Download/ Fotone, stampone e due utility

Foto stampate a parete incollate, foto panoramiche incollate digitalmente, una utility per il meteo in Firefox ed un semplice cambio di boot!








a cura di PI download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Perchè non intervistare Cortiana?
    Perchè PI non intervista il Senatore Cortiana su questo stesso argomento visto che ha ospitato la difesa per procura dell' Europarlamentare Patrizia Toia fatta da un "eminente" PARRUCCONE MASTERIZZATO di una qualche sottospecie di università che avrà sentito parlare a mala pena dell' Open Source da un paio d' anni a dir tanto?E chiede a Cortiana cosa ne pensa di quei suoi colleghi che si sono ASTENUTI?
  • Anonimo scrive:
    Cosa vuol dire ?
    ... che l'open source, che credo sia la prospettiva finale che tutti abbiamo a cuore, ne possa trarre giovamento nel suo percorso verso un modello di business alternativo...Uhmmm.. quale business alternativo ?L'open source è un modello di business di condivisione comune (per questo da molti definito comunista) che vuol dire più o meno questo :"SE VOGLIO ... io non parto da zero a fare una cosa ma prendo qualcosa che c'è già, così mi costa meno e ogni modifica che faccio per adattarla alla mia situazione, la rilascio in cambio di quello che mi è stato dato" Questo funziona per quelli che producono hardware (SONY/CISCO) e quelli che danno assistenza sul software (SUN). Il closed source si basa invece sull'assunzione che io non parto da zero a fare una cosa ma da qualcosa che hanno fatto gli altri prima, ma essendo closed poi nessuno lo sa :) (scherzo ... più o meno) .Se una azienda mette un brevetto su un pezzo di codice open source, impone che la comunità lavori esclusivamente per lei in quanto rende impossibile lo sviluppo di branch e prodotti alternativi. Dove starebbe in questo caso il concetto di scambio che sta alla base del sistema appena descritto ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa vuol dire ?
      - Scritto da: Anonimo

      Se una azienda mette un brevetto su un pezzo di
      codice open source, Ah RIMBA...........nessuna "azienda" può mettere un "brevetto" su codice Open Source.Fatti curare il cervello o in alternativa documentati sulla GPL prima di vomitare vaccate PRETORIANE.
  • Anonimo scrive:
    Lamenti di avvocatucoli e professorini..
    scrivo programmi per vivere, e mai e poi mai un brevetto mi e' stato utile.Uno che "insegna modelli di e-government" e scrive per la margherita per me e' solo un commerciale che tenta di inturlupinare politici sotto le finte spoglie di un accademico.Non mi stupirei se lavorasse per qualche studio di avvocati che vive creando litigiosita' dove essa non e' necessaria..Voglio dedicare all' autore di queste fandonie un classico proverbio dedicato ai professorini:"chi sa fa.chi sa ma non e' capace insegna."
    • Anonimo scrive:
      Re: Lamenti di avvocatucoli e professori

      classico proverbio dedicato ai professorini:

      "chi sa fa.
      chi sa ma non e' capace insegna."
      Bello;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lamenti di avvocatucoli e professorini..
      - Scritto da: Anonimo
      scrivo programmi per vivere, e mai e poi mai un
      brevetto mi e' stato utile.
      il fatto che i tuoi programmi abbiano inovazione e investimenti pari allo zero assoluto non significa che questo valga per tutti.ho quasi 40 anni e mai mi è stata utile la sezioni antimafia...deduco, seguendo il tuo stile di ragionamento, che la sezione antimafia non abbia ragione di esistere.
      Uno che "insegna modelli di e-government" e
      scrive per la margherita per me e' solo un
      commerciale che tenta di inturlupinare politici
      sotto le finte spoglie di un accademico.invece i centinaia di manifestanti noglobal contro i brevetti erano tutti dotti professori.molto più probabilmente non avevano mai scritto niente di più complesso di una paginina php

      Non mi stupirei se lavorasse per qualche studio
      di avvocati che vive creando litigiosita' dove
      essa non e' necessaria..

      Voglio dedicare all' autore di queste fandoniefandonie?lo decidi tu?
      un
      classico proverbio dedicato ai professorini:

      "chi sa fa.
      chi sa ma non e' capace insegna."stallman insegna
      • Anonimo scrive:
        Re: Lamenti di avvocatucoli e professori
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        scrivo programmi per vivere, e mai e poi mai un

        brevetto mi e' stato utile.



        il fatto che i tuoi programmi abbiano inovazione
        e investimenti pari allo zero assoluto non
        significa che questo valga per tutti.bhe certo, brevetti come quello sul doppio click o sulla barra di scorrimento necessitano investimenti e ricerca spaventosi; ma vai a cagare vai
        invece i centinaia di manifestanti noglobal
        contro i brevetti erano tutti dotti professori.
        molto più probabilmente non avevano mai scritto
        niente di più complesso di una paginina phpguarda che buona parte di chi si e' opposto alla direttiva sui brevetti software son state PMI europee; son noglobal pure loro? o magari sei tu che non c'hai capito nulla su questi brevetti e li confondi con i brevetti classici?
        stallman insegnaveramente Stallman ha scritto il gcc ed emacs (e scusa se e' poco)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lamenti di avvocatucoli e professori
      - Scritto da: Anonimo
      scrivo programmi per vivere, e mai e poi mai un
      brevetto mi e' stato utile.Ma l'hai letto almeno l'articolo?
  • gimuz scrive:
    Paranoia normativa
    Spiace constatare che, ancora una volta, in Italia siamo allucinati dalla paranoia normativa. La paura di non poter "tapezzare" uniformemente la vita degli individui con normative, regolamenti, ordini professionali, corporazioni e quant'altro ha fatto dell'Italia il paese che, contemporaneamente, ha il maggior numero di leggi vigenti e la più alta illegalità diffusa. Invito il professor Zocchi a leggere cosa dice sulla giungla dei brevetti in USA il Prof. Lerner di Harvard (http://hbswk.hbs.edu/facultyQAs.jhtml?t=facultyQAs). Meno norme e più libertà aiutano sicuramente lo sviluppo e la crescita delle idee innovative e delle tecnologie.Mi sembra poi francamente insostenibile affermare che l'Open Source dovesse aspettare l'approvazione della direttiva per lo sviluppo di un proprio modello di business. Il modello di business dell'Open Source è in piena salute e funziona da anni, garantendo esternalità positive a chi lo utilizza con consapevolezza (purtroppo assai poco qui in Italia).L'idea che la legge forzi la creazione dei modelli di business a vantaggio delle corporazioni è quello che tiene il nostro paese nella melassa delle clientele e dell'ignoranza.
  • Anonimo scrive:
    Ecco uno che se ne intende!
    Paolo Zocchi insegna Modelli e Strategie di e-Government all'Università La Sapienza di Roma, è presidente dell'Associazione UNARETE e coordinatore dell'Osservatorio Nazionale ICT della Margherita.I vari Tanzi, Tonna, Cragnotti, avranno mica studiato da lui?E basta! ma cosa è cambiato? Nulla assolutamente NULLA!Se vuoi metti la GPL al tuo software se non vuoi non lo fai e non vieni a rompere per una patente che a che fare con l'invenzione della RUOTA o dell'AUTOMOBILE.
  • midori scrive:
    Pannella è stato l'unico
    Insieme alla Bonino Pannella e' stato uno dei pochi che si è astenuto alla votazione contro i brevetti.Perche'?Semplice, prima si vota per stabilire la validità di una direttiva nel suo insieme. Se la si ritiene valida, si passa agli emendamenti.Io stesso ho apaprato una bella figura di niente scrivendo a Pannella (e' il mio diretto euro-rappresentante): "Ma che cavolo! Perche' ti sei astenuto? Bella figura!"Ma la figuraccia la facevo io, perche' mi ha risposto (Cappato, in sua vece) che senza gli emendamenti praticamente era una vittoria a metà, il problema rimaneva e soprattutto l'ufficio brevetti europeo avrebbe potuto continuare a fare i suoi comodi come prima.Ma non è tutto, Pannella aveva raccolto frime di + di 50 europarlamentari per proporre emendamenti ancora piu' radicali, che avrebbero definitivamente risolto la questione.A questo punto, è andata proprio come viene detto nell'articolo: anche i favorevoli ai brevetti se la sono fatta sotto, temendo una disfatta completa a causa degli emendamenti, ed hanno votato contro! Un voto cosi' unanime, a livello di statisitche bulgare, non ha una spiegazione diversa...Ed invece la quersione è tutt'altro che chiusa, perche' state certi che tra qualche tempo (magari proprio alla prossima legislatura europea) la direttiva verrà riproposta, possibilmente peggiorata...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pannella è stato l'unico
      - Scritto da: midori
      Ed invece la quersione è tutt'altro che chiusa,
      perche' state certi che tra qualche tempo (magari
      proprio alla prossima legislatura europea) la
      direttiva verrà riproposta, possibilmente
      peggiorata...
      Questo è un tuoi auspicio che rimarrà tale.Tipico di arrampicatori sui vetri.
      • midori scrive:
        Re: Pannella è stato l'unico
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: midori


        Ed invece la quersione è tutt'altro che chiusa,

        perche' state certi che tra qualche tempo
        (magari

        proprio alla prossima legislatura europea) la

        direttiva verrà riproposta, possibilmente

        peggiorata...



        Questo è un tuoi auspicio che rimarrà tale.
        Tipico di arrampicatori sui vetri.Scusa, mai che ti sei fumato questa mattina?Ops! Scusami, devi aver risposto al post sbagliato :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pannella è stato l'unico
      - Scritto da: midori
      Ma la figuraccia la facevo io, perche' mi ha
      risposto (Cappato, in sua vece) che senza gli
      emendamenti praticamente era una vittoria a metà,
      il problema rimaneva e soprattutto l'ufficio
      brevetti europeo avrebbe potuto continuare a fare
      i suoi comodi come prima.
      Ma non è tutto, Pannella aveva raccolto frime di
      + di 50 europarlamentari per proporre emendamenti
      ancora piu' radicali, che avrebbero
      definitivamente risolto la questione.E' un modo di fare che comunque non mi piace, non e' politicamente corretto invertire la ratio e rivolgere la portata di una direttiva infame completamente snaturata contro gli stessi suoi sostenitori, e' molto piu' trasparente e corretto (soprattutto nei confronti degli elettori) azzerarne il contenuto abominevole per fermare qui ed ora ogni tentativo pretestuoso dei lobbysti basato su spudorate violazioni procedurali e partire da zero su un progetto normativo completamente diverso ed indipendente. Resto comunque dell'idea che i Radicali abbiano fatto una magra figura (insieme agli altri astenuti, per non parlare degli assenti e dei favorevoli) che non potra' non riverberarsi sui prossimi risultati elettorali.Il problema serio e' un altro: fino a quando si potranno perpetrare delle volgari violazioni alle norme procedurali che regolano l'iter legislativo e si potra' giungere all'approvazione urgente per via sommaria e senza previa discussione di norme sotto la sedicente veste di "posizione comune", il pericolo per le liberta' civili sara' grossissimo (25 commissari e 25 ministri di settore che possono decidere in modo vincolante e in via quasi definitiva per 450 milioni di persone e' un serio vulnus alla democrazia, IMHO).L.
  • Anonimo scrive:
    la confusione non aiuta
    Il fatto che Zocchi non sia giurista può forse giustificare alcune sue affermazioni, che rimangono, però, semplicemente degli errori.La brevettabilità del software non vive in un limbo: essa è vietata dall'art. 52, comma 2, della convenzione europea sui brevetti:http://www.european-patent-office.org/legal/epc/e/ar52.html#A52È tale convenzione ad istituire l'uffico europeo dei brevetti, il quale ha il solo compito di dare ad una richiesta di brevetto una data certa, dopo una sommaria (e non vincolante) analisi dei requisiti necessari.L'esistenza di un brevetto richiede la registrazione, ma tale atto non è sufficiente. Solo un giudice è deputato a decidere se una determinata invenzione, per la quale è stato richiesto un brevetto, sia infine brevettabile.Il fatto che un ufficio brevetti (che ottiene i suoi proventi dalle tasse di registrazione dei brevetti) registri una determinata invenzione non ha rilevanza giuridica alcuna relativamente alla sua brevettabilità. Se vi è un furbone che vuole spendere le ingenti somme, che pagano lo stipendio ai felici dipendenti dell'EPO, per avere in mano qualche foglio di carta straccia, ben pro gli rechi.Ad ogni buon conto, nessuno farà mai causa per violazione di un brevetto software, in Italia o in Europa, pena la soccombenza ed il pagamento delle spese processuali alla controparte (istituti, questi, che non esistendo negli usa, impediscono la nascita di litigation companies).Chi ritiene esista un vuoto normativo semplicemente non sa di che sta parlando.un salutoandrea rossato
  • Anonimo scrive:
    Open source a casa!
    ci sono cose molto più importanti che fare leggi tutte orientate alla proliferazione di un movimento estremista come l'open source e la FSF fatto di scrocconi e aziende che credono di aver trovato le galline dalle uova d'oroandate a lavorare e vedrete come l'economia, i soldi, lo sviluppo, l'occidente, il copyright... e perchè no, anche i brevetti non saranno più al centro del vostro odiol'europa è fatta di gente moderata e libertà, quella vera e non quella che decide stallman con le sue licenze evangeliche
    • midori scrive:
      Re: Open source a casa!

