Download/ OCR video ed altre cose

OCR per lo schermo, un bel calendario, desktop virtuali e un antibimbo. Ed il quoting di Outlook finalmente sistemato!














a cura di PI Download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Notizia bomba...
    se l'ho capita bene lo è e ve la posto anche se la discussione è over.Magari PI ne prende spunto e ci fa un bel articolo.L'azienda parigina CleverAge ha messo a punto un filtro di conversione da Open Document a Word: è ancora sperimentale e funziona solo su Word 2003 e Windows Xp. Ma è un ottimo inizio.Link del progetto su SourceForge:http://sourceforge.net/projects/ooo-word-filterLeggendo il txt della licence del plug-in sembra che questa cosa sia fatta insieme a M$.Che qualcosa si muova?
  • Anonimo scrive:
    closari, ovvero il luddismo che ritorna
    Ora che il valore dell'open si sta facendo più forte, cominciano a farsi sentire i baroni e i baronetti del closed, che provano a ritardare la transizione per motivi ovvi: il loro interesse personale.Loro perdono contratti che finiscono in mano asoggetti che lavorano con open source e che fanno?Piangono.Piangono che l'open LI rovina, che è scorretto, che "non vale", che è anti-questo e anti-quell'altro.Costoro sono i luddisti del 21° secolo, che sperano di fermare il PROGRESSO distruggendo i sistemi di produzione più avanzati delle loro soluzioni.http://www.pbmstoria.it/dizionari/storia_mod/l/l907.htmhttp://it.wikipedia.org/wiki/LuddismoIl luddismo ha fallito.
    • Anonimo scrive:
      Re: closari, ovvero il luddismo che rito
      io a voi vi chiamo parassiti. Già una volta ho visto qualcosa che avevo fatto far fare i soldi a tutti tranne che a me. Avendolo messo gratis su internet sono stato gabbato ed ho perso la bellezza di 2 milioni dell'epoca, soldi che avrei potuto prendere come contratto. Il tizio invece avendo contatti che io non posso avere ce ne ha fatti 40. Viva la mafia che volete difendere. Il luddismo non è il paragone giusto. Qui non si tratta di trovare il modo di fare programmi usando meno programmatori perchè sostituiti da una tecnologia (linguaggi più veloci, tool più efficaci, qui nessuno si è mai lamentato) ma vengono fatti lavorare gratis. E' come se le industrie tessili avessero licenziato gli operai per far lavorare gratis lo stesso numero di operai (illudendoli che avrebbero ottenuto la libertà). Il paragone corretto è inganno, promettete fumo in cambio di lavoro. Pagate chi vi dà il codice e vi darò ragione.
      • Anonimo scrive:
        Re: closari, ovvero il luddismo che rito
        - Scritto da: Anonimo
        io a voi vi chiamo parassiti. a me invece sembri uno sparaballe
        Già una volta ho visto qualcosa che avevo fatto
        far fare i soldi a tutti tranne che a me.una balla
        Avendolo messo gratis su internet sono stato
        gabbato ed ho perso la bellezza di 2 milionialtra balla
        Pagate chi vi dà il codice e vi darò
        ragione.non sei in grado di competere e ci soffrinon hai ancora capito come funziona l'OS e continui a pensare nei soliti termini del closaro luddista
        • Anonimo scrive:
          Re: closari, ovvero il luddismo che rito

          una ballacome quelle che raccontate?
          non sei in grado di competere e ci soffri
          non hai ancora capito come funziona l'OS e
          continui a pensare nei soliti termini del closaro
          luddistati sbagli, io faccio cose che non vanno affatto bene per essere sfruttate da voi openari. Quindi teoricamente a me l'open potrebbe essere anzi un bene, sfruttandolo ma non lo faccio, perchè voglio che quello che produco sia mia e solo mio.
          • Anonimo scrive:
            Re: closari, ovvero il luddismo che rito
            - Scritto da: Anonimo

            una balla
            come quelle che raccontate?il luddismo è stato un movimento veramente esistito

            non sei in grado di competere e ci soffri

            non hai ancora capito come funziona l'OS e

            continui a pensare nei soliti termini del
            closaro

            luddista
            ti sbagli, ma tanto sei uno sparaballe, no?Il luddismo ha fallito
          • Anonimo scrive:
            Re: closari, ovvero il luddismo che rito
            continua a fare le paginette.Per me vali meno di zero, senza un programmatore a prepararti la pappa vali zeroricordalo sempre
          • Anonimo scrive:
            Re: closari, ovvero il luddismo che rito
            - Scritto da: Anonimo
            continua a fare le paginette.sul luddismoesul fallimento che ne derivò?Certo
            Per me vali meno di zero,e certo: non mi puoi sfruttare nella tua rete del closed
            senza un programmatore
            a prepararti la pappa vali zeroè vero. Senza un programmatore come Linus Torvalds non avrei Linux da installare gratuitamente ai miei clienti, ma dovrei cedere al monopolio che ti è assai caro
            ricordalo sempre'mo 'me lo segno!E grazie per il breve momento di ilare soddisfazione che mi hai concesso
  • Anonimo scrive:
    openari, furbi o ingenui
    gli openari si dividono in 2 gruppi, i furbi e gli ingenui.I secondi sono ragazzini, per lo più sedicenni o rimasti a 16 di cervello, che ormai sembrano satanisti, che odiano Microsoft senza nemmeno sapere il perchè. Fatevi una vostra opinione, leggervi in certi topic fa veramente piangere.I primi invece sono i sfruttatori dell'open, gente che vuole fare soldi in questo periodo di transizione closed, open che vogliono creare. Soldi che si fanno risparmiando sulla manodopera, come la gente che va in Cina ad aprire le aziende e forse peggio, perchè chi crea un progetto open lo fa principalmente per mettersi in mostra e sperare un giorno di lavorare come programmatore, cosa che invece è per definizione contraria all'open (le aziende non devono pagare i programmatori, ma solo scambiare con loro il codice). Non a caso tra i sostenitori vediamo IBM e nokia, venditori di hardware, o altre realtà venditrici di servizi. Finora tra le realtà del vero software non ho visto grossi appoggi (adobe, descreet, alias, il settore videoludico professionale). Oggi in Italia ci sono per lo più aziende venditrici di servizi che sperano con l'open di eliminare un pò di programmatori. Giusto se non servissero, ma in realtà a loro servono eccome, la loro economia si basa proprio sul software. E così se gli serve qualcosa cercano di ottenerlo gratis, invece di pagare un programmatore che ha studiato più di loro e che meriterebbe di essere pagato. Quindi non credete ai falsi proclami di gente qua sopra. Leggendo il forum da mesi ho visto che sono o ragazzini che non lavorano o padroni di aziende. Non sono programmatori, sono solo persone che vogliono sfruttarvi. Ragionate con la vostra testa, non tifate ne microsoft, ne linux, ma fate rispettare il vostro lavoro su cui loro vogliono mangiare. Se un giorno non servirà più codice noi ci ritireremo, ma finchè serve facciamocelo pagare, come è giusto che sia.
  • Anonimo scrive:
    Messaggio alla Nazione Open Source
    le moine dei dipendenti di MS non ci interessano, se non come testimonianza del grado di difficoltà in cui sentono di cadere sempre più.Messaggio alla nazione Open Source.--------------------------------------------------------Estirpare il monopolio MS è il servizio migliore che possiamo rendere alla società.Microsoft ha gabbato il mondo per troppo tempo.E' ora che venga ridotta a entità non nociva.E' l'ora di guadagnarci la libertà che avevamo perduto.Diamoci tutti da fare a erodere pezzo per pezzo la presenza di msOffice nelle installazioni di windows e poi passiamo senza indugio a sostituire windows con Linux.
    • Anonimo scrive:
      Re: Messaggio alla Nazione Open Source

      le moine dei dipendenti di MS non ci interessano,
      se non come testimonianza del grado di difficoltà
      in cui sentono di cadere sempre più.quindi chiunque difenda microsoft è automaticamente un dipende microsoft. Magari fosse così, mi iscriverei subito al tuo club.
      Messaggio alla nazione Open Source.
      --------------------------------------------------
      Estirpare il monopolio MS è il servizio migliore
      che possiamo rendere alla società.estirpare il fenomeno open source è il servizio migliore che possiamo rendere a chi programma e lavora per mantenere anche voi open sourcisti scrocconi.
      Microsoft ha gabbato il mondo per troppo tempo.voi vi siete fatti gabbare dall'open voluto da aziende di gran lunga peggiori di microsoft (vedasi IBM e nokia, sostenitrice del palladium ma anche dell'open source).
      E' ora che venga ridotta a entità non nociva.se non riuscite a batterla sul mercato datevi da fare invece di chiedere aiuto ai politici.
      E' l'ora di guadagnarci la libertà che avevamo
      perduto.è ora che andiate a lavorare
      Diamoci tutti da fare a erodere pezzo per pezzo
      la presenza di msOffice nelle installazioni di
      windows e poi passiamo senza indugio a sostituire
      windows con Linux.evviva linux, la peggiore dittatura del mondo che con proclami alla Mussolini esorta lavoratori di tutto il mondo a contribuire gratuitamente all'arricchimento dei grandi colossi IBM e microsoft e all'impoverimento del programmatore, senza il quale voi schifosi venditori di servizi non potreste far nulla.Allora io rilancio l'appello ai programmatori:programmatori, unitevi, non vi fate sfruttare dall'open source1)chi vende servizi ha bisogno di voi, voi non avete bisogno di chi vende servizi2)non credete alle parole di IBM, vi stanno solo sfruttando per risparmiare, non ne ricaverete un centesimo3)vendere servizi richiede "amici", essere programmatore richiede abilità4)l'open source non fa fare soldi ai programmatori. Nonostante facciano soldi con i vostri programmi voi sarete gli ultimi a beneficiarne5)se vi lamentate ora di contratti domani con l'open non avrete neanche quelli e dovrete mettere banner donate come mendicanti6)programmatori, voi siete tecnici, scienziati, matematici. Voi vi fate il culo studiando linguaggi di programmazione, studiando tecniche matematiche, algoritmi e sviluppo. Non fatevi sfruttare dai venditori di fumo. Loro non vi assumeranno mai. Prendete Linus, un grande programmatore che è rimasto un dipendente. Prendete Gates o Jobs, loro sono diventati miliardari. Fate le opportune proporzioni e pensate a che futuro vi aspetta
      • Anonimo scrive:
        Re: Messaggio alla Nazione Open Source
        - Scritto da: Anonimo

        le moine dei dipendenti di MS non ci
        interessano,

        se non come testimonianza del grado di
        difficoltà

        in cui sentono di cadere sempre più.
        quindi chiunque difenda microsoft è
        automaticamente un dipende microsoft. quindi cosa?da dove deduci questa conclusione?
        Allora io rilancio l'appello ai programmatori:
        programmatori, unitevi, non vi fate sfruttare
        dall'open sourceio sono un programmatore Open source,che non sfrutta nessuno e soprattutto meNon ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro
        1)chi vende servizi ha bisogno di voi, voi non
        avete bisogno di chi vende serviziio infatti i miei servizi li vendo da meNon ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro
        2)non credete alle parole di IBM, vi stanno solo
        sfruttando per risparmiare, non ne ricaverete un
        centesimonon ho alcuna relazione con IBM e soprattutto non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro
        3)vendere servizi richiede "amici", essere
        programmatore richiede abilitàChe visione ingenua! i due mondi non si possono escludere.puoi essere abile quanto ti pare, mna senon riesci a vendere quel che fai, vali nulla sul mercato!
        4)l'open source non fa fare soldi ai
        programmatori. certo, non fa fare i soldi di Bill!!!ma io per farei miei soldi non ho bisogno di Microsoft per svolgere il mio lavoro
        Nonostante facciano soldi con i
        vostri programmi voi sarete gli ultimi a
        beneficiarneio ho il mio orto che so coltivare e so mantenere.
        5)se vi lamentate ora di contratti domani con
        l'open non avrete neanche quelli e dovrete
        mettere banner donate come mendicanti
        6)programmatori, voi siete tecnici, scienziati,
        matematici. Voi vi fate il culo studiando
        linguaggi di programmazione, studiando tecniche
        matematiche, algoritmi e sviluppo. Non fatevi
        sfruttare dai venditori di fumo. è proprio rinunciando al manovalato del closed che ho trovato la libertà di cui cianci.Sono libero e uso strumenti liberi.
        Loro non vi
        assumeranno mai. grazie, non sono interessato ad alcuna assunzione.E questa visione dell'assunzione continua è propria dei dipendenti MS
        Prendete Linus, un grande
        programmatore che è rimasto un dipendente.e CHE dipendente!!!!
        Prendete Gates o Jobs, loro sono diventati
        miliardari. Fate le opportune proporzioni e
        pensate a che futuro vi aspettaVenditore di fumo! Quanti Gates possono esistere nella vita di una persona? Quanti monopolisti esistono nel mondo del desktop PC ?UNO SOLO !e dovremmo fare a gara a distruggere il lavoro altrui diventando tutti monopolisti?ma piuttosto ci coalizzeremo per poter lavorare TUTTI contribuendo ognuno con piccoli pezzi a un progetto più ampio, affinché TUTTI possiamo avere la nostra fetta.Sei un illuso, se credi che le tue balle da yuppy-pumper possano ancora aver presa su un mondo IT messo alle corde dal sistema monopolistico.Oppure sei proprio uno di quei pochi che attingono alla tetta di Zio Bill.
        • Anonimo scrive:
          Re: Messaggio alla Nazione Open Source
          pagate, pagate, pagate. Tu non sei un programmatore. Sei un cacciavitaro. Scrivere 2 righe di php quando hai dietro tutti gli strumenti non lo considerò programmare. Io appoggierò l'open source quando il programmatore che ha scritto il codice sarà equamente ripagato. Io leggo che tutte le aziende che usano codice open non lo pagano e quasi sempre non rendono le modifiche fatte. Ma non ti vergogni. Quei banner donate rimangono li in stagnazione e giustamente i progetti rimangono in fase di alpha perenne (dopo che ci hai lavorato 6 mesi e non veder arrivare neanche un euro vorrei vedere). Quindi io dico:si al codice open, no al codice free e finchè l'open source rimane free source allora attaccatevi. Scommetto che insorgeresti se io mi mettessi a regalare i tuoi servizi facendoti concorrenza a gratis.Paga maledetto tirchio, paga chi ti fa fare i soldi, che sia microsoft o il ragazzo che ti ha scritto il tuo tool.
          • Anonimo scrive:
            Re: Messaggio alla Nazione Open Source
            - Scritto da: Anonimo
            pagate, pagate, pagate. non sborserò mai un cent a Microsoft. E così varrà per i miei clienti: installerò tutti e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene anche una grossa soddisfazione personaleQuesto è quello che spaventa te e i tuoi superiori
            Tu non sei un
            programmatore.la palla di cristallo non funziona, non lo sapevi?
            Sei un cacciavitaro. Scrivere 2
            righe di php quando hai dietro tutti gli
            strumenti non lo considerò programmare. fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso e consumo.E a me va bene, sai?Continuate a sottovalutarci come avete fatto finora.Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi che diventa jungla.
            Io leggo che tutte le aziende
            che usano codice open non lo pagano dove "leggi"?riferimenti?
            e quasi
            sempre non rendono le modifiche fatte. le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono balle vestite di niente
            Ma non ti
            vergogni.di fare il mio lavoro e di essere competitivo con le grandi aziendone? Certo che no.io rispetto le leggi e le licenze. A proposito, signor inquisitore: dove sta scritto che devo pagare qualcosa per il codice GPL che uso?
          • Anonimo scrive:
            Re: Messaggio alla Nazione Open Source

            non sborserò mai un cent a Microsoft. aridaje microsoft, ma che me ne frega di microsoft. Inizia a pagare 50 euro per open office.
            E così varrà per i miei clienti: installerò tutti
            e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene
            anche una grossa soddisfazione personalela soddisfazione di non aver fatto guadagnare soldi a microsoft? guarda che alla fin fine a Gates non cambia molto, licenzia 1000 dipendenti e la situazione torna sotto controllo.
            Questo è quello che spaventa te e i tuoi superioria me personalmente non può fregar di meno visto che il mio lavoro non è assolutamente sfruttabile dall'open
            fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso
            e consumo.
            E a me va bene, sai?
            Continuate a sottovalutarci come avete fatto
            finora.
            Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi
            che diventa jungla.ah, allora sei un phpnaro, ahahahsempre su PI
            le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono
            balle vestite di nientema secondo te c'è bisogno che te lo dicano i link?
            di fare il mio lavoro e di essere competitivo con
            le grandi aziendone?
            Certo che no.competitivo? ma se fai paginette web. Al massimo sei competitivo con altre aziende. La roba che fai tu le grandi non la trattano nemmeno (almeno per ora, poi arriverà IBM e ti butterà via)
            io rispetto le leggi e le licenze.
            A proposito, signor inquisitore: dove sta
            scritto che devo pagare qualcosa per il codice
            GPL che uso?il banner donate che piange. Lo sai che quello che usi è qualcosa su cui qualcuno ha passato ore e ore della giornata? Fargli avere un apprezzamento economico sarebbe il caso. Sei orgoglioso di essere una carogna? Rispetti la legge degli avvocati, ma vivi come insetto parassita
          • Anonimo scrive:
            Re: Messaggio alla Nazione Open Source
            - Scritto da: Anonimo

            non sborserò mai un cent a Microsoft.
            aridaje microsoft, soffri soffri

            E così varrà per i miei clienti: installerò
            tutti

            e soli i prodotti Open che posso, ricavandomene

            anche una grossa soddisfazione personale
            la soddisfazione di non aver fatto guadagnare
            soldi a microsoft?nel mio piccolo....

            Questo è quello che spaventa te e i tuoi
            superiori
            a me personalmente non può fregar di menodal tenore degli interventi si deduce il contrario e comunque qui un anonimo può dire quel che vuole, vero?

            fatti tuoi. Ti disegni la mia immagine a tuo uso

            e consumo.

            E a me va bene, sai?

            Continuate a sottovalutarci come avete fatto

            finora.

            Così non vi accorgerete dell'erba intorno a voi

            che diventa jungla.
            ah, allora sei un phpnaro, ahahahche matita usi per i tuoi disegnini?

            le denunce vanno accompagnate dai fatti o sono

            balle vestite di niente
            ma secondo te c'è bisogno che te lo dicano i link?le denunce vanno accompagnate dai fatti o sonoballe vestite di niente

            di fare il mio lavoro e di essere competitivo
            con

            le grandi aziendone?

            Certo che no.
            competitivo? soffri soffri

            io rispetto le leggi e le licenze.

            A proposito, signor inquisitore: dove sta

            scritto che devo pagare qualcosa per il codice

            GPL che uso?
            il banner donate che piange. non risulta come clausolaIo non infrango ALCUNA legge al contrario di MS che ne ha infrante assai sul lato della concorrenza e del mercato.Io cammino a testa alta con mio lavoroI tuoi amici del monopolio sono stati CONDANNATI
  • carobeppe scrive:
    Spremere il mercato
    Saturato il mercato con prodotti scadenti e a pagamento ora provano a insudiciare anche il mondo dell'OSS... che tristezza...
    • Anonimo scrive:
      Re: Spremere il mercato
      mai letta una cosa più idiota di questa.vergognati1)prodotti scadenti? Gli altri dove erano? A parte open office che ancora sotto moltissimi aspetti è inferiore ad Ms Office il resto dove era? 2)non è open, ha aperto i formati e non di sua volontà, l'hanno obbligato certe leggi che vogliono eliminare tutti i prodotti con formato closed dagli uffici (questa è peggiore di ogni attività monopolistica mai fatta)ma tu non dovevi essere una persona intelligente?- Scritto da: carobeppe
      Saturato il mercato con prodotti scadenti e a
      pagamento ora provano a insudiciare anche il
      mondo dell'OSS... che tristezza...
      • Anonimo scrive:
        Re: Spremere il mercato

        - Scritto da: carobeppe

        Saturato il mercato con prodotti scadenti e a

        pagamento ora provano a insudiciare anche il

        mondo dell'OSS... che tristezza...

        mai letta una cosa più idiota di questa.
        vergognati1) impara e quotare

        1)prodotti scadenti? Gli altri dove erano? 2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti illegali. Ci sono due sentenze una americana e una europea che incriminano M$ per questo, tu dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica per non accorgertene?
        2)non è open, ha aperto i formati e non di sua
        volontà3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche il rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è per questo!!!
        , l'hanno obbligato certe leggi che
        vogliono eliminare tutti i prodotti con formato
        closed dagli uffici (questa è peggiore di ogni
        attività monopolistica mai fatta)si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona idea, altri no... tu da che parte stai?
        ma tu non dovevi essere una persona intelligente?parlavi di te?(apple)
        • Anonimo scrive:
          Re: Spremere il mercato

          2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti
          illegali. Ci sono due sentenze una americana e
          una europea che incriminano M$ per questo, tu
          dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica per
          non accorgertene?io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?
          3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche il
          rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è
          per questo!!!se non lo fa cavoli suoi, mica vi farete mettere sotto da una azienda che non rispetta gli standard?
          si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona
          idea, altri no... tu da che parte stai?libertà di impedirmi di vendere i prodotti che voglio? a me pare invece una mossa strategica per far fuori una azienda scomoda
          parlavi di te?come i bambini.
          • Anonimo scrive:
            Re: Spremere il mercato
            - Scritto da: Anonimo

            2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti

            illegali. Ci sono due sentenze una americana e

            una europea che incriminano M$ per questo, tu

            dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica
            per

            non accorgertene?
            io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?le sentenze sono passate in giudicato.Non scambiare la tua opinione per la verità giuridicaDici che hai passato il tuo tempo a lavorare sodo. Bene.Quindi non sei stato in grado di informarti sulla nocività di MS.Ti mettiamo al corrente noi: MS è unmonopolio che ha commesso reati contro il mercato e la concorrenza

            si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona

            idea, altri no... tu da che parte stai?
            libertà di impedirmi di vendere i prodotti che
            voglio? sì, se il giudice scopre che si fa dumping
          • Anonimo scrive:
            Re: Spremere il mercato
            - Scritto da: Anonimo

            2) fatti fuori con acquisizioni o comportamenti

            illegali. Ci sono due sentenze una americana e

            una europea che incriminano M$ per questo, tu

            dov'eri negli ultimi 15 anni dell'informatica
            per

            non accorgertene?
            io a programmare, voi? a trovare cavilli legali?allora programmavi stipendiato dalla M$, ecco perchè hai preferito chiudere gli occhi.

