Disney noleggerà DVD con autodistruzione

Il gigante del cinema e dell'entertainment adotterà una tecnologia già impiegata in campo musicale per distribuire, in una più vasta gamma di punti vendita, DVD video capaci di autodistruggersi nell'arco di 48 ore


Los Angeles (USA) – Ad oltre quattro anni di distanza dallo sviluppo concettuale dei supporti ottici in grado di “autodistruggersi”, i DVD “a tempo” prodotti da FlexPlay Technologies stanno guadagnando la fiducia dell’industria di Hollywood.

Dopo Atlantic Records , un’importante etichetta di musica americana che ha adottato la tecnologia di FlexPlay Technologies per la distribuzione di campioni gratuiti di DVD audio, a sperimentare i DVD “a scadenza” è ora Buena Vista Home Entertainment, la divisione home video di Disney. Il gigante della distribuzione cinematografica, a partire dal prossimo agosto, lancerà infatti un programma pilota che prevede il “noleggio” di alcuni film su dei supporti DVD in grado di diventare illeggibili dopo due giorni d’utilizzo.

La tecnologia di FlexPlay fa sì che i suoi dischi, una volta estratti dal loro involucro ed esposti all’ossigeno presente nell’aria, mutino il proprio colore dal rosso al nero, divenendo così impenetrabili per il laser di un lettore.

Buena Vista spera che i DVD a tempo possano darle l’opportunità di espandere il proprio mercato portando l’home video al di fuori delle videoteche: i supporti ottici deperibili potranno infatti essere venduti – agli stessi prezzi d’affitto praticati dai videonoleggi – in tutti quei punti vendita che non sono dotati di un servizio per il ritiro dei DVD.

FlexPlay, che si è già detta in trattative con altri colossi del settore per la licenza della propria tecnologia, sostiene che i cracker non possano in alcun modo allungare la vita dei suoi supporti a causa del fatto che questa non viene stabilita da un software ma da un processo chimico irreversibile. Nell’arco di tempo in cui rimangono leggibili, i DVD a scadenza si comportano tuttavia in tutto e per tutto come dei dischi tradizionali: questo significa che, con gli strumenti adatti, rimane possibile copiarli.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • antonietta esposito scrive:
    laurea via internet
    sono molto d'accordo,anche per chi lavora a tempo pieno è ottimo o per chi ha figli.
  • Anonimo scrive:
    quid dell'educazione
    Cari amici,vi propongo una riflessione e sarò molto lieto di ricevere la vostra gradita opinione:Qualsiasi forma di trasmissione dell'educazione, FROM insegnante TO studente, indipendentemente dal mezzo di trasmissione utilizzato (es. le bandierine di segnalazione delle imbarcazioni) avrà senso ed otterrà lo scopo, cioè l'apprendimento da parte dello studente se avremo la fortuna di trovare: 1) un insegnante bravo, preparato, umano, disponibile, nato con la vocazione dell'insegnante e pronto a dedicarsi con impegno e sacrificio a questo fondamentale ruolo.2) uno studente che desideri veramente apprendere la materia di studio e che desideri anche approfondire la materia per "farla sua".Però il punto 1 avrà maggior valore del punto 2:Ottimo insegnante + Ottimo studente = ottimo risultatoBuon insegnante + Mediocre studente = buon risultatoMediocre insegnante + Ottimo studente = mediocre risultatoIn sintesi: non importa che la lezione venga trasmessa col codice Morse, ma che l'insegnante sia un ottimo insegnante.Tutto qui: la buona educazione e la buona scuola sono il risultato dell'insegnamento e della dedizione di buoni insegnanti.Non conta la politica, non conta il "medium", non contano i libri, non contano le ore di studio, non contano i miliardi investiti, ciò che conta veramente è il DOCENTE.Ripensando ai miei insegnanti posso dirvi che:su 3 maestre elementari, 15 insegnanti di scuola media, 30 professori d'Università, cioè su 48 docenti ne ricordo con stima solo 7 di loro.Per gli amanti della statistica significa 14.58% di insegnanti ai quali darei lo stipendio dei calciatori e che avranno la mia riconoscenza per tutta la vita e 85.42% di insegnanti che manderei a zappare nella Guyana Francese.Un caro saluto a tutti.Pasquale
    • konqueror scrive:
      Re: quid dell'educazione
      - Scritto da: pasquale63
      1) un insegnante bravo, preparato, umano,
      disponibile, nato con la vocazione
      dell'insegnante e pronto a dedicarsi con
      impegno e sacrificio a questo fondamentale
      ruolo.Concordo in pieno sul tuo commento. Purtroppo di insegnanti veramente bravi ce ne sono davvero pochi. Quindi la speranza con la formazione elettronica a distanza è quella di duplicare il contenuto formativo preparato proprio dal docente bravo preparato umano ecc ecc. che sia veramente di qualità.
  • Anonimo scrive:
    Livellare al basso........
    ................... è sempre stato più facile che all'alto.Saluti
  • Anonimo scrive:
    vecchi cervelli intelligentoni di ogni r
    isma- Scritto da: Anonimo
    Non c'è niente da fare... A leggere alcuni
    commenti qui, c'è da spararsi. Ma che
    pretende certa gente che è contro per
    principio, senza neanche conoscere di cosa
    parla? Questo Paese è destinato al
    fallimento... Questi che scrivono contro
    sarebbero gli esperti di ICT in
    Italia...AHAHAHAHAHAH, ANDATE A LAVURà... (a
    proposito, prima di scrivere amenità
    qualunquiste, leggetevi il decreto.)
    Bah!Ma che te ridi?????Chi sei uno del CEPU uno che ha preso la specializzazione perWEB ENGINEERING (NON AUTORIZZATO DA NESSUNO solo La Ietf può previa autorizzazione dai colleghi di modificare (fare ingegneria dei protocolli per chi si fosse laureato al CEPU) I protocolli della rete)Web Doctor: Su dica trentatre....Web Master ... vedi dialers...Content editor... impaginatore... content tu content tutti!TU piuttosto vai a laurearti e a faticare seriamente... non ce crede a li calciatori che quelli lo fanno per pubblicità!!!:-D
    • Anonimo scrive:
      Re: vecchi cervelli intelligentoni di ogni r
      No comment... Tu non saresti ammesso neanche al CEPU...ehehe...
      • Anonimo scrive:
        Re: vecchi cervelli intelligentoni di ogni r
        - Scritto da: Anonimo
        No comment... Tu non saresti ammesso neanche
        al CEPU...
        ehehe...A TE difatti ti hanno ammesso come volevasi dimostrareheheehhecazzo ridi?Con quella bella specializzazione puoi usarla per puliritici il deretano anche se la carta Cepu non è buona nemmeno per quello
        • Anonimo scrive:
          Re: vecchi cervelli intelligentoni di ogni r
          Premettendo che non sono quello che ti ha risposto prima, se tu dessi una bella ripassata ad una grammatica delle medie, forse riusciresti ad evitare di farti prendere per il c**o in quel modo.Alien3 P.S.: ma in che ti sei laureato? :))))))))
          • Anonimo scrive:
            Re: vecchi cervelli intelligentoni di ogni r
            - Scritto da: Anonimo
            Premettendo che non sono quello che ti ha
            risposto prima, se tu dessi una bella
            ripassata ad una grammatica delle medie,
            forse riusciresti ad evitare di farti
            prendere per il c**o in quel modo.

