Dropbox, il cloud storage nella sandbox di Windows 10

Microsoft festeggia l'avvento di una app universale per l'utilizzo del popolare servizio di storage telematico. Una app che comunque non gira sugli smartphone, e che presenta limiti rispetto a un'applicazione desktop
Microsoft festeggia l'avvento di una app universale per l'utilizzo del popolare servizio di storage telematico. Una app che comunque non gira sugli smartphone, e che presenta limiti rispetto a un'applicazione desktop

Sullo store di Windows 10, annuncia Microsoft , ad attendere gli utenti c’è una app Dropbox costruita sulla base delle specifiche delle app “universali” UWP (Universal Windows Platform). Di universale, al momento, sembra avere ben poco: opera solo su tablet e PC Windows 10 e le capacità, come è tipico di una semplice app mobile traslata su PC, sono limitate.

Dropbox Windows 10

La collaborazione fra il business di Redmond e quello di Dropbox è cosa nota da tempo , e il servizio di cloud storage fa eco all’annuncio di Microsoft parlando di nuove opportunità per i “fan” di Windows 10 di usufruire del servizio telematico su computer, tablet e altrove, ogni volta che lo desiderino.

Sia Microsoft che Dropbox elencano alcune delle principali funzionalità della nuova app, come la possibilità di trascinare e rilasciare i file da Windows Explorer alla cartella di remoto, la ricerca tra i file già salvati, l’impostazione di notifiche interattive, l’aggiunta di commenti ai file e l’utilizzo delle Jump List sulla barra delle applicazioni di Windows.
La caratteristica più interessante della app è però l’integrazione con Windows Hello, nuova tecnologia di Windows 10 che permette di utilizzare i tratti biometrici (impronte, lineamenti del volto o iride) per autenticare l’accesso al servizio ove un apposito scanner (o telecamera) fosse disponibile.

Al di là dell’entusiasmo e della suddetta integrazione con Windows Hello, però, la app universale di Dropbox mostra tutti i limiti della piattaforma UWP : Dropbox per Windows 10 gira in una sandbox, quindi non è capace (tra le altre cose) di sincronizzare in tempo reale i file da hard disk locale a server cloud come l’applicazione per desktop. Anche il drag&drop è a una sola via (da PC a cloud), mentre la presunta “universalità” della app non prevede al momento la possibilità di utilizzarla su smartphone che montino Windows 10 Mobile.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 01 2016
Link copiato negli appunti