Duron addio, Athlon avanti tutta

Entro la fine dell'anno AMD cesserà la produzione di chip Duron per focalizzare la propria attenzione sull'imminente famiglia Hammer e sugli Athlon a 0,13 micron


Sunnyvale (USA) – Il Duron sembra avere le ore contate. Jerry Sanders, CEO di AMD, la scorsa settimana ha infatti rivelato agli analisti che questo processore, che fino ad oggi ha avuto il compito di tenere testa ai Celeron di Intel, andrà in pensione verso la fine dell’anno, cedendo il suo posto al fratello maggiore Athlon.

Questa mossa consentirà al chipmaker di Sunnyvale di focalizzare la propria produzione sull’imminente Clawhammer, la prima famiglia di una nuova generazione di chip a 32/64 bit, nome in codice Hammer , che rivaleggerà con i processori di fascia alta di Intel, fra cui Itanium.

La dipartita del Duron determinerà anche la riconversione della fabbrica in cui veniva prodotto (quella di Austin, in Texas), alla fabbricazione delle memorie flash. Parallelamente a questo, la produzione degli Athlon – oggi allestita presso la più sofisticata fabbrica di Dresda, in Germania – verrà parzialmente trasferita in outsourcing a UMC, un grosso chipmaker taiwanese con cui AMD ha già in corso alcuni accordi.

AMD concentrerà nell’impianto tedesco l’intera produzione dei suoi chip – gli Athlon e l’imminente linea di chip Hammer – mentre UMC si focalizzerà, a partire dalla seconda metà dell’anno, sulla produzione dei nuovi Athlon a 0,13 micron, nome in codice Thoroughbred .

“Noi crediamo che il vantaggio nei costi di produzione offerto dalla tecnologia al rame a 0,13 micron – ha affermato Sanders – consentirà agli Athlon di essere competitivi, sia nel prezzo che nelle prestazioni, su tutti i mercati”.

Prima di dare il definitivo addio al mercato, il Duron subirà un ultimo remake passando, con Appaloosa, alla tecnologia a 0,13 micron. Sanders ha spiegato che Appaloosa e Thoroughbred saranno basati sullo stesso core: le due sole differenze saranno date dalla cache L2 e dalla velocità del front side bus.

AMD e UMC stanno costruendo insieme una fabbrica in Singapore per la produzione di chip su wafer da 300 mm, una tecnologia che consentirà al chipmaker di abbassare drasticamente i costi di produzione. Da questo lato, secondo gli analisti, Intel potrebbe acquisire un certo vantaggio sulla rivale per il fatto di disporre già di una linea di produzione che utilizza wafer di questa dimensione.

Sanders si è però detto fiducioso nel fatto che, grazie a questo nuovo assetto produttivo, la sua azienda riuscirà ad abbattere comunque i costi ed a garantire grossi volumi di Athlon e di Hammer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Windows fa schifo perchè
    ci sono decine di virus, e si pianta di continuo, e lo devi pagare, e se compri un portatile ti costringono a comprarlo, nessuno ti costringe a donare soldi alla FSFVergognatevi
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux fa schifo
    io volevo comprarmi un mac per metterci su debian, pensa te...
  • Anonimo scrive:
    Grazie Pinguino
    Mi ha dato modo di avere un sistema Unix a casa, cosa che avevo sempre sognato e non avevo mai potuto realizzare per motivi economici.Sono un programmatore e so cosa significa programmare con le Win32 di Microsoft: una tragedia. Una vergogna che una compagnia tanto potente abbia prodotto sistemi dall'architettura tanto scadente.Il computer dev'essere programmabile mentre Microsoft ha sempre tentato di farlo diventare una specie di impianto HiFi. Dove puoi ascoltare solo dischi venduti dalla stessa Microsoft.
  • Anonimo scrive:
    posti di lavoro
    I posti di lavoro di cui parla bill gates sono quelli americani che a noi non interessano più di tanto, i nostri invece con il software proprietario non aumentano.Aumentano anzi con il software libero e con i soldi risparmiati con i prodotti microsoft possiamo tecnicizzare i nostri studenti.
  • Anonimo scrive:
    meglio contadini che bill gates
    soldi a parte
  • Anonimo scrive:
    Re: esaltati

    Open Source non vuol dire necessariamente
    gratis, significa semplicemente che il
    codice dei programmi e' aperto a tutti. Una precisazione: neanche software libero (free software) vuol dire gratis, ma solo che i sorgenti possono essere riutilizzati dai programmatori, anche se con il vincolo di rendere il programma finale software libero.E con questo cade anche l'accusa di Mr William Gates III di non consentire lo sviluppo economico.
    La maggior parte delle persone che conosco
    hanno software Microsoft non originale. Non
    credo che la gente sia disposta a pagare per
    avere quello che vuole.Dipende se consideri un generico utente (o utonto, fai un po' tu) o uno sviluppatore professionista: molti, desiderosi di provare l'ultima versione di Windows, se la procurano illegalmente, ma se il computer non ti serve per giocare, scegli il s.o. migliore per diversi fattori (software disponibile, semplicita` di utilizzo, eccetera). In quest'ultimo caso in genere si paga (e non solo Windows, parlo anche di Solaris e Mac).
    Software di qualita' e marketing
    difficilmente vanno d'accordo.Non sono d'accordo: ad esempio per quanto riguarda l'interfaccia Windows l'ha molto piu' agevole e "leggera" degli unix, in cui essa e` svincolata ed indipendente dal s.o.; se invece mi parli della possibilita` di modificare tu stesso i programmi che non ti soddisfano e magari proporre le correzioni alla distribuzione che usi (ad esempio Kate nella SuSE, una personalizzazione dell'editor di testi di KDE), allora sono d'accordo: non credo che la M$ accetterebbe la mia versione di Notepad con l'highlight dei sorgenti C (salvo cambiarle nome e includerla nel prossimo Windows come sw proprietario...)
  • Anonimo scrive:
    farnetica
    bill gates ormai farneticanon sa piu' cosa inventarsi..ma d'altra parte era quello che qualche anno fa diceva che internetnon avrebbe avuto successo...ma esistono in manicomi in america?? :
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    non c'è da stupirsi se una media azienda preferisce pianificare i costi piuttosto che pagare per le assistenze e le personalizzazioni non si sa quando, non si sa quanto... è una procedura standard preferire costi certi a offerte anche vantaggiose ma in cui non c'è certezza di quanto e quando pagare.- Scritto da: stupito
    - Scritto da: agricolo

    DOMANI informatica = spegni e riaccendi

    (ogni tanto, sempre meno) = no assistenze,

    dinosauri a piantare carote! = costi
    sicuri

    ma pianificabili
    Se la situazione continua cosi`
    l'informatica DOMANI = spegni e riaccendi
    (ogni tanto, stabile perche' se non ci sono
    concorrenti il monopolista non migliora i
    prodotti) = assistenza salatissima se la
    vuoi = costi sicuri e pianificati dal
    monopolista.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: agricolo
    DOMANI informatica = spegni e riaccendi
    (ogni tanto, sempre meno) = no assistenze,
    dinosauri a piantare carote! = costi sicuri
    ma pianificabiliSe la situazione continua cosi` l'informatica DOMANI = spegni e riaccendi (ogni tanto, stabile perche' se non ci sono concorrenti il monopolista non migliora i prodotti) = assistenza salatissima se la vuoi = costi sicuri e pianificati dal monopolista.La microsoft ha gia` preparato il piano di licenze per il tuo futuro. Vai a commentare quella notizia. Il piano di licenze piu` o meno e` cosi`:``Ti faccio lo sconticino solo se prometti che ogni tot ti aggiorni''.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix


    - Scritto da: TeX....

    Però non sono neppure una testa di cazzo
    che

    va in giro ad offendere la gente perchè
    usa

    un altro sistema operativo.


    A parte che la cosa è reciproca ... chi da
    la definizione di UTONTO agli utenti Windows
    ?Scusami, ma quando mai mi hai sentito dare dell'utonto a chi usa Windows ????
    IMHO, non offendo la gente che usa un
    sistema operativo: offendo la gente che è
    "tifoso" per un sistema operativo.
    Perchè ciò è stupido.Già... su questo siamo perfettamente d'accordo...A questo punto ti invito a riflettere su questo post:http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=179797&fid=39895
    E perchè a volte il voler andare
    forzatamente in una direzione ha degli esiti
    non sempre positivi (comunque si rigirino le
    cose).Già....E questo vale per i LinTalebani come per i WinTalebani e come per tutti i talebani di un sistema operativo...
    E perchè il bello della partita è il gioco
    in se stesso day-by-day, per quello che, con
    gli strumenti che abbiamo a disposizione,
    possiamo fare oggi e potremo fare domani,
    forse.
    Just for fun, come sempre dovrebbe essere.
    Non vi debbono essere ideologie da sostenere
    ed obiettivi supremi da raggiungere, nessuno
    si deve sacrifcare oggi (o sentirsi in
    dovere di sacrificarsi) per il bene di tutti
    di domani.
    Perchè non c'è niente che valga il
    sacrificio di nessuno.Già...la musica è cambiata e su questo concordiamo in pieno...In questo discorso basato sugli strumenti e non sulle ideologie, entrano Windows, Linux, BSD, MacOS-X, Unix vari, BeOS, Amiga-OS, ecc. ecc.Ovviamente ciascuno utilizza quindi il sistema con il quale si trova meglio, che preferisce, che conosce meglio, che risponde meglio alle proprie esigenze, ecc. ecc. Anche perchè ciascun s.o. ha le sue specificità e quindi i suoi pregi e i suoi difetti. Poi ovviamente esistono gli utenti e gli amministratori capaci così come quelli incapaci su ciascun sistema operativo.P.S. Io lavoro (non come amministratore) su Windows e su HP-UX (ecco dove uso Samba...), mentre a casa uso un po' Windows e soprattutto Linux (che preferisco).
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix

    Concordo parzialmente: Ciò è necessario
    anche per i server di basso profilo o, se
    preferisci, dipartimentali e da datacenter
    ordinario.
    L'unica cosa che rimane fuori sono i grossi
    sistemi in mano a pochissimi enti (in
    Italia, considerando sia il pubblico che il
    privato, non si parla più di 500 macchine).
    Ma nessuno di questi sistemi nè piccolo nè
    grande è fine a se stesso (tutti sono sempre
    usati per tentare di risolvere "altri"
    problemi).L'informatica nasce come disciplina strumentale, finalizzata a risolvere problemi "altri", ovviamente al servizio delle scienze fisiche: così come i primi contatori integrati TTL nascono col preciso intento di conteggiare impulsi e frequenze derivanti da misurazioni (astro)fisiche.Nell'intertempo da allora ad oggi, però, la disciplina si è espansa, generando anche settori autosostentanti, laddove si creano strumenti informatici per risolvere problemi squisitamente informatici (es. compilatori, linker, loader...). Certo, questa è autoreferenza :-)Però, per ricaduta, le tecnologie di punta impiegate nei settori più iniziatici trasfondono poi nelle applicazioni quotidiane, e dunque questo "laboratorio dell'informatica" ha piena ragion d'essere e, perchè no, di essere imitato nei suoi approcci. Non si parla (solamente) di grandi sistemi, ma anche di tutti i settori vicinali alla ICT "di massa", troppo spesso trascurati, dai moderni embedded consumer ai più classici controlli per robotica ed automazione, ai satelliti, all'aerospaziale, tutti settori generatori di tecnologie e metodologie anche e soprattutto informatiche. Giustappunto, mi trovo tra incudine e martello, lavorando come analista progettista in uno dei settori hi-tech suddetti, nei quali il PC, la WS o il file server sono realmente strumentali, ma sono anche un modello (in piccolo e in grande) degli elaboratori "tosti" usati quotidianamente per le applicazioni. Quindi ho potuto sperimentare ambedue le facce della medaglia, dato che spesso si devono integrare le reti industriali ed i sistemi informativi aziendali, e noto spesso delle sproporzioni abissali tra metodologie, modelli ed atteggiamenti di base dell'uno e dell'altro "mondo".
    Limitatamente alle 500 installazioni di cui
    sopra, concordo al 100% con te (ma non era
    mia intenzione considerare questi sistemi
    nella precedente affermazione).Non è male ampliare la prospettiva, non tutti abbiamo gli stessi problemi (e gli stessi clienti) :-)
    E poi, parliamoci chiaro, chi sistemista
    unix doc, non conosce almeno l'awk ? Vabbè
    che le stesse cose si fanno pari-pari con
    l'Excel senza imparare nessun linguaggio, ma
    vuoi mettere l'effetto di incomprensibilità
    che generano nei non iniziati
    all'informatica ?Quanto ad incomprensibilità, il perl non lo batte nessuno, escluso forse Brainfuck :-)
    Apple evidentemente non era dello stesso
    parere.
    Hai pensato di raccogliere le firme per
    presentare una petizione a Steve ?Mi pare che alla fine siano sbarcati anche loro su Unix con ossoX... :-)In ogni caso, è giusto che i programmatori facciano esperienza su unix: ad imparare le finestrine ed i pandorini si fa sempre in tempo.
    Ricordiamoci che come i robot sono
    potenziamenti alla parte fisica, i sistemi
    informatici debbono essere/divenire una
    sorta di potenziamento cerebrale.
    E quando penso non mi chiedo come fare per
    farlo, penso e basta: così debbono essere
    anche i sistemi per gli utenti.Posso essere d'accordo sul fatto che questo sia il target finale del mercato di massa per la ICT: sistemi semplicissimi da utilizzare. Nel mercato dell'automazione, nel quale le MMI *DEVONO* essere il ritratto della semplicità, tale problema è stato risolto storicamente con la blindatura fisica delle macchine ed il ricorso a sistemi altrettanto blindati e robusti, da QNX a VRTX a pSOS ad iRMX e compagnia, in grado di garantire anche la persistenza di stato in caso di catastrofe. Non a caso, le specifiche formali dell'ergonomia dei controlli nascono da lì, negli anni '80. Nel mondo SOHO, coi costi attuali e senza ridondanza fisica, la vedo un pò dura, ma trovo che i set-top box possano fornire degli spunti interessanti...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote

    Dare un calcio all'XServer (che un sistema
    c/s simile osteggia solo la realizzazione di
    un sistema desktop decente) e ricominciare
    tutto da capo ripartendo dall'interfaccia
    grafica ed implementando dietro tutto quello
    che serve per far stare sù il sistema,
    utilizzando le soluzioni tecniche più
    opportune allo scopo.vabbe dai su l'x server dopo tutto non ha solo punti a s-favore...e poi ci sono in giro vari server commerciali piu evoluti (sotto un aspetto o un'altro)...mettendo insieme tutto quanto e tagliando un po...si potrebbe migliorare e non poco...pero buttarlo tutto via...insomma...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: *BSD Rulez!
    - Scritto da: furbix
    Questo è un punto di vista valido solo nel
    settore SOHO/desktop ed entertainment, nel
    quale si punta tutto sulla quantità e su
    un'utenza indistinta e non specializzata,
    che "usa" l'informatica per tentare di
    risolvere altri problemi.
    Concordo parzialmente: Ciò è necessario anche per i server di basso profilo o, se preferisci, dipartimentali e da datacenter ordinario.L'unica cosa che rimane fuori sono i grossi sistemi in mano a pochissimi enti (in Italia, considerando sia il pubblico che il privato, non si parla più di 500 macchine).Ma nessuno di questi sistemi nè piccolo nè grande è fine a se stesso (tutti sono sempre usati per tentare di risolvere "altri" problemi).

    Tale atteggiamento diventa invece a sua
    volta sega mentale e destrutturazione nei
    mondi che puntano sulla qualità, a tutti i
    livelli, nei quali "l'utente medio" è un
    ingegnere controllista conduttore
    d'impianto, o un fisico applicativo, o un
    sistemista esperto in multivendor eterogenei
    e non ha problemi a scriversi 30 righe in
    awk o lisp o perl per risolvere un
    problemino di amministrazione contingente.
    Limitatamente alle 500 installazioni di cui sopra, concordo al 100% con te (ma non era mia intenzione considerare questi sistemi nella precedente affermazione).E poi, parliamoci chiaro, chi sistemista unix doc, non conosce almeno l'awk ? Vabbè che le stesse cose si fanno pari-pari con l'Excel senza imparare nessun linguaggio, ma vuoi mettere l'effetto di incomprensibilità che generano nei non iniziati all'informatica ?

    L'intero albero dei sistemi Unix appartiene
    di diritto a quest'ultimo mondo, che piaccia
    o meno, e personalmente trovo piuttosto
    innaturale l'idea di avere "uno unix su ogni
    desktop".
    Il concetto (sacrosanto) di unix è
    che l'utente deve imparare, non è il sistema
    che deve adeguarsi. Intere generazioni di
    informatici si sono forgiate con questa
    "prova del fuoco", e sicuramente non gli ha
    fatto male. Il problema, ovviamente, sono i
    non-informatici.Apple evidentemente non era dello stesso parere.Hai pensato di raccogliere le firme per presentare una petizione a Steve ?

    E' invece un fatto che, con l'integrazione
    possibile oggi, si possono metter su
    soluzioni multi-tier nelle quali l'utente
    neppure sa dove e sotto cosa girano le sue
    applicazioni, pur avendo una interfaccina
    gradevole e "semplice" e la possibilità di
    eseguire tutti gli applicativi che gli
    necessitano, assieme a poche, semplici e
    controllate operazioni visuali sui PROPRI
    files e directories. L'importante, al
    solito, è la soluzione nel suo complesso,
    che va sempre oltre le pretese di
    esaustività di qualsiasi software in
    scatola, e ciò è vero perfino nel mondo
    quantitativo del SOHO.Ok, ma ricordiamoci che se il 90% delle esigenze le metto a posto con una soluzione pacchettizzata e se tutti sono in grado di fare con questi pacchetti le stesse cose che pochi eletti (che costano molto di più) fanno con strumenti più esotici, ho risolto quasi il 100% dei miei problemi.Ricordiamoci che come i robot sono potenziamenti alla parte fisica, i sistemi informatici debbono essere/divenire una sorta di potenziamento cerebrale.E quando penso non mi chiedo come fare per farlo, penso e basta: così debbono essere anche i sistemi per gli utenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix
    La tecnologia è un avanzamento tecnologico
    quando tutti ne possono ottenere vantaggio,
    non che la tecnologia ESISTE FINE A SE
    STESSA e per qualche riconoscimento
    accademico senza senso.
    Questo E' il vero problema di *nix: mettere
    l'utente al centro del proprio mondo e da lì
    costruire/ricostruire il sistema operativo.Questo è un punto di vista valido solo nel settore SOHO/desktop ed entertainment, nel quale si punta tutto sulla quantità e su un'utenza indistinta e non specializzata, che "usa" l'informatica per tentare di risolvere altri problemi. Tale atteggiamento diventa invece a sua volta sega mentale e destrutturazione nei mondi che puntano sulla qualità, a tutti i livelli, nei quali "l'utente medio" è un ingegnere controllista conduttore d'impianto, o un fisico applicativo, o un sistemista esperto in multivendor eterogenei e non ha problemi a scriversi 30 righe in awk o lisp o perl per risolvere un problemino di amministrazione contingente.L'intero albero dei sistemi Unix appartiene di diritto a quest'ultimo mondo, che piaccia o meno, e personalmente trovo piuttosto innaturale l'idea di avere "uno unix su ogni desktop". Il concetto (sacrosanto) di unix è che l'utente deve imparare, non è il sistema che deve adeguarsi. Intere generazioni di informatici si sono forgiate con questa "prova del fuoco", e sicuramente non gli ha fatto male. Il problema, ovviamente, sono i non-informatici.E' invece un fatto che, con l'integrazione possibile oggi, si possono metter su soluzioni multi-tier nelle quali l'utente neppure sa dove e sotto cosa girano le sue applicazioni, pur avendo una interfaccina gradevole e "semplice" e la possibilità di eseguire tutti gli applicativi che gli necessitano, assieme a poche, semplici e controllate operazioni visuali sui PROPRI files e directories. L'importante, al solito, è la soluzione nel suo complesso, che va sempre oltre le pretese di esaustività di qualsiasi software in scatola, e ciò è vero perfino nel mondo quantitativo del SOHO.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    in nomine Pater et Filiis et PRETORIANUM variis.amen.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: blah
    immaginati una interfaccia mac su linux...
    ;-)
    se solo non fosse hardware proprietario...
    ;-(
    Eh, sì ...E' da circa tre anni che stò pensando alla possibilità di fare con Linux quello che la Apple ha fatto con MacOS (ed a quanto vedo non sono il solo).Dare un calcio all'XServer (che un sistema c/s simile osteggia solo la realizzazione di un sistema desktop decente) e ricominciare tutto da capo ripartendo dall'interfaccia grafica ed implementando dietro tutto quello che serve per far stare sù il sistema, utilizzando le soluzioni tecniche più opportune allo scopo.Il risultato finale sarebbe un BeOS rifatto perbene ...Però solo per la definizione dell'interfaccia, a meno di non scopiazzare in giro, i costi per lo studio (aspetto, usabilità, scelta/realizzazione delle icone, ecc.) sarebbero superiori a tutti i miei averi, pertanto ho deciso che non è il caso ... almeno per ora.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    calma, calma, da quello che ho letto nei vostri vari post sapete entrambi di cosa state parlando e avete entrambi un pezzo di ragione, le vostre osservazioni sono giuste.Una risposta che sorge dalla mia VHO sul perchè attorno all'ottimo progetto Apple ci sia solo deserto: chi comanda in casa Apple? L'amichetto di Bill... Hanno fatto un buon porting su Mac, forse tra qualche anno faranno lo stesso su IA-64.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: TeX
    - Scritto da: furbix

    - Scritto da: TeX


    - Scritto da: furbix



    - Scritto da: TeX

    Però non sono neppure una testa di cazzo che
    va in giro ad offendere la gente perchè usa
    un altro sistema operativo.
    A parte che la cosa è reciproca ... chi da la definizione di UTONTO agli utenti Windows ?IMHO, non offendo la gente che usa un sistema operativo: offendo la gente che è "tifoso" per un sistema operativo.Perchè ciò è stupido.E perchè a volte il voler andare forzatamente in una direzione ha degli esiti non sempre positivi (comunque si rigirino le cose).E perchè il bello della partita è il gioco in se stesso day-by-day, per quello che, con gli strumenti che abbiamo a disposizione, possiamo fare oggi e potremo fare domani, forse.Just for fun, come sempre dovrebbe essere.Non vi debbono essere ideologie da sostenere ed obiettivi supremi da raggiungere, nessuno si deve sacrifcare oggi (o sentirsi in dovere di sacrificarsi) per il bene di tutti di domani.Perchè non c'è niente che valga il sacrificio di nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix


    - Scritto da: TeX

    - Scritto da: furbix


    - Scritto da: TeX




    Ma sparisci troll ..



    Quanti sistemi unix-veri hai amministrato ?

    - manco unoManco uno. Non sono un amministratore.Almeno però sono capace di leggere prima di rispondere...

    ... e allora sparisci te, piccolo lamer!

    (se bisogna fare a gara per essere tronfi di
    se, hai trovato pane per i tuoi denti)Però non sono neppure una testa di cazzo che va in giro ad offendere la gente perchè usa un altro sistema operativo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    E poi lo sforzo più grosso ce l'ho io !
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: TeX
    - Scritto da: furbix

    - Scritto da: TeX

    Ma sparisci troll ..
    Quanti sistemi unix-veri hai amministrato ?- manco unoQuanti sistemi hai installato presso i tuoi clienti ?- manco uno... e allora sparisci te, piccolo lamer!(se bisogna fare a gara per essere tronfi di se, hai trovato pane per i tuoi denti)
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Sulle meningi:Crrrr .... puahhh!zibi - zibi - zibi - zibi - zibi - sprut!Cos'è ?UNA GROSSA SERIE DI SEGHE MENTALI !!!!Ma possibile che non vi riesca di pensare all'utente finale e mettere LUI al CENTRO dell'attenzione (come fa Microsoft) invece della TECNOLOGIA FINE A SE STESSA (come fa Sun) ?La tecnologia è un avanzamento tecnologico quando tutti ne possono ottenere vantaggio, non che la tecnologia ESISTE FINE A SE STESSA e per qualche riconoscimento accademico senza senso.Questo E' il vero problema di *nix: mettere l'utente al centro del proprio mondo e da lì costruire/ricostruire il sistema operativo.La Apple ha fatto un gran cosa.Ma intorno c'è solo desolazione e dinosauri brancolanti nel buio tronfi di se.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix


    - Scritto da: TeX......



    P.S. Samba (tramite SWAT) si configura via

    internet, tramite browser, direttamente
    dal

    client (o da qualsiasi altro computer

    collegato), quindi basta utilizzare

    IExplorer semplicemente cliccando quà e la

    col mouse. Non è necessario andare sul

    server. Non è necessario lanciare X. Non è

    necessario fare un telnet....


    Ed ecco dimostrato che sei solo un lamer.
    Con swat (se mai l'hai visto in funzione dal
    vero, cosa di cui dubito fortemente), NON (e
    ripeto NON) ci copi i files (leggi meno
    riviste e prova le cose di più in pratica,
    magari presso qualche cliente che così ti
    rendi conto!!!).
    Ci configuri solo Samba e questo non è un........E io che ho detto ? Con SWAT CONFIGURI SAMBA !!!Manco sei capace a leggere e poi ti autoeleggi a Padreterno... Ma sparisci troll ..
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: TeX
    - Scritto da: furbix

    - Scritto da: Radioactive Man


    Scusa una domanda Furbix, ma tu ti
    lamenti


    di implementazioni ridicole da parte
    dei


    linuxari e nel tuo esempio lodi un
    sistema


    dove per trasferire dei dati li si
    copia

    sul


    desktop di Win98?

    Io non lodo niente.

    Ti racconto un episodio: trai tu le

    conclusioni che ritieni più opportune.

    Le conclusioni sono:

    1) Gli utenti vogliono tutto punta e clicca
    fregandosene della sicurezza.
    No, non fregandosi della sicurezza, ma ritenendola una cosa implicita o non necessaria all'interno delle organizzazioni se non in particolari casi.Chi non ha capito questo non ha mai avuto casi veri sotto gli occhi.
    2) Anche su Linux/Unix esistono
    amministratori incapaci.
    Certamente: almeno dalla metà ai tre quarti di chi và starnazzando in giro le bontà dei sistemi Linux ...

    Ma questo mi sembra che dica molto poco su
    pregi/difetti sia di Linux che di
    Windows....
    Infatti, ma dice molto sul tipo di persone che gironzolano tra i due sistemi ...

    P.S. Samba (tramite SWAT) si configura via
    internet, tramite browser, direttamente dal
    client (o da qualsiasi altro computer
    collegato), quindi basta utilizzare
    IExplorer semplicemente cliccando quà e la
    col mouse. Non è necessario andare sul
    server. Non è necessario lanciare X. Non è
    necessario fare un telnet....
    Ed ecco dimostrato che sei solo un lamer.Con swat (se mai l'hai visto in funzione dal vero, cosa di cui dubito fortemente), NON (e ripeto NON) ci copi i files (leggi meno riviste e prova le cose di più in pratica, magari presso qualche cliente che così ti rendi conto!!!).Ci configuri solo Samba e questo non è un problema di configurazione (non posso modificare la configurazione per risolvere un singolo caso e poi tornare indietro ...), se ci fosse stato il fantomatico symlink (e Samba fosse stato configurato in modo opportuno) il problema sarebbe stato risolto subito.Ma forse per te questo non è molto chiaro ... Però almeno una cosa dal tuo post l'ho capita: tu sei proprio uno di quei linuxari-doc di cui ho raccontato!Vai così che sei forte!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix


    - Scritto da: Radioactive Man

    Scusa una domanda Furbix, ma tu ti lamenti

    di implementazioni ridicole da parte dei

    linuxari e nel tuo esempio lodi un sistema

    dove per trasferire dei dati li si copia
    sul

    desktop di Win98?
    Io non lodo niente.
    Ti racconto un episodio: trai tu le
    conclusioni che ritieni più opportune.Le conclusioni sono:1) Gli utenti vogliono tutto punta e clicca fregandosene della sicurezza.2) Anche su Linux/Unix esistono amministratori incapaci.Ma questo mi sembra che dica molto poco su pregi/difetti sia di Linux che di Windows....P.S. Samba (tramite SWAT) si configura via internet, tramite browser, direttamente dal client (o da qualsiasi altro computer collegato), quindi basta utilizzare IExplorer semplicemente cliccando quà e la col mouse. Non è necessario andare sul server. Non è necessario lanciare X. Non è necessario fare un telnet.... http://de.samba.org/samba/GUI/Evidentemente esistono due ignoranti: l'amministratore in questione e chi ha postato la storia....
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: BSD_like

    Poi la semplicità significa più codice (al
    99%, oggi codice grafico) quindi sistema più
    bug-abile soprattutto con la quant. di sw
    grafico.Questa è proprio carina, la quantità di codice sarebbe inversamente proporzionale alla semplicità ? Cos'è, una nuova metrica, riedizione dell'inversa del quadrato della distanza, riveduta e corretta ?
    Infine a sostenere che semplicità porta a
    degenerare il sistema sotto l'aspetto
    sicurezza non è solo l'esempio di win, ma
    anche l'opinione dei guru informatici.Ah certo, infatti QNX o VRTX sono notoriamente insicuri, con il loro footprint ridottissimo e la loro semplicità, che pure nasconde una grande complessità concettuale. Suvvia, non diciamo amenità. I sistemi veramente efficienti non hanno bisogno di tonnellate di codice neppure per le GUI più complesse (lo insegnano Photon e PEG), e dunque sono intrinsecamente semplici, snelli ed al contempo robustissimi, grazie anche al microkernel ed ai meccanismi avanzati di scheduling realtime, che negli scorsi venti anni hanno fatto dei notevoli passi avanti, per quanto il signor Torvalds non se ne sia accorto (alzi la mano chi conosce EDF e la sua schedulability proof). Sotto l'aspetto della sicurezza, poi, gli advisories CERT relativi a sistemi del genere si contano sulle dita di una mano. Il vero problema è che linux è ancora legato ai paradigmi di vent'anni fa, tant'è che i *BSD sono in grado di fare molto meglio !
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    vendo ciò su cui guadagno, o sbaglio?- Scritto da: BSD_like
    Ah, già dimenticavo; si evince che IBM, HP,
    etc., trovino più sicuro, semplice, meno
    costoso (già, sono in competizione) dare ai
    propri clienti server Linux che win.IERI informatica = problemi imprevedibili = assistenze = soldi a palate, budget non definitoDOMANI informatica = spegni e riaccendi (ogni tanto, sempre meno) = no assistenze, dinosauri a piantare carote! = costi sicuri ma pianificabilibuon lavoro agricolo
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote

    Io ne conosco più di un paio ... tanto che
    mi stò iniziando a chiedere se fanno le
    segretarie perchè hanno delle risorse di
    primo livello o se le segretarie sviluppano
    le risorse quando divengono tali ...
    ... ...sinceramente io penso di meno e action di piu;-)
    ... secondo me è vera la prima ipotesi:
    quello che sviluppano successivamente sono
    solo le corna del marito ...non necessariamente successivamente...anche prima...ma in fondo chisenefrega...viva le segretarie e i vikinghi pure (visto che devono supportare tutte le loro menate);-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbix

    (compreso il fatto che la troppa
    semplificazione è un ostacolo alla
    sicurezza, poichè ciò non è dimostrabile)Infatti non è vero che più un'o.s. tende a diventare semplice, più diventa insicuro; la non semplicità se toglie "libertà" di fare ciò che vuole l'ut. anche inesperto, dall'altra ripara il sistema da scottature dovute proprio all'ut. stesso dirette o indirette che siano.Poi la semplicità significa più codice (al 99%, oggi codice grafico) quindi sistema più bug-abile soprattutto con la quant. di sw grafico.Infine a sostenere che semplicità porta a degenerare il sistema sotto l'aspetto sicurezza non è solo l'esempio di win, ma anche l'opinione dei guru informatici.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote

    Ci sono soluzioni sia Windows, sia miste,
    sia basate totalmente su altri OS che
    possono risolvere brillantemente la cosa
    lasciando inalterata la semplicità di uso
    dei sistemi (che è una libertà inalienabile
    degli utenti).immaginati una interfaccia mac su linux...;-)se solo non fosse hardware proprietario...;-(
    Basta scegliere la soluzione più ragionevole
    e per farlo bisogna liberarsi da qualunque
    preconcetto (compreso il fatto che la troppa
    semplificazione è un ostacolo alla
    sicurezza, poichè ciò non è dimostrabile)
    ... e questo è molto difficile (se non
    impossibile) per i linuxari-doc.il problema e che far convivere insieme dei sistemi diversi...richiede un fegato in buona salute....
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: blah




    sul server. Ora è tutto a posto, può


    vedere



    i suoi dati.


    e com'e riuscita ?????



    L'esperienza insegna: mai sottovalutare le

    risorse delle segretarie ...
    ehhhhhhhhhh....ne conosco un paio...con
    delle risorse...
    Io ne conosco più di un paio ... tanto che mi stò iniziando a chiedere se fanno le segretarie perchè hanno delle risorse di primo livello o se le segretarie sviluppano le risorse quando divengono tali ...... ...... secondo me è vera la prima ipotesi: quello che sviluppano successivamente sono solo le corna del marito ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: Radioactive Man
    Scusa una domanda Furbix, ma tu ti lamenti
    di implementazioni ridicole da parte dei
    linuxari e nel tuo esempio lodi un sistema
    dove per trasferire dei dati li si copia sul
    desktop di Win98?Io non lodo niente.Ti racconto un episodio: trai tu le conclusioni che ritieni più opportune.
    Facevano cosi anche in una (piccola) ditta
    dove lavorava un mio amico 3/4 anni fa,
    ovvero tutto su win98 senza permessi o
    password di sorta. Il problema sorse quando
    il figlio 14enne del boss, che andava
    nell'ufficio del padre alla sera x navigare
    in internet, penso` bene di scaricare da un
    sito ambiguo un bel programmillo che
    distrusse l'HD. L'assistenza MS si fece
    pagare ben piu` di 45 euro per reinstallare
    il SO, ma il mese di lavoro perso per i dati
    scomparsi costo` molto di piu` ancora.
    Anche quella ditta non era nel campo
    dell'informatica, ma a volte il tutto
    semplice non e` la soluzione migliore.
    Ci sono soluzioni sia Windows, sia miste, sia basate totalmente su altri OS che possono risolvere brillantemente la cosa lasciando inalterata la semplicità di uso dei sistemi (che è una libertà inalienabile degli utenti).Basta scegliere la soluzione più ragionevole e per farlo bisogna liberarsi da qualunque preconcetto (compreso il fatto che la troppa semplificazione è un ostacolo alla sicurezza, poichè ciò non è dimostrabile) ... e questo è molto difficile (se non impossibile) per i linuxari-doc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    E poi chi ti dice che l'open source manchi di umorismo?
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote


    cp -rFp /home/

    ecco perche non andava voleva -i

    ;-)
    No ... fin qui siamo a (e và tutto bene):
    cp -Rfp /home/lo so facevo dell'umorismo...;-)


    slash home slash titolare ... posso

    premere


    ora invio ?

    ha dimenticato il maiuscolo

    ;-)
    Non solo, ma ha scritto:
    cp -rfp /home/segreteria/calcoli/star
    /home/titolare

    invece di:
    cp -Rfp /home/segreteria/calcoli/*
    /home/titolarecome sopra...facevo dell'umorismo...
    R con r non è un grosso problema ... ma
    'star' con * sì (che ne sapeva lui che
    doveva digitare * quando qualcuno gli diceva
    star ? o 'usr' invece di 'user' ?).
    Stando dalla parte del linuxaro, a me questo
    è successo più di una volta ...la vita e cosi complicata;-)


    sul server. Ora è tutto a posto, può

    vedere


    i suoi dati.

    e com'e riuscita ?????

    L'esperienza insegna: mai sottovalutare le
    risorse delle segretarie ...ehhhhhhhhhh....ne conosco un paio...con delle risorse...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote

    sito ambiguo un bel programmillo che
    distrusse l'HD. L'assistenza MS si fece
    pagare ben piu` di 45 euro per reinstallare
    il SO, ma il mese di lavoro perso per i dati
    scomparsi costo` molto di piu` ancora.senza far recuperare i dati prima ?????
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Ah, già dimenticavo; si evince che IBM, HP, etc., trovino più sicuro, semplice, meno costoso (già, sono in competizione) dare ai propri clienti server Linux che win.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Scusa una domanda Furbix, ma tu ti lamenti di implementazioni ridicole da parte dei linuxari e nel tuo esempio lodi un sistema dove per trasferire dei dati li si copia sul desktop di Win98?Facevano cosi anche in una (piccola) ditta dove lavorava un mio amico 3/4 anni fa, ovvero tutto su win98 senza permessi o password di sorta. Il problema sorse quando il figlio 14enne del boss, che andava nell'ufficio del padre alla sera x navigare in internet, penso` bene di scaricare da un sito ambiguo un bel programmillo che distrusse l'HD. L'assistenza MS si fece pagare ben piu` di 45 euro per reinstallare il SO, ma il mese di lavoro perso per i dati scomparsi costo` molto di piu` ancora.Anche quella ditta non era nel campo dell'informatica, ma a volte il tutto semplice non e` la soluzione migliore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Furbix m'hai fatto piegare dalle risate :DVabbe però c'è linuxaro e linuxaro.Spera di non incontrarmi mai, io sono linuxaro e appassionato di Lisp, non so se rendo...In realtà sono stereotipi, spero che questo tu lo capisca...Morale, se Linux non serve non installiamolo, tempo sprecato e rottura di palle.Non per questioni di utonti o cose simili ma se il mio fruttivendolo vuole un gestionale gli installo Winzozz e gli faccio il gestionale in visual basic =pIn ufficio mi serve un server e ci metto Debian, ma i miei colleghi sanno dove mettere le mani :))Ciuaz
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: blah

    Cliente: Ah ... fatto! ... Mi dica.

    Linuxaro: Allora digiti quello che le
    detto.

    Ci Pi Spazio meno Erre Maiuscola Effe Pi

    spazio slash home slash ... come ha detto

    che si chiama il nome utente della

    segretaria ?
    cp -rFp /home/
    ecco perche non andava voleva -i
    ;-)No ... fin qui siamo a (e và tutto bene):cp -Rfp /home/


    Cliente: Copiare una cartella ... quando
    mi

    ha venduto il sistema mi ha detto che non

    avrei trovato grosse differenze con
    Windows.
    il che e vero se settato bene...


    Cliente: Certo, Ci Pi meno Erre Effe Pi
    ...

    (momento di riflessione) slash home slash

    segreteria slash calcoli slash star ...

    slash home slash titolare ... posso
    premere

    ora invio ?
    ha dimenticato il maiuscolo
    ;-)Non solo, ma ha scritto:cp -rfp /home/segreteria/calcoli/star /home/titolareinvece di:cp -Rfp /home/segreteria/calcoli/* /home/titolareR con r non è un grosso problema ... ma 'star' con * sì (che ne sapeva lui che doveva digitare * quando qualcuno gli diceva star ? o 'usr' invece di 'user' ?).Stando dalla parte del linuxaro, a me questo è successo più di una volta ...


    Improvvisamente irrompe la segretaria.

    Segretaria: Ho risolto il problema.

    Cliente: Come ?

    Segretaria: Mi sono fatta aiutare da mio

    marito ... è stato semplicissimo: Ho
    copiato

    la cartella sul destop del mio Windows 98,

    sono entrata con la sua utenza ed ho
    copiato

    la cartella dal desktop alla sua cartella

    sul server. Ora è tutto a posto, può
    vedere

    i suoi dati.
    e com'e riuscita ?????L'esperienza insegna: mai sottovalutare le risorse delle segretarie ...


