Dropbox, il cloud storage nella sandbox di Windows 10

Microsoft festeggia l'avvento di una app universale per l'utilizzo del popolare servizio di storage telematico. Una app che comunque non gira sugli smartphone, e che presenta limiti rispetto a un'applicazione desktop

Roma – Sullo store di Windows 10, annuncia Microsoft , ad attendere gli utenti c’è una app Dropbox costruita sulla base delle specifiche delle app “universali” UWP (Universal Windows Platform). Di universale, al momento, sembra avere ben poco: opera solo su tablet e PC Windows 10 e le capacità, come è tipico di una semplice app mobile traslata su PC, sono limitate.

Dropbox Windows 10

La collaborazione fra il business di Redmond e quello di Dropbox è cosa nota da tempo , e il servizio di cloud storage fa eco all’annuncio di Microsoft parlando di nuove opportunità per i “fan” di Windows 10 di usufruire del servizio telematico su computer, tablet e altrove, ogni volta che lo desiderino.

Sia Microsoft che Dropbox elencano alcune delle principali funzionalità della nuova app, come la possibilità di trascinare e rilasciare i file da Windows Explorer alla cartella di remoto, la ricerca tra i file già salvati, l’impostazione di notifiche interattive, l’aggiunta di commenti ai file e l’utilizzo delle Jump List sulla barra delle applicazioni di Windows.
La caratteristica più interessante della app è però l’integrazione con Windows Hello, nuova tecnologia di Windows 10 che permette di utilizzare i tratti biometrici (impronte, lineamenti del volto o iride) per autenticare l’accesso al servizio ove un apposito scanner (o telecamera) fosse disponibile.

Al di là dell’entusiasmo e della suddetta integrazione con Windows Hello, però, la app universale di Dropbox mostra tutti i limiti della piattaforma UWP : Dropbox per Windows 10 gira in una sandbox, quindi non è capace (tra le altre cose) di sincronizzare in tempo reale i file da hard disk locale a server cloud come l’applicazione per desktop. Anche il drag&drop è a una sola via (da PC a cloud), mentre la presunta “universalità” della app non prevede al momento la possibilità di utilizzarla su smartphone che montino Windows 10 Mobile.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    Forza oracle
    Mungi quella mucca impicciona chiamata Google. Daje
    • ... scrive:
      Re: Forza oracle
      - Scritto da: maxsix
      Mungi quella mucca impicciona chiamata Google.
      DajeMa per ora è apple che munge maxsix(rotfl)(rotfl)
      • maxsix scrive:
        Re: Forza oracle
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: maxsix

        Mungi quella mucca impicciona chiamata
        Google.


        Daje
        Ma per ora è apple che munge maxsix
        (rotfl)(rotfl)??? No, visto che mi date dal genius (che non sono) io sono pagato da Apple quindi io mungo.
        • ... scrive:
          Re: Forza oracle
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: ...

          - Scritto da: maxsix


          Mungi quella mucca impicciona chiamata

          Google.




          Daje

          Ma per ora è apple che munge maxsix

          (rotfl)(rotfl)

          ??? No, visto che mi date dal genius (che non
          sono) io sono pagato da Apple quindi io
          mungo.Mi date cosa?al più ti si da dell'ignorante ma è quasi inutile il più delle volte provvedi da solo. :D
  • skkt scrive:
    Appstore
    "Al contempo, si tratta per Android di numeri deludenti se comparati a quelli del concorrente diretto iOS. Infatti é noto che, a fronte di numeri assoluti minori, App Store di Apple incassi molto più di Play Store"Il giornalista nel suo tentativo di tessere le lodi della Apple ha esposto un tassello importante ampiamente ignorato dai media nelle varie vicende fiscali perché la guardia di finanza può stimare gli utili di impresa sui device venduti in Italia e già quei numeri erano sottostimati, ma gli utili dell'appstore non si possono controllare. Quindi Apple ha pagato una multa per evasione fiscale basata su una frazione di una frazione dei loro utili.
    • Izio01 scrive:
      Re: Appstore
      - Scritto da: skkt
      "Al contempo, si tratta per Android di numeri
      deludenti se comparati a quelli del concorrente
      diretto iOS. Infatti é noto che, a fronte di
      numeri assoluti minori, App Store di Apple
      incassi molto più di Play Store"