            Alien3

            P.S.: ma in che ti sei laureato? :))))))))Guarda se giro per i forum, quello più preso per il c##o sei proprio tu, probabilmente invece di stare tutto il giorno a guardare i DVD con "RipleY", prova ad aprire un bel libro, magari impari qualcosa! Visto che ovviamente sarai un disoccupato frustrato, e a quanto pare, poco "affine" a questo tipo di lavoro, probabilmente haI la terza media e si atteggia a super esperto, ti do un consiglio: prova a cercare nei MERCATI GENERALI, quello è un posto molto idoneo "per i finti esperti informatici".Qui quando scrivi tu, ridono tutti.... fatti un bell'esamino di coscienza cepuweb!
  • Anonimo scrive:
    Si aprono le porte ai privati
    Il decreto oltre a definire la laurea a distanza permette a chiunque di istituirla previa valutazione di una commissione ministeriale. Prevedo la proliferazione di queste lauree telematiche. Purtroppo prevedo anche che la qualità dei corsi sarà molto bassa.Spero di sbagliarmi.M.
    • Anonimo scrive:
      Re: Si aprono le porte ai privati
      veramente lo consente a chi ha già le opportune autorizzazioni (leggi università), non chiunque.
  • Anonimo scrive:
    Nuove tecnologie e vecchi cervelli
    Non c'è niente da fare... A leggere alcuni commenti qui, c'è da spararsi. Ma che pretende certa gente che è contro per principio, senza neanche conoscere di cosa parla? Questo Paese è destinato al fallimento... Questi che scrivono contro sarebbero gli esperti di ICT in Italia...AHAHAHAHAHAH, ANDATE A LAVURà... (a proposito, prima di scrivere amenità qualunquiste, leggetevi il decreto.)Bah!
  • Anonimo scrive:
    Lezioni e contenuto informativo
    Vorrei sottolineare un semplice concetto. La laurea, come ogni corso di studi, prevede un trasferimento di informazioni dal docente agli alunni, i quali dovranno poi padroneggiare e comprendere queste informazioni, dimostrandolo tramite degli esami.A prescindere dal "come" avviene l'apprendimento, quel che conta sono le informazioni e gli esami.Nella laurea tradizionale, chi ha sempre frequentato tutte le lezioni di tutte le materie? Chi non ha mai desiderato poter stare a casa a studiare direttamente la lezione? Chi non ha mai desiderato poter contattare facilmente un docente "irraggiungibile" per avere un chiarimento?Personalmente, con lo studio a distanza, (che la Stanford University utilizza da oltre un secolo, avendo iniziato con corsi per corrispondenza ... la Stanford due anni fa è stata dichiarata la migliore università mondiale!), mi sembra che cambino solo le modalità di ricezione dell'informazione, ma non cambiano certo ne l'informazione stessa e ne gli esami.A questo punto, perchè leggo tanti pareri contrari? Quello che imparavo in aula non lo posso imparare in casa mia?Io la trovo una grande ed importante rivoluzione culturale, comprensibile ed accettabile da chi sa cosa vuol dire cultura, ovviamente.Permettetemi il paragone: prima dell'invenzione del telefono, per parlare con una persona dovevamo incontrarla, con tutto quel che comportava: poi arrivarono Marconi e Bell e fecero si che ci si parlasse a distanza.Che somari, vero?!? Parlare a distanza, macché follia, perderanno imporanza i cavalli, i calessi e nessuno si muoverà più dalle proprie case! SCANDALO!Io, l'elmetto, dalla testa me lo sono tolto da tempo, visto che la guerra è finita da un pezzo :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lezioni e contenuto informativo


      Io, l'elmetto, dalla testa me lo sono tolto
      da tempo, visto che la guerra è finita da un
      pezzo :-)Pure io ma i "drole de guerre" che si vogliono laureare senza faticare pure se è finita la guerra ci sono lo stesso
  • Anonimo scrive:
    www.laureaonline.it
    Questa laurea in ingegneria informatica esiste da tre anni al Politecnico di Milano: è perfettamente equivalente a quella in presenza, con lo stesso programma e gli stessi docenti.La differenza???La segui da dove voi e quando voi, tramite le lezioni su CD e i collegamenti ad Internet: in facoltà ti presenti solo per sostenere gli esami che sono quelli tradizionali.Chiunque lavori o abbia problemi per frequentare potrà finalmente raggiungere una prestigiosa laurea.A me sembra una cosa molto democratica ed utile: mio fratello la sta seguendo e si trova benissimo.Pur essendo molto selettiva (si tratta del Politecnico e non del CEPU!) i docenti sono molto disponibili e tramite forum ed e-mail li puoi raggiungere e contattare tutti i giorni.Provate a farlo in presenza!CiaoFabrizio
    • Anonimo scrive:
      Re: www.laureaonline.it
      - Scritto da: Anonimo
      Questa laurea in ingegneria informatica
      esiste da tre anni al Politecnico di Milano:
      è perfettamente equivalente a quella in
      presenza, con lo stesso programma e gli
      stessi docenti.
      La differenza???
      La segui da dove voi e quando voi, tramite
      le lezioni su CD e i collegamenti ad
      Internet: in facoltà ti presenti solo per
      sostenere gli esami che sono quelli
      tradizionali.
      Chiunque lavori o abbia problemi per
      frequentare potrà finalmente raggiungere una
      prestigiosa laurea.
      A me sembra una cosa molto democratica ed
      utile: mio fratello la sta seguendo e si
      trova benissimo.
      Pur essendo molto selettiva (si tratta del
      Politecnico e non del CEPU!) i docenti sono
      molto disponibili e tramite forum ed e-mail
      li puoi raggiungere e contattare tutti i
      giorni.
      Provate a farlo in presenza!Certo con quello che spendi, voglio proprio vedere se non ci sta nemmeno la gentile presenza dei docenti....IL Politecnico ha fatto sta cialtronata? allora di serietà non c'e nemmeno PIù lìViva berlusconi!Viva la moratti!Viva la stupidità umana che non ha mai avuto limite
  • Anonimo scrive:
    5 --
    http://news.com.com/2100-1016-1007528.html?tag=nlCome volevasi dimostrare.
  • Anonimo scrive:
    Facciamo ordine: è tutto reale!
    Ciao a tuttileggendo la maggior parte degli interventi di questo forum, non ho potuto fare a meno di constatare una generale disinformazione, quindi, visto che già vivo questa esperienza, permettetemi di fare un pò di chiarezza.1) Il CEPU non centra assolutamente NULLA! E' una società privata che fa ripetizioni e che ti segue e ti aiuta a studiare, ma non ti valuta, non ti fa sostenere gli esami, non è una Univesità. Se vogliamo, è una versione migliorata del docente che a casa ti da le ripetizioni, senza lode ne infamia.2) Il decreto del ministro Moratti (che non difendo ne attacco) riguarda la giusta regolamentazione per tutte le università italiane che volgiono fare formazione a distanza. Le opportunità, per chi non ha progiudizi ed è limpido nel ragionare sono già fin troppo evidenti. A parte il consorzio Nettuno, che esite da moltissimi anni e che apprezzo notevolmente, esiste da ben 3 anni al Politecnico di MILANO (che non mi risulti sia l'ultima delle università italiane, o sbaglio?!?) un intero e completo corso di laurea in ingegneria informatica, i cui dettagli sono visibili al relativo sito www.laureaonline.it oppure, per gli increduli, entrateci attraverso il sito del Politecnico, all'indirizzo www.polimi.it.Io ho avuto modo di studiare sia nell'università normale (vecchio ordinamento), sia in questa laurea del Politecnico, e vi assicuro che il livello di preparazione è nettamente superiore, perchè le classi sono di circa 20 persone al massimo, oltre al docente hai il tutor, e tutte le lezione le hai su CD e te le segui la sera, come faccio io e le altre centinaia di studenti come me che lavorano e si stanno massacrando di sacrifici per raggiungere la laurea.Ognuno è libero di farsi le opinioni che vuole: personalmente cerco di parlare sempre di cose che conosco (ho provato anche il CEPU) bene e possibilmente senza offendere o attaccare chi la pensa diversamente da me.Spero di aver chiarito un pò le idee a chi le aveva un pò confuse.Buon lavoro a tuttiCiaoRoberto
    • loki scrive:
      Re: Facciamo ordine: è tutto reale!
      ciao roberto, ho preso visione e sono d'accordo con te, peccato che ci voglia 5.000 euro l'anno circa ... è vero che nessuno ti regala niente, ma se con 1 stipendio mangi, paghi il mutuo, assicurazioni, macchina, tv,tel, elettricità ecc ecc ecc altri 5.000 sono quantomeno troppi, o no ?ciaoloki
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo ordine: è tutto reale!
        Ciao Lokiè vero che costa un pò, però se ti fai i conti di quanto costa vivere a Milano per prendere quella laurea, vedrai che risparmi tempo e denaro.A Milano, la stanza titpica per lo studente costa almeno 250 euro al mese, poi dovrai mangiare, usare i mezzi pubblici, comprarti i libri che perlatro nel corso a distanza non usi quasi per nulla, tranne rare eccezioni, perchè le lezioni spesso sono sufficienti e complete.Ovviamente ognuno si deve fare i propri conti, ma alla fine ti porti via una laurea in ingegneria informatica presa al Politecnico di Milano, che non è proprio carta straccia ma ti può permettere di far carrira dove lavori già o addirittura cambiar lavoro.Tutto dipende dagli obiettivi personali. Comunque la laurea a distanza esiste, è validissima, estremamente serie e selettiva.Ciao e buona giornata
        • postmaster scrive:
          Re: Facciamo ordine: è tutto reale!
          - Scritto da: Anonimo
          Ciao Loki
          è vero che costa un pò, però se ti fai i
          conti di quanto costa vivere a Milano per
          prendere quella laurea, vedrai che risparmi
          tempo e denaro.