      andate a lavorare e vedrete come l'economia, i
      soldi, lo sviluppo, l'occidente, il copyright...
      e perchè no, anche i brevetti non saranno più al
      centro del vostro odioMa perche' tutti quelli che dicono "andate a lavorare" non hanno mai un ca**o da fare?Mi chiedo cosa ne pensi il tuo datore di lavoro che cazzeggi sul forum di PI :) :)Ah, gia', non ti sei firmato! Sei furbo come una faina, tu! :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Open source a casa!
        - Scritto da: midori

        andate a lavorare e vedrete come

        l'economia, i soldi, lo sviluppo, l'occidente,

        il copyright...

        e perchè no, anche i brevetti non saranno

        più al centro del vostro odio
        Ma perche' tutti quelli che dicono "andate a
        lavorare" non hanno mai un ca**o da fare?
        Mi chiedo cosa ne pensi il tuo datore di lavoro
        che cazzeggi sul forum di PI :) :)Noto anche che di solito chi usa con tanta leggerezza queste espressioni spesso non lavora neanche lontanamente nel campo. Ma si sa che l'italia e' piena di governatori, contabili, statisti, che se non fossero troppo occupati a fare il loro lavoro di barista, parrucchiere, statista sarebbero sicuramente in grado di salvare il mondo :-D
        Ah, gia', non ti sei firmato! Sei furbo
        come una faina, tu! :P (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Open source a casa!
      - Scritto da: Anonimo
      l'europa è fatta di gente moderata e libertà,
      quella vera e non quella che decide stallman con
      le sue licenze evangelichele cose sono due, o sei un corrotto o sei un ingenuo; liberta'? come questa?:http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=7l'europa e' fatta di colonie americane, la liberta' non ce l'abbiamo mai avuta dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi; svegliati che e' ora.
      • Anonimo scrive:
        Re: Open source a casa!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        l'europa è fatta di gente moderata e libertà,

        quella vera e non quella che decide stallman con

        le sue licenze evangeliche

        le cose sono due, o sei un corrotto o sei un
        ingenuo; liberta'? come questa?:
        http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=7

        l'europa e' fatta di colonie americane, la
        liberta' non ce l'abbiamo mai avuta dalla fine
        della seconda guerra mondiale ad oggi; svegliati
        che e' ora.
        se questa di cui ho goduto non è libertà allora, preferisco rimanere prigioniero degli USAanche perchè nemmeno tu saresti sicuro se senza gli USA potresti continuare a sparare le tue cazzate da centro sociale ovunquee poi svegliati tu invece... e soprattutto fuma di meno e perfavore non parliamo bene dell'america sono quando ci ha fatto comodol'italia è un paese di ignavi e cagasotto e nel passato l'america (ma non solo l'america) ci ha salvato il culo più di una volta... anche grazie alle poche basi rimaste sul nostro territorioe ora tornatene pure nel tuo limbo fantasticohttp://www.corriere.it/Primo_Piano/Spettacoli/2005/07_Luglio/15/guevara.shtml
        • Anonimo scrive:
          Re: Open source a casa!
          - Scritto da: Anonimo
          se questa di cui ho goduto non è libertà allora,
          preferisco rimanere prigioniero degli USAchiaro, facendo il servo degli usa (per mandare avanti una colonia serve gente corrotta nella classe dirigente) probabilmente hai piu' vantaggi che da uomo libero
          anche perchè nemmeno tu saresti sicuro se senza
          gli USA potresti continuare a sparare le tue
          cazzate da centro sociale ovunque1) centro sociale? io sono di destra (quella vera, non i buffoni attualmente al governo)2) ti stupira' saperlo ma senza gli usa, 2000 anni fa, eravamo abbastanza sicuri da dominare mezzo pianeta
          e poi svegliati tu invece... e soprattutto fuma
          di meno e perfavore non parliamo bene
          dell'america sono quando ci ha fatto comodoci ha fatto comodo? e quando? avrei preferito decisamente di piu' stare sotto al tallone tedesco che a quello usa
          l'italia è un paese di ignavi e cagasotto e nel
          passato l'america (ma non solo l'america) ci ha
          salvato il culo più di una volta... anche grazie
          alle poche basi rimaste sul nostro territorio1) l'Italia, prima che la sua classe dirigente fosse sostituita opportunamente da gente corrotta, non e' *MAI* stata composta da cacasotto; ma dei corrotti traditori come te questo non possono saperlo2) le basi usa dovrebbero essere state sgomberate dal 1994 (data in cui e' scaduto il loro mandato)
          e ora tornatene pure nel tuo limbo fantasticosei la feccia di questa nazione, uno schifoso traditore che andrebbe messo al muro e fucilato
          • Anonimo scrive:
            Re: Open source a casa!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            se questa di cui ho goduto non è libertà allora,

            preferisco rimanere prigioniero degli USA

            chiaro, facendo il servo degli usa (per mandare
            avanti una colonia serve gente corrotta nella
            classe dirigente) probabilmente hai piu' vantaggi
            che da uomo libero


            anche perchè nemmeno tu saresti sicuro se senza

            gli USA potresti continuare a sparare le tue

            cazzate da centro sociale ovunque

            1) centro sociale? io sono di destra (quella
            vera, non i buffoni attualmente al governo)non mi pare che la destra sia a favore di cose così poco utili al mondo lavorativo come la lotta al brevetto.nei mi pare la destra spalleggi per argomentazioni tipiche da centro sociale.diciamo che ti siedi nella parte destra del centro sociale :D
            2) ti stupira' saperlo ma senza gli usa, 2000
            anni fa, eravamo abbastanza sicuri da dominare
            mezzo pianeta2000 anni fa.adesso siamo abbastanza insicuri da dover essere i lecchini del mondo


            e poi svegliati tu invece... e soprattutto fuma

            di meno e perfavore non parliamo bene

            dell'america sono quando ci ha fatto comodo

            ci ha fatto comodo?vivi di favolette.certo che ci ha fatto comodo a te per primo
            e quando? avrei preferito
            decisamente di piu' stare sotto al tallone
            tedesco che a quello usatallone sotto il quale saresti stato schicciato appena provavi a fare il 'rivoluzionario alternativo' contro i brevetti.all'epoca si finiva in prigione per molto meno.


            l'italia è un paese di ignavi e cagasotto e nel

            passato l'america (ma non solo l'america) ci ha

            salvato il culo più di una volta... anche grazie

            alle poche basi rimaste sul nostro territorio

            1) l'Italia, prima che la sua classe dirigente
            fosse sostituita opportunamente da gente
            corrotta, non e' *MAI* stata composta da
            cacasotto;parli ancora di 2000 anni fa
            ma dei corrotti traditorie chi avrebbe tradito?ti senti anche un pò duce?il tuo pusher deve averti dato roba avariata.
            come te
            questo non possono saperlo
            2) le basi usa dovrebbero essere state sgomberate
            dal 1994 (data in cui e' scaduto il loro mandato)


            e ora tornatene pure nel tuo limbo fantastico

            sei la feccia di questa nazione, uno schifoso
            traditore che andrebbe messo al muro e fucilatosi duce.cmq solo dopo di te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Open source a casa!
            - Scritto da: Anonimo
            non mi pare che la destra sia a favore di cose
            così poco utili al mondo lavorativo come la lotta
            al brevetto.ma sai almeno di cosa si parla? il brevetto in senso classico nessuno lo osteggia (non io perlomeno), qui si parla di brevetti sulle idee in ambito software, che e' ben diverso; prima di aprire bocca e fare un'altra figuraccia ti consiglio di informarti in merito
            nei mi pare la destra spalleggi per
            argomentazioni tipiche da centro sociale.
            diciamo che ti siedi nella parte destra del
            centro sociale :Dla destra vera attualmente non ha neanche rappresentanti in parlamento, dubito possa spalleggiare alcunche'

            2) ti stupira' saperlo ma senza gli usa, 2000

            anni fa, eravamo abbastanza sicuri da dominare

            mezzo pianeta

            2000 anni fa.
            adesso siamo abbastanza insicuri da dover essere
            i lecchini del mondolo siamo perche' la lasse dirigente dal dopoguerra ad oggi e' stata sostituita da gente corrotta (tu ne sai qualcosa?)

            e quando? avrei preferito

            decisamente di piu' stare sotto al tallone

            tedesco che a quello usa

            tallone sotto il quale saresti stato schicciato
            appena provavi a fare il 'rivoluzionario
            alternativo' contro i brevetti.
            all'epoca si finiva in prigione per molto meno.certo certo e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata, la verita' e' che tu sei un traditore della tua patria che si e' venduto all'invasore americano e come tale andresti messo al muro e fucilato

            1) l'Italia, prima che la sua classe dirigente

            fosse sostituita opportunamente da gente

            corrotta, non e' *MAI* stata composta da

            cacasotto;

            parli ancora di 2000 anni fano parlo di poco piu' di mezzo secolo fa

            ma dei corrotti traditori

            e chi avrebbe tradito?ti hai tradito il tuo paese spalleggiando chi lo ha invaso, ha corrotto la sua cultura e ci tirene sotto il suo tallone politicamente, economicamente e militarmente
            ti senti anche un pò duce?no mi sento un po italiano
          • castigo scrive:
            Re: Open source a casa!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            se questa di cui ho goduto non è libertà allora,

            preferisco rimanere prigioniero degli USA

            chiaro, facendo il servo degli usa (per mandare
            avanti una colonia serve gente corrotta nella
            classe dirigente) probabilmente hai piu' vantaggi
            che da uomo libero


            anche perchè nemmeno tu saresti sicuro se senza

            gli USA potresti continuare a sparare le tue

            cazzate da centro sociale ovunque

            1) centro sociale? io sono di destra (quella
            vera, non i buffoni attualmente al governo)e da quando in Italia c'è una destra VERA?????????
            2) ti stupira' saperlo ma senza gli usa, 2000
            anni fa, eravamo abbastanza sicuri da dominare
            mezzo pianetaecco, bravo, torna all'impero......


