Dobloni per l'IT nelle micro-imprese

13 milioni di euro: questo il valore del progetto approvato dal ministero all'Innovazione di Lucio Stanca per favorire la digital revolution nelle più piccole realtà. Una prima fettina di dolce


Roma – Più del 50 per cento dei dipendenti italiani lavora in quelle che vengono definite micro-imprese , realtà da meno di dieci dipendenti che sono l’obiettivo di un progetto sperimentale di finanziamento : 13 milioni di euro buttati sul piatto dal ministero all’Innovazione. Lo scopo è evidentemente quello di spingere innovazione e tecnologia in questo tessuto produttivo.

“Questa costellazione aziendale – ha dichiarato il ministro Lucio Stanca – da sola rappresenta il 97 per cento del sistema imprenditoriale nazionale, con 6,5 milioni di micro-imprese che danno lavoro ad oltre 8,5 milioni di persone, il 53 per cento dei dipendenti italiani, e contribuiscono alla formazione del 34 per cento del valore aggiunto totale del sistema Italia”.

Il Comitato dei Ministri per la Società dell’informazione, braccio operativo presieduto dallo stesso Stanca, intende con questo primo finanziamento spingere le imprese verso il commercio elettronico , in modo da consentire loro di accedere ai marketplace digitali del business-to-business. Ma si punta anche a sostenere “la costituzione di centrali d’acquisto e di logistica per via elettronica di beni e servizi” nonché l’utilizzo dei canali digitali per dialogare con la pubblica amministrazione e le altre aziende, “ma anche – spiega una nota del Ministero – per accrescere il loro livello imprenditoriale e la loro competitività”.

Una parte consistente dei destinatari di questa prima tranche per l’innovazione sono le società dei servizi e del commercio, dove si punterà, anche attraverso le associazioni di categoria a rendere più fertili le micro-imprese implementando assistenza e formazione.

Stanca ha spiegato che “se il progetto pilota avrà successo, verrà poi aumentata la dotazione finanziaria anche con il concorso delle categorie interessate”. Il Ministro ha spiegato che “per la loro natura e dimensione, le micro-imprese non godono di particolari sostegni e, invece, hanno difficoltà a percorrere la strada dell’innovazione tecnologica”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quando di fare una strage ?
    o di modificare il dna di una persona per fare dei mostri o per impedire alle piante di riprodursi ?bello, ma la tecnologia non deve essere nella mani di pochie' troppo pericolosoappena trasportera qualcosa pota trasportare qualsiasi cosa quindi anche tumori e virus, chi lo dice che non fannoi virus biotecnologici per vendere il vaccino ???su questo il governo di pezzenti non si pronuncia
    • avvelenato scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      - Scritto da: Anonimo
      o di modificare il dna di una persona per
      fare dei mostri o per impedire alle piante
      di riprodursi ?

      bello, ma la tecnologia non deve essere
      nella mani di pochi
      e' troppo pericoloso

      appena trasportera qualcosa pota trasportare
      qualsiasi cosa quindi anche tumori e virus,
      chi lo dice che non fanno
      i virus biotecnologici per vendere il
      vaccino ???