            3) e meno male!!!... dovrebbero imporgli anche
            il

            rispetto degli standard (html, css, ecc...) se è

            per questo!!!
            se non lo fa cavoli suoi, mica vi farete mettere
            sotto da una azienda che non rispetta gli
            standard?due sentenze passate in giudicato e tu te ne esci con "mica vi farete mettere sotto da una azienda che non rispetta gli standard?"no caro quello a 90° e vasellinato sei tu...io non uso M$....

            si chiama "libertà", alcuni la trovano una buona

            idea, altri no... tu da che parte stai?
            libertà di impedirmi di vendere i prodotti che
            voglio? se li hai venduti tramite pratiche illegali, SI! SI! e SI!
            a me pare invece una mossa strategica per
            far fuori una azienda scomodageniale, fatti assumere dal nano per la prossima campagna...

            parlavi di te?
            come i bambini.te lo ripeto ....ancora ....una .....volta... stavamo patlando .....di .....te.. ora ha capito?(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco il (solito) vero volto di MS
    Il WSIS si teneva in Tunisia, dove durante il convegno sull'informazione hanno intimidito i giornalisti e bloccato i siti straieri. Leggete quel che racconta Amnesty International. http://www.amnesty.it/pressroom/documenti/tunisia.html?page=documentiQuindi non mi meraviglio che da una conferenza e da un governo del genere ci possano essere "aperture" o possano avvenire cose come quelle. La prossima saà avere qualcuno dell'amorevole azienda informatica planetaria eletto a Segretario Generale dell'ONIU. Così dopo ci pnsano loro all'iT nei paesi del terzo mondo.
  • Anonimo scrive:
    forse già la sapete
    barzelletta: Un elicottero si perde nella nebbia. Il pilota si avvicina ad un edificio e dalla finestra chiede ad un'impiegata all'interno: "dove sono?" L'impiegata risponde "sei perso nella nebbia". Da questa risposta il pilota capisce di trovarsi a Redmond, e di aver parlato con un'impiegata M$. Infatti la spiegazione era perfettamente formulata, ma non non dava alcuna informazione reale.prima domandaperché proprio ora Microsoft ha scelto di muoversi [...] verso [...] Office 12?risposta: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti, basti pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML. Decidere per OpenXML è la conseguenza ovvia di uno scenario in cui un formato aperto, grazie a soluzioni ormai mature ed affidabili, può tradursi in un vantaggio sia per i consumatori che per il mercato.
    • Anonimo scrive:
      Re: forse già la sapete
      no, è stata obbligata dalla politica che ha detto: vogliamo i formati aperti. All'utente finale non frega niente. Sceglie open office solo perchè gratis, non perchè migliore. - Scritto da: Anonimo
      barzelletta: Un elicottero si perde nella nebbia.
      Il pilota si avvicina ad un edificio e dalla
      finestra chiede ad un'impiegata all'interno:
      "dove sono?" L'impiegata risponde "sei perso
      nella nebbia". Da questa risposta il pilota
      capisce di trovarsi a Redmond, e di aver parlato
      con un'impiegata M$. Infatti la spiegazione era
      perfettamente formulata, ma non non dava alcuna
      informazione reale.

      prima domanda
      perché proprio ora Microsoft ha scelto di
      muoversi [...] verso [...] Office 12?
      risposta: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul
      fronte degli standard aperti, basti pensare alla
      crociata che conducemmo sull'HTML. Decidere per
      OpenXML è la conseguenza ovvia di uno scenario in
      cui un formato aperto, grazie a soluzioni ormai
      mature ed affidabili, può tradursi in un
      vantaggio sia per i consumatori che per il
      mercato.
  • Ekleptical scrive:
    No a Open Document, sì a Microsoft
    Non ho letto le specifiche Open Document, nè lo farò perchè non è un campo di mio interesse, però non capisco come alcuni si fissino sugli standard imposti come panacea di tutti i mali.Gli standard, da che mondo e mondo, hanno un ruolo semplicemente di coordinamento (oltrechè di regolazione dei rischi). Limitano l'imposizione al minimo indispensabile. Lo scopo è fare in modo che i vari partecipanti producano "oggetti" fra loro compatibili, ad es. che 2 tubi si raccordino perchè hanno lo stesso diametro. Ma non si va ad imporre alle aziende di fare un tubo fatto esattamente con una certa composizione chimica, colato in stampi perfettamente definiti e via andando. Il motivo è ovvio: così tutti produrrebbero lo stesso identico oggetto, col risultato che si ucciderebbe l'innovazione e si stroncherebbe la sana competizione, utile per tutti.Leggo che qualcuno si lamenta che Microsoft con la sua strategia avrebbe sempre l'ultima parola sui suoi formati, visto che è lei che li fa. Mi sembra ovvio che sia così. E' proprio in questo il cuore di un'impresa: rinnovare i propri prodotti continuamente per andare incontro alle esigenze dei propri clienti.Non si capisce proprio il motivo per cui Microsoft dovrebbe fissarsi su di un formato definito da altri e fissato in modo stagno... salvo future revisioni!La cosa è ancor più paradossale nell'ambito Web, visto che, se si fosse rimasti strettamente ancorati agli standard, saremmo ancora all'HTML 2. Le varie evoluzioni, dal JavaScript, fino ai CSS e giù andando, sono nate perchè Netscape e Microsoft hanno violato gli standard e i webmaster li hanno snaturati per piegarli alle loro esigenze! Situazione a cui il W3C rimediava creando revisioni varie, ma proprio per adattare il non standard trasformandolo in un nuovo standard!L'innovazione è SEMPRE superamento degli standard!La cosa vale, moltiplicata, nell'ambito del software. Un pacchetto Office non può limitarsi a gestire un contenuto, perchè la forma, il modo di presentare, la grafica ha in un ambito da Ufficio grande importanza! L'immediatezza e la comunicatività di un report Excel, di una relazione o di una presentazione, possono essere più importanti del loro contenuto, per veicolare le proprie idee/risultati. La porta per le innovazioni, i nuovi modi di utilizzo, le nuove funzioni, è essenziale e fondamentale!Proprio per questo l'approccio Microsoft è il più corretto: contenuti interscambiabili e quindi cmq sempre leggibili in qualche modo, ma che lasciano spazio al rinnovamento e all'innovazione e non si fissano stupidamente su di uno standard predefinito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sì a Open Document, NO a Microsoft
      - Scritto da: Ekleptical
      Non ho letto le specifiche Open Document, nè lo
      farò perchè non è un campo di mio interesse, però
      non capisco come alcuni si fissino sugli standard
      imposti come panacea di tutti i mali.non "di tutti" ma certamente del male del monopolio
      Proprio per questo l'approccio Microsoft è il più
      corretto: contenuti interscambiabili e quindi cmq
      sempre leggibili in qualche modo, permettimi di ridere amaramente...
    • Anonimo scrive:
      Re: No a Open Document, sì a Microsoft
      - Scritto da: Ekleptical
      Non ho letto le specifiche Open Document, [CUT delle str^H^H^H cose inutili]Interessante.
    • Anonimo scrive:
      Re: No a Open Document, sì a Microsoft

      Non ho letto le specifiche Open Document, nè lo
      farò perchè non è un campo di mio interesse, però
      non capisco come alcuni si fissino sugli standard
      imposti come panacea di tutti i mali.Mi fermo qui a leggere il tuo intervento.Microsoft de facto ha imposto i suoi standard a tutto il mondo e adesso che il mondo vuole cambiare, Microsoft non ci sta.Il resto e' aria fritta e propaganda di marketing.EB
      • Ekleptical scrive:
        Re: No a Open Document, sì a Microsoft

        Mi fermo qui a leggere il tuo intervento.
        Microsoft de facto ha imposto i suoi standard a
        tutto il mondo e adesso che il mondo vuole
        cambiare, Microsoft non ci sta.Quindi la soluzione è imporre lo standard di Open Office (cioè lo standard di un gruppo di hobbysti!) a tutti gli altri? Grosso guadagno!
        • Anonimo scrive:
          Re: No a Open Document, sì a Microsoft
          - Scritto da: Ekleptical

          Mi fermo qui a leggere il tuo intervento.

          Microsoft de facto ha imposto i suoi standard a

          tutto il mondo e adesso che il mondo vuole

          cambiare, Microsoft non ci sta.

          Quindi la soluzione è imporre lo standard di Open
          Office (cioè lo standard di un gruppo di
          hobbysti!) a tutti gli altri? Grosso guadagno!OpenOffice.org sta imponendo qualcosa a qualcuno?
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Ekleptical


            Mi fermo qui a leggere il tuo intervento.


            Microsoft de facto ha imposto i suoi standard
            a


            tutto il mondo e adesso che il mondo vuole


            cambiare, Microsoft non ci sta.



            Quindi la soluzione è imporre lo standard di
            Open

            Office (cioè lo standard di un gruppo di

            hobbysti!) a tutti gli altri? Grosso guadagno!

            OpenOffice.org sta imponendo qualcosa a qualcuno?Io non uso openoffice, ne i suoi formati, ma uso comunque standard aperti, che chiunque puo` facilmente integrare nei propri sw.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Ekleptical



            Mi fermo qui a leggere il tuo intervento.



            Microsoft de facto ha imposto i suoi
            standard

            a



            tutto il mondo e adesso che il mondo vuole



            cambiare, Microsoft non ci sta.





            Quindi la soluzione è imporre lo standard di

            Open


            Office (cioè lo standard di un gruppo di


            hobbysti!) a tutti gli altri? Grosso guadagno!



            OpenOffice.org sta imponendo qualcosa a
            qualcuno?

            Io non uso openoffice, ne i suoi formati, ma uso
            comunque standard aperti, che chiunque puo`
            facilmente integrare nei propri sw.io non uso MSoffice che NON dispone di standard aperti.
    • Anonimo scrive:
      Re: No a Open Document, sì a Microsoft
      ti quoto, qui in pratica hanno scoperto di aver perso la corsa contro microsoft e la bloccano imponendole degli standard limitativi. Se domani microsoft trova il modo di poter ridurre lo spazio occupato dai documenti non potrà metterlo o se riesce che so, ad integrare lo streaming da una webcam in remoto idem. Io faccio grafica e qui i formati sono tanti, e moltissimi chiusi e molti incompatibili con le versioni precedenti del programma. 3D Studio per fare un nome. Eppure nessuno si lamenta perchè sanno che aggiunge caratteristiche sempre nuove e utili e quindi si aggiorna il formato di conseguenza. L'introduzione dello standard open document provocherà un netto rallentamento nell'evoluzione dei documenti. Tra un paio d'anni assisteremo alla nascita di estensioni create dagli sviluppatori per superare i limiti dello standard ed il formato diventerà uno schifo. Meglio un formato commerciale come il doc che può essere convertito in uno standard. Io se fossi stato la legge avrei obbligato microsoft a creare un programma stand alone per pc, linux e mac per convertire doc in open document. Ma tanto ora mi prenderò solo offese da chi pensa di essere furbo a combattere il potere quando non si accorge che per vivere dovrà andare proprio da loro. Va bè, del resto sono tutti ragazzini che la vita non l'hanno mai affrontata e credono che il lavoro sia quello che si vede nei film - Scritto da: Ekleptical
      Non ho letto le specifiche Open Document, nè lo
      farò perchè non è un campo di mio interesse, però
      non capisco come alcuni si fissino sugli standard
      imposti come panacea di tutti i mali.

      Gli standard, da che mondo e mondo, hanno un
      ruolo semplicemente di coordinamento (oltrechè di
      regolazione dei rischi). Limitano l'imposizione
      al minimo indispensabile. Lo scopo è fare in modo
      che i vari partecipanti producano "oggetti" fra
      loro compatibili, ad es. che 2 tubi si raccordino
      perchè hanno lo stesso diametro. Ma non si va ad
      imporre alle aziende di fare un tubo fatto
      esattamente con una certa composizione chimica,
      colato in stampi perfettamente definiti e via
      andando. Il motivo è ovvio: così tutti
      produrrebbero lo stesso identico oggetto, col
      risultato che si ucciderebbe l'innovazione e si
      stroncherebbe la sana competizione, utile per
      tutti.

      Leggo che qualcuno si lamenta che Microsoft con
      la sua strategia avrebbe sempre l'ultima parola
      sui suoi formati, visto che è lei che li fa. Mi
      sembra ovvio che sia così. E' proprio in questo
      il cuore di un'impresa: rinnovare i propri
      prodotti continuamente per andare incontro alle
      esigenze dei propri clienti.

      Non si capisce proprio il motivo per cui
      Microsoft dovrebbe fissarsi su di un formato
      definito da altri e fissato in modo stagno...
      salvo future revisioni!

      La cosa è ancor più paradossale nell'ambito Web,
      visto che, se si fosse rimasti strettamente
      ancorati agli standard, saremmo ancora all'HTML
      2. Le varie evoluzioni, dal JavaScript, fino ai
      CSS e giù andando, sono nate perchè Netscape e
      Microsoft hanno violato gli standard e i
      webmaster li hanno snaturati per piegarli alle
      loro esigenze! Situazione a cui il W3C rimediava
      creando revisioni varie, ma proprio per adattare
      il non standard trasformandolo in un nuovo
      standard!

      L'innovazione è SEMPRE superamento degli standard!

      La cosa vale, moltiplicata, nell'ambito del
      software. Un pacchetto Office non può limitarsi a
      gestire un contenuto, perchè la forma, il modo di
      presentare, la grafica ha in un ambito da Ufficio
      grande importanza! L'immediatezza e la
      comunicatività di un report Excel, di una
      relazione o di una presentazione, possono essere
      più importanti del loro contenuto, per veicolare
      le proprie idee/risultati. La porta per le
      innovazioni, i nuovi modi di utilizzo, le nuove
      funzioni, è essenziale e fondamentale!

      Proprio per questo l'approccio Microsoft è il più
      corretto: contenuti interscambiabili e quindi cmq
      sempre leggibili in qualche modo, ma che lasciano
      spazio al rinnovamento e all'innovazione e non si
      fissano stupidamente su di uno standard
      predefinito.
      • francescor82 scrive:
        Re: No a Open Document, sì a Microsoft
        - Scritto da: Anonimo
        ti quoto, qui in pratica hanno scoperto di aver
        perso la corsa contro microsoft e la bloccano
        imponendole degli standard limitativi.Ma stai bene?Chi ha imposto a chi cosa?Uno standard è uno standard, non viene mai imposto ma sempre suggerito per favorire l'interoperabilità. Interoperabilità che invece MS non si è mai preoccupata di aiutare, e quindi è più che legittimo che il resto del mondo si organizzi e dica no al formato Doc. Semmai è MS che si è accorta che non può più campare nascondendo i suoi formati.P.S. e OT: Impara a quotare!==================================Modificato dall'autore il 27/11/2005 11.21.22
        • Anonimo scrive:
          Re: No a Open Document, sì a Microsoft

          Ma stai bene?
          Chi ha imposto a chi cosa?
          Uno standard è uno standard, non viene mai
          imposto ma sempre suggerito per favorire
          l'interoperabilità. Interoperabilità che invece
          MS non si è mai preoccupata di aiutare, e quindi
          è più che legittimo che il resto del mondo si
          organizzi e dica no al formato Doc. Semmai è MS
          che si è accorta che non può più campare
          nascondendo i suoi formati.non sempre, a volte gli standard e le stesse leggi non sono create per favorire la tecnologia, spesso sono fatte per dare assistenzialismo alle aziende più deboli. Come sei ingenuo. Davvero ti credi che esistano organizzazioni così buone? Semplicemente le altre aziende non riuscendo ne con le buone, ne con le cattive a fermare il potere di Microsoft cercano di fermarla usando questi trucchi. Nel vero liberismo io potrei fare un pc che funziona solo con i pezzi che faccio io e con il software che faccio io e se per mia fortuna e bravura ottiene il 90% dell'utenza bene per me e male per gli altri, avrebbero dovuto far meglio di me.

          P.S. e OT: Impara a quotare!mi scusi milord
          ==================================
          Modificato dall'autore il 27/11/2005 11.21.22
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            non sempre, a volte gli standard e le stesse
            leggi non sono create per favorire la tecnologia,
            spesso sono fatte per dare assistenzialismo alle
            aziende più deboli. Come sei ingenuo. Davvero ti
            credi che esistano organizzazioni così buone?
            Semplicemente le altre aziende non riuscendo ne
            con le buone, ne con le cattive a fermare il
            potere di Microsoft cercano di fermarla usando
            questi trucchi.Oppure che sia la Microsoft a fermare la nascita di nuove aziende e la creazione di nuovi software utilizzando un formato chiuso?
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            non sempre, a volte gli standard e le stesse

            leggi non sono create per favorire la
            tecnologia,

            spesso sono fatte per dare assistenzialismo alle

            aziende più deboli. Come sei ingenuo. Davvero ti

            credi che esistano organizzazioni così buone?

            Semplicemente le altre aziende non riuscendo ne

            con le buone, ne con le cattive a fermare il

            potere di Microsoft cercano di fermarla usando

            questi trucchi.

            Oppure che sia la Microsoft a fermare la nascita
            di nuove aziende e la creazione di nuovi software
            utilizzando un formato chiuso?e che male ci sarebbeè una azienda, non la fondazione del software per il futuro migliore. Si chiama concorrenza tra aziende, un mondo dove devi saperti muovere. Dalle piccole alle grandi aziende funziona così e chi ha l'asso di briscola deve poterlo giocare come vuole
          • francescor82 scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            chi ha l'asso di briscola deve poterlo giocare
            come vuoleMa certo, favoriamo i monopoli. E' stato dimostrato che i monopoli sono la soluzione migliore per i mercati, giusto?
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo


            non sempre, a volte gli standard e le stesse


            leggi non sono create per favorire la

            tecnologia,


            spesso sono fatte per dare assistenzialismo
            alle


            aziende più deboli. Come sei ingenuo. Davvero
            ti


            credi che esistano organizzazioni così buone?


            Semplicemente le altre aziende non riuscendo
            ne


            con le buone, ne con le cattive a fermare il


            potere di Microsoft cercano di fermarla usando


            questi trucchi.



            Oppure che sia la Microsoft a fermare la nascita

            di nuove aziende e la creazione di nuovi
            software

            utilizzando un formato chiuso?
            e che male ci sarebbeIl male c'è.Perchè chi non vuole prendere ms-office, ma vuole leggere i formati speditegli deve per forza comprarlo?E' lo stesso discorse degli standard elettrici (o qualsiasi altro standard). Esiste concorrenza perchè puoi prenderti la lavatrice di una marca rispetto ad un'altra, tanto **sei sicuro** che funzionerà una volta portata a casa.Con il formato doc ciò non è possibile.Chi prenderebbe Corel Worperfect se poi non è sicuro di leggere i doc? Chi prenderebbe il programma Tizio-Caio se non potrà leggere i documenti che gli spediscono? E' un investimento perdente comprare programmi che non supportano il doc.Ti pare concorrenza questa?
            è una azienda, non la fondazione del software per
            il futuro migliore. Si chiama concorrenza tra
            aziende, un mondo dove devi saperti muovere.
            Dalle piccole alle grandi aziende funziona così e
            chi ha l'asso di briscola deve poterlo giocare
            come vuoleLeggi sopra, ti pare concorrenza questa?
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Perchè chi non vuole prendere ms-office, ma vuole
            leggere i formati speditegli deve per forza
            comprarlo?se voglio giocare a Zelda devo per forza comprare un nintendo. Dove sta la differenza?
            E' lo stesso discorse degli standard elettrici (o
            qualsiasi altro standard). Esiste concorrenza
            perchè puoi prenderti la lavatrice di una marca
            rispetto ad un'altra, tanto **sei sicuro** che
            funzionerà una volta portata a casa.si ma il motorino della lavatrice perchè deve essere standard permettendo di montare quelli di altre ditte?
            Con il formato doc ciò non è possibile.e allora?
            Chi prenderebbe Corel Worperfect se poi non è
            sicuro di leggere i doc? Chi prenderebbe il
            programma Tizio-Caio se non potrà leggere i
            documenti che gli spediscono? E' un investimento
            perdente comprare programmi che non supportano il
            doc.perchè Microsoft che è riuscita ad ottenere tutto questo deve praticamente regalare soldi alle altre aziende?

            Ti pare concorrenza questa?ti pare giusto questo? Se inventassi un prodotto ti piacerebbe che le altre aziende potessero usare ciò che tu hai creato per arricchirsi alle tue spalle?
            Leggi sopra, ti pare concorrenza questa?si, una concorrenza in cui a parità di lavoro svolto vince chi piange di più
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Perchè chi non vuole prendere ms-office, ma
            vuole

            leggere i formati speditegli deve per forza

            comprarlo?
            se voglio giocare a Zelda devo per forza comprare
            un nintendo. Dove sta la differenza?Che zelda non è un formato di scambio informazioni e non ha una diffusione del 95% (o giù di lì).

            E' lo stesso discorse degli standard elettrici

            (o qualsiasi altro standard). Esiste concorrenza

            perchè puoi prenderti la lavatrice di una marca

            rispetto ad un'altra, tanto **sei sicuro** che

            funzionerà una volta portata a casa.
            si ma il motorino della lavatrice perchè deve
            essere standard permettendo di montare quelli di
            altre ditte?Perchè se la ditta X fallisce non lo prendi nel didietro.Perchè se io voglio leggere un doc inviatomi da tizio non devo comprare ms office, ci arrivi?

            Con il formato doc ciò non è possibile.
            e allora?E allora non c'è concorrenza.

            Chi prenderebbe Corel Worperfect se poi non è

            sicuro di leggere i doc? Chi prenderebbe il

            programma Tizio-Caio se non potrà leggere i

            documenti che gli spediscono? E' un investimento

            perdente comprare programmi che non supportano
            il

            doc.
            perchè Microsoft che è riuscita ad ottenere tutto
            questo deve praticamente regalare soldi alle
            altre aziende?Regalare soldi? Dove? Quando? Come?Sogni?

            Ti pare concorrenza questa?
            ti pare giusto questo? Se inventassi un prodotto
            ti piacerebbe che le altre aziende potessero
            usare ciò che tu hai creato per arricchirsi alle
            tue spalle?Ah, ok, vaaa beeene. La concorrenza non è cosa giusta, potevi dirlo prima.

            Leggi sopra, ti pare concorrenza questa?
            si, una concorrenza in cui a parità di lavoro
            svolto vince chi piange di piùSì, è concorrenza, se lo dici tu sono ovviamente tenuto a crederci.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Che zelda non è un formato di scambio
            informazioni e non ha una diffusione del 95% (o
            giù di lì).allora mi dai ragione. Se faccio un prodotto devo sperare di andare bene ma non di esagerare altrimenti sono dolori? Se la ps3 raggiungesse il 90% del mercato sarebbero costretti a dare le specifiche
            Perchè se la ditta X fallisce non lo prendi nel
            didietro.
            Perchè se io voglio leggere un doc inviatomi da
            tizio non devo comprare ms office, ci arrivi?mi puoi quindi dire: obbligo per azienda che chiude di fornire le specifiche. Non serve nemmeno, esistono componenti microsoft per le quali puoi utilizzare i doc in applicazioni C++ che ti crei. Se microsoft elimina il prodotto si diventa liberi di utilizzarle. Così mi pare più giusto
            E allora non c'è concorrenza.ma se faccio il pane più buono del quartiere che devo dare la ricetta agli altri?
            Regalare soldi? Dove? Quando? Come?devo fornire ai miei rivali gli strumenti per togliermi mercato?
            Ah, ok, vaaa beeene. La concorrenza non è cosa
            giusta, potevi dirlo prima.la concorrenza deve basarsi sul mercato, non su leggi simili a quelle vigenti in Italia
            Sì, è concorrenza, se lo dici tu sono ovviamente
            tenuto a crederci.lettore qtime: signore, signore, la gente non usa il mio lettore, potete dire a microsoft di togliere il mediaplayer così la gente usa il mio? La situazione è questa. Allora lo sai che ti dico, se tu hai una azienda informatica io chiedo al governo di impedirti di prendere più di tot clienti, gli altri li lasci a me perchè devi lasciarmi fare concorrenza
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Che zelda non è un formato di scambio

            informazioni e non ha una diffusione del 95% (o

            giù di lì).
            allora mi dai ragione. Se faccio un prodotto devo
            sperare di andare bene ma non di esagerare
            altrimenti sono dolori?Certo, sono dolori se il tuo prodotto raggiunge una percentuale altissima di diffusione *E* se il tuo prodotto è considerato _vitale_.
            Se la ps3 raggiungesse il
            90% del mercato sarebbero costretti a dare le
            specificheMi risulta che chi programma giochi per la ps3 sappia come deve programmarli e non si affida a decompilazioni/hack del sistema operativo.

            Perchè se la ditta X fallisce non lo prendi nel

            didietro.

            Perchè se io voglio leggere un doc inviatomi da

            tizio non devo comprare ms office, ci arrivi?
            mi puoi quindi dire: obbligo per azienda che
            chiude di fornire le specifiche. Non serve
            nemmeno, esistono componenti microsoft per le
            quali puoi utilizzare i doc in applicazioni C++
            che ti crei. Se microsoft elimina il prodotto si
            diventa liberi di utilizzarle. Così mi pare più
            giusto.No: è ingiusto perché (fallimento ms o meno) io non posso aprire i doc che mi invia tizio.

            E allora non c'è concorrenza.
            ma se faccio il pane più buono del quartiere che
            devo dare la ricetta agli altri?Non c'entra niente.

            Regalare soldi? Dove? Quando? Come?
            devo fornire ai miei rivali gli strumenti per
            togliermi mercato?No: devi fornire ai tuoi rivali un modo per idoneo per cui io che non possiedo microsoft office devo per forza comperarlo se voglio aprire il solito doc che mi invia tizio.

            Ah, ok, vaaa beeene. La concorrenza non è cosa

            giusta, potevi dirlo prima.
            la concorrenza deve basarsi sul mercato, non su
            leggi simili a quelle vigenti in ItaliaGiusto. Hai ragione. Perchè le lavatrici Candy devono avere la spina standard? Era giusto che non ci fosse mai stato lo standard.