    Il problema vero è che mancano di
    praticità,

    umorismo e senso autocritico.
    non direi...E' la media: purtroppo esistono zap e alien che l'abbassano consistentemente ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Lo sò: i linuxari in giro per Internet sono piuttosto antipatici visto il loro atteggiamento da saccente-senza-compromessi ed il loro approccio di guardarti sempre dall'alto in basso (loro sono gli illuminati mentre tu sei l'ignorante -se non sei d'accordo con loro-, il tutto definito per assioma).IMHO, c'è anche chi è peggio di loro: prova a frequentare qualche ng di programmazione lisp ... poi ne riparliamo.Il problema di queste persone è quello di mancare della prima qualità che dovrebbe avere un professionista: umiltà.Cmq, nella vita reale, quando più che parlare servono i risultati pratici oggettivi, ti posso assicurare che i linuxari sono esilaranti e simpaticissimi, soprattutto sugli esiti del loro lavoro effettuato presso le strutture di clienti in giro per il mondo . Un cliente, titolare di una ditta che si è fatto convincere ad adottare Linux come file server (Samba), ha da copiare una directory (e tutto il suo contenuto dalla sua directory home a quella della sua segretaria).Il cliente telefona al linuxaro e questo gli risponde prontamente.Cliente: Ho da copiare una cartella posizionata nella cartella principale della segretaria nella mia cartella principale ...Linuxaro: Cioè vuole dire che vuole fare una copia del contenuto di una directory posizionata nella home directory della segretaria all'interno alla sua home directory.Cliente: Sì -almeno (?)- penso di si ... però se entro con l'utenza della segretaria non vedo più la mia cartella e con la mia non vedo più quella della segretaria.Linuxaro: Directory, directory, la prego! Cartelle le chiama M$ ... cmq, il funzionamento che mi indica è perfettamente normale.Provi ad entrare con root.Cliente: Ci provo, ma come amministratore ... ehm ... root non ne vedo proprio nessuna delle due.Linuxaro: Ma come ? Non ci sono i symlink verso tutte le directory home ?Cliente: I ... che ?Linuxaro: Sì ... è vero mi scusi (pensa: troglodita informatico servo di Bill!) ... può verificare se dentro la home directory di root c'è una directory denominata 'home' ? o -forse- qualcosa che si richiama ad un nome del genere ?Cliente: No ... non mi sembra che ci siano dentro cartelle ... ehm ... directory ...Linuxaro: (imprecazione detta sottovoce) Ho capito ... il problema si complica!Cliente: Cosa c'è che non và ? E' grave ?Linuxaro: No .. No ... Non si preoccupi è che mi sono accorto che mi sono dimenticato di fare una cosa ... quindi faremo in un'altro modo.Cliente: Va bene. Mi dica.Linuxaro: Apra il telnet e si connetta ... no, aspetti, può andare alla console ?Cliente: Come ? Che devo fare ? Linuxaro: (pensa: troglodita analfabeta) Ehm ... può raggiungere la tastiera ed il monitor del server ?Cliente: Certamente ... attenda ... ora sono lì. Mi dica pure.Linuxaro: Cosa vede sullo schermo ?Cliente: Red Hat Linux ... (ecc) ... login, due punti e un trattino che lampeggia.Linuxaro: (altra imprecazione) Quindi ics non è attivo ...Cliente: Come ?Linuxaro: (pensa: vediamo se X11 è attivo su un'altra console) Per favore, può premere i tasti Control Alt Effe Sette ?Cliente: Uno per volta o tutti insieme ?Linuxaro: Tutti insieme ... succede nulla ?Cliente: ...Linuxaro: Pronto? mi sente ?Cliente: ...Linuxaro: Pronto? ma c'è ancora ?Cliente: ... Sì, sì ... sono qui è che ho dovuto lasciare il telefono perchè con una mano sola non ce la facevo a premere tutti quei tasti!Linuxaro: (pensa: Andiamo bene ... ora che ci penso: avrà premuto il tasto F7 o i tasti F e 7 ? ... beh, non inferiamo, lasciamo perdere e andiamo con la modalità carattere se non è successo nulla) E' successo nulla ?Cliente: No.Linuxaro: Allora faccia login come root.Cliente: Cosa ?Linuxaro: Entri nel sistema come ... amministratore ... Cliente: Ah ... fatto! ... Mi dica.Linuxaro: Allora digiti quello che le detto. Ci Pi Spazio meno Erre Maiuscola Effe Pi spazio slash home slash ... come ha detto che si chiama il nome utente della segretaria ?Cliente: Aspetti ... slash cosa ?Linuxaro: Come ? Non sà cosa è slash ?Cliente: ...Linuxaro: Ho capito, slash è la barra oblicua, quella sul sette della tastiera, da non confondere con la backslash che è quella rovesciata, cioè nell'altra direzione ... quella alla sinistra del tasto uno, per intenderci.Cliente: Ah ... ho capito! ... il nome è segreteria!Linuxaro: Scusi, in che senso ? (momento di illuminazione)... Ah, no ho capito: va bene! Scriva segreteria.Cliente: Fatto. E ora posso premere invio ?Linuxaro: No, fermo! Ora deve digitare slash -ancora- ed il nome della directory che vuole copiare.Cliente: Ma quale directory voglio copiare ?Linuxaro: Quella directory che voleva copiare quando mi ha chiamato! Se non lo sà lei ...Cliente: Ah, sì la directory! Si chiama calcoli.Linuxaro: Bene, lo scriva.Cliente: ... fatto e ora ?Linuxaro: Bene, ora digiti slash star spazio slash home slash ... come si chiama la sua utenza ?Cliente: Ma è sempre così complicato ?Linuxaro: Complicato ... cosa ?Cliente: Copiare una cartella ... quando mi ha venduto il sistema mi ha detto che non avrei trovato grosse differenze con Windows.Linuxaro: Non dica certe cose. Le permetto di ricordarle che il software non le è costato proprio nulla e che ha tutti i sorgenti. Lo stesso non lo avrebbe mai da M$. E poi Linux lo usano tutti quelli IN, le università e perfino la NASA! Ma lei è IN o OUT ? Ci può lavorare o no ?Cliente: (pensa: lasiamo perdere, altrimenti entriamo nel predicozzo) Sì ... va bene, continuiamo.Linuxaro: Ha scritto il nome della sua utenza ?Cliente: ... fatto. Ora posso premere invio ?Linuxaro: Ebbasta con questo invio! Mi può rileggere la riga che ha immesso ?Cliente: Certo, Ci Pi meno Erre Effe Pi ... (momento di riflessione) slash home slash segreteria slash calcoli slash star ... slash home slash titolare ... posso premere ora invio ?Linuxaro: E va bene, prema invio!Cliente: Mi sembra che ci sia qualcosa che non và.Linuxaro: E cosa ?Cliente: Il cervellone mi ha risposto una cosa strana. La leggo ?Linuxaro: (imprecazione per la definizione 'cervellone') La legga.Cliente: Ci Pi due punti ... (pausa di riflessione) slash home slash segreteria slash calcoli slash star due punti no suc fil or directoriLinuxaro: Bene. Questo significa che ha digitato qualcosa sbagliato, ricontrolli di aver scritto giusto!Cliente: (un po' spazientito) Ma se abbiamo già ricontrollato assieme ...Linuxaro: E' sicuro di non aver digitato neppure una backslash ... magari per errore e poi non me l'ha dettata ?Cliente: Sì non ce ne sono. Perchè non viene qui ?Linuxaro: Lo sà che la mia tariffa ad intervento sul posto sono 50 ? l'ora -prima ora piena- più il contributo per l'intervento di 35 ?, mente per telefono stà spendendo solo 45 ? ad intervento ?Cliente: Ma come ? Ma se non le stà riuscendo a lei di risolvermi il problema per telefono ... dovrei pagare io per le sue limitazioni ?Linuxaro: Guardi ch
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & Wile Coyote
      lo sai cosa sei????LO SAI COSA SEI????... sei un GRANDE!
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & Wile Coyote

      Cliente: Sì -almeno (?)- penso di si ...
      però se entro con l'utenza della segretaria
      non vedo più la mia cartella e con la mia
      non vedo più quella della segretaria.mi sembra ovvio...;-)
      Cliente: Ci provo, ma come amministratore
      ... ehm ... root non ne vedo proprio nessuna
      delle due.hahhahahahahahhahahahahhahahhhahha;-)
      Linuxaro: Ma come ? Non ci sono i symlink
      verso tutte le directory home ?bella cosa i symlink
      Linuxaro: Apra il telnet e si connetta ...(colpo di genio)
      Linuxaro: Cosa vede sullo schermo ?
      Cliente: Red Hat Linux ... (ecc) ... login,
      due punti e un trattino che lampeggia.
      Linuxaro: (altra imprecazione) Quindi ics
      non è attivo ...bhe startx ?????
      Cliente: Ah ... fatto! ... Mi dica.
      Linuxaro: Allora digiti quello che le detto.
      Ci Pi Spazio meno Erre Maiuscola Effe Pi
      spazio slash home slash ... come ha detto
      che si chiama il nome utente della
      segretaria ?cp -rFp /home/ecco perche non andava voleva -i ;-)
      Cliente: Copiare una cartella ... quando mi
      ha venduto il sistema mi ha detto che non
      avrei trovato grosse differenze con Windows.il che e vero se settato bene...
      Cliente: Certo, Ci Pi meno Erre Effe Pi ...
      (momento di riflessione) slash home slash
      segreteria slash calcoli slash star ...
      slash home slash titolare ... posso premere
      ora invio ?ha dimenticato il maiuscolo ;-)
      Improvvisamente irrompe la segretaria.
      Segretaria: Ho risolto il problema.
      Cliente: Come ?
      Segretaria: Mi sono fatta aiutare da mio
      marito ... è stato semplicissimo: Ho copiato
      la cartella sul destop del mio Windows 98,
      sono entrata con la sua utenza ed ho copiato
      la cartella dal desktop alla sua cartella
      sul server. Ora è tutto a posto, può vedere
      i suoi dati.e com'e riuscita ?????
      Il problema vero è che mancano di praticità,
      umorismo e senso autocritico.non direi...
      P.S.3: La ditta del Cliente non è una della
      new economy, non è un università, non
      organizza viaggi spaziali e di informatica
      non gli importa di una cippa (basta che
      tutto funzioni -e sia facile da usare-
      quando serve).allora diamo lo stesso user e password a tutti...si fa prima...anzi, nemmeno piu user e password...le ultime versioni di windows sono uguali...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & Wile Coyote
      Bella, peccato che a sconfessarti ci hanno pensato IBM, Compaq, HP, SGI, Sun, etc.Per informarti leggi su repubblica il link che ha messo zap in un'altro post:http://www.repubblica.it/online/tecnologie_internet/microlinux/commerciale/commerciale.html.Poi considera che IBM di server Linux, di cui fà anche la pubblicità, in Giappone ne ha venduti 10.000 fino a qualche mese fà, non tutti su RISC, ma anche su IA (quest'ultimi originariamenti destinati a win in max. parte).
  • Anonimo scrive:
    SIETE UN DISASTRO.
    SIETE UN DISASTRO.ORA LINUX VI VA BENE PERCHE SIETE STUDENTIMA QUANDO FINIRETE DI CAMPARE CON I SOLDI DI MAMMA E PAPA ALLORA RIDEREMO INSIEMELUNUX...MA CHI SE LO INCULA?AH SI IL 2% DEGLI SVILUPPATORI...MA PER FAVORE........
    • Anonimo scrive:
      Re: SIETE UN DISASTRO.
      non ci sono piu` i troll di una volta...
      • Anonimo scrive:
        Re: SIETE UN DISASTRO.
        Parole sante. A proposito, la ditta per la quale lavoro progetta, produce e VENDE sistemi Linux-based. Inoltre i clienti sono contenti e PAGANO i nostri prodotti, proprio perche` sono linux-based (quanti vorrebbero un firewall di MS?).Ciao. Nic
    • Anonimo scrive:
      Re: SIETE UN DISASTRO.
      Spiacente per te; ma IBM, HP, Compaq,(alleata di M$), Sun, etc., la pensano diversamente ed hanno investito e venduto server Linux, al posto dei server win200 o con winXP professional; in particolar modo IBM ha avuto un notevole successo di vendite con i server Linux (non solo su RISC, anche IA); solo in Giappone in 5 mesi 10.000.Ah, già; oltre agli sviluppatori open source, queste house hanno affiancato i suoi.
      • Anonimo scrive:
        Re: SIETE UN DISASTRO.
        be, la microsoft ha fatto un disastro con la xbox, le sue concorrenti si preparano a fare un atro bel diastro con Linsux, così la bilancia tornerà pari!
        • Anonimo scrive:
          Re: L'ILLUSIONE del WIN-MANIAC
          - Scritto da: serial
          be, la microsoft ha fatto un disastro con la
          xbox, e questo è REALTA'
          le sue concorrenti si preparano a fare
          un atro bel diastro con Linsux, e questo è una tua fantasia (o un desiderio)
          così la
          bilancia tornerà pari!credici
        • Anonimo scrive:
          Re: SIETE UN DISASTRO.
          - Scritto da: serial
          be, la microsoft ha fatto un disastro con la
          xbox, le sue concorrenti si preparano a fare
          un atro bel diastro con Linsux, così la
          bilancia tornerà pari!No, IBM & C. hanno già venduto l'hw che è quello che a loro interessa in primis, grazie al minor costo di o.s. e sw con Linux (e open Source in generale, perchè IBM vende anche o.s. *BSD su richiesta), con vendite sup. alle attese in periodi di stagnazione, o meglio di basso incremento nell'area informatica.XBox non riesce a vendere, invece.
          • Anonimo scrive:
            Re: SIETE UN DISASTRO.
            mi arrabbio perche negate l'evidenza tutto qui
          • Anonimo scrive:
            Re: SIETE UN DISASTRO.
            - Scritto da: the king
            mi arrabbio perche negate l'evidenza tutto
            quiPuoi elaborare? Citare statistiche? O li nel reparto X-box di Microsoft non te le fanno leggere?
    • Anonimo scrive:
      Re: SEI un DIPENDENTE MICROSOFT
      - Scritto da: THE KING
      SIETE UN DISASTRO.sei un dipendente microsoft, e per te tutte le altre soluzioni sono disastrose
      ORA LINUX VI VA BENE PERCHE SIETE STUDENTI
      MA QUANDO FINIRETE DI CAMPARE CON I SOLDI DI
      MAMMA E PAPA ALLORA RIDEREMO INSIEMEillogico: rideresti solo tu.ma sei in errore: LINUX ha 10 anni di età, e migliora in supporto e qualità, con tua somma RABBIA, come dimostri in questo simpatico post.
  • Anonimo scrive:
    esaltati
    siete solo un branco di esaltati, la gente è disposta a pagare per quello che vuole e darglielo è intelligenza, non monopolio!E non è disposta a prendere in considerazione quello che non vuole!prendetevi il ostro sistema così carino e infilatevelo dove non batte il sole della innovazione e della libertà da voi dinosauri W Microsoft
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      - Scritto da: ciccio pasticcio
      siete solo un branco di esaltati, la gente è
      disposta a pagare per quello che vuole e
      darglielo è intelligenza, non monopolio!
      E non è disposta a prendere in
      considerazione quello che non vuole!
      prendetevi il ostro sistema così carino e
      infilatevelo dove non batte il sole della
      innovazione e della libertà da voi dinosauri

      W MicrosoftPRETORIANO PRETORIANUS.............pussa via!!anche per te è finita la trippa x gatti.è inutile che dai in scalmane.rilassiti, la menopausa è vicina x te.
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      - Scritto da: ciccio pasticcioInteressante: un troll pivello.A che pro un rant come questo in giorni in cui il forum è quasi deserto?
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      - Scritto da: ciccio pasticcio
      siete solo un branco di esaltati, la gente è
      disposta a pagare per quello che vuole e
      darglielo è intelligenza, non monopolio!
      E non è disposta a prendere in
      considerazione quello che non vuole!
      prendetevi il ostro sistema così carino e
      infilatevelo dove non batte il sole della
      innovazione e della libertà da voi dinosauri

      W MicrosoftA parte il fatto che questo è chiaramente unmessaggio meramente provocatorio e privodi sognificato, è curioso leggere frasi come"la gente è disposta a pagare" a riguardodi software (MS) che il 90% dei privatiinstalla illegalmente.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      Il software libero non e' di certo un'innovazione, esiste da anni. La cosa innovativa e' che si sta diffondendo e sgomita per farsi posto in mezzo ai software proprietari.Open Source non vuol dire necessariamente gratis, significa semplicemente che il codice dei programmi e' aperto a tutti. In questo modo i bug posso essere corretti dalla comunita' informatica e non da una societa' che rilascia aggiornamenti ogni tot mesi riservandosi il diritto di manovrare le tecnologie a proprio piacimento.La maggior parte delle persone che conosco hanno software Microsoft non originale. Non credo che la gente sia disposta a pagare per avere quello che vuole.Software di qualita' e marketing difficilmente vanno d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      ma fammi il piacere...
      secondo te la gente compra i prodotti Microzozz perchè li vuole? O forse perchè li trova già installati nel pc nuovo? E tu mi vieni a dire che questo non è monopolio? Credi forse che alla gente piaccia dover usare un sistema costoso, instabile, esoso in termini di hardware, e poco funzionale? Ma di un po hai mai usato un sistema UNIX con GNOME o KDE?
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      Hai perfettamente ragione, se la gente è disposta a pagatre e a farsi prendere per i fondelli faccia pure, per quanto riguarda il resto, per infilarmi il mio sistema così carino lì dove non batte il sole dovrei prima disinstallarlo, ma sai penso che dopo 4 anni, il mio sistema si trovi bene lì dove sta, sull'hard disk.Quante volte hai dovuto reinstallare Winzozz?Funziona tutto?Da me si...modem, stampante, scanner, scheda acquisizione video, fotocamera e tanta altra roba...tu puoi dire lo stesso? e il tutto senza sganciare una lira, basta imparare ad usare i computer, programmarli; ad aprire e chiudere le finestre sono capaci tutti quanti.....
    • Anonimo scrive:
      Re: esaltati
      Un'ultima cosa, poi non ti disturbo più, tutto il software che gli utenti Microzozz hanno installato sulle loro fantastiche macchine, quindi S.O, applicativi e quant'altro è tutto accquistato regolarmente, vero?Lo chiedo così, tanto per sapere.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: LINUX e l'OpenSource sempre più inarrestabili
    Cmq, vi sono alcuni errori d'ignoranza tecnica (daltronde a Repubblica preferiscono le materie umaniste a quelle tecnico/scientifiche).Innanzi tutto win2000 non può installarsi su computer di migliaia di CPU. 1) perchè è limitato dalla sola architettura su cui gira IA32, poi perchè anche nel caso dell'IA64, trova grossi impedimenti, è ancora in fase di BETA, proprio a causa dell'MPP di cui l'SMP è una parte; gli UNIX ci girano tranquillamente già da quando l'IA64 era sperimentale.2) Perchè è limitato da se stesso, proprio a causa del fatto che per la sua archit. win non può implementare MPP naturalmente.3) Neanche con arch. non-IA esistono computer con migliaia di CPU (il max. è di SUN 76 Sparc); confondono il sistema cluster con un computerPoi quando accennano al cluster "in cui cade uno ed entra un'altro; ed il gioco è fatto", facevano meglio a chiamarlo cluster ad alta disponibilità.Per il resto è fatto in modo sufficiente, evidentemente la cultura Linux/UNIX gli fà bene.E' un'idea anche per i dip. e collaboratori M$.
  • Anonimo scrive:
    Re: i contadini con i FORCONI in difesa della DIGN
    - Scritto da: zap
    il grande funzionario sovietico che è
    William Gates III, a capo dell'azienda
    monopolistica nota come microsoftTe lo dico sinceramente, da utente Linux since 1997: ti stai rendendo sempre più ridicolo, sei la macchietta dei forum. Con queste buffonate rendi difficile il compito di chi cerca di proporre seriamente Linux alle aziende, associando l'immagine di Linux agli esaltati e ai piantagrane.Dovresti moderarti, almeno nella forma se non nei contenuti, per non recare un danno a chi sta cercando di fare qualcosa per il software libero a parte sbraitare su un forum.
  • Anonimo scrive:
    Re: GPL, la licenza disonesta
    - Scritto da: godzilla
    come fai a dirlo?Ci ho avuto a che fare anche troppo.
    be', dimostra il contrario. non è difficileProva per esempio a dirmi dove dovrebbe andare Linux senza un component object model standard per tutto il sistema (di solito i linuxari non hanno la minima concezione di cosa sia COM e a cosa serva). Funzionano Bonobo e KParts da un daemon, senza KDE o Gnome avviati?
    si vede che non hai una vista buonaIo in genere vedo solo linuxari che sfottono, mentre ignorano le 4 (3? 2?) cose di Windows che almeno in teoria potrebbero funzionare. Forse per loro leggere gli howto va bene ma leggere un pezzo di manuale di W2K gli sembra brutto.
    può essere, io non l'ho mai utilizzato. per
    me l'unico vero OS è UNIX e i suoi derivati.Orrore!! Questo vale solo per i pagani e gli infedeli!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL, la licenza disonesta

      Prova per esempio a dirmi dove dovrebbe
      andare Linux senza un component object model
      standard per tutto il sistemaavanti ????vediamo cos'e un comCOM is a binary compatibility specification and associated implementation that allows clients to invoke services provided by COM-compliant components (COM objects).ah bhe...l'invenzione del secolo...COM defines a binary structure for the interface between the client and the object.ah bhe...sempre meglio...dov'e sta grande novita e UTILITA ????
      (di solito i
      linuxari non hanno la minima concezione di
      cosa sia COM e a cosa serva).visto che in linux non c'e...
      Funzionano
      Bonobo e KParts da un daemon, senza KDE o
      Gnome avviati?funziona il media player senza l'interfaccia grafica avviata ????
      Io in genere vedo solo linuxari che
      sfottono,a ragione...
      mentre ignorano le 4 (3? 2?) cose
      di Windows che almeno in teoria potrebbero
      funzionare.certo...ma sono microsoft copyrighted intanto e di pagare royalties...
      Forse per loro leggere gli howto
      va bene ma leggere un pezzo di manuale di
      W2K gli sembra brutto.diciamo la percentuale di cose interessanti in un libro m$ per me80% inutili, 10% utili, 10% abbastanza utili...e parlo di un libro technico...non della solita guida...
  • Anonimo scrive:
    Re: GPL, la licenza ONESTA da LEGGERE
    - Scritto da: zap
    ..che viene usata da chi VUOLE che i propri
    prodotti CRESCANO con il contributo LIBERO
    (liberamente scelto) di TUTTI.Forse usando meno maiuscole sembreresti meno invasato?
    La LIBERTA' di contribuzione è FONDAMENTALE.Sei un po' confuso. La libertà di contribuzione esiste tranquillamente anche senza la GPL.
    L'onesta della licenza è stabilita dalla sua
    formulazione, che è tanto priva di ambiguitàTanto da usare il termine "free" che ha almeno 14 significati? Complimenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL, la licenza ONESTA da LEGGERE
      - Scritto da: Opino
      invasato?lo dicevano i sovietici ai dissidenti per giustificarne la deportazione a Gorkji.Per fortuna c'è la libertà di espressione garantita dall'articolo 21 della Costituzione. o meglio, non "per fortuna", ma con il sacrificio di chi ha difeso la libertà di espressione da quelli che vogliono limitarla.Per cui se non ti piace come scrivo puoi semplicemente NON LEGGERE i miei commenti.

      La LIBERTA' di contribuzione è
      FONDAMENTALE.

      Sei un po' confuso. sei tu a essere confuso (o hai intenzioni fuorvianti)
      La libertà di
      contribuzione esiste tranquillamente anche
      senza la GPL.e i progetti sotto GPL crescono ugualmente anche senza il tuo personale aiuto.Rassicurati: nessuno ti costringe a versare una sola goccia di sudore.

      L'onesta della licenza è stabilita dalla
      sua

      formulazione, che è tanto priva di
      ambiguità

      Tanto da usare il termine "free" che ha
      almeno 14 significati? Complimenti.ecco uno che dei giornali legge solo i titoli e pretende di capire TUTTO. Non ti faccio i complimenti. Sarei disonesto.Rimane il fatto che l'ambiguità della licenza non permette ad altri di sviare l'intento della GPL, con ben poca soddisfazione di microsoft e dei suoi AMICI.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & win il Coyote
    I troll si basano più sui luoghi comuni sul livello di "i genovesi sono avari" o "i vicentini mangiano i gatti" più che su fatti reali, ma ogni leggenda ha un piccolo fondo di verità... pensaci bene se si sente dire più spesso "il Mac è difficile da usare" o "Linux è difficile da usare", si sente più, molto più il secondo, perchè c'è più gente che trova difficile Linux che gente che trova difficile MacOS...Questo dovrebbe essere una spia d'allarme, quando M$ ha cominciato ad avere la nomea di "sw poco sicuro e instabile" ha cominciato a fare marketing in merito e a lavorare pr migliorare NT. Linux ha la nomea di OS difficile (perlomeno più difficile di Win e MacOS, vorrei vedere molti gurunix alle prese con la CL di AS/400!) e questo è un fatto, e il movimento open source in reazione dovrebbe puntare molto di più verso la semplificazione e omogeneizzazione delle interfacce (lsb è un buon inizio, ma è stata congelata per quasi un anno!). Se poi il movimento è contrario si tenga la nomea che si è fatto, ma non tacciate di trollismo i 6 miliardi di persone che la pensano diversamente... i troll (o vagabondi di tolkeniana memoria) sono solo quelli che si trasformano in pietra alla luce del sole :)- Scritto da: zap


    - Scritto da: giorgio

    Mi sembra che su linux ci sia un mare di

    trolling, troppo per imputare tutto ad

    impiegati della M$

    non hai in mano alcuna statistica su cui
    basarti.

    Molti troll win-maniac usano trolleggiare
    con nickname diversi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & win il Coyote
      - Scritto da: giorgio.....
      Se poi il movimento è contrario si tenga la
      nomea che si è fatto, ma non tacciate di
      trollismo i 6 miliardi di persone che la
      pensano diversamente... i troll (o vagabondi
      di tolkeniana memoria) sono solo quelli che
      si trasformano in pietra alla luce del soleVeramente il post iniziale non parlava neppure della facilità o difficoltà di utilizzo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & win il Coyote
      - Scritto da: giorgio
      I troll si basano più sui luoghi comuni sul
      livello di "i genovesi sono avari" o "i
      vicentini mangiano i gatti" più che su fatti
      reali, ma ogni leggenda ha un piccolo fondo
      di verità... pensaci bene se si sente dire
      più spesso "il Mac è difficile da usare" o
      "Linux è difficile da usare", si sente più,
      molto più il secondo, perchè c'è più gente
      che trova difficile Linux che gente che
      trova difficile MacOS...si tratta di una questione legata alla diffusione e al marketing delle compagnie concorrenti: tutto quello che non è della propria compagnia è difficile da usare, come sa bene chi ha fatto un corso di marketing (la demolizione o deconstructing delle qualità dei prodotti avversari).A fronte di campagne anti-LINUX la monopolista microsoft è riuscita a frenare un poco l'avanzata delle virtù del software libero. Non gli riuscirà a lungo, se ulteriormente limitata da provedimenti restrittivi anti-trust (come merita)
      migliorare NT. Linux ha la nomea di OS
      difficile (perlomeno più difficile di Win ela stessa nomea che avevano i PC all'inizio della loro diffusione. O internet. Me li ricordo bene, questi due passaggi. E', come ripeto, una questione di diffusione e di marketing avverso.La libera concorrenza sul mercato LINUX farà piazza pulita di queste superstizioni "guidate" dal soggetto più forte che c'è sul monopolio: il monopolista stesso
      Se poi il movimento è contrario si tenga la
      nomea che si è fatto, ma non tacciate di
      trollismo i 6 miliardi di persone che la
      pensano diversamente... Al contrario: lo faremo ogni volta che il loro pensiero (pur liberamente espresso) si baserà su qualcosa che non corrisponde a verità.E lo faremo ridicolizzando le posizioni illogiche su cui inevitabilmente cadranno
      - Scritto da: zap





      - Scritto da: giorgio


      Mi sembra che su linux ci sia un mare
      di


      trolling, troppo per imputare tutto ad


      impiegati della M$



      non hai in mano alcuna statistica su cui

      basarti.



      Molti troll win-maniac usano trolleggiare

      con nickname diversi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    BSD_like, consentimi di approfondire un attimo il discorso partendo dal tuo post, dato che sei uno dei postatori più equilibrati e competenti che leggo su PI.Mi sembra che su linux ci sia un mare di trolling, troppo per imputare tutto ad impiegati della M$ o al semplice dilagare della noncultura informatica.Sarà una mia impressione, ma uso Linux e altri sistemi open source da anni e ho visto un bel miglioramento (e il futuro, con la "neonata" lsb mi sembra roseo) a livello di ordine e di pulizia del codice distribuito e di semplicità d'uso.Ma rimane il fatto che, anche se "pronto per il desktop" le interfacce e gli standard di Linux rimangono INFERIORI a quelli di Windows o MacOS per quanto riguarda l'immediatezza d'uso, la semplicità di installazione e configurazione da parte di un utente medio che normalmente parte sapendo, neanche tanto precisamente, l'"effetto" che vuole ottenere, non il comando da digitare o la strada grafica da seguire. Da questo punto di vista MacOSX e WinXP sono decenni avanti... esempio banale, trovo più semplice usare win 2000 perchè conosco già la GUI e la terminologia usata, ma i miei utenti trovano molto più pretico XP perchè è realmente più orientato al loro modo di pensare.Con questo cosa voglio dire: è ora di finire di dare dei troll a chi si avvicina a Linux (o in genere all'open source) e rimane scottato, perchè tanto hanno ragione a dire che c'è un po di più da sbattersi, perchè è così... M$ è partita da ottime basi per NT, ma per ottenere un sistema ipersemplice lo ha devastato minano la stabilità e la sicurezza che poteva avere... Apple ha investito anni e migliaia di ore-programmatore per MacOS X... oggi non è semplice andare incontro al mercato e dar un sistema con tutte le funzionalità e allo stesso tempo estremamente semplice da usare per chi non ha mai visto un computer in vita sua, non è più realmente pensabile che in un garage un genio scriva il sistema o il programma che cambierà il mondo.Anzi, è probabile che, come in passato, dall'O.S. escano tante piccole perle di software, ma pochi saranno in grado di apprezzarle, mentre se venissero inserite in una grande distribuzione potrebbero beneficiarne molte più persone.Insomma, il software si sta industrializzando, a mio avviso, proprio perchè va verso una distribuzione di larga scala e l'alfabetizzazione informatica della massa che userà il computer come oggi usa il telefonino non passerà certo per la strada in cui c'è più da leggere e da documentarsi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & win il Coyote
      - Scritto da: giorgio
      Mi sembra che su linux ci sia un mare di
      trolling, troppo per imputare tutto ad
      impiegati della M$ non hai in mano alcuna statistica su cui basarti.Molti troll win-maniac usano trolleggiare con nickname diversi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux & Wile Coyote
      Partiamo da alcune considerazioni; il sistema perfetto non esiste. E cioè non posso avere un'o.s. che sia facile, sicuro, performante; M$ ha fatto nei suoi o.s. una scelta differente, orientandoli all'immediatezza d'uso e alla facilità, Linux no.Poi Linux sta venendo incontro alla facilità per l'ut.; forse sotto quest'aspetto non gareggia con le robacce home di win (95, 98, ... XPHome); ma gareggia con gli o.s. professional di M$.Quest'ultimi in genere hanno cmq bisogno di un'admin.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    Sbagli alla radice!Wile Coyote è molto diverso dai Linuxari...... Wile Coyote è SIMPATICO!
  • Anonimo scrive:
    LINUX e l'OpenSource sempre più inarrestabili
    e riescono nel miracolo di far scrivere qualcosa di sensato ai giornalisti non specializzati di Repubblica:
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    IBM, HP, Sun, Compaq, etc., difatti tengono molto a considerazioni come le tue.Ma anche M$ che attinge all'open source (BSD), ci crede alle tue argomentazioni; difatti blinda i propri server con i *BSD.Peccato che l'80% delle tecnologie in informatica nasca dall'open source, altrimenti le tue argomentazioni sarebbero credibili.P.S.: Spegni win, utilizza codice BSD già dal kernel, evita telnet, il raid, il clustering (che per inciso con win non fai molta fatica ad evitare, lì win dimostra tutta la sua bassezza), le forme di Disklabel; il 70% dei comandi sotto UNIX e il 50% dei comandi sotto win, ......Vedrai che così non incocci nell'open source e in ciò che ha introdotto nell'informatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux & Wile Coyote
    - Scritto da: furbics
    Cari linuxari, guardando alla TV dei
    programmi per bambini mi sono accorto che
    più che divenire i coltivatori diretti
    dell'informatica (che comunque il vostro
    atteggiamento per lo sviluppo tende a
    quello: gettate un embrione di programma ed
    aspettate che qualche fesso lo implementi
    per voi), assomigliate sempre di più ad un
    popolare personaggio dei cartoni animati:
    bla bla blaTi devo fare i miei complimenti. In effetti si tratta di un post esemplare. Un nick mai visto su P.I., un testo che punta tutto sulle offese gratuite senza portare alcuna motivazione tecnica. Non manca una velata supponenza buttata un po' li in modo da far pensare che tu stia parlando dall'alto di una conoscenza tecnica sulla materia. Conoscenza che eviti accuratamente di esplicitare per non incorrere nel rischio di repliche. O, più probabimente, conoscenza che neppure possiedi.Nel ripeterti i miei complimenti ti devo confessare di aver salvato il tuo post nella directory "Troll".
  • Anonimo scrive:
    Linux & Wile Coyote
    Cari linuxari, guardando alla TV dei programmi per bambini mi sono accorto che più che divenire i coltivatori diretti dell'informatica (che comunque il vostro atteggiamento per lo sviluppo tende a quello: gettate un embrione di programma ed aspettate che qualche fesso lo implementi per voi), assomigliate sempre di più ad un popolare personaggio dei cartoni animati: Wile Coyote (spero che, presi come siete dal pinguino, ve lo ricordiate).Infatti, come lui, tentate di fare delle imitazioni di soluzioni (soluzioni economiche per clienti spiantati) rifornendovi dalla popolare GNU (ACME inc.) ed ottenendo soluzioni che hanno sempre pecche quà o là (e che poi determinano tristi -ma anche molto esilaranti- risultati implementativi), soprattutto se paragonate con soluzioni commerciali vere (quelle non fornite in scatola di montaggio, per intendersi).Se in un cartoon Wile avesse bisogno di un OS, non avrei il minimo dubbio: userebbe sicuramente Linux!E' per questo che lo ritengo la mascotte ideale per Linux al posto di Tux .. ma questo lo potete decidere solo voi.Nella mia lunga esperienza professionale ne ho incontrati molti di voi .. ed il risultato è sempre stato quello di farmi un sacco di risate sugli esiti delle vostre "implementazioni" (soprattutto in quelle più ardite: problemi di sottodimensionamento delle risorse di sistema e sovrastima delle capacità, grosse perdite di dati, downtime interminabili ...).Comunque, l'aspetto veramente brutto della faccenda è che, al pari di RMS (volendo fermamente che la roba in scatola di montaggio riduca in pezzi un'intera industria), mancate di umorismo ed, in questo modo, invece di divertirvi di sacrosanta ragione sui risultati delle vostre stesse azioni, state lì a rosicarvi il fegato per nulla ed a cercare scuse per accusare altri sistemi/persone per il vostro insuccesso.IMHO, ad ognuno il suo.Mi raccomando, continuate sempre così che altrimenti la vita sarebbe sicuramente troppo piatta ed infinitamente più barbosa .. e poi tutto funzionerebbe alla prima.Salutifurbics
  • Anonimo scrive:
    Re: mi fate PENA.
    - Scritto da: raffo
    niente sara' piu come prima...........Infatti, IBM, HP, Compaq, etc., hanno deciso che niente sarà più come prima e che M$ dovrà o morire o essere ridimensionata!Ah, già, lo hanno deciso pure gli stati federati USA ...
    viva microsoft
  • Anonimo scrive:
    la moglie ubriaca e la botte piena
    i miei 2 hobby sono informatica e giardinaggionon capisco perchè vi accanite contro uno e pro l'altro.hanno caratteristiche diverse: linux è più orientato alle reti e più controllabile, windows ha i drivers per tutte le periferiche, ma è più subdolo.gli applicativi esistono per entrambi, di tutti i tipiwinlinux e mware li fanno girare uno nell'altro, lilo e grub fanno scegliere quale avviare sul pc, al costo di qualche gigabyte in più nell'hardisk(in pratica sono entrambi gratuiti, qual è il problema?)chiunque, se vuole andare allo stadio tutte le domeniche può comprare gli abbonamenti di lazio e roma o di inter e milan, chiunque sulla tv ha le 3 reti rai e le tre mediaset.ma perchè rinunciare a uno dei due?
  • Anonimo scrive:
    Re: E intanto ...
    Finalmente un grande e meraviglioso troll come non se ne vedevano da mesi!Continua così, non ci deludere!!!Con simpatiagodz
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: giorgio
    perchè purtroppo Linux non ha il successo
    commerciale che merita?fondamentalmente perché è molto "giovane" e perché come un po' tutto il free software puzza di "comunismo". senza contare che molta gente (anche autorevolissimi tecnici) tende a rimanere diffidente di fronte al nuovo. come conseguenza di questo, chi ci deve investire ci pensa su non due ma dieci volte, quindi la gente diffidente era e diffidente rimane. la classica situazione del cane che si morde la coda.
    Ora un po ne sta avendo, ma date le premesse
    tecniche e ora anche di usabilità potrebbe
    essere piazzato molto meglio.sicuramente sì.
    Secondo me il vero problema è che se devo
    mettere su un bel server o se devo
    mettermelo su in casa, tutto strabene, trovo
    tutto quello che mi serve e metto su la
    macchina come mi pare, ma se devo mettere i
    piedi una rete aziendale di parecchi
    elaboratori usati da diverse persone il
    discorso cambia.
    Innanzitutto non si trovano facilmente
    macchine che non abbiano almeno un pezzo
    all'ultima moda (oppure capita di dover
    prendere periferiche nuove e non trovare più
    quelle che si conoscono come già ben
    supportate a livello di drivers), ovviamente
    i drivers x win sono già belli pronti ma
    quelli per linux quando escono?non escono proprio per il discorso di prima: chi glielo fa fare alla Matrox o alla Creative di investire risorse (leggi: programmatori) quando linux non è ancora usato da almeno una certa percentuale di utenti?commercialmente è la cosa più saggia, da punto di vista dell'utente è una presa per i fondelli. ma la colpa non è di linux! nVidia, per esempio, checché se ne dica, ha sfornato in un anno 5 versioni di driver unificati per Linux. io ho comprato 3 schede grafiche e, essendo a conoscenza di questo, le ho prese tutte e tre nVidia. chi ci ha guadagnato?
    Secondo si solito con le periferiche danno
    un bel po di software (per win), lo so che
    non è gratis, ma comunque sul prezzo del
    pezzo incide poco (fortunatamente qui c'è
    ancora concorrenza) e si tratta spesso di
    programmi degnissimi e che reggono il
    paragone con il freeware per Linux.sempre lo stesso discorso (e in ogni caso io non compro certo una periferica per quella schifezza di software in bundle, mi basta che ci siano i drivers e che funzionino). ma cosa c'entra linux con il freeware?
    Terzo, l'installazione di sw con gli rpm e
    formati simili è quasi semplice come
    installare sotto win, ma più di una volta mi
    è capitato che l'installer non trovasse
    tutti i pacchetti che le servivano e non
    andasse a buon fine.scusa, ma è perché non lo sai fare, evidentemente. in ogni caso ci sono anche programmi che ti assistono nel procedimento di installazione / aggiornamento dei pacchetti, con interfaccia grafica e tutto il resto.
    Quarto, di solito in una rete aziendale
    l'implementazione di una nuova macchina deve
    avvenire più rapidamente possibile, se
    incappo in uno dei problemi suddetti che
    figura faccio? Quando potrò contare sulla
    soluzione del problema? posso cercarla in
    Internet sui newsgroup, ma se il prodotto
    non è pronto,mi metto a scrivere io un
    driver o del sw?perché, quando compri XP che soluzioni ti danno al problema? che assistenza ti danno? certo, sembra funzionare tutto e subito, ma... dagli una settimana di tempo o tieni la macchina accesa per più di un giorno... chi ti assiste quando per premere il pulsante Start devi attendere che finisca di swappare sull'hard disk?eppure XP... è superiore... c'è tanta gente che vola nella pubblicità...
    Quinto Windows XP fino ad ora mi ha
    distrutto tutte le installazioni di Linux
    sulla stessa macchina su cui l'avevo messo!
    Quindi se devo gestire tante macchine
    diverse, il cui hw e sw si aggiornerà in
    maniera indipendente e non sincronizzata mi
    complico la vita.il fatto che Windows (aualunque versione dal 95 in poi) sovrascriva l'MBR (gravissima pecca di Microsoft, a mio avviso, cmq risolvibile in minuti -due-)non vedo cosa c'entri con l'aggiornamento del software!ciaogodz
  • Anonimo scrive:
    Re: mi fate PENA.
    Che provocatore da quattro soldi ...nn fai ridere a nessuno.come fai a sputare sul lavoro del opensource..cosa ti da fastidio ..idiota bah che gente da eliminare
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: ppl
    - Scritto da: giorgio

    be, vedo con piacere che finalmente la

    discussione assume un senso.
    ]zac[

    No no, ha perso il senso.
    I driver non vengono sviluppati perche' o
    produttori hardware non realizzano i driver
    e nascondono, in maniera secondo me
    ''immorale'', i minimi dettagli delle
    specifiche, e secondo me si meriterebbero
    che per legge le devono rendere pubbliche a
    tutti.Beh, nel nostro piccolo possiamo fare qualche cosa privilegiando i produttori che diffondono le specifiche o, in seconda scelta, scrivono i driver per più sistemi operativi.

