DRM batte copia privata

I sistemi DRM non consentivano di distinguere tra copia ad uso personale e riproduzione illecita. E il diritto degli studios a proteggere i contenuti è inalienabile. La decisione del Tribunale di Milano

Roma – La copia privata è un diritto dell’utente tutelato dalla legge italiana, al cittadino è consentito operare una copia di backup dei prodotti che acquista regolarmente. Ma non è un diritto che si possa esercitare in ogni occasione: se l’unica arma che l’industria dei contenuti può imbracciare per contenere la pirateria è impedire qualsiasi tipo di riproduzione, l’utente si trova costretto a rinunciare al proprio diritto alla copia privata.

A stabilirlo è stata una decisione del Tribunale di Milano, che si è pronunciato riguardo ad un caso avviato negli scorsi anni: erano tre gli utenti che si erano rivolti all’autorità giudiziaria per denunciare rispettivamente Sony Pictures Home Entertainment, Buena Vista Home Entertainment (Disney) e Universal Pictures. I tre colossi dei contenuti, spiegava l’accusa, avrebbero agito in violazione della legge italiana perché impedivano ai loro utenti di godere del diritto alla copia privata sancito dall’ articolo 71 sexies della legge sul diritto d’autore.

La legge prevede infatti che ” la persona fisica che abbia acquisito il possesso legittimo di esemplari dell’opera o del materiale protetto, ovvero vi abbia avuto accesso legittimo, possa effettuare una copia privata, anche solo analogica, per uso personale, a condizione che tale possibilità non sia in contrasto con lo sfruttamento normale dell’opera o degli altri materiali e non arrechi ingiustificato pregiudizio ai titolari dei diritti “. I tre cittadini si erano però scontrati con i sistemi DRM con cui i detentori dei diritti avevano blindato i contenuti veicolati dai DVD: le protezioni rendevano impossibile eseguire una copia di backup, un uso che non avrebbe attentato ai diritti esclusivi detenuti da Sony, Universal, Disney. Per godere del diritto alla copia privata sancito dalla legge, i tre cittadini non avrebbero potuto fare altro che violare le protezioni anticopia.

Il Tribunale di Milano ha però ora stabilito che la presunta violazione della legge da parte di Universal Pictures denunciata da uno dei tre cittadini non sussiste. Non sussiste perché, ha chiarito il Tribunale nelle parole riportate dall’edizione cartacea del Sole 24 Ore , il diritto alla copia privata costituisce “eccezione al diritto esclusivo di riproduzione che costituisce uno dei profili più significativi ed economicamente rilevanti dei diritti di utilizzazione economica delle opere protette”.

Il diritto alla copia privata sarebbe quindi legittimamente scavalcato dal diritto esclusivo di riproduzione detenuto da Universal Pictures, diritto esclusivo che Universal ha tutelato a mezzo sistemi anticopia. Lo stato dell’arte delle soluzioni tecniche a presidio dei contenuti nel momento in cui l’accusa ha acquistato il contenuto di cui voleva effettuare una copia, ha spiegato Universal al Tribunale di Milano, era però diverso rispetto a quello attuale. Le soluzioni anticopia in quegli anni sarebbero state meno raffinate, e i sistemi utilizzati dagli studios per proteggere i contenuti non prevedevano la possibilità di limitare il numero della copie riproducibili dall’acquirente del supporto.

Universal non ha violato la legge né i diritti dell’utente, spiega il Tribunale di Milano, perché si trovava di fronte alla scelta fra proteggere i propri contenuti dalla riproduzione illegale e consentire la copia privata rinunciando però ad arginare le riproduzioni illecite. È stata “l’inesistenza di misure tecniche di protezione atte a consentire le riproduzione di una sola copia” a spingere il Tribunale a stabilire che Universal Pictures non abbia violato la legge italiana.

La decisione del Tribunale di Milano è accomunabile a quella emessa nei mesi scorsi dalla Corte di Cassazione francese: ad un utente che lamentava l’impossibilità di fruire del diritto alla copia privata compresso da protezioni troppo severe, l’autorità giudiziaria d’oltralpe aveva chiarito che quella della copia privata non è che un’eccezione che non può impedire all’industria dei contenuti di tutelare i propri diritti.