            Sì, è concorrenza, se lo dici tu sono ovviamente

            tenuto a crederci.
            lettore qtime: signore, signore, la gente non usa
            il mio lettore, potete dire a microsoft di
            togliere il mediaplayer così la gente usa il mio?
            La situazione è questa. Allora lo sai che ti
            dico, se tu hai una azienda informatica io chiedo
            al governo di impedirti di prendere più di tot
            clienti, gli altri li lasci a me perchè devi
            lasciarmi fare concorrenzaTi sei svegliato ora? Se un'azienda offre un servizio nel suo sistema gli utonti, che dominano il mercato, non cercano alternative (migliori o peggiori che siano) e quindi è abuso di posizione dominante.Basterebbe mettere quando si installa Windows un paio di voci per spuntare l'installazione dei suddetti programmi, oppure consentire la disinstallazione. E' un problema per la microsoft?
          • francescor82 scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            non sempre, a volte gli standard e le stesse
            leggi non sono create per favorire la tecnologia,
            spesso sono fatte per dare assistenzialismo alle
            aziende più deboli.Ma scusa, preferiresti davvero fare assistenzialismo alla MS lasciandole l'unico formato e piegandosi ai suoi voleri? Voleri che, in parole povere, sono: ogni volta che pubblichiamo un nuovo Office, devi comprarlo perché non manterremo la compatibilità con i formati del passato?
            Come sei ingenuo. Davvero ti
            credi che esistano organizzazioni così buone?
            Semplicemente le altre aziende non riuscendo ne
            con le buone, ne con le cattive a fermare il
            potere di Microsoft cercano di fermarla usando
            questi trucchi.Toh, avrei detto la stessa cosa della Microsoft! :)
            Nel vero liberismo io potrei fare
            un pc che funziona solo con i pezzi che faccio io
            e con il software che faccio io e se per mia
            fortuna e bravura ottiene il 90% dell'utenza bene
            per me e male per gli altri, avrebbero dovuto far
            meglio di me.Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di tutte le sentenze che condannano MS perché abusa della sua posizione sul mercato.E comunque MS non fa PC con pezzi suoi.

            P.S. e OT: Impara a quotare!
            mi scusi milordPerdonato, Alfred.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Ma scusa, preferiresti davvero fare
            assistenzialismo alla MS lasciandole l'unico
            formato e piegandosi ai suoi voleri? Voleri che,
            in parole povere, sono: ogni volta che
            pubblichiamo un nuovo Office, devi comprarlo
            perché non manterremo la compatibilità con i
            formati del passato?preferirei una libera concorrenza. Questa non mi pare così, si mettono i bastoni tra le ruote a chiunque abbia un pò di successo. Lo trovo sbagliato.
            Toh, avrei detto la stessa cosa della Microsoft!
            :) la Microsoft è una azienda, quindi fa di tutto per rimanere in cima. E' normale che cerchi di rimanere in cima. Se dovete punirla però punite anche le altre che non faranno di meglio.
            Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di
            tutte le sentenze che condannano MS perché abusa
            della sua posizione sul mercato.
            E comunque MS non fa PC con pezzi suoi.secondo me per legge il windows potrebbe anche solo accettare software microsoft. Teoricamente potrebbero anche vendere licenze ai programmatori per sviluppare su windows. Il problema nasce perchè microsoft ha il 90% del mercato? Che facciamo, se uno è troppo bravo lo ammazziamo? Insomma, io vendo un prodotto, dovrei avere il diritto di farlo come voglio. Se faccio male sarà il mercato a punirmi
            Perdonato, Alfred.la ringrazio
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            preferirei una libera concorrenza. Questa non mi
            pare così, si mettono i bastoni tra le ruote a
            chiunque abbia un pò di successo. Lo trovo
            sbagliato.Ma leggi le scemate che scrivi?Voi concorrenza, ma ti va bene non potere aprire un doc con qualsiasi altro programma che non sia microsoft office.
            la Microsoft è una azienda, quindi fa di tutto
            per rimanere in cima. E' normale che cerchi di
            rimanere in cima. Se dovete punirla però punite
            anche le altre che non faranno di meglio.Hai ragione, viene punita perché sta in cima, non perché sbaglia.
            secondo me per legge il windows potrebbe anche
            solo accettare software microsoft. Teoricamente
            potrebbero anche vendere licenze ai programmatori
            per sviluppare su windows. Il problema nasce
            perchè microsoft ha il 90% del mercato? Che
            facciamo, se uno è troppo bravo lo ammazziamo?No, facciamo in modo che chi non vuole comprare da lui possa comprare da altri e poter usufriure dei suoi documenti lo stesso.
            Insomma, io vendo un prodotto, dovrei avere il
            diritto di farlo come voglio. Se faccio male sarà
            il mercato a punirmiSvegliati, chi compra microsoft office non lo fa per le potenzialità (indubbie) del prodotto, ma del formato di salvataggio!
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Ma leggi le scemate che scrivi?

            Voi concorrenza, ma ti va bene non potere aprire
            un doc con qualsiasi altro programma che non sia
            microsoft office.se voglio fare concorrenza a microsoft devo creare un prodotto migliore dimostrando che il mio è migliore. Ricordo che microsoft salva in molti formati comuni, ho inviato proprio oggi un documento rtf ad una azienda che mi aveva richiesto questo formato. Sono riuscito a farlo comunque. Se esce questo open document sarà supportato, basta che la gente selezioni quello.
            Hai ragione, viene punita perché sta in cima, non
            perché sbaglia.si, è punita perchè sta in cima. Anche le altre sbagliano ma non gli rompono le scatole. Ora secondo te sun e IBM sono caste e pure? Secondo me essendo meno tartassate fanno cose peggiori ma nessuno le scopre accecate dall'odio per microsoft
            No, facciamo in modo che chi non vuole comprare
            da lui possa comprare da altri e poter usufriure
            dei suoi documenti lo stesso.no, i documenti sono i suoi. Se li vuole diversi se li fa convertire.
            Svegliati, chi compra microsoft office non lo fa
            per le potenzialità (indubbie) del prodotto, ma
            del formato di salvataggio!office salva anche in altri formati. Se la gente inizia a chiedere formati diversi vedi come fanno subito. Office semmai vende per abitudine, la gente conosce quello ed usa quello. Ma anche la pubblicità fa parte del mercato (o vuoi che la microsoft smetta di far pubblicità). Io difendo microsoft perchè non vorrei che in futuro un mio prodotto venga sottoposto a limitazioni simili per favorire la concorrenza (come la legge sui saldi che vieta di far scendere i prezzi oltre un certo limite e non capisco perchè)
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Ma leggi le scemate che scrivi?



            Voi concorrenza, ma ti va bene non potere aprire

            un doc con qualsiasi altro programma che non sia

            microsoft office.
            se voglio fare concorrenza a microsoft devo
            creare un prodotto migliore dimostrando che il
            mio è migliore.Che palle.Che Office della MS sia migliore ne sono convinto.Il problema è il FORMATO.
            Ricordo che microsoft salva in
            molti formati comuni, ho inviato proprio oggi un
            documento rtf ad una azienda che mi aveva
            richiesto questo formato. Sono riuscito a farlo
            comunque. Se esce questo open document sarà
            supportato, basta che la gente selezioni quello.Certo, difatti tutti salvano in rtf.

            Hai ragione, viene punita perché sta in cima,
            non

            perché sbaglia.
            si, è punita perchè sta in cima.Hai ragione.Ottima argomentazione.Mi hai convinto.
            Anche le altre sbagliano ma non gli rompono
            le scatole. Ora
            secondo te sun e IBM sono caste e pure? Secondo
            me essendo meno tartassate fanno cose
            peggiori ma
            nessuno le scopre accecate dall'odio per
            microsoftCerto, tutti odiano ms. E pure ingiustamente.

            No, facciamo in modo che chi non vuole comprare

            da lui possa comprare da altri e poter usufriure

            dei suoi documenti lo stesso.
            no, i documenti sono i suoi. Se li vuole diversi
            se li fa convertire. Bravo, ma come? Nessuno salva in rtf.Le ditte inviano in doc. Ogni volta a richiedere che spediscano rtf o pdf (non modificabile) fa perdere tempo. E il tempo è danaro.

            Svegliati, chi compra microsoft office non lo fa

            per le potenzialità (indubbie) del prodotto, ma

            del formato di salvataggio!
            office salva anche in altri formati. Se la gente
            inizia a chiedere formati diversi vedi come fanno
            subito. Office semmai vende per abitudine, la
            gente conosce quello ed usa quello. Ma anche la
            pubblicità fa parte del mercato (o vuoi che la
            microsoft smetta di far pubblicità).
            Io difendo
            microsoft perchè non vorrei che in futuro un mio
            prodotto venga sottoposto a limitazioni simili
            per favorire la concorrenzaCosa produci?
            (come la legge sui
            saldi che vieta di far scendere i prezzi oltre un
            certo limite e non capisco perchè)Questa è un'assurdità, concordo.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Cosa produci?software grafico. Prendi un esempio assurdo, io creo un programma cad che in 10 anni prende il 90% del mercato (magari :D ). Il mio formato potrebbe diventare il file di interscambio per ogni applicativo di cad ed i programmatori utilizzeranno i miei pacchetti per tutto quanto riguarda il cad. Sarebbe colpa mia? Dovrei permettere ad altre aziende di poter modificare i miei documenti ed aiutarli a farmi perdere quota di mercato


            (come la legge sui

            saldi che vieta di far scendere i prezzi oltre
            un

            certo limite e non capisco perchè)

            Questa è un'assurdità, concordo.perchè scusa? Se io ho una catena di 1000 negozi posso mettere i prezzi più bassi? Non è giusto neanche questo, ora perchè tu hai 1000 negozi io piccolo non ti posso fare concorrenza? Ma che facciamo 2 pesi e 2 misure?Lo vedi, per microsoft va bene, per gli altri no? Se microsoft non può sfruttare office per far soldi allora tu grande azienda di abbigliamento devi permettermi di fare soldi come te ed io per legge ti impedisco di fare prezzi inferiori a quelli che posso fare io.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Cosa produci?
            software grafico.Miii come sei generico. :DLo avevi già detto prima, fornisci qualche informazione in più. Che grafica? Vettoriale, cad, pubblicitaria..Quale è la tipologia dei tuoi acquirenti, etc...
            Prendi un esempio assurdo, io
            creo un programma cad che in 10 anni prende il
            90% del mercato (magari :D ).Auguri ;-)
            Il mio formato
            potrebbe diventare il file di interscambio per
            ogni applicativo di cad ed i programmatori
            utilizzeranno i miei pacchetti per tutto quanto
            riguarda il cad. Sarebbe colpa mia? Dovrei
            permettere ad altre aziende di poter modificare i
            miei documenti ed aiutarli a farmi perdere quota
            di mercatoOk, il tuo programma è un cad ed ha raggiunto il 90% del mercato. Ma è un programma di nicchia. Non è un programma "per le masse", come un editor di testo, quindi il 90% lo hai ottenuto per meriti del programma, non per meriti del formato o negligenza degli utilizzatori, quindi non subiresti perdite rilevanti aprendo il formato.Perché ciò che dà valore al tuo programma *E'* proprio il programma, non il formato.E finchè il tuo programma non si diffonde al 90% tra tutti gli utilizzatori di pc, e non solo utilizzatori cad (vorrei vedere un utonto che usa il cad :D), non ti verrà chiesto di aprirlo.


            (come la legge sui


            saldi che vieta di far scendere i prezzi oltre


            un certo limite e non capisco perchè)



            Questa è un'assurdità, concordo.
            perchè scusa? Se io ho una catena di 1000 negozi
            posso mettere i prezzi più bassi? Non è giusto
            neanche questo, ora perchè tu hai 1000 negozi io
            piccolo non ti posso fare concorrenza? Ma che
            facciamo 2 pesi e 2 misure?
            Lo vedi, per microsoft va bene, per gli altri no?
            Se microsoft non può sfruttare office per far
            soldi allora tu grande azienda di abbigliamento
            devi permettermi di fare soldi come te ed io per
            legge ti impedisco di fare prezzi inferiori a
            quelli che posso fare io.Mi sa che hai capito male, io sono per gli sconti liberi.(l'obbligo di mantenere lo sconto sopra una certa percentuale penso sia dovuto al fatto che grande catene di negozi potrebbero scontare anche in perdita per distruggere i piccoli negozi, e tengano il limite allo sconto perché sarebbe difficile dimostrare l'avvenuto dumping)
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Miii come sei generico. :Dessere specifici non è un buon modo per iniziare
            Auguri ;-)non sono un sognatore, era un ipotesi
            Ok, il tuo programma è un cad ed ha raggiunto il
            90% del mercato. Ma è un programma di nicchia.
            Non è un programma "per le masse", come un editor
            di testo, quindi il 90% lo hai ottenuto per
            meriti del programma, non per meriti del formato
            o negligenza degli utilizzatori, quindi non
            subiresti perdite rilevanti aprendo il formato.che cosa, che cosa, che cosa? no, non mi pare giusta sta cosa, perchè 2 pesi e 2 misure. Chi è che decide cosa è giusto e cosa no? Lo sai che se il 3D inizia a diventare sfruttato per il web esisterà il problema? VRML secondo te cosa è? Il problema ora non si pone perchè i grandi colossi sono in equilibrio
            Perché ciò che dà valore al tuo programma *E'*
            proprio il programma, non il formato.si, ma sfrutterei la cosa per fare ancora più clienti.
            E finchè il tuo programma non si diffonde al 90%
            tra tutti gli utilizzatori di pc, e non solo
            utilizzatori cad (vorrei vedere un utonto che usa
            il cad :D), non ti verrà chiesto di aprirlo.eccola la, questo che dici non mi piace. Devi essere coerente.
            Mi sa che hai capito male, io sono per gli sconti
            liberi.e perchè? tu non puoi esserlo. Tu sei per la concorrenza libera. Io con un negozietto posso fare concorrenza ad un colosso che occupa un intero isolato? NOtu mi devi dire che è giusto, perchè bisogna permettere ai piccoli di campare
            (l'obbligo di mantenere lo sconto sopra una certa
            percentuale penso sia dovuto al fatto che grande
            catene di negozi potrebbero scontare anche in
            perdita per distruggere i piccoli negozi, e
            tengano il limite allo sconto perché sarebbe
            difficile dimostrare l'avvenuto dumping)appunto, tu non puoi io qui mi diverto, vedere come certi atteggiamenti siano tollerati per alcuni e non per altri. Ma cosa è questo odio che vi fa perdere di vista l'oggettività. Tu non puoi avere opinioni diverse su cose simili (o non riesci a riconoscerle come tali). Tu vuoi una concorrenza che limiti il potere di chi è grande a favore del piccolo. Quindi fallo in ogni campo, non solo contro microsoft
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Miii come sei generico. :D
            essere specifici non è un buon modo per iniziareIntendevo nella descrizione. Se non vuoi/volevi informarmi bastava dirlo chiaramente...

            Auguri ;-)
            non sono un sognatore, era un ipotesiE i miei erano auguri sinceri.Forse l'astio che hai non ti permetteva di accorgetene.

            Ok, il tuo programma è un cad ed ha raggiunto il

            90% del mercato. Ma è un programma di nicchia.

            Non è un programma "per le masse", come un
            editor

            di testo, quindi il 90% lo hai ottenuto per

            meriti del programma, non per meriti del formato

            o negligenza degli utilizzatori, quindi non

            subiresti perdite rilevanti aprendo il formato.
            che cosa, che cosa, che cosa? no, non mi pare
            giusta sta cosa, perchè 2 pesi e 2 misure. Chi è
            che decide cosa è giusto e cosa no?La gente ignorante e le industrie approfittatrici da un lato.La gente più informata e le istituzioni che non vogliono far spennare l'utente finale dall'altro.Sono opposti.
            Lo sai che se
            il 3D inizia a diventare sfruttato per il web
            esisterà il problema? secondo te cosa è?Non vedo dove esisterà il problema. Dimmelo.
            Il
            problema ora non si pone perchè i grandi colossi
            sono in equilibrio.

            Perché ciò che dà valore al tuo programma *E'*

            proprio il programma, non il formato.
            si, ma sfrutterei la cosa per fare ancora più
            clienti.Quando si ottiene il 90%, ci si aspetta una sola cosa nel futuro: una diminuzione. Aumentare di più non si può. (cit.)

            E finchè il tuo programma non si diffonde al 90%

            tra tutti gli utilizzatori di pc, e non solo

            utilizzatori cad (vorrei vedere un utonto che
            usa

            il cad :D), non ti verrà chiesto di aprirlo.
            eccola la, questo che dici non mi piace. Devi
            essere coerente.


            Mi sa che hai capito male, io sono per gli
            sconti

            liberi.
            e perchè?
            tu non puoi esserlo. Tu sei per la concorrenza
            libera.Ah no? Concorrenza libera (nel rispetto delle leggi) vuol dire che nessuno è obbligato a tenere lo sconto sopra una certe percentuale. Che ognuno applica i prezzi che vuole.E gli utenti ne guadagnano.
            Io con un negozietto posso fare
            concorrenza ad un colosso che occupa un intero
            isolato? NO.Allora sei contro i monopoli, come me.Non puoi fare gli sconti perché non hai i soldi dietro come le grandi catene. Ma se le grandi catene riescono a vendere gli stessi prodotti a prezzo minore del tuo i casi sono due:1) Ci mangi troppo.2) Le grandi catene vendono sottocosto per eliminare i piccoli e poi aumentare i prezzi. Ma prova a dimostrarlo....
            tu mi devi dire che è giusto, perchè bisogna
            permettere ai piccoli di campareE' giusto vendere sottocosto per eliminare i piccoli?

            (l'obbligo di mantenere lo sconto sopra una
            certa

            percentuale penso sia dovuto al fatto che grande

            catene di negozi potrebbero scontare anche in

            perdita per distruggere i piccoli negozi, e

            tengano il limite allo sconto perché sarebbe

            difficile dimostrare l'avvenuto dumping)
            appunto, tu non puoiNon ho detto che è giusto.Ho solo fatto un'ipotesi sul limite degli sconti.
            io qui mi diverto, vedere come certi
            atteggiamenti siano tollerati per alcuni e non
            per altri. Ma cosa è questo odio che vi fa
            perdere di vista l'oggettività. Tu non puoi avere
            opinioni diverse su cose simili (o non riesci a
            riconoscerle come tali). Tu vuoi una concorrenza
            che limiti il potere di chi è grande a favore del
            piccolo. Quindi fallo in ogni campo, non solo
            contro microsoft.La microsoft può permettersi di vendere sottocosto e sopravvivere. I piccoli no. E ci rimangono. Ma la ms no.La microsoft può vendere a prezzi altri le sue suite office, tanto chi gli fa concorrenza? I piccoli possono anche vendere a prezzi bassi, tanto chi compra un programma che non legge i doc?Ho cercato di applicare questo modello di concorrenza anche all'esempio degli sconti che hai portato, e non mi sembra di avere posizioni diverse...
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Ho cercato di applicare questo modello di
            concorrenza anche all'esempio degli sconti che
            hai portato, e non mi sembra di avere posizioni
            diverse...invece si. Secondo quindi se una azienda arriva al 90% va tartassata, se sta ad 89 tutto gli è permesso. Sei favorevole affinchè le grandi aziende scannino i piccoli ma sei contrario al fatto che una azienda che è riuscita a scannare i piccoli ne tragga beneficio. Mi lasci abbastanza dubbioso. Vuoi permettere ad una azienda di fare i propri comodi finchè ad un certo punto gli si dice, ora hai esagerato, lascia spazio pure agli altri. No, tu ragioni in 2 maniere diverse dovute all'astio contro microsoft. Io invece odio le mezze misure sono un estremista, o si dà massimo liberismo o si aiuta tutti, mi vanno bene entrambi. Quindi per me se microsoft dà i suoi formati voglio che tutte le aziende lo facciano quindi io domani voglio tutti i formati di tutti i software del mondo. La legge vale per tutti o non vale per nessuno.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Ho cercato di applicare questo modello di

            concorrenza anche all'esempio degli sconti che

            hai portato, e non mi sembra di avere posizioni

            diverse...
            invece si. Secondo quindi se una azienda arriva
            al 90% va tartassata, se sta ad 89 tutto gli è
            permesso.Quando l'avrei detto?
            Sei favorevole affinchè le grandi
            aziende scannino i piccoliMi sta venendo un fortissimo dubbio che tu sia un troll.Non ho mai detto che sono a favore dello scannamento delle piccole aziende.
            ma sei contrario al
            fatto che una azienda che è riuscita a scannare i
            piccoli ne tragga beneficio.Infatti. Non doveva farli fuori. La situazione deve tornare alla normalità. Ovvero alla concorrenza.
            Mi lasci abbastanza dubbioso.Anche tu. Troll o non troll?....
            Vuoi permettere ad una azienda di fare
            i propri comodi finchè ad un certo punto gli si
            dice, ora hai esagerato, lascia spazio pure agli
            altri.Stai travisando. Correggo: Voglio permettere ad una azienda di fare i propri comodi *nel rispetto della legalità*. Quando non rispetta la legalità la si punisce. Quando non c'è concorrenza si fa in modo che si crei.
            No, tu ragioni in 2 maniere diverse dovute
            all'astio contro microsoft.Se me lo dici tu...
            Io invece odio le
            mezze misure sono un estremista, o si dà massimo
            liberismo o si aiuta tutti, mi vanno bene
            entrambi.
            Quindi per me se microsoft dà i suoi
            formati voglio che tutte le aziende lo facciano
            quindi io domani voglio tutti i formati di tutti
            i software del mondo.Davvero? Perché mai una azienda che fa un suo formato e occupa lo 3-4% del mercato dovrebbe renderlo pubblico?Vantaggi per gli utenti o per i concorrenti non ne vedo.Tu si? Dove?
            La legge vale per tutti o non vale per nessuno.Ma va?
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Stai travisando. Correggo:

            Voglio permettere ad una azienda di fare i propri
            comodi *nel rispetto della legalità*. Quando non
            rispetta la legalità la si punisce. Quando non
            c'è concorrenza si fa in modo che si crei.che differenza c'è tra una azienda in salita che fa fuori i piccoli ed una grande che ci è riuscita e sfrutta quello che ha ottenuto?
            Davvero? Perché mai una azienda che fa un suo
            formato e occupa lo 3-4% del mercato dovrebbe
            renderlo pubblico?e allora come funziona? Dove si trova il limite esatto in cui una azienda deve fornire il formato? Famo ad occhio?
            Vantaggi per gli utenti o per i concorrenti non
            ne vedo.
            Tu si? Dove?per gli utenti sempre. Io posso prendere il max ed usarlo direttamente per i miei programmi. Usare i formati liberi è scomodo perchè nessuno offre un sistema veramente buono per tenere i dati e mi obbliga a creare plugin di esportazione. A me serve un formato che tenga le animazioni, e mi salvi molte mappe. Tra quelli free ed impiegabili da tutti non c'è n'è uno.
            Ma va?non è questo il caso. Qualcuno ha deciso che per microsoft vale. Mi pare una cosa fatta ad occhio, provocata dal lamentarsi di aziende rivali. Io odio la dicitura, multe da 100 a 1500 euro. Si decide, fissa e senza scusanti, se no si creano fenomeni in cui a seconda della situazione si avvantaggia o meno qualcunonon cominciare a dirmi troll, i miei ragionamenti sono seri, io cerco solo di valutare in modo oggettivo e penso che la legge tartassi di più certe situazioni che altre.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Voglio permettere ad una azienda di fare i

            propri

            comodi *nel rispetto della legalità*. Quando non

            rispetta la legalità la si punisce. Quando non

            c'è concorrenza si fa in modo che si crei.
            che differenza c'è tra una azienda in salita che
            fa fuori i piccoli ed una grande che ci è
            riuscita e sfrutta quello che ha ottenuto?Che ne abusa. E penso che il non fornire le specifiche di un documento sia un abuso, infatti la concorrenza si vede... (per modo di dire...)

            Davvero? Perché mai una azienda che fa un suo

            formato e occupa lo 3-4% del mercato dovrebbe

            renderlo pubblico?
            e allora come funziona? Dove si trova il limite
            esatto in cui una azienda deve fornire il
            formato? Famo ad occhio?Il limite esatto non esiste. Va da caso a caso. Se non esiste concorrenza è _ovvio_ che vada creata.Se per te ci sarebbe più concorrenza obbligare ad aprire i formati di un'azienda con il 4% di mercato dillo.Per me no, perché ci sono altre aziende che ne hanno più di lei.

            Vantaggi per gli utenti o per i concorrenti non

            ne vedo.

            Tu si? Dove?
            per gli utenti sempre.E allora dimmeli. Più specificatamente.
            Io posso prendere il max
            ed usarlo direttamente per i miei programmi.
            Usare i formati liberi è scomodo perchè nessuno
            offre un sistema veramente buono per tenere i
            dati e mi obbliga a creare plugin di
            esportazione.Questa è bella. Usare formati di cui si sa come sono salvate le informazioni all'interno è scomodo.Devo ricordarmente la prossima volta che apro un bmp, oppure una jpg. Non so se lo hai notato, ma nessuno ti obbliga ad usare il programma tizio caio per quei formati :D .Se un formato libero non è all'altezza, basta crearne uno nuovo oppure aggiornare quello esistente. (lavoro non da poco)
            A me serve un formato che tenga le
            animazioni, e mi salvi molte mappe. Tra quelli
            free ed impiegabili da tutti non c'è n'è uno.E allora? Createlo.Ma se poi aumentare la tua quota di mercato devi cercare di fare in modo che il tuo formato sia diffuso.E le altre aziende cosa fanno? La stessa cosa che fai tu, creano il loro formatino.Come finisce? Quella con più soldi vince e distrugge le altre. E' un bene per te?E meglio che le 50 aziende, per i fatti propri (senza scomodare tribunali), si mettano d'accordo e sviluppino e rendano pubbliche le specifiche del formato.Svilupperanno i loro software e il mercato darà ragione ad una od all'altra per quando il loro programma vale.Oppure, come già detto, ognuno svilupperà il suo formato e solo uno sarà il vincente. Ma a questo punto, non c'è più concorrenza o sbaglio? E dovremo riportare questa concorrenza o no?