    Poi la confusione sulle miriade di librerie
    grafiche e' piuttosto virtuale, in realta'
    le librerie utilizzabili per programmi
    commerciali sono due, kde, e gnome.Beh, se proprio vogliamo evitare la confusione kde e gnome sono desktop manager e non librerie. Le librerie sono le Qt e le Gtk. A far confusione, facendo identificare desktop manager con librerie, è il fatto che KDE si basa sulle Qt, mentre Gnome si basa sulle Gtk.
    E anche li la confusione e' poca, visto che
    i programmi al 99% girano con qualsiasiDirei al 100%....
    desktop o windows manager, visto che le due
    librerie sono presenti sempre nel 99% delle
    distribuzioni.Se un programma è stato sviluppato con Gtk, vuol dire che sicuramente gira su Gnome (visto che richiede le Gtk), ma anche su KDE se nel sistema è installato anche Gnome. Infine può girare anche se nel sistema non è installato Gnome ma sono comunque state installate le Gtk.
    Il caos di cui tu scrivi e' solo apparente,
    dovuto alla mancanza di esperienza con cui
    vedi le cose.

    E per il fatto che ti hanno stampato nel
    cervello che una solo scelta e' l'unica
    scelta, ma anche qui dimostri di conoscere
    poco il caos che regna nelle librerie ms, ti
    consiglio di chiedere a qualche
    programmatore i casini che ha tra i vari so,
    win95, 98, me, NT, 2000, xp, con o senza
    ie4.0 o ie5.0, con o senza office, ecc., il
    rischio che ogni volta che installi un
    programma altri poi abbiano problemi a causa
    di aggiornamento di librerie ....Di fatto da questo punto di vista Windows e Linux sono identici. A cambiare è l'approccio allo sviluppo dei programmi. Infatti tu in Linux puoi compilare i programmi linkando staticamente le librerie. A quel punto non ci saranno più problemi di dipendenze. Oppure puoi linkare dinamicamente le librerie inserendole comunque nel pacchetto rpm, con il rischio di creare confusione con le versioni. Oppure infine puoi linkare dinamicamente le librerie senza inserirle nel pacchetto rpm. In questo caso pe installare il programma hai bisogno che sul sistema siano presenti le librerie richieste. In genere i programmi sotto Windows utilizzano i primi due approcci, mentre i programmi sotto Linux il terzo. Ma questo non è sempre vero.
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: giorgio
    be, vedo con piacere che finalmente la
    discussione assume un senso.]zac[No no, ha perso il senso.I driver non vengono sviluppati perche' o produttori hardware non realizzano i driver e nascondono, in maniera secondo me ''immorale'', i minimi dettagli delle specifiche, e secondo me si meriterebbero che per legge le devono rendere pubbliche a tutti.Poi la confusione sulle miriade di librerie grafiche e' piuttosto virtuale, in realta' le librerie utilizzabili per programmi commerciali sono due, kde, e gnome.E anche li la confusione e' poca, visto che i programmi al 99% girano con qualsiasi desktop o windows manager, visto che le due librerie sono presenti sempre nel 99% delle distribuzioni.Il caos di cui tu scrivi e' solo apparente, dovuto alla mancanza di esperienza con cui vedi le cose.E per il fatto che ti hanno stampato nel cervello che una solo scelta e' l'unica scelta, ma anche qui dimostri di conoscere poco il caos che regna nelle librerie ms, ti consiglio di chiedere a qualche programmatore i casini che ha tra i vari so, win95, 98, me, NT, 2000, xp, con o senza ie4.0 o ie5.0, con o senza office, ecc., il rischio che ogni volta che installi un programma altri poi abbiano problemi a causa di aggiornamento di librerie ....La differenza e' sempre la stessa, linux offre un sacco di scelte e liberta', se sai quello che fai risolvi con ordine e sicurezza, ms offre semplicita', ma ti affidi al caso (secondo me al caos).
  • Anonimo scrive:
    Re: mi fate PENA.
    - Scritto da: raffo
    LINUXARI MI FATE PENA.ahuhauhuahuaha rimani li col tuo bel m$window$piratato

    gia vi vedo...nel vostro centro sociale a
    compilarvi il vostro bel .java o .c con
    GCC...certo nel CENTRO SOCIALE LEONCAVALLO,al DEPOSITO BULK,al "CENTRO SOCIALE IBM"
    ma per favore...andate a lavorare
    IBMIBMIBMIBMIBMIBMio lavoro tu?
    open source e' destinato a morire...HPHPHPHPHPHP
    ma
    sapere qual'e' la cosa peggiore? E' che
    anche voi in fondo lo sapete............certo solo che insieme ai "compagni" squatter americani che vivono nelle "case occupate " HP e IBM non lo vogliamo ammettere

    probabilmente siete tutti studenti
    universitari.
    no io sono un lavoratore
    quando inizierete a lavorare butterete nel
    cesso PHP e compagnia bella.
    sisi come no....

    ragazzi .NET sta arrivando.
    niente sara' piu come prima.
    ci credi?
    viva microsoft
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: giorgio
    perchè purtroppo Linux non ha il successo
    commerciale che merita?Mah, per molti motivi, tra cui la carenza di pubblicita`...
    Ora un po ne sta avendo, ma date le premesse
    tecniche e ora anche di usabilità potrebbe
    essere piazzato molto meglio.Concordo, in effetti per certi aspetti e` migliorabile.
    Secondo me il vero problema è che se devo
    mettere su un bel server o se devo
    mettermelo su in casa, tutto strabene, trovo
    tutto quello che mi serve e metto su la
    macchina come mi pare, ma se devo mettere i
    piedi una rete aziendale di parecchi
    elaboratori usati da diverse persone il
    discorso cambia.Abbastanza vero.Parlo fuori dalla competenza, pero', in questo caso, perche` personalmente non ho una intranet da gestire.
    Innanzitutto non si trovano facilmente
    macchine che non abbiano almeno un pezzo
    all'ultima moda (oppure capita di dover
    prendere periferiche nuove e non trovare più
    quelle che si conoscono come già ben
    supportate a livello di drivers), ovviamente
    i drivers x win sono già belli pronti ma
    quelli per linux quando escono? No, io mi chiedo quando escono i firmware standard, ecco cosa mi chiedo, porca la miseria! E la risposta e`: mai... gli standard ormai... cos'e` uno standard? Boh...
    Secondo si solito con le periferiche danno
    un bel po di software (per win), lo so che
    non è gratis, ma comunque sul prezzo del
    pezzo incide poco (fortunatamente qui c'è
    ancora concorrenza) e si tratta spesso di
    programmi degnissimi e che reggono il
    paragone con il freeware per Linux.In compenso ci sono programmi Linux che reggono il confronto con software strapagato di altre marche... bisogna ammetterlo.
    Terzo, l'installazione di sw con gli rpm e
    formati simili è quasi semplice come
    installare sotto win, ma più di una volta mi
    è capitato che l'installer non trovasse
    tutti i pacchetti che le servivano e non
    andasse a buon fine.Non posso negare che e` capitato anche a me.
    Quarto, di solito in una rete aziendale
    l'implementazione di una nuova macchina deve
    avvenire più rapidamente possibile, se
    incappo in uno dei problemi suddetti che
    figura faccio? Quando potrò contare sulla
    soluzione del problema? posso cercarla in
    Internet sui newsgroup, ma se il prodotto
    non è pronto,mi metto a scrivere io un
    driver o del sw?No, ma tieni in considerazione che anche Windows NON E` al di sopra dei problemi... anzi...
    Quinto Windows XP fino ad ora mi ha
    distrutto tutte le installazioni di Linux
    sulla stessa macchina su cui l'avevo messo!E` normale. C'e` proprio una serie di programmi che va a caccia di qualsiasi OS diverso e lo distrugge... (va be' scherzo...) e se provo a disinstallare XP dal portatile penso che verrei avvertito con un messaggio tipo "autodistruzione del computer tra 20 minuti"... (scherzo ancora)
    Quindi se devo gestire tante macchine
    diverse, il cui hw e sw si aggiornerà in
    maniera indipendente e non sincronizzata mi
    complico la vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    be, vedo con piacere che finalmente la discussione assume un senso.Uno dei motivi per cui i produttori sviluppano poco per l'open source è appunto la "caoticità" delle distribuzioni (un esempio banale per limitarci alla "buccia", fare un installer grafico per linux non è così semplice come farlo per Windows), il Linux standard base dovrebbe aiutare... l'altro è il monopolio, ma se grandi case si avvicinano seriamente a Linux, e magari sono cointeressate nella produzione hw, le cose cambieranno non poco (ma quanto detto prima rimane un requisito fondamentale).Analogo discorso per la programmazione (almeno i comuni programmi desktop, che gravitano pesantemente attorno alla GUI, non parlo certo dei programmi scientifici) e la realizzazione di installer, tutto verrebbe semplificato da uno standard che copra quante più aree del progetto GNU possibili.Queste sono le vere pecche di Linux e dell'open source in genere con cui mi sono trovato a lottare ogni volta che sono riuscito a fare passare soluzioni di quel tipo, purtroppo una vasta offerta di software libero e di drivers per componenti ormai standard non bastano in un mondo dove la concorrenza viaggia inculcando alla gente che il programma/il componente della scorsa settimana sono vecchi... basta dover aggiungere un pezzo hw o una funzionalità cercando nuovi programmi e tutto il magnifico equilibrio raggiunto viene messo in discussione, mentre la soluzione M$, anche se qualitativamente inferiore (il kernel di NT potenzialmente poteva essere ottimo, è stato rovinato ma qui è troppo lungo (e triste) dire come e dove), da la sicurezza psicologica che qualunque esigenza futura potrà sicuramente essere risolta con un doppio click nei prossimi 5 minuti. Se l'open source saprà fare propria questa filosofia ha ottime possibilità di mandare Bill a raccogliere patate, se invece si chiude nel dire "tanto la nostra soluzione è migliore e i benchmark lo dimostrano", be allora prepariamoci ad andare per i campi...: )
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: giorgio
    Il mio post ha il significato di dire che
    l'Open Source ha una serie di problemi
    impliciti nel suo modello di sviluppo Il modello di sviluppo dell'Open Source ha dei problemi se i produttori di hardware non scrivono
    che DEVE
    risolvere se non vuole che i suoi adepti,
    tra cui faccio la mia modesta parte, vadano
    veramente a piantare patate. E come farebbero a far comparire i driver senza le specifiche appena compare il prodotto sul mercato?
  • Anonimo scrive:
    Re: mi fate PENA.
    - Scritto da: raffo
    LINUXARI MI FATE PENA.Se vuoi fare il troll ti devi impegnare di piu`.
  • Anonimo scrive:
    Re: mi fate PENA.
    Lurido PRETORIANO ruffiano delle peggiori fogne di REDMOND!Siete destinati a finire ad elemosinare con le pezze al culo.- Scritto da: raffo
    LINUXARI MI FATE PENA.

    gia vi vedo...nel vostro centro sociale a
    compilarvi il vostro bel .java o .c con
    GCC...
    ma per favore...andate a lavorare

    open source e' destinato a morire...ma
    sapere qual'e' la cosa peggiore? E' che
    anche voi in fondo lo sapete............

    probabilmente siete tutti studenti
    universitari.

    quando inizierete a lavorare butterete nel
    cesso PHP e compagnia bella.


    ragazzi .NET sta arrivando.
    niente sara' piu come prima.

    viva microsoft
  • Anonimo scrive:
    mi fate PENA.
    LINUXARI MI FATE PENA.gia vi vedo...nel vostro centro sociale a compilarvi il vostro bel .java o .c con GCC...ma per favore...andate a lavorareopen source e' destinato a morire...ma sapere qual'e' la cosa peggiore? E' che anche voi in fondo lo sapete............probabilmente siete tutti studenti universitari.quando inizierete a lavorare butterete nel cesso PHP e compagnia bella.ragazzi .NET sta arrivando.niente sara' piu come prima.viva microsoft
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    secondo me stupito è Andreoli! Nessun altro
    avrebbe tanto tempo da perdere per
    rispondere a tutti i post!non saprei e non m'importa...vorrei solo che la gente dicesse...okey un mondo migliore e possibile e che ogniuno nel suo piccolo cercasse di farlo migliore...invece...tutti a dire l'universita di qua, universita di la, facciamo un albo, non non facciamolo, ecc...come se fossero questi i problemi della vita...mah....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    secondo me stupito è Andreoli! Nessun altro avrebbe tanto tempo da perdere per rispondere a tutti i post!
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    Il mio post ha il significato di dire che l'Open Source ha una serie di problemi impliciti nel suo modello di sviluppo (spero di non stare parlando troppo difficile, oppure prova a leggere più lentamente e appeso a testa in giù e forse col sangue che affluisce al cervello riesci almeno a capitre due o tre parole qua e la) che DEVE risolvere se non vuole che i suoi adepti, tra cui faccio la mia modesta parte, vadano veramente a piantare patate. Questo per i motivi (che espongo nel mio "inutile" post) che nella mia esperienza ho purtroppo incontrato sul campo e che non si possono tutti ascrivere al 102% come viene fatto in molti post al bieco monopolista di Redmond!Se poi vogliamo limitarci a un commento alla notizia avremmo circa 2000 post che dicono "a Bill gli girano!" o "la sua sparata si commenta da sola" o "se non fosse l'uomo più ricco del mondo nessuno pubblicherebbe un delirio del genere".
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    la prossima volta scegli un'universita`
    seria.mi sa che e una delle piu SERIE in italia...
    Ma mi sa che per l'universita` non ti sei
    informato molto.mi sono informato tanto...ma non avevo idea di quello che c'e sotto la superficie...
    Gia` il fatto che non
    conoscevi altro al di fuori di Ingegneria
    Informatica...intendevo dire...mica fai marketing poi vai a fare informatica...era quello il senso del discorso...
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...

    i drivers x win sono già belli pronti ma
    quelli per linux quando escono? per fortuna ci sono alcuni produttori che cominciano a fare anche i driver per linux...ma per la maggior parte l'ufficio acquisti e consigliato in una certa direzione...indovina da chi e come...
    Secondo si solito con le periferiche danno
    un bel po di software (per win), lo so che
    non è gratis, ma comunque sul prezzo del
    pezzo incide poco (fortunatamente qui c'è
    ancora concorrenza) e si tratta spesso di
    programmi degnissimi e che reggono il
    paragone con il freeware per Linux.mah che incide poco non e detto...
    Terzo, l'installazione di sw con gli rpm e
    formati simili è quasi semplice come
    installare sotto win, ma più di una volta mi
    è capitato che l'installer non trovasse
    tutti i pacchetti che le servivano e non
    andasse a buon fine.a me e capitato un paio di volte...di solito uso il make compile...
    Quarto, di solito in una rete aziendale
    l'implementazione di una nuova macchina deve
    avvenire più rapidamente possibile, se
    incappo in uno dei problemi suddetti che
    figura faccio? Quando potrò contare sulla
    soluzione del problema? posso cercarla in
    Internet sui newsgroup, ma se il prodotto
    non è pronto,mi metto a scrivere io un
    driver o del sw?si spiega al cliente che ci sono cose che si fanno in 5 minuti e cose che si fanno in mezz'ora...almeno in teoria ;-)
    Quinto Windows XP fino ad ora mi ha
    distrutto tutte le installazioni di Linux
    sulla stessa macchina su cui l'avevo messo!se lasciato a fare tutto da solo si...pero con un paio di precauzioni non fa tanti danni...
    Quindi se devo gestire tante macchine
    diverse, il cui hw e sw si aggiornerà in
    maniera indipendente e non sincronizzata mi
    complico la vita.bhe un sacrificio ognitanto...;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: blah
    azzardo una percentuale ????
    la mia esperienza dice:
    90% teste di cazzo, parruconi masterizzati
    con la puzza sotto il naso...
    5% gente preparata, ma troppo seria
    5% professori eccezzionali...di quelli che
    dovrebbero esistere di piu...Che esperienza di merda...la prossima volta scegli un'universita` seria.Ma mi sa che per l'universita` non ti sei informato molto. Gia` il fatto che non conoscevi altro al di fuori di Ingegneria Informatica...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    non sono molto d'accordo
    è solo grazie alla lettura di bibbie come il
    soulstroup per i calcolatori elettronici,
    che puoi cominciare a capire _VERAMENTE_
    cosa significa ciò che stai facendo
    e doversi leggere, anzi, studiare un libro
    così, non credo sia una cosa che fanno tutti
    i _SEDICENTI_ programmatori

    è normale che una pratica 24h7 porta a
    livelli molto alti, ma se non c'è una buona
    base teorica, al cambiare delle basi, le
    conoscenze acquisite che fine fanno ?e chiaro che non ti metti davanti a un computer a mettere insieme dei caratteri...dicevo solo che io personalmente rendo molto di piu studiando roba SERIA e da solo...era tutto qui il discorso...pero quando fai un esame all'universita questo non conta nulla...devi solo aver seguito le lezioni del professore, essere andato ai suoi ricevimenti, esprimere i concetti come li ha espressi lui e stargli simpatico...la serieta e quello che sai realmente non interessa a nessuno...questa gente la manderei a lavorare i campi altro che i mega ultra masterizzato ecc da suoi simili...
    chi programmava per win3.1 lo fa allo stesso
    modo mo ?
    e chi lo faceva per *nix, ha dovuto subire
    queste mutazioni ?

    ah ?questa parte non l'ho capita...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    il discorso è un'altro: nelle università si
    trovano certo molte teste di c***o, ma anche
    dei professori intelligenti e davvero
    preparati che possono davvero dare molto a
    chi ha da apprendere.azzardo una percentuale ???? la mia esperienza dice:90% teste di cazzo, parruconi masterizzati con la puzza sotto il naso...5% gente preparata, ma troppo seria5% professori eccezzionali...di quelli che dovrebbero esistere di piu...
    ovvio che se sei
    "crudo" hai ben poche speranze, ma se invece
    hai un po' di apertura mentale puoi fare
    esperienze che lavorando o studiando da solo
    te le sogni!
    non si vive di soli libri (neanche
    all'università), e te lo dice uno che
    l'università la sta facendo adesso.;-)so quello che intendi...tranquillo, non sono asociale del tutto, scelgo solo con cura le persone che mi stanno intorno...e so anche divertirmi quando c'e da divertirsi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: C+2
    Per fare ilprogrammatore non serve sapere l'
    Italiano, si scrive in codice.
    E non serve nemmeno una laurea in
    informatica.besides a mathematical inclination, an exceptionally good mastery of one's native tongue is the most vital asset of a competent programmer.Che bel mondo che e` l'informatica...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    do il pieno appoggio a quello che dice blah
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    non è che nel nome hai sbagliato una t con una d?
    • Anonimo scrive:
      Re: perchè purtroppo Linux...
      - Scritto da: giorgio
      non è che nel nome hai sbagliato una t con
      una d?E` possibile. Scusa, sai, non sono molto erudito. Saggio maestro, per favore, elevami tu ad un piu` alto livello di conoscenza: che significa implementare?
      • Anonimo scrive:
        Re: perchè purtroppo Linux...
        - Scritto da: stupito
        - Scritto da: giorgio

        non è che nel nome hai sbagliato una t con

        una d?
        E` possibile. Scusa, sai, non sono molto
        erudito. Saggio maestro, per favore, elevami
        tu ad un piu` alto livello di conoscenza:
        che significa implementare?grazie, grazie, ma per favore non chiamarmi maestro, chiamami si-fu.Implementare dalle mie parti significa fornire una soluzione e/o servizio che prima non c'era, quindi è un vocabolo molto vago. Di solito, ma non necessariamente sempre, significa cercare una soluzione ad un problema sottoposto da un cliente, una volta trovata fare l'installazione di quanto dovuto (hw/sw), integrandolo con i sistemi preesistenti e col cervello delle persone che devono lavorarci, dando istruzioni in merito, manuali e quando possibile fornendo anche il codice sorgente del sw/delle personalizzazioni. Significa molto spesso anche un contratto di assistenza, supporto e aggiornamento e significa SEMPRE (se il lavoro viene fatto con onestà) prevedere che le esigenze del cliente possano cambiare rispetto ai piani originali e che sia necessario fare lavorare la mia soluzione con quele di altri.Il discorso del mio topic è che con la piattaforma Windows mi è capitato solo raramente di trovare dell hw non supportato tra quello nuovo o nuovissimo che di solito si monta ai clienti (non sto a farmi pubblicità su quello che faccio): molta della concorrenza, come anche nella vendita degli elaboratori, gioca proprio su questo. Inoltre spesso il cliente spalma spesso e volentieri sulla "soluzione" hardware e software che sceglie per i fatti suoi (indovina, di solito verso quale piattaforma si orienta?) e pretende che funzioni subito. I fermi macchina costano e l'assistenza è gratuita (mi considero, pomposamente, serio)= meglio che ci siano pochi guasti. Windows è molto migliorato a riguardo, nel contempo Linux è migliorato molto rispetto alla semplicità d'uso e amministrazione ma c'è ancora molto caos tra le librerie supportate dalle diverse distribuzioni, le interfacce, gli installer. Se su un computer privato non da più di tanto fastidio su una rete di computer che vengono aggiornati da persone diverse, in tempi diversi, con criteri diversi può dare più problemi rispetto a windows. Questa è una esperienza personale, supportata anche da quella di tanti colleghi, alcuni più orientati verso un sistema, altri verso un altro, ma la morale è sempre quella a quanto ho visto
        • Anonimo scrive:
          Re: perchè purtroppo Linux...
          - Scritto da: giorgio
          Implementare dalle mie parti significa
          fornire una soluzione e/o servizio che prima
          non c'era, quindi è un vocabolo molto vago.
          Di solito, ma non necessariamente sempre,
          significa cercare una soluzione ad un
          problema sottoposto da un cliente,...
          Significa molto spesso
          anche un contratto di assistenza, supporto e
          aggiornamento e significa SEMPRE (se il
          lavoro viene fatto con onestà) prevedere che
          le esigenze del cliente possano cambiare
          rispetto ai piani originali e che sia
          necessario fare lavorare la mia soluzione
          con quele di altri.E` curioso come in ambiti specifici, in mancanza di una parola sufficientemente pomposa, se ne scelga una a caso per indicare qualcosa di completamente differente.Per gradire:
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: tauromachia
    questo mostra la corda proprio
    nel campo informatico dove bisogna
    sviluppare non solo bene ma anche molto
    rapidamente e molto spesso in piccole
    società con poco budget.Traduzione: le aziende di software non vogliono persone che sanno programmare. Vogliono persone che sanno scrivere codice, tonnellate di codice; magari codice inefficente, inelegante poco manutenibile e che alla prossima versione del sistema operativo non girera` piu` pero` tanto, tanto codice in poco tempo.Tecnica poco lungimirante...
    ora che
    esci dall'università due terzi delle tue
    conoscenze sono obsolete e a meno che tu non
    abbia fatto la tesi in un campo emergente
    non hai una specializzazione che possa fare
    gola al mercato.Questa delle conoscenze obsolete e` interessante. Le conoscenze che diventano obsolete in informatica sono quelle operative, le conoscenze teoriche non diventano mai obsolete (se non in lunghi periodi).Tu sopra chiedi persone che ``sappiano fare''. Ma il ``saper fare'' nel mondo dell'informatica dura poco. Dura qualche anno. Se non hai solide basi teoriche e non ti aggiorni costantemente dopo uno o due anni il ``saper fare'' evapora e se le conoscenze erano solo operative il tuo simpatico programmatore continuera` a programmare come nel paleolitico per sempre...
    si, hai sviluppato basi e forma mentis per
    imparare, ma dai 25 anni in su è troppo
    poco, e lo sembra anche alle aziende che
    dovrebbero trasformarti in un
    professionista, La verita` e` questa. Assumere un laureato costa troppo per le aziende. Perche' un laureato (se e` un laureato vero) ha imparato come si fanno le cose per bene. Alle aziende invece interessano le cose fatte male perche' farle bene richiede troppo tempo. Gran parte del successo di VB6 e` dovuto a questo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma guarda quanti esperti
      molti disoccupati ti saranno grati di questo contentino
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma guarda quanti esperti
        - Scritto da: tauromachia
        molti disoccupati ti saranno grati di questo
        contentinoInvece il tuo commento e` interessante. Due parole di piu`?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: Alessandro Winkler
    Non sapevo che l'italia sfornasse tanti
    informatici competenti...

    Sarebbe ora che anche voi informatici vi
    dotaste di un albo professionale, al pari di
    architetti e ingegneri.

    Nel nostro paese CHIUNQUE, magari con una
    certificazione Microsoft presa in un mese,
    può defirsi "programmatore" al pari di un
    laureato in informatica/scienza
    dell'informazione. Non capisco come possiate
    tollerare una cosa simile.

    E poi ci meravigliamo se i programmi non
    funzionano o sono difficili da usare, o se
    la gente straparla sui forum... qui c'è
    gente che non sa neanche scrivere in
    italiano, altro che apportare modifiche ai
    sorgenti di un sistema operativo.Per fare ilprogrammatore non serve sapere l' Italiano, si scrive in codice.E non serve nemmeno una laurea in informatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè purtroppo Linux...
    - Scritto da: giorgio
    Quarto, di solito in una rete aziendale
    l'implementazione di una nuova macchina deve
    avvenire più rapidamente possibile, se
    incappo in uno dei problemi suddetti che
    figura faccio? La figura di quello che non sa cosa significa ``implementare''.
  • Anonimo scrive:
    perchè purtroppo Linux...
    perchè purtroppo Linux non ha il successo commerciale che merita?Ora un po ne sta avendo, ma date le premesse tecniche e ora anche di usabilità potrebbe essere piazzato molto meglio.Secondo me il vero problema è che se devo mettere su un bel server o se devo mettermelo su in casa, tutto strabene, trovo tutto quello che mi serve e metto su la macchina come mi pare, ma se devo mettere i piedi una rete aziendale di parecchi elaboratori usati da diverse persone il discorso cambia.Innanzitutto non si trovano facilmente macchine che non abbiano almeno un pezzo all'ultima moda (oppure capita di dover prendere periferiche nuove e non trovare più quelle che si conoscono come già ben supportate a livello di drivers), ovviamente i drivers x win sono già belli pronti ma quelli per linux quando escono? Secondo si solito con le periferiche danno un bel po di software (per win), lo so che non è gratis, ma comunque sul prezzo del pezzo incide poco (fortunatamente qui c'è ancora concorrenza) e si tratta spesso di programmi degnissimi e che reggono il paragone con il freeware per Linux.Terzo, l'installazione di sw con gli rpm e formati simili è quasi semplice come installare sotto win, ma più di una volta mi è capitato che l'installer non trovasse tutti i pacchetti che le servivano e non andasse a buon fine.Quarto, di solito in una rete aziendale l'implementazione di una nuova macchina deve avvenire più rapidamente possibile, se incappo in uno dei problemi suddetti che figura faccio? Quando potrò contare sulla soluzione del problema? posso cercarla in Internet sui newsgroup, ma se il prodotto non è pronto,mi metto a scrivere io un driver o del sw?Quinto Windows XP fino ad ora mi ha distrutto tutte le installazioni di Linux sulla stessa macchina su cui l'avevo messo!Quindi se devo gestire tante macchine diverse, il cui hw e sw si aggiornerà in maniera indipendente e non sincronizzata mi complico la vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccoci..
    - Scritto da: S.L.
    Adesso Gates dice che GPL=comunismo, perche`
    sappiamo come gli americani si spaventino al
    solo suono della parola "comunismo". Il
    comunismo non c'e` piu`, e la GPL e il
    sistema di sviluppo del sw libero c'entrano
    tutto sommato poco.
    E` lo sviluppo comunitario (simile al metodo
    scientifico della ricerca) il cuore del sw
    libero.per alcuni mettere davanti l'interesse della comunita rispetto a quello del singolo o del bussiness e' comunismo
    Adesso andra` a dire a Bush di fermare la
    nuova minaccia comunista????
    certo,bombardera ovunque esista un server linux :))
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: SBP
    - Scritto da: zap

    la scelta dell'attacco politico è tutta

    d'origine micrsoft: l'etichetta di "cancro

    comunista" a una parte diel movimemto GPL

    viene dai massimi dirigenti del monopolio

    microsoft.

    E purtroppo ha attecchito subito anche qui
    da noi...nel news ho letto che alcuni che voi chiamate linuxari son destri alcuni di sinistra sono winmaniace comunque nella notizia ci son riferimenti politici-----------Nell'ambito di quello che definisce "approccio capitalistico", Gates sostiene che "il software dovrebbe creare lavoro e la ricerca e sviluppo dei governi dovrebbe generare lavoro: ne consegue che quest'ultima dovrebbe essere fatta in modo da poter essere commercializzata". "C'è una fazione schierata contro questo (approccio) - sostiene Bill Gates -, la così chiamata General GPL source license Free software Foundation, la quale sostiene che tutti i paesi, oltre agli USA, dovrebbero dedicare dollari alla ricerca e sviluppo seguendo il cosiddetto "approccio aperto", il che significa che non potrete mai commercializzare questo software. Ed è questa una scelta interessante, da parte di uno stato, per negare a sé stesso i benefici provenienti da quei posti di lavoro altamente remunerati e da quel genere di tasse che consentono ad un paese di finanziare le proprie università e, più in generale, tutta la ricerca".-------------



    Nessuno pretende che sia assente,
    sarebbe


    auspicabile fosse in minoranza.



    concordo. Ma forse le ragioni della
    validità

    dell'Open Source sono tanto forti da
    rendere

    agguerriti i suoi sostenitori

    A maggior ragione la consapevolezza di ciò
    dovrebbe generare toni più moderati
    chi l'ha detto? ognuno ha i suoi modi di comunicare...e chi ha detto che la moderazione paga?
    SBP
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
    - Scritto da: Alessandro Tosi
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione, in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguato e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.Windows ne ha? ah gia...basta smanettare un po per spacciarsi come esperto di PC

    E (lo dico ai numerosi ragazzini che hanno
    partecipato alla discussione) aprite gli
    occhi: a spingerlo sono state multinazionali
    al pari di Microsoft, per contrastare
    Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i
    vostri sogni di hacker.le multinazionali ma non solo..ricordo che non sempre(fidati se lo dico io che son comunista)aziende,multinazionali e cartelli fan tutto malela legge sulla sicurezza sul lavoro in Italia venne supportata ANCHE da un cartello di aziende che si occupava di dispositivi di sicurezza

    Attenzione a quello che i media vi
    propinano, non fate i boccaloni...concordodico a tutti SPEGNETE LA TV ACCENDETE IL CERVELLO
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: Alessandro Winkler
    Nel nostro paese CHIUNQUE, magari con una
    certificazione Microsoft presa in un mese,
    può defirsi "programmatore" al pari di un
    laureato in informatica/scienza
    dell'informazione. Non capisco come possiate
    tollerare una cosa simile.vedo che ti hanno già risposto per le rime, ma consentimi di incarare la dose perchè te lo meriti: ne mondo del lavoro servono persone che sanno fare, non solo che sanno.La formazione universitaria nel nostro paese passa O per strutture/programmi obsoleti O per teoricismi astratti e poco attinenti alla realtà, questo mostra la corda proprio nel campo informatico dove bisogna sviluppare non solo bene ma anche molto rapidamente e molto spesso in piccole società con poco budget.annualmente non solo raddoppia la potenza di calcolo delle macchine, ma anche la mole di conoscenze necessarie per ritenersi un "esperto", per questo mi fa un po ridere l'idea del laureato in informatica: ora che esci dall'università due terzi delle tue conoscenze sono obsolete e a meno che tu non abbia fatto la tesi in un campo emergente non hai una specializzazione che possa fare gola al mercato.oggi già è un mondo troppo vasto per dire di essere degli esperti in genere, se non sei specializzato farai fatica a trovare lavoro e un buon lavoro.si, hai sviluppato basi e forma mentis per imparare, ma dai 25 anni in su è troppo poco, e lo sembra anche alle aziende che dovrebbero trasformarti in un professionista, te lo dico a nome di troppi laureati che conosco a spasso dopo che si sono sentiti ripetere le stesse cose!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    il discorso è un'altro: nelle università si trovano certo molte teste di c***o, ma anche dei professori intelligenti e davvero preparati che possono davvero dare molto a chi ha da apprendere. ovvio che se sei "crudo" hai ben poche speranze, ma se invece hai un po' di apertura mentale puoi fare esperienze che lavorando o studiando da solo te le sogni!non si vive di soli libri (neanche all'università), e te lo dice uno che l'università la sta facendo adesso.ciaogodz
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux è proprio un prodotto valido pe le aziende
    speriamo di no!lo hai trattato pure bene, per me era un 4 pieno !!!- Scritto da: zap


    - Scritto da: Alessandro Tosi

    Linux non è un prodotto che un'azienda
    seria

    può prendere in considerazione,

    balle: sempre + aziende lo stanno facendo.
    Evidentemente non pensi ad Amazon, a IBM, a
    SUN, a HP e a mille aziende minori (tranno
    microsoft, ovviamente)


    in primo

    luogo per la mancanza di un supporto

    adeguato

    questa è la solita balla messa in giro ad
    arte da chi non conosce altro che il
    supporto ai prodotti del monopolista.

    C'è un MARE di aziende che campava con il
    supporto a UNIX, di cui LINUX è solo
    l'ultima incarnazione.


    e di adeguate garanzie commerciali

    di continuità.

    il codice open source LIBERO è GARANZIA di
    continuità per sua stessa natura, e sei al
    secondo errore.


    E (lo dico ai numerosi ragazzini

    il solito modo di sminuire le ragioni degli
    altri, che però non attacca e ti rivela come
    un provocatore


    partecipato alla discussione) aprite gli

    occhi:

    sono aperti, finalmente,e le tue balle non
    ci ingannano


    a spingerlo sono state multinazionali

    al pari di Microsoft,

    perché ne hanno riconosciuto il valore
    economico che NON avvantaggia un solo
    soggetto: microsoft


    per contrastare

    Mr.Bill - spiacente di andare a
    infrangere i

    vostri sogni di hacker.

    continua a provare a romperti la testa: non
    c'è bisogno di essere guru del computer per
    capire la parzialità del tuo commento privo
    di argomenti


    Attenzione a quello che i media vi

    propinano, non fate i boccaloni...

    "dove vuoi andare oggi?"
    "ora puoi"

    come win-maniac il tuo voto è 5 e mezzo

    Riprova

  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
    - Scritto da: Upanisad

    Secondo te è una cosa facile? Guarda che di
    modelli ecnomici nella storia se ne sono
    inventati BEN pochi! In effetti quello dei venditori di software e` un modello nuovo. Produco UNA cosa e poi la Vendo e la Rivendo la Ririvendo la Riririvendo Ririririvendo...
    E piantiamola con la storia dell'assistenza!
    Guardate che la praticamente totalità delle
    distro Linux è sull'orlo del fallimento! Seriamente: pensi davvero che quello che renda ad una piccola software house sia la vendita delle licenze oppure l'assistenza sul prodotto e lo sviluppo di software ad-hoc (e l'adattamento a particolari esigenze di software gia` esistente)?
    Ditemi UNA ditta di assistenza!
    Se fosse così redditizio ce ne sarebbero a
    iosa!E allora perche' continuano a comparire nuove distribuzioni linux?
    La pura verità è che la GPL ha il potere
    virale di uccidere il lavoro retribuito del
    programmatore, riducendolo ad attività
    marginale per pochi (s)fortunati.Questa poi. Quanti sono secondo te i programmatori che campano vendendo le licenze dei programmi che scrivono? Secondo me meno dell'1%. Gli altri sviluppano software su richiesta e vendono i sorgenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    questo non vuol dire niente, ognuno sceglie
    il suo modello di studio... se per te andava
    bene in quel modo qualcun altro ha bisogno
    di seguire lezioni, ma non significa né che
    sia meno intelligente né che non sappia
    studiare!e lo stesso vale (o dovrebbe) per il contrario...o no ????
    be', è una tua opinione!tu invece sei convinto del contrario...chi ha ragione ???? la societa direbbe tu, ma la societa sbaglia tante volte...
    un'altra è
    dire che l'università è praticamente
    inutile... non del tutto inutile...hai accesso alla biblioteca...sapessi quanti libri sono praticamente nuovi li dentro...
    chi programma, anche se
    tecnicamente è bravissimo, non può
    prescindere da certi principi teorici che,
    guarda caso, si insegnano proprio nei
    laboratori e nelle aulee dell'univgersità!sentiamo quali sarebbero questi principi cosi nascosti e segreti che si possono imparare solo all'universita ???? (che naturalmente si insegnano su libri che si possono comprare e studiare con calma)...all'universita paghi qualcuno che parla cercando di spiegarti dei concetti ma in realta tutto quello che fa e confonderti le idee...e tutto questa rottura di palle per poter mettere la tua faccia su qualche logo...la verita e questa...ma la cosa peggiore e che gente da valore ad una faccia vicino ad un logo...ma se hai fatto un'universita sai meglio di me che posto e...quindi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
    Se le cose stanno cosi`, allora mi sa tanto che il PC non sia un prodotto che un'azienda possa prendere in considerazione... diverse aziende che conosco usano ancora il DOS per tenere in ordine gli archivi... figurati un po'... e hanno paura di perdere dati nel passare a Windows. Pero` lo sfoggiano a volte agli sportelli, perche` e` piu` carino a vedersi, di quell'affidabilissimo schermo nero con scritte grigie...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti
    - Scritto da: Alessandro Winkler
    Non sapevo che l'italia sfornasse tanti
    informatici competenti...

    Sarebbe ora che anche voi informatici vi
    dotaste di un albo professionale, al pari di
    architetti e ingegneri. Viva le Lobby!
    Nel nostro paese CHIUNQUE, magari con una
    certificazione Microsoft presa in un mese,
    può defirsi "programmatore" al pari di un
    laureato in informatica/scienza
    dell'informazione. Non capisco come possiate
    tollerare una cosa simile. Tollerare? Ma guarda che per fare un "Programma" decente non ci vuole mica 'na laurea in informatica, sai. Mai sentito parlare di Bill Gates, o se preferisci, di Linus Torvalds? Be forse non lo sai, ma non sono manco laureati eppure sono i due nomi + grossi dell'informatica attuale. ;-)
    E poi ci meravigliamo se i programmi non
    funzionano o sono difficili da usare, o se
    la gente straparla sui forum... qui c'è
    gente che non sa neanche scrivere in
    italiano, altro che apportare modifiche ai
    sorgenti di un sistema operativo. Se vuoi Ti presento un mio amico Cingalese, che parla malissimo e scrive ancora peggio in italiano, ma di codici sorgenti ne capisce assai! Tanti saluti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma guarda quanti esperti

    Nel nostro paese CHIUNQUE, magari con una
    certificazione Microsoft presa in un mese,
    può defirsi "programmatore" al pari di un
    laureato in informatica/scienza
    dell'informazione. Non capisco come possiate
    tollerare una cosa simile.guarda che molto spesso quelli che hanno preso quel coso in un mese sono piu bravi di tanti universitari...detto da uno che di universita se ne intende...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma guarda quanti esperti
      Non vedo perché, così come non mi farei mai fare una casa da uno con la terza media, devo farmi fare il mio software da un diplomato dell'istituto del turismo "certificato microsoft" (o neanche quello). E ce ne sono parecchi che si spacciano per programmatori. Poi i risultati si vedono.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma guarda quanti esperti

        Non vedo perché, così come non mi farei mai
        fare una casa da uno con la terza media,
        devo farmi fare il mio software da un
        diplomato dell'istituto del turismo
        "certificato microsoft" (o neanche quello).
        E ce ne sono parecchi che si spacciano per
        programmatori. Poi i risultati si vedono.diciamo la verita gli albi servono solo per poter prendere piu solditutto qua...secondo in universita insegnano varie cazzate, ma non quello che serve...se uno programma dalla mattina alla sera, pur non avendo una laurea e piu bravo...un po piu di modestia ingegnieri...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma guarda quanti esperti
          - Scritto da: blah
          diciamo la verita gli albi servono solo per
          poter prendere piu soldi
          tutto qua...Questo e` abbastanza vero.
          secondo in universita insegnano varie
          cazzate, ma non quello che serve...Questa e` solo una cosa che ti piacerebbe.
          se uno programma dalla mattina alla sera,
          pur non avendo una laurea e piu bravo...E questa affermazione fa il paio con quella di sopra. Anche programmando continuamente mattina e sera non vieni a contatto con alcuni aspetti della progettazione (punto fondamentale).Inoltre anche programmando per anni continuamente potresti restare all'oscuro di parecchie cose interessanti.Il fatto che ci sia gente che si laurea senza sapere una cippa non conta.
          un po piu di modestia ingegnieri...Guarda che per essere informatici non bisogna fare per forza ingegneria.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma guarda quanti esperti
          - Scritto da: blah
          secondo in universita insegnano varie
          cazzate, ma non quello che serve...
          se uno programma dalla mattina alla sera,
          pur non avendo una laurea e piu bravo...
          un po piu di modestia ingegnieri...non sono molto d'accordoè solo grazie alla lettura di bibbie come il soulstroup per i calcolatori elettronici, che puoi cominciare a capire _VERAMENTE_ cosa significa ciò che stai facendoe doversi leggere, anzi, studiare un libro così, non credo sia una cosa che fanno tutti i _SEDICENTI_ programmatoriè normale che una pratica 24h7 porta a livelli molto alti, ma se non c'è una buona base teorica, al cambiare delle basi, le conoscenze acquisite che fine fanno ?chi programmava per win3.1 lo fa allo stesso modo mo ?e chi lo faceva per *nix, ha dovuto subire queste mutazioni ?ah ?
  • Anonimo scrive:
    Ma guarda quanti esperti
    Non sapevo che l'italia sfornasse tanti informatici competenti...Sarebbe ora che anche voi informatici vi dotaste di un albo professionale, al pari di architetti e ingegneri.Nel nostro paese CHIUNQUE, magari con una certificazione Microsoft presa in un mese, può defirsi "programmatore" al pari di un laureato in informatica/scienza dell'informazione. Non capisco come possiate tollerare una cosa simile.E poi ci meravigliamo se i programmi non funzionano o sono difficili da usare, o se la gente straparla sui forum... qui c'è gente che non sa neanche scrivere in italiano, altro che apportare modifiche ai sorgenti di un sistema operativo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    - Scritto da: SBP
    Alcune considerazioni sparse su questa marea
    di commenti:

    -Alcuni di voi sanno usare il PC ma non
    scrivere in un italiano, non dico corretto,
    ma almeno leggibile.Inquietante.I tuoi standard sono troppo elevati. Accontentati, l'importante e` che si capisca il messaggio
    -Windows non è poi la schifezza che molti
    dicono.Ultimamente in effetti hanno alzato la qualita` del programma di punta alla Microsoft. WindowsXP in effetti non e` proprio una schifezza.Win9x e Me sinceramente si avvicinano molto alla definizione di ``schifezza'' (per quanto mi riguarda).
    Certo ha i suoi difetti, è un sistema
    operativo pensato per una diffusione di
    massa e quindi sacrifica alcune cose alla
    sua vasta compatibilità,compatibilita` da se non significa molto.La compatibilita` con l'hw la fanno i produttori di hw che scrivono i driver.La compatibilita` con i formati dei dati sinceramente non mi sembra la punta di diamante di microsoft (notoriamente i programmi che fa usano formati proprietari soggetti a grandi variazioni in breve tempo).Ma forse volevi scrivere retrocompatibilita`.Oppure non ho capito io.
    ma quanti di quelli
    che criticano a testa bassa sono in grado di
    produrre davvero del software?Mah... dipende da quale software. Qualcosina l'ho scritta. Qualcosina di quello che ho scritto viene anche venduta.