          A Milano, la stanza titpica per lo studente
          costa almeno 250 euro al mese, poi dovrai
          mangiare, usare i mezzi pubblici, comprarti
          i libri che perlatro nel corso a distanza
          non usi quasi per nulla, tranne rare
          eccezioni, perchè le lezioni spesso sono
          sufficienti e complete.


          Ovviamente ognuno si deve fare i propri
          conti, ma alla fine ti porti via una laurea
          in ingegneria informatica presa al
          Politecnico di Milano, che non è proprio
          carta straccia ma ti può permettere di far
          carrira dove lavori già o addirittura
          cambiar lavoro.
          Tutto dipende dagli obiettivi personali.
          Comunque la laurea a distanza esiste, è
          validissima, estremamente serie e selettiva.

          Ciao e buona giornataCiao, sarei interessato a scambiare qualche opinione con e ,viso che sai gia' frequentando questo corso on-line.Grazie.
          • RobertoMuller scrive:
            Re: Facciamo ordine: è tutto reale!
            Ciao PostmasterLeggi pure il mio profilo e scrivimi direttamente, se vuoi, oppure sfruttiamo questo forum.Scegli tuCiaoRoberto- Scritto da: postmaster

            Ciao, sarei interessato a scambiare qualche
            opinione con e ,viso che sai gia'
            frequentando questo corso on-line.

            Grazie.
          • Anonimo scrive:
            Una bella esperienza nelle lauree online


            Ciao, sarei interessato a scambiare
            qualche

            opinione con e ,viso che sai gia'

            frequentando questo corso on-line.



            Grazie.

            Prego prego non c'è di cheDunque ho cominciato con un bel corso per nullafacenti con la grana chiamato Master of product managementPoi ho fatto il corsoDi web engineer alla ma la IETF (unico organo che fa ingegneria dei protocolli) mi ha detto "use this certificate instead of the paper of toillette"Chissà cosa voleva dire perchè ancora non ho fatto il corso d'inglese.Ah però ti posso assicurare di una facilità di una facilità, pensa che perfino il tutor mi accompagnava all'esame, poi mi aiutava, e lì tutti gentili...i professori: non si preoccupi se non sa cosa sono i flags dei datagrams, basta che c'è la salute!e così sono finalmente contento di vivere con il mio pezzo di carta, Ps ancora mi chiedo cosa avessero voluto dire il commento della Ietf, ma vedrai che quando ho fatto il corso di inglese, tutto mi sarà più facile!Auguri e non stalli ascoltare questi qua sono tutti invidiosi!Un affezionato cepuweb
          • Anonimo scrive:
            Re: Una bella esperienza nelle lauree online
            - Scritto da: Anonimo




            Ciao, sarei interessato a scambiare

            qualche


            opinione con e ,viso che sai gia'


            frequentando questo corso on-line.





            Grazie.




            Prego prego non c'è di che
            Dunque ho cominciato con un bel corso per
            nullafacenti con la grana chiamato
            Master of product management
            Poi ho fatto il corso
            Di web engineer alla ma la IETF (unico
            organo che fa ingegneria dei protocolli) mi
            ha detto "use this certificate instead of
            the paper of toillette"
            Chissà cosa voleva dire perchè ancora non ho
            fatto il corso d'inglese.
            Ah però ti posso assicurare di una facilità
            di una facilità, pensa che perfino il tutor
            mi accompagnava all'esame, poi mi aiutava,
            e lì tutti gentili...i professori: non si
            preoccupi se non sa cosa sono i flags dei
            datagrams, basta che c'è la salute!
            e così sono finalmente contento di vivere
            con il mio pezzo di carta,
            Ps ancora mi chiedo cosa avessero voluto
            dire il commento della Ietf, ma vedrai che
            quando ho fatto il corso di inglese, tutto
            mi sarà più facile!
            Auguri e non stalli ascoltare questi qua
            sono tutti invidiosi!

            Un affezionato cepuwebAAHHAAHAHAHAAHAHAAHAHHAHAHAGrande aahhahahhahahahaRotf meriti il premio " miglior post ironico dell' anno 2003 punto informatico"Scusa ma vado a prendere il kleenex per le lacrime che mi hai fatto venire dal ridere.
  • Anonimo scrive:
    Il sistema non funziona !!!!!
    Stò contento. Finalmente che il ministro è stata decisa di fare le lauree ha distanza ora pure io sto nelle spine pecchè e arrivato il momento di avere a studiare è di pilliare la laura.Così come a detto la mamma c'ho da studiare è cosi diventerei uno bravo sciensiato è grande riceccatore.Sono terminato, grazie ha tutti che sono letto questo messaggio.Salutando.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sistema non funziona !!!!!
      Finalmente kualc'uno che scrive come io parlo... gli altri non li capivo manco!Bronty- Scritto da: Anonimo
      Stò contento. Finalmente che il ministro è
      stata decisa di fare le lauree ha distanza
      ora pure io sto nelle spine pecchè e
      arrivato il momento di avere a studiare è di
      pilliare la laura.

      Così come a detto la mamma c'ho da studiare
      è cosi diventerei uno bravo sciensiato è
      grande riceccatore.

      Sono terminato, grazie ha tutti che sono
      letto questo messaggio.

      Salutando.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sistema non funziona !!!!!
        Pure io sarebbe venuto il momento che mi pigliarono la lauera in ittì, mio papino, avresse una fabbrica di scarpe a milano e mi aveva detto che se prenderebbe la laura a distanza potrebbe avere un posto nella sua fabbrica.mi avreste detto" se ci riesce quel pistola del figlio del lambertozzi ue ma ci riesci anche tu pirlun"Grazie alla telelavoro anco io potro avere questa gognata laruea.E chi penza male di queste fatti o cose sbagliaperchè lui non avesse tutti i soldi che non avesse ioallora non parlesse cosìSe non si permettesse quello che mi permettesse io e colpa mia!?"£$%&/Salutandoveloun fellice stiudente a distanza
  • enricoe scrive:
    Spettacolo ! Adesso mi posso laureare !
    Meravigliosa notizia ! Non tanto per l'uso di internet quando per la conseguente non obligorietà della frequentazione, per la concorrenza che si avrà tra gli atenei, per la semplicità di iscrizione ad esami e corsi.Questo decreto contringe le università a semplificare le procedure.In oltre tira un brutto colpo a chi si è laureato frequentando, spendendo tanti soldi per abitare nella città universitaria, e facendosi un mazzo con il professore cattivo...Se avessi continuato ingegneria, adesso sarei molto arrabbiato... per fortuna ho smesso e mi sono trovato una buona posizione lavorativa, adesso posso con comodo tentare una aconomia e commercio che mi è sempre piaciuta.. Dopo questa, speriamo che cadino gli ordini professionali di avvocati ecc.. cosi tutti i privilegi finiscono.Un saluto a tutti
  • marcocavicchioli scrive:
    bell'idea, ma...
    io sto esultando: finalmente si potranno seguire le lezioni comodi comodi da casa. ma, secondo voi, ha senso fare dei corsi di laurea in e-learning, che sfruttano le note potenzialità di Internet, senza che ci sia alcun corso di laurea specificatamente ed esclusivamente dedicato alle web-technologies? è un assurdo controsenso, un paradosso che meriterebbe una soluzione a breve termine (soluzione, tra l'altro, tutt'altro che difficile a trovarsi: basterebbe attivare un corso di laurea in web-mastering!)
    • Anonimo scrive:
      Re: bell'idea, ma...

      basterebbe attivare un corso di laurea in
      web-mastering!)A cavicchio' ci sta già purtroppoCepuQuelli che se so inventati dei titoliWEB CONTENTWEB DOCTORWEB ENGINEERMa che bei corsi... corsi e ricorsi ma con cepu non arrivai da nessuna parte:-DCorsi di laurea per webmaster ma ti rendi quello che dici cavicchiò Due metatags de cacca, una cosa che puoi imparare da solo in una settimanaMa che bella idea...un bel corso universitario per l'uncinetto come lo vedi?A cavicchio' ma famme il piacere cavicchiò
  • Anonimo scrive:
    E dov'è la novità?
    1) Oramai moltissime univesità forniscono supporti in rete. Certo sicuramente non le lezioni, ma: - programmi d'esame; - materiale didattico; - orari; - prenotazioni esami;2) da anni esistono in tutto il mondo (udite udite ITALIA COMPRESA) Università a distanza serissime e che conferiscono Lauree: www.uninettuno.it è un consorzio di università che organizzano corsi di laurea a distanza sfruttando la TV satelllitare (vi ci sarete addormentati milioni di volte davanti) e Internet.Cosa hanno fatto di nuovo? Assolutamente niente. Salvo comunicare ad un pò di gente che da anni esiste una realtà che ignoravano totalmente. Ringraziate la Moratti: come ministro dell'Istruzione si è preoccupata di istruirvi sulla realtà esistente.
    • Anonimo scrive:
      Re: E dov'è la novità?
      ;

