L'abbonamento a Disney+ costerà meno, è ufficiale

L'abbonamento a Disney+ costerà meno, è ufficiale

Disney+ in controtendenza: introdurrà un abbonamento più economico grazie alla pubblicità: il debutto già nel 2022 negli Stati Uniti.
Disney+ in controtendenza: introdurrà un abbonamento più economico grazie alla pubblicità: il debutto già nel 2022 negli Stati Uniti.

Nelle ore scorse le voci di corridoio, ora la conferma: Disney+ introdurrà un abbonamento più economico supportato dalla pubblicità. Arriverà entro il 2022 negli Stati Uniti, per poi procedere alla distribuzione internazionale nel corso del 2023. A renderlo noto un comunicato ufficiale rilasciato dalla società.

L’abbonamento a Disney+ costerà meno

È una decisione in controtendenza quella del gruppo, nel momento in cui quasi tutti i big dello streaming video premium (a partire da Netflix) stanno aumentando le tariffe. I vertici di D+ non hanno ancora annunciato quale sarà il prezzo ridotto della nuova sottoscrizione, promettendo il rilascio di ulteriori dettagli più avanti. Queste le parole di Kareem Daniel (Chairman, Disney Media and Entertainment Distribution).

Espandere l’accesso a Disney+ a un pubblico più ampio, con un prezzo più basso, rappresenta una vittoria per tutti: i clienti, i pubblicitari e gli storyteller. Più utenti saranno in grado di fruire dei nostri meravigliosi contenuti. I pubblicitari potranno raggiungere un pubblico più esteso e i nostri storyteller potranno condividere il loro incredibile lavoro con più fan e famiglie.

L’ambizione della società in merito a Disney+ è quella di arrivare a 230-260 milioni di abbonati entro l’anno fiscale 2024. Erano poco meno di 130 milioni a inizio 2022. La piattaforma è accessibile anche dall’Italia da marzo 2020. Inizialmente la sottoscrizione costava 6,99 euro al mese, poi è passata a 8,99 euro su base mensile, con la possibilità di risparmiare scegliendo la formula annuale.

Il catalogo in streaming su Disney+

Nei giorni scorsi, il gruppo ha preso posizione in merito a quanto sta accadendo in Ucraina, annunciando la cancellazione di tutte le uscite cinematografiche in Russia fino a data da destinarsi. Tra queste anche la nuova pellicola Turning Red (solo Red in italiano) di Pixar. L’azienda ha inoltre annunciato l’intenzione di supportare le realtà impegnate in prima linea fornendo gli aiuti necessari ai rifugiati, sostenendo il lavoro delle organizzazioni umanitarie.

Fonte: Disney
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 mar 2022
Link copiato negli appunti