    -Purtroppo ultimamente la crescente
    diffusione di Linux lo ha esposto ad
    etichette che non gli si addicono;mi
    riferisco alla politica.
    MS è di destra,per imprese serie e
    responsabili.
    Linux è di sinistra, per drogati, ribelli e
    sesantottini superstiti.Che ci vuoi fare? Fortunatamente queste etichette idiote per ora non sono prese troppo sul serio (almeno non da molta gente).
    -MS deve la sua grande diffusione presso
    l'utenza consumer alla pirateria.
    Questo è un fatto.

    -La comunità Linux dà purtroppo voce ad
    alcuni personaggi la cui attività preferita
    è lo sberleffo.Questo toglie credibilità
    all'intero movimento.Confermo entrambi gli argomenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    - Scritto da: SBP
    Alcune considerazioni sparse su questa marea
    di commenti:

    -Alcuni di voi sanno usare il PC ma non
    scrivere in un italiano, non dico corretto,
    ma almeno leggibile.Inquietante. Stessa risposta di "Blah" + ore tarde in cui molti post vengono scritti (questo, almeno, vale per me!).

    -La Microsoft è stata riconosciuta colpevole
    di abuso di posizione monopolistica dalla
    legge degli Stati Uniti.Questo è un fatto. Non ancora nella misura in cui si dovrebbe! E questo e' un altro Fatto!
    -Windows non è poi la schifezza che molti
    dicono. Pienamente d'accordo, se mi trovi un sistema home con una GUI migliore (per migliore intendo nel suo insieme), ti offro una birra! Certo ha i suoi difetti, è un sistema
    operativo pensato per una diffusione di
    massa e quindi sacrifica alcune cose alla
    sua vasta compatibilità Si ma non ti preoccupare, crescera. Purtroppo!
    ,ma quanti di quelli
    che criticano a testa bassa sono in grado di
    produrre davvero del software? E quanti di quelli che criticano un'automobile xy, sono in grado di realizzarla??? Perdonami il paragone, ma non vedo proprio questo cosa centra col discorso.
    -Purtroppo ultimamente la crescente
    diffusione di Linux lo ha esposto ad
    etichette che non gli si addicono;mi
    riferisco alla politica.
    MS è di destra,per imprese serie e
    responsabili.
    Linux è di sinistra, per drogati, ribelli e
    sesantottini superstiti. Bah, credo tutto dipenda dal fatto che tutte le nuove liberta'(in questo caso vale x il software) sono piccole rivoluzioni.
    Naturalmente questa abitudine tipicamente
    italiana pone in secondo piano ogni
    argomentazione seria, soffocata al grido di
    "fascita vs. comunista" Vero
    Ormai manca solo che nella diatriba entri il
    calcio e abbiamo toccato il fondo.

    -MS deve la sua grande diffusione presso
    l'utenza consumer alla pirateria. Innegabile!
    Questo è un fatto.

    -La comunità Linux dà purtroppo voce ad
    alcuni personaggi la cui attività preferita
    è lo sberleffo.Questo toglie credibilità
    all'intero movimento. Vero.
    Non è escluso che prosegua man mano che mi
    viene in mente altro. Quando vuoi, noi siamo qui
    Saluti, Anche a TE.
    SBP Gabriele
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può pre
    - Scritto da: Alessandro Tosi
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione, Infatti. Guarda amazon.
    in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguato e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.Garanzie Commerciali di Continuita`? Sono quelle che permettono di leggere documenti scritti con word 10 anni fa ancora oggi?Sono quelle che ti permettono di leggere dischi ntfs5 con winnt 4.0?

    E (lo dico ai numerosi ragazzini che hanno
    partecipato alla discussione) aprite gli
    occhi: a spingerlo sono state multinazionali
    al pari di Microsoft, per contrastare
    Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i
    vostri sogni di hacker.Hai ragione. Intanto se prendera` il largo, probabilmente, vedremo in giro piu` formati aperti.Questo e` un buon inizio per ristabilire un po' di possibilita` di scelta.
    Attenzione a quello che i media vi
    propinano, non fate i boccaloni...Apparte quelli di settore i media propinano MicrosoftMicrosoftMicrosoftMicrosoft (della serie: la pubblicita` di .net l'ho vista, quella di emacs21 no).
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può pre
    - Scritto da: Alessandro Tosi
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione, Infatti. Guarda amazon.
    in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguato e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.Garanzie Commerciali di Continuita`? Sono quelle che permettono di leggere documenti scritti con word 10 anni fa ancora oggi?Sono quelle che ti permettono di leggere dischi ntfs5 con winnt 4.0?

    E (lo dico ai numerosi ragazzini che hanno
    partecipato alla discussione) aprite gli
    occhi: a spingerlo sono state multinazionali
    al pari di Microsoft, per contrastare
    Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i
    vostri sogni di hacker.Hai ragione. Intanto se prendera` il largo, probabilmente, vedremo in giro piu` formati aperti.Questo e` un buon inizio per ristabilire un po' di possibilita` di scelta.
    Attenzione a quello che i media vi
    propinano, non fate i boccaloni...Apparte quelli di settore i media propinano MicrosoftMicrosoftMicrosoftMicrosoft (della serie: la pubblicita` di .net l'ho vista, quella di emacs21 no).
  • Anonimo scrive:
    Re: Linucs...
    - Scritto da: Ender
    ...dove sei finito? Illuminaci tu, e vieni a
    difendere il software libero ovvero free,
    trasmettendoci i sacri insegnamenti del
    maestro Xian.guarda che Linus non è contro il closed source e ritiene il barbutone della FSF un fanatico(perchè voleva mettere GNU/Linux anzichè solo Linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    - Scritto da: vinci
    Finalmente!
    Sono in pieno accordo con te.
    Usando Win2000 sia Wks che Server dico che
    non sono per niente male, tu cosa ne pensi?Nel loro ambito sono i migliori prodotti di MS.Invece XP mi sta deludendo.Certo se vuoi avere un controllo totale sull'OS non è la scelta giusta...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?

    Oddio Visual Basic lo disprezzo, è pessimo.
    Dreamweaver è bellissimo ma è il trionfo del
    superfluo, molte applicazioni sono
    superflue. Visual C++? Stupendo ma non lo
    userei mai. Questione di gusti,temo.Meglio averne troppi che troppo pochi,comunque




    Il problema è che questo abbattimento del

    discorso verso forme di fanatismo
    distoglie

    dal vero argomento.


    Le argomentazioni quando sono reali fanno
    cadere le argomentazioni stupide. Mi piace
    pensare cosi.
    Sei un ottimista....
    Sono stati adattati ma
    a) funzionano da panico
    b) è cmq disonesto
    Io non la vedo cosi chiara come la vedi tu.
    Soprattutto quando la presenza di un
    winmodem viene astutamente taciuta dal
    fornitore. Si vede che da per scontato
    l'utilizzo "professionale" del modem.
    Non è il massimo della trasparenza.Ma di certo non è la peggior cosa inventata ai danni del consumatore ingenuo..(pensa ai dialer)
    Senza carta e penna non si programma.
    Senza caffè nemmeno.
    Letto la coffee howto? :pCerto, sono un caffeinomane terminale...Bye
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?

    ci voleva un riassunto...Ci hai pensato tu no?

    prova a digitare un 200 lettere al minuto
    poi ne riparliamo...Ecco il punto.200 lettere al minuto e riesci anche a pensare a cosa stai scrivendo? Sei un cluster vivente?


    Ormai manca solo che nella diatriba entri
    il

    calcio e abbiamo toccato il fondo.
    ma non stanno montando linux nei computer
    che controllano le luci negli stadi ????Dovrebbero usarlo per assegnare i rigori :-P (e qui scateno l'inferno)


    -La comunità Linux dà purtroppo voce ad

    alcuni personaggi la cui attività
    preferita

    è lo sberleffo.Questo toglie credibilità

    all'intero movimento.
    pure dall'altra parte della barricata non si
    scherza pero...Mai pensato di difendere l'altra parte.


    Non è escluso che prosegua man mano che mi

    viene in mente altro.
    speriamo di no...Se hai di meglio da fare nessuno ti obbliga a stare qui.ByeSBP
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cervello è un optional?


      prova a digitare un 200 lettere al minuto

      poi ne riparliamo...
      Ecco il punto.200 lettere al minuto e riesci
      anche a pensare a cosa stai scrivendo? Sei
      un cluster vivente?in realta penso ancora piu velocemente...a volte non riesco a stare dietro ai miei pensieri...
      Se hai di meglio da fare nessuno ti obbliga
      a stare qui.certo che sei permaloso pero...;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il cervello è un optional?
        - Scritto da: blah


        prova a digitare un 200 lettere al
        minuto


        poi ne riparliamo...

        Ecco il punto.200 lettere al minuto e
        riesci

        anche a pensare a cosa stai scrivendo? Sei

        un cluster vivente?
        in realta penso ancora piu velocemente...a
        volte non riesco a stare dietro ai miei
        pensieri...Il corpo è la prigione della mente...


        Se hai di meglio da fare nessuno ti
        obbliga

        a stare qui.
        certo che sei permaloso pero...
        ;-)Ovvio.Gli informatici hanno da sempre il complesso del messia...Salutoni,SBP
        • Anonimo scrive:
          Re: Il cervello è un optional?
          - Scritto da: SBP
          - Scritto da: blah

          certo che sei permaloso pero...

          ;-)

          Ovvio.Gli informatici hanno da sempre il
          complesso del messia...

          Salutoni,
          SBP
          uà. questa non la sapevo ...è fantastica !!!!ma soprattutto vera...W il c++, il napoli e tutte le donne
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux uSER = POWER USER !
    - Scritto da: pessimista
    applicazioni e soprattutto l'appoggio di
    tantissime grosse case di software, trovo
    devices con drivers per Win anche dal
    pizzicarolo, che scoperta: il monopolista è supportato!! Il Nobel a questo ricercatore pessimista!
    più ne ha più ne mette, in più anche una
    scimmia è in grado di usarlo... questa è una balla, un pregiudizio: non c'è più difficoltà ad usare KDE
    tutti questi
    plus fanno pendere la bilancia verso redmonde anche la sua posizione dominante di cui ha abusato.Questo a fatto penderel la bilancia della giustizia DALL'ALTRA parte: microsoft è stata CONDANNATA
    e anche se non possono giustamente
    convincere un giudice o un informatico serio
    sono sufficienti per convincere l'acquirente
    medio!fino a che non vengono attuati dei provvedimenti restrittivi a limitare le attività distruttive del mercato. Tra l'altro in un mercato monopolistico il l'acquirente medio è un soggetto PASSIVO, in quanto non ha scelta: ha solo win preinstallato.Il tuo esultare di una situazione di chiusura del mercato a beneficio di un solo soggetto (il monopolista microsoft) rende chiara la tua parzialità
    Per cui Linux si trova in una situazione
    alquanto scomoda: infatti: Gates non riesce a non nominarlo
    verso l'alto si trova penalizzato rispetto
    ai suoi concorrenti (ma è il meno perchè
    viene spinto da IBM e simili, per ragioni di
    marketing e moda una moda che dura da 10 anni ?Un mito: comincia a fare concorrenza al Bacio Perugina e al jeans
    perchè oggi molti si sono
    formati proprio su Linux e possono fregare
    la fetta di mercato in cui Win vorrebbe
    entrare, e la cosa ti disturba, vero?La concorrenza ti fa schifo, è?
    proprio contando sulla tanta gente
    già formata sui suoi sistemi)e con questa nota contraddici coloro che affermano l'assenza di supporto e professionalità per LINUX. Grazie
    verso il basso ha un concorrente più scarso
    ma più agguerrito dal punto di vista
    dell'appetibilità, e piantatela di darenon finché il monopolio avrà le stesse armi di soppressione della concorrenza che ha oggi.Il processo ha dimostrato che la colpa è proprio tutta del monopolio, per cui te lo scordi che la verità processuale non venga più citata
    (il che non è) o che sa venderli meglioesiste l'unica possibilità che NON hai citato: microsoft è l'azienda che SA GESTIRE un MONOPOLIO e basta, e disdegna di misurarsi con il mercato. Un esempio è la Xbox,che non vende come vorrebbero neanche se tronca il prezzo a metà.Microsoft è ANTI-MERCATO per sua natura intrinseca
    (il
    che è innegabile, e che con il potere che ha
    oggi finisce per sfociare nel monopolio).ma *questo* è un monopoio che si è macchiato di REATI contro il mercato, sopprimendo la concorrenza (il processo ne ha dimostrato le attività anti-mercato)
    In sostanza quindi credo che se Linux andrà
    avanti come oggi non farà un gran danno
    verso il basso ma fregherà la fetta midrange
    a M$ con la benedizione delle major come IBM
    che con i loro Unix proprietari e OS per i
    mainframe si terranno ben stretta la fascia
    più reditizzia e cavalcheranno la popolarità
    di una finta scelta democratica, correzione : scelta DI MERCATO, che sul lato desktop MANCAStai sbagliando bersaglio.
    il kernel Linux potrà essere
    sostituito senza tanti disturbi da uno
    proprietario in qualunque momento senza
    andare contro la GPLma contro il cliente cosciente del valore di un prodotto sì, e di questi cominciano a essercene molti. Dimentichi inoltre che un kernel proprietrio comporta ulteriori costi da far certamente ricadere sul cliente (che non ne sarà contento), e quindi la tua ipotesi ha molte controindicazioni, anche per via della CONCORRENZA che c'è nella distribuzione di LINUX.Concludendo: I tuoi argomenti sono quelli di chi è abituato all'ASSENZA di concorrenza, al pari di un filo-monopolista qualsiasi
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux uSER = POWER USER !
      ma lo hai letto il post? mi sembrava tutt'altro che conto Linux, le critiche e l'analisi erano abbastanza coerenti e riflettono il punto di vista medio delle aziende sull'attuale modello di sviluppo di Linux: è un marchio che fa molto moda, con alle spalle un discreto kernel, qualunque volpone aspirante monopolista può cavalcarne la moda e poi sostituire il kernel con un altro migliore che rispetti gli standard unix e che gli dia più profitto
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux uSER = POWER USER !
        - Scritto da: un'altro pessimista
        ma lo hai letto il post?
        mi sembrava tutt'altro che conto Linux, le
        critiche e l'analisi erano abbastanza
        coerenti e riflettono il punto di vista
        medio delle aziende sull'attuale modello di
        sviluppo di Linux: è un marchio che fa molto
        moda, con alle spalle un discreto kernel,
        qualunque volpone aspirante monopolista può
        cavalcarne la moda e poi sostituire il
        kernel con un altro migliore che rispetti
        gli standard unix e che gli dia più profittoA quel punto affonda perche' la gente invece di pagare di piu` per qualcosa di proprietario si terra` ben stretta linux (o the hurd, se al momento esistera`).
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    Troppe vulnerabilità imo.Al di la di questo sistema troppo chiuso e instabile.Ha anche delle qualità, non ne dubito.Ma il discorso è e sarà sempre questo: cosa chiedi a un'os? Semplicita? Immediatezza? Windows. Vuoi le applicazioni con 6800 funzioni? Windows. Poi le paghi tutte eh.Io voglio altro, voglio l'os stabile sicuro programmabile (come dico io) e voglio smanettarmelo dall'inizio alla fine. Stop.Il resto sono divertenti diatribe.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cervello è un optional?
      - Scritto da: gsam
      Ma il discorso è e sarà sempre questo: cosa
      chiedi a un'os? Semplicita? Immediatezza?
      Windows. Vuoi le applicazioni con 6800
      funzioni? Windows. Poi le paghi tutte eh.
      Io voglio altro, voglio l'os stabile sicuro
      programmabile (come dico io) e voglio
      smanettarmelo dall'inizio alla fine. Stop.
      Il resto sono divertenti diatribe.incredibile, sta solo alla fine del threaddevo pensare che forse solo io e te la pensiamo così ?windows è una macchinina telecomandata prefabricata, se si rompe, ne compri una nuovalinux, invece, è per chi non si accontenta di stare col telecomando a far girare la macchinetta, ma vuole cominciare a modificare i singoli componenti (il motore, il telaio, le ammortizzazioni e così via) uno a uno per fare la "SUA" macchina...un pò la differenza tra giocare a FIFA e giocare a winning eleven...a chi mi capisceciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    Finalmente!Sono in pieno accordo con te.Usando Win2000 sia Wks che Server dico che non sono per niente male, tu cosa ne pensi?
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: SBP
    - Scritto da: zap

    la scelta dell'attacco politico è tutta

    d'origine micrsoft: l'etichetta di "cancro

    comunista" a una parte diel movimemto GPL

    viene dai massimi dirigenti del monopolio

    microsoft.

    E purtroppo ha attecchito subito anche qui
    da noi...non crederlo: ci sono molti convinti liberali che lavorano con l'open source, mentre molti "funzionari simil-sovietici" traggono vantaggio dal monopolio di microsoftSI tratta di una maschera che non regge: la IBM fa $$ con linux proprio perché è interessata alla sua stessa B: BUSINESS


    Nessuno pretende che sia assente,
    sarebbe


    auspicabile fosse in minoranza.



    concordo. Ma forse le ragioni della
    validità

    dell'Open Source sono tanto forti da
    rendere

    agguerriti i suoi sostenitori

    A maggior ragione la consapevolezza di ciò
    dovrebbe generare toni più moderatie chi ti dice che non lo siano?
  • Anonimo scrive:
    Linux è proprio un prodotto valido pe le aziende
    - Scritto da: Alessandro Tosi
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione,balle: sempre + aziende lo stanno facendo. Evidentemente non pensi ad Amazon, a IBM, a SUN, a HP e a mille aziende minori (tranno microsoft, ovviamente)
    in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguato questa è la solita balla messa in giro ad arte da chi non conosce altro che il supporto ai prodotti del monopolista.C'è un MARE di aziende che campava con il supporto a UNIX, di cui LINUX è solo l'ultima incarnazione.
    e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.il codice open source LIBERO è GARANZIA di continuità per sua stessa natura, e sei al secondo errore.
    E (lo dico ai numerosi ragazziniil solito modo di sminuire le ragioni degli altri, che però non attacca e ti rivela come un provocatore
    partecipato alla discussione) aprite gli
    occhi:sono aperti, finalmente,e le tue balle non ci ingannano
    a spingerlo sono state multinazionali
    al pari di Microsoft, perché ne hanno riconosciuto il valore economico che NON avvantaggia un solo soggetto: microsoft
    per contrastare
    Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i
    vostri sogni di hacker.continua a provare a romperti la testa: non c'è bisogno di essere guru del computer per capire la parzialità del tuo commento privo di argomenti
    Attenzione a quello che i media vi
    propinano, non fate i boccaloni..."dove vuoi andare oggi?""ora puoi"come win-maniac il tuo voto è 5 e mezzoRiprova
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
    Un'azienda "seria" ha un server.Ci sono buone possibilità che questo server sia in mano a personale competente che lo sa usare e non solamente doppiocliccare.Altrettanto buone sono le ipotesi che il server sia Linux.In un'azienda seria si fanno peridici controlli sulle vulnerabilità.Un'azienda seria ha un server sicuro.Non disperare, prima o poi entrerai anche tu in un'azienda seria :)Non sono un ragazzino, fidati :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender

      Ci sono buone possibilità che questo server
      sia in mano a personale competente che lo sa
      usare e non solamente doppiocliccare.allora a che serve l'assistenza ????
      Altrettanto buone sono le ipotesi che il
      server sia Linux.
      In un'azienda seria si fanno peridici
      controlli sulle vulnerabilità.
      Un'azienda seria ha un server sicuro.
      Non disperare, prima o poi entrerai anche tu
      in un'azienda seria :)
      Non sono un ragazzino, fidati :)da qua in poi mi sfugge il senso...boh...e per me un'azienda seria e una azienda dove si va a lavorare sorridendo...;-)tutto qua...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
        Non mi sono spiegato??? Boh mi sembra sufficientemente chiaro il mio post, cioè non vedo cosa dire in più ... Forse sono io che non ho capito il tuo ...L'assistenza serve se ne hai bisogno :) Ho l'abitudine di riferirmi ad aziende del mio campo, forse è per quello che a volte non mi faccio capire.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender

          L'assistenza serve se ne hai bisogno :)se hai dentro chi ne capisce d'informatica...A COSA SERVE L'ASSISTENZA ????;-)la domanda era questa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?

    Alcune considerazioni sparse su questa marea
    di commenti:ci voleva un riassunto...
    -Alcuni di voi sanno usare il PC ma non
    scrivere in un italiano, non dico corretto,
    ma almeno leggibile.Inquietante.prova a digitare un 200 lettere al minuto poi ne riparliamo...
    -Windows non è poi la schifezza che molti
    dicono.Certo ha i suoi difetti, è un sistema
    operativo pensato per una diffusione di
    massa e quindi sacrifica alcune cose alla
    sua vasta compatibilità,ma quanti di quelli
    che criticano a testa bassa sono in grado di
    produrre davvero del software?si critica il fatto che il sistema fa quello che vuole lui come e quando lo vuole lui...QUESTO NON VA BENE...
    MS è di destra,per imprese serie e
    responsabili.per farti capire con chi hai a fare...
    Ormai manca solo che nella diatriba entri il
    calcio e abbiamo toccato il fondo.ma non stanno montando linux nei computer che controllano le luci negli stadi ????
    -La comunità Linux dà purtroppo voce ad
    alcuni personaggi la cui attività preferita
    è lo sberleffo.Questo toglie credibilità
    all'intero movimento.pure dall'altra parte della barricata non si scherza pero...
    Non è escluso che prosegua man mano che mi
    viene in mente altro.speriamo di no...
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender

    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione, in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguatoovviamente deve farlo una casa con almeno 20 anni di esperienza...se no non e assistenza seria...
    e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.windows s'e evoluto tanto negli anni...ma veramente tanto...saranno uscite 10000 versioni intanto siamo sempre li (technicamente parlando)...
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: zap
    la scelta dell'attacco politico è tutta
    d'origine micrsoft: l'etichetta di "cancro
    comunista" a una parte diel movimemto GPL
    viene dai massimi dirigenti del monopolio
    microsoft.E purtroppo ha attecchito subito anche qui da noi...

    Nessuno pretende che sia assente, sarebbe

    auspicabile fosse in minoranza.

    concordo. Ma forse le ragioni della validità
    dell'Open Source sono tanto forti da rendere
    agguerriti i suoi sostenitoriA maggior ragione la consapevolezza di ciò dovrebbe generare toni più moderatiSBP
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux uSER = LooSER?

    Caro 'linuxaro', mi consenta di citarle il
    Suo padre Linus Benedict Torvaldcerchiamo di rispondere persino ad un post simile...
    True, linux is monolithic, and I agree that
    microkernels are nicer.dipende...vero in alcuni casi, falso in altri...
    Da questo si evince che: naturalmente tua interpretazione...
    A) da un lato Linux non è un sistema
    particolarmente brillante windows allora...
    realmente gli unix like seri (es. BSD) sa
    bene di cosa parlo resta il fatto che sono dedicati a compiti specifici...linux e una via di mezzo tra windows (troppo lame) e unix (troppo)...
    più ne ha più ne mette, in più anche una
    scimmia è in grado di usarlo...mah...mica tanto vero...
    M$ è partita anche lei da 0 come tutti e se
    si è affermata lei e non qualcun altro
    significa solo o che fa prodotti migliori
    (il che non è) o che sa venderli meglio(il
    che è innegabile, e che con il potere che ha
    oggi finisce per sfociare nel monopolio).ci sono modi e modi...c'e chi pensa che vale tutto pur di fare soldi e chi invece non lo pensa...
    In sostanza quindi credo che se Linux andrà
    avanti come oggi non farà un gran danno
    verso il basso ma fregherà la fetta midrange
    a M$ e gia una buona cosa...
    con la benedizione delle major come IBM
    che con i loro Unix proprietari e OS per i
    mainframe si terranno ben stretta la fascia
    più reditizzia e cavalcheranno la popolarità
    di una finta scelta democratica, senza
    contare che il kernel Linux potrà essere
    sostituito senza tanti disturbi da uno
    proprietario in qualunque momento senza
    andare contro la GPLquando lo faranno avro da dire contro ibm & co...intanto non lo fanno...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    - Scritto da: SBP
    Alcune considerazioni sparse su questa marea
    di commenti:

    -Alcuni di voi sanno usare il PC ma non
    scrivere in un italiano, non dico corretto,
    ma almeno leggibile.Inquietante.Su questo credo di avere la coscienza apposto :)

    -La Microsoft è stata riconosciuta colpevole
    di abuso di posizione monopolistica dalla
    legge degli Stati Uniti.Questo è un fatto.
    Vero purtroppo
    -Windows non è poi la schifezza che molti
    dicono.Certo ha i suoi difetti, è un sistema
    operativo pensato per una diffusione di
    massa e quindi sacrifica alcune cose alla
    sua vasta compatibilità,ma quanti di quelli
    che criticano a testa bassa sono in grado di
    produrre davvero del software?
    Io anche se non critico a testa bassa.Windows e Linux hanno punti di forza e punti di debolezza. L'IDE di Windows ad esempio è molto migliore, piu avanzata. Stop. Windows ha una disponibilità di software decisamente maggiore. Ma questo è dovuto al punto sopra. Questo non va bene.
    -Purtroppo ultimamente la crescente
    diffusione di Linux lo ha esposto ad
    etichette che non gli si addicono;mi
    riferisco alla politica.
    MS è di destra,per imprese serie e
    responsabili.
    Linux è di sinistra, per drogati, ribelli e
    sesantottini superstiti.
    Naturalmente questa abitudine tipicamente
    italiana pone in secondo piano ogni
    argomentazione seria, soffocata al grido di
    "fascita vs. comunista"
    Ormai manca solo che nella diatriba entri il
    calcio e abbiamo toccato il fondo.
    Discorsi come quello di Bill Gates (di cui in teoria avremmo dovuto parlare) portano a questa conclusione. Ma questo è il suo comodo e a me più di tanto non interessa. Buono per i boccaloni che non sanno argomentare. Amo la mia Debian, se qualcuno ha voglia di darmi del comunista che faccia pure, cosa posso fare se non sorridere e continuare a studiare? Il mio codice è apolitico. Io no, ma chi se ne frega?
    -MS deve la sua grande diffusione presso
    l'utenza consumer alla pirateria.
    Questo è un fatto.
    Non direi, Windows è spesso preinstallato e/o incluso. Se smettono di preinstallare e configurare i computer solo e unicamente per Windows (mai sentito parlare di winmodem? esiste mossa commerciale più ridicola e dilettantesca che includere hardware dipendente dalla piattaforma?) l'utenza apre gli occhi e inizia a guardare ad altro.
    -La comunità Linux dà purtroppo voce ad
    alcuni personaggi la cui attività preferita
    è lo sberleffo.Questo toglie credibilità
    all'intero movimento.
    Ahia qua sto messo male :) Mea culpa, ma anche la "parte avversa" a provocazioni non è certo messa male. Molto spesso la mia convinzione di essere nel giusto mi fa entrare in discorsi inconcludenti. Nessuno cambierà idea tanto e in fondo a me non interessa. Certamente però alcuni discorsi su sedicenti professionisti fanno incazzare.
    Non è escluso che prosegua man mano che mi
    viene in mente altro.

    Saluti,

    SBPCiao
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: SBP


    - Scritto da: zap


    -Windows non è poi la schifezza che
    molti


    dicono.



    queste opinioni personali non sono
    rilevanti

    ai fini della discussione riguardo la

    situazione del mercato del software,

    attualmente sotto la dittatura
    monopolistica

    di microsoft.



    I difetti del prodotto monopolista
    diventano

    enormi, in quanto sono quelli IMPOSTI dal

    monopolio stesso (anche con mezzi
    illegali,

    come da sentenza)



    Invece sono rilevanti, perchè si perde di
    vista il problema...il problema della qualità è insito nella struttura del mercato: se il mercato è sotto un regime di monopolio, la qualità (e in generale i reparti R&S di un intero settore) ne risente


    -Purtroppo ultimamente la crescente


    diffusione di Linux lo ha esposto ad


    etichette che non gli si addicono;mi


    riferisco alla politica.


    MS è di destra,per imprese serie e


    responsabili.


    Linux è di sinistra, per drogati,
    ribelli

    e


    sesantottini superstiti.



    balle, infatti: ma questa è la strategia
    di

    chi si vede accerchiato: DIVIDE ET
    IMPERA.



    Pensano: "ha funzionato per un millennio
    con

    Roma; funzionerà per molto anche per noi"



    Sono d'accordo con te, ma forse hai
    interpretato male.la scelta dell'attacco politico è tutta d'origine micrsoft: l'etichetta di "cancro comunista" a una parte diel movimemto GPL viene dai massimi dirigenti del monopolio microsoft.


    -MS deve la sua grande diffusione
    presso


    l'utenza consumer alla pirateria.


    Questo è un fatto.






    -La comunità Linux dà purtroppo voce



    la libertà di espressione lo concede.



    Se vuoi diminuire il "rumore", cerca in un

    newsgroup moderato.



    Tra l'altro lo "sberleffo" accomuna tutti.

    Pretendere che sia assente in un qualunque

    gruppo vastissimo di persone è illusorio o

    strumentale



    Nessuno pretende che sia assente, sarebbe
    auspicabile fosse in minoranza.concordo. Ma forse le ragioni della validità dell'Open Source sono tanto forti da rendere agguerriti i suoi sostenitori
    Hai espresso opinioni sensate e
    condivisibili, perchè tanta aggressività?nessuna aggressività: solo una constatazione logica
  • Anonimo scrive:
    Linux uSER = LooSER?
    Caro 'linuxaro', mi consenta di citarle il Suo padre Linus Benedict Torvald"
    1. MICROKERNEL VS MONOLITHIC SYSTEMTrue, linux is monolithic, and I agree that microkernels are nicer. Witha less argumentative subject, I'd probably have agreed with most of whatyou said. From a theoretical (and aesthetical) standpoint linux looses.If the GNU kernel had been ready last spring, I'd not have bothered toeven start my project: the fact is that it wasn't and still isn't. Linuxwins heavily on points of being available now."Da questo si evince che: A) da un lato Linux non è un sistema particolarmente brillante (si evince anche da tante altre cose, benchmark contro BSD, mancata certificazione di sicurezza per sistemi militari, penoso realtime delle versioni apposite)... si, molti tireranno fuori che alla nasa usano Linux, i cluster che sono stati realizzati, ecc, ma chi usa realmente gli unix like seri (es. BSD) sa bene di cosa parlo (sempre BSD ad es lo usa la Difesa statunitense, vè mò sti capitalisti), il bello che molti di questi sistemi (ingiustamente misconosciuti, BSD è assolutamente il più famoso) sono disponibili free e open source anche per PC/mac, per tornare sulle piattaforme alla portata delle tasche medie.B) dall'altro lato, come dichiara lo stesso Linus, a decretare la scelta di una piattaforma non è solo la bontà intrinseca del sw, ma anche la disponibilità: se ho tante applicazioni per Linux praticamente in ogni campo, per winzozz ho tantissime applicazioni e soprattutto l'appoggio di tantissime grosse case di software, trovo devices con drivers per Win anche dal pizzicarolo, trovo materiale a volte anche interessante realizzato con tecnologie proprietari per win allegato a riviste e chi più ne ha più ne mette, in più anche una scimmia è in grado di usarlo... tutti questi plus fanno pendere la bilancia verso redmond e anche se non possono giustamente convincere un giudice o un informatico serio sono sufficienti per convincere l'acquirente medio!Per cui Linux si trova in una situazione alquanto scomoda: verso l'alto si trova penalizzato rispetto ai suoi concorrenti (ma è il meno perchè viene spinto da IBM e simili, per ragioni di marketing e moda perchè oggi molti si sono formati proprio su Linux e possono fregare la fetta di mercato in cui Win vorrebbe entrare, proprio contando sulla tanta gente già formata sui suoi sistemi)verso il basso ha un concorrente più scarso ma più agguerrito dal punto di vista dell'appetibilità, e piantatela di dare TUTTA la colpa al monopolio, oggi il monopolio esiste ed è stato riconosciuto, ma M$ è partita anche lei da 0 come tutti e se si è affermata lei e non qualcun altro significa solo o che fa prodotti migliori (il che non è) o che sa venderli meglio(il che è innegabile, e che con il potere che ha oggi finisce per sfociare nel monopolio).In sostanza quindi credo che se Linux andrà avanti come oggi non farà un gran danno verso il basso ma fregherà la fetta midrange a M$ con la benedizione delle major come IBM che con i loro Unix proprietari e OS per i mainframe si terranno ben stretta la fascia più reditizzia e cavalcheranno la popolarità di una finta scelta democratica, senza contare che il kernel Linux potrà essere sostituito senza tanti disturbi da uno proprietario in qualunque momento senza andare contro la GPL
  • Anonimo scrive:
    Re: risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: zap

    c'è il correttore automatico di Office, non
    lo sapevi? :-)
    A giudicare da quello che leggo temo sia attivo solo nelle versioni licenziate. :-P

    -Windows non è poi la schifezza che molti

    dicono.

    queste opinioni personali non sono rilevanti
    ai fini della discussione riguardo la
    situazione del mercato del software,
    attualmente sotto la dittatura monopolistica
    di microsoft.

    I difetti del prodotto monopolista diventano
    enormi, in quanto sono quelli IMPOSTI dal
    monopolio stesso (anche con mezzi illegali,
    come da sentenza)
    Invece sono rilevanti, perchè si perde di vista il problema...


    -Purtroppo ultimamente la crescente

    diffusione di Linux lo ha esposto ad

    etichette che non gli si addicono;mi

    riferisco alla politica.

    MS è di destra,per imprese serie e

    responsabili.

    Linux è di sinistra, per drogati, ribelli
    e

    sesantottini superstiti.

    balle, infatti: ma questa è la strategia di
    chi si vede accerchiato: DIVIDE ET IMPERA.

    Pensano: "ha funzionato per un millennio con
    Roma; funzionerà per molto anche per noi"
    Sono d'accordo con te, ma forse hai interpretato male.

    -MS deve la sua grande diffusione presso

    l'utenza consumer alla pirateria.

    Questo è un fatto.



    -La comunità Linux dà purtroppo voce

    la libertà di espressione lo concede.

    Se vuoi diminuire il "rumore", cerca in un
    newsgroup moderato.

    Tra l'altro lo "sberleffo" accomuna tutti.
    Pretendere che sia assente in un qualunque
    gruppo vastissimo di persone è illusorio o
    strumentale
    Nessuno pretende che sia assente, sarebbe auspicabile fosse in minoranza.Hai espresso opinioni sensate e condivisibili, perchè tanta aggressività?SBP
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
    - Scritto da: Alessandro Tosi
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria
    può prendere in considerazione, in primo
    luogo per la mancanza di un supporto
    adeguato e di adeguate garanzie commerciali
    di continuità.

    E (lo dico ai numerosi ragazzini che hanno
    partecipato alla discussione) aprite gli
    occhi: a spingerlo sono state multinazionali
    al pari di Microsoft, per contrastare
    Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i
    vostri sogni di hacker.

    Attenzione a quello che i media vi
    propinano, non fate i boccaloni...Sappiamo riconoscere le SPIE di Redmond come te.
  • Anonimo scrive:
    Linux non è un prodotto che un'azienda può prender
    Linux non è un prodotto che un'azienda seria può prendere in considerazione, in primo luogo per la mancanza di un supporto adeguato e di adeguate garanzie commerciali di continuità.E (lo dico ai numerosi ragazzini che hanno partecipato alla discussione) aprite gli occhi: a spingerlo sono state multinazionali al pari di Microsoft, per contrastare Mr.Bill - spiacente di andare a infrangere i vostri sogni di hacker.Attenzione a quello che i media vi propinano, non fate i boccaloni...
  • Anonimo scrive:
    risposta: cerchi nel posto sbagliato
    - Scritto da: SBP
    -Alcuni di voi sanno usare il PC ma non
    scrivere in un italiano, non dico corretto,
    ma almeno leggibile.Inquietante.c'è il correttore automatico di Office, non lo sapevi? :-)
    -La Microsoft è stata riconosciuta colpevole
    di abuso di posizione monopolistica dalla
    legge degli Stati Uniti.Questo è un fatto.si. e questo è il link del cosiddetto "finding of fact", la PIETRA miliare del processo:http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htm
    -Windows non è poi la schifezza che molti
    dicono.queste opinioni personali non sono rilevanti ai fini della discussione riguardo la situazione del mercato del software, attualmente sotto la dittatura monopolistica di microsoft.I difetti del prodotto monopolista diventano enormi, in quanto sono quelli IMPOSTI dal monopolio stesso (anche con mezzi illegali, come da sentenza)
    -Purtroppo ultimamente la crescente
    diffusione di Linux lo ha esposto ad
    etichette che non gli si addicono;mi
    riferisco alla politica.
    MS è di destra,per imprese serie e
    responsabili.
    Linux è di sinistra, per drogati, ribelli e
    sesantottini superstiti.balle, infatti: ma questa è la strategia di chi si vede accerchiato: DIVIDE ET IMPERA.Pensano: "ha funzionato per un millennio con Roma; funzionerà per molto anche per noi"
    -MS deve la sua grande diffusione presso
    l'utenza consumer alla pirateria.
    Questo è un fatto.
    -La comunità Linux dà purtroppo voce la libertà di espressione lo concede.Se vuoi diminuire il "rumore", cerca in un newsgroup moderato. Tra l'altro lo "sberleffo" accomuna tutti.Pretendere che sia assente in un qualunque gruppo vastissimo di persone è illusorio o strumentale
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    FINALMENTE QUALCUNO CHE DICE LE COSE COME STANNO!- Scritto da: tc
    Punto. Nessun Direttore Tecnico rischierebbe
    il culo per un software open source non
    supportato professionalmente.
    Il resto sono palle.
  • Anonimo scrive:
    Re: Eccoci..
    - Scritto da: S.L.
    Linux.. che ha trovato anche un
    buon posto nel cinema, nel campo del
    "rendering" grafico ("Il signore degli
    anelli" per dire un titolo..)Ma che sparacazzate! ISDA è stato realizzato con workstation grafiche proprietarie!!!!(Con linux ci hanno stampato l'etichetta W.C. da mettere sui cessi da campo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Eccoci..
      ROTFL :DLamerozzo informati prima di spostare l'etichetta dalla bocca :DDDDWeta has bought 16 dual-processor SGI 1200 servers running the Linux operating system. http://www3.tolkienonline.com/docs/1132.htmlMah...E non voglio sentire cose tipo mossa commerciale blablablabla i motivi per usare Linux ci sono tutti.Ciao con la manina e se vuoi una risposta cortese rispondi cortesemente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Eccoci..
        Poi cosa centra la piattaforma con l'os lo sai solo te eh. LoL
      • Anonimo scrive:
        Re: Eccoci..
        - Scritto da: gsam
        ROTFL :D[CUT]
        Ciao con la manina e se vuoi una risposta
        cortese rispondi cortesemente.bravo, un modo gentile per dire che è un tamarro.complimenti
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cervello è un optional?
    - Scritto da: SBP
    Il cervello è un optional?Per te evidentemente sì.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cervello è un optional?
      - Scritto da: delos
      - Scritto da: SBP

      Il cervello è un optional?