      2) da anni esistono in tutto il mondo (udite
      udite ITALIA COMPRESA) Università a distanza
      serissime e che conferiscono Lauree:
      www.uninettuno.it è un consorzio di
      università che organizzano corsi di laurea a
      distanza sfruttando la TV satelllitare (vi
      ci sarete addormentati milioni di volte
      davanti) e Internet.Appunto altro modo per render più facili ad i ricchi e stupidi di prendere le lauree.E magari vorresti pure che l'esame te lo facciano via web, così magari dietro alla webcam ci sta il tutor che suggerisce alla "vieni avanti cretino"
      Cosa hanno fatto di nuovo? Assolutamente
      niente. Salvo comunicare ad un pò di gente
      che da anni esiste una realtà che ignoravano
      totalmente.
      Ringraziate la Moratti: come ministro
      dell'Istruzione si è preoccupata di
      istruirvi sulla realtà esistente.Si ringraziamola che con la sua bella riforma della ricerca ha deciso la ricerca è un paziente malato, ammazziamolo e non ci pensiamo più.Quella era meglio che si interessava di fiction alla Rai e secondo me l'hanno cacciata via, perchè neanche a decidere le str...atine dei palinsesti sapeva decidereE forza italiaaaaaaaaaaaa che siamo TantissimiiiiiIl 2006 si avvicinaaa sempre piùùùùùùùùe niente niente abbiamo fatto noiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiispariremo prima o poiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
      • Anonimo scrive:
        Re: E dov'è la novità?
        dalla tua risposta si capisce benissimoche tu della vita non hai capito veramente niente:

        2) da anni esistono in tutto il mondo
        (udite

        udite ITALIA COMPRESA) Università a
        distanza

        serissime e che conferiscono Lauree:
        Appunto altro modo per render più facili ad
        i ricchi e stupidi di prendere le lauree.Se tu fossimo meno stupido, sapresti che gli iscritti ai corsi di laurea nettuno sono soprattutto studenti lavoratori, gente che abita in posti sperduti, disabili.Dov'è che stanno i ricchi, esclusa la tua testa malata?
        E magari vorresti pure che l'esame te lo
        facciano via web, così magari dietro alla
        webcam ci sta il tutor che suggerisce alla
        "vieni avanti cretino"altro punto in cui hai mostrato la tua incredibile ottusità: in tutta questa faccenda qualcuno ha mai parlato di qualcosa del genere? no.

        Cosa hanno fatto di nuovo? Assolutamente

        niente. Salvo comunicare ad un pò di gente

        che da anni esiste una realtà che
        ignoravano

        totalmente.

        Ringraziate la Moratti: come ministro

        dell'Istruzione si è preoccupata di

        istruirvi sulla realtà esistente.
        Si ringraziamola che con la sua bella
        riforma della ricerca ha deciso la ricerca è
        un paziente malato, ammazziamolo e non ci
        pensiamo più.
        Quella era meglio che si interessava di
        fiction alla Rai e secondo me l'hanno
        cacciata via, perchè neanche a decidere le
        str...atine dei palinsesti sapeva decidere

        E forza italiaaaaaaaaaaaa che siamo
        Tantissimiiiii
        Il 2006 si avvicinaaa sempre piùùùùùùùù
        e niente niente abbiamo fatto
        noiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
        spariremo prima o
        poiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiialtro punto in cui ti sei confermato ottuso: hai fatto caso che la mia era un'affermazione ironico? Nooo??? Forse ti sei lobotomizzato il cervello a furia di dire c****te??? Sssiii???
  • Anonimo scrive:
    Tasse universitarie
    Lo studente e' parificato alle lauree classicheanche in termini di costi o e' costretto comunque ad aggiungereuna cospiqua tantum, alle gia' cospique tasse, per il servizio online erogato?
  • Anonimo scrive:
    Opportunita' per i disabili
    Penso che siano loro piu' di tutti destinati a trarre massimo beneficio da questa iniziativa che trovo quindi lodevole. Io preferisco andare al campus, ma penso che in tanti ne fruiranno.
  • Anonimo scrive:
    Bella vaccata!
    De-professionalizziamo le lauree, rendiamole CEPU-compatibili...Diamo un motivo ai padroni per pagarci sempre di meno e rendere il nostro lavoro sempre piu' precario....E non lo dico solo per il mazzo che mi sono fatto per diventare ingegnere (ora si direbbe "cinque anni-vecchio ordinamento..."), ma perche' i laureati-CEPU li vedo tutti i giorni e non sono preparati a fare nulla.ZioBill***il 15 giugno non andate al mare***
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      he, come ti capisco!sto finendo matematica: ho dato un occhio alle "vecchie analisi" che ora fanno ad ingegneria ed informatica....incredibile!non fanno neanche piu' la prova orale!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      Sono proprio le persone come te che non fanno progredire un Paese cosi' addietrato come l'Italia.....e la cosa piu' triste e' che sei giovane e dovresti essere una forza nuova e con una mentalita' piu' flessibile......Di persone mediocri ce ne sono tantissime ma non sicuramente per colpa di CEPU .....ce n'erano tante anche prima!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella vaccata!
        Il paese NON progredisce aumentando il precariato, facendo in modo che la gente giovane si senta umiliata da contratti di lavoro senza tutele, sempre meno solidi e sempre piu' provvisori.Il paese NON progredisce con questi quattro industriali al governo, tutti intenti a comperare giocatori di calcio per le proprie squadre, e pronti a togliere anche le minime sicurezze al mondo del lavoro.Il paese NON progredisce distruggendo le professionalita' con finte lauree tanto per far avere il pezzo di carta a tutti in modo che sia giustificato pagare poco un ingegnere.ZioBill***sapete cosa dovete fare il 15 giugno, vero? Art.18 PER TUTTI!***- Scritto da: Anonimo
        Sono proprio le persone come te che non
        fanno progredire un Paese cosi' addietrato
        come l'Italia.....e la cosa piu' triste e'
        che sei giovane e dovresti essere una forza
        nuova e con una mentalita' piu'
        flessibile......
        Di persone mediocri ce ne sono tantissime ma
        non sicuramente per colpa di CEPU .....ce
        n'erano tante anche prima!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Bella vaccata!
          - Scritto da: Anonimo
          Il paese NON progredisce aumentando il
          precariato, facendo in modo che la gente
          giovane si senta umiliata da contratti di
          lavoro senza tutele, sempre meno solidi e
          sempre piu' provvisori.
          Il paese NON progredisce con questi quattro
          industriali al governo, tutti intenti a
          comperare giocatori di calcio per le proprie
          squadre, e pronti a togliere anche le minime
          sicurezze al mondo del lavoro.
          Il paese NON progredisce distruggendo le
          professionalita' con finte lauree tanto per
          far avere il pezzo di carta a tutti in modo
          che sia giustificato pagare poco un
          ingegnere.Io non sono laureato perchè ho scelto una scuola che mi ha fatto imparare 2 lingue (inglese e tedesco) ed una professione che mi fa selezionare (o meglio, scartare) per il mio gruppo gente come te, pieni di foglietti di carta ma senza sapere cosa significa la parola "memo"...Dai, fai meno politica e lavora di più barbun!
        • Anonimo scrive:
          Re: Bella vaccata!
          Prima di insegnare a far progredire l'Italia, guarda stati come Gb e USA, che adottano politiche proprio diverse da quella che tu riferisci.E guarda che posizione occupano nel mondo: guarda l'occupazione, il PIL. Ma sopratutto guarda chi comanda nel mondo e chiediti il perchè.Gli stati che adottano le cavolate che vorresti rimangono invece schiacciati da questi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      CiaoSe pensi che presa una laurea sudatissima, hai finito di studiare, beh ti stai stai sbagliando di grosso.Ho parecchi colleghi con laurea e/o master che sarebbero ben contenti che i loro studi fatti di sera su argomenti diversi dalla propria laurea, venissero ufficialmente riconosciuti attraverso esami et simila.Oggi giorno,per una buona fetta di chi è nell' IT, studiare è VITA.La tua laurea, anche presa con il massimo dei voti all'MIT, è soggetta all'invecchiamento. Con tutto quello che ne consegue.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      Non so te, ma parlo per esperienza:di ingegneri ( o peggio dottori) in informatica, che non sanno nulla è pieno il mondo.Ora:se diamo la possibilità a gente come noi che lavorano nel campo informatico con sacrifici di studiare e di procuraci un titolo che il nostro babbo o la nostra mamma non ci hanno dato la possibilità di ottenere, onestamente, ti da fastidio?Oppure hai timore che anche il fruttivendolo che fa questo lavoro con passione nel tempo libero si dimostri più in gamba di te?Io sono un laurendo col corso nettuno:mi devo mantenere (in quanto vivo solo e non mi sono fatto mantenere x anni da mamma e papà), vorrei sposarmi e sto aprendo l'attività dopo 3 anni di doppio lavoro.Se decido di indebitarmi, di farmi odiare da quella che diventerà mia moglie perchè al sabato seguo le esercitazioni, se vorrei dare ai miei figli quello che non ho avuto io ti da fastidio?Ti dico : beato te che ti hanno mantenuto fino a 30 anni, io 30 anni ancora non li ho, ma ti rendi conto anche tu di cosa vuol dire vivere. Se ti danno la possibilità di conseguire un traguardo che ti è stato negato (pensi non mi sarebbe piaciuto laurearmi?).Come ti dicevo, zio bill(y), sei sicuro che prima di giudicare che questo dia un pezzo di carta in mano a gente che sà meno di te, tu non debba fare un piccolo esame di coscienza prima di giudicare?Ti do un consiglio che ho appreso:vivi e lascia vivere.Meglio gli ingegneriCEPU che almeno dicono chiaramente che hanno pagato il loro foglio di carta ,al posto di quelli che dicono di averlo sudato (ma vorrei sentire dai loro compagni la versione opposta).Se ti rode che sei sottopagato o hai paura che diano motivo ai padroni che ti paghino meno xchè qualcuno studia tutte le notte al posto di andare alle feste di campus e di giorno si fa il culo in fabbrica o in ufficio o a vendere frutta e verdura, forse hai qualche problema..Bye (linux)- Scritto da: Anonimo
      De-professionalizziamo le lauree, rendiamole
      CEPU-compatibili...
      Diamo un motivo ai padroni per pagarci
      sempre di meno e rendere il nostro lavoro
      sempre piu' precario....

