Dropbox: licenziati 500 dipendenti, si punta sull'AI

Dropbox: licenziati 500 dipendenti, si punta sull'IA

Il CEO di Dropbox ha informato che sono stati licenziati circa 500 dipendenti, si tratta del 16% dell'intera forza lavoro aziendale.
Dropbox: licenziati 500 dipendenti, si punta sull'IA
Il CEO di Dropbox ha informato che sono stati licenziati circa 500 dipendenti, si tratta del 16% dell'intera forza lavoro aziendale.

Anche Dropbox si accoda all’ormai tristemente folta schiera delle aziende – l’ultima delle quali è stata ancora una volta Meta – che stanno operando tagli al personale per cercare di fronteggiare i tempi duri in fatto di economia. È infatti notizia delle ultime ore quella che sono stati licenziati circa 500 dipendenti, vale a dire il 16% dell’intera forza lavoro dell’azienda.

Dropbox: tagli al personale, si punta sulla divisione IA

Andando più nello specifico, in una nota indirizzata ai dipendenti che è stata pubblicata sul blog ufficiale di Dropbox, Drew Houston, il CEO dell’azienda, asserisce che la decisione è stata per l’appunto presa a causa del difficile momento che sta vivendo l’economia, sottolineando però che i tagli, reputati “fisiologici” e votati alla crescita dell’azienda nei rapi più importanti in questo periodo storico, consentiranno al gruppo di costruire la sua divisone IA, per la quale era già stato espresso notevole interesse in passato e che permetterà di comprendere e servire meglio i clienti.

Riportiamo di seguito, in forma tradotta, un estratto della dichiarazione di cui sopra fatta da Drew Houston.

In un mondo ideale, sposteremmo semplicemente le persone da una squadra all’altra. E lo abbiamo fatto ovunque possibile. Tuttavia, la nostra prossima fase di crescita richiede un diverso mix di competenze, in particolare nell’intelligenza artificiale e nello sviluppo del prodotto nella fase iniziale. Negli ultimi due anni abbiamo portato grandi talenti in queste aree e ne avremo bisogno ancora di più.

I dipendenti interessati potranno ricevere un minimo di 16 settimane di retribuzione, fino a 6 mesi di assistenza sanitaria e la possibilità di conservare i dispositivi aziendali per impiego personale. Riceveranno altresì coaching professionale e supporto per l’inserimento lavorativo.

Il CEO di Dropbox fa poi sapere che d’ora in avanti l’azienda consoliderà le sue attività principali e relative al flusso di lavoro dei documenti e che sta apportando modifiche ai team di sviluppo interno.

Fonte: Dropbox
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 apr 2023
Link copiato negli appunti