      Per te evidentemente sì.Come volevasi dimostrare....
    • Anonimo scrive:
      Re: Il cervello è un optional?
      Delos, lascia perdere, non ne vale la pena - quello che conta è il mercato. Lasciali nella loro illusione, ma che ti frega?- Scritto da: delos
      - Scritto da: SBP

      Il cervello è un optional?

      Per te evidentemente sì.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il cervello è un optional?
        - Scritto da: Max
        Delos, lascia perdere, non ne vale la pena -
        quello che conta è il mercato. Lasciali
        nella loro illusione, ma che ti frega?
        Ecco un altro che sa postare su Internet ma non interpretare delle frasi.SBP
  • Anonimo scrive:
    Il cervello è un optional?
    Alcune considerazioni sparse su questa marea di commenti:-Alcuni di voi sanno usare il PC ma non scrivere in un italiano, non dico corretto, ma almeno leggibile.Inquietante.-La Microsoft è stata riconosciuta colpevole di abuso di posizione monopolistica dalla legge degli Stati Uniti.Questo è un fatto.-Windows non è poi la schifezza che molti dicono.Certo ha i suoi difetti, è un sistema operativo pensato per una diffusione di massa e quindi sacrifica alcune cose alla sua vasta compatibilità,ma quanti di quelli che criticano a testa bassa sono in grado di produrre davvero del software?-Purtroppo ultimamente la crescente diffusione di Linux lo ha esposto ad etichette che non gli si addicono;mi riferisco alla politica.MS è di destra,per imprese serie e responsabili.Linux è di sinistra, per drogati, ribelli e sesantottini superstiti.Naturalmente questa abitudine tipicamente italiana pone in secondo piano ogni argomentazione seria, soffocata al grido di "fascita vs. comunista"Ormai manca solo che nella diatriba entri il calcio e abbiamo toccato il fondo.-MS deve la sua grande diffusione presso l'utenza consumer alla pirateria.Questo è un fatto.-La comunità Linux dà purtroppo voce ad alcuni personaggi la cui attività preferita è lo sberleffo.Questo toglie credibilità all'intero movimento.Non è escluso che prosegua man mano che mi viene in mente altro.Saluti,SBP
  • Anonimo scrive:
    Eccoci..
    Adesso Gates dice che GPL=comunismo, perche` sappiamo come gli americani si spaventino al solo suono della parola "comunismo". Il comunismo non c'e` piu`, e la GPL e il sistema di sviluppo del sw libero c'entrano tutto sommato poco. E` lo sviluppo comunitario (simile al metodo scientifico della ricerca) il cuore del sw libero.Adesso andra` a dire a Bush di fermare la nuova minaccia comunista????Poi bellissima la sparata: "Linux non puo` essere commercializzato", un evidente assurdo, perche` HP, Sun, IBM etc ci fanno affari con Linux.. che ha trovato anche un buon posto nel cinema, nel campo del "rendering" grafico ("Il signore degli anelli" per dire un titolo..)E infine BSD: senza ritegno l'ammissione di averne copiato un bel po` del codice.. Dov'e` finita la superiorita` della sua azienda nello sviluppo di sw?Non sono un fanatico estremista della GPL (avete presenti i bellissimi driver propretari Nvidia? li adoro!), pero` Gates dovrebbe lasciarla in pace, e pensare a come far credere di non avere il monopolio del mondo informatico, piuttosto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    allora dovresti usarlo per primo tu :)))))))))e lasciare windows agli adulti: per il tuo cervello suppongo basterebbe una calcolatrice (tipo regalo del dash) per metterti in crisi :))
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    - Scritto da: tc
    Punto. Nessun Direttore Tecnico rischierebbe
    il culo per un software open source non
    supportato professionalmente.
    Il resto sono palle.Mi pare che anche alla microsoft impieghino servers con freebsd, per gestire quello che il loro bellissimo prodotto non può fare :)))Sono una manica di furbi(microsoft), che fanno leva su una manica di pirla(i vari commerciali e it manager), quest'ultima, rivolta a una platea di maranza galattica(gli utonti finali, che saranno sempre più utonti).
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    Basta spostare la discussione su "direttore tecnico competente" per ribaltare la situazione.Che discorso squallido e che modo di lavorare, complimenti. Chissà che bel servizio fornite :DImparate a lavorare seriamente e con professionalità senza appigliarvi alle più bieche scappatoie per salvarvi il posticino di lavoro e per dare la colpa a qualcun'altro della vostra incompetenza.Il resto sono palle.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux Free e la rete ?
    Secondo voi chi lavora alla SuSe si mangia il kernel a pranzo e cena?Vi decidete o no?PAGATE WINDOWS ----
    professionale (assistenza = 0, responsabilità = 0, prestazioni = 0, sicurezza = 0)PAGATE ASSISTENZA LINUX ----
    poco simpatico...Ma ci siete o ci fate? Cmq c'è una simpatica networking howto e una tonnellata di documenti sull'argomento, ci sono chat in cui se dimostri un minimo di volontà ti si aiuta in 100.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux Free e la rete ?
    SUSE e' una delle distribuzioni piu' commerciali.Probabilmente se leggi nel dettaglio la licenza nella distribuzione c'e' del softwere fatto da loro per il quale loro ti chiedono di pagare.In pratica non paghi linux (il kernel o gli applicativi base), ma il lavoro svolto da SUSE.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: GPL, la licenza ONESTA da LEGGERE
    ..che viene usata da chi VUOLE che i propri prodotti CRESCANO con il contributo LIBERO (liberamente scelto) di TUTTI.La LIBERTA' di contribuzione è FONDAMENTALE.L'onesta della licenza è stabilita dalla sua formulazione, che è tanto priva di ambiguità da non essere manipolabile da ALTRI (come i monopolisti e i filo monopolisti win-maniac)
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    - Scritto da: tc
    Punto. Nessun Direttore Tecnico rischierebbe
    il culo per un software open source non
    supportato professionalmente.
    Il resto sono palle.Gia`, come amazon.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    Come se Windows fosse per adulti...Comunque, stante il fatto che il commento ha scarsissimo valore, che risulta offensivo per una categoria di utenti, e che l'imputato GENEV non ha ulteriormente discusso (finora) riguardo all'argomento, questa corte formalmente dichiara GENEV come TROLL e sancisce che come tale dovra` essere riconosciuto e considerato in futuro, fino ad eventuale quanto improbabile ravvedimento.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' rilasciare un prodotto con licenza GPL
    bravo! complimenti! ce ne fossero di più, persone con le idee chiare come te...! ciaogodz
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
    - Scritto da: xzza
    Perchè non ce li dai tu dei dati seri
    buffone?
    E non quelli che pubblica ZDNet, per favore.intanto buffone vai a chiamare tuo fratello, io non ho chiamato nessuno in questo modo e non gradisco questo appellativo, peraltro immotivato.secondariamente, non sono io quello che ha sparato "la praticamente totalità delle distro Linux è sull'orlo del fallimento" senza dare un minimo di spiegazione o documentazione. di conseguenza mi aspetto che l'autore stesso del post lo faccia, se è responsabile delle sue azioni, altrimenti né il sottoscritto né nessun altro è tenuto a credere alle sue parole. non sono certo io a dover dimostrare il contrario di quello che dice: io mi limito a metterlo in dubbio (o dovrei prendere per oro colato ogni fesseria che gira su questi thread?). poi sta a lui dimostrarmi che il dato (il DATO, hai capito? non è un'opinione, ma un dato) che scrive è effettivamente vero.terzo (e più importante) cerca, la prossima volta, di confutare le opinioni, non di offendere le persone. è più costruttivo oltre che più educato.ciaogodz
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
      - Scritto da: godzilla
      secondariamente, non sono io quello che ha
      sparato "la praticamente totalità delle
      distro Linux è sull'orlo del fallimento"
      senza dare un minimo di spiegazione o
      documentazione. di conseguenza mi aspetto
      che l'autore stesso del post lo faccia, se è
      responsabile delle sue azioni, altrimenti né
      il sottoscritto né nessun altro è tenuto a
      credere alle sue parole.Non sono io che che ho scritto precedentemente, pero' ti faccio notare che la spiegazione del perche' il free software non rende alle aziende l'ha data all'inizio del thread. Non ci credi? Guarda:http://www.mandrake.com/it/mdkfuture.php3http://quotes.nasdaq.com/quote.dll?page=charting&mode=basics&symbol=MDKFF&selected=MDKFF&chart=2&elem=0Cosi' (forse) capirai che diceva un'amara verità.
      non sono certo io a
      dover dimostrare il contrario di quello che
      dice:Ovvio, perche' non puoi: i DATI parlano da se
      io mi limito a metterlo in dubbio (o
      dovrei prendere per oro colato ogni fesseria
      che gira su questi thread?). poi sta a lui
      dimostrarmi che il dato (il DATO, hai
      capito? non è un'opinione, ma un dato) che
      scrive è effettivamente vero.
      i dati, i dati... guarda su...
      ciao
      godzHola'hehehe
  • Anonimo scrive:
    Re: GPL, la licenza disonesta
    E' possibile avere un commento opposto serio, motivato, documentato o per lo meno competente?Da quel che vedo tutti i "difensori" windows non sono altro che fascistelli di bassa lega che comunque dell'intera faccenda capiscono molto poco.Non c'è stato un parere tecnico, non una parola *almeno* pensata, solo insulti, cazzate politiche, gente che batte le mani perchè un multimiliardario spara cazzate, pretese tecniche prontamente ridicolizzate (documentando).Siete tutti cosi incapaci o punto-informatico fa inserire il quoziente intellettivo agli utenti exploder e nel caso superi il 20 non fa postare?Beh, direi che è molto triste, nemmeno Windows è cosi male da meritarsi un'utenza del genere.Ah, già, computer per tutti... hai voluto la bicicletta? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL, la licenza disonesta
      - Scritto da: gsam
      E' possibile avere un commento opposto
      serio, motivato, documentato o per lo meno
      competente?No, dato che i fanatici della GPL non sarebbero in grado di capirlo e risponderebbero per slogan come sempre.
      Da quel che vedo tutti i "difensori" windows
      non sono altro che fascistelli di bassa lega
      che comunque dell'intera faccenda capiscono
      molto poco.Ti piacerebbe.
      pretese tecniche prontamente ridicolizzate
      (documentando).Mai viste.
      Ah, già, computer per tutti... hai voluto la
      bicicletta? :DUsalo tu Windows o Linux Mandrake clicca-clacca, se ti piace.Ricorda che AMIGA e' l'unico vero OS. Infatti e' anche closed-source.
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL, la licenza disonesta
        - Scritto da: Opino
        - Scritto da: gsam

        E' possibile avere un commento opposto

        serio, motivato, documentato o per lo meno

        competente?

        No, dato che i fanatici della GPL non
        sarebbero in grado di capirlo e
        risponderebbero per slogan come sempre.come fai a dirlo? devo dire che stai davvero cominciando a sembrare un troll

        Da quel che vedo tutti i "difensori"
        windows

        non sono altro che fascistelli di bassa
        lega

        che comunque dell'intera faccenda
        capiscono

        molto poco.

        Ti piacerebbe.be', dimostra il contrario. non è difficile

        pretese tecniche prontamente ridicolizzate

        (documentando).

        Mai viste.si vede che non hai una vista buona


        Ah, già, computer per tutti... hai voluto
        la

        bicicletta? :D

        Usalo tu Windows o Linux Mandrake
        clicca-clacca, se ti piace.

        Ricorda che AMIGA e' l'unico vero OS.
        Infatti e' anche closed-source.può essere, io non l'ho mai utilizzato. per me l'unico vero OS è UNIX e i suoi derivati.ciaogodz
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL, la licenza disonesta
        Io non possiedo piu MS Windows e dovrei informarmi?ROTFLNo io per conoscere il mio os guardo i sorgenti :DAh, nonostante io usi Debian scrivi scrivi so per certo che c'è una cosa in Mdk che si chiama Bash, prova ad aprirla ogni tanto :D (è uno slogan GPL questo?)Altro appunto: Amiga era cosi allegramente closed-source che è stata uccisa dalla pirateria (tra una guru meditation e l'altra).Sei da segnalare allo Zelig te, altro che workbench
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL, la licenza ONESTA da LEGGERE
        - Scritto da: Opino
        - Scritto da: gsam

        E' possibile avere un commento opposto

        serio, motivato, documentato o per lo meno

        competente?

        No, dato che i fanatici della GPL non
        sarebbero in grado di capirlo e
        risponderebbero per slogan come sempre....
        Ricorda che AMIGA e' l'unico vero OS.
        Infatti e' anche closed-source._questi_ sono slogan, e anche illogici e insostenibili: infatti _esistono_ sistemi operativi open source (LINUX, FREEBSD..), e quindi la tua affermazione "AMIGA e' l'unico vero OS. Infatti e' anche closed-source." è ERRATA e degna dei fanatici che vorresti stigmatizzare.
  • Anonimo scrive:
    lavorate per me (gratis)
    Bill said: -"Se di free software proprio si deve parlare - sembra dire Gates - allora si dovrebbe prendere in considerazione "un ecosistema simile a qualcosa del tipo di VSB" (molto probabilmente la trascrizione errata di BSD, NdR), una licenza, quella di questa versione free di Unix, che Microsoft ha già più volte mostrato di gradire a causa della possibilità di riutilizzare il codice in prodotti commerciali, come Windows."Cioe': se io posso prendere software sviluppato da altri, venderlo ed intascarmi i quattrini va bene; se invece il software viene condiviso ed i quattrini provengono dall'indotto e dai servizi generati, finendo quindi vanno in tasca a molti, questo non va bene.Certa gente vuole proprio che le persone lavorino gratis per loro. In Egitto sarebbe stato un bravo faraone (e giu', tutti a giocare con Pyramidal Box)
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux Free e la rete ?
    - Scritto da: vinci
    al sottoscritto e capito questo:
    dopo aver installato Linux Suse pagato!!!
    decido di aggiungerlo alla rete, scrivo una
    mail al supporto Suse in italia e dopo poco
    tempo mi viene risposto che per i problemi
    di rete devo pagare.... (n.d.r.)
    A me sinceramente non è sembrata una cosa
    simpatica.In effetti sembra essere così....http://www.suse.de/en/products/suse_linux/i386/support.htmlAlla voce "SuSE Linux Installation Support" è chiaramente indicato "Installation on a typical private workstation (non networked)"...C'è anche una lista più dettagliata:http://www.suse.de/en/support/inst_support/support_overview.htmlAlcuni punti francamente riescono ad essere piuttosto comici, come ad esempio quando dicono che il supporto per la configurazione di X11 è compreso solo nel caso di configurazione standard che comprende, fra le altre cose, solo le risoluzioni standard 800x600 e 1024x768. Se vuoi supporto per configurare X a 1280x1024 devi pagare. Evidentemente ritengono che aggiungere una riga con scritto 1280x1024 e poco più all'interno del file XF86Config sia una cosa così complessa....E' sicuramente vero che il costo non è eccessivo (circa 50 Euro per la versione Personal) e comprende comunque i manuali e un supporto limitato (Windows costa molto di più senza manuali e senza supporto) ma un piccolo sforzo in più potevano forse farlo. Altrimenti per avere un supporto inadeguato tanto vale procurarsi una distribuzione gratis e cercare le informazioni sugli howto o sui newsgroup.
  • Anonimo scrive:
    Re: GPL, la licenza disonesta

    che mira a trasformare gli sviluppatori
    software in tute blu per soddisfare la mania
    di controllo della FSF.si certo come no...dice solo che se non acetti i suoi termini non puoi utilizzare quel lavoro...voi grandi programmatori programmatevi pure i vostri programmmi e mangiateci sopra...usando un'altra licenza...
    • Anonimo scrive:
      Re: GPL, la licenza disonesta
      - Scritto da: blah
      programmatori programmatevi pure i vostri
      programmmi e mangiateci sopra...usando
      un'altra licenza...Perche', chi usa la GPL non mangia?
      • Anonimo scrive:
        Re: GPL, la licenza disonesta


        programmatori programmatevi pure i vostri

        programmmi e mangiateci sopra...usando

        un'altra licenza...

        Perche', chi usa la GPL non mangia?siamo a dieta...
  • Anonimo scrive:
    GPL, la licenza disonesta
    che mira a trasformare gli sviluppatori software in tute blu per soddisfare la mania di controllo della FSF.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux Free e la rete ? PURE
    - Scritto da: vinci
    al sottoscritto e capito questo:
    dopo aver installato Linux Suse pagato!!!
    decido di aggiungerlo alla rete, scrivo una
    mail al supporto Suse in italia e dopo poco
    tempo mi viene risposto che per i problemi
    di rete devo pagare.... (n.d.r.) mai sentito che per aggiungere LINUX a una rete si dovesse pagare.
    A me sinceramente non è sembrata una cosa
    simpatica.anche a me, ma i contorni della vicenda che racconti sembrano così sfumati da non avere una grande parvenza di verità
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux Free e la rete ? PURE
      bravo fai lo struzzo
      - Scritto da: vinci
      anche a me, ma i contorni della vicenda che
      racconti sembrano così sfumati da non avere
      una grande parvenza di verità
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux Free e la rete ? PURE
        i contorni della vicendasembrano così sfumati da nonavere una grande parvenza di veritàsto aspettando ulteriori precisazioni che non arrivano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux Free e la rete ? PURE

      mai sentito che per aggiungere LINUX a una
      rete si dovesse pagare.per settare la rete...configurarla insomma...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux Free e la rete ? PURE
      Come sarebbe a dire contorni sfumati?Ti assicuro che al supporto Suse ti chiedono di pagare se hai bisogno appunto di supporto per configurare la rete.Vai sul sito Suse e vedrai.
  • Anonimo scrive:
    Linux Free e la rete ?
    al sottoscritto e capito questo:dopo aver installato Linux Suse pagato!!! decido di aggiungerlo alla rete, scrivo una mail al supporto Suse in italia e dopo poco tempo mi viene risposto che per i problemi di rete devo pagare.... (n.d.r.) A me sinceramente non è sembrata una cosa simpatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...

    P.S. a mio parere una macchina linux non
    configurata perfettamente è peggiore di
    qualsiasi macchina windows semplicemente
    installatacome no
    (sono opinioni..)cerchiamo di esprimere delle opinioni che sono vere almeno... e se non configuri bene un sistema che lo configuri a fare ????
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
      in questo post sto solo sentendo magnificare il vostro amato sistema operativo e le sue applicazioni ma parlando di applicazioni grafiche professionali vi rimando tutti a istruirvi in qualche post di persone molto più obiettive di voi e più competenti in materia (pochi giorni fa si parlava dello stesso argomento) oppure fatevi un giro su gruppi di discussione più specializzati sulla grafica rispetto a PI. Se invece vi va solo di trolleggiare e vantarvi.... be continuate a flammare e riempitevi di ridicolo, le mie spiegazioni ve le ho date in merito e credo di avervi ampiamente dimostrato che non doisprezzo Linux
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
        - Scritto da: leonardodicapri
        in questo post sto solo sentendo magnificare
        il vostro amato sistema operativo e le sue
        applicazioni ma parlando di applicazioni
        grafiche professionali vi rimando tutti a
        istruirvi in qualche post di persone molto
        più obiettive di voi e più competenti in
        materia In effetti si e` gia` parlato di questi argomenti su PI. La conclusione era che su Linux non esistevano programmi di grafica professionale. La discussione pero` non riguardava i programmi di grafica 3d, quello di cui si sta parlando in questa sede.Inoltre non mi risulta che per ambire alla serieta` un sistema operativo debba avere delle applicazioni per fare grafica...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
        A parte che se cambi continuamente nick riesce difficile seguirti.Ciò che tu chiedi e contesti lo fai male; difatti il punto non è se su Linux girano delle applicazioni professionali in ambito grafico, ti è stato ampiamente risposto con i fatti (nota: non è un mio campo d'interesse) cioè con i nomi delle applicazioni e con alcuni prodotti realizzati (tra l'altro in un'altro forum si discute dell'iniziativa di HP di costruire workstation grafiche con Linux e i suddetti prodotti). Quello che dovresti richiedere (a tuo avviso visto che lo formuli male) è se per Linux esistono delle applicazioni grafiche professionali d'uso home/workstation (workstation di fascia piccola). Applicazioni che costano evidentemente di meno delle corrispettive applicazioni per server (in cluster, magari) o per wokstation di fascia alta. La risposta è complessivamente negativa; a meno chè non decidi d'utilizzare quei prodotti di fascia alta in ambito grafico home professional; la cui cosa è possibile, ma questo non significa che non puoi utilizzare il pinguino per fare grafica professionale anche in ambito home, bisogna vedere quanto sei deciso a spendere.Quindi la risposta alla tua richiesta (corretta), è affermativa sul lato teorico, negativa complessivamente sul lato pratico (money).Cmq mi ricordo che uno studio di grafica per animazioni, intendeva proprio usare blender per una sua produzione; certo non significa niente una produzione (ed occorrerebbe vedere anche che tipo); ma Blender rappresenta un buona applicazione di grafica professionale sotto Linux (forse non ancora al max. come altre applicazioni, ma già utilizzabile per produrre alcuni prodotti grafici professionali). La questione è che non basta un'applicazione, nè occorrono almeno 3 - 4, per spingere a servirsi di un'altra piattaforma.Poi nell'ambito suddetto, anche windows non ha neanche la leadership, che spetta ad Apple.Infine una nota: il post è cmq intitolato male; il titolo corretto, ironico, sarebbe "Linux per la grafica è per i bambini", oppure "Linux non ha grafica professionale", etc.In effetti Linux su questo piano è ben messo sulla fascia d'uso home comune, è ben messo sulla fascia alta d'uso professionale (Server, cluster, workstation di fascia alta), non è ben messo sulla fascia media (PC e workstation di fascia bassa) d'uso professionale. Cmq se vuoi provarlo con i soldi si ottiene tutto, Basta che compri Maya & C. e li utilizzi sul tuo PC Linux: avoglia a grafica professionale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    davvero??? eppure da piccolo non riuscivo a giocarci...Mi sembra tutto come la storiella della volpe che non riusciva a raggiungere l'uva e allora la disprezzava...Windows sarà più intuitivo... ma per "le cose serie" se ci metti linux (CONFIGURATO PER BENE)non lo spegni più...P.S. a mio parere una macchina linux non configurata perfettamente è peggiore di qualsiasi macchina windows semplicemente installata (sono opinioni..)
  • Anonimo scrive:
    Re: SAMBA surclassa win2000, il monopolio m$ TACE
    - Scritto da: zapaggiungo quanto riportato da www.programmazione.it
    Prima che le grandi aziende rinnovino i
    contratti con Microsoft, firmando la nuova
    Software Assurance licensing o pagando tutti
    gli upgrade necessari per i loro software,
    sarebbe bene che leggessero i risultati di
    una serie di benchmarck condotti da e
    pubblicati su PC Week.
    Secondo questi test infatti Samba surclassa
    Windows 2000, con delle performance
    superiori nella incredibile percentuale del
    100%.
    Per fare un solo esempio in termini di
    scalabilità, Linux e Samba riescono a
    gestire 4 volte il numero di client rispetto
    a Windows 2000, prima che le prestazioni ne
    ricomincino a risentire.
    Stando così le cose, diverse organizzazioni
    potrebbero risparmiare grandi somme
    monetarie adottando questa soluzione Open
    Source, che si sta dimostrando notevolmente
    superiore.

    http://www.vnunet.com/News/1131114

    (un po' di bicarbonato ai win-maniac
    sensibili)

  • Anonimo scrive:
    Re: Posso farti una domanda ??
    - Scritto da: Flying Penguin
    Comunque vorrei ricordarti
    che questo è un forum di "punto informatico"
    e non "punto hobbystico" pertanto ho tutto
    il diritto di domandare la competenza dei
    miei interlocutori.Già ma non è neppure "punto linux" o "linux informatico" o "punto GPL" o "GPL informatico" o ... così via.Ora, se si parlasse di auto, bisognerebbe essere tutti meccanici di una specifica marca o essere tutti hobbisti che se le autocostruiscono ?Io non credo.
    Non mi, serve nessun podio, bastano le tue
    repliche a differenziarmi da quelli come te
    (e qui non c'entra ne' Win ne' Linux)Vedi che sali sul gradino superiore perchè ritieni di sapere/essere di più ?Tutti quelli che trafficano con linux sono odiosi come te.Sarà linux che vi attira o è il vostro porvi verso gli altri che attira lui ?zop
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso farti una domanda ??
      ... e ora basta (che stavo trollerando) ...saluti a tutti(spero non vi siate offesi più di tanto)zop
  • Anonimo scrive:
    il contadino FURBO e il monopolista AVIDO
    Prima che le grandi aziende rinnovino i contratti con Microsoft, firmando la nuova Software Assurance licensing o pagando tutti gli upgrade necessari per i loro software, sarebbe bene che leggessero i risultati di una serie di benchmarck condotti da e pubblicati su PC Week.Secondo questi test infatti Samba surclassa Windows 2000, con delle performance superiori nella incredibile percentuale del 100%.Per fare un solo esempio in termini di scalabilità, Linux e Samba riescono a gestire 4 volte il numero di client rispetto a Windows 2000, prima che le prestazioni ne ricomincino a risentire.Stando così le cose, diverse organizzazioni potrebbero risparmiare grandi somme monetarie adottando questa soluzione Open Source, che si sta dimostrando notevolmente superiore.http://www.vnunet.com/News/1131114 (un po' di bicarbonato ai win-maniac sensibili)
  • Anonimo scrive:
    Re: contro la GPL, contro la M$
    Ma i sostenitori del copyright non dicono sempre che e' l'autore a decidere cosa vuole fare del proprio software? Benissimo: se decido che il mio software non deve essere infangato dai corvi delle royalties, uso la GPL e chiunque voglia usare o modificare il mio programma o la accetta oppure sta zitto e cerca altrove.
  • Anonimo scrive:
    Re: Posso farti una domanda ??
    Visual Basic
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    La bonta' di un OS non la si giudica dalle applicazioni disponibili.Inoltre se Maya secondo te e' per bambini...Non sai che cos'e' Maya? Allora non parlare di cose che non conosci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
      Linux lo conosco MEGLIO DI TEper questo LO EVITO- Scritto da: Duh
      La bonta' di un OS non la si giudica dalle
      applicazioni disponibili.
      Inoltre se Maya secondo te e' per bambini...
      Non sai che cos'e' Maya? Allora non parlare
      di cose che non conosci.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
        - Scritto da: zardoz
        Linux lo conosco MEGLIO DI TE
        per questo LO EVITOFare il troll e` un arte... che non ti appartiene.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    - Scritto da: genev
    Un esempio?
    Linux non possiede software free di grafica
    professionale, in nessun campo: raster,
    vettoriale, illustrazione, prestampa,
    impaginazione o 3DLINUX non è certo per i COGLIONI che sparano CAZZA TE come te.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    Si vede che non usi Linux: sapresti che dell'installer uninstaller non ce ne facciamo nulla, con un comando scarichiamo, installiamo e configuriamo tutto il software di cui abbiamo bisogno.Blender è pesantemente utilizzato in ambito grafico almeno quanto 3dSMax. Se parli di applicazione amatoriale non sai quello che dici, è sviluppato da professionisti della grafica che ne sanno certamente più di te e di me messi insieme. Blender è cross-platform, c'è per Windows come c'è per Linux come c'è su tutte le piattaforme quindi se dici che ne facciamo una questione di principio dimostri ancora una volta di essere disinformato. L'unica differenza è che (fino ad ora) è stato gratis, cosa che mette la puzza sotto il naso a tanti sedicenti professionisti che credono di dover pagare per ogni cazzata (ignorando che esistono ben altre vie di profitto soprattutto in questi casi).La cosa sul RealAudio sinceramente è superflua e non mi va di commentarla. Un semplice sfizio che si sono tolti due ragazzi molto in gamba che sanno installarsi le applicazioni da soli.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    - Scritto da: tc
    Punto. Nessun Direttore Tecnico ....(UTONTO) rischierebbe il culo per un software open source non supportato professionalmente.Il resto sono FESSERIE DA UTONTI CHE TIRANO LA FINE DEL MESE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux = Non supportato
      Tirano la fine del mese un paio di palle rimanici tu senza lavoro per avere rischiato in prima persona per un s.o. da hacker...
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX = Non sOpportato (dai win-maniac)
        - Scritto da: tisaluto
        rimanici tu senza lavoro per avere rischiato
        in prima persona per un s.o. da hacker...non ci convincerai che le disavventure di UNO (forse anche NON in grado di usare sistemi diversi dai $oliti) debbano diventare un peso per tutti gli ALTRI.Quello che è vero, invece, è questo tuo "sistema da hacker" è entrato nella stanza dei bottoni; questa realtà fa rabbia a molti di quelli che vedono nelle ALTERNATIVE una minaccia alle proprie tasche, invece che fonte di nuove possibilità.Costoro dovranno sempre più stringere il morso, perché si ritroveranno sempre più addosso e alle calcagna il mondo _diverso_ che credevano di aver confinato e annullato.illusi: non riusciranno a fermare l'open source come non sono riusciti a imbrigliare internet (e guarda caso: LINUX e il Web hanno la stessa età di ben 11 anni).
        • Anonimo scrive:
          Re: LINUX = Non sOpportato (dai win-maniac)

          Costoro dovranno sempre più stringere il
          morso, perché si ritroveranno sempre più
          addosso e alle calcagna il mondo _diverso_
          che credevano di aver confinato e annullato.piu che altro dovranno lavorare...;-)non c'e cosa piu fastidiosa...;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux = Non supportato
    mah... noi abbiamo offerto diverse soluzioni Linux con supporto nostro e non ci sono stati problemi. E' vero che sono ancora molti i commerciali restii a fidarsi, ma credo che il mercato stia iniziando ad aprirsi.
  • Anonimo scrive:
    Linux = Non supportato
    Punto. Nessun Direttore Tecnico rischierebbe il culo per un software open source non supportato professionalmente.Il resto sono palle.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    parole al vento.Per professionali intendo quelle 3/4 applicazioni per generazione di software che si collocano al vertice delle prestazioni di quel tipo di sw E che sono fornite con un installer/uninstaller e un corredo di funzionalità da renderle una scelta completa per un professionista almeno di medio livello.Se poi devi realizzare un kolossal che porti al limite le capacità degli elaboratori attuali allora è chiaro che devi andare su cluster di computer e adattarti o crearti quel che ti serve (e linux per questo è un buon strumento).Ma il grosso del lavoro nell'editoria,pubblicità e film a medio contenuto tecnologico NON si fa in questo modo (non ne avresti il tempo) e NON si fa con applicazioni amatoriali come quell che citi, che tu voglia usare un PC o un mac o una qualunque architettura a livello home con Lin/BSD. Si fa con vere applicazioni professionali che si pagano profumatamente indipendentemente dall'os e dalla piattaforma su cui vuoi lavorare.Se poi volete farne una questione di principio "con linux si fa tutto, windows invece fa schifo" vi preciso che non uso windows nè x86 e che non mi interessa cosa posso fare con una piattaforma o OS se mi metto a programmarla io stesso(tipo fare girare un server realaudio su un C64 15 anni dopo che è uscito di produzione), ma quello che effettivamente posso fare nello stessoo tempo, costo e sforzo della concorrenza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    Oltre al Titanic (che poi è una cavolata di film), Linux è servito anche per il "Signore degli anelli".Ma forse devi tu essere informato di cosa significhi professionale.Le applicazioni a cui ti riferisci sono dei giocattoli se paragonate alle suddette applicazioni impiegate per "Titanic" e per il "Signore degli anelli" (SGI). Il fatto è che suddette applicazioni hanno bisogno di cluster paralleli (soprattutto se girano su IA32, già perchè girano anche su processori dove win se lo sogna), campo dove win fà ben schifo: è inesistente.Queste sono applicazioni professionali.Quelle a cui tu fai riferimento sono quelle home, e tra queste cmq Blender è professionale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    Ma che razza d'esempio.www.google.com, il motore di ricerca più utilizzato (ed efficace) di Internet gira su centinaia di server Linux.Un gioco da bambini?Centinaia di siti Internet girano su Linux, è un gioco da bambini?Potrei continuare ma diventerei aggressivo.
    Un esempio?
    Linux non possiede software free di grafica
    professionale, in nessun campo: raster,
    vettoriale, illustrazione, prestampa,
    impaginazione o 3D
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    Perchè modificare un applicativo per farlo stare su Linux? Non vale la pena svilupparlo direttamente per Linux? Secondo te perchè la situazione è questa? Non si torna al punto di partenza?P.S. Faccio il programmatore e effettivamente di grafica so poco. Ciononostante mi pare che Blender sia assolutamente professionale. Essendo opensource poi è modificabile a proprio piacimento. Definiscimi professionale semmai, evidentemente la mia idea di professionale è differente dalla tua.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    informatica grafica
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux esperto, windows monopolista
    - Scritto da: Sarge


    - Scritto da: zap


    Affinché le soluzioni come LINUX abbiano
    una

    vera possibilità di affermarsi per le

    proprie qualità, deve essere ridotta

    l'influenza del monopolio microsoft sul

    mercato desktop.

    Dopodiche, se anche cosi' Linux non
    emergesse, ci prometti di non scrivere tutte
    le parole che iniziano per MONO- in
    maiuscolo? O, meglio, non usarle piu' :)Non limiterai la mia libertà di espressione in alcun modo.La mia libertà di espressione è GARANTITA dalla Costituzione Italiana (articolo 21, come dovrebbe essere noto).i miei messaggi riguardano la situazione di MONOPOLIO che va risolta, indipendentemente dal successo di LINUX.La tua personale irritazione all'uso della parola MONOPOLIO è ininfluente (tra l'altro potesti risolverla semplicemente NON leggendo i miei post)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux esperto, windows monopolista
      - Scritto da: zap


      - Scritto da: Sarge





      - Scritto da: zap




      Affinché le soluzioni come LINUX
      abbiano

      una


      vera possibilità di affermarsi per le


      proprie qualità, deve essere ridotta


      l'influenza del monopolio microsoft sul


      mercato desktop.



      Dopodiche, se anche cosi' Linux non

      emergesse, ci prometti di non scrivere
      tutte

      le parole che iniziano per MONO- in

      maiuscolo? O, meglio, non usarle piu' :)

      Non limiterai la mia libertà di espressione
      in alcun modo.

      La mia libertà di espressione è GARANTITA
      dalla Costituzione Italiana (articolo 21,
      come dovrebbe essere noto).

      i miei messaggi riguardano la situazione di
      MONOPOLIO che va risolta, indipendentemente
      dal successo di LINUX.

      La tua personale irritazione all'uso della
      parola MONOPOLIO è ininfluente (tra l'altro
      potesti risolverla semplicemente NON
      leggendo i miei post)
      No, lui non dice che sei sgradevole per quello che dici ma per come lo dici utilizzando le maiscole/minuscole.Se sei sgradevole nessun'altro legge i tuoi post: tu vuoi questo ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux esperto, windows monopolista
        - Scritto da: zup
        Se sei sgradevole nessun'altro legge i tuoi
        post:un tuo punto di vista, che non nega il mio consiglio: se TU mi ritieni sgradevole puoi non leggereContinuerò a esprimermi come credo, in base all'articol 21 della Costituzione
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux esperto, windows monopolista
      - Scritto da: zap



      Dopodiche, se anche cosi' Linux non

      emergesse, ci prometti di non scrivere
      tutte

      le parole che iniziano per MONO- in

      maiuscolo? O, meglio, non usarle piu' :)

      Non limiterai la mia libertà di espressione
      in alcun modo.

      La mia libertà di espressione è GARANTITA
      dalla Costituzione Italiana (articolo 21,
      come dovrebbe essere noto).Si ma lasciati dire che sei uno sciocco. Sempre nel rispetto della liberta' di espressione...1) Neanche capisci quando si scherza.2) qui non si urla, si scrive.

      i miei messaggi riguardano la situazione di
      MONOPOLIO che va risolta, indipendentemente
      dal successo di LINUX.Si appunto. Cerca di capire che quando questa situazione si sara' risolta, questo non per forza avvantaggera' linux.Sai, non vorrei che si pensasse: Linux ancora poco diffuso -
      Microsoft ancora in monopolio. Perche' tu non pensi questo, spero...

      La tua personale irritazione all'uso della
      parola MONOPOLIO è ininfluente (tra l'altro
      potesti risolverla semplicemente NON
      leggendo i miei post)E chi si irrita? Sei tu che urli. Fatti un giro va'...Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux esperto, windows monopolista
        - Scritto da: Sarge


        - Scritto da: zap






        Dopodiche, se anche cosi' Linux non


        emergesse, ci prometti di non scrivere

        tutte


        le parole che iniziano per MONO- in


        maiuscolo? O, meglio, non usarle piu'
        :)



        Non limiterai la mia libertà di
        espressione

        in alcun modo.



        La mia libertà di espressione è GARANTITA

        dalla Costituzione Italiana (articolo 21,

        come dovrebbe essere noto).

        Si ma lasciati dire che sei uno ecco ora l'hai detto e ti seti meglio, spero (per te)

        MONOPOLIO che va risolta,
        indipendentemente

        dal successo di LINUX.

        Si appunto. Cerca di capire che quando
        questa situazione si sara' risolta, questo
        non per forza avvantaggera' linux.Illogico. I dati sono:1-Linux è un concorrente. 2- La concorrenza è soppressa da microsoft. Se l'azione anti-competitiva di microsoft viene limitata, i concorrenti possono emergere, e così LINUX.
  • Anonimo scrive:
    Per forza a Gates piace il software libero
    A Gates piace il software libero perchè così può inglobarlo gratis nel suo software proprietario.Con la licenza Gpl non lo potrebbe.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
    - Scritto da: genev
    Un esempio?
    Linux non possiede software free di grafica
    professionale, in nessun campo: raster,
    vettoriale, illustrazione, prestampa,
    impaginazione o 3DSe non sei informato, taci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma per favore, linux è per i bambini...
      In effetti avresti fatto una figura migliore.Mai sentito parlare di Blender e Gimp? Surclassano l'80% delle applicazioni grafiche Windows avresti dovuto se ti interessi di grafica.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    sono concorde con te...
  • Anonimo scrive:
    WINDOWS FREE
    maaa?? non è già gratuito windows??? visto che due persone su una ha una copia :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma per favore, linux è per i bambini...