            e poi svegliati tu invece... e soprattutto fuma

            di meno e perfavore non parliamo bene

            dell'america sono quando ci ha fatto comodo

            ci ha fatto comodo? e quando? avrei preferito
            decisamente di piu' stare sotto al tallone
            tedesco che a quello usama dato che i tedeschi l'hanno preso nel baugigi, forse è stata meglio la "dittatura" americana di quella sovietica... se non sei d'accordo comunque potremmo farti raccontare come si stava nelle miniere di piombo di kolyma..... e magari se sono ancora aperte.... ;)


            l'italia è un paese di ignavi e cagasotto e nel

            passato l'america (ma non solo l'america) ci ha

            salvato il culo più di una volta... anche grazie

            alle poche basi rimaste sul nostro territorio

            1) l'Italia, prima che la sua classe dirigente
            fosse sostituita opportunamente da gente
            corrotta, non e' *MAI* stata composta da
            cacasotto; ma dei corrotti traditori come te
            questo non possono saperlohahahahaaaaaa..... è vero, è vero, infatti prima della caduta del pelatone eravamo tutti fascisti, e subito dopo non se ne trovava uno a pagarlo oro :D :D
            2) le basi usa dovrebbero essere state sgomberate
            dal 1994 (data in cui e' scaduto il loro mandato)


            e ora tornatene pure nel tuo limbo fantastico

            sei la feccia di questa nazione, uno schifoso
            traditore che andrebbe messo al muro e fucilatoecco, vedi, anche in questo caso di mostri la tua pochezza e limitatezza di idee.... molto meglio farli lavorare, i traditori, come faceva zio giuseppe.... sei proprio come nonno adolfo, che invece di sfruttare le risorse le disperdeva nei forni :D :Dscherzi a parte..... saresti perfino divertente se non fossi così patetico.
        • Anonimo scrive:
          Re: Open source a casa!
          bella la vita nel paese delle favole eh?http://www.nuovimondimedia.com/sitonew/print.php?sid=827
    • Anonimo scrive:
      Re: Open source a casa!
      ci sono vari centri di recupero da tossicodipendenza e alcoolismo che potrebbero aiutartiPensaci...fai un favore a te stesso prima che sia tardi ;) - Scritto da: Anonimo
      ci sono cose molto più importanti che fare leggi
      tutte orientate alla proliferazione di un
      movimento estremista come l'open source e la FSF
      fatto di scrocconi e aziende che credono di aver
      trovato le galline dalle uova d'oro

      andate a lavorare e vedrete come l'economia, i
      soldi, lo sviluppo, l'occidente, il copyright...
      e perchè no, anche i brevetti non saranno più al
      centro del vostro odio

      l'europa è fatta di gente moderata e libertà,
      quella vera e non quella che decide stallman con
      le sue licenze evangeliche
      • Anonimo scrive:
        Re: Open source a casa!
        - Scritto da: Anonimo
        ci sono vari centri di recupero da
        tossicodipendenza e alcoolismo che potrebbero
        aiutarti
        Pensaci...fai un favore a te stesso prima che sia
        tardi
        ;) lo sai per esperienza personalecmq vedo che con te non hanno funzionato quindi ne sto alla larga.ho già una religione e seguire l'ennesimo santone che predica contro il capitalismo ma si arricchisce a furia di conferenze mi fa proprio ridere

        - Scritto da: Anonimo

        ci sono cose molto più importanti che fare leggi

        tutte orientate alla proliferazione di un

        movimento estremista come l'open source e la FSF

        fatto di scrocconi e aziende che credono di aver

        trovato le galline dalle uova d'oro



        andate a lavorare e vedrete come l'economia, i

        soldi, lo sviluppo, l'occidente, il copyright...

        e perchè no, anche i brevetti non saranno più al

        centro del vostro odio



        l'europa è fatta di gente moderata e libertà,

        quella vera e non quella che decide stallman con

        le sue licenze evangeliche
        • Anonimo scrive:
          Re: Open source a casa!
          - Scritto da: Anonimo
          ho già una religioneimmagino sia la stessa che ha ammazzato, torturato e messo al rogo piu' gente di quanta tu possa contare
          e seguire l'ennesimo santone
          che predica contro il capitalismo ma si
          arricchisce a furia di conferenze mi fa proprio
          ridereio credo tu abbia un'idea assolutamente distorta del software libero che, a differenza di quello che pensi, non predica contro il capitalismo, ma fornisce un modello di business differente da quello classico (ma sempre nell'ambito di un sistema economico capitalista); visto che sei a favore dei brevetti sulle idee in ambito software (anche se dubito tu capisca di cosa si tratta) mi spiegheresti perche' buona parte delle PMI europee che sviluppano software si son mosse contro tali brevetti? queste aziende son comuniste?
          • Anonimo scrive:
            Re: Open source a casa!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            ho già una religione

            immagino sia la stessa che ha ammazzato,
            torturato e messo al rogo piu' gente di quanta tu
            possa contarepurtroppo la tua semplicità ti ha fatto cadere ancora in errore


            e seguire l'ennesimo santone

            che predica contro il capitalismo ma si

            arricchisce a furia di conferenze mi fa proprio

            ridere

            io credo tu abbia un'idea assolutamente distorta
            del software liberoquella che gira su pipoi si è vero in realtà ritengo che oss debba essere altro ma vai a spiegarlo alla marea di invasati che girano da queste parti.
            che, a differenza di quello
            che pensi, non predica contro il capitalismo,si sali pure sugli specchi.il santone oss che predicava contro il capitalismo e incitava i seguaci a raccolta per iniziare una gerra santa contro macromedia e microsoft dove lo metti (fonte pi)
            ma
            fornisce un modello di business differente da
            quello classico (ma sempre nell'ambito di un
            sistema economico capitalista); visto che sei a
            favore dei brevetti sulle idee in ambito software
            (anche se dubito tu capisca di cosa si trattano per carità sei l'unico intelligente sulla terra.chi non la pensa come te è stupido ....fai solo pena
            ) mi
            spiegheresti perche' buona parte delle PMI
            europee che sviluppano software si son mosse
            contro tali brevetti? queste aziende son
            comuniste?ragiona per luoghi comuni tu...ridurre tutto a scenari semplicistici è l'unico modo che hai di rapportarti alle cose visto il tuo scarso qi
        • Anonimo scrive:
          Re: Open source a casa!
          - Scritto da: Anonimo
          lo sai per esperienza personale
          cmq vedo che con te non hanno funzionato quindi
          ne sto alla larga.
          ho già una religione e seguire l'ennesimo santone
          che predica contro il capitalismo ma si
          arricchisce a furia di conferenze mi fa proprio
          ridereSe si arrichisce fa bene.Te invece fai solo piangere. Prova a chiedere un posto a Zelig o come velina, forse ti va meglio e raggranelli anche un pò di soldi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Open source a casa!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            lo sai per esperienza personale

            cmq vedo che con te non hanno funzionato quindi

            ne sto alla larga.

            ho già una religione e seguire l'ennesimo
            santone

            che predica contro il capitalismo ma si

            arricchisce a furia di conferenze mi fa proprio

            ridere

            Se si arrichisce fa bene.
            Te invece fai solo piangere. Prova a chiedere un
            posto a Zelig o come velina, forse ti va meglio e
            raggranelli anche un pò di soldi.le tue argomentazioni sono allarmanti.degne del più classico dei cerebrolese.p.s. trovati un lavoro decente che come velina sei credibile proprio come informatico ... ZERO
    • lele2 scrive:
      Re: Open source a casa!
      - Scritto da: Anonimo
      l'europa è fatta di gente moderata e libertà,
      quella vera e non quella che decide stallman con
      le sue licenze evangelichea me risulta che i brevetti tolgano liberta' a tuttia scapito di pochiStallman si occupa di software liberoha scritto una licenza, la gpl, di cui il valore piu' importante e' proprio la liberta'
  • Anonimo scrive:
    TROMBONI SFIATATI
    Ecco cosa siete dei TROMBONI SFIATATI!Avete combinato una carognata e adesso siete qui a cercare di portare giustificazioni ridicole al vostro comportamento.Non non siamo di quelli che si bevono di tutto!Gente come voi sta bene in quel di Redmond, toglietevi la maschera di finto Open Source che vi siete messi.TROMBONI E TRIPPONI!VERGOGNATEVI!
  • Anonimo scrive:
    PARRUCCOONI MASTERIZZATI e EURODEPUTATI
    L ' Europarlamentare Patrizia Toia ha mandato avanti uno dei suoi Professori Masterizzati a giustificare la sua inaspettata ASTENSIONE dalla votazione dell' Europarlamento contro la Brevettabilità del SW.Il PARRUCCONE MASTERIZZATO Zocchi, cerca di arrampicarsi sui vetri cercandop giustificazioni per la Toia, anzi getta fumo negli occhi cercando di insinuare il dubbio che quella dell' Europarlamento sia stata una "sconfitta".Forse il professore non si rende conto che per la Brevettabilità del SW in Europa di erano mossi multinazionali del calibro Microsoft che ha addirittura mandato a Brussel un suo PRETORIANO per cercare di ungere, e di diverse altre multinazionali come Siemens, Nokia e altre di cui ricorderemo bene i nomi.Il professore fa anche finta di non ricordare che nonostante la contrarietà del Parlamento Europeo sulla questione della brevettabilità del SW, il Consigli Europeo fregandosene del parere della maggiornaza degli Europarlamentari per ben 3 volte a cercato di far passare la direttiva.Certo che il problema della Brevettabilitò del SW poteva essere risolto meglio, certo professore; chi lo nega!Ma non era certo il momneto di andare per il sottile di fronte all' attacco frontale delle multinazionali della Brevettazione alla USA, non era certo il momento di lavorare di COLTELLINO SVIZZERO caro PARRUCCONE MASTERIZZATO, di fronte al pesantissimo attacco frontale gli Europarlamentari hanno capito che dovevano lavorare di SCIABOLE e affossare per sempre e a larghissima maggioranza il principio della Brevettazione del SW.Se la direttiva sulla Brevettazione del SW fosse invece passata, come probabilmente il professor Zocchi voleva, adesso non starebbe qui a discutere sugli emendamenti da dare a quella direttiva per migliorarla, forse avrebbe LUI festeggiato.Voglio vederer adesso chi di fronte a un simile voto dell' Europarlamento avrà ancora il coraggio di presentare una direttiva per la brevettazionme del SW in Europa!Per quanto riguarda il "vuoto" sull' EPO (che è altra cosa mi par di capire...), il Parlamento Europeo potrà metterci mano con calma e con riflessione forte dell' esperienza fatta sulla votazione contraria alla Brevettabilità del SW, comunque lo potrà studiare con maggior coscienza del problema.Ancora una riflessione su quanto detto dall' Europarlamentare Patrtizia Toia sull' Open Source, che denota la sua pressochè totale non conoscenza dell' Open Source e dei movimenti che ne stanno alla base.Ricordo comunque che L' Europarlamentare Patrizia Toia prima delle elezioni Europee sottoscrisse un appello in Rete che appoggiava l' Open Source e si schierava contro la Brevettabilità dei SW in EU e invece è praticamente andata nella diriezione opposta astenendosi tradendo anche chi l' ha votata per l' Europarlamento.Si sbaglia ancora la Patrizia Toia a dire che i più forti sono le lobbies del WC-CLOSED e non certo quelli dell' Open Source confondendo il movimento e la filosofia che stanno alla base dell' Open Source con una merce di scambio.L' Open Source è difficile se non impossibile da sconfiggere perchè l' Open Source non è cosa che si compra come uan merce o una multinazionale qualsiasi, ma l' Open Source è un pensiero, è una filosofia che coinvolge la libertà di circolazione delle idee, della scienza e della conoscenza e nessuna multinazionale lo potrà sconfiggere, lo potranno rallentare, ma non sconfiggere.L' Open Source sta sempre più affermandosi nonostante il blocco imposto negli ultimi 15 anni dalle multinazionali e Linux ne è una chiara dimostrazione.L' Open Source non è uno sprinter, ma un MARATONETA che alla lunga vince.Potrebbe però anche essere che l' Europarlamentare Patrizia Toia sia stata indotta in errore ad astenersi prorrio da certi PARRUCCONI MASTERIZZATI che l' hanno mal consigliata.
    • Anonimo scrive:
      Re: PARRUCCOONI MASTERIZZATI e EURODEPUT
      - Scritto da: Anonimo
      L ' Europarlamentare Patrizia Toia ha mandato
      avanti uno dei suoi Professori Masterizzati a
      giustificare la sua inaspettata ASTENSIONE dalla
      votazione dell' Europarlamento contro la
      Brevettabilità del SW.
      Il PARRUCCONE MASTERIZZATO Zocchi, cerca di
      arrampicarsi sui vetri cercandop giustificazioni
      per la Toia, anzi getta fumo negli occhi cercando
      di insinuare il dubbio che quella dell'
      Europarlamento sia stata una "sconfitta".

