Digitale terrestre, la Rai non si vede: pronta la diffida al Canone TV

Digitale terrestre, la Rai non si vede: pronta la diffida al Canone TV

Il digitale terrestre continua ad avere problemi tanto che in diverse zone non si vedono ancora i canali Rai: parte la diffida al Canone TV.
Il digitale terrestre continua ad avere problemi tanto che in diverse zone non si vedono ancora i canali Rai: parte la diffida al Canone TV.

I problemi con il digitale terrestre non sono finiti. Purtroppo sono ancora diverse le zone che in Italia presentano difficoltà di ricezione. Il motivo non è imputabile al fatto che i cittadini non si siano adeguati con apparecchi compatibili alla nuova tecnologia, ma alle strutture obsolete che dovrebbero essere sostituite o aggiornate.

Ciò nonostante, i cittadini che dall’8 marzo 2022 non riescono a vedere i canali della Rai sono comunque obbligati a pagare il Canone TV. Adico, associazione di difesa dei consumatori, ha descritto il Canone Rai definendolo “un servizio oneroso ma inesistente“. Proprio per questo si è mossa per sostenere tutti coloro che si trovano in questa situazione.

Ovviamente, se hai un dispositivo non ancora compatibile con il prossimo standard DVB-T2 ti consigliamo di acquistarne uno. Mancano pochi giorni a che i canali TV in Mpeg-2 si spegneranno sul digitale terrestre. Perciò anticipa questo evento approfittando delle offerte Amazon sui migliori apparecchi. Oggi acquisti il Decoder DVB-T2 Fenner a soli 22,99 euro, invece di 29,99 euro.

Digitale terrestre: avviata una diffida al Canone Rai

La situazione riguardo ad alcune zone d’Italia dove non si vedono i canali Rai sta diventando insostenibile. Dall’8 marzo a oggi sono passati all’incirca nove mesi. Come è possibile che cittadini obbligati a pagare il Canone Rai non possano vedere in modo completo l’offerta televisiva sul digitale terrestre? Ecco perché Adico ha annunciato:

Si chiede di fatto l’esenzione dal pagamento del canone e, in subordine, la restituzione di quanto finora pagato a fronte di un servizio oneroso ma inesistente.

Una decisione obbligata dal fatto che Adico non ha mai ricevuto risposte dalle istituzioni né dalla televisione pubblica italiana in merito a possibili soluzione programmate per risolvere questi disagi. Infatti, nel comunicato ufficiale dell’associazione si legge:

Il comportamento della Rai in questa vicenda è emblematico e sorprendente. Stiamo parlando di un servizio pubblico che se ne frega del proprio pubblico. Il problema non esiste solo a Venezia ma in tutta Italia. Le vittime del disservizio hanno fatto di tutto: cambiato TV, installato filtri, chiamato antennisti, tutto a loro spese. E il risultato è sempre quello: la Rai continua a non vedersi. A farne le spese sono soprattutto le persone anziane, che non utilizzano TV a pagamento e che in molti casi sono affezionate ad alcuni programmi della rete pubblica.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 3 dic 2022
Link copiato negli appunti