            Ma va?
            non è questo il caso. Qualcuno ha deciso che per
            microsoft vale. Mi pare una cosa fatta ad occhio,
            provocata dal lamentarsi di aziende rivali.Dovevano starsene zitte nel loro abbondante 2% quando la microsoft ha solo il 95%?Hai ragione, che ingorde, mi fanno schifo!
            Io
            odio la dicitura, multe da 100 a 1500 euro. Si
            decide, fissa e senza scusanti, se no si creano
            fenomeni in cui a seconda della situazione si
            avvantaggia o meno qualcuno.Probabilmente appendere 50 fogli con tutti i casi possibili non era possibile.Sul fatto del vangaggio a qualcuno concordo, ma una guardia che multa tizio perché fuma in luogo pubblico chiuso non dovrebbere conoscere il multato. E i vantaggi/favori si sradicano.
            non cominciare a dirmi troll, i miei ragionamenti
            sono seri, io cerco solo di valutare in modo
            oggettivo e penso che la legge tartassi di più
            certe situazioni che altre.Cerco anch'io di valutare in modo oggettivo, ma il fatto che non hai risposto al alcune domande (*1), che mi hai messo in bocca parole non mie mi fa dubitare sul fatto che tu sia serio e che non sia veramente un troll.(*1)Tu: Lo sai che se il 3D inizia a diventare sfruttato per il web esisterà il problema? VRML secondo te cosa è?Io: Non vedo dove esisterà il problema. Dimmelo.Tu: (nisba)
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            se la giustizia non è oggettiva allora non è giusta. E' come se una azienda dovesse calcolare di non fare il miglior prodotto per non raggiungere una certa diffusione e subire le leggi antitrust. Alla fine l'unica colpa di microsoft è stata quella di ottenere la maggior parte del mercato. Le altre cosa hanno fatto per meritare questo favore
            (*1)
            Tu: Lo sai che se il 3D inizia a diventare
            sfruttato per il web esisterà il problema? VRML
            secondo te cosa è?
            Io: Non vedo dove esisterà il problema. Dimmelo.
            Tu: (nisba)secondo te? Come il doc, una azienda inizierà a produrre i primi sistemi efficienti, gli altri si adatteranno, poi arriva l'antitrust ed il formato diventa aperto e l'azienda leader viene messa a terra dalla legge.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            se la giustizia non è oggettiva allora non è
            giusta.Volevi la percentuale contata? Mi spiace, non sono un legale e questi calcoli non li so fare.Per me può esserci concorrenza su 80+10+10 come su 30+30+40 come su 50+50, come più non esserci affatto (sì, anche con aziende che -ufficialmente- si spartiscono 33+33+33).E' come se una azienda dovesse calcolare
            di non fare il miglior prodotto per non
            raggiungere una certa diffusione e subire le
            leggi antitrust. Alla fine l'unica colpa di
            microsoft è stata quella di ottenere la maggior
            parte del mercato. Le altre cosa hanno fatto per
            meritare questo favore


            (*1)

            Tu: Lo sai che se il 3D inizia a diventare

            sfruttato per il web esisterà il problema? VRML

            secondo te cosa è?

            Io: Non vedo dove esisterà il problema. Dimmelo.

            Tu: (nisba)
            secondo te? Come il doc, una azienda inizierà a
            produrre i primi sistemi efficienti, gli altri si
            adatteranno, poi arriva l'antitrust ed il formato
            diventa aperto e l'azienda leader viene messa a
            terra dalla legge.VRML è aperto. Se un'azienda ottiene il 90% è solo merito del suo programma. Altre cose non si possono aprire.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft


            Il mio formato

            potrebbe diventare il file di interscambio per

            ogni applicativo di cad ed i programmatori

            utilizzeranno i miei pacchetti per tutto quanto

            riguarda il cad. Sarebbe colpa mia? Dovrei

            permettere ad altre aziende di poter modificare i

            miei documenti ed aiutarli a farmi perdere quota

            di mercato

            Ok, il tuo programma è un cad ed ha raggiunto il 90%
            del mercato. Ma è un programma di nicchia. Non è un
            programma "per le masse", come un editor di testo,
            quindi il 90% lo hai ottenuto per meriti del programma,
            non per meriti del formato o negligenza degli
            utilizzatori, quindi non subiresti perdite rilevanti
            aprendo il formato.Nel settore CAD esiste proprio un caso che è molto peggio del caso doc. E' il formato di Autodesk, il celeberrimo dwg.Qui si pone proprio la differenza tra la bontà del programma e il problema del formato.Hanno fatto il programma di disegno tecnico più diffuso che ormai è uno standard "de facto". Niente da dire, bravi, lo compro e lo uso, anche se mi costa come un Panda (o una Punto less-optional).Sono talmente bravi che si possono permette di cambiare formato ad ogni revisone dell'applicativo.Grazie! Se mi mandano un disegno fatto con AutoCAD 2005 salvato in formato 2000, io, che ho AutoCAD 2000, non riesco ad aprirlo senza una marea di errori.Allora telefono, e-mailo, chatto e spiego per filo e per segno a chi mi ha mandato il file cosa deve fare per farmelo vedere e usare bene. Se il tizio è un mio fornitore scatta sull'attenti, se il tizio è un mio cliente mi dice "comprati AutoCAD 2005".Questo è un semplice e stupido esempio di posizione dominate contro la quale da almeno 50 anni nei paesi occidentali si stà cercando di mettere delle regole.AutoCAD è il miglior programma per CAD? OK, bravi, vendetene tranquillamente quante più copie potete.dwg è il miglior formato per il CAD? Può essere. Ma perché devo essere costretto ad usarlo? E poi, quale versione di quel release di AutoCAD contiene il vero dwg?Se sono un ente pubblico, ho la responsabilità anche penale dei documenti che gestisco. Anche in formato elettronico. I documenti che gestisco sono disegni, roba scritta, dati, tabelle, ecc.Ora come ora, se voglio esercitare questa responsabilità sono COSTRETTO ad utilizzare MS Office e AutoCAD (oltre a molti altri programmi proprietari e monopolistici). Potrei veramente fidarmi di richiedere ad un progettista strutturale i file dei suoi disegni in un formato non nativo per il suo sistema?Cioè, potrei chiedere al progettista di consegnarli il suo progetto in formato "standard" dxf esportato dal suo AutoCAD? E poi lo apro e lo modifico con QCad (più o meno os e quasi gratuito)?Mi fido a gestire il file di un contratto facendolo girare in rtf o in un altro formato "standard", ma che in realtà standard non é?No non mi fido. E infatti quasi tutte le pubbliche amministrazioni richiedono ed impongono l'utilizzo dei formati proprietari più diffusi. E in questo modo impongono a tutti i propri fornitori di non essere liberi di sceglire non solo il formato, ma anche i programmi per generarli.Qui non stiamo parlando di lavatrici Candy. Se la Candy fabbricasse e vendesse esclusivamente lavatrici con la spina in standard francese, semplicemente ne compero una di un'altra marca. Se non vogliono usare prese e spine standard IEC/CENELEC sono affari loro, si mettono fuori dal mercato.Invece i formati dei file sono proprietari e seguono le paranoie commerciali di chi li controlla.La maggior parte di noi, ripeto, è COSTRETTA ad utilizzare i doc e i dwg (oltre a xls, mdb, pdf, ecc.).Aggiungo poi che la fama dei due programmi origine dei formati doc e dwg devono la loro fama, oltre che alla loro qualità, anche alla loro diffusione ;-)Sono sempre stato convinto che uno dei veri motivi per la così larga penetrazione dei prodotti MS sia una precisa strategia di "diffusione facile".Non è mai stato difficile ottenere una copia gratis di Office così come di AutoCAD.Dieci anni fa Office stava in 20 floppy da 1,44 e tutti lo avevamo. AutoCAD in 6 floppy.Non sono mai riuscito procurami una copia "facile" di WPerfect o di alcuni programmi Adobe o Aldus o Lotus o altro.WPerfect alla fine me lo sono comperato. Era il miglior word-processor in circolazione, ma era difficle da "diffondere" e non ha mai fatto una politica di difesa del suo formato standard. Esattamente il contrario di MS.Non raccontiamoci balle. MS non vende formati, vende software. Ma ha sempre adottato delle politiche di fidelizzazione del cliente al limite della legalità agendo proprio sui formati (i casi più eclatanti sono ovviamente HTML e JavaScript).OpenDocument è meglio? Non credo, non lo so, può darsi.Ma se diventa uno standard ISO c'è la possibilità che in futuro i documenti in formato elettronico, indipendentemente dal software che li ha prodotti, possano avere valore legale e valore "pubblico".Oggi il valore legale ce l'hanno doc e dwg (quindi Office e AutoCAD).
          • Ekleptical scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di
            tutte le sentenze che condannano MS perché abusa
            della sua posizione sul mercato.Solo una nota. NESSUNA di queste condanne, nè NESSUNO dei processi in corso riguarda Office!Se vi risulta il contrario fornite i link...
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Ekleptical

            Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di

            tutte le sentenze che condannano MS perché abusa

            della sua posizione sul mercato.

            Solo una nota. NESSUNA di queste condanne, nè
            NESSUNO dei processi in corso riguarda Office!
            Se vi risulta il contrario fornite i link...che spasso che sei... sarebbe come a dire che siccome nessun processo ha sentenziato che philip morris è responsabile per la morte d'infarto di un fumatore, allora il fumo potrebbe non provocare l'infarto... che spasso...
          • Ekleptical scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            che spasso che sei... sarebbe come a dire che
            siccome nessun processo ha sentenziato che philip
            morris è responsabile per la morte d'infarto di
            un fumatore, allora il fumo potrebbe non
            provocare l'infarto... che spasso...Il fatto che non è mai neppure stata denunciata per Office (a differenza della Philip Morris per il fumo), quando non si perde l'occasione per attaccarla, vorrà pur dire qualcosa, o no?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            - Scritto da: Ekleptical

            Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di

            tutte le sentenze che condannano MS perché abusa

            della sua posizione sul mercato.

            Solo una nota. NESSUNA di queste condanne, nè
            NESSUNO dei processi in corso riguarda Office!ma MS beneficia degli effetti del monopolio anche con OfficeE' inutile nascondersi dietro un dito
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            ma mentre microsoft diventava monopolista gli altri che facevano?- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Ekleptical


            Fortuna e bravura? Ma sì, dimentichiamoci di


            tutte le sentenze che condannano MS perché
            abusa


            della sua posizione sul mercato.



            Solo una nota. NESSUNA di queste condanne, nè

            NESSUNO dei processi in corso riguarda Office!

            ma MS beneficia degli effetti del monopolio anche
            con Office

            E' inutile nascondersi dietro un dito



          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            ma mentre microsoft diventava monopolista gli
            altri che facevano?Ma ora che è una monopolista colpevole di abusi sul mercato e sulla concorrenza la dobbiamo lasciar fare ?Ora che sappiamo la natura da carceriere che la contraddistingue scapperemo a gambe levate ad ogni caramella che gi agiterà sotto il naso
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            la si batte sul mercato. Molto facile così. Se uno fa un prodotto che arriva ad essere in cima al mercato noi con le leggi la facciamo chiudere. Chi si rivolge alla legge così sono piagnoni. IBM ha i soldi, perchè non spinge linux e open office per superare microsoft? IBM e sun potrebbe allearsi e far fuori microsoft. Ma gli conviene così. Che schifo un mercato dove non vince il migliore, ma chi riesce a far sue le leggi. Ms Office non sarà superato da un prodotto, ma da un team di avvocati. Ribrezzo
            Ma ora che è una monopolista colpevole di abusi
            sul mercato e sulla concorrenza la dobbiamo
            lasciar fare ?

            Ora che sappiamo la natura da carceriere che la
            contraddistingue scapperemo a gambe levate ad
            ogni caramella che gi agiterà sotto il naso

          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            la si batte sul mercato. no, se sfrutta illegittimamente la posizione di monopolio
            Molto facile così. Se
            uno fa un prodotto che arriva ad essere in cima
            al mercato noi con le leggi la facciamo chiudere.le leggi ci difendono dagli abusiChi le vìola è in torto, non è una vittima
            Chi si rivolge alla legge così sono piagnoni. no, sono vittime di abusi rilevati in sede giudiziale.Invece il pianto è il tuo, a difesa di chi vince scorrettamente e viene colto con le mani nel sacco

            Ma ora che è una monopolista colpevole di abusi

            sul mercato e sulla concorrenza la dobbiamo

            lasciar fare ?



            Ora che sappiamo la natura da carceriere che la

            contraddistingue scapperemo a gambe levate ad

            ogni caramella che gi agiterà sotto il naso
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft

            no, se sfrutta illegittimamente la posizione di
            monopolioguè gue, come la gente che piange perchè non supera media player (quick time e real player poi, 2 dei lettori più schifosi della storia).
            le leggi ci difendono dagli abusi
            Chi le vìola è in torto, non è una vittimao aiuta chi non ha voglia di lavorare (un paese a caso, l'Italia, tipica nazione di nulla facenti che l'hanno impoverita a forza di concessioni che hanno avuto dai precedenti governi)
            no, sono vittime di abusi rilevati in sede
            giudiziale.le leggi contro il monopolio sono assistenzialistiche.
            Invece il pianto è il tuo, a difesa di chi vince
            scorrettamente e viene colto con le mani nel
            saccoscorrettamente? ha fatto un prodotto e tra codice e pubblicità l'ha portato in vetta alle classifiche cercando allo stesso tempo di non far vincere le aziende rivali. Mi pare più che regolarequi mi parete piagnoni. Tiratevi su le maniche e lavorate. Ci mettete poco a battere microsoft. Microsoft vende solo OS, ufficio e sviluppo (visual studio, che neanche è l'unico usato). Giochi, grafica, servizi, c'è molto di meglio in giro. Questo significa che le aziende che vogliono possono superarla. Finchè invece avremo aziende da 2 soldi che sperano in questi trucchi per vedere aumentare le entrate avremo solo un regresso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            no, se sfrutta illegittimamente la posizione di

            monopolio
            guè gue,le sentenze valgono di più delle tue parole

            le leggi ci difendono dagli abusi

            Chi le vìola è in torto, non è una vittima
            o aiuta chi non ha voglia di lavorare (un paese aquesto è un tuo giudizio soggettivo, che non fa giurisprudenza.La legge è un'altra cosa

            no, sono vittime di abusi rilevati in sede

            giudiziale.
            le leggi contro il monopolio sono
            assistenzialistiche. questo è un tuo giudizio soggettivo, che non fa giurisprudenza.La legge è un'altra cosa.Se non sei d'accordo con la legge fai eleggere un delegato che appoggi la tua visione del mercato

            Invece il pianto è il tuo, a difesa di chi vince

            scorrettamente e viene colto con le mani nel

            sacco
            scorrettamente? ormai le sentenze che ha collezionato dovrebbero avertelo insegnato
            qui mi parete...come vedi è proprio una questione di visione soggettiva tua
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft

            le sentenze valgono di più delle tue parolea mio nonno che aveva un forno hanno impedito di vendere direttamente il pane perchè altrimenti avrebbe fatto concorrenza sleale ai fornai della zona. Grazie legge
            questo è un tuo giudizio soggettivo, che non fa
            giurisprudenza.
            La legge è un'altra cosaecco, invece di pagare i programmatori pagate gli avvocati. Buoni quelli
            questo è un tuo giudizio soggettivo, che non fa
            giurisprudenza.
            La legge è un'altra cosa.
            Se non sei d'accordo con la legge fai eleggere un
            delegato che appoggi la tua visione del mercato non posso, gente come te mi ammazzerebbe per strada.
            ormai le sentenze che ha collezionato dovrebbero
            avertelo insegnatomi hanno insegnato che a questo mondo non conta saper fare, conta saper sfruttare i cavilli della legge
            come vedi è proprio una questione di visione
            soggettiva tuase tu vuoi fare economia con gli avvocati che ti posso fare
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì a Open Document, no a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            le sentenze valgono di più delle tue parole
            a mio nonno e tuo cuggino? come sta?

            questo è un tuo giudizio soggettivo, che non fa

            giurisprudenza.

            La legge è un'altra cosa
            ecco, invece di pagare i programmatori pagate gli
            avvocati. Buoni quellichi pago sono affari miei.i tuoi giudizi sono SOGGETTIVI

            questo è un tuo giudizio soggettivo, che non fa

            giurisprudenza.

            La legge è un'altra cosa.

            Se non sei d'accordo con la legge fai eleggere
            un

            delegato che appoggi la tua visione del mercato
            non posso, sei senza diritto al voto?Sei stato escluso per qualche reato ?

            ormai le sentenze che ha collezionato dovrebbero

            avertelo insegnato
            mi hanno insegnato che a questo mondo non conta
            saper fare, conta saper sfruttare i cavilli della
            leggebuon per te che hai tratto almeno un insegnamento.Nonostante quello che senti SOGGETTIVAMENTE di aver imparato, la legge rimane quella che ha sancito la colpa di MS
      • pikappa scrive:
        Re: No a Open Document, sì a Microsoft
        - Scritto da: Anonimo
        ti quoto, qui in pratica hanno scoperto di aver
        perso la corsa contro microsoft e la bloccano
        imponendole degli standard limitativi.Veramente qui nessuno ha imposto un bel niente, l'open document è un formato aperto, che èstato proposto come standard (esattamente come microsoft ha fatto per il C# e sta facendo per i formati di office) e che microsoft sta invece cercando di boicottare, prima fomentando liti sui problemi dell'accessibilità nel caso massachussets, dove avrebbe perso dei gran soldi, e ora con questa mossa, che le permette apparentemente di concorrere alla pari con opendocument, ma di fatto non fa cambiare nulla, dato che mentre su opendocument non ci sono restrizioni dovute a licenze e brevetti, sui formati di office si, e su questo vogliono giocare, dopo aver tentato di abbindolare tutti con i loro "formati aperti"
        • Anonimo scrive:
          Re: No a Open Document, sì a Microsoft

          Veramente qui nessuno ha imposto un bel niente,
          l'open document è un formato aperto, che èstato
          proposto come standard (esattamente come
          microsoft ha fatto per il C# e sta facendo per i
          formati di office) e che microsoft sta invece
          cercando di boicottare, prima fomentando liti sui
          problemi dell'accessibilità nel caso
          massachussets, dove avrebbe perso dei gran soldi,
          e ora con questa mossa, che le permette
          apparentemente di concorrere alla pari con
          opendocument, ma di fatto non fa cambiare nulla,
          dato che mentre su opendocument non ci sono
          restrizioni dovute a licenze e brevetti, sui
          formati di office si, e su questo vogliono
          giocare, dopo aver tentato di abbindolare tutti
          con i loro "formati aperti"ma porca miseria, è una azienda, non un ente morale. Sta scritto sulla prima pagina di ogni testo di economia, obiettivo di una azienda è ottimizzare i profitti. Microsoft fa bene a provarci. Il problema è nato perchè nessuna azienda si è messa a fare prodotti Office in grado di competere. Se poi mi dite che microsoft ha giocato sporco allora benvenuto nel mondo degli affari, questa è la prassi dal piccolo al grande. IBM, Sun, che fanno dormono? Ora è uscito open office che è un ottima alternativa ad office. Facessero entrare in scena lui, dopo sarà la microsoft ad adattarsi. Vorrei vederti a te aprire una azienda ed essere costretto a dare vantaggi alla concorrenza per leggi cretine. Ti faccio un esempio, io vendo il pane ad un certo prezzo perchè devo comprarlo da un forno. L'idea sarebbe: io mi faccio il forno, il pane lo faccio io e posso abbassare il prezzo. Per legge non si poteva fare (non so se ancora oggi è così). Così come un forno non può vendere direttamente il pane che fa. Ma ti pare giusta una cosa simile? Qui uguale, Microsoft ha un prodotto che vende e viene ostacolata dalla legge per far campare altre aziende.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Veramente qui nessuno ha imposto un bel niente,

            l'open document è un formato aperto, che èstato

            proposto come standard (esattamente come

            microsoft ha fatto per il C# e sta facendo per i

            formati di office) e che microsoft sta invece

            cercando di boicottare, prima fomentando liti
            sui

            problemi dell'accessibilità nel caso

            massachussets, dove avrebbe perso dei gran
            soldi,

            e ora con questa mossa, che le permette

            apparentemente di concorrere alla pari con

            opendocument, ma di fatto non fa cambiare nulla,

            dato che mentre su opendocument non ci sono

            restrizioni dovute a licenze e brevetti, sui

            formati di office si, e su questo vogliono

            giocare, dopo aver tentato di abbindolare tutti

            con i loro "formati aperti"
            ma porca miseria, è una azienda, non un ente
            morale. Sta scritto sulla prima pagina di ogni
            testo di economia, obiettivo di una azienda è
            ottimizzare i profitti. Microsoft fa bene a
            provarci. Il problema è nato perchè nessuna
            azienda si è messa a fare prodotti Office in
            grado di competere. Se poi mi dite che microsoft
            ha giocato sporco allora benvenuto nel mondo
            degli affari, questa è la prassi dal piccolo al
            grande. IBM, Sun, che fanno dormono? Ora è uscito
            open office che è un ottima alternativa ad
            office. Facessero entrare in scena lui, dopo sarà
            la microsoft ad adattarsi.
            Vorrei vederti a te aprire una azienda ed essere
            costretto a dare vantaggi alla concorrenza per
            leggi cretine. Ti faccio un esempio, io vendo il
            pane ad un certo prezzo perchè devo comprarlo da
            un forno. L'idea sarebbe: io mi faccio il forno,
            il pane lo faccio io e posso abbassare il prezzo.
            Per legge non si poteva fare (non so se ancora
            oggi è così). Così come un forno non può vendere
            direttamente il pane che fa. Ma ti pare giusta
            una cosa simile? Qui uguale, Microsoft ha un
            prodotto che vende e viene ostacolata dalla legge
            per far campare altre aziende.Al di là dei discorsi che fai, chiediti se chi compra il pacchetto Microsoft Office lo fà per le potenzialità dei programmi contenuti o per il formato in cui si può salvare (o tutte due le cose).
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Al di là dei discorsi che fai, chiediti se chi
            compra il pacchetto Microsoft Office lo fà per le
            potenzialità dei programmi contenuti o per il
            formato in cui si può salvare (o tutte due le
            cose).quando il doc si diffondeva le altre che combinavano?Anche nel mio campo, il 3D c'è lo stesso problema. Viene risolto creando software di conversione. In questo modo io posso utilizzare formati non supportati con una conversione. Così è giusto, obbligare microsoft ad aprire non è giusto.
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Al di là dei discorsi che fai, chiediti se chi

            compra il pacchetto Microsoft Office lo fà per
            le

            potenzialità dei programmi contenuti o per il

            formato in cui si può salvare (o tutte due le

            cose).
            quando il doc si diffondeva le altre che
            combinavano?
            Anche nel mio campo, il 3D c'è lo stesso
            problema. Viene risolto creando software di
            conversione.Che funziona sì e no....
            In questo modo io posso utilizzare formati non
            supportati con una conversione. Così è giusto,
            obbligare microsoft ad aprire non è giusto.Ma chi la obbliga ad aprire il suo XML??Che se lo tenga, tanto il doc-xml è **leggibile**, non è come il doc attuale!
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft

            Che funziona sì e no....funziona benissimo, visto che max, maya e softimage danno le SDK per lavorare (SDK che tu paghi).
            Ma chi la obbliga ad aprire il suo XML??

            Che se lo tenga, tanto il doc-xml è
            **leggibile**, non è come il doc attuale!la politica, o formato libero o via dagli uffici
          • Anonimo scrive:
            Re: No a Open Document, sì a Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Che funziona sì e no....
            funziona benissimo, visto che max, maya e
            softimage danno le SDK per lavorare (SDK che tu
            paghi).Mi riferivo al convertitore per i doc.Quello di Openoffice.org non funziona al 100%.

            Ma chi la obbliga ad aprire il suo XML??



