PREZZI QUESTO è L'UNICO DETERRENTE10 EURO I CD E 15 I DVD e la facessero finita di buttare soldi in queste cazzate e comunque visto che spendono 14 milioni vuol dire che ce li hanno i soldi per sostenere i prezzi che dico iociao a tutti
      • Anonimo scrive:
        Re: DRM=sogno/incubo e proposte
        - Scritto da: Anonimo
        tutto molto bello il nostro vociferare ma
        anche tutto molto inutile
        quello che mi fa incazzare leggendo di loro
        e leggendovi è che non la volete
        tutti quanti proprio capire
        per non far vivere la pirateria bisogna che
        i ladri veri si svestano dei panni da pirati
        che per anni hanno prosciugato i nostri
        portafogli
        ABBASSARE I PREZZI QUESTO è L'UNICO
        DETERRENTE
        10 EURO I CD E 15 I DVD
        e la facessero finita di buttare soldi in
        queste cazzate
        e comunque visto che spendono 14 milioni
        vuol dire che ce li hanno i soldi per
        sostenere i prezzi che dico io
        ciao a tuttiNon vorrei farti incazzare ulteriormente, ma l'abbassamento dei prezzi ha un nome: "DEFLAZIONE", e' questo che le multinazionali temono piu' di tutto.Dai un'occhiata qui'http://www.cesifo.de/servlet/page?_pageid=56&_dad=portal30&_schema=PORTAL30&pa_id=28785o cerca qualche altra fonte su google e capirai di cosa stiamo parlando...Bisogna trovare altre strade perche' i prezzi non li caleranno mai
        • Anonimo scrive:
          Re: DRM=sogno/incubo e proposte
          ho letto l'articolo che mi hai mandato ma è in parte veroanzi sicuramente è vero ma io sono convinto che ad un abbassamento dei prezzi corrisponde un sensibile rialzo delle entrate in quanto si riprendono i soldi che oggi tutti noi diamo alla pirateria ed in piu' per via della illusione del costa poco si compra senza accorgersene di piu' ed ecco quindi che l'economia riprended'altronde a salari bloccati è l'unica speranza di respiro che puo' venire ad un mercato ramai immobile e congelatocalcola anche che oltretutto nella gente si sta instaurando anche quella formula subdola e incontrollabile di odio verso tutti quelli che sostengono e producono a prezzi cosi' alti per cui anche potendo se li tengono stretti i loro soldi solo cosi' diciamo per rivalsaciao e grazie er l'articolo interessante
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo

      Se prendiamo una catena fatta così:
      a) brano DRM via Internet con protezione
      forte, tipo WMA9 (tuttora indenne da crack,
      da un paio d'anni che è in giro)mi son sempre chiesto. E se mi compilo dd sulla mia bella piattaforma windows e faccio la copia di un file DRM enabled byte per byte (nb: byte per byte, un byte alla volta per ogni esecuzione), che succede?resto della mia idea. Stanno rompendo il cazzo ai consumatori.
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo

      Puoi sempre metterti a smontare le casse e
      costruirti i tuoi circuiti per la
      conversione, posso anche mettere davanti alle casse un buon microfono...
    • riddler scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo
      Backward compatibility?Impianti con amplificazione a valvole?Senza contare il costo disumano che avrebbero tali periferiche. Se ogni cassa deve avere un engine di decrittazione, poniamo des, e magari un dsp, per sporcare ad arte il suono prima di farlo sentire, per disturbare eventuali microfoni piratosi...Ci sarebbe piu' elettronica in quelle casse che in un intero stereo compatto di quelli che si trovano ora.
    • TPK scrive:
      Re: DRM=sogno/incubo
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Ekleptical

      Per l'utente normale è protetto
      al

      100%. I pochi esagitati con tanto tempo
      da

      perdere ci saranno sempre, ma non

      influenzano minimamente il mercato.

      I pochi (tanti ?) 'esagitati' si faranno un
      sacco di soldi con un cacciavite ed un
      saldatore a spese dei tanti (pochi ?) utenti
      normali...Perche' fare un sacco di soldi?Secondo me ci sara' un sacco di gente che "crackera' le casse" e diffondera' gratis gli mp3 col p2p.Adesso gli mp3 li fai dal CD audio, domani dalle "casse crackate"...Oppure nel negozio di hi-fi ti chiederanno se vuoi lo stereo "modificato", un po' come succedeva per la Playstation o per i motorini...
  • Anonimo scrive:
    Fraunhofer?
    Ma una settimana fa non si facevano tutti belli per sponsorizzare il formato mp3, dicendo proprio che uno dei suoi pregi è che non ha al suo interno tecnologie di DRM?Boh... magari mi sbaglio io...
    • Anonimo scrive:
      Re: Fraunhofer?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma una settimana fa non si facevano tutti
      belli per sponsorizzare il formato mp3,
      dicendo proprio che uno dei suoi pregi
      è che non ha al suo interno
      tecnologie di DRM?

      Boh... magari mi sbaglio io...Appunto, con quello non ci guadagnano nulla e per fare ricerca vanno da chi gli da' i soldini per mangiare.La ricerca costa del grano e l'mp3 e' nato come sottoprodotto del video Mpeg.Ma secondo te, le Major nel loro complesso fatturano di piu' di una Sony qualunque?Meditaci...
      • Anonimo scrive:
        Re: Fraunhofer?

        Ma secondo te, le Major nel loro complesso
        fatturano di piu' di una Sony qualunque?la Sony E' una delle Major. E si è appena comprata la BMG, per cui è diventata ancora più grossa, come Major.
  • Anonimo scrive:
    AUAHAHAHAH
    CANNONATE DI DOBLONI!a quanto pare la redazione ci ha preso gusto con sti dobloni :DDDD-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 maggio 2006 01.38-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: AUAHAHAHAH
      - Scritto da: munehiro
      CANNONATE DI DOBLONI!

      a quanto pare la redazione ci ha preso gusto
      con sti dobloni :DDDDeheh :Dhttp://img2.exs.cx/img2/5291/doblonipi.gif
  • Anonimo scrive:
    MAMMAMIA!!!!
    Oramai non sanno che pesci pigliare...non è che che siano soldi sprecati di gia' in partenza??? :|
    • Anonimo scrive:
      Re: MAMMAMIA!!!!
      Oramai non sanno che pesci pigliare...non è che che siano soldi sprecati di gia' in partenza??? sprecati e' dire poco ma che gliene frega, mica sono soldi loro no? con i soldi degli altri (nostri) ci si puo' anche pernettere di sprecarli!
  • Anonimo scrive:
    PERFETTO!
    Un sistema di protezione nato da un'iniziativa "statale" come questa, sarà craccato in un batter d'occhio.Auguri....p2p forever
Chiudi i commenti