    Un esempio?
    Linux non possiede software free di grafica
    professionale, in nessun campo: raster,
    vettoriale, illustrazione, prestampa,
    impaginazione o 3Dti faccio presente che cluster linux sono stati usati per gli effetti speciali di titanic, inoltre esiste bentley microstation per linux, scusa se è poco. se questi non sono free poco importa, su windows autocad te lo regalano, forse?
  • Anonimo scrive:
    Ma per favore, linux è per i bambini...
    Un esempio?Linux non possiede software free di grafica professionale, in nessun campo: raster, vettoriale, illustrazione, prestampa, impaginazione o 3D
  • Anonimo scrive:
    il vero problema con i computèr
    la maggior parte dei miei utenti mi chiama:a) perchè ha il bloc num o il maiusc inseriti e non lo vede perchè le spie della tastiera sono il posto più bello dove attaccare i post-itb) perchè non vedono la rete/non riescono ad usare una stampante di rete/non riescono a collegarsi ad internet avendo staccato il relativo filo mimando un rigore contestato all'Inter qualche domenica fac) perchè ha cancellato un file e se ne accorge mooolto tempo dopo non essere più coperto dai backup...non è che abbia a che fare con dei fenomeni, sono medi professionisti che in molti casi hanno un computer anche a casa. La media è quella, mttiamoci il cuore in pace, l'utente medio farà sempre a pugni anche con il sw migliore e/o più semplice, che ci sia Win o Lin o altro di solito il computer è molto migliore di chi lo usa!
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: giacomo re
    Linux è debole proprio perchè è open source,
    e tutti ci possono mettere le mani e
    sfruttarne al meglio le debolezze...Scusa se ti contraddico, ma giurassinux, è un pericolo perchè, a differenza di Windows, essendo opersource (insomma che ciai i sorgenti) non accetterà mai virus che non siano opersource anche loro.Se hai fatto caso, leggere i virus per Windows (che arrivano solo in distro binarie) è pittosto difficile, nonchè farne il reverse engineering ... ma con linux tutto cambierà!Così, una volta distribuiti i virus accompagnati da codice sorgente con licenza GPL, gli stessi potranno diventare sempre migliori e potrà essere più veloce il loro sviluppo perchè chiunque li potrà modificare, migliorare e segnalare i bug (quando non funzia la cancellazione dei files, la formattazione dell'hd, ecc.) all'autore originale (sempre che quest'ultimo non lo mettano prima in galera).Cmq, sono lieto di incotrare in questo forum persone come te con le quali è possibile fare dialoghi costruttivi ed utili (non come quelle storie dei vari dinosauri sostenitori di giurassinux che si aggirano qui attorno).Salutizop
  • Anonimo scrive:
    seminiamo carote su Windows!
    ... mi hanno detto che è gia pieno di buchi !!!
  • Anonimo scrive:
    a) e b)
    il discorso è molto semplice ovvero:a) nessuno ti costringe ad usare la GNUb) qualora riutilizzi il codice scritto da altri sotto GNU/GPL lo ridistribuisci sotto quella licenza se lo vuoi usare, altrimenti riscrivi il tutto. Anche in questo secondo caso, nessuno ti costringe ad usare la GNU.Il problema del signor Gates è un altro...ovvero, perchè io non posso sviluppare e pubblicare tutto sotto licenza GNU?E se a me piace fare il contadino... a chi do noia ?Un saluto
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux fa schifo
    - Scritto da: yak
    Piuttosto compro un mac... il che è tutto
    direperfetto .. sai .. che linux gira ANCHE su architettura PowerPC ?poi magari ... ti ricompili BOCHS e ci lanci sopraWinXP su un G4 !?
  • Anonimo scrive:
    Re: contro la GPL, contro la M$
    è un fatto di tempi, con la velocità con cui si evolve il mercato mentre riscrivo il tuo software (che è un ottimo software ma "as is" poco commerciabile, perchè magari il mercato lo vorrebbe vedere integrato con altri programmi, con una interfaccia diversa, tradotto in 15 lingue ecc...) qualcuno magari rilascia un nuovo prodotto bello integrato, con tante icone colorate, tradotto in 15 lingue e con un codice urendo sotto. Solo che quello che è un pessimo (o mediocre) programma è un "ottimo" prodotto commercialmente parlando e sfonda sul mercato. Allora quando la mia ipotetica ditta finisce di scrivere da zero un buon codice o quando il tuo team di sviluppo ha raccolto membri di 15 lingue, grafici e quant'altro e fatto un prodotto come il mio, il mercato ci snobba e non ci resta che protestare contro il monopolio...PS. una piccola correzione al post e al mio precedente, aggiungete liberamente qua e la "IMHO", secondo me, credo che...:)
    • Anonimo scrive:
      Re: contro la GPL, contro la M$
      - Scritto da: gio74web
      è un fatto di tempi, con la velocità con cui
      si evolve il mercato mentre riscrivo il tuo
      software (che è un ottimo software ma "as
      is" poco commerciabile, perchè magari il
      mercato lo vorrebbe vedere integrato con
      altri programmi, con una interfaccia
      diversa, tradotto in 15 lingue ecc...)
      qualcuno magari rilascia un nuovo prodotto
      bello integrato, con tante icone colorate,
      tradotto in 15 lingue e con un codice urendo
      sotto. Solo che quello che è un pessimo (o
      mediocre) programma è un "ottimo" prodotto
      commercialmente parlando e sfonda sul
      mercato. Allora quando la mia ipotetica
      ditta finisce di scrivere da zero un buon
      codice o quando il tuo team di sviluppo ha
      raccolto membri di 15 lingue, grafici e
      quant'altro e fatto un prodotto come il mio,
      il mercato ci snobba e non ci resta che
      protestare contro il monopolio...Beh ma questo semplicemente impedisce a TE di guadagnare con quanto scritto da ME.Non vedo il problema quindi... se io scrivo io decido la licenza, se a te non piace la mia licenza riscrivi e punto.
      PS. una piccola correzione al post e al mio
      precedente, aggiungete liberamente qua e la
      "IMHO", secondo me, credo che...
      :)Ovviamente anche per me... nessuno ha la verita' assoluta... semplicemente abbiamo molte verita' relative!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux fa schifo
    e' vero compra un MAC... magari impari anche come si usa un computer.
  • Anonimo scrive:
    Re: contro la GPL, contro la M$
    Ma scusa, supponi quanto segue.Io produco un buon software e, per motivi miei insindacabili, lo distribuisco sotto licenza GPL.Tu vedi il mio software, lo provi, lo testi e dici: "potrei farci un ottimo prodotto"... solo che la licenza GPL ti impedisce di commercializzarlo come vorresti...Scusa ma il problema è soltanto tuo, io ho applicato la mia libertà ad un mio prodotto, se tu vuoi un tuo prodotto, secondo le tue condizioni, te lo riscrivi daccapo... così come avresti fatto se io non avessi scritto nulla
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Windows...
    Non sai proprio quello che dici
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux fa schifo
    No, e` la vita che fa schifo...come diceva Mel Brooks...
  • Anonimo scrive:
    Linux fa schifo
    Piuttosto compro un mac... il che è tutto dire
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    Prima di tutto Unix esiste da molto prima di Windows... Seconda cosa cosa i programmi open non sono copiati da programmi Closed (dato che dire originali e' fuori luogo dato che anche la mia redhat 7.2 e' originale) e se anche fosse i programmi open sono di certo migliori di quelli close... pork putt ho usato winzoz per degli hanno e nemmeno morto torno indietro per stare li sempre a pensare a gli aggiornamenti le pathc gli antivirus le schermate blu il pc che si impalla o lo devo sempre riavviare, ma vaffa*lo te e windows che e' uno schifo ! E cmq caro il mio Windows XP in buldle, una persona e' libera di decidere dim regalare il proprio lavoro se lo vuole, chi sviluppa sotto GPL ha deciso di non voler trarre profitto dal questo software quindi chiunque e' liberissimo di copiarlo, e non e' reato HAI CAPITO NON E' REATO DEFIC*NTE ! PERCHE' SAI UNA COSA ??? ALLORA PER IL TUO DISCORSO DEL CA*O SAREBBERO CRIMINALI ANCHE I VOLONTARI DELLA CROCE ROSSA PER DIRE ! O I MISSIONARI IN AFRICA, NESSUNO DI LORO CHIEDE SOLDI PER I SERVIZI CHE OFFRONO MA NESSUNO, PROPRIO NESSUNO DOVREBBE AVERE IL CORAGGIO DI PUNTARE IL DITO CONTRO LA GENEROSITA' ALTRUI, QUINDI NEMMENO CONTRO GLI SVILUPPATORI LINUX, GRAZIE LINUX E GLI SVILUPPATORI FREE IL MONDO DELL' INFORMATICA VA AVANTI, E LI KE C'E' L' INNOVAZIONE ! PERCHE' IL TUO BEL WINZOZ E' TUTTO UNO SCOPIAZZAMENTO DI SOFTWARE OPEN !!! GUARDA CASO NEI LAVORI SERI WINZOZ NON COMPARE MA LINUX SI !!! HAI VISTO IL FILM FINAL FANTASY ? LA MUMMIA 2 ?, SHRECK ? MONSTER E CO ? BEH SAI UA COSA TUTTI QUESTI FILM E TUTTI QUELLI CHE VENGONO SFORNATI ATTUALMENTE AL CINEMA NASCOSO SU GROSSI CLUSTER LINUX ! Chissa perche' ?!?! Vedi di moderare le stronzate, perche' a gente come te andrebbe tolto non solo il diritto di voto ma anche quello di parlare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
      Ma vai a raccogliere le banane, e poi ficcatele nel linux!
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
        immagino che te hai windows e oltre a quello non hai visto mai null' altro vero ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Sta toccando il fondo
    - Scritto da: paso
    P.S. E magari alla microsoft usano linux...sbagliato usano DEBIAN GNU/LINUX STABLE impara a dirlo bene dato che prima o poi lo userai anche tu come tutti noi
  • Anonimo scrive:
    Re: Tanti commenti ma nessuno ha centrato il problema

    Penso che Bill si accanisce sulla GPL e
    Linux solo perchè non è una licenza
    completamente libera, ha grossi vincoli e
    questi impediscono uno sfruttamento
    commerciale "puro" del codice sotto licenza
    GPL, ergo, se sempre più programmatori
    utilizzassero la GPL M$ non saprebbe più
    dove trovare idee e codice; avrebbe in
    pratica 2 scelte:
    1) fare tutto in proprio nella maniera più
    assoluta
    2) piegarsi alla GPL e mettersi a vendere
    servizi (M$ Linux? :-))

    invece, se le nuove leve dell'IT continuano
    ad essere formate con il concetto del
    software completamente free (BSD License),
    con i soldi dei contribuenti, dalle
    università ed istituti di ricerca, le
    aziende commerciali come M$ possono
    attingere da loro non solo per le menti, ma
    anche per le idee ed il codice sorgente...
    non so se mi sono spiegato... è difficile in
    poche righe...

    Poi sempre noi poveri contribuenti, (e
    contadini) dopo aver finanziato lo sviluppo
    continuiamo ad arricchire tanti farabutti,
    che si approriano di idee, concetti,
    algoritmi e menti e ci fanno pagare salata
    la "licenza d'uso" del software perennemente
    in beta, obsoleto dopo 10 mesi per volere
    della casa produttrice, as is e senza
    nessuna garanzia!!!
    Mi sembra pazzesco come si possa credere a
    questo pazzo, uno che diceva che il sistema
    OS/2 sarebbe satato il SO degli anni 90 e di
    Internet un fenomeno passeggero...
    ribadisco! tutto frutto della mia mente
    contorta e paranoica... ma c'è chi mi batte
    alla grande!ammettendo che tu abbia ragione, il software BSD e' disponibile tanto per MS, che per me...non vedo dove sia il problema se MS se ne appropria.BSD, al contrario di GPL, permette di non distribuire i sorgenti, se si vuole, ma i sorgenti originali da cui MS attingerebbe resterebbero disponibili per tutti..o no?ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
    - Scritto da: Upanisad

    IBM, HP, etc., investono nello sviluppo
    del

    sw open;

    E beh, è FAMOSISSIMO in tutto il mondo il
    software prodotto da HP!! Che fa a parte i
    driver per le stampanti?HP-UX non mi sembra esattamente un driver per stampante....
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat



      IBM, HP, etc., investono nello sviluppo

      del


      sw open;



      E beh, è FAMOSISSIMO in tutto il mondo il

      software prodotto da HP!! Che fa a parte i

      driver per le stampanti?

      HP-UX non mi sembra esattamente un driver
      per stampante....con quello che costa un sistema hp-ux lo credo che hanno cominciato a vendere linux...cosi' ai clienti che non vogliono spendere danno un pc con linux, gli fanno spendere un decimo (che e' sempre troppo) e gli danno un sistema che finisce per X e li fa sentire fighi...HP e IBM vendono ferro.Qualsiasi cosa gli faccia vendere piu' hardware va bene.Oggi tutti vogliono un server ma non vogliono spendere troppo.Linux per questo e' perfetto.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
        - Scritto da: maks




        IBM, HP, etc., investono nello
        sviluppo


        del



        sw open;





        E beh, è FAMOSISSIMO in tutto il mondo
        il


        software prodotto da HP!! Che fa a
        parte i


        driver per le stampanti?



        HP-UX non mi sembra esattamente un driver

        per stampante....

        con quello che costa un sistema hp-ux lo
        credo che hanno cominciato a vendere
        linux...
        cosi' ai clienti che non vogliono spendere
        danno un pc con linux, gli fanno spendere un
        decimo (che e' sempre troppo) e gli danno un
        sistema che finisce per X e li fa sentire
        fighi..
        HP e IBM vendono ferro.
        Qualsiasi cosa gli faccia vendere piu'
        hardware va bene.
        Oggi tutti vogliono un server ma non
        vogliono spendere troppo.
        Linux per questo e' perfetto.vogliono un server stabile senza troppo spendere!!!!con M$ vi son problemi di stabilita e sicurezza

        ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    Concordo al 100%
  • Anonimo scrive:
    Linux ha finito di essere un sogno...
    ... quando gli avversari di Microsoft hanno iniziato a farne la loro bandiera contro redmond.Torvalds ne ha perso il controllo da tempo, ora è una guerra tra multinazionali.Mi spiace per lui che non abbia saputo approfittarne (economicamente) - certo ha una bella fama... magari Bill un giorno gli offrirà anche un lavoro...
  • Anonimo scrive:
    Re: Quel CAPRONE di Bill Gates
    Quel CAPRONE è l'uomo più ricco del mondo, emerito pirla.E tu CHI SEI per dargli del caprone?
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel CAPRONE di Bill Gates
      - Scritto da: sap
      Quel CAPRONE è l'uomo più ricco del mondo,
      emerito pirla.
      E tu CHI SEI per dargli del caprone?sarà un CAPRONE ricco, ma sempre CAPRONE è!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel CAPRONE di Bill Gates
      E tu giudichi l'importanza di ciò che si dice dal conto in banca... prima di parlare dovremmo esibire la carta di credito. Bell'esempio di italiota niù economi. Torna a casa a guardare le veline e lascia pensare chi è capace di farlo
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel CAPRONE di Bill Gates
      - Scritto da: sap
      Quel CAPRONE è l'uomo più ricco del mondo,
      emerito pirla.
      E tu CHI SEI per dargli del caprone?Quel Caprone è l'uomo più ricco del mondo non per la qualità dei suoi prodotti ma perché si è comportato da approfittatore e da monopolista. E lui chi è per dare a me (utente linux e programmatore) del contadino? E tu chi sei per dare dell'"emerito pirla" ad un'uomo che neanche conosci?(e poi solo perché è l'uomo più ricco del mondo dovremmo baciargli i piedi quando passa? non credo proprio!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel CAPRONE di Bill Gates
      Come diceva Samuel Clemens, alias mark Twain, per avere successo nella vita occorrono esclusivamente due attributi: ignoranza e fiducia in se` stessi. Il successo, poi, e` assicurato.
  • Anonimo scrive:
    Re: PARERI.....
    E se poi scompare tutta la tua anagrafica, vedrai come sarai contento di avere risparmiato!
    • Anonimo scrive:
      Re: PARERI.....
      Ti stai condondendo, l'os instabile e insicuro è quello a pagamento, non quello gratis e non sono certo io a dirlo ma i 20 e passa service pack scaricati e le continue scoperte di falle e bachi.Non è questione di fazioni ma di notizie e realtà.Che poi vi piacciano le iconcine in 3d mi fa piacere, ma sia Windows che Linux hanno punti di forza e di debolezza, l'uno l'IDE, l'altro la stabilità e la sicurezza.Sono scelte, le offese, le insinuazioni, i discorsi atti a dimostrare chi è piu figo sono considerazioni superflue dovute al 90% all'ignoranza verso il sistema operativo opposto.Tranne Cancelli, che è in malafede, dato che a Unix deve qualcosina. Windows è scritto su piattaforma Unix.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sta toccando il fondo
    - Scritto da: paso
    P.S. E magari alla microsoft usano linux...Sì, in pausa caffè, per farsi quattro risate!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sta toccando il fondo
      Per la verità c'è il sospetto che usino Linux nei server DNS di Redmond.A seguito dei continuii brek e rallentamenti a suddetti server da parte di hackers e crack pro-UNIX, pro-Linux, la M$ ha deciso d'affidarli a una società ext. che ha sempre usato Linux; cmq utilizza per sudetto servizio o.s. open source *BSD o Linux.Non c'è da ridere, come vedi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sta toccando il fondo
        Bell'esempio di mission critical... il DNS!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Sta toccando il fondo
          - Scritto da: bah
          Bell'esempio di mission critical... il
          DNS!!!!Intanto senza DNS Internet non si muove. Ti ricordi come erano configurati i DNS alla Microsoft ? Errori da dilettanti incompetenti, e microsoft.com e' rimasto irraggiungibile per 3 giorni.
  • Anonimo scrive:
    Sta toccando il fondo

    E se invece lo scenario non è questo, allora ok,
    diciamo che uno può mettersi a fare
    l'agricoltore o quello che vuole. Le tasse si
    pagano comunque, non so. E gli agricoltori
    vadano pure a lavorare, la notte, sui codici
    sorgenti.Perchè denigrare un così nobile lavoro? Se lo avesse sentito Unabomber gli avrebbe fatto esplodere una bomba su per il culo!P.S. E magari alla microsoft usano linux...
  • Anonimo scrive:
    Re: OK per la BSD ma...
    - Scritto da: SoSe
    Che diritto hanno i dirigenti M$ a
    lamentarsi?Nessuno. Ma il software sotto GPL non è opensource, è inutile continuare a spargere questa menzogna.
  • Anonimo scrive:
    Re: Linucs...
    - Scritto da: Ender
    ...dove sei finito? Illuminaci tu, e vieni a
    difendere il software libero ovvero free,
    trasmettendoci i sacri insegnamenti del
    maestro Xian.deheheee io prima seguivo il maestro tokopokomatoko che seguiva gli insegnamenti del bsd che erano diversi e sbagliati infatti e' stato denunciato per molestie forse a causa del nome ora invece seguo il maestro xian che usa debian gnu/linux/stable che e' talmente semplice che puo' essere usato anche da un contadino che essendo una persona semplice puo' apprezzare meglio la liberta' infatti i manager ma non i window manager usano windows perche' non sono liberi bensi' schiavi inoltre ho attaccato l'aratro a rollerdog quindi come vedi la vita del contadino non e' poi cosi' male e secondo me c'e' un solo modo per fermare bill gates cioe' tornare indietro nel tempo con la macchina del tempo e curargli l'acne e trovargli una bella sgnappola oppure se proprio l'acne non passa lo si puo' portare al porto vestito da marinaio come l'omini dei marscmallow di ghostbuster a cercare emozioni a poco prezzo e forse in quel caso non avrebbe fondato un impero di monopolisti invece nel caso del maestro stallman la sgnappola era d'accordo con il movimento del free software infatti se avesse avuto una bella sgnappola non avrebbe fondato la sacra scuola della gpl di cui il debianzhang e' una costola lo si nota soprattutto degli ultimi movimenti della forma 192 detta "contadino installa linux su un 386sx" ma qui scendiamo nel tecnico e pochi potrebbero capireuna volta si diceva al contadino non far sapere quanto e' buono il formaggio con le pere ma invece il debianzhang dice al povero bimbo non dare caramelle ma calci in culo e la gipielle e come possiamo vedere questo e' bene infatti anche zap usa debian se ben ricordo o forse usa mandrake ma sicuramente e' gia' pentito
    • Anonimo scrive:
      Re: Linucs...
      Caro linucs il primo di maggio e` debian 3.0 (gnu/linux/hurd/freezed-quasi-stable/woody 3.0).Un altro grande passo dell'umanita` verso la liberta`.
  • Anonimo scrive:
    PARERI.....
    A mio modesto parere:Ognuno, a casa propria o nella propria azienda è liberissimo di usare is SO che vuole e pagarsi di tasca propria tutte le licenze che vuole!!! Nella pubblica amministrazione NO!!! perchè i soldini per le licenze li cacciano fuori i cittadini, magari con il denaro risparmiato si potrebbero acquistare apparecchiature informatiche per le scuole e connetterle in rete per esempio o NO?!?!
  • Anonimo scrive:
    I CONTADINI DELL' ESTREMADURA VERSO LINUX DEBIAN
    Zona rurale di Spagna al confine col Portogallo passa in massa a LINUX Debian.Della serie: "La rivolta dei contadini":http://linuxtoday.com/news_story.php3?ltsn=2002-04-22-008-26-NW-DB-DP
  • Anonimo scrive:
    Tanti commenti ma nessuno ha centrato il problema
    Premetto comunque che è una mia personale opinione:Penso che Bill si accanisce sulla GPL e Linux solo perchè non è una licenza completamente libera, ha grossi vincoli e questi impediscono uno sfruttamento commerciale "puro" del codice sotto licenza GPL, ergo, se sempre più programmatori utilizzassero la GPL M$ non saprebbe più dove trovare idee e codice; avrebbe in pratica 2 scelte:1) fare tutto in proprio nella maniera più assoluta2) piegarsi alla GPL e mettersi a vendere servizi (M$ Linux? :-))invece, se le nuove leve dell'IT continuano ad essere formate con il concetto del software completamente free (BSD License), con i soldi dei contribuenti, dalle università ed istituti di ricerca, le aziende commerciali come M$ possono attingere da loro non solo per le menti, ma anche per le idee ed il codice sorgente... non so se mi sono spiegato... è difficile in poche righe...Poi sempre noi poveri contribuenti, (e contadini) dopo aver finanziato lo sviluppo continuiamo ad arricchire tanti farabutti, che si approriano di idee, concetti, algoritmi e menti e ci fanno pagare salata la "licenza d'uso" del software perennemente in beta, obsoleto dopo 10 mesi per volere della casa produttrice, as is e senza nessuna garanzia!!!Mi sembra pazzesco come si possa credere a questo pazzo, uno che diceva che il sistema OS/2 sarebbe satato il SO degli anni 90 e di Internet un fenomeno passeggero...ribadisco! tutto frutto della mia mente contorta e paranoica... ma c'è chi mi batte alla grande!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
    - Scritto da: Michele CoppoFinalmente... mi mancava il mio decerebrato preferito...[cut]
    No. Ciò che mi fa incazzare veramente è il
    fatto che insistete a dare contro ad una e
    ad una sola azienda di software.Appunto... la _monopolista_ per eccellenza.
    Come se Microsoft fosse l'unica azienda
    multinazionale che produca software "chiuso"
    (come insensatamente continuate a chiamarlo
    voi, contrapponendolo ad un fantomatico
    "open", aperto) del mondo.Questa tua logica "binaria" o sei windows o se un nemico e' classica del popolo bue lobotomizzato dalla tv e dal berluska.Devi accorgerti che non c'e' solo bianco o nero, ma un mondo fatto di grigi e di colori intermedi.
    Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa
    produce il suo "db server unbreakable", il
    prodotto più closed dell'universo
    informatico, il più ostico db relazionale
    mai pensato da mente umana, l'oggetto che
    per funzionare ha bisogno di tutte le
    risorse hardware dell'universo, e voi vi
    scagliate contro Microsoft che produce in
    fin dei conti dei sistemi operativi semplici
    da usare?ATTENZIONE: Qui non si sta parlando di come microsoft faccia il software, ma della posizione di microsoft nel mercato (cioe' monopolista) e delle sue deliranti affermazioni (che in genere fa chi ha la febbre alta e spara cazzate) sulle licenze GPL, BSD e in genere il mondo opensource.
    E la SUN ? Ne vogliamo parlare?
    E' talmente closed che si fa sistemi
    operativi e hardware tutta da se. Si, dava
    anche la possibilità di scaricarsi una parte
    del codice di Solaris per Intel, ma
    guarda... ciò che non serve assolutamente a
    nulla.Gia'... peccato che non sia _monopolista_ e che non esca fuori ogni tanto con idiozie in stile Gates, Culp o Ballmer.
    Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
    dei cialtroni spiantati, repressi magari da
    un lavoro triste e senza orizzonti visibili.Mah, io sono un consulente linux da vari anni e campo bene. Guadagno bene senza "fregare" le aziende con continui upgrade software.Gli orizzonti sono sempre piu' ampii, dato che buona parte delle aziende si sta rendendo conto delle potenzialita' del software GPL (gira pure sotto win volendo).
    Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
    risparmiare i 50? per il sistema operativo
    vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
    come Davide contro Golia, di combattere il
    Grande Satana.No, io combatto l'ignoranza, l'ignoranza di gente come te che spara sentenze su cose che non comprende minimamente. Ho convinto molta gente/azienda, facendo provare il software "alternativo" a m$ (non necessariamente free).
    Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
    Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
    Americane, come se questo potesseBeh, ce l'hai conto i pakistani? Abbi la decenza di non mescolare queste manifestazioni di violenza con chi si fa un mazzo per produrre software (peraltro libero) altrettanto valido di quello che produce il tuo caro monopolista m$.[cut]
    Ma bravi i miei pakistani linuzisti:
    bruciate pure la bandiera di Windows in
    piazza in nome del fondamentalismo
    linuzista. E' l'unica cosa che siete in
    grado di fare, vista la vostra assoluta
    incapacità di costruire qualcosa:
    distruggere ciò che non potete avere.Sei un povero mentecatto. Queste parole dimostrano con una lucidita' lampante che non hai la benche' minima percezione del vero problema. Esci fuori ogni tanto con qualche messaggio delirante, arroccandoti sulla tua classica arroganza e superficialità.Ricordati che il rispetto si merita rispettando gli altri, proprio quello che micro$oft non sta facendo (e la gente ignorante come te).
    Michele CoppoManfred Caruso
  • Anonimo scrive:
    Re: Linux esperto, windows monopolista
    - Scritto da: vinci
    Io mi occopo di sistemi microsoft, ma ho
    provato Linux, non credo che uno significhi
    la morte dell'altro.se il mercato non avesse il suo MONOPOLISTA in microsoft avresti ragione, ma esiste un MONOPOLIO detenuto da microsoft, che rende non simmetrico il tuo paragone: microsoft può muoversi dalla sua posizione di vantaggio monopolistico per sopprimere qualunque novità venga presentata sul mercato. Il processo ha dimostato questa eventualità: microsoft è stata condannata per averdistrutto il mercato di netscape usando mezzi scorretti e anticompetitiviAffinché le soluzioni come LINUX abbiano una vera possibilità di affermarsi per le proprie qualità, deve essere ridotta l'influenza del monopolio microsoft sul mercato desktop.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux esperto, windows monopolista
      - Scritto da: zap
      Affinché le soluzioni come LINUX abbiano una
      vera possibilità di affermarsi per le
      proprie qualità, deve essere ridotta
      l'influenza del monopolio microsoft sul
      mercato desktop.Dopodiche, se anche cosi' Linux non emergesse, ci prometti di non scrivere tutte le parole che iniziano per MONO- in maiuscolo? O, meglio, non usarle piu' :)Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    MI SA CHE QUI IL DEFICIENTE SEI TU- Scritto da: Federico
    nerd svedese. C'è differenza tra la Ibm e il
    negozietto di periferia che potrebbe gestire
    questo deficiente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi spiace dirlo, ma Billy ha ragione!

    Creare "posti di lavoro" imponendo software a
    pagamento (magari con tangenti) quando e'
    disponibile software free equivalente e' come
    pretendere di creare posti di lavoro facendo
    scavare buche per poi riempirle. Non dura a
    lungo.ma questa e' l'economia keynsiana ;)))fare fare alla gente anche cose inutili, pur di farle lavorare, farle guadagnare e quindi spendere..spero di non ricordare male..ma credo che keynes proponesse come esempio propriolo scavare le buche per riempirle :)ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi spiace dirlo, ma Billy ha ragione!
      - Scritto da: maks

      Creare "posti di lavoro" imponendo
      software a

      pagamento (magari con tangenti) quando e'

      disponibile software free equivalente e'
      come

      pretendere di creare posti di lavoro
      facendo

      scavare buche per poi riempirle. Non dura
      a

      lungo.

      ma questa e' l'economia keynsiana ;)))
      fare fare alla gente anche cose inutili, pur
      di farle lavorare, farle guadagnare e quindi
      spendere..
      spero di non ricordare male..
      ma credo che keynes proponesse come esempio
      proprio
      lo scavare le buche per riempirle :)

      ciaoNon ricordi male. E credo ricorderai che Keynese' considerato oggi uno sfasciacarrozze.La differenza fra Keynes ed i "liberisti" e'che Keynes proponeva i lavori inutili comesostegno alla domanda, mentre i liberistipropongono prevalentemente il sostegno pubblicoall'offerta.
  • Anonimo scrive:
    Linux esperto, windows bucato?
    Mi sono accorto di una cosa e cioè:Parlare male di Windows e bene di Linux fa diventare nel volgere di una frase "Esperti di sisitemi operativi"Io mi occopo di sistemi microsoft, ma ho provato Linux, non credo che uno significhi la morte dell'altro.Mi sbaglio?
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi spiace dirlo, ma Billy ha ragione!

    attingere a mani basse da tutto il patrimonio
    di software che noi chiamiano Unix.
    Non dimentichiamolo.A qunto ne so io si sono riscritti tuttoda capo, forse i concetti alla base pero'e' come usare il Th di pitagora per farei conti geometrici.Piuttosto ricordiamo che a MS fa comodoattingere in maniera scroccona dai BSD.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Federico
    Le grandi aziende, quelle come Ibm e Sun,
    non si basano sui pregiudizi. Un prodotto
    migliore è migliore anche se lo ha fatto un
    nerd svedese. C'è differenza tra la Ibm e il
    negozietto di periferia che potrebbe gestire
    questo deficiente.Mi sa che qui l'unico deficiente è quello che per primo ha usato questa parola.
  • Anonimo scrive:
    Re: leggete e capite

    gli importera' davvero dei posti di lavoro o
    di + del suo portafogli?Per il suo portafogli!
  • Anonimo scrive:
    Re: critiche
    - Scritto da: ciao
    vi
    dice niente che quello che criticate sia
    sempre persone/istituzioni/... di successo?
    A me qualcosa lo dice. Ciao e andate a
    lavorare!Tralasciando il fatto che chi usa linux non deve per forza essere comunista ti vorrei far presente che Stallman, Raymond, Torvalds, Walls... non sono proprio dei senza tetto.
  • Anonimo scrive:
    Re: CULATTONI RACCOMANDATI
    Quelli che ti hanno risposto seriamentesono stato lodevoli ma spero che abbiano solocolto l'occasione per sfogarsi perche'mi sembra evidente che il tuo sia un messaggioironico o comunque una trollata
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Federico
    Un prodotto
    migliore è migliore anche se lo ha fatto un
    nerd svedese. C'è differenza tra la Ibm e il
    negozietto di periferia che potrebbe gestire
    questo (..)Su questo non ci piove!
  • Anonimo scrive:
    Re: D'accordo con Michele AL 100%
    - Scritto da: complimenti
    - Scritto da: TeX

    Premessa: sono di destra e uso Linux...

    SPIEGAMI CHE CAZZO C'ENTRA ....

    La politica purtroppo c'entra sempre, anche
    noi stiamo facendo politica, in questo
    momento... e c'entra a maggior ragione per
    il fatto che LINUX viene spesso associato ai
    centri sociali che ne fanno un vessillo di
    libertà contro il capitalismo di cui
    Microsoft, secondo loro, è la massima
    espressione.Benissimo. Allora uno deve usare un s.o. non perchè lo preferisce, tecnicamente è migliore, risponde meglio alle proprie esigenze, trova più software, ecc. ecc..... NO ! SBAGLIATO !!!! Uno deve usare un s.o. perchè è quello adatto alle proprie idee politiche.....Poi ovviamente bisogna pensare all'auto.. anche quelle possono essere di destra o di sinistra.. Al modo di vestire.. Alla zona dove abiti.. Agli hobby ... Agli sport... Ai generi di libri e di film preferiti...Riguardo agli improperi... beh.. un discorso del cazzo è del cazzo.. c'è poco da chiamarlo diversamente...
    • Anonimo scrive:
      Re: D'accordo con Michele AL 100%
      - Scritto da: TeX

      Benissimo. Allora uno deve usare un s.o. non
      perchè lo preferisce, tecnicamente è
      migliore, risponde meglio alle proprie
      esigenze, trova più software, ecc. ecc.....
      NO ! SBAGLIATO !!!! Uno deve usare un s.o.
      perchè è quello adatto alle proprie idee
      politiche.....Ma è chiaro, Tex: dai butta via quel linux. E rimettiti a lanciare i defrag...
      dove abiti.. Agli hobby ... Agli sport... Ai
      generi di libri e di film preferiti...Ovvio: se vuoi ti prestoil Signore degli Anelli ^__^
      del cazzo è del cazzo.. c'è poco da
      chiamarlo diversamente...Argomentazione fallica?
      • Anonimo scrive:
        Re: D'accordo con Michele AL 100%
        - Scritto da: SiN


        - Scritto da: TeX......

        NO ! SBAGLIATO !!!! Uno deve usare un s.o.

        perchè è quello adatto alle proprie idee

        politiche.....


        Ma è chiaro, Tex: dai butta via quel linux.
        E rimettiti a lanciare i defrag...Il defrag è di destra o di sinistra ?

        dove abiti.. Agli hobby ... Agli sport...
        Ai

        generi di libri e di film preferiti...

        Ovvio: se vuoi ti prestoil Signore degli
        Anelli ^__^La fantasy non mi è mai piaciuta... invece ho sempre letto la fantascienza.. devo preoccuparmi ?
      • Anonimo scrive:
        Re: D'accordo con Michele AL 100%
        - Scritto da: SiN
        Ma è chiaro, Tex: dai butta via quel linux.
        E rimettiti a lanciare i defrag...spero che tu non creda che esistano filesystem perfetti!Ma nemmeno nei mainframe con dischi ad altissime prestazioni e con qualunque OS ti puoi sognare di fregartene di come lasci il tuo fs... almeno in ambito professionale...(anche se poi quelli che se ne fregano di + di solito usano i windows :) !)
  • Anonimo scrive:
    Quel CAPRONE di Bill Gates
    In effetti, a me la GPL da il pane. Sono un contadino? Si, ho a che fare con software che si occupa di terra!http://www3.baylor.edu/grass/La verita' e' che l'individuo occhialuto piu' che esserci ci fa. E ricordatevi che il miglior modo per mentire e mentire per omissione: dire cose vere ma dimenticarne altre altrettando vere, a volte piu' importanti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non c'e' solo la GPL o la BSD
    - Scritto da: goberiko
    Chi scrive software con la GPL di fatto
    regala il codice a Richard M. Stallmann e
    alla FSF, il che puo' non essere il massimoQuesta ti è venuta spontanea o hai dovuto pensarci su ?
    La licenza BSD e' alla base del MacOS X, che
    e' un ottimo sistema Unix benSolo Darwin (il kernel MacOS X) è BSD. Il resto di MacOS X non centra un fico con la BSD...La licenza BSD è alla base di... BSD appunto..
    commercializzato, il che significa che Bill
    Gates da' ragione alla politica della
    Apple... interessante, no?Bill da ragione alla politica di BSD...dal quale evidentemente ha attinto a piene mani...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'e' solo la GPL o la BSD
      - Scritto da: TeX


      - Scritto da: goberiko

      Chi scrive software con la GPL di fatto

      regala il codice a Richard M. Stallmann e

      alla FSF, il che puo' non essere il
      massimo

      Questa ti è venuta spontanea o hai dovuto
      pensarci su ?


      La licenza BSD e' alla base del MacOS X,
      che

      e' un ottimo sistema Unix ben

      Solo Darwin (il kernel MacOS X) è BSD. Il
      resto di MacOS X non centra un fico con la
      BSD...

      La licenza BSD è alla base di... BSD
      appunto..


      commercializzato, il che significa che
      Bill

      Gates da' ragione alla politica della

      Apple... interessante, no?

      Bill da ragione alla politica di BSD...
      dal quale evidentemente ha attinto a piene
      mani...
      Infatti mi sono molto divertito quando è venuto fuori il bug delle Zlib. Tutti i windowsisti dicevano "haha, per una volta siamo noi a gioire". Si? Le Zlib sono usate anche in Windows...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'e' solo la GPL o la BSD
      - Scritto da: TeX
      Bill da ragione alla politica di BSD...
      dal quale evidentemente ha attinto a piene
      mani...Ci fosse mai stato un cane che abbia portato prove per questa affermazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    Buffone tientelo per te.E se conosci dei geni del software disposti a sviluppare del kernel gratis mandameli.E' ora di finirla con questa leggenda metropolitana
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      Certo che li conosco, a cominciare da Alessandro Rubini. Lo sai che ha messo su una sua società e la Suse voleva inglobarla per avere lui?? E lui ne è uscito subito. Vuole guadagnare quello che gli serve ma niente di più per non perdere di vista la passione per il lavoro.Sei un buffone parli per ignoranza e diffondi pregiudizi per minorati.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        Carissimo,non mi offendo per il cretino visto che dai dello scemo anche ai tuoi amici...Quindi tu lo stimi, giusto?Ne sa certo più di te, giusto?E gli dai dello scemo...Ma se sei così bravo perchè non sei al posto suo?Io te l'ho detto (proprio come dare le perle...) poi tu regolati come credi...
        Più che esserMElo chiesto GLIEL'HO chiesto
        essendo amici, gli ho anche dato dello
        scemo...
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        SOTTOSCRIVO IN PIENO QUELLO CHE HA SCRITTO XULIN...ANZI XULIN, LASCIA PERDERE... COME HAI DETTO E' PROPRIO COME DARE LE PERLE AI .....
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: orco
      Buffone tientelo per te.

      E se conosci dei geni del software disposti
      a sviluppare del kernel gratis mandameli.

      E' ora di finirla con questa leggenda
      metropolitana
      Ma chi ha mai detto che si sviluppa Open Source gratuitamente? Alla SuSe i programmatori li pagano. E anche gli sviluppatori del kernel vengono pagati, e pure profumatamente. Perchè ancora questo luogo comune del OpenSource=sviluppo volontario e gratuito?Io personalmente ho sviluppato diverso software (gestionali, utility per la rete) per dei clienti, ed ho sempre consegnato il sorgente. Ma non credere che abbia lavorato gratis.E' molto difficile comprendere che la differenza tra closed e open source sta tutta nella NON SEGRETEZZA del codice e qualsiasi altra illazione su programmatori che lavorano per la gloria è semplicemente una fandonia?Ovviamente, ci sono anche appassionati che producono software senza ritorno economico. Ma qui stiamo parlando di GRANDI PROGETTI. Alla RedHat guadagnano soldi a palate, i programmatori fanno soldi, vengono pagati e bene. Davvero non capisco: è così difficile da comprendere?
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Amon

    Ma quante persone credi siano

    in grado di mettere le mani su un sistema

    operativo?

    Appunto, quindi credi che siano tutti in MS?di certo non sono a sviluppare GRATIS linux
    Il supporto/assistenza di MS è discutibile e
    se veramente ne fai uso, difficilmente
    riesco a credere che ne sei entusiasta.
    non voglio parlare di questo, credi che chi
    offra soluzioni basate su prodotti open
    source non dia assistenza o che la sua
    assistenza sia in qualche modo inferiore a
    quella di MS? Non credi che chi offra
    prodotti open source punti soprattutto
    sull'assistenza post vendita per guadagnare?Vallo a spiegare a chi deve investire...
    L'hai letto su un fumetto? Una barzelletta?
    Una leggenda metropolitana? HP vende server
    e PC col bollino MS, perchè dovrebbe
    contrastare questo suo mercato? HP sviluppa
    HPUX, in certi settori è leader come
    tecnologia, perchè dovrebbe puntare su
    Linux? Per far danno a MS?Spero tu non abbia investito tutti i tuoi risparmi in azioni visto la tua profonda conoscenza del mercato.
    Braccia rubate all'agricoltura..
    Ingegnere in informatica, partner di HP.Complimenti... non sai neanche quello che succede in casa tua...
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: pullme
      di certo non sono a sviluppare GRATIS linuxQuindi sono alla MS a fare un so sicuro. Va bene (..) per te sicurezza è questo?
      Vallo a spiegare a chi deve investire...

      Non sono un consulente finanziario, ma forse non c'è bisogno di esserlo per capire che in questo campo MS è forte. Causette a parte..
      Spero tu non abbia investito tutti i tuoi
      risparmi in azioni visto la tua profonda
      conoscenza del mercato.
      Complimenti... non sai neanche quello che
      succede in casa tua...Con le tue vaste conoscenze di mercato da tafazi, allora spiegaci perchè HP sta acquistando Compaq.Forse perchè Compaq è più forte di HP proprio nel campo dei server MS?Forse perchè Compaq ha team specializzati nell'asistenza MS?Ovviamente non può essere.. HP a tuo dire deve contrastare il mondo MS e allora spiegami questo acquisto.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: Amon
        - Scritto da: pullme

        di certo non sono a sviluppare GRATIS
        linux

        Quindi sono alla MS a fare un so sicuro. Va
        bene (..) per te sicurezza è questo?