            Che se lo tenga, tanto il doc-xml è

            **leggibile**, non è come il doc attuale!
            la politica, o formato libero o via dagli ufficiE fanno male? Per me no.Noi vogliamo i formati aperti, voi non li avete =
            spiacenti, ci rivolgiamo altrove =
            microsoft di sua spontanea iniziativa apre il formato doc (ma non il doc attuale, solo il doc xml).
    • Solvalou scrive:
      Esempietti su come "innova" MS...
      Sun contro microsoft, circa 97: La versione del JDK microsoft fallisce i test di compatibilita' con le precedenti versioni Sun. Non si parla quindi di aggiungere nuove funzionalita', cosa che nel caso di java si puo' fare senza forzare lo standard, come dimostrano le quintalate di codice in pure java. Si parla di fare una cosa chiamata java che java non e'. E infatti hanno perso.Link: http://www.javaworld.com/javaworld/jw-10-1997/jw-10-lawsuit.htmlIE contro resto del mondo, oggi. A quanto ne so IE a tutt'oggi costringe gli sviluppatori a tener conto delle differenze nell'adozione di direttive css rispetto al css standard in cose banali come il box model ovvero capire cosa significa margine, padding...Tutto il discorso che fai presuppone un'etica che secondo me esiste solo nella propaganda corporate. Se ne sei genuinamente convinto, affari tuoi, ma ti consiglio di prepararti ad un amaro risveglio.==================================Modificato dall'autore il 27/11/2005 18.08.38
  • Anonimo scrive:
    BLA, BLA, BLA.. BALLE !!
    Quelli della MS stanno sparando una barcata di balle quando dicono che e' da tempo (anni ?) che MS pensa di aprire i propri sistemi.La realta' e' che MS sta perdendo la guerra contro l'open source (OpenOffice e Linux in particolare) e l'unica cosa che le rimane da fare e' abbassare le braghe.. (ooops.. volevo dire aprire i formati)ciao Bill.
  • pierob scrive:
    gli standard aperti e B$
    Che per via dell'Information Domain - Enterprise Technical Reference Model v.3.5 (il documento lo si trova all'url: http://www.mass.gov/portal/site/massgovportal/menuitem.59254d74c0e831c14db4a11030468a0c/?pageID=itdterminal&L=3&L0=Home&L1=Policies%2c+Standards+%26+Legal&L2=Drafts+for+Review&sid=Aitd&b=terminalcontent&f=policies_standards_ETRM_v3dot5draft_information&csid=Aitd) e della dura risposta avuta dalla Microsoft alle sue rimostranze anche quelle sul sito citato.In ogni caso vedremo nel prossimo futuro, certo che sembrano al corto di idee innovative.Saluti Piero
  • Anonimo scrive:
    L'hanno fatto solo contro OpenDocument
    Se non ci fosse stato Microsoft non si sarebbe mai sognata di aprire i formati (sempre che li apra davvero e senza limitazioni). Sono un lock-in increbile.
  • pikappa scrive:
    ovviamente non ha risposto ALLA Domanda
    Ovvero se questi formati possono essere usati anche in programmi OpenSource...io nutro ancora qualche serio dubbio, vuoi per i brevetti, vuoi per quelle licenze Shared Source, ma credo che faranno causa anche solo al primo visualizzatore Open che usa quel codice
  • Anonimo scrive:
    Ma chi è che ha fatto la gif?!
    Ho le lacrime agli occhi dal ridere. (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Ma chi è che ha fatto la gif?!
      - Scritto da: Anonimo
      Ho le lacrime agli occhi dal ridere.
      (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      (rotfl)
      sempre io, da sempre :)grazie! (se curiosavi nelle info di PI .. mi trovavi!)(geek) LucaS
  • Anonimo scrive:
    NOOOOOOOOOOO
    "Umberto Paolucci: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti, basti pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML."AHAHAHAHAHAHAHAHAH SUPER-ROTFLnon hanno pudore ne vergogna
    • illegalinstruct scrive:
      Re: NOOOOOOOOOOO
      stra-quoto ...a proposito , cercando "word html" con google il *primo* risultato che viene fuori e' http://textism.com/wordcleaner/
    • Anonimo scrive:
      Re: NOOOOOOOOOOO
      - Scritto da: Anonimo
      "Umberto Paolucci: Microsoft si è mossa da lungo
      tempo sul fronte degli standard aperti, basti
      pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML."

      AHAHAHAHAHAHAHAHAH SUPER-ROTFL
      non hanno pudore ne vergognaE perchè ridi :D ? In realtà non ha mica detto che si è mossa per avvantaggiarli :DE' da una vita che fanno crociate CONTRO :D
  • Anonimo scrive:
    quanto siete falsi
    Leggendo l'articolo e ricordandomi di tutte le battaglie fatte per fare in modo che i carissimi prodotti MS quantomeno rispettassero gli standard direi che le risposte di questo signorotto sono tra le più false ed ipocrite che abbia sentito o letto a riguardo dell'apertura agli standard.Sono contento che ci sia la Commissione Europea a vigilare e a fare in modo che questi signori si comportino in un modo un po' più decente verso tutti gli utenti, IMHO.Marco
  • TADsince1995 scrive:
    Andiamoci con le pinze per favore!!!
    Interessante e pacata l'intervista, anche se a tratti sembra che Paolucci abbia voluto abilmente girare intorno a una risposta che non vuole dare, specialmente perchè l'intervistatore calca molto la mano sull'argomento open source...In ogni caso penso che la notizia sia da prendere con le dovute cautele. Nulla è impossibile, ma mi pare quantomeno insolito che dopo decenni di urla e strepiti contro l'open source e i formati aperti all'improvviso si siano redenti e abbiano cambiato filosofia... E' chiaro che alla base c'è un'astuta strategia per contrastare l'avanzata dei formati non loro, d'altronde lo stesso Paolucci dice chiaramente che non vogliono avere a che fare con OpenDocument.Quindi la soluzione di Microsoft è un abile compromesso, formati aperti ma inventati da loro a partire dal loro Office, ma niente open document. Così da un lato permettono a programmi di terzi di gestire correttamente e senza incertezze (si spera) i loro formati, ma comunque rimangono di loro invenzione e ciò non è poco, facendo felici amministrazioni e utenti... Dall'altro contrastano l'adozione di OpenDocument in quanto non gestibile dal più diffuso prodotto da ufficio sulla terra.Non fa una grinza. Resta da vedere se OpenOffice avrà una penetrazione tale da costringerli a piegarsi un po' di più...TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
      - Scritto da: TADsince1995

      Interessante e pacata l'intervista, anche se a
      tratti sembra che Paolucci abbia voluto abilmente
      girare intorno a una risposta che non vuole dare,
      specialmente perchè l'intervistatore calca molto
      la mano sull'argomento open source...

      In ogni caso penso che la notizia sia da prendere
      con le dovute cautele. Nulla è impossibile, ma mi
      pare quantomeno insolito che dopo decenni di urla
      e strepiti contro l'open source e i formati
      aperti all'improvviso si siano redenti e abbiano
      cambiato filosofia... E questo non ti fa venire il sospetto che è il mercato a guidare le scelte di un'azienda e non viceversa? Ho letto spesso i tuoi post e so che sei molto critico nei confronti di Microsoft. Questa notizia non ti fa pensare che, dopotutto, MS si muove come il mercato richiede? E che, quindi, tutte le tanto vituperate situazioni come le funzionalità integrate nel sistema operativo (browser, media player etc.), preinstallazione di Windows sui nuovi sistemi eccetera eccetera, in realtà non sono state cacciate in gola al mercato da parte di MS ma è il mercato ad averle chieste?
      • Anonimo scrive:
        Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
        - Scritto da: Anonimo
        E questo non ti fa venire il sospetto che è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa? Ho letto spesso i tuoi post e so che
        sei molto critico nei confronti di Microsoft.
        Questa notizia non ti fa pensare che, dopotutto,
        MS si muove come il mercato richiede? E che,
        quindi, tutte le tanto vituperate situazioni come
        le funzionalità integrate nel sistema operativo
        (browser, media player etc.), preinstallazione di
        Windows sui nuovi sistemi eccetera eccetera, in
        realtà non sono state cacciate in gola al mercato
        da parte di MS ma è il mercato ad averle chieste?
        Il sospetto potrebbe anche sorgere, ma IMHO le cose sono leggermente diverse. Il mercato ovviamente si muove in certe direzioni, Microsoft si muove di conseguenza per riportare il mercato dove vuole lei.Ultimamente il mercato si stava muovendo OpenDocument, MS di conseguenza apre i suoi formati per cercare di affossare la concorrenza e riportare il mercato verso i suoi formati. Se fosse stata costretta ad adattarsi ed a seguire il mercato avrebbe implementato il formato OpenDocument nei propri prodotti. E no, la scusa che non è compatibile coi formati precedenti non è credibile, può essere credebile in bocca ad un commerciale e basta.My 2 cents.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

        Questa notizia non ti fa pensare che, dopotutto,
        MS si muove come il mercato richiede?E' appunto ciò che volevo dire: il mercato e gli utenti richiedono sempre di più i formati aperti, Microsoft se ne accorge e li accontenta rinunciando alla chiusura dei formati, ma riesce comunque a imporre i suoi, boicottando OpenDocument. Un'abile soluzione di compromesso.
        E che,
        quindi, tutte le tanto vituperate situazioni come
        le funzionalità integrate nel sistema operativo
        (browser, media player etc.), preinstallazione di
        Windows sui nuovi sistemi eccetera eccetera, in
        realtà non sono state cacciate in gola al mercato
        da parte di MS ma è il mercato ad averle chieste?No, su questo non sono assolutamente d'accordo. Tutto ciò che è integrato "gratuitamente" nel più diffuso sistema operativo al mondo fa sì che l'utente medio si accontenti di quello e non si chieda neanche se esistono alternative. Discorso ancora peggiore è la preinstallazione (e conseguente pagamento) obbligatoria di Windows su portatili e PC da supermarket. Quello è ancora peggio ed è assolutamente deprecabile.TAD
        • pikappa scrive:
          Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
          - Scritto da: TADsince1995


          Questa notizia non ti fa pensare che, dopotutto,

          MS si muove come il mercato richiede?

          E' appunto ciò che volevo dire: il mercato e gli
          utenti richiedono sempre di più i formati aperti,
          Microsoft se ne accorge e li accontenta
          rinunciando alla chiusura dei formati, ma riesce
          comunque a imporre i suoi, boicottando
          OpenDocument. Un'abile soluzione di compromesso.Da Notare il fatto che nell'intervista si è puntato sul discorso accessibilità, che casualmente è stato sollevato come punto debole di OpenDocument nel caso Massachusset


          E che,

          quindi, tutte le tanto vituperate situazioni
          come

          le funzionalità integrate nel sistema operativo

          (browser, media player etc.), preinstallazione
          di

          Windows sui nuovi sistemi eccetera eccetera, in

          realtà non sono state cacciate in gola al
          mercato

          da parte di MS ma è il mercato ad averle
          chieste?

          No, su questo non sono assolutamente d'accordo.
          Tutto ciò che è integrato "gratuitamente" nel più
          diffuso sistema operativo al mondo fa sì che
          l'utente medio si accontenti di quello e non si
          chieda neanche se esistono alternative.Infatti chiediamoci perchè, in Italia almeno, il formato + diffuso per la vendita di contenuti online sia Windows Media, io penso che l'unione europea abbia sbagliato (e l'ho sempre detto) invece di obbligare Microsoft a rimuovere WMP, avrebbe dovuto obbligarla o a fornire la piattaforma completa anche per altri sistemi operativi, oppure obbligarla a fornire (a pagamento) a vendor di terze parti che ne avrebbero fatto richiesta, una licenza per l'utilizzo della piattaforma completa (cosa che infatti non accade, vedi turbolinux che ha il supporto per windows media, ma non per la parte drm, o wmp per Mac OS che non ha la parte drm, ad esclusivo appannaggio della piattaforma Windows)
          Discorso ancora peggiore è la preinstallazione (e
          conseguente pagamento) obbligatoria di Windows su
          portatili e PC da supermarket. Quello è ancora
          peggio ed è assolutamente deprecabile.In questo la colpa è in parte di microsoft, ma in parte è anche colpa dei produttori, che non hanno grande interesse a contraddire microsoft per una quota di mercato bassa

          TAD
        • Anonimo scrive:
          Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

          Tutto ciò che è integrato "gratuitamente" nel più
          diffuso sistema operativo al mondo fa sì che
          l'utente medio si accontenti di quello e non si
          chieda neanche se esistono alternative. Discorso
          ancora peggiore è la preinstallazione (e
          conseguente pagamento) obbligatoria di Windows su
          portatili e PC da supermarket. Quello è ancora
          peggio ed è assolutamente deprecabile.

          TADL'utente medio non ha sempre 10000 programmi del ca..o installati, altro che accontentarsi...Riguardo la supermercato ricorda che una volta c'era il commodore i mac ed il sinclair, MS non si è svegliata una mattina con la sua roba negli scaffali, peggio per gli altri.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

            L'utente medio non ha sempre 10000 programmi del
            ca..o installati, altro che accontentarsi...In compenso ha 10000 antiqualcosa installati e periodicamente deve andare dal cacciavitaro a farsi ripulire il pc.
            Riguardo la supermercato ricorda che una volta
            c'era il commodore i mac ed il sinclair, MS non
            si è svegliata una mattina con la sua roba negli
            scaffali, peggio per gli altri.Sì, ma stai dando forza alle mie parole! Infatti prima il computer si comprava nel negozio di computer. Oggi si compra al supermarket, messo vicino a lavatrici e tostapane...TAD
      • Alessandrox scrive:
        Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: TADsince1995

        con le dovute cautele. Nulla è impossibile, ma
        mi

        pare quantomeno insolito che dopo decenni di
        urla

        e strepiti contro l'open source e i formati

        aperti all'improvviso si siano redenti e abbiano

        cambiato filosofia...
        E questo non ti fa venire il sospetto che è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa? Ho letto spesso i tuoi post e so che
        sei molto critico nei confronti di Microsoft.
        Questa notizia non ti fa pensare che, dopotutto,
        MS si muove come il mercato richiede? E che,
        quindi, tutte le tanto vituperate situazioni come
        le funzionalità integrate nel sistema operativo
        (browser, media player etc.), preinstallazione di
        Windows sui nuovi sistemi eccetera eccetera, in
        realtà non sono state cacciate in gola al mercato
        da parte di MS ma è il mercato ad averle chieste?Cioe' vuoi dire che gli utenti volevano queste cose e MS glie le ha fornite? O piuttosto che MS glie le ha proposte e gli utenti le hanno (giocoforza) accettate?A me risulta la seconda.....L' utente non chiede mai cio' che non conosce....se sa che esiste solo XYZ preinstallato cos' altro chiedera'....?
        • Anonimo scrive:
          Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

          L' utente non chiede mai cio' che non conosce....
          se sa che esiste solo XYZ preinstallato cos'
          altro chiedera'....?Se da domani tutti PC del mondo fossero venduti con un qualsiasi SO diverso da MS allora vedresti una migrazione in massa verso Windows.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

            Se da domani tutti PC del mondo fossero venduti
            con un qualsiasi SO diverso da MS allora vedresti
            una migrazione in massa verso Windows.Uh, non credo proprio! In quanto sarebbe richiesto all'utente di essere consapevole di cosa sia Windows e questo già è difficile.TAD
          • pikappa scrive:
            Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
            - Scritto da: Anonimo


            L' utente non chiede mai cio' che non
            conosce....

            se sa che esiste solo XYZ preinstallato cos'

            altro chiedera'....?

            Se da domani tutti PC del mondo fossero venduti
            con un qualsiasi SO diverso da MS allora vedresti
            una migrazione in massa verso Windows.Bah io ho dato il mio portatile vecchio a mia madre, che di computer ne sa veramente poco, e ha sempre usato windows quelle volte che si è messa davanti ad un pc, beh sul portatile c'è ubuntu, e mia madre non ha fatto una piega, fa le cose che gli servono, a lei basta
    • Anonimo scrive:
      Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
      C'è chi sta già sviluppando dei plug-in per Office per fargli gestire il formato OpenDocument.Quali saranno le conseguenze di questo plug-in è però tutto da vedere, perché non essendo preinstallato...
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
        - Scritto da: Anonimo
        C'è chi sta già sviluppando dei plug-in per
        Office per fargli gestire il formato
        OpenDocument.Grazie della precisazione! Mi stavo appunto chiedendo se qualcuno non ci avesse pensato a un plugin apposito!
        Quali saranno le conseguenze di questo plug-in è
        però tutto da vedere, perché non essendo
        preinstallato...Sì, è vero... Sembra assurdo, ma potrebbe essere un ostacolo. Ma se si dovesse davvero diffondere open document, chissà se MS non inserisca il supporto sotto forma di "aggiornamenti" di office...TAD
        • Alessandrox scrive:
          Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!
          - Scritto da: TADsince1995
          - Scritto da: Anonimo

          C'è chi sta già sviluppando dei plug-in per

          Office per fargli gestire il formato

          OpenDocument.
          Grazie della precisazione! Mi stavo appunto
          chiedendo se qualcuno non ci avesse pensato a un
          plugin apposito!

          Quali saranno le conseguenze di questo plug-in è

          però tutto da vedere, perché non essendo

          preinstallato...
          Sì, è vero... Sembra assurdo, ma potrebbe essere
          un ostacolo. Ma se si dovesse davvero diffondere
          open document, chissà se MS non inserisca il
          supporto sotto forma di "aggiornamenti" di
          office...Dover installare un plugin non mi pare tutto questo grande ostacolo....
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Andiamoci con le pinze per favore!!!

            Dover installare un plugin non mi pare tutto
            questo grande ostacolo....Certamente! Il problema è che l'utente deve sapere cosa è un plugin e deve essere consapevole della necessità di installarlo! E questa spesso non è una cosa banale, ricordiamoci che la stragrande maggioranza degli utenti casalinghi e aziendali che usano office, a malapena sanno riconoscere le icone e usano il pc con lo stesso spirito con cui usano la lavastoviglie...TAD
  • Anonimo scrive:
    Perché Microsoft apre in due...
    ...Linux?Perchè lato desktop c'è poco da fare, gui spettacolari e attenzione alle necessità dell'utente hanno fatto di Windows XP il sistema ideale per uno home user anche evoluto, rendendo facile la vita a quegli utenti che non desiderano passare le nottate dietro a valanghe di HOW-TO per far funzionare un modem. // linuz il sistema + SMANDRAPPATO della storia
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché Microsoft apre in due...
      Quoto tutto.Anzi aggiungo che:"LINARI, Vista sta arrivando e annienterà anche il vostro 0,1% !"
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché Microsoft apre in due...
        - Scritto da: Anonimo
        Quoto tutto.
        Anzi aggiungo che:

        "LINARI, Vista sta arrivando e annienterà anche
        il vostro 0,1% !"In che modo? Col napalm, stile Vietnam?O col fosforo bianco, stile Irak.O col l'aiuto della mafia, stile Nano di Arcore.Avete finito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché Microsoft apre in due...
      - Scritto da: Anonimo
      ...Linux?

      Perchè lato desktop c'è poco da fare, gui
      spettacolari e attenzione alle necessità
      dell'utente hanno fatto di Windows XP il sistema
      ideale per uno home user anche evoluto, rendendo
      facile la vita a quegli utenti che non desiderano
      passare le nottate dietro a valanghe di HOW-TO
      per far funzionare un modem.
      // linuz il sistema + SMANDRAPPATO della storiaGUI spettacolare quella di XP?Ma se senza programmi esterni non posso manco crearmi uno zip?Ma non visualizza nulla a parte bmp, gif, jpeg?Ma se non ho manco un client ftp?Ma per cortesia! La GUI "all show no go" per eccellenza è quella di XP, tanto colorata quanto inutile.Ti porto certi temi per window manager come sawmill dove le barre delle finestre sono a forma di mucca bianca pezzata nera, con a sinistra le testa, a destra la coda e a 1/4 dalla coda ci sono pure le tettine che penzolano...http://themes.freshmeat.net/projects/acow/XP GUI spettacolare? Ma va va va
  • Anonimo scrive:
    buffoni...
    ... arrivato qui "Umberto Paolucci: Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti..." ho smesso di leggere.
    • jojob scrive:
      Re: buffoni...
      - Scritto da: Anonimo
      ... arrivato qui

      "Umberto Paolucci: Microsoft si è mossa da lungo
      tempo sul fronte degli standard aperti..."

      ho smesso di leggere.E ti perdi questa chicca?'Non possiamo prevedere quello che pensa la Commissione Europea ma certamente le autorità di controllo hanno obiettivi non dissimili dai nostri, quelli di un mercato più accessibile, più aperto.'
    • Anonimo scrive:
      Re: buffoni...
      io sono andato avanti fino alla fine ma...stessa opinione : buffoni e falsi
  • ciko scrive:
    R: perche' l'UE ODF!!!
    invece di parlare se OpenXML avra' un "supporto esteso" per OpenDocument, perche' non gli avete chiesto se l'apertura era in qualche modo legata al fatto che l'UE vuole un formato aperto (il candidato perscelto "sarebbe" quello standardizzato da OASIS - odf) e nn legarsi ad un formato "manetta" come .doc?!?Microsoft e' stata in qualche modo "costretta" ad aprire il formato, pena l'esclusione dal lucroso mercato della Pubblica Amministrazione...
    • Anonimo scrive:
      Re: R: perche' l'UE ODF!!!
      - Scritto da: ciko
      invece di parlare se OpenXML avra' un "supporto
      esteso" per OpenDocument, perche' non gli avete
      chiesto se l'apertura era in qualche modo legata
      al fatto che l'UE vuole un formato aperto (il
      candidato perscelto "sarebbe" quello
      standardizzato da OASIS - odf) e nn legarsi ad un
      formato "manetta" come .doc?!?
      Microsoft e' stata in qualche modo "costretta" ad
      aprire il formato, pena l'esclusione dal lucroso
      mercato della Pubblica Amministrazione...Questo significa solo che, come sempre, è il mercato a guidare le scelte di un'azienda e non viceversa, come invece molti starnazzano per quanto riguarda Microsoft.
      • Anonimo scrive:
        Re: R: perche' l'UE ODF!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Questo significa solo che, come sempre, è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa, come invece molti starnazzano per
        quanto riguarda Microsoft.Se è per questo il mercato si stava muovendo verso ODF, in questa intervista Paolucci ha detto, più o meno chiaramente, che MSOffice non supporta e non supporterà ODF. Eh si, si sono proprio lasciati prendere per mano dal mercato!
      • jojob scrive:
        Re: R: perche' l'UE ODF!!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: ciko

        invece di parlare se OpenXML avra' un "supporto

        esteso" per OpenDocument, perche' non gli avete

        chiesto se l'apertura era in qualche modo legata

        al fatto che l'UE vuole un formato aperto (il

        candidato perscelto "sarebbe" quello

        standardizzato da OASIS - odf) e nn legarsi ad
        un

        formato "manetta" come .doc?!?

        Microsoft e' stata in qualche modo "costretta"
        ad

        aprire il formato, pena l'esclusione dal lucroso

        mercato della Pubblica Amministrazione...

        Questo significa solo che, come sempre, è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa, come invece molti starnazzano per
        quanto riguarda Microsoft.Non certo quando le aziende sono in regime di monopolio di fatto, in questo caso solo la 'conoscenza' diffusa puo' modificare le politiche aziendali.
        • Anonimo scrive:
          Re: R: perche' l'UE ODF!!!
          - Scritto da: jojob

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: ciko


          invece di parlare se OpenXML avra' un
          "supporto


          esteso" per OpenDocument, perche' non gli
          avete


          chiesto se l'apertura era in qualche modo
          legata


          al fatto che l'UE vuole un formato aperto (il


          candidato perscelto "sarebbe" quello


          standardizzato da OASIS - odf) e nn legarsi ad

          un


          formato "manetta" come .doc?!?


          Microsoft e' stata in qualche modo "costretta"

          ad


          aprire il formato, pena l'esclusione dal
          lucroso


          mercato della Pubblica Amministrazione...



          Questo significa solo che, come sempre, è il

          mercato a guidare le scelte di un'azienda e non

          viceversa, come invece molti starnazzano per

          quanto riguarda Microsoft.

          Non certo quando le aziende sono in regime di
          monopolio di fatto, in questo caso solo la
          'conoscenza' diffusa puo' modificare le politiche
          aziendali.Anche con il formato aperto molti sceglierannoil prodotto M$ perché darà una formattazionemolto simile all'originale, infatti questadipende fortemente dai font. Gli utentinon si accontenteranno che un documentosia aperto e visualizzato ma pretenderannoche se con Office una certa riga è in unapagina questa rimanga nella stessa paginaanche con OpenOffice, cosa che puntalmentenon avviene e non per questioni di formatima di font...(quelle M$ sono fornite solocon Office o con Windows).
      • Alessandrox scrive:
        Re: R: perche' l'UE ODF!!!
        - Scritto da: Anonimo

        formato "manetta" come .doc?!?