      Forse il professore non si rende conto che per la
      Brevettabilità del SW in Europa di erano mossi
      multinazionali del calibro Microsoft che ha
      addirittura mandato a Brussel un suo PRETORIANO
      per cercare di ungere, e di diverse altre
      multinazionali come Siemens, Nokia e altre di cui
      ricorderemo bene i nomi.
      Il professore fa anche finta di non ricordare che
      nonostante la contrarietà del Parlamento Europeo
      sulla questione della brevettabilità del SW, il
      Consigli Europeo fregandosene del parere della
      maggiornaza degli Europarlamentari per ben 3
      volte a cercato di far passare la direttiva.
      Certo che il problema della Brevettabilitò del SW
      poteva essere risolto meglio, certo professore;
      chi lo nega!
      Ma non era certo il momneto di andare per il
      sottile di fronte all' attacco frontale delle
      multinazionali della Brevettazione alla USA, non
      era certo il momento di lavorare di COLTELLINO
      SVIZZERO caro PARRUCCONE MASTERIZZATO, di fronte
      al pesantissimo attacco frontale gli
      Europarlamentari hanno capito che dovevano
      lavorare di SCIABOLE e affossare per sempre e a
      larghissima maggioranza il principio della
      Brevettazione del SW.
      Se la direttiva sulla Brevettazione del SW fosse
      invece passata, come probabilmente il professor
      Zocchi voleva, adesso non starebbe qui a
      discutere sugli emendamenti da dare a quella
      direttiva per migliorarla, forse avrebbe LUI
      festeggiato.
      Voglio vederer adesso chi di fronte a un simile
      voto dell' Europarlamento avrà ancora il coraggio
      di presentare una direttiva per la brevettazionme
      del SW in Europa!

      Per quanto riguarda il "vuoto" sull' EPO (che è
      altra cosa mi par di capire...), il Parlamento
      Europeo potrà metterci mano con calma e con
      riflessione forte dell' esperienza fatta sulla
      votazione contraria alla Brevettabilità del SW,
      comunque lo potrà studiare con maggior coscienza
      del problema.

      Ancora una riflessione su quanto detto dall'
      Europarlamentare Patrtizia Toia sull' Open
      Source, che denota la sua pressochè totale non
      conoscenza dell' Open Source e dei movimenti che
      ne stanno alla base.
      Ricordo comunque che L' Europarlamentare Patrizia
      Toia prima delle elezioni Europee sottoscrisse un
      appello in Rete che appoggiava l' Open Source e
      si schierava contro la Brevettabilità dei SW in
      EU e invece è praticamente andata nella
      diriezione opposta astenendosi tradendo anche chi
      l' ha votata per l' Europarlamento.
      Si sbaglia ancora la Patrizia Toia a dire che i
      più forti sono le lobbies del WC-CLOSED e non
      certo quelli dell' Open Source confondendo il
      movimento e la filosofia che stanno alla base
      dell' Open Source con una merce di scambio.
      L' Open Source è difficile se non impossibile da
      sconfiggere perchè l' Open Source non è cosa che
      si compra come uan merce o una multinazionale
      qualsiasi, ma l' Open Source è un pensiero, è una
      filosofia che coinvolge la libertà di
      circolazione delle idee, della scienza e della
      conoscenza e nessuna multinazionale lo potrà
      sconfiggere, lo potranno rallentare, ma non
      sconfiggere.
      L' Open Source sta sempre più affermandosi
      nonostante il blocco imposto negli ultimi 15 anni
      dalle multinazionali e Linux ne è una chiara
      dimostrazione.
      L' Open Source non è uno sprinter, ma un
      MARATONETA che alla lunga vince.

      Potrebbe però anche essere che l'
      Europarlamentare Patrizia Toia sia stata indotta
      in errore ad astenersi prorrio da certi
      PARRUCCONI MASTERIZZATI che l' hanno mal
      consigliata.Quoto e riQuoto!
  • alexmario scrive:
    significati e strategia
    Della guerra è spesso più importante la ragione per cui si combatte che non il combattimento in se.Il problema delle guerre molto lunghe è che si dimentica la ragione per cui tutto è cominciato e questo incide non poco sul morale.Ciò che rileva l'articolo è, dal punto di vista strategico, fondamentale.Siamo di fronte ad un armistizio dove nessuno ha ottenuto un risultato.Chi è stato assaltato (sostenitori del free software) considerano una vittoria dato che hanno resistito all'assalto e sono sopravvissuti.Ed hanno ragione!Ma l'articolo considera anche che non è stato decretato nulla e che quindi ci si deve aspettare che il nemico torni all'attacco più motivato ed organizzato di prima.Il motivo?Tutto è cominciato con il voler "sanare" la situazione dell'ufficio brevetti ed il voler uniformare la normativa a quella Usa per creare un unico mercato.Ora, questo non è stato ottenuto, l'ufficio brevetti rappresenta l'Europa e ci sono aziende che pagano per dei monopoli che non possono esercitare.Questa è fonte di imbarazzo e debolezza.Quindi, come suggerisce l'articolo occorre operare.Andrebbero stimolati ancora coloro che hanno lavorato "contro" perché questa volta siano loro gli assaltatori e colpiscano prima di ritrovarsi nuovamente sotto assedio.
    • shevathas scrive:
      Re: significati e strategia

      Ma l'articolo considera anche che non è stato
      decretato nulla e che quindi ci si deve aspettare
      che il nemico torni all'attacco più motivato ed
      organizzato di prima.

      Il motivo?

      Tutto è cominciato con il voler "sanare" la
      situazione dell'ufficio brevetti ed il voler
      uniformare la normativa a quella Usa per creare
      un unico mercato.mercato nel quale saremmo sicuramente soccombenti, viste le tonnellate di brevetti posseduti dalle multinazionali USA.Poi i brevetti saranno retroattivi ? se la pincopallo srl ha implementato autonomamente, programmandolo da zero l' "acquisto con un solo click" o il "carrello della spesa" nel caso di regolamentazione dovrà pagare i diritti a chi di dovere ?
      Ora, questo non è stato ottenuto, l'ufficio
      brevetti rappresenta l'Europa e ci sono aziende
      che pagano per dei monopoli che non possono
      esercitare.e che è giusto che non esercitino. Capisco il brevetto industriale ed è giusto, ma consentire di brevettare le idee significherebbe la morte della ricerca.Molto del progresso nasce per far meglio, o più velocemente o più precisamente quello che facevano i miei concorrenti. per questo studio un motore più economico o sistema più preciso.E' lecito brevettare un sistema di frenatura più efficace, non è lecito brevettare l'idea del freno. Se shakesperare avesse brevettato l'idea della storia d'amore contrastata da qualcuno, il manzoni avrebbe potuto scrivere i promessi sposi ?Il brevetto software è come il brevetto delle idee di base della trama di un romanzo...
      Questa è fonte di imbarazzo e debolezza.

      Quindi, come suggerisce l'articolo occorre
      operare.

      Andrebbero stimolati ancora coloro che hanno
      lavorato "contro" perché questa volta siano loro
      gli assaltatori e colpiscano prima di ritrovarsi
      nuovamente sotto assedio.
      Possono presentare, partendo dagli emendamenti proposti, una proposta di regolamentazione, tenendo come caposaldo che le idee, e le scoperte scientifiche, non si possono brevettare.
      • alexmario scrive:
        Re: significati e strategia
        - Scritto da: shevathas

        mercato nel quale saremmo sicuramente
        soccombenti, viste le tonnellate di brevetti
        posseduti dalle multinazionali USA.
        Poi i brevetti saranno retroattivi ? se la
        pincopallo srl ha implementato autonomamente,
        programmandolo da zero l' "acquisto con un solo
        click" o il "carrello della spesa" nel caso di
        regolamentazione dovrà pagare i diritti a chi di
        dovere ?
        Certo, ma non dimenticare che io volevo solo tracciare il quadro della situazione.Ovvero riprendere le argomentazioni addotte per giustificare la nuova proposta di direttiva.

        e che è giusto che non esercitino. Capisco il
        brevetto industriale ed è giusto, ma consentire
        di brevettare le idee significherebbe la morte
        della ricerca.
        Molto del progresso nasce per far meglio, o più
        velocemente o più precisamente quello che
        facevano i miei concorrenti. per questo studio un
        motore più economico o sistema più preciso.
        E' lecito brevettare un sistema di frenatura più
        efficace, non è lecito brevettare l'idea del
        freno.
        Se shakesperare avesse brevettato l'idea della
        storia d'amore contrastata da qualcuno, il
        manzoni avrebbe potuto scrivere i promessi sposi
        ?
        Il brevetto software è come il brevetto delle
        idee di base della trama di un romanzo...
        Giusto o no, qualcuno a nome dell'europa tira soldi su questo fatto e chi paga vorrà indietro qualcosa.Anche questo è giusto, le multinazionali mica si sono messe a fare il gioco delle tre carte, hanno interpellato un istituzione dell'europa che non ha rispettato la normativa vigente.Che si fa: si ritornano i soldi spesi?Una soluzione va proposta, altrimenti la situazione non sarà risolta.
        Possono presentare, partendo dagli emendamenti
        proposti, una proposta di regolamentazione,
        tenendo come caposaldo che le idee, e le scoperte
        scientifiche, non si possono brevettare.La normativa c'è già e vieta i brevetti software.Ora vanno lanciate proposte per risolvere il problema dell'ufficio brevetti.Ma se non si solleva ora questo aspetto, fra qualche tempo, quando le acque saranno più calme, faranno di nuovo un assalto.
        • shevathas scrive:
          Re: significati e strategia

          La normativa c'è già e vieta i brevetti software.

          Ora vanno lanciate proposte per risolvere il
          problema dell'ufficio brevetti.

          Ma se non si solleva ora questo aspetto, fra
          qualche tempo, quando le acque saranno più calme,
          faranno di nuovo un assalto.l'onorevole ha l'opportunità di riproporre una legge partendo dalla base degli emendamenti, e prendendoli in contropiede.D'altronde è il suo lavoro.Anche se tutte queste storie mi sembrano i soliti bizantinismi all'italiana di voler tenere a forza il piede in due scarpe.
    • Anonimo scrive:
      Re: significati e strategia
      - Scritto da: alexmario
      Della guerra è spesso più importante la ragione
      per cui si combatte che non il combattimento in
      se.iniziamo bene.il punto è che questa non è guerra.meno che meno la guerra santa a cui incitava un noto santone dell'open sorce (fonte pi)si discute di una legge e nelle discussioni ci dovrebbe essere moderazione non l'estremismo che il 'fronte' dell'oss ha dimostrato e che tu ricalchi a pieno nel tuo post

      Il problema delle guerre molto lunghe è che si
      dimentica la ragione per cui tutto è cominciato e
      questo incide non poco sul morale.si rinfoltiamo il morale delle truppe :

      Ciò che rileva l'articolo è, dal punto di vista
      strategico, fondamentale.risiko

      Siamo di fronte ad un armistizio dove nessuno ha
      ottenuto un risultato.
      Chi è stato assaltato (sostenitori del free
      software) considerano una vittoria dato che hanno
      resistito all'assalto e sono sopravvissuti.
      Ed hanno ragione!

      Ma l'articolo considera anche che non è stato
      decretato nulla e che quindi ci si deve aspettare
      che il nemico torni all'attacco più motivato ed
      organizzato di prima.

      Il motivo?

      Tutto è cominciato con il voler "sanare" la
      situazione dell'ufficio brevetti ed il voler
      uniformare la normativa a quella Usa per creare
      un unico mercato.

      Ora, questo non è stato ottenuto, l'ufficio
      brevetti rappresenta l'Europa e ci sono aziende
      che pagano per dei monopoli che non possono
      esercitare.

      Questa è fonte di imbarazzo e debolezza.

      Quindi, come suggerisce l'articolo occorre
      operare.