      su questo il governo di pezzenti non si
      pronunciae se invece questi nanorobot diventassero in grado di autoreplicarsi utilizzando risorse da loro stesse estratte nei nostri oggetti?La lotta uomo-macchina è sempre stata un timore da quando è avvenuta la rivoluzione industriale, ma non credo che ci potevamo immaginare che la nostra fine potrebbe derivare da un virus meccanico.....
    • OpenMind scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      - Scritto da: Anonimo
      bello, ma la tecnologia non deve essere
      nella mani di pochi e' troppo pericolosoSu questo siamo d'accordo. Se vieti una forma di tecnologia sperimentale, fai solo un favore a chi non ha scrupoli e la sperimenta comunque.
      appena trasportera qualcosa pota trasportare
      qualsiasi cosa quindi anche tumori e virus,Forse non hai le idee chiare in merito:Dimensione delle nanogambe: 10 nanometriDimensione di un virus: 65 nanometri circaDimensione di una cellula (di tumore) tra i 5 e i 10 micronDirei che è improbabile che le "gambe" possano portare un virus, e assolutamente impossibile che possano trasportare una cellula tumorale.In ogni caso un virus si muove già molto bene da sè, e lo stesso vale anche per la cellula tumorale, che nelle metastasi migra seguendo il flusso sanguigno oppure attraverso il sistema linfatico.
      chi lo dice che non fanno
      i virus biotecnologici per vendere il
      vaccino ???Non c'è mica bisogno dei nanorobot per questo.
      su questo il governo di pezzenti non si
      pronunciaIl governo è molto meglio che non si pronunci. Come dicevo più sopra, una qualunque legge restrittiva finisce solo per far piacere a quelli che non hanno scrupoli.Basta vedere come il divieto di clonare un essere umano abbia solamente contribuito a date gloria ad Antinori, che ha dichiarato che sono già nati 3 bambini clonati.So anche io che le nanotecnologie sono potenzialmente un grande pericolo, ma la ricerca semplicemente NON PUO' essere bloccata. Se anche si facessero leggi restrittive in tutto il mondo ci sarà sempre almeno un pazzo che la finanzierà per i suoi scopi, e quando lui avrà trovato come sfruttarla noi non saremmo pronti a difenderci.L'unica cosa da fare, è finanziare la ricerca, dandole delle linee guida, in modo da prepararsi a combattere i possibili utilizzi malevoli delle scoperte.Le nanotecnologie possono essere pericolose, ma possono anche dare innumerevoli vantaggi. Ricordiamoci che persino la dinamite viene usata per applicazioni utili
    • Anonimo scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      - Scritto da: Anonimo
      o di modificare il dna di una persona per
      fare dei mostri o per impedire alle piante
      di riprodursi ?Luddista ?
      bello, ma la tecnologia non deve essere
      nella mani di pochi
      e' troppo pericolosoDifatti tu oggi sei davanti ad un oggetto che 30 anni fa alla NASA si sognavano........Falla finita.
    • Anonimo scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      scusa ma questo intervento è piuttosto assurdo...
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha studia caro ...
      Mai visto tante assurdita' una di file all'altra, mai visto tanto oscurantismo medievale ... :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      posso chiederti cos ti sei fumato? doveva essere roba buona, vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: quando di fare una strage ?
      - Scritto da: Anonimo

      bello, ma la tecnologia non deve essere
      nella mani di pochi
      e' troppo pericoloso
      se qui c'è qualcosa di pericoloso, quello è il tuo pensiero estremista...adesso torna ad adorare il tuo fidel...
      • Anonimo scrive:
        Re: quando di fare una strage ?

        adesso torna ad adorare il tuo fidel...Scusa ma cosa c'entra? guarda che le leggi piu' conservatrici le hanno fatte proprio i governi di destra (guarda caso si chiamano "conservatori", mentre quelli di sinistra "progressisti")...vedi recenti leggi italiane sulla procreazione assistita!!
    • Anonimo scrive:
      Re: quando di fare una strage ?

      bello, ma la tecnologia non deve essere
      nella mani di pochi
      e' troppo pericolosoquale e' l'unico modo che vedo per avere latecnologia nelle mani di piu' persone ?... se la gente come te avesse studiato un po' di piu'quando era sui banchi scuola ora, oltre ad essere ingrado di esprimersi un po' meglio in italiano, non avrebbe queste paure irrazionali di fronte ai progressidella scienza, e magari potrebbe anche partecipareattivamente ...
      su questo il governo di pezzenti non si
      pronunciase hanno la tua stessa cultura (probabile) ... e' meglio che stiano zitti
Chiudi i commenti