      E non lo dico solo per il mazzo che mi sono
      fatto per diventare ingegnere (ora si
      direbbe "cinque anni-vecchio
      ordinamento..."), ma perche' i laureati-CEPU
      li vedo tutti i giorni e non sono preparati
      a fare nulla.

      ZioBill
      ***il 15 giugno non andate al mare***
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella vaccata!
        - Scritto da: Anonimo
        Non so te, ma parlo per esperienza:
        di ingegneri ( o peggio dottori) in
        informatica, che non sanno nulla è pieno il
        mondo.Anche di praticoni che fanno finta di essere espertoni nè è pieno il mondo anzi ne è piena l'italia!
        Ora:
        se diamo la possibilità a gente come noi che
        lavorano nel campo informaticoSul Noi avrei qualche dubbietto forte forte, gli altri lavorano tu ti arrangi millantando un credito che non hai e che purtroppo non è regolato na niente in italia (fa troppo comodo così a certe aziende) e cosa ben diversa con sacrifici
        di studiare e di procuraci un titolo che il
        nostro babbo o la nostra mamma non ci hanno
        dato la possibilità di ottenere,
        onestamente, ti da fastidio?Quando mi porti le prove di quello che stai dicendo ne riparliamo ma dubito che tu ne abbia
        Oppure hai timore che anche il fruttivendolo
        che fa questo lavoro con passione nel tempo
        libero si dimostri più in gamba di te?No che combini dei casini più di quanto altri praticoni come lui ne fanno ogni giorno!
        Io sono un laurendo col corso nettuno:ah che bello dopo marzullo e prima di La Porta!
        mi devo mantenere (in quanto vivo solo e non
        mi sono fatto mantenere x anni da mamma e
        papà), vorrei sposarmi e sto aprendo
        l'attività dopo 3 anni di doppio lavoro. e magari l'unica cosa che ti ferma e la kriptonite?ma segui le lezioni in calzamaglia blu?
        Se decido di indebitarmi, di farmi odiare da
        quella che diventerà mia moglie perchè al
        sabato seguo le esercitazioni, se vorrei
        dare ai miei figli quello che non ho avuto
        io ti da fastidio?Semmai a i tuoi futuri figli non stai dando nulla, lo fai per te consecuzio tempori su nettuno non la fanno insieme magari a un bel corso di sintassi?
        Ti dico : beato te che ti hanno mantenuto
        fino a 30 anni, io 30 anni ancora non li ho,
        ma ti rendi conto anche tu di cosa vuol dire
        vivere. Se ti danno la possibilità di
        conseguire un traguardo che ti è stato
        negato (pensi non mi sarebbe piaciuto
        laurearmi?).Ma tu in quel periodo eri occupato con Lex Luthor se non sbaglio
        Come ti dicevo, zio bill(y), sei sicuro che
        prima di giudicare che questo dia un pezzo
        di carta in mano a gente che sà meno di te,
        tu non debba fare un piccolo esame di
        coscienza prima di giudicare?Difatti fatti un bell'esamino di coscienza praticone, e invecedi dire fregnaccie ragiona meglio, io mi sono laureato come studente lavoratore, ed era impossibile riuscire a fare tutto, tu fai il doppio lavoro e dai pure gli esami, poi ti svegli tutto sudato dal tuo letto... mamma mia che pinocchio, vatti a informare superman da quelli che gli studenti lavoratori lo sono stati davvero! La prossima volta prova con la favola di pollicino!
        Ti do un consiglio che ho appreso:
        vivi e lascia vivere.Non ci sono più le mezze stagioni, si stava meglio quando si stava peggio, ma la laurea a nettuno la prendi in frasi fatte?
        Meglio gli ingegneriCEPU che almeno dicono
        chiaramente che hanno pagato il loro foglio
        di carta ,al posto di quelli che dicono di
        averlo sudato (ma vorrei sentire dai loro
        compagni la versione opposta)Ma che stai a ddi? che versione? Guarda che la laurea mica è la terza media saici sono 700 persone in aula magna, non ci so i compagnucci!
        Se ti rode che sei sottopagato o hai paura
        che diano motivo ai padroni che ti paghino
        meno xchè qualcuno studia tutte le notte al
        posto di andare alle feste di campus e di
        giorno si fa il culo in fabbrica o in
        ufficio o a vendere frutta e verdura, forse
        hai qualche problema..IO IL CULO A FARE IL PONY EXPRESS PER CINQUE ANNI IN INGEGNERIA ME LI SONO FATTI E MI DISPIACE PER TE MA NON RAGIONO E NON RACCONTO FAVOLETTE COME LE RACCONTI TUIl tuo problema e che confondi la realtà con il sogno, o con le frescaccie svegliati supermanChi lavora sta zitto e va nelle università pubbliche, Clark KentUno studente lavoratore che non si è laureato con nettuno ne con Cepu o i suoi tutors.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      - Scritto da: Anonimo
      De-professionalizziamo le lauree, rendiamole
      CEPU-compatibili...Mi spieghi cosa c'entra il Cepu con questa cosa?Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      I laureati Cepu sono più preparati, quanto meno perchè affronatno gli stessi esami che hai affronato tu, ma dopo avere studiato e seguito corsi con un tutor singolo. Ci fosse stato il Cepu ai miei tempi, avrei imparato senz'altro di più che da quelle porcherie di lezioni offerte dall'università di Pavia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella vaccata!
        1) qui il cepu non cìentra un tubo.2)- Scritto da: Anonimo
        I laureati Cepu sono più preparati, quanto
        meno perchè affronatno gli stessi esami che
        hai affronato tu, ma dopo avere studiato e
        seguito corsi con un tutor singolo.questo lo pensi tu!!! vatti ad informare al Cepu come funziona, poi magari ne riparliamo!
    • Anonimo scrive:
      NON HAI CAPITO UN TUBO
      E menomale che sei laureato... stiamo freschi.- Scritto da: Anonimo
      De-professionalizziamo le lauree, rendiamole
      CEPU-compatibili...
      Diamo un motivo ai padroni per pagarci
      sempre di meno e rendere il nostro lavoro
      sempre piu' precario....Non credo affatto, o meglio:se quello che affermi e' vero allora vuol dire che semplicemente si sono "allargati e annacquati" i criteri di selezione e di valutazione e per questo sai bene che non occorre scomodare la "formazione a distanza".Quello che dice l' articolo e che NON HAI CAPITO e':Un' "OPPORTUNITA'' di laurea per tutti".che invece credo sia una ECCELLENTE cosa;un' INFORMAZIONE accessibile a tutti in modo piu' facile ed immediato, anche a chi (giustamente e legittimamente) ha difficolta' a spostarsi e deve per forza ottimizzare molto di piu' i tempi; tutto questo a fronte di esami tradizionali e con gli stessi criteri di valutazione.Dov'e' il problema?Ma certo per voi l' istruzione DEVE rimanere in una TORRE D'AVORIO, solo per pochi eletti...Mi dispiace ma la storia vi da e vi dara' TORTO.
      E non lo dico solo per il mazzo che mi sono
      fatto per diventare ingegnere (ora si
      direbbe "cinque anni-vecchio
      ordinamento..."), ma perche' i laureati-CEPU
      li vedo tutti i giorni e non sono preparati
      a fare nulla. Ora pero' devi dimostrare che caspita c' entra il CEPU con la "formazione a distanza" organizzata delle universita'...Mistero....
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      Un'ultima cosa!!!!Sono laureato da alcuni anni, ho fatto una serie di esperienze lavorative importanti ed impegnative all'estero e ho avuto l'opportunita' e la fortuna di toccare con mano il funzionamento di tali sistemi......anche in Irlanda ed Inghilterra si da' la possibilita' a tutti di prendere una laurea anche lavorando....questa e' democrazia e dare una chance a tutti!!!In Italia la laurea diventa sempre di piu' una cosa per pochi....per chi se lo puo' permettere! Non e' una questione politica....siamo soltanto un Paese in cui tutti siamo cosi' bravi a parlare ma incapaci di fare e di cambiare....Le persone come te non sono altro che il Berlusconi o il Bertinotti proiettati nella vita di tutti i giorni ossia quelle persone che mirano solo a mantenere il proprio status e hanno paura di perderlo perche' incapaci o perche' hanno un'autostima molto scarsa.
    • Anonimo scrive:
      Per zio bill e' sufficiente un ceparo...
      per fargli le scarpe :-DMadonna, bella la laurea di 5 anni :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella vaccata!
      Zio Bill mi stai confondendo...non capisco più come funzioni...prima difendi la Microsoft a spada tratta (notare che ho scritto Microsoft e non M$)e poi ti lanci a spada tratta a difendere la nostra "Vecchia" Univesità con i suoi baronati e i suoi ordinamenti preistorici.Dovresti dapere che per un'azienda Microsoft-dipendente ha più valore un MCSE che un Ingegnere informatico laureato alla Sapienza.Perciò per il 15 giugno io ho giusto prenotato il fine settimana ad Amsterdam.bye co*******zo.PS: fai pace coi tuoi neuroni
  • Anonimo scrive:
    e sul più bello...
    arriva la polizia o la finanza che sequestra il computer faticosamente comprato dello studente .. e le cause possono essere tante, immaginatele voi..
  • Anonimo scrive:
    Sarebbe ora! Approvo
    Finalmente! L'università si sveglia. Basta viaggi e relative perdite di tempo avanti e indietro per raggiungere la sede universitaria. Finalmente mi potro' collegare con l'università e con il mio professore online, seguire le lezioni in videoconferenza con webcam e microfono, potrò finalmente scaricarmi i testi delle lezioni. Dai, dai, dai...Solo un problema. Non ho la banda larga. Vivo ai piedi dei monti e nel mio paese non è ancora arrivata l'ADSL. Manca l'infrastruttura di base.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe ora! Approvo

