Do Not Track, Microsoft al W3C

Il consorzio degli standard web accetta la proposta di Redmond in merito alle pratiche di "opt-out" dalla pubblicità tracciante. La tecnologia è semplice ma resta da convincere l'industria dell'advertising

Roma – Già introdotta nella release candidate di Internet Explorer 9, la funzionalità “do not track” ideata da Microsoft potrebbe col tempo trasformarsi in un vero e proprio standard: il World Wide Web Consortium (W3C) ha accolto la proposta tecnologica di Redmond e si prepara a discutere di questo e altri argomenti inerenti la privacy in un workshop fissato per la prossima primavera (28-29 aprile).

Assieme a Mozilla e Google , Microsoft è una delle grandi protagoniste del mercato dei browser ad aver proposto una gestione formale e standardizzata delle liste “do not track”, una funzionalità utile a escludere la navigazione dell’utente dal tracciamento e dal behavioural advertising automatizzato messo in atto dai servizi di terze parti che è attualmente argomento di discussione della politica e delle istituzioni statunitensi.

La proposta di Microsoft al W3C comprende l’implementazione di un filtro da attivare manualmente o da sottoscrivere online contenente “parti di URI di terze parti a cui un browser può accedere automaticamente quando indicato all’interno di una pagina web che l’utente visita di propria spontanea volontà”.

Le regole contenute nel filtro servono appunto a “cambiare il mondo in cui lo user agent gestisce i contenuti di terze parti”, magari “limitando le chiamate a questi siti web e bloccando le risorse provenienti da altre pagine web”.

Lo user agent del browser si incarica di gestire il blocco del tracciamento in maniera appropriata, ma è ovviamente necessario che i siti di terze parti accettino la nuova tecnologia di opt-out e si comportino di conseguenza disabilitando qualsiasi funzionalità di tracking delle abitudini di navigazione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • foen scrive:
    anche partizione attiva?
    Ciao! è possibile intervenire anche sulla partizione corrente? Ad esempio se ho solo un solo hard disk e lo sto usando e sono sotto Vista o Seven ... posso partizionarlo? Oppure se ho C e D posso fare il resize di C ?altra domanda: hai un "clonatore dell'hard disk che sto usando" partizioni comprese?Ad esempio se ho un netbook che ha 3 partizioni di cui una nascosta preparata per far reinstallare tutto... e non ti danno cd per ripristinare quella... conviene clonare tutto l'hard disk ... Hai un freeware che lo cloni a prescindere da che cosa ci sia dentro? E a prescindere se hai avviato dalla partizione o dall'hard disk che vuoi clonare?sarebbe utile...
    • Giovanni Barbieri scrive:
      Re: anche partizione attiva?
      Ciao foen!Per quanto riguarda la prima domanda, la risposta è: assolutamente si!Con Easeus Partition Manager, puoi tranquillamente effettuare un resize della partizione di sistema attiva (normalmente è una partizione di tipo primario) e nello spazio libero che ti rimane puoi creare una nuova partizione. Quindi puoi partizionare l'hard disk, anche se al momento hai solo un'unica partizione, quella appunto di sistema (normalmente indicata con C:). Lo stesso discorso vale per C e D: se hai la partizione di sistema C ed una sezione dedicata ai dati (D), puoi tranquillamente effettuare un resize di C e decidere poi cosa fare con lo spazio che resta libero.Per la seconda domanda, la risposta è sempre si! Esiste un clonatore freeware che copia tutto indipendentemente da ciò che si ha all'interno e sarà cura della redazione postare un freeware del genere fra i prossimi software, per cui non ti resta che continuare a seguirci.Per la storia del netbook, che cos'è un ACER? Esiste un modo ancora più veloce per far si che si possano rendere visibili ed avviabili le partizioni nascoste dei netbook/notebook acer, permettendo così il ripristino del sistema alle condizioni di fabbrica, senza necessità di CD o di altre diavolerie. Si tratta di una procedura veloce, che si esegue grazie ad un software.E' un problema che hanno molti utenti, per questo la redazione sta valutando se dedicare un articolo di PI Download.Stay tuned...
      • Giovanni Barbieri scrive:
        Re: anche partizione attiva?
        Ah dimenticavo, il consiglio principe è sempre e comunque lo stesso: prima di usare Partition Master, ricorda un bel backup dati! :D- Scritto da: Giovanni Barbieri
        Ciao foen!