      Andrebbero stimolati ancora coloro che hanno
      lavorato "contro" perché questa volta siano loro
      gli assaltatori e colpiscano prima di ritrovarsi
      nuovamente sotto assedio.
      • alexmario scrive:
        Re: significati e strategia
        - Scritto da: Anonimo

        iniziamo bene.
        il punto è che questa non è guerra.
        meno che meno la guerra santa a cui incitava un
        noto santone dell'open sorce (fonte pi)
        si discute di una legge e nelle discussioni ci
        dovrebbe essere moderazione non l'estremismo che
        il 'fronte' dell'oss ha dimostrato e che tu
        ricalchi a pieno nel tuo post
        La guerra non è fondamentalismo, ma la continuazione della politica con altri mezzi.In questo caso, però, parlo di "guerra" intesa come confronto.Oggi le guerre militari sono solo azioni di un macabro folclorismo.Ciò che conta lo si fa finanziariamente presso le sedi istituzionali e sui mercati finanziari.In tal senso oggi si possono combattere guerre che direttamente non fanno alcuna vittima, indirettamente mandano interi stati alla bancarotta con tutto quello che ne consegue.Di conseguenza non si tratta poi di uno scenario migliore rispetto al passato, ma senz'altro differente.

        si rinfoltiamo il morale delle truppe :
        Certo, va compreso il motivo dell'azione o altrimenti, come dici tu, si tratta solo di ideologia.Il problema resta va data una risposta altrimenti abbiamo solo perso tempo: ti pare?
  • shevathas scrive:
    alcuni appunti
    Ricerca che, come sappiamo, non vive delle rendite dei brevetti quando questi sono ventennali, ma che potrebbe essere assai più stimolata se i brevetti, ad esempio, fossero impostati sulla Legge di Moore, ovvero 18 mesi. Insomma, tutte idee sinceramente riformiste che sono rimaste sulla carta e che hanno trovato l'imprevisto ostacolo del "tanto peggio tanto meglio". nello specifico si parlava della brevettabilità del software, non di brevetti in toto.Sono pienamente d'accordo a brevettare un prodotto specifico, uno specifico macchinario, sono contrario invece a permettere di brevettare oggetti vaghi e fumosi come il software.Esempi di brevetti assurdi, l'ultimo in ordine di tempo era quello sulla "history" degli utenti, ne sono stati presentati anche su PI.Non nascondiamoci dietro ad un dito, i brevetti software ormai sono usati strumentalmente per rompere le scatole ai concorrenti costringendo i deboli a scappare perchè non abbastanza forti da affrontare processi costosi e subire le perdite dovute al fermo fino alla fine del processo.E chi investirebbe nella ricerca sapendo che per una cosa che scoprirebbe ne esisterebbero 100 già scoperte e sulle quali dovrebbe pagare i diritti ?Un'ultima cosa sui 18 mesi, spesso questo lasso di tempo è sufficiente perchè un software riesca ad affermarsi nel suo campo e diventare uno standard de facto, costringendo i concorrenti a dover pagare per la compatibilità di formato.
  • AlphaC scrive:
    Nel Limbo
    Ora in effetti la situazione sui brevetti software si trova in un limbo, senza legge pro senza leggi contro. I lobbisti contro la brevettabilita' spingevano verso l'approvazione degli emendamenti, mentre i lobbisti pro brevetti spingevano per l'approvazione della legge senza emendamenti, le forze politiche pro e contro erano equivalenti e questo ha portato ad una decisione molto politica: "piuttosto che rischiare di perdere meglio il nulla" e cosi' e' stato. Ovviamente il risultato migliore sarebbe stata la totale approvazione degli emendamenti... Che dire siamo ancora in ballo, non e' cambiato nulla bisogna ancora spingere e sensibilizzare i nostri parlamentari! Che aspettate?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nel Limbo
      - Scritto da: AlphaC
      Ora in effetti la situazione sui brevetti
      software si trova in un limbo, senza legge pro
      senza leggi contro. I lobbisti contro la
      brevettabilita' spingevano verso l'approvazione
      degli emendamenti, mentre i lobbisti pro brevetti
      spingevano per l'approvazione della legge senza
      emendamenti, le forze politiche pro e contro
      erano equivalenti e questo ha portato ad una
      decisione molto politica: "piuttosto che
      rischiare di perdere meglio il nulla" e cosi' e'
      stato.

      Ovviamente il risultato migliore sarebbe stata la
      totale approvazione degli emendamenti...
      Che dire siamo ancora in ballo, non e' cambiato
      nulla bisogna ancora spingere e sensibilizzare i
      nostri parlamentari!
      Che aspettate?Simpaticissimo :DSenza volerlo (immagino) hai rievocato il famigerato "armiamoci e partite"... :)
  • Anonimo scrive:
    Purtroppo è vero.
    L'articolo riassume perfettamente la situazione. L'EPO può ancora rilasciare tutti i brevetti che vuole senza alcun vincolo. L'approvazione della direttiva emendata avrebbe posto vincoli rigidi alla brevettazione del software.L'unica cosa che si può aggiungere è che ci siamo fermati sul ciglio franoso del dirupo (è difficile pensare che una simile direttiva non venga riproposta, ancora più difficile è prevedere come andrà la prossima volta).Mi chiedo una cosa. In Europa ci sono state cause, finite con una decisione del giudice e non con un accordo tra le parti, che riguardavano l'infrazione di brevetti sul software? Una sentenza che affermasse che il software non può essere brevetteto sarebbe un bel precedente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Purtroppo è vero.
      La direttiva era fumosa, non era chiara. Ora l'EPO brevetta, ma i brevetti non hanno valore. Chi ci perde (soldi) è chi brevetta. Loro sperano che un giorno questi brevetti vengano legalizzati.Il prossimo passo dovrebbe essere una chiara legge che riconosca illegittimi i brevetti software (della durata di 1 anno e mezzo che valore avrebbe? Ricattare per meno tempo?).La brevettazione software dovrà essere legittima quando sarà legittimo brevettare parole, frasi e rime... mai!La direttiva era la classica porcata di Bruxell. Occorre chiarezza ed intenzioni chiare, limpide, trasparenti. Tutto il resto è la solita farsa.L'unica cosa positiva sarebbe stata l'uniformità della legge in tutti gli stati europei, ma se deve essere fatto deve essere fatto bene, senza compromessi, la materia tocca direttamente la libertà di espressione.Zocchi penso che voglia buttar fumo negli occhi: con tanti giri di parole voleva al brevettabilità software. Ve l'ha anche detto! (...solo per 18 mesi...)Il software non può essere brevettabile, il pensiero non si brevetta.
      • znarf scrive:
        Re: Purtroppo è vero.

        Zocchi penso che voglia buttar fumo negli occhi:
        con tanti giri di parole voleva al brevettabilità
        software. Ve l'ha anche detto! (...solo per 18
        mesi...)
        sono pienamente daccordo, fumo negli occhi!!!* sarebbe meglio avere brevetti che durano 18 mesi, (peccato che non esistano, che i trattati internazionali prevedano decine di anni, che cominci a fare una battaglia su questo)* sostiene che sarebbe stato meglio che fossero passati in blocco gli emendamenti Rochard (certo, peccato che visti i numeri non sarebbero mai passati tutti in blocco)* dice che il rigetto della direttiva e' stata una vittoria delle multinazionali (allora perche' hanno investito milioni di euro in lobby per farla passare ?)* dice che occorre ripartire a lavorare su questio temi (che la margherita (ri)cominci, gli altri continuano, ad esempio facendo pressioni affinche l'EPO non rilasci piu' brevetti software e siano resi non validi i precedenti)ora mi pongo la domanda dove vada a parare la Margherita,che voglia "mediare" sulla privatizzazione della conoscenza e sui brevetti software con le multinazionali una volta al governo ? come oggi vuole "mediare" sulla partecipazione delle truppe italiane all'occupazione dell'Iraq ?una volta al governo e' bene che questa gente si tenga lontana da settori quali innovazione tecnologica, tecnologie dell'informazione, etc...
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo è vero.
          - Scritto da: Anonimo... In Europa Prodi
          ha fatto pietà!E NANO MAGOO ha messo al tappeto l' Italia e ridotti a zimbello Internazionale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.

            E NANO MAGOO ha messo al tappeto l' Italia e
            ridotti a zimbello Internazionale.Che è nano è innegabile! Che ha messo al tappeto l'Italia è una cretinata su cui non vale la pena di dire due parole. Che ha ridotto l'Italia a zimbello internazionale... non credo, quantomeno ora gli altri sanno che l'Italia esiste. Comunque di zimbelli ce ne sono parecchi... probabilmente Spagna, Francia, Germania ci surclassano in questa classifica. (lasciamo perdere USA, Russia, Cina ecc...)Una volta ti sognavi frequenti incontri importanti con i presidenti di USA e Russia. Ottimi rapporti con USA, GB, Russia e molti paesi del mediterraneo come oggi non ci sono mai stati. E ieri?Il precedente governo (che in teoria sarebbe stato più vicino alle mie idee se fosse stato serio e onesto) era semplicemente una nullità. Non esisteva all'estero. Seguiva le decisioni di Francia e Germania. Aveva troppo da litigare in Italia. L'unico pensiero era Berlusconi, ma ti rendi conto? Niente, non valeva niente.La Toia (Margherita) rispecchia in pieno il tipico politico dell'attuale (speriamo che cambi) centro sinistra: "c'ho troppi cazzi in Italia, non ho voglia di sbattermi anche in Europa", ma a prender soldi sono buoni tutti.Non siamo più nel consiglio di sicurezza dell'ONU (ma ci sono Spagna, Francia, GB e ci sarà la Germania), ti ricordi per caso quando ci hanno sbattuti fuori? Ora stiamo facendo i salti mortali per rientrarci (ma sarà dura).I nostri eurodeputati sono stati accusati più volte dai loro colleghi di menefreghismo. L'Italia deve trovare visibilità, deve ritrovare l'orgoglio. Invece siamo solo buoni a lamentarci. Enfatizziamo i successi degli altri e ridicolizziamo i nostri difetti, che perdenti! Occorre cambiare mentelità per vincere. Il tifo contro ce lo stiamo facendo da soli.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: Anonimo


            E NANO MAGOO ha messo al tappeto l' Italia e

            ridotti a zimbello Internazionale.

            Che è nano è innegabile! Che ha messo al tappeto
            l'Italia è una cretinata su cui non vale la pena
            di dire due parole. Che ha ridotto l'Italia a
            zimbello internazionale... non credo, quantomeno
            ora gli altri sanno che l'Italia esiste.Te oltre che sguercio ITALIOTA sei anche parecchio RIMABA.Magari sei pure un suo portaborse.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: Anonimo


            E NANO MAGOO ha messo al tappeto l' Italia e

            ridotti a zimbello Internazionale.