        Microsoft e' stata in qualche modo "costretta"
        ad

        aprire il formato, pena l'esclusione dal lucroso

        mercato della Pubblica Amministrazione...
        Questo significa solo che, come sempre, è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa, come invece molti starnazzano per
        quanto riguarda Microsoft.1) La pubblica amministrrazione non e' IL MERCATO, ma ne e' una parte2) Le scelte della PA non sono legate solo a questioni di ordine economico ma anche (com'e' giusto che sia) politico, come del resto quella di adottare formati aperti.3) La PA NON e' solo un mercato dove si vende e si compraErgo, almeno in questo caso a guidare la scelta di una azienda e' stata la scelta di un ente pubblico, scelta dettata anche e soprattutto da ragioni politiche.
      • Anonimo scrive:
        Re: R: perche' l'UE ODF!!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: ciko

        invece di parlare se OpenXML avra' un "supporto

        esteso" per OpenDocument, perche' non gli avete

        chiesto se l'apertura era in qualche modo legata

        al fatto che l'UE vuole un formato aperto (il

        candidato perscelto "sarebbe" quello

        standardizzato da OASIS - odf) e nn legarsi ad
        un

        formato "manetta" come .doc?!?

        Microsoft e' stata in qualche modo "costretta"
        ad

        aprire il formato, pena l'esclusione dal lucroso

        mercato della Pubblica Amministrazione...

        Questo significa solo che, come sempre, è il
        mercato a guidare le scelte di un'azienda e non
        viceversa, come invece molti starnazzano per
        quanto riguarda Microsoft.Starnazzano?Garda bene chi è che starnazza...http://www.tarmo.fi/arc/monkeydance.mpeg
  • Anonimo scrive:
    non sono le chiacchiere
    di questo galoppino a decidere se la mia azienda dovrà spendere le migliaia di euri necessari al passaggio a mfoffice12.Invece è il prezzo a fare la differenza, a parità di qualità e di utilizzo; OpenOffice.org è migliore e dà maggiori garanzie per il futuro.Inoltre non vedo il motivo per premiare un monopolio affamatore come MS
  • Anonimo scrive:
    DRM: il peccato originale
    qualunque cosa MS faccia per sanare le malefatte del passato, la sua credibilità' non potrà che diminuire di fronte alle malefatte del presente e quelle che si predispongono per il futuro.MS vuole controllare quello che facciamo al PC, ricordiamocelo tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM: il peccato originale
      - Scritto da: Anonimo
      qualunque cosa MS faccia per sanare le malefatte
      del passato, la sua credibilità' non potrà che
      diminuire di fronte alle malefatte del presente e
      quelle che si predispongono per il futuro.

      MS vuole controllare quello che facciamo al PC,
      ricordiamocelo tutti.Sono anni che lo dico! Figurati che io ho installato una webcam su windows che mi segue da sola anche quando vado in bagno! Non riesco a liberarmi! Mi segue ovunque!Aiutooooo! Linux, salvami tu!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: DRM: il peccato originale
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        qualunque cosa MS faccia per sanare le malefatte

        del passato, la sua credibilità' non potrà che

        diminuire di fronte alle malefatte del presente
        e

        quelle che si predispongono per il futuro.



        MS vuole controllare quello che facciamo al PC,

        ricordiamocelo tutti.

        Sono anni che lo dico! l'ironia non serveserve la lotta serve il boicottaggio dei prodotti MS
        • =Blackout= scrive:
          Re: DRM: il peccato originale
          - Scritto da: Anonimo

          l'ironia non serve

          serve la lotta

          serve il boicottaggio dei prodotti MSquello che dico io
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM: il peccato originale
      - Scritto da: Anonimo
      qualunque cosa MS faccia per sanare le malefatte
      del passato, la sua credibilità' non potrà che
      diminuire di fronte alle malefatte del presente e
      quelle che si predispongono per il futuro.

      MS vuole controllare quello che facciamo al PC,
      ricordiamocelo tutti.E chi se lo scorda?
  • Anonimo scrive:
    Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA?
    Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una fabbrica di mine.Semplicemente SQUALLIDO!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
      - Scritto da: Anonimo
      Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una
      fabbrica di mine.
      Semplicemente SQUALLIDO!!ma finiamola con le fesserie, Microsoft è un azienda che vende prodotti, e le altre software house sono altrettanto aggrssive se non peggio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una

        fabbrica di mine.

        Semplicemente SQUALLIDO!!
        ma finiamola con le fesserie, Microsoft è unazienda monopolista che ha attuato e attua pratiche in violazione delle leggi contro il monopolio e per questo è stata più volte condannata.
        • Anonimo scrive:
          Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una


          fabbrica di mine.


          Semplicemente SQUALLIDO!!


          ma finiamola con le fesserie, Microsoft è un
          azienda monopolista che ha attuato e attua
          pratiche in violazione delle leggi contro il
          monopolio e per questo è stata più volte
          condannata.fai degli esempi, quali leggi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una



            fabbrica di mine.



            Semplicemente SQUALLIDO!!




            ma finiamola con le fesserie, Microsoft è un

            azienda monopolista che ha attuato e attua

            pratiche in violazione delle leggi contro il

            monopolio e per questo è stata più volte

            condannata.

            fai degli esempi, quali leggi?Le condanne che ha già avuto in mezzo mondo, USA e Europa, e poi le transazioni extragiudiziali che ms ha pagato per uscire dai processi.Oltre che tonto sei sguercio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo




            Lavorare per il DRAGA è come lavorare in
            una




            fabbrica di mine.




            Semplicemente SQUALLIDO!!






            ma finiamola con le fesserie, Microsoft è un


            azienda monopolista che ha attuato e attua


            pratiche in violazione delle leggi contro il


            monopolio e per questo è stata più volte


            condannata.



            fai degli esempi, quali leggi?


            Le condanne che ha già avuto in mezzo mondo, USA
            e Europa, e poi le transazioni extragiudiziali
            che ms ha pagato per uscire dai processi.
            Oltre che tonto sei sguercio.Non è né tonto, né sguercio.E' solo in malafede.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
      - Scritto da: Anonimo
      Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una
      fabbrica di mine.
      Semplicemente SQUALLIDO!!(troll)(troll2)(troll1)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
      secondo me è più squallida IBM che propone l'open source come soluzione dei mali sociali mentre in realtà lo fa solo per sfruttare i muli e fare più soldi di quanti non ne abbia.Almeno alla microsoft gli impiegati ricevono uno stipendio mentre con l'open controllano sul loro sito che il banner donate funzioni ancora.L'open source è la ridicolizzazione del programmatore che diventa un mendicante. Per vendere i servizi servono i contatti e le raccomandazioni, un programmatore se è capace programma se no non va avanti.Chi spinge per l'open sono i raccomandati della società che vogliono sfruttare le conoscenze che hanno per fornire un prodotto che altri hanno fatto per loro, altri che non vedranno mai un euro.- Scritto da: Anonimo
      Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una
      fabbrica di mine.
      Semplicemente SQUALLIDO!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Come fa Paolucci lavorare x il DRAGA
        - Scritto da: Anonimo
        secondo me è più squallida IBM che propone l'open
        source come soluzione dei mali sociali mentre in
        realtà lo fa solo per sfruttare i muli e fare più
        soldi di quanti non ne abbia.
        Almeno alla microsoft gli impiegati ricevono uno
        stipendio mentre con l'open controllano sul loro
        sito che il banner donate funzioni ancora.
        L'open source è la ridicolizzazione del
        programmatore che diventa un mendicante. Per
        vendere i servizi servono i contatti e le
        raccomandazioni, un programmatore se è capace
        programma se no non va avanti.
        Chi spinge per l'open sono i raccomandati della
        società che vogliono sfruttare le conoscenze che
        hanno per fornire un prodotto che altri hanno
        fatto per loro, altri che non vedranno mai un
        euro.Secondo me tu sei completamente al di fuori da quel mondo che critichi tanto pesantemente.Soni sicuro che fai l'analista economico di mestiere per tirare fuori queste analisi vero !?!?:D
        - Scritto da: Anonimo

        Lavorare per il DRAGA è come lavorare in una

        fabbrica di mine.

        Semplicemente SQUALLIDO!!
  • Anonimo scrive:
    leggendo tuxjournal...
    ...mi sono imbattuto nella lettura del focus dell'editor proprio su questo argomento. Sono perfettamente d'accordo con lui.Dateci un'occhiata.http://tuxjournal.net/microsoft.html
    • Anonimo scrive:
      Re: leggendo tuxjournal...
      - Scritto da: Anonimo
      ...mi sono imbattuto nella lettura del focus
      dell'editor proprio su questo argomento. Sono
      perfettamente d'accordo con lui.

      Dateci un'occhiata.
      http://tuxjournal.net/microsoft.htmlUn po' ingenuo, il focus e' che MS ha paura dell'open source. Niente di nuovo, tutto trito, poco informato.
      • Anonimo scrive:
        Re: leggendo tuxjournal...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...mi sono imbattuto nella lettura del focus

        dell'editor proprio su questo argomento. Sono

        perfettamente d'accordo con lui.



        Dateci un'occhiata.

        http://tuxjournal.net/microsoft.html

        Un po' ingenuo, il focus e' che MS ha paura
        dell'open source. Niente di nuovo, tutto trito,
        poco informato.ma sensato
      • Anonimo scrive:
        Re: leggendo tuxjournal...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...mi sono imbattuto nella lettura del focus

        dell'editor proprio su questo argomento. Sono

        perfettamente d'accordo con lui.



        Dateci un'occhiata.

        http://tuxjournal.net/microsoft.html

        Un po' ingenuo, il focus e' che MS ha paura
        dell'open source. Niente di nuovo, tutto trito,
        poco informato.La banale verità :-). E' un nuovo modo di fare affari che alla MS fa paura e fanno bene ad averla; del resto nel '75 loro con un nuovo modo di fare affari han fatto fuori giganti del calibro di Xerox e IBM... La ruota che gira,nulla di nuovo.
        • Anonimo scrive:
          Re: leggendo tuxjournal...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ...mi sono imbattuto nella lettura del focus


          dell'editor proprio su questo argomento. Sono


          perfettamente d'accordo con lui.





          Dateci un'occhiata.


          http://tuxjournal.net/microsoft.html



          Un po' ingenuo, il focus e' che MS ha paura

          dell'open source. Niente di nuovo, tutto trito,

          poco informato.

          La banale verità :-). E' un nuovo modo di fare
          affari che alla MS fa paura e fanno bene ad
          averla; del resto nel '75 loro con un nuovo modo
          di fare affari han fatto fuori giganti del
          calibro di Xerox e IBM... La ruota che gira,nulla
          di nuovo.quei due da te nominati non mi pare che siano stati fatti fuori... al massimo hanno preso strade separate
          • Anonimo scrive:
            Re: leggendo tuxjournal...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            ...mi sono imbattuto nella lettura del focus



            dell'editor proprio su questo argomento.
            Sono



            perfettamente d'accordo con lui.







            Dateci un'occhiata.



            http://tuxjournal.net/microsoft.html





            Un po' ingenuo, il focus e' che MS ha paura


            dell'open source. Niente di nuovo, tutto
            trito,


            poco informato.



            La banale verità :-). E' un nuovo modo di fare

            affari che alla MS fa paura e fanno bene ad

            averla; del resto nel '75 loro con un nuovo modo

            di fare affari han fatto fuori giganti del

            calibro di Xerox e IBM... La ruota che
            gira,nulla

            di nuovo.

            quei due da te nominati non mi pare che siano
            stati fatti fuori... al massimo hanno preso
            strade separateDal mercato software ? Fortuna loro non si occupavano solo di quello.
    • Anonimo scrive:
      Re: leggendo tuxjournal...
      - Scritto da: Anonimo
      ...mi sono imbattuto nella lettura del focus
      dell'editor proprio su questo argomento. Sono
      perfettamente d'accordo con lui.

      Dateci un'occhiata.
      http://tuxjournal.net/microsoft.htmlma è l'ennesima rivista di lameroni on line per ragazzini anti-ms! (rotfl)
  • giallu scrive:
    Ha sempre mentito in passato...
    .. cosa vi fa pensare che non lo farà anche stavolta?http://www.eweek.com/article2/0,1759,1892080,00.asp
  • Anonimo scrive:
    paolucci, va ban a fer dal pugnat
    solo ora, che sono costretti a farlo,danno almeno l'impressione di cercaredi adottare un formato aperto, ma nessunoper ora ci crede, e tutti si aspettano il trucco
    • Anonimo scrive:
      Re: paolucci, va ban a fer dal pugnat
      - Scritto da: Anonimo
      solo ora, che sono costretti a farlo,
      danno almeno l'impressione di cercare
      di adottare un formato aperto, ma nessuno
      per ora ci crede, e tutti si aspettano il truccoquè al problema l'è che lo al manda nuetar a fer dal p... e intant al magna al tajadel... forse l'è mej smetar ad cumprer i so bagaj ad programa....Taca mo ad ander a la cmona ed bulogna e taca a dir che se se in la smetan ad druver di "formati closed" te ta ni peg piò al tas dal rosch!...E quand la cmona ed bulogna la smetrà ad druver i "formati closed" il Paolucci l'andra a fer dal p... sul seri!At salut bel ragazel.....Balanzone :)
  • Anonimo scrive:
    "Office ha sempre puntato su XML"
    Vi risulta? bo' :|
    • Anonimo scrive:
      Re: "Office ha sempre puntato su XML"
      - Scritto da: Anonimo
      Vi risulta? bo' :|Mi risulta. Office 2003 ha un supporto XML ottimo (Word, Excel, Forntpage, Visio, ecc. ecc.)! E in Office c'è un bellissimo form editor XML denominato Infopath che produce XML assolutamente standard. Accoppiato con Windows Sharepoint Services (WSS), presente standard su Windows 2003, hai una soluzione veramente interessante e poco costosa per gestire form (=moduli elettronici). Ho introdotto questi prodotti presso la mia azienda e presso diversi clienti ottenendo ottimi risultati e grande soddisfazione da parte degli utenti. OpenOffice ha il supporto xforms solo dalla versione 2 ma manca di alcune funzionalità e di tutta la parte server. In pratica hanno copiato poco e male.Suggerirei ai lettori di questo forum di dare una vera occhiata a Office Pro 2003 e WSS. Poi chiederei ai lettori di trovare una alternativa open source alla cosa. Se qualcuno mi trova questa alternativa sono disposto a prenderla in considerazione. Però fate in fretta: Office 12 sta arrivando con tutta una serie di funzionalità nuove a disposizione.
      • Anonimo scrive:
        Re: "Office ha sempre puntato su ...
        - Scritto da: Anonimo
        Office 12
        sta arrivando con tutta una serie di funzionalità
        nuove a disposizione.niente che mi serva , e comunque l'interfaccia migliore ce l'ha OpenOffice
        • Anonimo scrive:
          Re: "Office ha sempre puntato su ...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Office 12

          sta arrivando con tutta una serie di
          funzionalità

          nuove a disposizione.

          niente che mi serva , e comunque l'interfaccia
          migliore ce l'ha OpenOffice

          Con questa risposta hai dimostrato quanto sia basso il livello di certe obiezioni che dovrebbero spingere all'uso di OpenOffice.
        • Anonimo scrive:
          Re: "Office ha sempre puntato su ...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Office 12

          sta arrivando con tutta una serie di
          funzionalità

          nuove a disposizione.

          niente che mi serva , e comunque l'interfaccia
          migliore ce l'ha OpenOfficeMa OpenOffice non fa neppure quello che fa Office 2003 (che a me serve).
          • Anonimo scrive:
            Re: "Office ha sempre puntato su ...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Office 12


            sta arrivando con tutta una serie di


            funzionalità nuove a disposizione.

            niente che mi serva , e comunque l'interfaccia

            migliore ce l'ha OpenOffice
            Ma OpenOffice non fa neppure quello che fa Office
            2003 (che a me serve).Cioe' ?
          • Anonimo scrive:
            Re: "Office ha sempre puntato su ...
            Infopath, Sharepoint e le funzioni collaborative per Excel e Word.
      • Anonimo scrive:
        Re: "Office ha sempre puntato su XML"
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Vi risulta? bo' :|

        Mi risulta. Office 2003 ha un supporto XML ottimoAddirittura il 2003! Complimenti!Peccato che XML esiste da moooolto tempo prima (1998), quidi la frase :"Office ha sempre puntato su XML"è un pò FALSA!
      • Anonimo scrive:
        Re: "Office ha sempre puntato su XML"
        OpenOffice.org 2.0 produce form XML nello standard W3C XFORMS, quindi non c'è alcun bisogno di un supporto specifico sul server, basta usare uno qualsiasi dei prodotti già esistenti per gestirlo.Aggiungo inoltre che XFORMS sarà prestissimo disponibile su Firefox, quindi anche lato client siamo a posto.Questa è la vera potenza dei formati aperti!
        • Anonimo scrive:
          Re: "Office ha sempre puntato su XML"
          - Scritto da: Anonimo
          OpenOffice.org 2.0 produce form XML nello
          standard W3C XFORMS, quindi non c'è alcun bisogno
          di un supporto specifico sul server, basta usare
          uno qualsiasi dei prodotti già esistenti per
          gestirlo.Quali?Ed esiste un prodotto con le funzionalità di WSS?
      • Solvalou scrive:
        Re: "Office ha sempre puntato su XML"
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Vi risulta? bo' :|

        Mi risulta. Office 2003 ha un supporto XML ottimo
        (Word, Excel, Forntpage, Visio, ecc. ecc.)! Basta che non sia come il supporto html. Avevo provato a fare una pagina idiota su office (qualche riga di testo e una immagine) e a salvarla come html. Office mi ci ha salvato tonnellate di metadata inutile, parte della quale poteva essere messa in formato compatibile con gli standards web. Peggio delle schifezze che mettono altri editors come dreamweaver. Almeno, caspita, chiedimi se serve che il documento contenga formattazioni di office. Provare a pubblicare siffatte pagine in rete vuol dire sprecare dal 20 all'80% di banda in informazioni inutili.
  • Anonimo scrive:
    ma a che avete creduto, bugiardotti???
    avete creduto ai formati liberi tanto da fare del chiuso e proprietario DOC il centro del vostro mondo...non è vero niente che sarà libero da royalties perchè ci avete steso i vostri brevetti sopra...dire quali siano le speifiche NON VUOL DIRE fare un formato aperto, cari signori... imparate uan volta per tutte che la gente non è più tanto stupida come pensate...voi avete solo PAURA che tutti facciano come nel massachussets, che vi sbatterà la porta in faccia...al momento che vi vedrò abbracciare senza condizioni uno standard osi forse inizierò a ricredermi, ma per ora siete e rimarrete dei grossi BUGIARDI...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma a che avete creduto, bugiardotti?
      - Scritto da: Anonimo
      avete creduto ai formati liberi tanto da fare del
      chiuso e proprietario DOC il centro del vostro
      mondo...
      non è vero niente che sarà libero da royalties
      perchè ci avete steso i vostri brevetti sopra...
      dire quali siano le speifiche NON VUOL DIRE fare
      un formato aperto, cari signori... imparate uan
      volta per tutte che la gente non è più tanto
      stupida come pensate...
      voi avete solo PAURA che tutti facciano come nel
      massachussets, che vi sbatterà la porta in
      faccia...
      al momento che vi vedrò abbracciare senza
      condizioni uno standard osi forse inizierò a
      ricredermi, ma per ora siete e rimarrete dei
      grossi BUGIARDI...Si ma almeno così evitano di essere sbattuti fuori a priori dalla scelta dei formati nella PA: hai presente il massachussets? La stessa UE? Molti altri stati? Se tutti uno dopo l'altro pretendono formati aperti perché i dati siano sempre recuperabili in futuro, per Office è la fine. E se muore Office, per Microsoft, che ci crediate o no, è finita: con i ricavi di Windows devono coprire le perdite degli altri settori (Xbox ti dice nulla?), ai quali si aggiungerebbe Office stesso.
  • Anonimo scrive:
    Curioso
    "tenendo conto di criteri generali come la capacità di diffusione o la sensibilità verso i portatori di disabilità, spesso trascurati dall'open source, che non sempre offre su certi temi l'attenzione che noi cerchiamo di avere."Io (pigro per definizione) come ho visto un intervista di due pagine ho aperto konqueror e me lo sono fatto leggere da lui (festival+mbrola) :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: Curioso
      - Scritto da: Anonimo
      Io (pigro per definizione) come ho visto un
      intervista di due pagine ho aperto konqueror e me
      lo sono fatto leggere da lui (festival+mbrola)
      :-DNon so quanto tu possa aver capito con quella terribile voce robotica nelle orecchie :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Curioso

        Non so quanto tu possa aver capito con quella
        terribile voce robotica nelle orecchie :)È vero sì che festival di suo è abbastanza "rozzo" nel timbro di voce, ma è altrettanto vero che utilizzando sempre il motore di festival con la voce italiana sviluppata per mbrola le cose cambiano sufficentemente, almeno tanto da consentire di ascoltare un articolo e capirne chiaramente i contenuti.Un demo:http://www.pd.istc.cnr.it/FESTIVAL/home/demo-interactive.htmSempre nell'ambito del progetto:http://www.pd.istc.cnr.it/FESTIVAL/home/emotions.htmci sono dei demo sull'utilizzo di timbri vovcali caratterizzati da "emozioni", non li trovo più, speriamo che vada avanti questo studio perche è veramente "emozionante!"
  • Anonimo scrive:
    tutto e nulla
    Che dire, Paolucci ha detto tutto e nulla il tutto condito di qualche cazzata !!!!la piu' rilevante e' quando dice:" UP: Dobbiamo tenere conto non solo del futuro ma anche della valorizzazione dei documenti che già esistono, del passato: con OpenDocument perderemmo tutto il passato ed è quindi una strada che per ragioni tecniche non intendiamo perseguire. "Cioe', scusa, ma poter utilizzare OpenDocument butta fuori dalla finestra tutti gli altri formati ?Bisognerebbe spiegarlo a Mr Paolucci che un programma puo' anche leggere piu' formati, ma forse e' un po' troppo per lui e quindi preferisce sparar boiate :)
    • Anonimo scrive:
      Re: tutto e nulla
      a me quel che ha detto paolucci fa rivoltare lo stomaco, si sta parlando del futuro dell'umanita', m$ e' parte integrante di questo futuro, ma non le importa niente, deve fare soldi, se c'e' un idea migliore che non gli appartiene la combatte, altrimenti potrebbe portagli via soldi ... ricorda tanto la storia del latte, c'e' finito l'inchiostro, che facciamo lo buttiamo? no mettiamoci daccordo con l'italia, tanto i neonati non possono parlare ... secondo me ormai la m$ e' superflua, a me non serve, e mi fa solo perdere tempo per usare quelle due o tre cose incopatibili che le aziende pubbliche usano con disinvoltura, alla faccia del loro pubblico.
      • Anonimo scrive:
        Re: tutto e nulla
        anche secondo me, pero', adesso che ci penso, credi che lo butteranno quel latte o lo porteranno a cuba o in africa? tanto l'inchiostro e' innocuo, anzi aggiungerlo al latte dei neonati puo' portare ad un interesse verso la letteratura ... tipo w$ pezzent edition, i poveri possono aspettare.aspetta, aspetta ...(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: tutto e nulla
      - Scritto da: Anonimo
      Cioe', scusa, ma poter utilizzare OpenDocument
      butta fuori dalla finestra tutti gli altri
      formati ?
      Bisognerebbe spiegarlo a Mr Paolucci che un
      programma puo' anche leggere piu' formati, ma
      forse e' un po' troppo per lui e quindi
      preferisce sparar boiate :)Lo fa anche Office da tempo. Quindi penso che il problema non sia solamente leggere e scrivere in diversi formati. BTW le boiate non le spara solo lui ma anche un bel po' di altra gente che neppure conosce i prodotti di cui sparla. Mi piacerebbe sapere quanti su questo forum conoscono veramente Office Pro 2003.
      • Anonimo scrive:
        Re: tutto e nulla
        - Scritto da: Anonimo
        BTW le boiate non le spara solo lui ma anche un
        bel po' di altra gente che neppure conosce i
        prodotti di cui sparla. Mi piacerebbe sapere
        quanti su questo forum conoscono veramente Office
        Pro 2003.Dai Paolucci, potevi dirlo che avresti anche seguito il forum
      • Anonimo scrive:
        Re: tutto e nulla
        ok, sono daccordo, io, piu' di qualche hanno fa, ho fatto un corso in Office Automation, mi e' servito soprattutto a rendermi conto che con office si poteva fare di tutto e di piu', e che nessuno poteva conoscere approfonditamente piu' di uno o due applicativi della suite, lasciando perdere le interazioni tra la stessa e gli altri programmi, e nessuno poteva dire di conoscerla se non ci lavorava da almeno un anno intensivamente. Prima pensavo di conoscere word e excel, ma non sapevo che ci si poteva fare tutto.Ora non ho installato office, non mi serve piu' quella partizione sul mio computer, da tre anni, ho sempre usato open office e altri editor, e non ho nostalgia del passato.A che serve office adesso? a chi si ritrova prigioniero di acces o a chi non vuol sapere quali siano le alternative e i modi di conversione dei file piu' ostici? Costa molto e ti costringe a spendere ad intervalli regolari, non tutti hanno questa possibilita'. Se arrivera' questo formato aperto della m$, ok, ben venga, ma deve essere aperto davvero non come la solita promessa non mantenuta.
        BTW le boiate non le spara solo lui ma anche un
        bel po' di altra gente che neppure conosce i
        prodotti di cui sparla. Mi piacerebbe sapere
        quanti su questo forum conoscono veramente Office
        Pro 2003.
      • =Blackout= scrive:
        Re: tutto e nulla
        - Scritto da: Anonimo
        Lo fa anche Office da tempo. Quindi penso che il
        problema non sia solamente leggere e scrivere in
        diversi formati.