      Solo un problema. Non ho la banda larga.
      Vivo ai piedi dei monti e nel mio paese non
      è ancora arrivata l'ADSL. Manca
      l'infrastruttura di base.Stai tranquillo.Da qui a quando si attrezzeranno delle universita' fruibili via internet, l'uomo si colleghera' a internet tramite un microchip innestato sulla corteccia cerebrale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe ora! Approvo
      Nessun problema, c'è il canale satellitare che garantisce una banda pari all'ADSL, almeno in download.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarebbe ora! Approvo
        - Scritto da: Anonimo
        Nessun problema, c'è il canale satellitare
        che garantisce una banda pari all'ADSL,
        almeno in download.e vai così possiamo finalmente prendere lauree senza studiare evviva!
  • Anonimo scrive:
    Aahhaahahhah ! Ridicoli !
    Ora ci sono le lauree a distanza... bella invenzione... :-Se continueranno così anche il mio cane a breve potrà laurearsi. Le università continuano a sfornare risorse umane con preparazione scadente e che non si sanno orientare nella realtà lavorativa... bene continuate così !!!Continuate ad andare nella direzione opposta rispetto al mondo del lavoro ed i vostri laureati resteranno tutti in mezzo alla strada !
    • Anonimo scrive:
      Re: Aahhaahahhah ! Ridicoli !
      ma io credo che frequentare cosri on line o in ateneo molto non cambi tanto gli esami si fan sempre nella maniera tradizionale
    • Anonimo scrive:
      Re: Aahhaahahhah ! Ridicoli !
      E se il ridicolo fossi tu ?? ... vediamo - ce l'hai una laurea ?! Io si, e ti posso dire che non ho certo ricevuto il livello di attenzione seguendo "fisicamente" i corsi di quello che ha sperimentato mia moglie laureandosi via Internet (non in Italia - questa "novita'" esiste gia' in molti paesi e moltissime universita', Sorbona compresa, l'hanno gia' adottata).Per quanto riguarda gli esami, se sono eseguiti con gli stessi criteri cosa cambia ?!
    • Anonimo scrive:
      Sbagli di grosso.

      Ora ci sono le lauree a distanza... bella
      invenzione... :-

      Se continueranno così anche il mio cane a
      breve potrà laurearsi.Su questo sono d'accordo. Sembra che andiamo nella direzione di 'una laurea per tutti'. Non credo che sia un bene.
      Le università continuano a sfornare risorse
      umane con preparazione scadente e che non si
      sanno orientare nella realtà lavorativa...
      bene continuate così !!!Credo che su questo tu sia troppo drastico. Io credo che il problema non sia che le risorse umane siano poco preparate. Io credo che il target del sistema industriale italiano sia diverso dal target tipico di una laurea tecnica.Io sono laureato in ingegneria elettronica, e rispetto a quello che avviene in altri paesi, il mio problema e' che non esistono grossi sbocchi lavorativi dove la mie conoscenze possano ritornare utili (a parte STMicroelectronics). Questo non perche' io non abbia le tipiche conoscenze di un ingegnere elettronico, ma perche' in Italia la progettazione elettronica praticamente non esiste. Io potrei essere laureato in ingegneria elettronica al MIT o a Stanford e il risultato sarebbe il medesimo (qui in Italia) dal punto di vista lavorativo. Per esempio a quante realta' italiane torna utile avere qualcuno che sia preparato a dovere sul digital signal processing? E secondo te e' il DSP ad essere inutile o il paese a sprecare una risorsa che all'estero molti si contendono? Secondo me abbiamo dei grossi problemi dal punto di vista industriale. Io credo che sia molto piu' fuori dal mondo il sistema industriale italiano che l'universita' italiana.Per non parlare del sistema del capitale che piu' ingessato di cosi' non si puo'. Credo che sarebbe utile che tutti noi prendessimo coscienza che qui in Italia ormai si fanno solo stracci e bulloni. Non esiste la chimica, l'elettronica, l'informatica, le biotecnologie o le nanotecnologie. E' un sistema industriale allo sbando. Ed io penso che il peggio debba ancora venire.
      Continuate ad andare nella direzione opposta
      rispetto al mondo del lavoro ed i vostri
      laureati resteranno tutti in mezzo alla
      strada !Ripeto che il problema di collocare i laureati tecnici e' un problema tutto italiano e non dipende dalla formazione ma dal problema industriale. Per formazione ad esempio un dottore in scienze dell'informazione dovrebbe entrare in una software house che produce prodotti di un certo rilievo per complessita' tecnica. Ma qui in Italia una software house di un certo rilievo non esiste. Esistono quasi esclusivamente dei custumizzatori di prodotti altrui. In questa realta' conoscere come progettare un automa serve a poco. Pero' questo non significa che saper progettare un automa sia una cosa inutile, anzi.Io ritengo che piegare anche il sistema formativo a questo sistema industriale retrogrado posso solo dare il colpo di grazie distruggendo definitivamente le potenzialita' tecnologiche di questo paese.Ti sei mai posto il problema del perche' l'Italia va nella direzione opposto degli altri paesi avanzati e del perche' molti italiani che vanno all'estero sono piu' che apprezzati dal punto di vista tecnico.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Sbagli di grosso.
        - Scritto da: Anonimo