      Il giornalista nel suo tentativo di tessere le
      lodi della Apple ha esposto un tassello
      importante ampiamente ignorato dai media nelle
      varie vicende fiscali perché la guardia di
      finanza può stimare gli utili di impresa sui
      device venduti in Italia e già quei numeri erano
      sottostimati, ma gli utili dell'appstore non si
      possono controllare. Quindi Apple ha pagato una
      multa per evasione fiscale basata su una frazione
      di una frazione dei loro utili.Eppure io continuo a ricordare che in UE si parli di libera circolazione di beni e servizi. Io acquisto i miei giochi tipicamente in Inghilterra, dove costano nettamente meno, e non faccio nulla di illegale.In cosa dovrebbe essere differente, acquistare sul negozio virtuale di un'azienda con sede in Irlanda? Siamo davvero sicuri che vietare la libera circolazione, magari con una genialata stile Boccia (una partita IVA per ogni paese in cui vendi), farebbe i nostri interessi?
  • skkt scrive:
    Nascondiamo i numer
    Tali numeri, tuttavia, secondo Google sarebbero dovuti rimanere privati: non tanto per impedirne l'utilizzo in ambito processuale, ma perché si tratta di informazioni sensibili Come tutte le aziende con una base fiscale in Irlanda cercano di rivelare il meno possibile sui loro fatturati. Così se finiscono sotto indagine in qualche paese se la possono cavare con una multa su una frazione del loro fatturato reale.
  • Gennarino scrive:
    Claudio, vai dall'urologo!
    C'è Mariangela che dice che è stufa di doverti lavare i boxer ingialliti sul davanti, vedi di curarti, e comunque avere già perdite alla tua età mica è normale, vacci da 'sto XXXXX di urologo!
  • rico scrive:
    Bruscolini
    Ripeto: se Linus Torwalds dovesse chiedere un risacimento per il suo kernel usato da Android (non lo farà mai), quanti miliardi di dollari dovrebbe chiedere?
    • www scrive:
      Re: Bruscolini
      Smettila di scri w ere cassate.
    • collione scrive:
      Re: Bruscolini
      uh!?!primo, il kernel Linux non è stato scritto SOLO da Torvaldssecondo, il kernel Linux è sotto licenza GPL e quindi Torvalds e tutti gli altri hanno accettato esplicitamente che il kernel stesso potesse essere usato in prodotti commerciali e non, a patto che vengano resi pubblici i sorgenti ( cosa che Google fa )
      • Bum scrive:
        Re: Bruscolini
        - Scritto da: collione
        uh!?!

