Disney+ in crescita, altri 8 milioni di iscritti

Disney+ in crescita, altri 8 milioni di iscritti

Disney+ ha comunicato i risultati finanziari dell'ultimo trimestre, ha totalizzato 8 milioni di nuovi abbonati, per un totale di 140 milioni.
Disney+ ha comunicato i risultati finanziari dell'ultimo trimestre, ha totalizzato 8 milioni di nuovi abbonati, per un totale di 140 milioni.

Mentre Netflix perde iscritti e si ritrova ad attraversare un momento non propriamente roseo, Disney  guadagna invece terreno, totalizzando altri 8 milioni di nuovi abbonati, per un totale di 137,7 milioni. Sono esattamente questi i dati che il servizio di streaming di Mickey Mouse ha comunicato nelle scorse ore e che fanno riferimento all’ultimo trimestre fiscale.

Disney+: continua la crescita, 137,7 milioni di iscritti in totale

Andando più in dettaglio, nell’ultimo trimestre Disney+ ha totalizzato 7,8 milioni di nuovi abbonati, contando complessivamente 87,6 milioni di utenti, esclusi i 50,1 milioni di abbonati a Disney+ Hotstar (la versione specificamente indiana del servizio). Solo negli Stati Uniti e in Canada, la piattaforma ha 7,1 milioni di abbonati in più rispetto ad un anno fa, ovvero 44,4 milioni.

Pur non essendo direttamente collegati, è il caso di sottolineare che Disney possiede anche ESPN+ e Hulu, altri servizi di video streaming che contano rispettivamente su 22,3 milioni e 45,6 milioni di iscritti. In totale, la compagnia ha 205.6 milioni di iscritti ai propri servizi, in crescita rispetto ai 196,4 milioni di febbraio.

Se da un lato l’andamento del numero di iscritti convince, la stessa cosa non può però essere detta dei servizi finanziari: la perdita operativa delle attività di Disney+ sta aumentando ed è pari a 0,9 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre. La causa è legata ai maggiori costi riconducibili alla produzione dei contenuti, agli investimenti pubblicitari e a quelli tecnologici. Le soluzioni per porre rimedio alla cosa potrebbero essere diverse, prima tra tutte quella di un ulteriore aumento di prezzo, ma al momento si tratta solo di un’ipotesi e non vi è nulla di conclamato.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 mag 2022
Link copiato negli appunti