Dropbox, torrentismo al bando

La piattaforma di file hosting blocca l'accesso alle sue API da parte di Boxopus, servizio per lo scaricamento dei file torrent nelle varie cartelle personali degli utenti. Potrebbe essere usato per violare il copyright
La piattaforma di file hosting blocca l'accesso alle sue API da parte di Boxopus, servizio per lo scaricamento dei file torrent nelle varie cartelle personali degli utenti. Potrebbe essere usato per violare il copyright

Tre mesi di lavoro per passare dalla versione alpha al prodotto finale, con una squadra di cinque sviluppatori e un investimento da 30mila dollari. Boxopus è la nuova startup sbarcata sulla piattaforma di file hosting Dropbox, per offrire ai suoi utenti la possibilità di scaricare file torrent nelle varie cartelle personali .

Un servizio che ha subito attirato le attenzioni nel web specializzato, con oltre 50mila account Boxopus aperti in pochi giorni dal lancio della versione alpha . Gli stessi responsabili di Dropbox avevano approvato le feature di Boxopus lasciando libero accesso alle API di sviluppo.

Poi, all’improvviso, un messaggio di posta elettronica inviato ai vertici della startup: “Abbiamo notato che le ultime feature di Boxopus potrebbero essere percepite come un incoraggiamento alla violazione del copyright attraverso Dropbox”. Risultato? L’applicazione per lo scaricamento di file torrent è stata estromessa dal sito di file hosting .

“La violazione del copyright è contro i nostri termini di servizio, così abbiamo deciso di interrompere l’accesso di Boxopus alle nostre API”, continua il messaggio da parte di Dropbox. Un vero e proprio shock per gli sviluppatori di Boxopus, che avevano investito altri soldi dopo l’accettazione della prima versione alpha .

Dalla sorpresa alla rabbia, il passo è breve. Boxopus aderisce appieno ai dettami legislativi del Digital Millennium Copyright Act (DMCA), dunque prevede la rimozione degli eventuali contenuti illeciti. Gli stessi sviluppatori hanno parlato di una “tecnologia neutrale” che andrebbe sfruttata per condividere file tra gli utenti.

“In tanti associano i canali BitTorrent alla pirateria – spiegano a TorrentFreak i responsabili di Boxopus – ma è vero che tantissima roba legale può essere trovata sui network BitTorrent. Ed è proprio per questo che abbiamo creato Boxopus”.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 06 2012
Link copiato negli appunti