        Ora ci sono le lauree a distanza... bella

        invenzione... :-

        Se continueranno così anche il mio cane a

        breve potrà laurearsi.
        Su questo sono d'accordo. Sembra che andiamo
        nella direzione di 'una laurea per tutti'.
        Non credo che sia un bene.Non credo affatto, o meglio:se quello che affermi "una laurea per tutti" e' vero allora vuol dire che semplicemente si sono "allargati e annacquati" i criteri di selezione e di valutazione e per questo sai bene che non occorre scomodare la "formazione a distanza".Quello che dice l' articolo e che NESSUNO ha capito e':Un' "OPPORTUNITA'' di laurea per tutti".che invece credo sia una ECCELLENTE cosa;un' INFORMAZIONE accessibile a tutti in modo piu' facile ed immediato, anche a chi (giustamente e legittimamente) ha difficolta' a spostarsi e deve per forza ottimizzare molto di piu' i tempi; tutto questo a fronte di esami tradizionali e con gli stessi criteri di valutazione.Dov'e' il problema?Ma certo per voi l' istruzione DEVE rimanere in una TORRE D'AVORIO, solo per pochi eletti...Mi dispiace ma la storia vi da e vi dara' TORTO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sbagli di grosso.

        Ti sei mai posto il problema del perche'
        l'Italia va nella direzione opposto degli
        altri paesi avanzati e del perche' molti
        italiani che vanno all'estero sono piu' che
        apprezzati dal punto di vista tecnico.Scusa se mi intrometto, ma questa è ovvio, solo che nessuno lo vuole ammettere. In Italia fare gli Imprenditori non conviente, questo è un paese "comunista" che succhia il 60% dei ricavati all'imprenditore che sia piccolo o grande, in un sistema economico del genere, solo i folli possono intraprendere attività imprenditoriali. Di conseguenza tutti vogliono fare i dipendenti o vogliono il posto fisso, perchè nessuno è fesso e tutti si rendono conto che fare gli imprenditori qui non è proprio cosa. IL sistema industriale qui in Italia non può esistere, le uniche industrie che possono nascere sono quelle statali, nemmeno le multinazionali estere sono così fesse da venire ad investire qui in Italia.Negli Usa il sistema fiscale prende solo il 27% dei ricavati e l'attuale presidente Bush parla addirittura di scendere le percentuali, inoltre quà c'è una burocrazia che è fatta per "uccidere" l'imprenditore, mentre per esempio in Inghilterra è tutto più semplice e semplificato, per chiunque.E' ovvio che fino a quando questo non diventerà una economia di mercato, dove lo stato piglia il giusto, il 30% sarebbe il giusto, non si potrà andare avanti per molto.Prima o poi il sistema qui scoppierà e farà un grande botto.
        • Abacus scrive:
          Italia ha il maggior num. di impr. in EU
          - Scritto da: Anonimo
          Scusa se mi intrometto, ma questa è ovvio,
          solo che nessuno lo vuole ammettere. In
          Italia fare gli Imprenditori non conviente,
          questo è un paese "comunista" che succhia il
          60% dei ricavati all'imprenditore che sia
          piccolo o grande, in un sistema economico
          del genere, solo i folli possono
          intraprendere attività imprenditoriali. Scusami se posso essere offensivo ma questa è proprio una cazzata...Se ti informassi un pò prima di ripetere a pappagallo quello che senti in televisione sapresti che l'Italia è il paese con il maggior numero assoluto di imprese attive in Europa. Tanto per non importi di fidarti solo di me qua c'è un link a un piccolo pdf del Censis:http://www.censis.it/censis/ra/1998/scarica/tabcap7.pdfsaranno comunisti anche loro?che abbiamo un sistema debole lo posso accettare, che non abbiamo grosse imprese lo posso accettare, ma che tu mi vieni a dire che qui, il paese conosciuto come il "paese delle partite iva", fare l'imprenditore non conviene mi fa proprio ridere, dovrebbero farti fare il lavoratore dipendente in acciaieria per un pò, vedresti che divertente che è....Cosa non può fare la televisione unita a quel faccione del Berlusca....dove andremo a finire...
          • Anonimo scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. in EU
            non sono l'autore che ha scaturito la tua risposta, pero' dato che sei molto ben informato, perche' non indovini il motivo dell'esistenza di TANTISSIME piccole imprese?Perche' non ti chiedi un attimino perche' esistono per 2-3 anni e poi chiudono?Cosa? Per succhiare solo i soldi dalla comunita' europea degli aiuti chiamati "prestiti d'onore"?Bene....risposta esatta....adesso passiamo a quella da 250 euro....
          • Abacus scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. in EU
            - Scritto da: Anonimo
            non sono l'autore che ha scaturito la tua
            risposta, pero' dato che sei molto ben
            informato, perche' non indovini il motivo
            dell'esistenza di TANTISSIME piccole
            imprese?Innanzitutto non era questo ciò di cui si stava parlando. Si stava parlando della convenienza o meno ad essere imprenditore in Italia. Il fatto che esistono tantissime piccole imprese poi può essere solo in piccola parte attribuito al carico fiscale. Fra l'altro vorrei ricordarti che le piccole imprese che per te "succhiano solo soldi all'UE" e basta, costituiscono l'ossatura centrale del sistema economico italiano, se non ci fossero loro e i distretti industriali, saremmo un paese del terzo mondo.Mi piace il tuo sarcasmo, peccato che non sai di cosa parli, o magari parli solo per esperienza personale o per sentito dire. Se sapresti di cosa parli sapresti anche che i problemi principali che impediscono al sistema delle piccole imprese italiano di crescere sono ben altri:-scarsa difficoltà di reperire finanziamenti a causa di un settore bancario e finanziario indietro di anni-difficoltà di uscire fuori dalle maglie dell'impresa famigliare, che se da una parte è una sicurezza dall'altra annulla in gran parte la capacità competitiva, a causa della difficoltà ad attrarre personale specializzato, a seguire le evoluzioni con dinamicità, ad avere una governance trasparente-ritrosia nell'entrata in borsa, a causa anche dell'arretratezza di cui si parlava prima-forti problemi infrastrutturali, tant'è che solo grazie ai distretti si è riusciti a rimediare a questo fattoIl problema della tassazione è solo uno dei tanti problemi del settore, fra l'altro il fatto che stati avanti a noi come PIL abbiano pressioni fiscali superiori non ti dice niente?Che si possa andare verso un abbassamento è sicuro, e sarebbe auspicabile, ma che mi si faccia il piagnisteo che l'italia è un paese comunista dove gli imprenditori stanno male non lo accetto, anche perchè, fra l'altro siamo sempre uno dei paesi più industrializzati al mondo, dove fra l'altro il capo del governo è il più grosso imprenditore del paese, pensa un po' te.... Fra l'altro personalmente preferisco lottare per far si che questo livello di pressione fiscale si traduca in benefici per le imprese e i cittadini piuttosto che invocare un abbassamento a tutti i costi che è solo un sintomo della deresponsabilizzazione verso cui stanno scivolando le democrazie, deresponsabilizzazione che si traduce nel ritorno alla legge del più forte.Ora ho risposto anche a quella da 250 euro, tu hai qualcosa da dire oltre a luoghi comuni, banalità, esperienze personali?
          • Anonimo scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. in EU


            Ora ho risposto anche a quella da 250 euro, tu hai

            qualcosa da dire oltre a luoghi comuni, banalità,

            esperienze personali?Se non parlo x esperienza, non posso parlare.Ti dico solo che "nella realta' in cui vivo", oggi "conviene" fare l'imprenditore, perche' "raggranella" soldi a destra e a manca e dopo chiude portandosi i soldi in viaggio.Ti dico che lavorando per le piccole e medie imprese, ci si fa solo il lavoro degli schiavi etc.etc.,Sto andando OT e quindi mi fermo......P.s. : Un Grazie a tutti coloro che hanno approvato tutti i nuovi tipi di contratti moderni ( Cococo , part-time etc.etc. )
          • Abacus scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. in EU
            - Scritto da: Anonimo
            Se non parlo x esperienza, non posso parlare.puoi parlare della tua esperienza appunto ma senza generalizzare.
            Ti dico solo che "nella realta' in cui
            vivo", oggi "conviene" fare l'imprenditore,
            perche' "raggranella" soldi a destra e a
            manca e dopo chiude portandosi i soldi in
            viaggio.questo vale in ogni realtà...non solo in quella in cui vivi te...ma ciò non significa che ogni imprenditore prende i soldi e scappa, piccolo o grande che sia
            Ti dico che lavorando per le piccole e medie
            imprese, ci si fa solo il lavoro degli
            schiavi etc.etc.,

            Sto andando OT e quindi mi fermo......