        Vallo a spiegare a chi deve investire...

        ragazzino SVEDESE...



        Non sono un consulente finanziario, ma forse
        non c'è bisogno di esserlo per capire che in
        questo campo MS è forte. Causette a parte..


        Spero tu non abbia investito tutti i tuoi

        risparmi in azioni visto la tua profonda

        conoscenza del mercato.

        Complimenti... non sai neanche quello che

        succede in casa tua...

        Con le tue vaste conoscenze di mercato da
        tafazi, allora spiegaci perchè HP sta
        acquistando Compaq.
        Forse perchè Compaq è più forte di HP
        proprio nel campo dei server MS?
        Forse perchè Compaq ha team specializzati
        nell'asistenza MS?
        Ovviamente non può essere.. HP a tuo dire
        deve contrastare il mondo MS e allora
        spiegami questo acquisto.
        Le grandi aziende, quelle come Ibm e Sun, non si basano sui pregiudizi. Un prodotto migliore è migliore anche se lo ha fatto un nerd svedese. C'è differenza tra la Ibm e il negozietto di periferia che potrebbe gestire questo deficiente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non c'e' solo la GPL o la BSD
    - Scritto da: goberiko
    Chi scrive software con la GPL di fatto
    regala il codice a Richard M. Stallmann e
    alla FSF, il che puo' non essere il massimo
    della vita. Su questo Bill Gates ha ragione.In che senso? Se io sviluppo codice sotto GPL lo regalo alla comunità ,cosicchè lei possa migliorarlo. Nello stesso tempo lo proteggo (in modo molto blando...) da eventuali approfittatori.Quindi non lo regalalo a nessuno.Per il resto del post non ho nula da obiettare.saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Radioactive Man
    Toh...pensa che e` la stessa cosa che fanno
    Red Hat, Suse e compagnia bella.Che chiuderanno i battenti entro l'anno...

    HP è una multinazionale al pari di

    Microsoft, non sono ragazzini, e stanno

    appoggiando Linux solo per contrastare il

    mercato di Microsoft... se no a quest'ora

    Torvalds sarebbe a farsi la sauna in casa

    sua, altro che silicon valley

    Certo, come no? E per contrastare MS
    scelgono di appoggiarsi a un OS giocattolo,
    e` ovvio...Infatti non CI HANNO MAI NEPPURE PENSATO - e non lo fanno.

    Ho una laurea di 4 anni in scienze

    dell'informazione (non quella breve) e un

    master in business administration preso in

    california proprio vicino a dove lavora
    ora

    mr.linux.



    e tu?

    Io ho qualche anno di lavoro umile.
    Collaboro con gente che ha 30 anni di
    esperienza e i neolaureati saccenti li
    bastonano un po` prima di farli parlare...ho 40 anni caro e lavoro da quando ne avevo 18, prima di dar fiato alla bocca informati.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...

      ho 40 anni caro e lavoro da quando ne avevo
      18, prima di dar fiato alla bocca informati.io lavoro da quando ne ho 14(in fabbrica,non a grattarmi su una sedia),nessun contratto (in nero) e mi cascava un bancale di carta alto 2 metri e mezzo cazzi miei.Leggendo ho trovato questa bella definizione "L'università è una fabbrica di disoccupati".alza a pennello forse non a te ma di certo a molti altri...In ogni caso io preferisco fidarmi di una azienda con bisogno di direttori di marketting invece di aziende alla disperata ricerca di programmatori non mantenuti
  • Anonimo scrive:
    Re: Linucs...
    - Scritto da: Ender
    ...dove sei finito? Illuminaci tu, e vieni a
    difendere il software libero ovvero free,
    trasmettendoci i sacri insegnamenti del
    maestro Xian.Segrate, la prima a destra, entri dentro la TANA, e chiudiciti dentro.
  • Anonimo scrive:
    Me perche si preoccupa tanto Billy....
    In fondo linux fa schifo, non è buono a niente...su i server fanno paura i mostruosi buchi di sicurezza, sui desktop è lento, non ha applicativi, si impalla sempre con quella fastidiosa ed incomprensibile schermata blu, va aggiornato ogni anno. Secondo voi ha futuro un SO così ? Mah.... secondo me Billy e Ball(mer) dovrebbero salvarsi un po di coronarie andandosene in vacanza ai caraibi col cuore in pace, tanto i loro SO saranno sempre i migliori, non conviene stare a sprecar fiato per dimostrare quanto faccia schifo un SO e delle applicazioni OS(spesso anche con GPL!!!). Certe cose dovrebbero essere lasciate fare ad elettricisti professionali come quelli che lavorano per M$ ebasta.ciaouzDario
  • Anonimo scrive:
    Linucs...
    ...dove sei finito? Illuminaci tu, e vieni a difendere il software libero ovvero free, trasmettendoci i sacri insegnamenti del maestro Xian.
  • Anonimo scrive:
    Non c'e' solo la GPL o la BSD
    Chi scrive software con la GPL di fatto regala il codice a Richard M. Stallmann e alla FSF, il che puo' non essere il massimo della vita. Su questo Bill Gates ha ragione.La licenza BSD e' alla base del MacOS X, che e' un ottimo sistema Unix ben commercializzato, il che significa che Bill Gates da' ragione alla politica della Apple... interessante, no?Eppure, ci sono molte altre licenze interessanti nel mondo dell'open source (che non significa free software), come la Apache o la licenza Mozilla.Non e' vero che non si lavora con il modello open source... si lavora e si crea lavoro in maniera diversa, non si construiscono cattedrali, bensi' bazaar, come insegna Eric Raymond. E che dire di IBM, HP, e linux? E RedHat? Mi pare che con linux ci lavorino, no?Fatevi un giro a leggervi le licenze open source!
  • Anonimo scrive:
    Re: LA FORZA DI LINUX E' LA MUSICA LIBERA DEL SUO CODE
    Eccone un altro dei centri sociali che sta facendo il CEPU
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FORZA DI LINUX E' LA MUSICA LIBERA DEL SUO CODE
      - Scritto da: zap
      Eccone un altro dei centri sociali che sta
      facendo il CEPUHeui BAMBA.Guarda che qui da noi di PARRUCCONI MASTERIZZATI non ce ne sono, quelli sono della vostra banda.Qui ci sono solo cervelli aperti, mica cervelli fatti e fritti come i vostri.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FORZA DI LINUX E' LA MUSICA LIBERA DEL SUO CODE
      - Scritto da: zap
      Eccone un altro dei centri sociali che sta
      facendo il CEPUMa va a càgheer!!! :)
  • Anonimo scrive:
    LA FORZA DI LINUX E' LA MUSICA LIBERA DEL SUO CODE
    Un soffio impercettibile di aria sta diventando un uragano di libertà scritta nelle migliaia di righe suo codice grazie al lavoro umile di mille e più mille appassionati programmatori di ogni razza, di ogni colore, di ogni Nazionalità uniti da una sola passione; la diffusione del sapere e della conoscenza.La radice, il soffio iniziale si chiama Linus Torvald, Finnico, ma cittadino del mondo.E tu DRAGA chi sei? Sei solo un povero miliardario circondato da cortigiani ricchi e da portaborse.Sarà più facile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago che tu entrare nella storia vera del SW.Sarai ricordato solo come un povero ricco miliardario assatanato di grana e DRAGATORE di saccocce.Meglio girare libero con un maggiolino che con un blindato come te.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Amon
    - Scritto da: giacomo re
    Potresti motivarmi come un sistema
    proprietario possa essere a priori migliore
    di uno sviluppato open source?Windows è costato migliaia di anni uomo da parte di un numero di svuluppatori molto maggiori di quelli impegnati su Linux (nonostante quello che si pensa generalmente). Ma quante persone credi siano in grado di mettere le mani su un sistema operativo?

    La qualità si paga, da sempre e in ogni

    campo.

    Quindi se paghi è qualitativo, altrimenti
    una ciofeca, complimenti! Che perle di
    saggezza!Microsoft mi da assistenza e supporto, un'azienda seria non può fare a meno di questo e affidarsi a un software non supportato.I ragazzini della Hewlett-Packard
    costruiscono un supercomputer da 1400
    processori IA64 e utilizzeranno Linux come
    sistema operativo.
    Non hanno i soldi per comprare il Win2000?HP è una multinazionale al pari di Microsoft, non sono ragazzini, e stanno appoggiando Linux solo per contrastare il mercato di Microsoft... se no a quest'ora Torvalds sarebbe a farsi la sauna in casa sua, altro che silicon valley
    Scusami ma le tue conoscenze informatiche
    sono pressochè nulle, grazie cmq per averci
    dato la tua opinione ;-)Ho una laurea di 4 anni in scienze dell'informazione (non quella breve) e un master in business administration preso in california proprio vicino a dove lavora ora mr.linux.e tu?
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: Nefertari
      Microsoft mi da assistenza e supporto,
      un'azienda seria non può fare a meno di
      questo e affidarsi a un software non
      supportato.Toh...pensa che e` la stessa cosa che fanno Red Hat, Suse e compagnia bella. E, by the way, un azienda seria di solito non usa MS, se non come SO workstation.
      HP è una multinazionale al pari di
      Microsoft, non sono ragazzini, e stanno
      appoggiando Linux solo per contrastare il
      mercato di Microsoft... se no a quest'ora
      Torvalds sarebbe a farsi la sauna in casa
      sua, altro che silicon valleyCerto, come no? E per contrastare MS scelgono di appoggiarsi a un OS giocattolo, e` ovvio...
      Ho una laurea di 4 anni in scienze
      dell'informazione (non quella breve) e un
      master in business administration preso in
      california proprio vicino a dove lavora ora
      mr.linux.

      e tu?Io ho qualche anno di lavoro umile. Collaboro con gente che ha 30 anni di esperienza e i neolaureati saccenti li bastonano un po` prima di farli parlare...
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...

      Windows è costato migliaia di anni uomo da
      parte di un numero di svuluppatori molto
      maggiori di quelli impegnati su Linux
      (nonostante quello che si pensa
      generalmente).Questo è marketing di MS, cmq quanti anni uomo calcoli nello sviluppo dei progetti open source?
      Ma quante persone credi siano
      in grado di mettere le mani su un sistema
      operativo?Appunto, quindi credi che siano tutti in MS?
      Microsoft mi da assistenza e supporto,
      un'azienda seria non può fare a meno di
      questo e affidarsi a un software non
      supportato.Il supporto/assistenza di MS è discutibile e se veramente ne fai uso, difficilmente riesco a credere che ne sei entusiasta. Ma non voglio parlare di questo, credi che chi offra soluzioni basate su prodotti open source non dia assistenza o che la sua assistenza sia in qualche modo inferiore a quella di MS? Non credi che chi offra prodotti open source punti soprattutto sull'assistenza post vendita per guadagnare?
      HP è una multinazionale al pari di
      Microsoft, non sono ragazzini, e stanno
      appoggiando Linux solo per contrastare il
      mercato di Microsoft...L'hai letto su un fumetto? Una barzelletta? Una leggenda metropolitana? HP vende server e PC col bollino MS, perchè dovrebbe contrastare questo suo mercato? HP sviluppa HPUX, in certi settori è leader come tecnologia, perchè dovrebbe puntare su Linux? Per far danno a MS?
      Ho una laurea di 4 anni in scienze
      dell'informazione (non quella breve) e un
      master in business administration preso in
      california proprio vicino a dove lavora ora
      mr.linux.Braccia rubate all'agricoltura..
      e tu?Ingegnere in informatica, partner di HP.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...


      Ho una laurea di 4 anni in scienze
      dell'informazione (non quella breve) e un
      master in business administration preso in
      california proprio vicino a dove lavora ora
      mr.linux.mah, io ho un diploma da muratore e anche un certificato di specializzazione in scale a chiocciola preso proprio vicino ad un grosso allevamento di lumache. Dici che basta per spacciare analisi di mercato senza suffragarle da un minimo di documentazione o occorre proprio una laurea "lunga"?
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        Caro muratore,Lo dico per te che non sei del settore:le analisi di mercato, quelle vere, si pagano, sono difficilmente interpretabili, e non le pubblica certo ZdNet.Merrill Lynch ti dice niente?--------------------------------------------------------------------------------- Scritto da: ....
        mah, io ho un diploma da muratore e anche un
        certificato di specializzazione in scale a
        chiocciola preso proprio vicino ad un grosso
        allevamento di lumache.
        Dici che basta per spacciare analisi di
        mercato senza suffragarle da un minimo di
        documentazione o occorre proprio una laurea
        "lunga"?
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Radioactive Man
    E` il contrario: il codice open source
    garantisce piu` sicurezza proprio perche`
    chiunque puo` trovare le vulnerabilita` e
    segnalarle.Dopo averle sfruttate a suo vantaggio.Prima di prosciugo il conto in banca, poi lo segnalo.
    In un sistema proprietario i buchi si
    scoprono solo quando qualcuno ci si
    infila...Perchè chi scopre i bachi di Linux è Robin Hood e regala subito la notizia? Illuso.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      Sta di fatto che c'e` gente che spulcia il codice del kernel per migliorarlo e rafforzarlo. E che lo facciano con malizia e` solo una tua supposizione, peraltro gratuita e senza la minima dimostrazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: Radioactive Man
        Sta di fatto che c'e` gente che spulcia il
        codice del kernel per migliorarlo e
        rafforzarlo.Tutti filantropi, eh? E poi lo fanno gratis, come no?Chi ha le capacità per metter mano a un sistema operativo non perde il suo tempo con linux (e generalmente non lavora in italia :-)
        E che lo facciano con malizia
        e` solo una tua supposizione, peraltro
        gratuita e senza la minima dimostrazione.Credi pure alla befana, e che un software free sia migliore di quello sviluppato con milioni di dollari di investimento.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Linux...
          - Scritto da: xulin
          - Scritto da: Radioactive Man

          Sta di fatto che c'e` gente che spulcia il

          codice del kernel per migliorarlo e

          rafforzarlo.

          Tutti filantropi, eh? E poi lo fanno gratis,
          come no?
          Chi ha le capacità per metter mano a un
          sistema operativo non perde il suo tempo con
          linux (e generalmente non lavora in italia
          :-)


          E che lo facciano con malizia

          e` solo una tua supposizione, peraltro

          gratuita e senza la minima dimostrazione.

          Credi pure alla befana, e che un software
          free sia migliore di quello sviluppato con
          milioni di dollari di investimento.In due parole (non ho voglia di dilungarmi con i vostri luoghi comuni di merda...). I dollari servono per motivare il personale, niente di più e niente di meno. Motivarlo a fare le cose come vuole l'azienda, il che non è per niente stimolante. Inoltre sanno che anche se lavorano male e lentamente il loro stipendio non cambia. Perciò i dollari di M$ non servono a molto. A ciò unisci strategie di mercato in cui la qualità del prodotto è lasciata per ultima. Ora le cose stanno cambiando, ma è troppo tardi. Dovrebbero riscrivere daccapo il codice di tutti i loro prodotti, e non c'è tempo, devono star dietro alle novità.L'open source ti motiva in altri modi. Ti fa spingere fino al limite delle tue capacità, ti fa confrontare con chi è più bravo di te, ti fa scoprire nuove tecniche. E' tutto quello che vuole un hacker. E così ti spinge a lavorare al meglio.Ma forse tu credi che Ibm sia un ente di beneficienza e che usi Linux per questioni morali. Meno male che noi crediamo alle favole... buffone disinformato, chiedi invece di sparare stronzate.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Linux...
          - Scritto da: xulin
          Credi pure alla befana, e che un software
          free sia migliore di quello sviluppato con
          milioni di dollari di investimento.Lo credo per un semplice motivo: io lavoro per una multinazionale che sviluppa un'applicazione closed-source su cui ha investito milioni di dollari. E lo sai come ragionano i project manager? Dicono: "I bug ci sono e pure grossi, speriamo che nessuno se ne accorga. Eventualmente suggeriamo dei workaround ai clienti. Il bugfixing costa e non rende, allocare risorse per lo sviluppo di nuove funzionalità rende MOLTO di più, il bugfixing è essenzialmente uno spreco."Liberi di non crederci, a me non torna indietro nulla. Ma se preferite pensare che chi sviluppa software closed-source lo faccia per dare il prodotto migliore possibile...beh, forse gli illusi siete voi.Tanto x puntualizzare, di tutti i milioni di $ investiti, solo una minima parte va alla manutenzione del prodotto: la maggior parte finisce in marketing.Chissenefrega della befana, io credo a quello che vedo.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Linux...
          - Scritto da: xulin
          Credi pure alla befana, e che un software
          free sia migliore di quello sviluppato con
          milioni di dollari di investimento.Hai ragione, suona strano. Ma quando vedo il capoccia dell'azienda da milioni di dollari, nonche' uomo piu' ricco del mondo, fare il pagliaccio in pubblico pur di gettare merda su detto software comincio veramente a crederci.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Windows...
    - Scritto da: SoSe
    Allora perche' abbondano i siti basati su
    Windows craccati o violati? Perchè quelli che girano su linux si contano sulle dita di una mano
    I ragazzini se lo bevono WindowsFiguriamoci un prodotto dilettantesco come Linux.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Windows...
      - Scritto da: Seso
      - Scritto da: SoSe

      Allora perche' abbondano i siti basati su

      Windows craccati o violati?

      Perchè quelli che girano su linux si contano
      sulle dita di una mano


      I ragazzini se lo bevono Windows

      Figuriamoci un prodotto dilettantesco come
      Linux.anche tu ci capisci poco di queste cose vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!
      Le tue percentuali si riferiscono alla totalità dei siti. I siti con contenuto "sensibile" cioè riservato e classificato ad alto rischio che girano su Linux sono pressochè nulli.
      dopo la tua maldestra analisi, TUTTI sanno
      quanto vale questa tua ultima opinione da
      "esperto".
      Del resto a QUESTE persone non interessa che
      IBM (international BUSINESS machines) abbia
      adottato LINUX su vastissima scala.
      E i frutti si vedono:IBM ha preinstallato per breve tempo Linux più che altro per un'operazione di marketing, tesa più che altro a fare scendere le azioni Microsoft... anche per via di un mancato accordo commerciale con la medesima.
      (ZDNet) - Anche nel settore bancario Linux
      si sta espandendo rapidamente.L'articolo fa riferimento a quote che corrispondono allo 0.001% dell'installato Windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!
        - Scritto da: iman
        Le tue percentuali si riferiscono alla
        totalità dei siti. I siti con contenuto
        "sensibile" cioè riservato e classificato ad
        alto rischio che girano su Linux sono
        pressochè nulli.Ah...perche` girano forse sotto Win???Se e` cosi vado a ritirare i soldi dalla banca e li metto sotto al materasso! E` piu` sicuro!
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!

          Ah...perche` girano forse sotto Win???
          Se e` cosi vado a ritirare i soldi dalla
          banca e li metto sotto al materasso! E` piu`
          sicuro!Mi spiace darti questa notizia ma le cose stanno così.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!

            Mi spiace darti questa notizia ma le cose
            stanno così.siamo nel liquame più profondo e tanfoso
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!
        - Scritto da: iman
        Le tue percentuali si riferiscono alla
        totalità dei siti. I siti con contenuto
        "sensibile" cioè riservato e classificato ad
        alto rischio che girano su Linux sono
        pressochè nulli.se lo documenti sei credibile, altrimenti la tua è una BALLA come quell'altra

        dopo la tua maldestra analisi, TUTTI sanno

        quanto vale questa tua ultima opinione da

        "esperto".

        Del resto a QUESTE persone non interessa
        che

        IBM (international BUSINESS machines)
        abbia

        adottato LINUX su vastissima scala.

        E i frutti si vedono:

        IBM ha preinstallato per breve tempo Linux
        più che altro per un'operazione di
        marketing, didcono tutti così...
        tesa più che altro a fare
        scendere le azioni Microsoft... e questo è il modo migliore, bravo!il migliore in trading-on-line!
        anche per
        via di un mancato accordo commerciale con la
        medesima.tue analisi, anche molto discutibili. Nel frattempo il supporto IBM a linux continuawww.ibm.com/linux

        (ZDNet) - Anche nel settore bancario Linux

        si sta espandendo rapidamente.

        L'articolo fa riferimento a quote che
        corrispondono allo 0.001% dell'installato
        Windows.non dài riferimenti, e non lo puoi fare
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Windows... sono i win-maniac!
        - Scritto da: iman
        L'articolo fa riferimento a quote che
        corrispondono allo 0.001% dell'installato
        Windows.ma la diffuzione di LIUNUX nelle banche non è di queste dimensioni: per i server web il servizio è del 12%
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Windows...
      - Scritto da: Seso
      - Scritto da: SoSe

      Allora perche' abbondano i siti basati su

      Windows craccati o violati?

      Perchè quelli che girano su linux si contano
      sulle dita di una manocoooooooooooooooooooooooosa???

      I ragazzini se lo bevono Windows

      Figuriamoci un prodotto dilettantesco come
      Linux.se linux è dilettantesco, Windows è scritto in GWBasic.(ok, non è detto che non lo sia! scusate!)ciaogodz
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    Illuso... i militari si guardano bene da usare linux, usano sistemi proprietari hardwareMe lo vedo un sottomarino nucleare con i CD della debian...- Scritto da: Dead Kennedys
    consiglio per le vacanze: una bella gita su
    un sottomarino della US Navy..... installaci
    anche NT..... lo hanno già provato,
    tranquillo!
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      sì, in effetti non si possono permettere vulnerabilità nè sorgenti aperticomunque nt l'hanno installato davvero; ecco i risultati:http://slashdot.org/articles/980721/1049204.shtmlhttp://www.vcnet.com/bms/departments/nt/bugs.shtmlnon PENSO abbiano installato xp
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    - Scritto da: Amon

    Potresti motivarmi come un sistema
    proprietario possa essere a priori migliore
    di uno sviluppato open source?No, non può
    Cmq il prezzo non c'entra nulla con l'open
    source, lo sanno anche le lontre che open
    source non è sinonimo di gratuito."lo sanno anche le lontre"Bellissimo!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Un post che grida vendetta
    Anche io ho postato su zdnet in risposta a Massimo Baldini per confutare le sue discutibili affermazioni, ma la mia impressione su quel forum e' che viene moderato per far passare solo i post pro-Gate$, sempre che anche le opinioni del forum non siano dei redazionali.Il brutto e' che cosi' si fa disinformazione. Un utente non troppo smaliziato (la maggioranza) potrebbe davvero pensare che la soluzione Microzozz per la P.A. italiana e' l'unico modo per stare all'avanguardia (quando guarda caso la germania e altri paesi stanno passando a linux e all'opensource). Leggendo l'opinione di M.Baldini uno che non ne sa molto puo' anche avere l'impressione che si tratta dell'opinione di uno del settore che la sa lunga dall'alto della sua esperienza.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    Si, infatti linux viene bucato ogni giorno da virus di tutti i tipi!Altro che i sistemi operativi Windows!
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      Succede meno solo perchè Linux non è diffuso come Windows
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: sasa
        Succede meno solo perchè Linux non è diffuso
        come Windows eccone un altro del CEPU
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: sasa
        Succede meno solo perchè Linux non è diffuso
        come WindowsPuò darsi, ma questo non giustifica l'enorme bucabilità di windows: dovrebbero esserci almeno la metà degli attacchi riuscit, e lo dimostro:http://www.netcraft.com/survey/index-200106.htmlOS group Percentage Composition Windows 49.2% (Windows 2000, NT4, NT3, Windows 95, Windows 98)Linux 28.5% Linux il rapporto rimane quasi 1 a 2.invece non ci risulta che LINUX sia craccato metà di windowsLa tua è una balla
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Linux...

          invece non ci risulta che LINUX sia craccato
          metà di windowse ti risulta male...
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza di Linux...
            - Scritto da: zas

            invece non ci risulta che LINUX sia
            craccato

            metà di windows

            e ti risulta male...non finchè non ci fornirai le tue stime.nel frattempo le tue sono BALLE come quelle che hanno generato il mio commento
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: sasa
        Succede meno solo perchè Linux non è diffuso
        come WindowsA si... e se fosse perche il codice essendo aperto puo essere studiato da tutti e quindi è soggetto a meno errori???
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza di Linux...
        - Scritto da: sasa
        Succede meno solo perchè Linux non è diffuso
        come Windowsanche a livello server? eppure il Nimda bucava Win2000 server che era una bellezza... come mai non nehanno fatto una versione per Linux, Solaris, HP-UX e OpenBSD?
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza di Linux...
          Perchè tutti si concentrano sulla serie AA chi importa bucare le serie minori?
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza di Linux...
            - Scritto da: zza
            Perchè tutti si concentrano sulla serie A
            A chi importa bucare le serie minori?E quale sarebbe la serie A ?
  • Anonimo scrive:
    Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
    - Scritto da: z2
    1)GNU/Linux al contrario di quanto affermi
    e'considerata una soluzione validissima per
    impieghi professionali, di esempi ce ne sono
    quanti ne vuoi: Amazon, il miliarduzzo di
    dollari che ci ha investito ibm, ecc..caso ibm solo fumo negli occhi, per altri usi ti posso garantire che per gestire un mail list si si puo usare anche mysql ma quando si tratta di gestire transazioni bancarie ed altro di un qualche interesse amico mio trovi os390 or oracle ecc.. (volutamente non icludo MS perchè in ambito professionale già sql server e considerato alla stregua di un access figuriamoci mysql, interbase, ecc...)
    2)scusa ma l'hai mai letta la licenza con
    cui viene distribuito windows?? Sai che
    garanzie offre la MS? zero, nulla , nessuna,
    se perdi dati o subisci danni sono affari
    tuoi, e' inoltre sconsigliato per sistemi
    mission critical, vedi tu...e qui si vede che non capisci niente e parli tanto per parlare, se la omnitel che usa i claster winnt asp mts ecc.. trova un problema dopo 10 minuti hanno già la soluzione e direttamente da mamma MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
      - Scritto da: microtost
      e qui si vede che non capisci niente e parli
      tanto per parlare, se la omnitel che usa i
      claster winnt asp mts ecc.. trova un
      problema dopo 10 minuti hanno già la
      soluzione e direttamente da mamma MS.hum, gli altri non capiscono nulla e parlano tanto per parlare eh? e tu manco sai come si scrive "cluster" ... ma fammi il piacere....
    • Anonimo scrive:
      Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
      ahahaha e per portare acqua al tuo mulino fai proprio l'esempio del 'clastering'? Proprio uno dei punti non deboli ma debolissimi di MS; credo che tutti abbiano capito chi parla tanto per parlare ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
      - Scritto da: microtost


      - Scritto da: z2

      1)GNU/Linux al contrario di quanto affermi

      e'considerata una soluzione validissima
      per

      impieghi professionali, di esempi ce ne
      sono

      quanti ne vuoi: Amazon, il miliarduzzo di

      dollari che ci ha investito ibm, ecc..

      caso ibm solo fumo negli occhi, per altri
      usi ti posso garantire che per gestire un
      mail list si si puo usare anche mysql ma
      quando si tratta di gestire transazioni
      bancarie ed altro di un qualche interesse
      amico mio trovi os390 or oracle ecc..
      (volutamente non icludo MS perchè in ambito
      professionale già sql server e considerato
      alla stregua di un access figuriamoci mysql,
      interbase, ecc...)ma lo sai almeno cosa sono mysql e postgresql? vorresti usarli per gestire una mailing list? e di quanti miliardi di entries è costituita questa mailing list per doverla gestire con mysql?


      2)scusa ma l'hai mai letta la licenza con

      cui viene distribuito windows?? Sai che

      garanzie offre la MS? zero, nulla ,
      nessuna,

      se perdi dati o subisci danni sono affari

      tuoi, e' inoltre sconsigliato per sistemi

      mission critical, vedi tu...

      e qui si vede che non capisci niente e parli
      tanto per parlare, se la omnitel che usa i
      claster winnt asp mts ecc.. trova un
      problema dopo 10 minuti hanno già la
      soluzione e direttamente da mamma MS.stai scherzando, spero! UN CLUSTER WinNT! questa ancora dovevo sentirla! incredibile amici, il cucujanji!!ma tu lo sai cos'è un cluster? sai cosa vuol dire "mission critical"? scommetto che ami molto vedere lo schermino blu durante una reazione a catena... tanto poi il manager può sempre dare la colpa a microsoft!ciaogodz
      • Anonimo scrive:
        Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
        cosa dire ad una persona che usa come nick quello di un animale con un cervello grosso come una noceniente solo una parola win2000 datacenter.se sei capace di navigare cerca e vedrai cosa offre rispetto al clustering a carbonella di linux10 minuti di funzionamento 1000 ore di manettamenti
        • Anonimo scrive:
          Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
          evidentemente non sai quello che dici. mi dispiace per te.cmq potresti evitare di essere offensivo e cercare di dare risposte un po' più serie, sai?ciaogodz
          • Anonimo scrive:
            Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
            - Scritto da: godzilla
            evidentemente non sai quello che dici. mi
            dispiace per te.
            cmq potresti evitare di essere offensivo e
            cercare di dare risposte un po' più serie,
            sai?

            ciao
            godzvisto che non sai navigare spero almeno che conosci l'inglese quindi leggi e impara altrimenti ti estingui come il tuo nick:Windows 2000 Datacenter Server is designed for enterprises that demand the highest levels of availability and scalability. It is the right operating system for running mission-critical databases, enterprise resource planning software, and high-volume real-time transaction processing.Microsoft® Windows® 2000 Datacenter Server is the most powerful and functional server operating system ever offered by Microsoft. It supports up to 32-way symmetric multiprocessing (SMP) and up to 32 gigabytes (GB) of physical memory. It provides both 4-node clustering and load (per chi affermava niente clustering)balancing services as standard features. It also provides the rich Internet and network operating system (NOS) services of all the versions of Windows 2000 Server. It is optimized for large data warehouses, econometric analysis, large-scale simulations in science and engineering, online transaction processing (OLTP), and server consolidation.Windows® 2000 Datacenter Server is designed for enterprises that need very reliable high-end drivers and software. Datacenter Server was developed to work optimally in high-traffic computer networks. The white paper available here describes the features that, along with the standard Windows 2000 Server components, make up the Windows 2000 Datacenter Server operating system. These include Physical Address Extension (PAE) to extend physical memory substantially; Winsock Direct to facilitate high-speed communications in a system area network (SAN); and the Process Control tool, a new job object ecc....
  • Anonimo scrive:
    Re: E intanto M$ si lamenta
    - Scritto da: zop
    ringhiate ed abbaiate pure servi dello
    stallato e di quegli altri sfigati falliti
    della FSF ... ma intanto Microsoft non ha
    mai avuto un periodo più roseo di questo:Benissimo e allora che la smetta anche lui di righiare e lamentarsi e ci lasci tutti un po' in pace.
  • Anonimo scrive:
    Re: La debolezza di Linux...
    La DEBOLEZZA di Linux è proprio la sua FORZA.- Scritto da: giacomo re
    Linux è debole proprio perchè è open source,
    e tutti ci possono mettere le mani e
    sfruttarne al meglio le debolezze...

    Un sistema proprietario come windows offrirà
    sempre maggiori garanzie di security, se
    vogliamo fare le cose seriamente.

    La qualità si paga, da sempre e in ogni
    campo.

    Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
    linux, ben vengano! Molti di loro del resto
    non hanno i soldi per acquistare un sistema
    operativo.Sei un PARRUCCONE fuori strada.
  • Anonimo scrive:
    La debolezza di Linux...
    Linux è debole proprio perchè è open source, e tutti ci possono mettere le mani e sfruttarne al meglio le debolezze...Un sistema proprietario come windows offrirà sempre maggiori garanzie di security, se vogliamo fare le cose seriamente.La qualità si paga, da sempre e in ogni campo.Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con linux, ben vengano! Molti di loro del resto non hanno i soldi per acquistare un sistema operativo.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      la demenza continua......- Scritto da: giacomo re
      Linux è debole proprio perchè è open source,
      e tutti ci possono mettere le mani e
      sfruttarne al meglio le debolezze...
      certo, e tutti i bug di m$ esistenti ma non ancora pubblici?! "occhio non vede cuore non duole"? certo, con linux i bugz sono pubblici, ma gli aggiornamenti sono quasi frenetici
      Un sistema proprietario come windows offrirà
      sempre maggiori garanzie di security, se
      vogliamo fare le cose seriamente.per curiosità: ma sei riuscito a scriverlo senza ridere!?

      La qualità si paga, da sempre e in ogni
      campo.
      e infatti... outlook ed exploder sono aggratis, quindi sprizzano qualità da tutti i pori.... proprio così.
      Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
      linux, ben vengano! Molti di loro del resto
      non hanno i soldi per acquistare un sistema
      operativo.peccato che sull'SO dei villici girino i più importanti server mondiali. ti dò un consiglio per le vacanze: una bella gita su un sottomarino della US Navy..... installaci anche NT..... lo hanno già provato, tranquillo!
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Windows...
      - Scritto da: giacomo re
      Un sistema proprietario come windows offrirà
      sempre maggiori garanzie di security, se
      vogliamo fare le cose seriamente.Allora perche' abbondano i siti basati su Windows craccati o violati?
      Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
      linux, ben vengano! Molti di loro del resto
      non hanno i soldi per acquistare un sistema
      operativo.I ragazzini se lo bevono Windows
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: giacomo re
      Linux è debole proprio perchè è open source,
      e tutti ci possono mettere le mani e
      sfruttarne al meglio le debolezze...

      Un sistema proprietario come windows offrirà
      sempre maggiori garanzie di security, se
      vogliamo fare le cose seriamente.E` il contrario: il codice open source garantisce piu` sicurezza proprio perche` chiunque puo` trovare le vulnerabilita` e segnalarle.In un sistema proprietario i buchi si scoprono solo quando qualcuno ci si infila...Un esempio: io lavoro in un'azienda che sviluppa una grossa applicazione, codice proprietario closed. Beh, sai quanti bugs potenzialmente pericolosi contiene la nostra applicazione? Centinaia... e siamo perfettamente a conoscenza del 70% di essi. Pensi che l'azienda perda tempo a sistemarli oppure preferisca sperare che i clienti non se ne accorgano, oppure al massimo limitarsi a suggerire un workaround? Il bugfixing costa in termini di risorse e non rende, impiegare gli sviluppatori per nuove golose features, ha un ritorno economico molto piu` rapido.Ecco perche` un azienda non sempre ha interesse a correggere i bachi.
      La qualità si paga, da sempre e in ogni
      campo.

      Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
      linux, ben vengano! Molti di loro del resto
      non hanno i soldi per acquistare un sistema
      operativo.Ecco la solita provocazione buttata li tanto per dare aria alla bocca...
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: giacomo re
      Un sistema proprietario come windows offrirà
      sempre maggiori garanzie di security, se
      vogliamo fare le cose seriamente.Potresti motivarmi come un sistema proprietario possa essere a priori migliore di uno sviluppato open source?
      La qualità si paga, da sempre e in ogni
      campo.Quindi se paghi è qualitativo, altrimenti una ciofeca, complimenti! Che perle di saggezza!Cmq il prezzo non c'entra nulla con l'open source, lo sanno anche le lontre che open source non è sinonimo di gratuito.
      Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
      linux, ben vengano! Molti di loro del resto
      non hanno i soldi per acquistare un sistema
      operativo.I ragazzini della Hewlett-Packard costruiscono un supercomputer da 1400 processori IA64 e utilizzeranno Linux come sistema operativo.Non hanno i soldi per comprare il Win2000?Scusami ma le tue conoscenze informatiche sono pressochè nulle, grazie cmq per averci dato la tua opinione ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza di Linux...
      - Scritto da: giacomo re
      Linux è debole proprio perchè è open source,
      e tutti ci possono mettere le mani e
      sfruttarne al meglio le debolezze...

      Un sistema proprietario come windows offrirà
      sempre maggiori garanzie di security, se
      vogliamo fare le cose seriamente.

      La qualità si paga, da sempre e in ogni
      campo.

      Se poi i ragazzini vogliono divertirsi con
      linux, ben vengano! Molti di loro del resto
      non hanno i soldi per acquistare un sistema
      operativo.TTTTTTT RRRRRR OOOOO OOOOO L ! T R R O O O O L ! T RRRRR O O O O L ! T R R O O O O L T R R OOOOO OOOOO LLLL !
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè non lavorate VOI gratis?
    - Scritto da: Radioactive Man

    Eppure la tendenza di Linux e` proprio
    quella di diventare user-friendly...Beh, oddio... un minimo lo deve diventare, ovvio... là fuori c'è veramente una massa di TONTI (scusate, ma io li chiamo come meritano) che pretendono di usare un PC come si soffiano il naso, e che alla prima cazzata che combinano (comprensibilissima per carità... chi non sbaglia a sto mondo?) incolpano il mondo intero.Infatti sono molto curioso di vedere come reagirà il sistema quando verrà pesantemente a contatto con costoro.Chi vivrà vedrà.Zeross
  • Anonimo scrive:
    Re: CULATTONI RACCOMANDATI
    - Scritto da: sborone

    Sviluppare per l'opensource: schifo. Io
    faccio pagare sonoramente le mie righe di
    codice Visual Basic e se il mio cliente si
    lamenta per un baco faccio pagare
    l'intervento e do la colpa a Windows: voi
    linuxiani non potete. Se si inchioda un
    programma e' colpa vostra non del sistema
    operativo: e chi vi tutela? Nessuno.Ci tutela la nostra professionalità. Ecco perché il sw sotto Linux è generalmente più stabile
    Noi sviluppatori Windows sappiamo sempre a
    chi dare la colpa e voi? Non non c'e' un
    capro espiatorio.Non serve se hai imparato ad assumerti le tue responsabilità.Non so se ti rendi conto del fatto che, implicitamente, stai ammettendo di essere un cane come svilppatore e un vigliacco come imprenditore. Sono quelli come te che hanno sottratto tanti muscoli all'agricoltura, non gli sviluppatori dell' Open Source. Potresti anche tu tornare sulla retta via e fornire a Michele Coppo gli ortaggi di cui necessita la sua arte culinaria....
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    penso che dire che non capisci un cazzo sia riduttivo.
  • Anonimo scrive:
    Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE

    2)scusa ma l'hai mai letta la licenza con
    cui viene distribuito windows?? Sai che
    garanzie offre la MS? zero, nulla , nessuna,
    se perdi dati o subisci danni sono affari
    tuoi, e' inoltre sconsigliato per sistemi
    mission critical, vedi tu...si pero la colpa la si scarica adosso...;-)gente i-rresponsabile (nel senso che non si assume responsabilita);-)
  • Anonimo scrive:
    Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
    - Scritto da: z2
    1)GNU/Linux al contrario di quanto affermi
    e'considerata una soluzione validissima per
    impieghi professionali, di esempi ce ne sono
    quanti ne vuoi: Amazon, il miliarduzzo di
    dollari che ci ha investito ibm, ecc..
    2)scusa ma l'hai mai letta la licenza con
    cui viene distribuito windows?? Sai che
    garanzie offre la MS? zero, nulla , nessuna,
    se perdi dati o subisci danni sono affari
    tuoi, e' inoltre sconsigliato per sistemi
    mission critical, vedi tu...Abile & Arruolato.Alien.
  • Anonimo scrive:
    Re: MA E Gia COSI PERCHè VI LAMENTATE
    1)GNU/Linux al contrario di quanto affermi e'considerata una soluzione validissima per impieghi professionali, di esempi ce ne sono quanti ne vuoi: Amazon, il miliarduzzo di dollari che ci ha investito ibm, ecc..2)scusa ma l'hai mai letta la licenza con cui viene distribuito windows?? Sai che garanzie offre la MS? zero, nulla , nessuna, se perdi dati o subisci danni sono affari tuoi, e' inoltre sconsigliato per sistemi mission critical, vedi tu...
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
    - Scritto da: Bianco
    se voglio
    posso fornirlo a un ipotetico cliente
    facendomi pagare il servizio tecnico. e tu che vendi hardware sei in grado di dare assistenza tecnica su un software scritto da altri? auguri ai tuoi clienti...
    secondo non me ne frega nulla se poi
    quancuno in australia riprende il mio
    programma e lo rivende la tanto non e'
    marcato mio e non ci sarei arrivato cmq a
    vendere la, quindi meglio per lui...e perchè non saresti mai arrivato a vendere là? con internet? un software? mi sa che hai una mentalità un po' ristretta...
    Punto terzo molto probabilmente se questo
    programma e' appetibile molto probabilmente
    lo andro' a ripescare migliorato e
    sviluppato senza aver speso energie per
    farlo... Chi lo ha sviluppato ha giovato
    delle mia fondamenta, e io giovo su chi me
    lo ha sviluppato. tutti ci guadagnano,
    nessuno ci perde... hai semplicemente rovinato il mercato al programmatore che ti ha fatto la release 1.0, che ovviamente conscio di questo te la avrà fatta pagare dieci volte il dovuto, se hai voluto i sorgenti.E' lo stesso
    ragionamento fatto da IBM e vari... ma stai scherzando? IBM sposa open source per contrastara Microsoft, vai a chiedere a ORACLE di fare del sul DB un open source...
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
      Prima di tutto chi ma fa il programma e' anche un mio gande amico ma questo non centra, il prezzo di posso garantire e' inferiore a quello che fanno softare chiusi.. seconda cosa sviluppando con KDE Velop e compilando con GCC si e' obbligati a rendere poi il tutto GPL, anche se con compilatori diversi non lo si e'... Punto terzo l' assistenza la fa lo sviluppatore o cmq io sono istruito per dare assienza su questo programma, punto quarto non me en frega di guadagnare con la vendita del programma che di fatto e' gratis ma con l' assistenza che e' cmq piu' renumerativa, anche se non capitara' molto spesso di fare assistenza cmq ci si lega a un cliente anche dal punto di vista dell' hardware e di possibili futuri software, punto 4 se vendessi il mio programma in internet come programma close per piccolo che sono lo comprerebbero 4 gatti e di certo guadagnarei molto meno di quello che guadagno invece a ritrovare sul sito devo ho riposto il mio progetto il mio programma dove hanno lavorato magari decine di persone con la mia stessa mentalita',, programma che posso riprendere e fornire come ad esempio aggiornamento... IBM non spinge linux per contrastare M$ .. se spinge linux e' perche' gli conviene infatti da quando mette sui i suoi server Linux i suoi introiti sono cresciuti dell' 800% e se non ci credi va a vedere i dati sul sito ibm, notizie per altro era apparsa pure qua su PI ... regaz 800% non e' elemosina ! Altro che la frase "con linux non si guadagna" 800% !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
        - Scritto da: Bianco
        IBM non spinge linux per
        contrastare M$ ..hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaquesta è la migliore dell'anno!
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
          Allora dato che siete cosi intelligentoni e linux cosi' sconveniente perche' allora IBM anziche' spingere tanto Linux per contrastare M$ non spinge invece il suo AIX ? e ? dai spiegamelo !
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
      - Scritto da: ma pensa te...

      hai semplicemente rovinato il mercato al
      programmatore che ti ha fatto la release
      1.0, che ovviamente conscio di questo te la
      avrà fatta pagare dieci volte il dovuto, se
      hai voluto i sorgenti.Il programmatore non gli avrebbe comunque venduto la licenza (ma la proprieta` del programma).
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    - Scritto da: zop
    io ho il mio windows XP Home ORIGINALE (l'ho
    trovato installato sul mio nuovo PC)!!!sei un privilegiato, allora
    Semmai il pirata sei tu, che ti installi
    SOFTWARE DI DUBBIA PROVENIENZA, quali il
    giurassinux.il dubbio e l'oscurità del codice è tutta tua. il codice di LINUX è noto. I tuoi spyware no
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
      - Scritto da: zap


      - Scritto da: zop

      io ho il mio windows XP Home ORIGINALE
      (l'ho

      trovato installato sul mio nuovo PC)!!!

      sei un privilegiato, alloraFinalmente un pò di riconoscimento da un giurassico!