        BTW le boiate non le spara solo lui ma anche un
        bel po' di altra gente che neppure conosce i
        prodotti di cui sparla. Mi piacerebbe sapere
        quanti su questo forum conoscono veramente Office
        Pro 2003.non capisco assolutamente il perche scannarsi su queste cose cosi scontate e inutilipersonalmente m$ non vuol aprire i formati??? li apre??? non me ne puo fregare di MENO! l'importante e' che la smetta di ricattare i produttori e di fare la capostipite di una MAFIA dell'informaticapoi per me puo fallire, bruciare andare alla maloraper me m$ non esiste
  • Anonimo scrive:
    9 --
    la Suppostona GPL gli è arrivata dritta dritta su per le chiappette di culo di Mr Gheitz
  • localhost scrive:
    E ora vediamo chi la vince
    Se è vero, e se non succede qualche altro sotterfugio, a questo punto il confronto tra OpenOffice e MS Office potrà essere solo sulla qualità del software, non più sul formato dei fileSinceramente, sono sempre stato favorevole agli standard, che siano aperti o meno, almeno tutti sanno come sono fatti. Il prossimo passo è nei sistemi operativi. Con Linux Standard Base si sta facendo un potenziale ottimo lavoro.Forza Microsoft, a quando un Windows Standard Base??
    • frog scrive:
      Re: E ora vediamo chi la vince
      Quello che hai scritto mi piace molto!Non mi importa se Microsoft tiene chiusi i suoi codici. E' un loro diritto e chi ha bisogno del codice conosce le alternative.Ma il fatto di poter scegliere cosa ******usare***** e' fondamentale.Consentire le scelta di utilizzo, non imporre un obbligo.Se cosi' fosse, se mai ne avessi bisogno, sarei piu' che disposto a pagare per un software Micosoft, senza pensare " dove sta l' inc***ta.
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora vediamo chi la vince
      Concordo, ma difficilmente Microsoft potrà reggere il confronto del rapporto qualità prezzo, soprattutto per chi ha necessità di installare un prodotto Office su più di un computer (a partire dalla piccola azienda, fino alle grandi imprese e agli enti pubblici).Cioè: anche se MS Office fosse un po' migliore rispetto a OpenOffice, non sarebbe comunque vantaggioso. Potrebbe diventarlo se Microsoft rilasciasse licenze corporate al prezzo del prodotto singolo (e anche in quel caso bisognerebbe valutare quanto converrebbe, anche in considerazione degli aggiornamenti futuri).
      • Riot scrive:
        Re: E ora vediamo chi la vince
        - Scritto da: Anonimo
        Cioè: anche se MS Office fosse un po' migliore
        rispetto a OpenOffice, non sarebbe comunque
        vantaggioso. Potrebbe diventarlo se Microsoft
        rilasciasse licenze corporate al prezzo del
        prodotto singolo (e anche in quel caso
        bisognerebbe valutare quanto converrebbe, anche
        in considerazione degli aggiornamenti futuri).MS ha le risorse sia monetarie che umane per creare sistemi operativi e software di qualità superiore.Il problema è che non lo ha (volutamente) mai fatto ed è vissuta di rendita e pratiche commerciali al limite della legalità e oltre.MS non ha mai affrontato la concorrenza in modo pulito.Questo è il motivo per cui MS è tanto odiata.
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora vediamo chi la vince
      - Scritto da: localhost
      Se è vero, e se non succede qualche altro
      sotterfugio, a questo punto il confronto tra
      OpenOffice e MS Office potrà essere solo sulla
      qualità del software, non più sul formato dei
      fileMa perché tu hai veramente pensato che il problema della scarsa adozione di OpenOffice stesse nel formato dei file? Povero illuso.
      • Anonimo scrive:
        Re: E ora vediamo chi la vince
        - Scritto da: Anonimo
        Ma perché tu hai veramente pensato che il
        problema della scarsa adozione di OpenOffice
        stesse nel formato dei file? Povero illuso.No, sono nel monopolio, nella pigrizia e ignoranza degli utenti.Però adesso che qualche amministrazione pubblica si sta svegliando (più all'estero che in Italia), anche i formati hanno un peso rilevante.
      • pikappa scrive:
        Re: E ora vediamo chi la vince
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: localhost

        Se è vero, e se non succede qualche altro

        sotterfugio, a questo punto il confronto tra

        OpenOffice e MS Office potrà essere solo sulla

        qualità del software, non più sul formato dei

        file


        Ma perché tu hai veramente pensato che il
        problema della scarsa adozione di OpenOffice
        stesse nel formato dei file? Povero illuso.OpenOffice è un prodotto giovane, e già le differenze tra la vers 1 e la 2 sono abissali, rispetto ad office ha uno sviluppo molto + veloce, ma per molte cose non è ancora arrivato al suo livello (raggiunto in + di 15 anni di sviluppo ricordiamolo), il problema dell'adozione di OpenOffice è veramente il formato dei file, quando mi domandano di openoffice, nel 95% dei casi la domanda tipica è: "Li apro i documenti di office?"
      • Anonimo scrive:
        Re: E ora vediamo chi la vince
        - Scritto da: Anonimo
        Ma perché tu hai veramente pensato che il
        problema della scarsa adozione di OpenOffice
        stesse nel formato dei file? Povero illuso.Senz'altro. OpenOffice che riuscisse a lavorare bene con i formati di Office sarebbe semplicemente la fine per M$...Infatti dubito molto di questa supposta apertura... fino a prove concrete, per me si tratta solo di fumo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E ora vediamo chi la vince
      - Scritto da: localhost
      Se è vero, e se non succede qualche altro
      sotterfugio, a questo punto il confronto tra
      OpenOffice e MS Office potrà essere solo sulla
      qualità del software, non più sul formato dei
      file

      Sinceramente, sono sempre stato favorevole agli
      standard, che siano aperti o meno, almeno tutti
      sanno come sono fatti.

      Il prossimo passo è nei sistemi operativi. Con
      Linux Standard Base si sta facendo un potenziale
      ottimo lavoro.

      Forza Microsoft, a quando un Windows Standard
      Base??Le tue candide speranze somigliano molto a quelle di quegli ingenui che alla candidatura del nano alle elezioni si dicevano sicure che lui stesso mantenendo le promesse avrebbe risolto il conflitto di interessi ;)Lasciami eprimere un'opinione piu' pessimista sulla vicenda. Il fatto che adesso microsoft decida su supportare l'xml su office non garantisce che nel futuro non introduca nel suo codice chiuso modifiche proprietarie non documentate allo standard per spiazzare i concorrenti e creare una babele la dove ora c'e' un'unico limpido standard.L'ha gia fatto a suo tempo con l'html lo rifara' (se gli conviene) con l'xml.Stiamo coi piedi per terra, perche' come ho gia detto su questo forum, parafrasando una battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open come un serpente ama i conigli
      • Anonimo scrive:
        Re: E ora vediamo chi la vince
        ... aggiungerei anche con l'rtf chee' proprietario, ma aperto nella versione 1.0 ... a cui MS ha aggiunto "qualche" miglioria non documentata.
  • Anonimo scrive:
    crociata sull'HTML?
    Qualcuno mi illustra che cosa sarebbe stata?M.--http://numismatica-italiana.lamoneta.it
    • Michele Vivona scrive:
      Re: crociata sull'HTML?
      - Scritto da: Anonimo
      Qualcuno mi illustra che cosa sarebbe stata?Credo che non ne sia a conoscenza neanche l'intervistato stesso, appurato che la softwarehouse di Redmond ha cercato sempre (a volte riuscendoci) di forgiare standard noti per tagliare fuori i concorrenti.Le famose incompatibilità fra diversi browser, è nato proprio dal voler intraprendere questa strada.Sempre restando in tema, leggete: http://www.betanews.com/article/Microsoft_Proposes_RSS_Extension/1132687919
      • Anonimo scrive:
        Re: crociata sull'HTML?
        Proprio così: è disinformazione bella e buona.Microsoft gli standard non sa neanche dove stanno di casa.
        • Underpass scrive:
          Re: crociata sull'HTML?
          Probabilmente voleva dire "la crociata per la nostra versione dell'HTML"....
          • Anonimo scrive:
            Re: crociata sull'HTML?
            Mi sa che vi sbagliate: se non ricordo male MSS aveva appena capito che non potevano fare una Rete loro (MSN network mi pare) e non potendo dominare e dovendo inseguire volevano l'html aperto che allora era nelle mani di Netscape
          • Anonimo scrive:
            Re: crociata sull'HTML?
            - Scritto da: Anonimo
            Mi sa che vi sbagliate: se non ricordo male MSS
            aveva appena capito che non potevano fare una
            Rete loro (MSN network mi pare) e non potendo
            dominare e dovendo inseguire volevano l'html
            aperto che allora era nelle mani di Netscapesolo che poi invece di un HTML aperto ha fatto un suo HTML per spingere Internet Exploiter.
          • Anonimo scrive:
            Re: crociata sull'HTML?
            - Scritto da: Anonimo

            Mi sa che vi sbagliate: se non ricordo male MSS
            aveva appena capito che non potevano fare una
            Rete loro (MSN network mi pare) e non potendo
            dominare e dovendo inseguire volevano l'html
            aperto che allora era nelle mani di Netscape.. ma poi netscape è praticamente sparita in mezzo a aol, la microsoft ha chiesto di standardizzare i fogli di stile, ecma script, javascript, etc. salvo poi di dimenticarsi cosa avevano standardizzato. Visto che erano all'interno del consorsio w3c potevano opporsi e/o accettare compromessi.
          • Anonimo scrive:
            Re: crociata sull'HTML?
            Evitiamo di dire cose poco vere: il linguaggio javascript fu inventato da netscape, poi m$ lo adotto e lo mutò e non contenta lo ampliò per renderlo non solo linguaggio per il web ma anche per i SO. Il risultato? Un fiorire di bug sul Windows Scripting Host e virus su virus che aprivano windows come una simmental.Il problema del passato fu la dominazione in campo browser e quella la si combattè a suon di modifiche proprietarie al linguaggio html.Complimenti all'agente smith di turno, un ottimo esempio di revisionismo in piena regola :-D
  • Anonimo scrive:
    Un consiglio a Paolucci
    Abbandonare la barca prima che affonda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un consiglio a Paolucci
      Un consiglio a te........."che affondi"attenzione ai congiuntivi che ti prende la congiuntivite
      • Anonimo scrive:
        Re: Un consiglio a Paolucci
        - Scritto da: Anonimo
        Un consiglio a te.........


        "che affondi"

        attenzione ai congiuntivi che ti prende la
        congiuntiviteGià ce l' ho.
  • Anonimo scrive:
    non so..
    ...se credere alle belle parole, un po' mi puzzano queste coincidenze.Ma per una volta, "get the facts" ci sta bene: microsoft sta aprendo i formati, e ne stiamo guadagnando tutti, linux users e win users, chi se ne frega dei motivi!Certo sarebbe bello l'adozione di Opendocument, ma vabbe', un passettino alla volta...no troll, discussione seria, grazie.
    • liberx scrive:
      Re: non so..
      Sono d'accordo con te. Al di la' delle ideologie, infatti, i risultati ci sono: l'open source e i formati open hanno spinto M$ in nuovi territori. E questo e' un bene per tutti, inutile negarlo. Da parte mia sono convinto che non reggeranno ma sono felice che siano costretti in questa direzione finalmente...
      • Anonimo scrive:
        Re: non so..
        - Scritto da: liberx

        Sono d'accordo con te. Al di la' delle ideologie,
        infatti, i risultati ci sono: l'open source e i
        formati open hanno spinto M$ in nuovi territori.
        E questo e' un bene per tutti, inutile negarlo.
        Da parte mia sono convinto che non reggeranno ma
        sono felice che siano costretti in questa
        direzione finalmente..."non reggeranno" ?cosa, chi?stai scherzando, vero?se non stai scherzando, non hai idea di cosa sia microsoft
        • frog scrive:
          Re: non so..
          - Scritto da: Anonimo

          "non reggeranno" ?
          cosa, chi?
          stai scherzando, vero?
          se non stai scherzando, non hai idea di cosa sia
          microsoftCredo intendesse: non reggeranno ad aprire il codice...nel senso, non lo faranno a lungo
        • =Blackout= scrive:
          Re: non so..
          - Scritto da: Anonimo

          "non reggeranno" ?
          cosa, chi?
          stai scherzando, vero?
          se non stai scherzando, non hai idea di cosa sia
          microsoftahahahacosa e' microsoft? una azienda cresciuta con gli ormoni dell'illegalita.. se non sai i fatti... DOCUMENTATIci sono ... oggi come oggi.. altre concorrenti MOLTO molto forti e m$ ormai e' alle strette.. e poi ricordate il detto indiano, "le potenze si susseguono come le onde".. e per m$ siano nella fase calante
        • Anonimo scrive:
          Re: non so..

          "non reggeranno" ?
          cosa, chi?
          stai scherzando, vero?
          se non stai scherzando, non hai idea di cosa sia
          microsoftStai calmo tesoro, ti agiti perchè se la prendono con mammina?
      • Anonimo scrive:
        Re: non so..
        - Scritto da: liberx

        Sono d'accordo con te. Al di la' delle ideologie,
        infatti, i risultati ci sono: l'open source e i
        formati open hanno spinto M$ in nuovi territori.E Java! Non dimenticatevi di Java!
    • Anonimo scrive:
      Re: non so..
      - Scritto da: Anonimo
      no troll, discussione seria, grazie.Non può esserci discussione seria trattandosi di microsoft.
      • liberx scrive:
        Re: non so..

        Non può esserci discussione seria trattandosi di
        microsoft.Io temo invece che trattandosi di una societa' cosi' enorme con capitali cosi' enormi qualsiasi cosa la riguardi sia estramamente seria. Qualsiasi sottovalutazione mi sembra invece davvero ingenua.
    • numerone scrive:
      Re: non so..
      - Scritto da: Anonimo
      ...se credere alle belle parole, un po' mi
      puzzano queste coincidenze.

      Ma per una volta, "get the facts" ci sta bene:
      microsoft sta aprendo i formati, e ne stiamo
      guadagnando tutti, linux users e win users, chi
      se ne frega dei motivi!

      Certo sarebbe bello l'adozione di Opendocument,
      ma vabbe', un passettino alla volta...

      no troll, discussione seria, grazie.Indubbiamente questo passo è un passo molto importante in nome dell'interoperabilità e qualunque siano stati i motivi per come sono state presentate le cose i vantaggi per tutto il mondo informatico sono innegabili.In ogni caso l'esperienza insegna: timeo danaos ac dona ferentes...
    • matteo.moro scrive:
      Re: non so..
      - Scritto da: Anonimo

      Ma per una volta, "get the facts" ci sta bene:
      microsoft sta aprendo i formati, e ne stiamo
      guadagnando tutti, linux users e win users, chi
      se ne frega dei motivi!
      Al di là di windows/linux, che in questa discussione c'entra poco (il tema sono le suite da ufficio, non i sistemi operativi), il fatto che Microsoft decida di utilizzare finalmente un formato aperto e documentato mi permetterà di proporre ancora meglio OpenOffice (che immagino sarà tra i primi a supportare *anche* questi nuovi formati).Tutto questo sperando che il nuovo Office12 sia impostato per utilizzare OpenXML come default.ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net
    • iced scrive:
      Re: non so..
      - Scritto da: Anonimo
      ...se credere alle belle parole, un po' mi
      puzzano queste coincidenze.

      Ma per una volta, "get the facts" ci sta bene:
      microsoft sta aprendo i formati, e ne stiamo
      guadagnando tutti, linux users e win users, chi
      se ne frega dei motivi!
      Come dice qualcun altro, l'esperienza insegna. Nel passato tutto quello che MS ha abbracciato l'ha stretto così forte fino a farlo soffocare. Mi spiego meglio: ha abbracciato Java e Javascript, e poi ha fatto delle estensioni "proprie" totalmente fuori standard, così da far fuori la concorrenza. Stessa cosa per le estensioni proprie di HTML. Chi è più esperto potrà fare anche altri esempi.L'adozione di standard aperto da parte di MS, potrebbe essere il primo passo di MS per poi farne un "suo" standard, con estensioni "proprie". Voi che ne dite?ciao, iced
      • matteo.moro scrive:
        Re: non so..


        Come dice qualcun altro, l'esperienza insegna.
        Nel passato tutto quello che MS ha abbracciato
        l'ha stretto così forte fino a farlo soffocare.
        [...]
        L'adozione di standard aperto da parte di MS,
        potrebbe essere il primo passo di MS per poi
        farne un "suo" standard, con estensioni
        "proprie". Voi che ne dite?
        Mah, in questo caso Microsoft ha creato (sta creando) un suo formato, quindi non dovrebbe esserci il pericolo che un formato esistente venga "arricchito" con estensioni proprietarie.Le cose importanti, secondo me, sono che:- i formati siano documentati;- i formati siano *liberamente* utilizzabili da terze parti;- i software (microsoft e non) che utilizzano questi formati rispettino le specifiche del formato senza inserire *volontariamente* delle modifiche per impedirne il corretto utilizzo da parte di altri software.ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net==================================Modificato dall'autore il 25/11/2005 13.39.02
      • Anonimo scrive:
        Re: non so..
        beh se si unisce questa "open" di windows con il sistema operativo di prossima uscita Microsoft Vista, che sarà forse(o sicuramente dipende dai punti di vista) PALLADIUM!! e chi è del settore sa cosa voglia dire!!Sembra proprio che i furbastri della Microsoft vogliano "aprire" i veli dell'office... beh se il nuovo sistema operativo sarà palladium mi sa che questa nuova uscita sarà solamente una messa in scenda dato che tutti gli altri programmi, che non siano certificati con Vista non si potranno installare e di conseguenza.... dalla padella alla brace... monopolio sempre!che ne pensate? :s
  • Anonimo scrive:
    Microsoft non sarà mai open source
    perchè ricordiamoloopen == free quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa come guadagnare soldi e pagare i programmatori noi open sourcisti non lo accetteremo mai
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft non sarà mai open source
      - Scritto da: Anonimo
      perchè ricordiamolo
      open == free
      quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa
      come guadagnare soldi e pagare i programmatori
      noi open sourcisti non lo accetteremo maitu non sei un open sourcistaopen non vuol dire gratis, e' la base della gnumamma miache tocca sentire. non sai i fondamentalio pensi che red hat sia una ditta di panini ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        ci cascate sempre.Comunque a mio avviso open==gratis (anzi ===)l'open favorisce il fenomeno gratis,perchè codice alla mano non devi neanche crackare se ti ci mettessero mai una protezione. La gnu poi non dice che io posso fare ciò che voglio purchè le modifiche siano pubbliche? Comunque per la cronaca red hat vende servizi, l'OS è solo il contorno. E' in pratica una ditta che regala auto e vende corsi di guida e riparazioni.open == gratis, anche per voi linari visto che una frase che vi scappa sempre (è gratis). Cosa interessa ad un impiegato se il codice si vede o no? L'unica differenza è il prezzo, chi dice il contrario è un pollo o un furbo
        tu non sei un open sourcista

        open non vuol dire gratis, e' la base della gnu

        mamma mia
        che tocca sentire.
        non sai i fondamentali

        o pensi che red hat sia una ditta di panini ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo
          ci cascate sempre.
          Comunque a mio avviso open==gratis (anzi ===)e sbagli. scusa ma sbagli. open source non e' questione di prezzo, e anzi.. il corso delle cose lo dimostrale aziende si spostano verso l open source perche' e' li che girano i soldi. e tu comprerai office2006 open.
          l'open favorisce il fenomeno gratise che e' ? < ,perchè codice
          alla mano non devi neanche crackare se ti ci
          mettessero mai una protezione. La gnu poi non
          dice che io posso fare ciò che voglio purchè le
          modifiche siano pubbliche? Comunque per la
          cronaca red hat vende servizi, l'OS è solo il
          contorno.mamma mia quante ne sai eh :) :) :)vatti a vedere cosa vende la red hat , < E' in pratica una ditta che regala auto
          e vende corsi di guida e riparazioni.ma no regala le auto e poi vende cacciaviti. diciamole ancora piu grosse daiiiiiiii
          open == gratis, anche per voi linari visto che
          una frase che vi scappa sempre (è gratis). Cosa
          interessa ad un impiegato se il codice si vede o
          no? L'unica differenza è il prezzo, chi dice il
          contrario è un pollo o un furbo o qualcuno che non sa quel che scrive.. free as free speech not as a free beeri F O N D A M E N T A L I !
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            si, al massimo paghi per la scatola. Quasi tutte le distro sono gratis (anche Suse se non sbaglio). Tutto il software open che fa successo è gratis (open office, firefox). Open source == gratis anche se non vogliono ammetterlo. Se i prodotti open costassero quanto i closed non se li filerebbe nessuno. Queste aziende basano la loro economia sui servizi e l'assistenza. Il software di per se è gratis ed il solo fatto di avere il codice permette chiunque di fare addirittura concorrenza a chi l'ha creato.open== freeè e resterà così - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            ci cascate sempre.

            Comunque a mio avviso open==gratis (anzi ===)

            e sbagli.
            scusa ma sbagli.
            open source non e' questione di prezzo, e anzi..
            il corso delle cose lo dimostra

            le aziende si spostano verso l open source
            perche' e' li che girano i soldi. e tu comprerai
            office2006 open.


            l'open favorisce il fenomeno gratis

            e che e' ?

            < ,perchè codice

            alla mano non devi neanche crackare se ti ci

            mettessero mai una protezione. La gnu poi non

            dice che io posso fare ciò che voglio purchè le

            modifiche siano pubbliche? Comunque per la

            cronaca red hat vende servizi, l'OS è solo il

            contorno.

            mamma mia quante ne sai eh :) :) :)
            vatti a vedere cosa vende la red hat ,

            < E' in pratica una ditta che regala auto

            e vende corsi di guida e riparazioni.

            ma no regala le auto e poi vende cacciaviti.

            diciamole ancora piu grosse daiiiiiiii


            open == gratis, anche per voi linari visto che

            una frase che vi scappa sempre (è gratis). Cosa

            interessa ad un impiegato se il codice si vede o

            no? L'unica differenza è il prezzo, chi dice il

            contrario è un pollo o un furbo

            o qualcuno che non sa quel che scrive..

            free as free speech not as a free beer

            i F O N D A M E N T A L I !
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo
            si, al massimo paghi per la scatola. Quasi tutte
            le distro sono gratis (anche Suse se non
            sbaglio). Tutto il software open che fa successo
            è gratis (open office, firefox). Open source ==
            gratis anche se non vogliono ammetterlo. Se i
            prodotti open costassero quanto i closed non se
            li filerebbe nessuno. Queste aziende basano la
            loro economia sui servizi e l'assistenza. Il
            software di per se è gratis ed il solo fatto di
            avere il codice permette chiunque di fare
            addirittura concorrenza a chi l'ha creato.L'unica affermazione corretta è l'ultima.La GPL non impedisce infatti la commercializzazione dei software, ma impone che vengano forniti i sorgenti insieme agli eseguibili. Chi compra, a questo punto, può modificare e redistribuire i risultati secondo gli stessi termini di licenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source

            L'unica affermazione corretta è l'ultima.
            La GPL non impedisce infatti la
            commercializzazione dei software, ma impone che
            vengano forniti i sorgenti insieme agli
            eseguibili. Chi compra, a questo punto, può
            modificare e redistribuire i risultati secondo
            gli stessi termini di licenza.La GPL dice che tu puoi chiedere soldi per distribuire un programma ma non puoi pretendere che chi lo riceve non lo dia a nessuno = venderai almeno una copia il resto e' gratis. Mettiamocelo bene in testa: GPL = gratis. Redhat vende fondamentalmente servizi. Does the GPL allow me to require that anyone who receives the software must pay me a fee and/or notify me? No. In fact, a requirement like that would make the program non-free. If people have to pay when they get a copy of a program, or if they have to notify anyone in particular, then the program is not free. See the definition of free software. The GPL is a free software license, and therefore it permits people to use and even redistribute the software without being required to pay anyone a fee for doing so.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo


            L'unica affermazione corretta è l'ultima.