            P.s. : Un Grazie a tutti coloro che hanno
            approvato tutti i nuovi tipi di contratti
            moderni ( Cococo , part-time etc.etc. )ma guarda che qua io sono d'accordissimo con te ma che c'entra con quello che si diceva? anzi secondo me va proprio contro il discorso iniziale dell'abbassare le tasse a tutti i costi. Io, come dicevo prima, le tasse non le abbasserei per niente, le utilizzerei però per fare le cose che servono, in primis garantire un rete di protezione per i giovani come te (e come me, come tutti) che attualmente si trovano abbandonati fra le braccie del lato cattivo della flessibilità, perchè in Italia si è sempre preferito scaricare su di noi, che non ci potevamo difendere, quello che non si aveva il coraggio di distribuire equamente, così oggi ci troviamo con gente che vuole l'art 18 per tutti quando in realtà la maggior parte dei lavoratori non coperti da niente, altro che art 18...ci ritroviamo chi continua ad andare in pensione a 50 anni solo perhcè è in posto pubblico e noi che non ci andremo proprio in pensione se non con pensioni da fame....ci troviamo con chi lavora mezza giornate e ancora grida allo sfruttamente, con chi ha la famiglia che lavora in posta con lui, o in studio con lui e ancora si lamenta...cavolo se sono d'accordo con te...ma ci vuole più responsabilità non meno, ridare i soldi in mano ai cittadini equivale a dichiarare che non c'è niente da fare, che da ora in poi "si salvi chi può"...e questo a me non piace...ma anch'io sto andando un pò OT.
          • Anonimo scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. i

            cavolo se sono d'accordo con te...ma ci
            vuole più responsabilità non meno, ridare i
            soldi in mano ai cittadini equivale a
            dichiarare che non c'è niente da fare, che
            da ora in poi "si salvi chi può"...e questo
            a me non piace...a me si quindi ?????
          • Abacus scrive:
            Re: Italia ha il maggior num. di impr. i
            - Scritto da: Anonimo

            cavolo se sono d'accordo con te...ma ci

            vuole più responsabilità non meno, ridare
            i

            soldi in mano ai cittadini equivale a

            dichiarare che non c'è niente da fare, che

            da ora in poi "si salvi chi può"...e
            questo

            a me non piace...
            a me si quindi ????ho capito, ma tu sei entrato in difesa di un defic****e!! e il threaf è deragliato ;)speriamo bene.... :)ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Sbagli di grosso.
          Sul qui e sul qua l'accento non va....figuriamoci parlarti di laurea...bello. Qui siamo ancora alle elementari!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sbagli di grosso.
        Concordo al 100%, io mi sono laureato in UK computer science, ed ora sono tornato nel bel paese, faccio un lavoro da diplomato xkè qua da noi per il tessuto industriale esistente un laureato è inutile, sto pensando di tornare ad abitare in UK oppure rimanere in italia a fare l'idraulicoche tristezza :'-(PS lo avessi saputo prima probabilmente avrei fatto filosofia almeno la una qualche donna la si vede
        • Anonimo scrive:
          Re: torno negli Usa amico torna in UK!
          - Scritto da: Anonimo
          Concordo al 100%, io mi sono laureato in UK
          computer science, ed ora sono tornato nel
          bel paese, faccio un lavoro da diplomato xkè
          qua da noi per il tessuto industriale
          esistente un laureato è inutile, sto
          pensando di tornare ad abitare in UK oppure
          rimanere in italia a fare l'idraulico
          che tristezza :'-(
          PS lo avessi saputo prima probabilmente
          avrei fatto filosofia almeno la una qualche
          donna la si vedeConfermo: Phd al Mit.... Torno in paesi seri, dove chi studia ha possibilità di lavorare, qui ci sono troppo cialtroni arruffapopoli che fanno i soldi con i dialer....Non parliamo delle aziende....ITC interinalizzati, che vengono analizzate da ragazzine parenti per fava, di qualche dirigente di queste agenzie di lavoro in affitto, i soliti quattro zozzoni che vivono sui fessi che scaricano suonerie e mp3, non sapendo nemmeno fare una cazz di ricerca su google...Praticoni con la terza media che cercano di insegnarti a vivere e che il tuo pezzo di carta non serve a niente, che millantano crediti dicendo di essere informatici.Vi saluto, dopodomani mi hanno offerto lavoro nel settore serio In bocca al lupo! quelli seri di informatici ne hanno proprio bisogno
      • Anonimo scrive:
        Re: Sbagli di grosso. (comm. PESO)
        be dimenti che in italia si va dall'agricoltore (vecchio stampo)all'opposto ALENIAIMHO ma i costi per l'UNI scendono ?questo CONTAaltra cosahai ragione pero le lauree devono essere paragonate ad una certificazione M$ (riconosciuta in tutto il mondo)(il gov berluconi non e' un governo....)sembra una riorganizzazione internzionale del sistema di preparazione delle risore umane in vista di qualcosa di grosso, cosa ci aspetta domani ? (un po di spazio ?)CITO non esiste chimica, l'elettronica, l'informatica, le biotecnologie o le nanotecnologie.non sono in molti a farle (sara un gatto per settore pero e' un settore piu avanti degli altri, il problema sta nella ricerca che NON e' coordinata con l'industria della microtecnologial'universita italiane hanno criticato la scelta del governo di togliere i fondi e dargli l'autonomia(bella la pappa cotta per i rettori, e spendere soldi a cazzate)non che ci voglia einstein per capire che l'autonomia permette accordi con le industrie, con le opportune ricerche finaziarie, e tecnologiche l'industria poterebbe avere la ricercaa basso prezzo ~1% del guadagno netto e gli studenti l'universita quasi gratis.l'industria porta in universita la ricerca, compresi i dipendenti che la fanno, l'universita si impega a dare all'industria la ricerca per la produzione destinando in modo EQUO (senza tangenti)valutando % di spesa, capacita produttiva, innovazione chi e cosa produrre in modo da ridurre i costi ed avere qualita'le ricerce sarebbero degli altri settori (economico, giuridico)oltre che a stabilire "di chi sono i brevetti" nel giro di pochi anni avremo una tecnologia da far rabbrividire il MIT e USAFalmeno in 3 campiAereospaziale (con l'ESA) di qui sotto gli altrielettronica (sistemi di controllo mission critical)informatica ( come su )nanotecnologie (cura di certe malattie e ricerche microbiologiche (su marte))biocecnologia ( cura di malattie e organismi geneticamente modificati (non per uso alimentare spero!))oltre che agli esperimenti del CNR sulle particelle subatomiche e la possibilita ei viaggi "oltre la velocita della luce"Il punto e' chi paga, chi usa,chi produce, chi progetta, e chi cerca di infinocchiare !
    • Anonimo scrive:
      Re: Aahhaahahhah ! Ridicoli !
      L'unico ridicolo sei te.A mio avviso sarebbe molto più serio un insegnamento a distanza, piuttosto che un insegnamento fatto in aule dove ci sono centinaia di studenti che fanno solo chiasso. Per di più costringendo studenti a viaggiare per ore e ore ogni giorno, per raggiungere le varie sedi, scioperi dei treni, dei bus e dei rompiballe di turno, lotta per la metropolitana, e poi lotta per il posto, nonchè olimpiadi per raggiungere l'aula di turno.Magari finalmente prendesse piede l'Università Online, magari con servizi di avviso quando ci sono gli esami, dove si fanno esattamente, magari con avvisi automatici per gli eventi importanti.Purtroppo io penso che queste cosa in Italia sono pura utopia, perchè le Università in molti casi costringono a perdere tempo solo per colloquiare con le varie segreterie per problemi che non dovrebbero esistere, ma che loro creano inutilmente facendo perdere tempo allo studente, che poi gli passa la voglia.Io speriamo che me la cavo. Vedremo, ma io ho i miei dubbi su questa spettacolare innovazione, per funzionare dovrebbero tagliare la testa a tutti gli attuali rettori e sottopiramidati che governano le attuali università.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aahhaahahhah ! Ridicoli !
      In buona sostanza non hai capito un tubo...
Chiudi i commenti