            Che è nano è innegabile! Che ha messo al tappeto
            l'Italia è una cretinata su cui non vale la pena
            di dire due parole. Che ha ridotto l'Italia a
            zimbello internazionale... non credo, quantomeno
            ora gli altri sanno che l'Italia esiste.Diciamo allora che sei solo un sguercio Italiota.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            Grazie per l'offesa gratuita. Ti senti realizzato, ora? Hai trovato una ragione per tirare avanti?Capisco... tu voi sentire solo chi vuoi tu... non vuoi discutere... allora che ci fai in un forum? Parla col muro, ti darà sempre ragione...Per te basta dire che è colpa del Nano, se l'economia va male?! Perchè quando qualcuno non insulta Berlusconi viene auomaticamente insultato? Non è che per qualcuno discutere è troppo complicato?La gente che fa troppa fatica a discutere non può di certo lamentarsi della Toia! Almeno lei un qualcosa lo fa (vabbè, poi si stufa...!). La gente che si lamenta dei virus informatici e non fa niente per evitarli, merita tutto quel che gli capita. Chi si lamenta dei politici e poi quando parla di politica fa discorsi da stadio (nessuna logica o spiegazione: solo fede) non dovrebbe nemmeno essere ascoltato. Chi giudica le applicazioni open souce o free software non conoscendole, chi spara su Windows (troppo facile, suvvia) non riconoscendone però i pregi, chi si schiera da una parte perchè la sua parte politica dice di fare così... non ragiona, non usa il proprio cervello.Occorre essere responsabili. Quando si parla di politica, quando si giudicano due prodotti, quando dovremmo confrontare i prezzi ecc... Invece sento solo lamenti, litanie, atti di dolore. O insulti.Dovermmo essere noi a giudicare i politici, non loro a dirci cosa dobbiamo pensare! Abbiamo partiti come Lega, Rifondazione e Verdi che le sparano sempre grosse perchè troppi danno loro ragione per partito preso. Berlusconi viene sempre dipinto come un tiranno. Che vadano in paesi dove i tiranni ci sono davvero. I giornali (quasi tutti di partito) hanno molte responsabilità, ma la gente che si fa evangelizzare è il vero colpevole.Vedo gente che si lamenta della democrazia in Italia e poi va in giro con la bandiera di Cuba (:|), con la svastica (:'() o con qualsiasi altro simbolo idiota.Poi, per la precisione, a me il Berlusca piace solo come presidente del Milan (quando non parla troppo...). Comunque, visto che forse qualcuno se lo è scordato, comunismo e democrazia sono in antitesi. Comunismo e libertà stanno agli opposti (dittature libere non esistono). Usate il cervello, non fatevi trascinare dalla massa. Se il Nano fa delle cazzate mica potete incolparlo di tutti i mali del mondo! Se non siete in grado di vedere anche quello di buono che fa, beh siete voi ad essere nel torto.Capisco chi ha idee politiche differenti da lui (per esempio io), ma certo non accetto la "non ragione", il non usare il cervello. Non sento dire che Prodi sia un maiale, un porco e via dicendo.I politici devono amministrare un paese. Non devono imporre alla gente cosa deve pensare. In tv non si vede 24 ore su 24 spot elettorali di Forza Italia. Ma in che mondo vivete? E' la gente che dovrebbe dare un'ideologia al paese, con l'impegno civile, con l'onestà, con l'etica. Non con lamenti e insulti. Oggi tutti si sentono qualcuno per diritto divino. Sentire sempre i soliti insulti ai potenti sa un pò di "rivolta degli schiavi". Gridando "al lupo al lupo" alla fine non si fa che il gioco di gioca sporco.
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo è vero.
          Veramente divertente questa visione, se non fosse allucinante...il Paese ha bisogno delle certezze date dal Cntrodestra? Ma quali? La certezza di essere impoveriti, affamati e di prenderla in quel posto mentre il Governo fa leggi "ad personam"? Ma che belle certezza! No grazie...Che poi Prodi abbia fatto pena in Europa è un'altra delle fandonie destrorse che si stanno cercando di far passare con l'aiuto dei "liberissimi" media....deve essere per quello che il Parlamento Europeo gli ha tributato una standing ovation quando ha abbandonato l'incaqrico...eh, come no!Ma pensa alle figure risibili del tuo capo partito tra kapò tedeschi ed avances alla Presidente finlandese....cose da matti! Ma con che faccia?
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: Anonimo
            Veramente divertente questa visione, se non fosse
            allucinante...il Paese ha bisogno delle certezze
            date dal Cntrodestra? Ma quali? La certezza di
            essere impoveriti, affamati e di prenderla in
            quel posto mentre il Governo fa leggi "ad
            personam"? Ma che belle certezza! No grazie...
            Che poi Prodi abbia fatto pena in Europa è
            un'altra delle fandonie destrorse che si stanno
            cercando di far passare con l'aiuto dei
            "liberissimi" media....deve essere per quello che
            il Parlamento Europeo gli ha tributato una
            standing ovation quando ha abbandonato
            l'incaqrico...eh, come no!
            Ma pensa alle figure risibili del tuo capo
            partito tra kapò tedeschi ed avances alla
            Presidente finlandese....cose da matti! Ma con
            che faccia?Hanno la faccia tosta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: Anonimo
            Veramente divertente questa visione, se non fosse
            allucinante...il Paese ha bisogno delle certezze
            date dal Cntrodestra? Ma quali? La certezza di avere un programma, non 50. La certezza che qualche decisione viene presa, non che in caso di guerra ci si divide e serve il supporto dell'opposizione (Jugoslavia?). Ma cos'è, l'asilo?La certezza di
            essere impoveriti, affamatipensi per caso che il governo sia un'azienda e gli italiani dipendenti? pensi che l'economia delle piccole e medie la gestisca il governo? pensi che l'ecomonia europea faccia cagare per colpa del governo italiano?!!! Affamati... pensi di essere credibile? O pensi che dire quello che Prodi vuole che tu dica? Impoveriti... forse. Ma dall'euro. (Prodi ci ha prima svenati, poi ha fatto le cose cul culo) e di prenderla in
            quel posto mentre il Governo fa leggi "ad
            personam"? Ma che belle certezza! No grazie...
            Che poi Prodi abbia fatto pena in Europa è
            un'altra delle fandonie destrorse non sono di destra. La solita storia: o con me o contro di me... avete il cervello bouleano?...che si stanno
            cercando di far passare con l'aiuto dei
            "liberissimi" media....no. io leggo i gionali dove tutti dicono che parla solo il Nano. tutti si lamentano del Nano. E poi dicono che tutti i media parlano bene di lui... ma dove? mi sa che nel culo te lo sei fatto mettere tu! Ti hanno raggirato ben bene. Dicono che governa tutti i media quando poi tutti ne parlano male. Prova a pensarci: a parte Fede (che è esilerante) chi parla bene del governo? I media si lamenteno per tutto (quindi vendono) e voi gli andate dietro senza pensare...deve essere per quello che
            il Parlamento Europeo gli ha tributato una
            standing ovation quando ha abbandonato
            l'incaqrico...eh, come no!
            Ma pensa alle figure risibili del tuo capo
            partito tra kapò tedeschi ed avances alla
            Presidente finlandese....cose da matti! Ma con
            che faccia?La sua, di gomma (o plastica?!). Nessuno ha detto che è il meglio del meglio (ma guarda caso ancora "tutti contro Berlosconi! Forza! Eliminiamo lui e risolviamo i problemi di noi tapini!"), ho solo guardato la alternative (come con Linux e Windows: prima di giudicare bisogna conoscere. Ed io ho scelto Linux.). C'è troppo tifo da stadio. Occorre usare il cervello. Fanno schifo tutti e due gli schieramenti, ma c'è chi è peggio (ognuno ha il suo peggio).La storia del kapo: ha sbagliato (anche se il crucco se la tirava un pò troppo!).Per la finlandese: lei è senza ironia. Farne un caso ha dimostrato che è lei a essere scema! (anche perchè lei è proprio cessa! Ma l'hai vista! Immagina se fosse il tuo Presidente! Certo, la capacità umane contano molto di più... però io non la voterei a meno di non avere alternative! Farsi rappresentare in quel modo... I finlandesi non farebbero prima a farsi rappresentare da Linus?!)
        • THe_ZiPMaN scrive:
          Re: Purtroppo è vero.

          sono pienamente daccordo,
          fumo negli occhi!!!Secondo me non proprio;
          * sarebbe meglio avere brevetti che durano 18
          mesi, (peccato che non esistano, che i trattati
          internazionali prevedano decine di anni, che
          cominci a fare una battaglia su questo)Questa mi pare una proposta sensata; ovviamente applicata ai brevetti classici, non a quelli sw che *non* devono esistere
          * sostiene che sarebbe stato meglio che fossero
          passati in blocco gli emendamenti Rochard (certo,
          peccato che visti i numeri non sarebbero mai
          passati tutti in blocco)Però è indubbio che "sarebbe stato meglio" rispetto al fatto che la legge sia stata bocciata.
          * dice che il rigetto della direttiva e' stata
          una vittoria delle multinazionali (allora
          perche' hanno investito milioni di euro in lobby
          per farla passare ?)Infatti hanno investito molto, ma alla fine, dato che nessuno aveva certezze su come sarebbe andata a finire, *entrambi* gli schieramenti hanno spinto per il rigetto. Sicuramente le multinaz. ci hanno smenato un bel po', perché sono state loro a proporre la legge 2 anni fa e tutto si è arenato lasciando la normativa invariata.Avrebbero perso molto di più se la legge fosse passata emandata, e quando hanno avuto paura hanno optato per ciò che era il meno peggio, ovvero il rigetto.
          * dice che occorre ripartire a lavorare su
          questio temi (che la margherita (ri)cominci, gli
          altri continuano, ad esempio facendo pressioni
          affinche l'EPO non rilasci piu' brevetti software
          e siano resi non validi i precedenti)Sarebbe bello poter ripartire, magari con una bella proposta dei gruppi a sostegno della *non brevettabilità* del software, a prescindere dal colore o dal profumo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: THe_ZiPMaN

            * sarebbe meglio avere brevetti che durano 18

            mesi, (peccato che non esistano, che i trattati

            internazionali prevedano decine di anni, che

            cominci a fare una battaglia su questo)

            Questa mi pare una proposta sensata; ovviamente
            applicata ai brevetti classici, non a quelli sw
            che *non* devono esistereNon sono d'accordo, i brevetti classici hanno ragione di durare più tempo (anche se si potrebbe ridurre il tempo massimo anche a quelli) ma dei brevetti software (con definizione da definire strettamente) con durata limitata a un anno o poco più farebbero solo che bene, spingerebbero davvero a sviluppare soluzioni alternative anche se preferirei che gli sviluppatori (specialmente di open-source) lo facessero anche senza spinte. I brevetti a cui penso sono la tanto contestata barra di scorrimento per esempio (ma non probabilmente il doppio-click) e comunque tutti quelli per cui siano ipotizzabili soluzioni alternative competitive. Sarebbe da controllare strettamente l'effettiva novità (ovviamente) e l'innovazione che porta l'idea (anche se l'idea una volta vista dovesse apparire ovvia). Naturalmente resta il problema dell'ideazione contemporanea che sussiste anche con i brevetti contemporanei, ma penso che con una validità di un anno non ci sarebbero grandi problemi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Purtroppo è vero.
      - Scritto da: Anonimo
      L'articolo riassume perfettamente la situazione.
      L'EPO può ancora rilasciare tutti i brevetti che
      vuole senza alcun vincolo. L'approvazione della
      direttiva emendata avrebbe posto vincoli rigidi
      alla brevettazione del software.
      L'unica cosa che si può aggiungere è che ci siamo
      fermati sul ciglio franoso del dirupo (è
      difficile pensare che una simile direttiva non
      venga riproposta, ancora più difficile è
      prevedere come andrà la prossima volta).
      Mi chiedo una cosa. In Europa ci sono state
      cause, finite con una decisione del giudice e non
      con un accordo tra le parti, che riguardavano
      l'infrazione di brevetti sul software? Una
      sentenza che affermasse che il software non può
      essere brevetteto sarebbe un bel precedente.Ma adesso con i brevetti rilasciati dall' EPO ci si pulisce il culo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Purtroppo è vero.
        - Scritto da: Anonimo