            La GPL non impedisce infatti la

            commercializzazione dei software, ma impone che

            vengano forniti i sorgenti insieme agli

            eseguibili. Chi compra, a questo punto, può

            modificare e redistribuire i risultati secondo

            gli stessi termini di licenza.

            La GPL dice che tu puoi chiedere soldi per
            distribuire un programma ma non puoi pretendere
            che chi lo riceve non lo dia a nessuno = venderai
            almeno una copia il resto e' gratis.

            Mettiamocelo bene in testa: GPL = gratis. Redhat
            vende fondamentalmente servizi.

            Does the GPL allow me to require that anyone who
            receives the software must pay me a fee and/or
            notify me?
            No. In fact, a requirement like that would make
            the program non-free. If people have to pay when
            they get a copy of a program, or if they have to
            notify anyone in particular, then the program is
            not free. See the definition of free software.
            The GPL is a free software license, and therefore
            it permits people to use and even redistribute
            the software without being required to pay anyone
            a fee for doing so.
            Capire quello che si legge :-) : il fatto che non obblighi (must,have to...) a farsi pagare non vuol dire che non ti permetta di farlo,semplicemente si può scegliere, per questo è free nel senso di libero non gratis. L'unico obbligo è quello di dare i sorgenti eventualmente a pago. Tanto per fare un esempio la Linspire la paghi, la xandros solo di recente ha distribuito una versione gratis idem libranet, per non parlare di SUSE.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            sveglia,se non c'è obbligo di pagare chi è il fesso che paga?
            Capire quello che si legge :-) : il fatto che non
            obblighi (must,have to...) a farsi pagare non
            vuol dire che non ti permetta di
            farlo,semplicemente si può scegliere, per questo
            è free nel senso di libero non gratis. L'unico
            obbligo è quello di dare i sorgenti eventualmente
            a pago. Tanto per fare un esempio la Linspire la
            paghi, la xandros solo di recente ha distribuito
            una versione gratis idem libranet, per non
            parlare di SUSE.
          • dudados scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo
            sveglia,
            se non c'è obbligo di pagare chi è il fesso che
            paga?
            Mai sentito parlare di donazioni, paypal etc...? Allora anche chi versa l'8 per mille è un fesso, a parer tuo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            hahahahaha si vive bene con le elemosina
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            cioè, io un programmatore devo campare di carità?ma che razza di società voleve voi open sourcisti?
            Mai sentito parlare di donazioni, paypal etc...?
            Allora anche chi versa l'8 per mille è un fesso,
            a parer tuo.purtroppo è una legge voluta dalla più grande dittatura del mondo, la Chiesa
          • dudados scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo
            purtroppo è una legge voluta dalla più grande
            dittatura del mondo, la Chiesa???Beninteso, non mi sento cattolico né pro-clericale, anzi... ma quella dell'8%o non mi sembra una legge, né tantomeno dittatoriale... cmq, basta così che andiamo ben ooooltre l'OT.Per restare IT (più o meno), invece, che ne dite di come sono pagati i dipendenti italiani (contratti a progetti, cococo - chicchirichì - etc... ). Il precariato non vi pare una forma di elemosina?
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source

            Per restare IT (più o meno), invece, che ne dite
            di come sono pagati i dipendenti italiani
            (contratti a progetti, cococo - chicchirichì -
            etc... ). Il precariato non vi pare una forma di
            elemosina?nonostante questa cosa sia orribile non è elemosina, alla fine si viene pagati per fare un lavoro, che poi finito il lavoro si viene buttati fuori o non sia ha sicurezza se il prossimo mese si continua a lavorare è un altro discorso ma non elemosina. Elemosina sono i banner open source
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo

            Per restare IT (più o meno), invece, che ne dite

            di come sono pagati i dipendenti italiani

            (contratti a progetti, cococo - chicchirichì -

            etc... ). Il precariato non vi pare una forma di

            elemosina?
            nonostante questa cosa sia orribile non è
            elemosina, alla fine si viene pagati per fare un
            lavoro, che poi finito il lavoro si viene buttati
            fuori o non sia ha sicurezza se il prossimo mese
            si continua a lavorare è un altro discorso ma non
            elemosina.
            Elemosina sono i banner open sourceMa quali banner ? l'open source è un modello di sviluppo vincente altro che carità.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo
            sveglia,
            se non c'è obbligo di pagare chi è il fesso che
            paga?



            Capire quello che si legge :-) : il fatto che
            non

            obblighi (must,have to...) a farsi pagare non

            vuol dire che non ti permetta di

            farlo,semplicemente si può scegliere, per questo

            è free nel senso di libero non gratis. L'unico

            obbligo è quello di dare i sorgenti
            eventualmente

            a pago. Tanto per fare un esempio la Linspire la

            paghi, la xandros solo di recente ha distribuito

            una versione gratis idem libranet, per non

            parlare di SUSE.Non c'è obbligo di FAR pagare, non di pagare, passi l'inglese ma almeno l'italiano :) . Ci sono distro linux a pagamento se le ritieni più semplici da usare, e spesso lo sono, paghi e basta non è che scegli.
          • Anonimo scrive:
            Re: come dal meccanico
            - Scritto da: Anonimo
            L'unico obbligo è quello di dare i sorgenti
            eventualmente a pago. penso che sia calzante l'esempio dell'automobilecol codice proprietario è come se il cofano dell'auto fosse apribile solo dal meccanico FIAT col codice aperto le mani nel motore (il codice) le può mettere anche il meccanico non convenzionatoi diritti sui codici sono cedibili a pagamento e il proprietario li mostra solo quando gli serveinsomma più che codice aperto parlerei di assistenza libera==================================Modificato dall'autore il 05/12/2005 7.42.00
          • carobeppe scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            Quasi tutte le distro sono gratis (anche Suse se non sbaglio).Suse (la distro che uso io) è in tre edizioni, la Eval (gratuita e abbastanza fornita, è su 1 DVD), OpenSuse (gratuita ma depurata da software non OSS come Flash player, Real player...), su 5 CD, e Professional, commerciale fornita di tutti (2DVD e manuali). Io uso la eval e mi ci trovo veramente bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: carobeppe
            Quasi tutte le distro sono gratis (anche Suse se
            non sbaglio).

            Suse (la distro che uso io) è in tre edizioni, la
            Eval (gratuita e abbastanza fornita, è su 1 DVD),
            OpenSuse (gratuita ma depurata da software non
            OSS come Flash player, Real player...), su 5 CD,
            e Professional, commerciale fornita di tutti
            (2DVD e manuali). Io uso la eval e mi ci trovo
            veramente bene.La SUSE fino alla 9 esisteva solo in edizione a pagamento , niente ISO, al max c'era l'installazione via ftp. La gratuità non è una richiesta della GPL ma una scelta di chi gestisce le distribuzioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            domanda, se io compravo una versione di suse e installavo su 100 pc commetto illecito?se io prendo una versione di suse a pagamento, modifico una cavolata e la distribuisco come nuova distro (ovviamente metto il codice) commetto illecito?
            La SUSE fino alla 9 esisteva solo in edizione a
            pagamento , niente ISO, al max c'era
            l'installazione via ftp. La gratuità non è una
            richiesta della GPL ma una scelta di chi
            gestisce le distribuzioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            - Scritto da: Anonimo
            domanda, se io compravo una versione di suse e
            installavo su 100 pc commetto illecito?
            se io prendo una versione di suse a pagamento,
            modifico una cavolata e la distribuisco come
            nuova distro (ovviamente metto il codice)
            commetto illecito?



            La SUSE fino alla 9 esisteva solo in edizione a

            pagamento , niente ISO, al max c'era

            l'installazione via ftp. La gratuità non è una

            richiesta della GPL ma una scelta di chi

            gestisce le distribuzioni.No, non commettevi illecito per decisione di SUSE stessa. Del resto il metodo repressivo non ha mai funzionato basta guardare come si sono diffusi i software closed windows in testa...
        • alex.tg scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source

          Comunque a mio avviso open==gratis (anzi ===)
          l'open favorisce il fenomeno gratis,perchè codice
          alla mano non devi neanche crackare se ti ci
          mettessero mai una protezione. La gnu poi non
          dice che io posso fare ciò che voglio purchè le
          modifiche siano pubbliche?L'open piu` che altro toglie limitazioni posticce a un'entita`, come un programma odierno, che non puo` essere protetta in modo efficace cosi` com'e`. Il fatto di distribuire o meno il codice non ferma i "crackers": chiuderlo rallenta la forzatura di una protezione, e di fatto da` senso al ruolo del "cracker". Ma un sorgente compilato e` pur sempre un sorgente visibile... nella sua forma compilata. Le protezioni convenzionali spesso si risolvevano in un semplice salto condizionato: esegui si`, esegui no. Al "cracker" di turno non restava nella maggior parte dei casi che rimpiazzarlo con un salto incondizionato: esegui sempre.
          open == gratis, anche per voi linari visto che
          una frase che vi scappa sempre (è gratis). Cosa
          interessa ad un impiegato se il codice si vede o
          no? L'unica differenza è il prezzo, chi dice il
          contrario è un pollo o un furboBe', c'e` pur sempre la manualistica cartacea e il supporto tecnico, ma in effetti e` un settore per forza arido in termini di quattrini. Ma... da un po' di anni secondo me e` questa la fisiologia del software: un campo che prometteva falsamente di essere una miniera d'oro.Invece, a ben vedere, forse la miniera non c'e` mai stata. E non e` colpa della visibilita` o meno del sorgente: casomai e` "colpa" dell'esistenza di internet. Quando ero "piu` giovane di ora" si andava ai negozi che noleggiavano videogiochi, si noleggiava un gioco per un giorno, e poi chiaramente si copiava e gli si riportava: nessuno si prefigurava di giocarci solo per un giorno. Gli applicativi si trovavano a scuola e li si portava tranquillamente via: la scuola li comprava, gli studenti favorivano gratis e spargevano l'emorragia di copie pirata a amici e conoscenti. E` sempre stato cosi`: internet pero` dovrebbe aver accelerato le duplicazioni illecite, e un mercato piu` grande non ce la fa a reggersi.L'open e` adottato da diverse aziende come quelle che distribuiscono Linux, mi sa, piu` che per un "va be' tanto ormai" che per un "voglio fare il generoso", mentre il modo di guadagnarci si e` spostato su altre cose che non possono essere cosi` facilmente duplicate: manuali cartacei voluminosi, persone che forniscono servizi di supporto (RedHat, SuSE ecc...), e su... cose come Google Earth, con un database di fatto induplicabile, del tutto fuori dalla portata dell'utente. Oppure con database che non vengono forniti all'utente ma fruiti on-line, mentre all'utente si da` (gratis e volentieri) solo il programma che funge da visore per i contenuti e/o strumento per modificare i contenuti.In conclusione io non mi stupirei molto della decisione di MS... se avessi ragione, farebbe parte dei tempi che cambiano. Forse hanno semplicemente deciso che il closed non rende piu` come una volta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source
            come hai fatto a fare una elaborazione cosi complessa alle 4 del mattino lo sai solo te... ..straquoto in pieno!- Scritto da: alex.tg

            Comunque a mio avviso open==gratis (anzi ===)

            l'open favorisce il fenomeno gratis,perchè
            codice

            alla mano non devi neanche crackare se ti ci

            mettessero mai una protezione. La gnu poi non

            dice che io posso fare ciò che voglio purchè le

            modifiche siano pubbliche?

            L'open piu` che altro toglie limitazioni posticce
            a un'entita`, come un programma odierno, che non
            puo` essere protetta in modo efficace cosi`
            com'e`. Il fatto di distribuire o meno il codice
            non ferma i "crackers": chiuderlo rallenta la
            forzatura di una protezione, e di fatto da` senso
            al ruolo del "cracker". Ma un sorgente compilato
            e` pur sempre un sorgente visibile... nella sua
            forma compilata. Le protezioni convenzionali
            spesso si risolvevano in un semplice salto
            condizionato: esegui si`, esegui no. Al "cracker"
            di turno non restava nella maggior parte dei casi
            che rimpiazzarlo con un salto incondizionato:
            esegui sempre.


            open == gratis, anche per voi linari visto che

            una frase che vi scappa sempre (è gratis). Cosa

            interessa ad un impiegato se il codice si vede o

            no? L'unica differenza è il prezzo, chi dice il

            contrario è un pollo o un furbo

            Be', c'e` pur sempre la manualistica cartacea e
            il supporto tecnico, ma in effetti e` un settore
            per forza arido in termini di quattrini. Ma... da
            un po' di anni secondo me e` questa la fisiologia
            del software: un campo che prometteva falsamente
            di essere una miniera d'oro.

            Invece, a ben vedere, forse la miniera non c'e`
            mai stata. E non e` colpa della visibilita` o
            meno del sorgente: casomai e` "colpa"
            dell'esistenza di internet. Quando ero "piu`
            giovane di ora" si andava ai negozi che
            noleggiavano videogiochi, si noleggiava un gioco
            per un giorno, e poi chiaramente si
            copiava e gli si riportava: nessuno si
            prefigurava di giocarci solo per un giorno. Gli
            applicativi si trovavano a scuola e li si portava
            tranquillamente via: la scuola li comprava, gli
            studenti favorivano gratis e spargevano
            l'emorragia di copie pirata a amici e conoscenti.
            E` sempre stato cosi`: internet pero` dovrebbe
            aver accelerato le duplicazioni illecite, e un
            mercato piu` grande non ce la fa a reggersi.

            L'open e` adottato da diverse aziende come quelle
            che distribuiscono Linux, mi sa, piu` che per un
            "va be' tanto ormai" che per un "voglio fare il
            generoso", mentre il modo di guadagnarci si e`
            spostato su altre cose che non possono essere
            cosi` facilmente duplicate: manuali cartacei
            voluminosi, persone che forniscono servizi di
            supporto (RedHat, SuSE ecc...), e su... cose come
            Google Earth, con un database di fatto
            induplicabile, del tutto fuori dalla portata
            dell'utente. Oppure con database che non vengono
            forniti all'utente ma fruiti on-line, mentre
            all'utente si da` (gratis e volentieri) solo il
            programma che funge da visore per i contenuti e/o
            strumento per modificare i contenuti.

            In conclusione io non mi stupirei molto della
            decisione di MS... se avessi ragione, farebbe
            parte dei tempi che cambiano. Forse hanno
            semplicemente deciso che il closed non rende piu`
            come una volta. ;) ;) ;) ;)
          • alex.tg scrive:
            Re: Microsoft non sarà mai open source

            come hai fatto a fare una elaborazione cosi
            complessa alle 4 del mattino lo sai solo te... heh... per lo stesso motivo per cui non ho potuto essere qui a leggere le risposte alle 10 del mattino del giorno dopo. Alle 4 avevo appena finito di "cenare"... ma se penso che lunedi` devo essere in un posto alle 11 di mattina, non so in che stato ci arrivero`. Comunque, di elaborazione "sul momento" ne ho fatta poca: erano impressioni che avevo gia` elaborato da tempo e in massima parte mi sono limitato a riversarle nel post. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        - Scritto da: Anonimo
        open non vuol dire gratis, e' la base della gnu

        mamma mia
        che tocca sentire.
        non sai i fondamentaliBe' oddio anche tu sbagli comunque. Primo perché rispondi a un troll e lo sanno anche i sassi che non bisogna farlo, perché altrimenti fai il loro stesso gioco (don't feed the troll è ancora attuale).Secondo il progetto GNU non usa la parola Open, ma Free perché non vuole essere confuso con il movimento Open Source.
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo
          Secondo il progetto GNU non usa la parola Open,
          ma Free perché non vuole essere confuso con il
          movimento Open Source.Mi hai tolto le parole di bocca.Che senso avrebbe la distinzione Free Software vs. Open Source se fossero sostanzialmente uguali?
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        - Scritto da: Anonimo

        o pensi che red hat sia una ditta di panini ? No. Lo sanno tutti che è una ditta di cappelli.
    • localhost scrive:
      Re: Microsoft non sarà mai open source
      Uffa, con questi troll..."open sourcisti"... inventala meglio, va...- Scritto da: Anonimo
      perchè ricordiamolo
      open == free
      quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa
      come guadagnare soldi e pagare i programmatori
      noi open sourcisti non lo accetteremo mai
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        - Scritto da: localhost
        Uffa, con questi troll...

        "open sourcisti"... inventala meglio, va...
        e poi suona meglio OPEN SORCINI !!!! :D :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        facente uso di open sourceopen sourcistiopen sourciariopen sourcersdimmi quale preferisci- Scritto da: localhost
        Uffa, con questi troll...

        "open sourcisti"... inventala meglio, va...

        - Scritto da: Anonimo

        perchè ricordiamolo

        open == free

        quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa

        come guadagnare soldi e pagare i programmatori

        noi open sourcisti non lo accetteremo mai
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo
          facente uso di open source
          open sourcisti
          open sourciari
          open sourcers

          dimmi quale preferisci


          - Scritto da: localhost

          Uffa, con questi troll...



          "open sourcisti"... inventala meglio, va...



          - Scritto da: Anonimo


          perchè ricordiamolo


          open == free


          quindi finchè microsoft farà una cosa
          vergognosa


          come guadagnare soldi e pagare i programmatori


          noi open sourcisti non lo accetteremo maiOppure suona bene anche: linari redhattari paninari/cappellari cantinari
        • dudados scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo
          facente uso di open source
          open sourcisti
          open sourciari
          open sourcers

          dimmi quale preferiscifruitore/sviluppatore di codice aperto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft non sarà mai open source
      - Scritto da: Anonimo
      perchè ricordiamolo
      open == free
      quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa
      come guadagnare soldi e pagare i programmatori
      noi open sourcisti non lo accetteremo maiguarda che qui si sta' parlando solo di un formato open e non del codice di officeinoltre open != free esistono molte applicazioni open a pagamentola cosa vergognosa da aspettarsi invece e' che succeda quello che e' successo con l'html, il simpaticone intervistato millanta:"Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte degli standard aperti, basti pensare alla crociata che conducemmo sull'HTML"ma non spiega che tipo di crociata, una crociata mirata a inserire nuove funzionalita' non standard per rafforzare la posizione di monopolio di IEe' facile immaginare che faranno lo stesso con l'XML, creeranno una babele di modifiche proprietarie allo standard, non appena ne avranno la possibilita', per rafforzare la posizione di dominio di officee tutto cio' e' ovvio perche', parafrasando una battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open con un serpente ama i conigli
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        - Scritto da: Anonimo
        e tutto cio' e' ovvio perche', parafrasando una
        battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open con
        un serpente ama i conigli
        Bene ora pero ruzzola in grotta Trollteo
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          e tutto cio' e' ovvio perche', parafrasando una

          battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open con

          un serpente ama i conigli



          Bene ora pero ruzzola in grotta TrollteoFiniti gli argomenti? Sei scarsino.
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft non sarà mai open source
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        perchè ricordiamolo

        open == free

        quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa

        come guadagnare soldi e pagare i programmatori

        noi open sourcisti non lo accetteremo mai

        guarda che qui si sta' parlando solo di un
        formato open e non del codice di office

        inoltre open != free esistono molte applicazioni
        open a pagamento

        la cosa vergognosa da aspettarsi invece e' che
        succeda quello che e' successo con l'html, il
        simpaticone intervistato millanta:

        "Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte
        degli standard aperti, basti pensare alla
        crociata che conducemmo sull'HTML"

        ma non spiega che tipo di crociata, una crociata
        mirata a inserire nuove funzionalita' non
        standard per rafforzare la posizione di monopolio
        di IE
        e' facile immaginare che faranno lo stesso con
        l'XML, creeranno una babele di modifiche
        proprietarie allo standard, non appena ne avranno
        la possibilita', per rafforzare la posizione di
        dominio di officemi viene difficile pensare a modifiche proprietare all'xml dal momento che è una struttura già si per se aperta e/o libera sai? mi viene anche difficile pensare che tu sappia anche solo di striscio cosa sia l'xml....

        e tutto cio' e' ovvio perche', parafrasando una
        battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open con
        un serpente ama i conigli
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft non sarà mai open source
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          perchè ricordiamolo


          open == free


          quindi finchè microsoft farà una cosa
          vergognosa


          come guadagnare soldi e pagare i programmatori


          noi open sourcisti non lo accetteremo mai



          guarda che qui si sta' parlando solo di un

          formato open e non del codice di office



          inoltre open != free esistono molte applicazioni

          open a pagamento



          la cosa vergognosa da aspettarsi invece e' che

          succeda quello che e' successo con l'html, il

          simpaticone intervistato millanta:



          "Microsoft si è mossa da lungo tempo sul fronte

          degli standard aperti, basti pensare alla

          crociata che conducemmo sull'HTML"



          ma non spiega che tipo di crociata, una crociata

          mirata a inserire nuove funzionalita' non

          standard per rafforzare la posizione di
          monopolio

          di IE

          e' facile immaginare che faranno lo stesso con

          l'XML, creeranno una babele di modifiche

          proprietarie allo standard, non appena ne
          avranno

          la possibilita', per rafforzare la posizione di

          dominio di office

          mi viene difficile pensare a modifiche
          proprietare all'xml fa' un piccolo sforzo ...
          dal momento che è una
          struttura già si per se aperta e/o libera sai? mi
          viene anche difficile pensare che tu sappia anche
          solo di striscio cosa sia l'xml....anche l'html era uno standard (non open) che in teoria non era in mano a microsoft eppure l'rivoltato come volevano implementando supporto a esensioni fuori standard dentro IE grazie alla posizione di dominio di IE, sai quanto tempo passera' prima che inseriscano supporto a estensioni non documentate e proprietarie per l'xml dentro ad office ?... non capisco se sei ingenuo, sei un troll, sei microsoft

          e tutto cio' e' ovvio perche', parafrasando una

          battuta di Luttazzi, la microsoft ama l'open con

          un serpente ama i conigli

    • EverythingYouKn scrive:
      microsoft non sarà mai open source=OVVIO
      microsoft non sarà mai open source=OVVIO!!!P.S. Domani ci sarà il Linux Day 2005 in tutta Italia:http://www.linux.it/LinuxDay/programma.phtmlAPPROFITTATENE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft non sarà mai open source
      - Scritto da: Anonimo
      perchè ricordiamolo
      open == free
      quindi finchè microsoft farà una cosa vergognosa
      come guadagnare soldi e pagare i programmatori
      noi open sourcisti non lo accetteremo mai Non male, stai migliorando, ti dò un 7+
  • Anonimo scrive:
    Chiediamolo pure a Stalman
    spero che glielo chiediate (e che lui risponda magari senza una filippica infinita sulle licenze insomma mantenendosi comprensibile) cosi' da avere la visione di dentro (complimenti) e quella di fuori (essu') :$
  • Anonimo scrive:
    Ma che razza di risposte sono
    Qualcuno ha avvisato il caro Umberto che una intervista può anche essere diversa da uno spot pubblicitario?A giudicare dalle risposte che ha dato (soprattutto le prime due in cui nega praticamente l'evidenza che da sempre è sotto gli occhi di tutti) direi proprio di no.Perché non la smettono e iniziano a dare fondi al settore programmazione togliendoli magari giusto a quello marketing che in questi ultimi 5 anni ha fatto più danno di un'epidemia di Sober?Perché non tornano a fare software decenti (e magari anche console che non crashano) e la smettono con le farfalline colorate?Più software, meno farfalline! Ecco, potrebbe essere questo il nuovo slogan della Microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che razza di risposte sono

      Perché non la smettono e iniziano a dare fondi al
      settore programmazione togliendoli magari giusto
      a quello marketing che in questi ultimi 5 anni ha
      fatto più danno di un'epidemia di Sober?Non sai di cosa parli.
  • Anonimo scrive:
    Ma quando mai
    Microsoft ha avuto obbiettivi d'apertura ? Forse fin'ora ho vissuto in una realta parallela che non me ne sono mai accorto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quando mai
      - Scritto da: Anonimo
      Microsoft ha avuto obbiettivi d'apertura ? Forse
      fin'ora ho vissuto in una realta parallela che
      non me ne sono mai accorto...Ma che discorsi fai? Ora le conviene e la storia la scrivono i vincitori (W.Churchill)
Chiudi i commenti