        Per quanto riguarda la prima domanda, la risposta
        è: assolutamente
        si!

        Con Easeus Partition Manager, puoi
        tranquillamente effettuare un resize della
        partizione di sistema attiva (normalmente è una
        partizione di tipo primario) e nello spazio
        libero che ti rimane puoi creare una nuova
        partizione. Quindi puoi partizionare l'hard disk,
        anche se al momento hai solo un'unica partizione,
        quella appunto di sistema (normalmente indicata
        con C:). Lo stesso discorso vale per C e D: se
        hai la partizione di sistema C ed una sezione
        dedicata ai dati (D), puoi tranquillamente
        effettuare un resize di C e decidere poi cosa
        fare con lo spazio che resta
        libero.

        Per la seconda domanda, la risposta è sempre si!
        Esiste un clonatore freeware che copia tutto
        indipendentemente da ciò che si ha all'interno e
        sarà cura della redazione postare un freeware del
        genere fra i prossimi software, per cui non ti
        resta che continuare a
        seguirci.

        Per la storia del netbook, che cos'è un ACER?
        Esiste un modo ancora più veloce per far si che
        si possano rendere visibili ed avviabili le
        partizioni nascoste dei netbook/notebook acer,
        permettendo così il ripristino del sistema alle
        condizioni di fabbrica, senza necessità di CD o
        di altre diavolerie. Si tratta di una procedura
        veloce, che si esegue grazie ad un
        software.

        E' un problema che hanno molti utenti, per questo
        la redazione sta valutando se dedicare un
        articolo di PI
        Download.

        Stay tuned...
        • foen scrive:
          Re: anche partizione attiva?
          - Scritto da: Giovanni Barbieri
          Ah dimenticavo, il consiglio principe è sempre e
          comunque lo stesso: prima di usare Partition
          Master, ricorda un bel backup
          dati!
          :Dchiaro ;)grazie ad ogni modo per la risposta!
      • foen scrive:
        Re: anche partizione attiva?
        - Scritto da: Giovanni Barbieri
        Ciao foen!

        Per quanto riguarda la prima domanda, la risposta
        è: assolutamente
        si!ottimo, grazie! :)[...]
        partizione. Quindi puoi partizionare l'hard disk,
        anche se al momento hai solo un'unica partizione,
        quella appunto di sistema (normalmente indicata
        con C:). quindi anche se Vista e Seven usano un sistema speciale al boot... non ci sono problemi?ok allora, mi fido! :) grazie!!!e si possono anche ELIMINARE partizioni, spero... ad esempio se ho fatto una C/D classica ma mi accorgo che non mi serve a niente e preferisco tornare a come fa windows inizialmente... lo posso fare.grazie[...]
        Per la seconda domanda, la risposta è sempre si!
        Esiste un clonatore freeware che copia tutto
        indipendentemente da ciò che si ha all'interno e
        sarà cura della redazione postare un freeware del
        genere fra i prossimi software, per cui non ti
        resta che continuare a
        seguirci.bene, attendo! :)
        Per la storia del netbook, che cos'è un ACER?mi pare fosse un asus, ho già fatto in altro modo ma siccome mi sono parecchio rotto le scatole avrei preferito qualcosa di più furbo :)
        Esiste un modo ancora più veloce per far si che
        si possano rendere visibili ed avviabili le
        partizioni nascoste dei netbook/notebook acer,
        permettendo così il ripristino del sistema alle
        condizioni di fabbrica, senza necessità di CD o
        di altre diavolerie. Si tratta di una procedura
        veloce, che si esegue grazie ad un
        software.

        E' un problema che hanno molti utenti, per questo
        la redazione sta valutando se dedicare un
        articolo di PI
        Download.

        Stay tuned...io stare tuned, tu fare articolo! :Dgli altri bunga bunga
Chiudi i commenti