        Ma adesso con i brevetti rilasciati dall' EPO ci
        si pulisce il culo.Scusa come e' il tempo su Marte? E' caldo come sulla Terra in Italia in questi giorni?Vuoi sapere *veramente* cosa vale e cosa continua a alere un brevetto rilasciato dall'EPO?Una storiella.C'era un avolta una cattiva multinazionale la Pincopallo Inc. che di era vista rilasciare un " brevetto software" dall'EPO.La Pincopallo si accorge che la piccola, ingenua e carina Cappuccettorosso Srl ha messo sul mercato un prodotto che si pensa costituire contraffazione del suo brevetto.La Pincopallo va da un avvocato il quale predispone un ricorso per provvedimenti cautelari contro la Cappuccettorosso, chiedendo l'inibitoria per la Cappuccettorosso ad ogni ulteriore distribuzione con una penale per la violazione violazione, il sequestro dei prodotti e di tutta la documentazione relativa all'asserito illecito - da eseguirsi anche presso terzi - e infine la pubblicazione del provvedimento.La Pincopallo ovviamente produce col ricorso il parere di un professorone di un Politecnico a caso (pensiamo a Torino per esempio) che dice che il prodotto e' contraffazione del brevetto senza tema di smentite.Se alla Cappuccettorosso va bene, trova un giudice che non concede i provvedimenti inaudita, ma convoca le parti. Diciamo che la Cappuccettorosso in 10 giorni prima dell'udienza:1) deve trovarsi e pagarsi un avvocato in gamba in materia di brevetti (e non sono tantissimi)2) deve trovare e pagare un professorone che in 10 giorni faccia un parere pro veritate asserendo che il brevetto non doveva essere concesso e che, comunque, il prodotto non e' in contraffazione. Diciamo che per arrivare alla discussione la Cappuccettorosso ha messo sul piatto tra i 10 e i 15.000 Euro.In sede di discussione il giudice, nell'ambito della limitata istruttoria di un procedimento cautelare, 9 volte su 10 concederà le misure richieste dalla ricorrente (con esclusione della pubblicazione). In fondo la ricorrente vanta un titolo concesso dopo un pre esame dell'EPO e nessuno ha proposto opposizione al brevetto stesso - o, addirittura, se l'ha proposta e' stata respnta. Prima facie e' piu' facile che il brevetto sia valido che no....Così la Pincopallo si presenta alla sede della Cappuccettorosso con l'ufficiale giudiziario ad eseguire il sequestro. Nel contempo in esecuzione dello stesso viene a conoscenza di tutti quanti hanno acquistato il prodotto.Diligentemente, si recano da ogni cliente a sequestrare il prodotto in questione in ottemperanza al provvedimento del giudice.Gia' a quedto punto la Capppuccettorosso e' nei guai perche:1) ha credibilita' sul mercato pari a 02) ha una mandria di clienti inferociti che imputano alla stessa tutte le grane che stanno avendo, sequestro in primis.Ma non e' finita.Andiamo al giudizio di merito.Qui l'istruttoria e' piena, anche alla luce della riconvenzionale per nullita' (o anche solo dell'accertamento incidenter tantum della stessa) che la Cappuccettorosso propone, con domanda in subordine di accertamento di non contraffazione.Il compito del CTP della Cappuccettorosso e' tutto in salita perche' da un lato c'e' la Pincopallo col peso dell'EPO e dall'altro c'e' solo il CTP che deve convincere il CTU che in fondo lui ne sa piu' dell'EPO.La Cappuccettorosso nel frattempo (3-4 anni) deve continuare a pagarsi l'avvocato ed il proprio/i propri consulenti di parte. Per la cronaca i costi del CTP non sono recuperabili.Nella migliore delle ipotesi la Cappuccettorosso vince la causa, che con ogni probabilità va a spese compensate (per la complessità della materia trattata, per esempio)Per arrivare li' ha comunque speso circa 40-50.000 Euro.Nel caso in cui perda, verrà condannata al risarcimento del danno e, se trova un giudice tipo un tale del Tribuanle di Mantova, si vede condannare - in via equitativa - a 100.000,00 Euro di danni pur se controparte non ne prova neppure l'esistenza sull'an.A quel punto deve tirare fuori - su due piedi - 100.000,00 Euro. Non ce li ha? la Pincopallo presenta istanza di fallimento.Game, set, match.Niente male per un pezzo di carta igienica.Gianluca
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo è vero.


          Ma adesso con i brevetti rilasciati dall' EPO ci

          si pulisce il culo.

          Scusa come e' il tempo su Marte?Freddo.
          E' caldo come sulla Terra in Italia in questi giorni?No, più freddo.
          Vuoi sapere *veramente* cosa vale e cosa continua
          a alere un brevetto rilasciato dall'EPO?Sentiamo.
          Una storiella.[...]
          Game, set, match.
          Niente male per un pezzo di carta igienica.Certo che il tuo pusher lo sa fare, il suo lavoro...Hai mai fatto un giro sul sito della Società Italiana Brevetti?http://www.sib.it/itasib/dir_aut/softwi.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Purtroppo è vero.
            - Scritto da: Anonimo
            Hai mai fatto un giro sul sito della Società
            Italiana Brevetti?

            http://www.sib.it/itasib/dir_aut/softwi.htm
            Mi spieghi *come diamine rileverebbe la pagina indicata ripetto ad un cavolo di brevetto EPO concesso e che quindi costituisce titolo opponibile ai terzi sino a sentenza che ne dichiari la nullità* ?!Gianluca
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo è vero.
          bravo, quoto
        • Anonimo scrive:
          Re: Purtroppo è vero.
          hai ragione, ed è così che deve andare, fino a che non ci si batterà per una riforma della legge sui brevetti, fino a che i LAMERONI in questo forum ne vogliono l'abolizione, è così che gli andrà a finire e gli sta bene.Battiamoci per una coerente riforma, l'abolizione non la otterremo mai e saranno soltanto guai.
      • Anonimo scrive:
        Re: Purtroppo è vero.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        L'articolo riassume perfettamente la situazione.

        L'EPO può ancora rilasciare tutti i brevetti che

        vuole senza alcun vincolo. L'approvazione della

        direttiva emendata avrebbe posto vincoli rigidi

        alla brevettazione del software.

        L'unica cosa che si può aggiungere è che ci
        siamo

        fermati sul ciglio franoso del dirupo (è

        difficile pensare che una simile direttiva non

        venga riproposta, ancora più difficile è

        prevedere come andrà la prossima volta).

        Mi chiedo una cosa. In Europa ci sono state

        cause, finite con una decisione del giudice e
        non

        con un accordo tra le parti, che riguardavano

        l'infrazione di brevetti sul software? Una

        sentenza che affermasse che il software non può

        essere brevetteto sarebbe un bel precedente.


        Ma adesso con i brevetti rilasciati dall' EPO ci
        si pulisce il culo.Ma EPO non era mica il nome di uno di quelli di Matrix?Mi pare il pilota.
  • carbonio scrive:
    Mi permetta Sig. Zocchi...
    ...ma quello che propone lei non si capisceVediamo...Siccome qualcuno (magari con il suo contributo) aveva speso del tempo a "emendare" un obrobio come la legge sui brevetti a lei dispiace che la legge sia stata buttata al macero, io penso che sia un bene che per l'ennesima volta la possibilta' di brevettare idee astratte in europa non si possa fare, anzi aggiungo che sarebbe ora, visto che a parte gli "astenuti" la quasi totalita' dei parlamentari ha espresso proprio questo divieto, di muoversi per fermare l'ufficio brevetti e per annullare qualsiasi documento che non rispecchi la CHIARA direzione che i legislatori europei hanno piu' volte espresso attraverso il voto.Per farle un esempio chiaro, in europa brevettare il "sistema per salvare un file attraverso un menu a discesa con la voce '" e' illegale, se l'ufficio brevetti lo brevetta, sbaglia, i lobbisti infatti sono spariti perche' sperano che nessuno si accorga che non hanno in mano niente, le carte rilasciate dall'ufficio brevetti europeo, con cui si sono riempiti i loro uffici in questi anni, e' carta buona solo come lettiera per i criceti, lo sanno loro e al primo processo per violazione lo scopriranno anche i loro capi.Mi aspetto che appoggiate una nuova proposta di legge da mettere magari nella discutibilissima costituzione europea:"Le leggi in europa non sempre le fotocopiamo"==================================Modificato dall'autore il 19/07/2005 1.23.34
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi permetta Sig. Zocchi...
      - Scritto da: carbonio
      le carte rilasciate dall'ufficio
      brevetti europeo, con cui si sono riempiti i loro
      uffici in questi anni, e' carta buona solo come
      lettiera per i criceti- ma io ho carta bianca!- e ci si pulisca il culo!(Totò in "I due colonnelli")
  • Anonimo scrive:
    Ve lo avevo detto
    è solo questione di tempo, ma arriveremo e vi brevetteremo pure la riga comandi, perchè è questo che vi meritate: invece di battervi per una radicale revisione della legge sui brevetti, che rispetti e tuteli correttamente le aziende e i privati, (non come la legge attuale che invece di "tutelare" fa "gli interessi") e in generale chiunque investa TEMPO e DENARO sull'informatica, vi battete semplicemente per mantenere la vostra libertà di sviluppare in cantina, con i risultati visibili sul mercato da decenni. E poi vi lamentate degli stipendi ? ma che stipendio pretendete di avere quando la vostra azienda non ha adeguata protezione dei propri investimenti?E' proprio vero, c'è un sacco di gente quì che non ha proprio la minima idea di cosa significhi economicamente mettere in piedi una azienda e sviluppare un prodotto (a parte la propria partita iva e le paginette php). A conferma di ciò ho dato una occhiata ultimamente ad un bel po di profili di utenti PI, fatelo anche voi, ma non prendetevela con me se vi scoppia il pancreas dalle risate per quello che leggerete!Giggi
    • Anonimo scrive:
      Re: Ve lo avevo detto
      - Scritto da: Anonimo
      Giggia Giggi....................MAVATTELOAPIJA'ANDERCUxO!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ve lo avevo detto
        lo so che questo è tutto quello che riesci a dire di fronte alla verità.Mò ce provo... ma me sa che a tendere ooo ppjerai te...
  • Anonimo scrive:
    Provi a chiedersi il Professor Zocchi
    Che cosa sarebbe successo se fosse passata la direttiva sulla brevettabilità del Sw.Provi a chiedersi il professor Zocchi cosa avrebbero fatto e cosa avrebbero mosso le multinazionali del SW; se lo provi a chiedere. Altro che "emendamenti"!La verità è che l' Europa al contrario degli USA ha respinto l' arroganza e la prepotenza delle multinazionali del SW ed ha fatto capire loro che qui da noi in Europa non possono spadroneggiare come negli USA e devono portare rispetto ai consumatori se vogliono vendere qui e devono stare alle regole dettate da un Parlamento e non dai loro PORTABORSE.Dispiace che ci sia qualcuno chi ancora non capisce e, anzi, cerca di marciarci sopra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Provi a chiedersi il Professor Zocchi
      - Scritto da: Anonimo
      La verità è che l' Europa al contrario degli USA
      ha respinto l' arroganza e la prepotenza delle
      multinazionali del SW ed ha fatto capire loro che
      qui da noi in Europa non possono spadroneggiare
      come negli USA e devono portare rispetto ai
      consumatoriROFLASTC !Dì la verità, sei Palmiro Cangini sotto mentite spoglie, direttamente da Zelig !!!Sei te che devi portare rispetto alle aziende, tutte le aziende, che creano benessere e posti di lavoro e per di più ti elargiscono le mille inutilità di cui ti circondi, dai cellulari ultimo grido al PC, alle automobili, ai vestiti griffati...
      • Anonimo scrive:
        Re: Provi a chiedersi il Professor Zocch
        - Scritto da: Anonimo

        Sei te che devi portare rispetto alle aziende,
        tutte le aziende, che creano benessere e posti di
        lavoro e per di più ti elargiscono le mille
        inutilità di cui ti circondi, dai cellulari
        ultimo grido al PC, alle automobili, ai vestiti
        griffati...SPARATI! Non sai nemmeno cosa dici talmente sei fatto di allucinogeni!
      • Anonimo scrive:
        Re: Provi a chiedersi il Professor Zocch

        Sei te che devi portare rispetto alle aziende,
        tutte le aziende, che creano benessere e posti di
        lavoro e per di più ti elargiscono le mille
        inutilità di cui ti circondi, dai cellulari
        ultimo grido al PC, alle automobili, ai vestiti
        griffati...Bella questa favola, mi dici dove l'hai letta?Povero illuso, credi davvero che i primi a beneficiare di tutto questo siamo noi?O forse è quello che fanno credere ai babbioni come te che senza di loro la nostra vita sarebbe inutile?Bello svegliati, comincia a ragionare la realtà è un altra!P.S Pensa invece allo sfruttamento che avviene a Taiwan o altri paesi, dove le multinazionali sfruttano anche i bambini per prpdurre le scarpe all'ultimo grido o altre inutilità elettroniche, o forse dovremmo ringraziarli anche per questo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Provi a chiedersi il Professor Zocch
        - Scritto da: Anonimo
        ROFLASTC !

        Dì la verità, sei Palmiro Cangini sotto mentite
        spoglie, direttamente da Zelig !!!