        primo, il kernel Linux non è stato scritto SOLO
        da
        Torvalds

        secondo, il kernel Linux è sotto licenza GPL e
        quindi Torvalds e tutti gli altri hanno accettato
        esplicitamente che il kernel stesso potesse
        essere usato in prodotti commerciali e non, a
        patto che vengano resi pubblici i sorgenti ( cosa
        che Google fa
        )Dai sorgenti di openjdk ( Calendar.java )http://grepcode.com/file/repository.grepcode.com/java/root/jdk/openjdk/6-b14/java/util/Calendar.java <i
        ....* This code is free software; you can redistribute it and/or modify it* under the terms of the GNU General Public License version 2 only, as* published by the Free Software Foundation. Sun designates this* particular file as subject to the "Classpath" exception as provided* by Sun in the LICENSE file that accompanied this code..... </i
        Quindi ?
  • bradipao scrive:
    comparazione
    L'articolo dice: "Al contempo, si tratta per Android di numeri deludenti se comparati a quelli del concorrente diretto iOS."Veramente iOS viene regalato con l'hardware, per cui non produce profitto alcuno.Se proprio vogliamo fare i confronti, vanno fatti tra la linea Nexus e iPhone/iPad, oppure tra gli ads di google e iAds.
    • rico scrive:
      Re: comparazione
      Vero, iOS è un pacchetto non separabile dal dispositivo.Mentre Android è distribuito su molti dispositivi, e qualche volta "XXXXXXno fuori dal vaso" come con Oracle.Non che mi sia simpatica (uso open JDK) ma in effetti... penso: Se Linus Torwalds chiedesse il risarcimento per il suo kernel usato da Android, quanti miliardi dovrebbe risarcire Google?
      • bradipao scrive:
        Re: comparazione
        - Scritto da: rico
        Non che mi sia simpatica (uso open JDK) ma in
        effetti... penso: Se Linus Torwalds chiedesse il
        risarcimento per il suo kernel usato da Android,
        quanti miliardi dovrebbe risarcire Google?Non dipende da Torvald, ma dal rispetto della licenza di uso: se le condizioni per il ri utilizzo sono state rispettate, non esiste nessuna causa.Comunque riguardo Java, il giorno in cui android lo abbandonerà, sarà anche la sua fine.
  • rockroll scrive:
    Basta marciarci con 'sti brevetti!
    Non fanno che castrare la diffusione del progresso umano!Capisco che chi sostiene spese di ricerca si aspetti un utile di ritorno: l'utile lo avrà dalla vendita dei suoi prodotti, se i suoi piani sono azzeccati. Ma quanto deve durare questo riconoscimento di proprietà intellettuale prima che la concorrenza possa usufruire liberamente dei risultati della ricerca? Quanto basta a rifarsi adeguatamente delle spese di investimento, in campo tecnologico pochi mesi! o no?Il discorso IMHO vale per tutte le forme di coperture dei cosidetti "diritti"; ovviamente in campo non tecnologico si può parlare di qualche anno anzichè qualche mese.
    • ... scrive:
      Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
      - Scritto da: rockroll
      Non fanno che castrare la diffusione del
      progresso
      umano!

      Capisco che chi sostiene spese di ricerca si
      aspetti un utile di ritorno: l'utile lo avrà
      dalla vendita dei suoi prodotti, se i suoi piani
      sono azzeccati. Ma quanto deve durare questo
      riconoscimento di proprietà intellettuale prima
      che la concorrenza possa usufruire liberamente
      dei risultati della ricerca? Quanto basta a
      rifarsi adeguatamente delle spese di
      investimento, in campo tecnologico pochi mesi! o
      no?

      Il discorso IMHO vale per tutte le forme di
      coperture dei cosidetti "diritti"; ovviamente in
      campo non tecnologico si può parlare di qualche
      anno anzichè qualche mese.domani metto sotto copyright le scurregge cosi' ogni lonta che ve ne parte una, mi dovete pagare una tassa.
      • prova123 scrive:
        Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
        Ma per stare tranquillo le devi emettere a tutte le frequenze.
        • ... scrive:
          Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
          - Scritto da: prova123
          Ma per stare tranquillo le devi emettere a tutte
          le frequenze.grazie! non ci avevo pensato!
          • ... scrive:
            Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: prova123

            Ma per stare tranquillo le devi emettere a tutte

            le frequenze.

            grazie! non ci avevo pensato![yt]kMLO5Bq6dpM[/yt]
        • ... scrive:
          Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
          - Scritto da: prova123
          Ma per stare tranquillo le devi emettere a tutte
          le
          frequenze.[yt]kMLO5Bq6dpM[/yt]
      • GED DE FEZZ scrive:
        Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
        hanno gia inventato le mutande silenziatrici per le scoregge...gia brevetta ovvio
      • ... scrive:
        Re: Basta marciarci con 'sti brevetti!
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: rockroll

        Non fanno che castrare la diffusione del

        progresso

        umano!



        Capisco che chi sostiene spese di ricerca si

        aspetti un utile di ritorno: l'utile lo avrà

        dalla vendita dei suoi prodotti, se i suoi piani

        sono azzeccati. Ma quanto deve durare questo

        riconoscimento di proprietà intellettuale prima

        che la concorrenza possa usufruire liberamente

        dei risultati della ricerca? Quanto basta a

        rifarsi adeguatamente delle spese di

        investimento, in campo tecnologico pochi mesi! o

        no?



        Il discorso IMHO vale per tutte le forme di

        coperture dei cosidetti "diritti"; ovviamente in

        campo non tecnologico si può parlare di qualche

        anno anzichè qualche mese.

        domani metto sotto copyright le scurregge cosi'
        ogni lonta che ve ne parte una, mi dovete pagare
        una
        tassa.[yt]kMLO5Bq6dpM[/yt]
Chiudi i commenti