Il procedimento che si è ora concluso presso il Tribunale di Milano, aveva commentato nel 2006 l’avvocato del cittadino che aveva chiamato in causa Universal, sarebbe potuto servire a fare chiarezza sulla funzione dell’ equo compenso , istituto che dovrebbe garantire ai detentori dei diritti quanto spetta loro per la copia privata che gli acquirenti hanno diritto ad effettuare. Se la copia privata resta un’eccezione, l’equo compenso sembra però essere destinato a doversi applicare ad un numero sempre maggiore di dispositivi vergini.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Non è tuo quello che compri
    Il proprietario del dispositivo te lo da giusto in uso, e può controllarlo da remoto come gli pare e piace.
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Non è tuo quello che compri
      Non é l'iPhone
      • Funz scrive:
        Re: Non è tuo quello che compri
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
        Non é l'iPhoneIntanto per poterlo usare l'hanno dovuto attivare da remoto. Staremo a vedere, se il buon giorno si vede dal mattino mi sa che vedremo qualcosa di ancora peggiore dell'iphone.
      • Shiba scrive:
        Re: Non è tuo quello che compri
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
        Non é l'iPhoneStessa utilità, ma almeno quello parte! XD
  • Lemon scrive:
    Curiosità su Genius
    Ma vi risulta che per usare quella funzionalità ci si deve registrare con Apple? Se non sbaglio a me l'ha chiesto ed io ho rifiutato, l'avrò provato circa 6 mesi fa ormai.Volevo semplicemente farmi una serie di canzoni/musiche con numero di battute simili da usare quando corro, niente di che. So che ci sono anche dei software che volendo te li contano ma avere il tutto integrato con iTunes mi faceva comodo. Perchè bisogna registrarsi? grazie
    • MeX scrive:
      Re: Curiosità su Genius
      perché Genius deve analizzare la TUA libreria, con il numero di ascolti di ogni canzone per capire che tipo di canzoni ti piacciono di piú / di menoPer fare questo ha bisogno di associare queste statistiche "univocamente" ad un profilo
    • syntaris scrive:
      Re: Curiosità su Genius
      - Scritto da: Lemon
      Volevo semplicemente farmi una serie di
      canzoni/musiche con numero di battute simili da
      usare quando corro, niente di che.


      grazieNon credo che Genius conti le battute dei brani, credo faccia associazioni di gradimento consultando l'enorme database statistico che possiede grazie appunto alle iscrizioni.
      • Lemon scrive:
        Re: Curiosità su Genius
        - Scritto da: syntaris
        - Scritto da: Lemon


        Volevo semplicemente farmi una serie di

        canzoni/musiche con numero di battute simili da

        usare quando corro, niente di che.





        grazie

        Non credo che Genius conti le battute dei brani,
        credo faccia associazioni di gradimento
        consultando l'enorme database statistico che
        possiede grazie appunto alle
        iscrizioni.E infatti, sono andato a rivedere il sito, all'epoca avevo capito che facesse una analisi su brani simili, forse hanno cambiato descrizione o forse mi ricordavo male io.
  • attonito scrive:
    vede la luce....
    se sente anche le voci, e' ora di finirla con gli allucinogeni.
  • Shiba scrive:
    Zune HD vede la luce
    in fondo al tunnel...
  • d1e60 scrive:
    Zune HD: un leone con i denti spuntati
    http://www.macitynet.it/macity/aA39782/zune_hd_leone_con_i_denti_spuntati.shtml
    • nome e cognome scrive:
      Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
      - Scritto da: d1e60
      http://www.macitynet.it/macity/aA39782/zune_hd_leoAmmazza che rosicata...
      • bibop scrive:
        Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
        dici? oppure sei tu a rosicare...In contrast, the modern Cortex-A8 used in the iPhone 3GS, Palm Pre, Nokia N900, and Pandora game console represents the latest generation of ARM CPU cores. It also employs a DDR2 memory interface, erasing a serious performance bottleneck hobbling the Zune HD's Tegra. It's difficult to make fair and direct comparisons between different generations of technology, but NVIDIA's own demonstrations of Tegra's ARM11/integrated graphics show it achieving 35 fps in Quake III. The same software running on Pandora's Coretex-A8 with SGX GPU core achieves 40-60 fps.Tegra is also being hyped as providing "8 processing cores," but this is nonsense as... Windows CE kernel used by the Zune HD doesn't support multi-core SMP so it couldn't make any use of themDespite the hype, the Zune HD appears to have failed before even hitting the market-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 settembre 2009 13.30-----------------------------------------------------------
        • Steve Robinson Hakkabee scrive:
          Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
          Sono supposizioni fatte prima dell'uscita, vederemo quando é sul mercato
          • bibop scrive:
            Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
            le specifiche tecniche non sono supposizioni...
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
            e dalle specifiche ottieni il frame-rate di quake?
          • bibop scrive:
            Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
            si si giusto e infatti ti ho quotato proprio il frame rate di quake... bravo
      • LOL scrive:
        Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
        ammazza che capolavoro !!!http://www.ispazio.net/61050/zune-hd-inutilizzabile-a-causa-di-un-problema-nel-software#more-61050
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
      - Scritto da: d1e60
      http://www.macitynet.it/macity/aA39782/zune_hd_leouna marea di supposizioni basate sul nulla
      • LOL scrive:
        Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
        Ottimo argomento.E di questo che ne diciamo?http://www.ispazio.net/61050/zune-hd-inutilizzabile-a-causa-di-un-problema-nel-software#more-61050
        • Steve Robinson Hakkabee scrive:
          Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
          che quelli di ispazio non sanno l'ingleseaspettiamo che esca, dopo se c'é da tirar mrd4 la si tirerà, ma per adesso sono solo supposizioni.
          • LOL scrive:
            Re: Zune HD: un leone con i denti spuntati
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            che quelli di ispazio non sanno l'inglese
            aspettiamo che esca, dopo se c'é da tirar mrd4
            la si tirerà, ma per adesso sono solo
            supposizioni.È già uscito, dato che engadget ha fatto l'unboxing e il loro articolo è linkato da ispazio...ok engadget è in inglese e fors'anche tu con l'inglese hai qualche problema.
Chiudi i commenti