        Sei te che devi portare rispetto alle aziende,
        tutte le aziende, che creano benessere e posti di
        lavoro e per di più ti elargiscono le mille
        inutilità di cui ti circondi, dai cellulari
        ultimo grido al PC, alle automobili, ai vestiti
        griffati...ROFLASTICAZZ !viviamo in un mondo pieno di aziende gestite con ideali filantropici e non ce ne siamo mai accorti !che bello, e io che credevo che il fine di una azienda fosse solo l'utile."elargiscono" !!! no dico, ho sempre creduto che auto e vestiti si dovessero pagare.ma ... uan moment ... se mi "elargiscono" tutte 'ste cose, poi gli operai come li pagano ?
        • rumenta scrive:
          Re: Provi a chiedersi il Professor Zocch
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          ROFLASTC !



          Dì la verità, sei Palmiro Cangini sotto mentite

          spoglie, direttamente da Zelig !!!



          Sei te che devi portare rispetto alle aziende,

          tutte le aziende, che creano benessere e posti
          di

          lavoro e per di più ti elargiscono le mille

          inutilità di cui ti circondi, dai cellulari

          ultimo grido al PC, alle automobili, ai vestiti

          griffati...

          ROFLASTICAZZ !

          viviamo in un mondo pieno di aziende gestite con
          ideali filantropici e non ce ne siamo mai accorti
          !
          che bello, e io che credevo che il fine di una
          azienda fosse solo l'utile.
          "elargiscono" !!! no dico, ho sempre creduto che
          auto e vestiti si dovessero pagare.
          ma ... uan moment ... se mi "elargiscono" tutte
          'ste cose, poi gli operai come li pagano ?ma LOL.... facendo le lavorazioni in cina si può dire come NON li pagano :D
  • Anonimo scrive:
    Diciamo che Paolo Zocchi...
    ...essendo coordinatore dell'Osservatorio Nazionale ICT della Margherita, partito di cui è eminente rappresentanta la Parlamentare Europea Patrizia Toia, ha fatto una filippica gettando ombre su una formidabile vittoria del Parlamento Europeo che HA RESPINTO in toto e definitivamente la direttiva sulla brevettabiilitò dei SW fortemente voluta dal Consiglio Europeo che l' ha ripresentata per ben 3 VOLTE nonostante il parere contrario del Parlamento Europeo, e tutto questo per trovare giustificazione del voto di ASTENSIONE della Parlamentare Europea Patrizia Toia.L' Onorevole Patrizia Toia avrebbe fatto molto meglio votare anche lei CONTRO, e, caso mai, successivamente prresentare proposte sensate e un armonia con quanto espresso dal Parlamento Europeo che ha indubbiamente dato un indirizzo politico dell' Europa CONTRO il BREVETTI SW.
    • Anonimo scrive:
      Re: Diciamo che Paolo Zocchi...
      Toia VERGOGNA,e basta tirare la copertina di Linus dell'open source.NON VE NE FREGA NIENTE, ma quando mai hai visto un politico FARE QUALCOSA, figurati per il Free Software.
      • Anonimo scrive:
        Re: Diciamo che Paolo Zocchi...
        - Scritto da: Anonimo
        Toia VERGOGNA,
        e basta tirare la copertina di Linus dell'open
        source.

        NON VE NE FREGA NIENTE, ma quando mai hai visto
        un politico FARE QUALCOSA, figurati per il Free
        Software.Non sanno nemmeno cosa sia l' Open Source.VERGOGNA!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Diciamo che Paolo Zocchi...
      Oh cazzo.. oggi sono stufo.. non ho voglia.. Penso che diro' al mio capo che non ho voglia di lavorare.. SVEGLIAAAAAAAAAAAAAA... Cosa vuol dire che era stufa???? E' la per fare un lavoro o per prendere soldi a uffo???? Ma te pensa... poi ci stupiamo che ce la infilano per puf puf e nemmeno ce ne accorgiamo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Diciamo che Paolo Zocchi...
        - Scritto da: Anonimo
        Oh cazzo.. oggi sono stufo.. non ho voglia..
        Penso che diro' al mio capo che non ho voglia di
        lavorare.. SVEGLIAAAAAAAAAAAAAA... Cosa vuol dire
        che era stufa???? E' la per fare un lavoro o per
        prendere soldi a uffo???? penso sia la seconda che hai detto :D
  • Anonimo scrive:
    Articolo totalmente inutile
    Il professore in questione per caso ha bisogno di un pò di pubblicità?Perchè mi sembra un articolo totalmente inutile, un giro di parole per dire che non ha cambiato nulla con la bocciature dei brevetti da parte dell' UE e che l' Open Source non beneficerà di nulla.Forse ci volevano le parole di questo illuminare per capirlo?Non è cambiato nulla perchè non c'è stato nessun cambiamento importante, come invece ci sarebbe stato se fossero stati approvati i brevetti.Per cui riflessione totalmente inutile, che a mio parere non meritava un titolo in prima pagina.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo totalmente inutile
      m'associo
      • znarf scrive:
        Re: Articolo totalmente inutile
        Non penso sia inutile, tuttaltro:serve a rendere note le posizioni della margheritaServe a far si che alle prossime elezioni europee si sappia per chi si sta votando.Serve affinche' il movimento sappia in che mani potrtemmo finire nel caso la margherita voglia gestire le tecnologie dell'informazione e l'innovazione in un prossimo (eventuale) governo di centro sinistra.Penso questo intervento serva da riflessione e da monito e che Pi abbia avuto ragione nel metterlo in prima pagina.
        • Anonimo scrive:
          Re: Articolo totalmente inutile
          - Scritto da: znarf
          Non penso sia inutile, tuttaltro:
          serve a rendere note le posizioni della margherita

          Serve a far si che alle prossime elezioni europee
          si sappia per chi si sta votando.ma qui si parla di informatica o di politica?se a PI non piace tanto rutelli, a me non interessa affatto

          Serve affinche' il movimento sappia in che mani
          potrtemmo finire nel caso la margherita voglia
          gestire le tecnologie dell'informazione e
          l'innovazione in un prossimo (eventuale) governo
          di centro sinistra.

          Penso questo intervento serva da riflessione e da
          monito e che Pi abbia avuto ragione nel metterlo
          in prima pagina.
  • Anonimo scrive:
    Singolari le motivazioni della Toia
    Singolari le motivazioni date dalla Parlamentare Europea Patrizia Toia per giustificare la sua astensione.La sua astensione, il suo NON voto contro la direttiva, in mancanza di una maggioranza pressochè totale CONTRO la Direttiva, avrebbe potuto significare dare appoggio alla Direttiva.Quindi la Parlamentare Patrizia Toia ha perso un' occasione e non ha difeso l' Open Source.Avrebbe fatto meglio a votare CONTRO, x poi elaborare una sua migliore proposta, invece ha tradito la fiducia di chi tra noi l' ha votata perchè aveva sottoscritto un documento in Rete a favore dell' Open Source e contro la brevettabilità del SW.Inutili i pelose le sue scuse per essersi astenuta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Singolari le motivazioni della Toia
      - Scritto da: Anonimo
      Singolari le motivazioni date dalla Parlamentare
      Europea Patrizia Toia per giustificare la sua
      astensione.
      La sua astensione, il suo NON voto contro la
      direttiva, in mancanza di una maggioranza
      pressochè totale CONTRO la Direttiva, avrebbe
      potuto significare dare appoggio alla Direttiva.Il cognome la dice lunga...
    • Anonimo scrive:
      Re: Singolari le motivazioni della Toia
      - Scritto da: Anonimo
      Singolari le motivazioni date dalla Parlamentare
      Europea Patrizia Toia per giustificare la sua
      astensione.
      La sua astensione, il suo NON voto contro la
      direttiva, in mancanza di una maggioranza
      pressochè totale CONTRO la Direttiva, avrebbe
      potuto significare dare appoggio alla Direttiva.

      Quindi la Parlamentare Patrizia Toia ha perso un'
      occasione e non ha difeso l' Open Source.
      Avrebbe fatto meglio a votare CONTRO, x poi
      elaborare una sua migliore proposta, invece ha
      tradito la fiducia di chi tra noi l' ha votata
      perchè aveva sottoscritto un documento in Rete a
      favore dell' Open Source e contro la
      brevettabilità del SW.

      Inutili i pelose le sue scuse per essersi
      astenuta.Margherita, UDEUR, UDC, FI, e credo di scordarne parecchi, vanno tutti letti come DC.Una volta chiamate le cose col loro nome, risulta evidente come i parlamentari di questi schieramenti tendano a scivolare, sgusciare via, rigirare la frittata con voli pindarici degni del miglior Andreotti della situazione.A questa gente interessa una sola cosa e sta sotto il loro fondo schiena: la poltrona. Nient'altro.Quindi non aspettatevi troppo (o altro).
    • Anonimo scrive:
      Re: Singolari le motivazioni della Toia

      Singolari le motivazioni date dalla Parlamentare
      Europea Patrizia Toia per giustificare la sua
      astensione.Bastera' tenerne conto alle prossime elezioni, quando, come molti altri, cerchera' l'elemosina del voto
      ;
      Del resto anche i Radicali hanno fatto una figura molto squallida, e cosi' anche la repubblicana L. Sbarbati
  • Anonimo scrive:
    spero non trovino il modo....
    spero sinceramente non trovino il modo di ritirar fuori i brevetti sul software ! :@
  • Anonimo scrive:
    Non ci poteva mancare una Cassandra
    Siamo alle solite.C' è sempre qualcuno che cerca visibilità seminando dubbi.Certo che si sarebbe potuto far meglio; avendono il tempo che non c' era.Quindi il Parlamento Europeo ha fatto quanto di meglio poteva respingendo definitivamente la direttiva sulla Brevettabilità dei SW, è stata una GRANDE VITTORIA del Parlamento Europeo checcè ne dicano certe Cassadre.E' stato un segnale importante dato dal Parlamento Europeo del quale se ne dovrò certo tener conto alla presentazione di una qualsiasi altra direttiva che certo non potrà andare contro la volontà espresse a larghissima maggioranza da questo Parlamento.Per quanto riguarda le lobbies delle multinazionali che si dice ALLA FINE...........abbiano appoggiato di respingere la direttiva, vista la mala parata che si prospettava per limitare la figura di merda che hanno fatto che cosa avrebbero dovuto altro fare se non stringerre denti e culo e far finta che gli andava bene lo stesso?Comunque, come si dice, il tempo è galantuomo in questi casi, e staremo a vedere chi azzarderà mosse contrarie alla volontà espressa dal Parlamento Europeo sulla Brevettabilità dei SW.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ci poteva mancare una Cassandra

      Per quanto riguarda le lobbies delle
      multinazionali che si dice ALLA
      FINE...........abbiano appoggiato di respingere
      la direttiva, vista la mala parata che si
      prospettava per limitare la figura di merda che
      hanno fatto che cosa avrebbero dovuto altro fare
      se non stringerre denti e culo e far finta che
      gli andava bene lo stesso?Le figure di merda non entrano nel bilancio, i brevetti sul software che l'EPO continua a rilasciare, grazie al rigetto della direttiva, invece sì.In ogni caso meglio questa situazione, che lascia ancora qualche speranza, piuttosto che una direttiva che consente i brevetti senza se e sanza ma.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ci poteva mancare una Cassandra
        - Scritto da: Anonimo



        Per quanto riguarda le lobbies delle

        multinazionali che si dice ALLA

        FINE...........abbiano appoggiato di respingere

        la direttiva, vista la mala parata che si

        prospettava per limitare la figura di merda che

        hanno fatto che cosa avrebbero dovuto altro fare

        se non stringerre denti e culo e far finta che

        gli andava bene lo stesso?

        Le figure di merda non entrano nel bilancio, i
        brevetti sul software che l'EPO continua a
        rilasciare, grazie al rigetto della direttiva,
        invece sì.Con i brevetti SW rilasciati dall' EPO adesso ci si pulusce il culo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ci poteva mancare una Cassandra
        Temo che l'EPO possa rilasciare quello che vuole.. ma non essendoci le basi giuridiche per trascinare in tribunale qualcuno, per un brevetto su una cosa che non puo' essere brevettata, le aziende del soft patent andranno a scodinzolare negli states e fortunamente (almeno per ora) non qua'.
Chiudi i commenti