      Semmai il pirata sei tu, che ti installi

      SOFTWARE DI DUBBIA PROVENIENZA, quali il

      giurassinux.

      il dubbio e l'oscurità del codice è tutta
      tua. il codice di LINUX è noto. I tuoi
      spyware noMa quale oscurità ? Ma quale spyware ?Voi linuxari siete sempre i soliti paranoici.Che vuoi che ne interessi poi del codice sorgente al 99,99% degli utenti ?Non mi sembra una grossa mancanza!Voi giusassici siete proprio strani!
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
        - Scritto da: zop


        - Scritto da: zap





        - Scritto da: zop


        Semmai il pirata sei tu, che ti
        installi


        SOFTWARE DI DUBBIA PROVENIENZA, quali
        il


        giurassinux.



        il dubbio e l'oscurità del codice è tutta

        tua. il codice di LINUX è noto. I tuoi

        spyware no

        Ma quale oscurità ? lo leggi il codice di XP TU?Noposso leggere (o far analizzare) il codice di LINUX io ?SiE' come la differenza che c'è tra il BUOI e la LUCE.
        Ma quale spyware ?esatto, buona domanda, ma non hai la risposta, perchè non ti puoi garantire dagli spyware, che possono essrerci senza che tu lo sappia"in che modo vuoi essere spiato oggi?"
        Voi linuxari siete sempre i soliti paranoici.ciò che PUO' essere SARA', e magari è già stato:microsoft e altri produttori di software POSSONO nasconbdere spyware nel software che vendono. Se posso utilizzare software non OSCURO lo faccio.Io mi cautelo, e pretendo che lo stato (che impiega MIEI dati personali utilizzando software pagato con MIEI soldi) faccia altrettanto.Se tu vuoi essere fiducioso in un'azienda che è stata dichiarata COLPEVOLE di ABUSI (microsoft è stata condannata), sei libero, ovviamente (contento tu...).Ma la comunità, ora, ha un'altro mezzo per CAUTELARSI: la conoscenza del codice sorgente.Questo è un BENE irrinunciabile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
          Ma se non sei capace a leggere neanche il tuo cedolino (ammesso che tu ne abbia uno) ma cosa vuoi andare a leggere il sorgente di un sistema operativo...ma va a giocare col lego và...
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: mava
            Ma se non sei...Argomenti= ZERO
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: zap


            - Scritto da: mava

            Ma se non sei
            ...

            Argomenti= ZEROMa come se le argomentazioni di mava sono così chiare ?E mi sembra fin troppo evidente: non capisco come fai a non vederlo!apropos: sei sicuro di non avere una fakelogin attivata sul tuo sistema linux ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: puz


            - Scritto da: zap





            - Scritto da: mava


            Ma se non sei

            ...



            Argomenti= ZERO

            Ma come se le argomentazioni di mava sono
            così chiare ?ribadisci il NULLA
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            Per forza e' un windowsiano.. quelli che difendono Windows che le loro teorie che non stanno ne in cielo ne in terra, perche' non esistono argomentazioni valide per difendere un qualcosa che non ha proprio nulla di buono, credono windows dogmaticamente superiore.. non si sa dove ma lo e' per loro. ma che annegnino nella loro merda, io adesso mi masterizzo qualche CD di mp3 con KonCD e leggo la mia posta con Kmail, voi windowsiani state pure li a cliccare allegramente su tutti gli allegati VBS fatti da bambini di 10 anni che vi arrivano per mail dovedo poi formattare il disco fisso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            Formattati il cervello, se lo trovi
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            Non ne ho bisogno la casa MAMMA non mi ci ha installato Windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse hai un talento mancato
    ...dalla tua "biografia" apprendo che l'informatica è al secondo posto nei tuoi hobby dopo la cucina(!!)Non male per chi per professione fa il consigliere sulle tecnologie occuparsi di informatica per hobby, ma dato la profonda conoscenza con cui condisci (è il caso di dirlo) le tue esternazioni, direi che i fornelli hanno perso un vero fenomeno.Comunque fai ancora in tempo a rimediare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Forse hai un talento mancato
      - Scritto da: Flying Penguin
      ...dalla tua "biografia" apprendo che
      l'informatica è al secondo posto nei tuoi
      hobby dopo la cucina(!!)
      Non male per chi per professione fa il
      consigliere sulle tecnologie occuparsi di
      informatica per hobby, ma dato la profonda
      conoscenza con cui condisci (è il caso di
      dirlo) le tue esternazioni, direi che i
      fornelli hanno perso un vero fenomeno.
      Comunque fai ancora in tempo a rimediare.hahahahahhahah :)....sono d'accordo!a proposito, visto che io sono uno dei tanti contadini (come ci definisce il caro vecchio Bill), se hai bisogno di verdura fresca, fammi un fischio !! :)hahahahahhaha.Un saluto a tutti
  • Anonimo scrive:
    Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
    - Scritto da: zapHa ragione zup - zap, dimostra tu quello che dici!Tu zap non ne capisci nulla e sei tu che stai perdendo tempopaz
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
      - Scritto da: paz
      - Scritto da: zap
      Ha ragione zup - zap, dimostra tu quello che
      dici!

      Tu zap non ne capisci nulla e sei tu che
      stai perdendo tempomolto BEN argomentato
      • Anonimo scrive:
        Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
        - Scritto da: zap
        - Scritto da: paz

        - Scritto da: zap

        Ha ragione zup - zap, dimostra tu quello
        che

        dici!



        Tu zap non ne capisci nulla e sei tu che

        stai perdendo tempo

        molto BEN argomentatosecondo me ha sicuramente ragione paz.Se la pensi diversamente spiega almeno perchè ... sempre che tu ne sia in grado!
        • Anonimo scrive:
          Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
          - Scritto da: zup


          - Scritto da: zap

          - Scritto da: paz


          - Scritto da: zap


          Ha ragione zup - zap, dimostra tu
          quello

          che


          dici!





          Tu zap non ne capisci nulla e sei tu
          che


          stai perdendo tempo



          molto BEN argomentato

          secondo me ha sicuramente ragione paz.
          Se la pensi diversamente spiega almeno
          perchè ... sempre che tu ne sia in grado!
          a mio parere invece ha ragione zap e quindi dicci perchè zap non ha ragione (ma non lo sai fare!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: Soren

            a mio parere invece ha ragione zap e quindi
            dicci perchè zap non ha ragione (ma non lo
            sai fare!)No no, secondo me ha ragione puz.e mi sembra evidente il perchè ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: zop


            - Scritto da: Soren



            a mio parere invece ha ragione zap e
            quindi

            dicci perchè zap non ha ragione (ma non lo

            sai fare!)

            No no, secondo me ha ragione puz.
            e mi sembra evidente il perchè ...???tanto evidente che non lo dici?se vede che tanto evidente non è
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: zap



            No no, secondo me ha ragione puz.

            e mi sembra evidente il perchè ...

            ???

            tanto evidente che non lo dici?

            se vede che tanto evidente non è

            e allora se è così evidente che non è evidente perchè non mi dici tu perchè non è evidente ?a me sembra che sia evidente
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: zop


            a me sembra che sia evidenteesatto, ti SEMBRA
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: zap

            esatto, ti SEMBRA
            In genere quando a me una cosa SEMBRA lo E' SEMPRE.Sono convinto che sia la stessa cosa anche per te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
            - Scritto da: zop


            - Scritto da: zap



            esatto, ti SEMBRA



            In genere quando a me una cosa SEMBRA lo E'
            SEMPRE.ti sembra
      • Anonimo scrive:
        Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
        esattamente come i tuoi post
        • Anonimo scrive:
          Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
          - Scritto da: paz
          esattamente come i tuoi postche però non vuoi commentare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
    - Scritto da: puz
    la differenza tra paz ed un robot e'
    che se gli tagli la testa continua a vivere
    perche' usa quella degli altri... e si vede!
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
      - Scritto da: paz
      - Scritto da: puz

      ... e si vede!visto che allora è evidente ?e non provare a dire il contrario!
  • Anonimo scrive:
    Posso farti una domanda ??
    ...anzi due:a) Perché consideri Linux/Unix una truffa eb) Hai qualche titolo (serio, non di installatore/sviluppatore autodidatta VB) per discutere di informatica dal punto di vista TECNICO e non come unica fonte di business?
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso farti una domanda ??
      Per favore sono una persona sensibile potresti non ripetere più Visual Basic?Inoltre potete anche smetterla di prendervela con Zop, è grazie a persone come lui che la mia autostima sale alle stelle.GrazieGsam
      • Anonimo scrive:
        Re: Posso farti una domanda ??
        ...hai ragione. Ma ho paura che altri, a furia di frequentare lo Zop imparino a Zop... picare
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso farti una domanda ??
      - Scritto da: Flying Penguin
      ...anzi due:

      a) Perché consideri Linux/Unix una truffa eSemplice: è solo un collage di cattive imitazioni di buoni software.
      b) Hai qualche titolo (serio, non di
      installatore/sviluppatore autodidatta VB)
      per discutere di informatica dal punto di
      vista TECNICO e non come unica fonte di
      business?E a te che te frega ?Perchè vuoi salire sul podio dell'unto ?Perchè vuoi dimostrare di avere il titolo di appartenere ad un elite ?Perchè vuoi ridurmi al silenzio, dall'altro della tua gerarchia clericale ?Perchè sono un eretico e mi vorresti al rogo ?Guarda che siamo in democrazia ed ognuno ha il diritto di dire liberamente quello che pensa.Tu invece, stai tentando di riportare in schiavitù migliaia di utenti perchè vuoi che loro non possano avere voce in capitolo su quello che è meglio per loro, perchè loro da soli non sono in grado di capire.E tu, quindi, ne vorresti sapere molto più di loro nell'alto della tua posizione clericale.E mi fermo qui perchè saresti da insultare pesantemente, ca%%one di roasting penguin del piffero.zop
      • Anonimo scrive:
        Re: Posso farti una domanda ??

        Semplice: è solo un collage di cattive
        imitazioni di buoni software.allora con win hanno usato il super atak sbagliato...non e nemmeno un collage...
        Tu invece, stai tentando di riportare in
        schiavitù migliaia di utenti perchè vuoi che
        loro non possano avere voce in capitolo su
        quello che è meglio per loro, perchè loro da
        soli non sono in grado di capire.ne conosco un'altro che lo sta facendo...si chiama...aspetta c'e l'ho sulla lingua...bill forse ????
        E mi fermo qui perchè saresti da insultare
        pesantemente, ca%%one di roasting penguin
        del piffero.bel post costruttivo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Posso farti una domanda ??
        - Scritto da: zop

        Semplice: è solo un collage di cattive
        imitazioni di buoni software.


        b) Hai qualche titolo (serio, non di

        installatore/sviluppatore autodidatta VB)

        per discutere di informatica dal punto di

        vista TECNICO e non come unica fonte di

        business?

        E a te che te frega ?
        Perchè vuoi salire sul podio dell'unto ?
        Perchè vuoi dimostrare di avere il titolo di
        appartenere ad un elite ?
        Perchè vuoi ridurmi al silenzio, dall'altro
        della tua gerarchia clericale ?
        Perchè sono un eretico e mi vorresti al rogo
        ?

        Guarda che siamo in democrazia ed ognuno ha
        il diritto di dire liberamente quello che
        pensa.

        Tu invece, stai tentando di riportare in
        schiavitù migliaia di utenti perchè vuoi che
        loro non possano avere voce in capitolo su
        quello che è meglio per loro, perchè loro da
        soli non sono in grado di capire.
        E tu, quindi, ne vorresti sapere molto più
        di loro nell'alto della tua posizione
        clericale.

        E mi fermo qui perchè saresti da insultare
        pesantemente, ca%%one di roasting penguin
        del piffero.Se non stai scherzando hai davvero qualche problema serio. Comunque vorrei ricordarti che questo è un forum di "punto informatico" e non "punto hobbystico" pertanto ho tutto il diritto di domandare la competenza dei miei interlocutori.Non mi, serve nessun podio, bastano le tue repliche a differenziarmi da quelli come te (e qui non c'entra ne' Win ne' Linux)get a brain
  • Anonimo scrive:
    Re: critiche
    - Scritto da: Un Comunista
    ah no? be dal 1980 al 1990 era ILLEGALE
    trasmettere su scala nazionale x i privati
    nell'85 vi fu un oscuramento ma craxi con
    decreto(dichiarato incoostituzonale)
    rimosse il problema
    ma berlusca trasmise nell'illegalita per
    altri 5 anni finche una legge lo mise nella
    legalitami spiace, ma se non ci fosse stato il berlusca non sarei stato al guardare la tv quei 10 anni, per vedere l'n-esima replica di Portobello, Fantastico ecc!Grazie Berlusca da parte di un utente della televisione (e immagino che tante grazie li avrà avuti anche dai pubblicitari, idea, perchè Bill non vende sw gratis con spot pubblicitari anche di altre ditte, anche non legate al mondo dell'informatica, tanto i suoi prodotti sono nelle case di tutti)
    • Anonimo scrive:
      Re: critiche

      mi spiace, ma se non ci fosse stato il
      berlusca non sarei stato al guardare la tv
      quei 10 anni, ci avresti guadagnato magari avresti letto di piu sai non fa male
      per vedere l'n-esima replica
      di Portobello, Fantastico ecc!ora guardi il bagaglino,buona domenica..un passo avanti? non credo...
      Grazie Berlusca da parte di un utente della
      televisione non hai capito era ILLEGALE discutevo di cio della LEGALITA e dei FAVORITISMI AVUTI, se poi tu a fantastico preferisci Magnum PI be son gusti(io vivo bene senza entrambi)comunque ora i quei pochi programmi tv (film e TG esclusi)che guardo sono sia su rai(sciuscia,report,il fatto,GP,blob... e un tempo satyricon e i f.lli Guzzanti) che su mediaset(iene e gialappa's band)...ma temo che quelli sulla rai me li toglierano(eccezion fatta per il GP)comunque mi tocca ammettere che berlusconi ha fatto con la sua concorrenza migliorare la Rai ma...era comunque nell'ILLEGALITA
      (e immagino che tante grazie li
      avrà avuti anche dai pubblicitari, idea,
      perchè Bill non vende sw gratis con spot
      pubblicitari anche di altre ditte, anche non
      legate al mondo dell'informatica, tanto i
      suoi prodotti sono nelle case di tutti)cosa c'entra?
  • Anonimo scrive:
    Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
    Scritto da paz:
    quale sia la differenza tra merce
    tradizionale e merce digitale: la seconda
    è
    duplicabile a volontà al contrario della
    prima.La seconda NON è duplicabile a volontà: duplicare una "merce digitale" senza il consenso dell'autore è un reato.E' un "fatto tecnico" anche il fatto che se ti taglio la testa muori, ma non vado in giro a dire:La differenza tra zap è un robot è che quando tagli la testa a zap muore - dando per scontato che sia lecito farlo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
      - Scritto da: paz
      Scritto da paz:

      quale sia la differenza tra merce

      tradizionale e merce digitale: la seconda

      è

      duplicabile a volontà al contrario della

      prima.

      La seconda NON è duplicabile a volontà:tecnicamente sì, ed era la natura tecnica ad interessare, non quella giuridica. Si parlava di metodi di roduzione e non di pene per la produzione pirata.Sei in errore e stai perdendo tempo. io d'altra parte posso ribadire quanto voglio (uso mezzi digitali)
      • Anonimo scrive:
        Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
        - Scritto da: zap


        - Scritto da: paz

        Scritto da paz:


        quale sia la differenza tra merce


        tradizionale e merce digitale: la
        seconda


        è


        duplicabile a volontà al contrario della


        prima.



        La seconda NON è duplicabile a volontà:

        tecnicamente sì, ed era la natura tecnica ad
        interessare, non quella giuridica.
        Si parlava di metodi di roduzione e non di
        pene per la produzione pirata.
        Sei in errore e stai perdendo tempo. io
        d'altra parte posso ribadire quanto voglio
        (uso mezzi digitali)Beh? e allora ?Non si può scopiazzare a tradimento un prodotto digitale utilizzando mezzi anche non digitali ?kSpread cosa sarebbe se non una copia riuscita male di Excel ? Ed StarCalc ?Chi diffonde in giro simili programmi, poichè DANNEGGIA i LEGITTIMI AUTORI, andrebbe sicuramente condannato ad un buon numero di anni di GALERA!
        • Anonimo scrive:
          Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
          - Scritto da: zup


          - Scritto da: zap





          - Scritto da: paz


          Scritto da paz:



          quale sia la differenza tra merce



          tradizionale e merce digitale: la

          seconda



          è



          duplicabile a volontà al contrario
          della



          prima.





          La seconda NON è duplicabile a volontà:



          tecnicamente sì, ed era la natura tecnica
          ad

          interessare, non quella giuridica.

          Si parlava di metodi di produzione e non di

          pene per la produzione pirata.

          Sei in errore e stai perdendo tempo. io

          d'altra parte posso ribadire quanto voglio

          (uso mezzi digitali)
          Beh? e allora ?allora si parlava di capacità teorica.
          Non si può scopiazzare a tradimento un
          prodotto digitale utilizzando mezzi anche
          non digitali ?copiare software a voce? Arduo...
          kSpread cosa sarebbe se non una copia
          riuscita male di Excel ? dimostralo
          Ed StarCalc ?dimostralo Queste sono tue opinioni personali non sostenute da prove o condanne (come quella per ABUSO di posizione dominante sulle spalle del monopolio) o simili, non c'entrano nulla con il thread.Si parlava di metodi di produzione e non dipene per la produzione pirata.Sei in errore e stai perdendo tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!


      quale sia la differenza tra merce

      tradizionale e merce digitale: la seconda

      è

      duplicabile a volontà al contrario della

      prima.

      La seconda NON è duplicabile a volontà:
      duplicare una "merce digitale" senza il
      consenso dell'autore è un reato.
      duplicare un software e' possibile,duplicare una mela invece e' magia.ti e' difficile capirlo?
      E' un "fatto tecnico" anche il fatto che se
      ti taglio la testa muori, ma non vado in
      giro a dire:

      La differenza tra zap è un robot è che
      quando tagli la testa a zap muore - dando
      per scontato che sia lecito farlo...invece la differenza tra paz ed un robot e' che se gli tagli la testa continua a vivere perche' usa quella degli altri
  • Anonimo scrive:
    Thank God I am a country boy...
    (è una canzone di J. Denver).. o meglio, grazie Bill, sono un contadino.Sono davvero fiero di esserlo. Ho riscoperto il gusto per seminare le zucchine, i fagiolini, le patate... ...ma quello che è ancora più incredibile è che ho riscoperto la passione per l'informatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un post che grida vendetta
    ho postato un commento come Aquitrini Luigi. mi hanno risposto che il commento verrà "moderato", forse a morte...stiamo a vedere
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi ti ha chiesto di lavorare per NOI ?
    - Scritto da: Magari...
    Software gratis?
    Provate a andare da un architetto a
    chiedergli che vi faccia una casa gratis...sei speri che con solo queste parole la gente paghi msoffice invece di usare openoffice(www.openoffice.org) sei un fase illusoria
  • Anonimo scrive:
    Re: Un post che grida vendetta

    http://www.zdnet.it/zdnet/jumpnews.asp?idNewsad un certo punto ho smesso di seguire...;-)dal commento:diffusione della nuova tecnologia .Net in via distandardizzazione sui pc degli utenti ====ah bhe allora...;-)questa frase dice tutto...
  • Anonimo scrive:
    Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
    Bene, sia ben chiaro:Un software OPEN SOURCE è duplicabile perchè l'autore te lo ha permesso.Se l'autore decide di vendere il suo software duplicarlo è un REATO punibile dalla legge, e anche molto severamente...
    - Scritto da: zap
    credo che ancora non sia chiaro a molti
    quale sia la differenza tra merce
    tradizionale e merce digitale: la seconda
    è
    duplicabile a volontà al contrario della
    prima.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
      - Scritto da: paz
      Bene, sia ben chiaro:

      Un software OPEN SOURCE è duplicabile perchè
      l'autore te lo ha permesso.qui infatti si stava parlando di free software, e il tuo "sia ben chiaro" serve solo a te stessol'autore lo ha permesso perchè è interessato a che il suo software CRESCA con il modello OPEN source, attraverso l'apporto di molti autori e di molti contributori.L'autore rinuncia alle tipiche beghe (pur legittime) del software chiuso perchè sa che dove si arriva con l'apertura del codice LUI non sarà in grado di arrivare
      • Anonimo scrive:
        Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
        eh no caro, rileggiti quello che ti ho quotato del tuo discorso... la tua precisazione era quanto meno dovuta.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
          - Scritto da: paz
          eh no caro, rileggiti quello che ti ho
          quotato del tuo discorso... questo è quanto:
          credo che ancora non sia chiaro a molti
          quale sia la differenza tra merce
          tradizionale e merce digitale: la seconda
          è
          duplicabile a volontà al contrario della
          prima.e lo ribadisco, perchè sembra che tu non abbia compreso: la merce digitale E' duplicabile per sua natura e costituzione. E' un'osservazione di carattere tecnico, non giuridico.
          la tua
          precisazione era quanto meno dovuta.Non sono d'accordo. Il trhead era questo:
    • Anonimo scrive:
      Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
      - Scritto da: paz
      Bene, sia ben chiaro:

      Un software OPEN SOURCE è duplicabile perchè
      l'autore te lo ha permesso.

      Se l'autore decide di vendere il suo
      software duplicarlo è un REATO punibile
      dalla legge, e anche molto severamente...
      errore se l'autore decide che non possa esser copiatoRedHat VENDE la sua distro
      • Anonimo scrive:
        Re: Un software OPEN SOURCE E' DUPLICABILE !!!!!
        - Scritto da: precisazione


        - Scritto da: paz

        Bene, sia ben chiaro:



        Un software OPEN SOURCE è duplicabile
        perchè

        l'autore te lo ha permesso.



        Se l'autore decide di vendere il suo

        software duplicarlo è un REATO punibile

        dalla legge, e anche molto severamente...


        errore se l'autore decide che non possa
        esser copiato
        RedHat VENDE la sua distroe questo infatti rende chiaro come molti win-maniac non capiscano molto di modello economico open source, volendo ricondurlo solo ai loro triti e ritriti schemi di pensiero
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    - Scritto da: zap


    - Scritto da: zop

    No, no: per la legge dello sbafo!

    per la legge del mercato, un prodotto FREE
    sarà sempre più conveniente di uno a
    pagamento
    infatti: basta scopiazzare un programma a pagamento ed ecco fatto un conveniente software FREE


    Poi magari si può parlare anche del
    mercato

    delle COPIE ABUSIVE ... ma questo è
    un'altro

    discorso.

    infatti: era un altro discorso.

    Si parlava di softwafre FREE
    ... e di software originale scopiazzato a tradimentoscusa, ma te ai il monopolio delle copie pirata ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
      - Scritto da: zop


      - Scritto da: zap





      - Scritto da: zop


      No, no: per la legge dello sbafo!



      per la legge del mercato, un prodotto FREE

      sarà sempre più conveniente di uno a

      pagamento


      infatti: basta scopiazzare un programma a
      pagamento ed ecco fatto un conveniente
      software FREEnon è a quello che ci si riferisce in questo FORUM, e quindi sei in errore, oltre che OTil forum commenta le opinioni di Gates sul freesoftware, e non le opinioni sulla pirateria


      Poi magari si può parlare anche del

      mercato


      delle COPIE ABUSIVE ... ma questo è

      un'altro


      discorso.



      infatti: era un altro discorso.



      Si parlava di software FREE


      ... e di software originale scopiazzato a
      tradimentoaffatto. Sei distratto
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
        - Scritto da: zap

        infatti: basta scopiazzare un programma a

        pagamento ed ecco fatto un conveniente

        software FREE

        non è a quello che ci si riferisce in questo
        FORUM, e quindi sei in errore, oltre che OT
        No, si discute proprio su quei tipi che scopiazzano illegalmente i software ... proprio come sembra faccia tu ed i tuoi amici.

        il forum commenta le opinioni di Gates sul
        freesoftware, e non le opinioni sulla
        pirateria
        Appunto:Freesoftware = copie di software originale rivendute senza pagare il legittimo diritto di autoreIn GALERA !!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
          Testa di M .... se un software e' opent, vuol dire che e' coperto da una licenza che ne permette la copia, e gli autori hanno accettato questa licenza, qui di copiare free software non e' reato... e in galera ci andrai te con tuo winzoz XP craccato semmai.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: Bianco
            Testa di M .... se un software e' opent,... oltre a significare che non è originale ...
            vuol dire che e' coperto da una licenza che
            ne permette la copia, e gli autori... sì, gli autori PIRATI che hanno fatto la copia fatta male e rimessa in giro con il loro nome sopra ....
            hanno
            accettato questa licenza, qui di copiare
            free software non e' reato...
            e in galera ci
            andrai te con tuo winzoz XP craccato semmai.io ho il mio windows XP Home ORIGINALE (l'ho trovato installato sul mio nuovo PC)!!!Semmai il pirata sei tu, che ti installi SOFTWARE DI DUBBIA PROVENIENZA, quali il giurassinux.visto che i programmi che hai su giurassinux sono solo imitazioni (copie venute male) di programmi originali, qui l'unico PIRATA SEI TE e mi sorpendo perchè tu, con i tuoi amici che ti hanno aiutato a fare la copia dei sudetti programmi, sia ancora a PIEDE LIBEROE testa di M ... sarai te!
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            Ma stai parlando di pirateria o cosa ???Visto che M$ (per esempio) non ha mai fornito i sorgenti dei suoi prodotti, è arduo sostenere che i prodotti concorrenti sono fatti copiando. Semmai è vero il contrario, vista la quantità di codice di derivazione free/open da cui M$ ha attinto a piene mani (e che spiega tra l'altro la migliore tabilità di Win2K).Sarebbe come mandare in galera quelli della Fiat perché fanno modelli di auto a 4 ruote con uno sterzo, un cambio ecc... come li fa la Mercedes e da questo dedurre che hanno copiato.Ma dimmi la verità, ci sei o ci fai?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: Flying Penguin
            Ma stai parlando di pirateria o cosa ???Di pirateria perpetrata dai sedicenti hacker.
            Visto che M$ (per esempio) non ha mai
            fornito i sorgenti dei suoi prodotti, è
            arduo sostenere che i prodotti concorrenti
            sono fatti copiando.Non occorre vedere il sorgente: basta vedere il risultato.Sono tutte pessime imitazioni di ottimi prodotti.I pirati-hacker che li hanno fatti dovrebbero finire in galera!
            Semmai è vero il
            contrario, vista la quantità di codice di
            derivazione free/open da cui M$ ha attinto a
            piene mani (e che spiega tra l'altro la
            migliore tabilità di Win2K).Quel codice non è stato copiato, ma utilizzato come minimo apporto ad una cosa più ampia.Certo che se ci sarebbe stato da pagare qualcosa, a differenza dei pirati-hacker, Microsoft avrebbe pagato.
            Sarebbe come mandare in galera quelli della
            Fiat perché fanno modelli di auto a 4 ruote
            con uno sterzo, un cambio ecc... come li fa
            la Mercedes e da questo dedurre che hanno
            copiato.No è come fare la Panda e dopo un mese quelli della Mercedes, anzi in questo caso, della Stalmedes, te la scopiazzano pari-pari omettendo il 50% e più di parti (le copertine dei sedili, il triangolo, la bauliera apribile, ecc.) e te la rimettono in giro in omaggio senza pargarmi una lira.Nel mondo delle auto provaci e vedi come vai diritto diritto in galera!!!
            Ma dimmi la verità, ci sei o ci fai?Sporco giusassico di un roasting penguin, ci fai o ci sei ?Secondo me ci sei.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
            - Scritto da: zop
            Di pirateria perpetrata dai sedicenti hacker.Stai delirando. La pirateria riguarda la copia fisica (FISICA, capito??) di un programma dopo averne rimosso eventualmente la protezione. Il produrre


            Visto che M$ (per esempio) non ha mai

            fornito i sorgenti dei suoi prodotti, è

            arduo sostenere che i prodotti concorrenti

            sono fatti copiando.

            Non occorre vedere il sorgente: basta vedere
            il risultato.
            Sono tutte pessime imitazioni di ottimi
            prodotti.
            I pirati-hacker che li hanno fatti
            dovrebbero finire in galera!Dunque vuoi dire che se scrivo un applicativo di tipo spreadsheet merito la galera solo perché già esiste Excel? E non ti sei mai chiesto chi c'era prima di Excel?


            Semmai è vero il

            contrario, vista la quantità di codice di

            derivazione free/open da cui M$ ha
            attinto a

            piene mani (e che spiega tra l'altro la

            migliore tabilità di Win2K).
            Quel codice non è stato copiato, ma
            utilizzato come minimo apporto ad una cosa
            più ampia.
            Certo che se ci sarebbe stato da pagare
            qualcosa, a differenza dei pirati-hacker,
            Microsoft avrebbe pagato.Bel sofisma... se il mio programma ha un'interfaccia grafica simile allora sono un pirata, se M$ attinge direttamente ai sorgenti non si tratta di copia ma di "utilizzo come minimo apporto ad una cosa più ampia". A parte il fatto che si dice "se ci fosse stato da pagare", vorrei notare che M$ copia proprio da quei prodotti per cui NON SI E' OBBLIGATI A PAGARE e dunque può correttamente non pagare una lira, dimenticando che non offre la stessa generosità con gli altri.
            No è come fare la Panda e dopo un mese
            quelli della Mercedes, anzi in questo caso,
            della Stalmedes, te la scopiazzano pari-pari
            omettendo il 50% e più di parti (le
            copertine dei sedili, il triangolo, la
            bauliera apribile, ecc.) e te la rimettono
            in giro in omaggio senza pargarmi una lira.
            Nel mondo delle auto provaci e vedi come vai
            diritto diritto in galera!!! Hai mai visto una Marbella? Ti ricorda niente?

            Sporco giusassico di un roasting penguin, ci
            fai o ci sei ?
            Secondo me ci sei.Vero, ci sono.Questa è l'unica cosa sensata che hai detto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
        - Scritto da: zap
        affatto. Sei distratto
        No - sei distatto tu e stai perdendo tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: A nome de tutti li cafuni
    Sei un grande! Fantastico!- Scritto da: Pino Silvestre
    se magnassero capocchielle
    e i ciddi` de lu uindos
    se li schiafferebbero
    rindo lu posto che lui sa
    bbene dove

    Pino Silvestre
    l1vo8f1yv9hw08a001@sneakemail.com
  • Anonimo scrive:
    Un post che grida vendetta
    Guardate un po' su ZDNet.it che razza di "commenti dei lettori" pubblicano:all'articolo sulla proposta Micro$oft-Compaq per l'e-government italianohttp://www.zdnet.it/zdnet/jumpnews.asp?idNews=119018&idChannel=174&idUser=0nel forum (moderato) delle opinioni è stato pubblicato il commento:http://www.zdnet.it/zdnet/JumpNews.asp?idChannel=174&idNews=119018&IdComment=2387&idUser=0tutto questo grida vendetta... chissà se il moderatore del forum accetterà anche di pubblicare commenti "in dissenso"... se anche voi siete indignati fate un tentativo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Proprietario contro GPL
    Scusate la A e' vicina alla S.......
  • Anonimo scrive:
    Proprietario contro GPL
    Salve a tutti, ciao Alien.. da quanto tempo...Allora incominciamo con una affermazione vera, il software (SO inclusi) proprietario e' relativamente piu' insicuro ed instabile di quello free, ed il motivo e' ben percepibile: se c'e' un'errore nel codice non e' possibile per l'utenza correggerlo ed informare l'autore dello stesso.Una seconda affermazione vera: in natura quando un predatore sbrana tutte le sue prede muore di fame, ossia se Microzozz continua a 'sbranare' il contenuto dei portafogli e dei conti in banca dei suoi clienti, puo' darsi che gli stessi accettino la 'relativa scomodita' delle interfacce del software free, meglio perdere un po' di pigrizia (che tra l'altro fa davvero male alla salute soprattutto del proprio portafogli o del conto in banca...) che farsi dissanguare......Per Alien io lo accumunerei di piu' ad un vampiro che ad un DRAGA....Non vi rimane che meditare e per cui, meditate gente, meditate,
  • Anonimo scrive:
    Re: E intanto ...

    Fintanto trovi gente da truffare ...
    Ma non ti preccupa: presto ti inizieranno i
    tempi duri ...quando si dice scavarsi la fossa da solo...;-)
  • Anonimo scrive:
    D'accordo con Michele AL 100%
    Premessa: sono di sinistra...Detto questo: sono d'accordo con Michele AL 100%.Ho visto ieri un'intervista ai ragazzi di un centro sociale autogestito che si vantavano (testuale) di "INSTALLARE LINUX", con l'aria di quelli che dicono: "ecco come ti frego il capitalismo"...Adesso Linux lo installa anche COMPAQ sui propri server... e non credo perchè il CEO di COMPAQ abbia preso la tessera... almeno non che io sappia...... e se linux ha avuto il successo che ha avuto è anche perchè è stato spinto da tutte le MULTINAZIONALI avversarie di Microsoft (SUN E COMPAQ in testa)... ... poi se volete continuare a credere che uno studente, da solo, riesca a sovvertire l'economia mondiale, liberissimi di farlo, abbiamo bisogno anche di questo... ma prima avete provato a dare un'occhiata là fuori? Ogni giorno ne ammazzano per molto meno...
    • Anonimo scrive:
      Re: D'accordo con Michele AL 100%
      - Scritto da: Purtroppo...
      Premessa: sono di sinistra...Premessa: sono di destra e uso Linux...
      Detto questo: sono d'accordo con Michele AL
      100%.
      Ho visto ieri un'intervista ai ragazzi di un
      centro sociale autogestito che si vantavano
      (testuale) di "INSTALLARE LINUX", con l'aria
      di quelli che dicono: "ecco come ti frego il
      capitalismo"...ANCORA !!!!!!!!SPIEGAMI CHE CAZZO C'ENTRA UN SISTEMA OPERATIVO CON I CENTRI SOCIALI !!!!!!! L'INFORMATICA E' UNA COSA E LA POLITICA E' UN'ALTRA !!!!
      Adesso Linux lo installa anche COMPAQ sui
      propri server... e non credo perchè il CEO
      di COMPAQ abbia preso la tessera... almeno
      non che io sappia...Ma va ? Se non sono stato chiaro : L'INFORMATICA E' UNA COSA E LA POLITICA E' UN'ALTRA !!!

      ... e se linux ha avuto il successo che ha
      avuto è anche perchè è stato spinto da tutte
      le MULTINAZIONALI avversarie di Microsoft
      (SUN E COMPAQ in testa)... Con il rischio di ripetermi: L'INFORMATICA E' UNA COSA E LA POLITICA E' UN'ALTRA !!!
      ... poi se volete continuare a credere che
      uno studente, da solo, riesca a sovvertire
      l'economia mondiale, liberissimi di farlo,
      abbiamo bisogno anche di questo... ma prima
      avete provato a dare un'occhiata là fuori?Boh... Per anni ci siamo bevuti la storiella che un tizio ha scritto un sistema operativo (qualcuno direbbe IL sistema operativo) nel garage di casa...Solo che il tizio in questione invece di studiare si faceva le canne...http://www.mugshots.org/misc/bill-gates.html
      • Anonimo scrive:
        Re: D'accordo con Michele AL 100%
        - Scritto da: TeX
        Premessa: sono di destra e uso Linux...
        SPIEGAMI CHE CAZZO C'ENTRA ....La politica purtroppo c'entra sempre, anche noi stiamo facendo politica, in questo momento... e c'entra a maggior ragione per il fatto che LINUX viene spesso associato ai centri sociali che ne fanno un vessillo di libertà contro il capitalismo di cui Microsoft, secondo loro, è la massima espressione.Visto poi che credi che il condire con improperi il tuo discorso gli faccia acquisire un maggiore valore, ne uso qualcuno anch'io, giusto per non essere da meno:- CAZZO- CULO
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
    - Scritto da: zop


    - Scritto da: NonEsiste

    Non capisco perché ci si ostina a volere
    nessuno arriverebbe ha spendere
    rinunciando ha migliorare il proprio per essere minimamente efficace, dovresti sostenere le tue idee traballanti con una grammatica corretta: si dice "ostina A volere" o "arriverebbe A spendere".questi sono errori da prima elementare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Termina un'era informatica?
    Si, credo (spero) che sia cosi.D'altra parte le ultime dichiarazioni di Bill Gates assomigliano molto ai lamenti del gigante morente.
  • Anonimo scrive:
    CHIAMATA alle ARMI per l?OPEN SOURCE
    Questa è l'occasione per aderire alla raccolta di FIRMA per la proposta di legge pro-open-Sourcehttp://softwarelibero.it/documentazione/firme_cortiana.pdfstampatelo e inviatelo alla destinazione indicataFacciamo il possibile perchè in Italia sia sempre più presente il software open sourceRispondiamo in questo modo alle ingiurie ridicole e snob del Monarca Assoluto del software
  • Anonimo scrive:
    Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
    - Scritto da: Michele Coppo
    Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
    dei cialtroni spiantati, repressi magari da
    un lavoro triste e senza orizzonti visibili.
    Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
    risparmiare i 50? per il sistema operativo
    vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
    come Davide contro Golia, di combattere il
    Grande Satana.
    Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
    Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
    Americane, come se questo potesse
    riscattarli dalla situazione di tristezza in
    cui versano, invece di rimboccarsi le
    maniche e ricostruire una nazione distrutta
    dal fondamentalismo.

    Ma bravi i miei pakistani linuzisti:
    bruciate pure la bandiera di Windows in
    piazza in nome del fondamentalismo
    linuzista. E' l'unica cosa che siete in
    grado di fare, vista la vostra assoluta
    incapacità di costruire qualcosa:
    distruggere ciò che non potete avere.
    Questo dimostra solo che un sacco di gente non ha capito proprio nulla, e puntualmente si attacca ai soliti luoghi comuni: chi usa Linux e` un fancazzista, la GPL e` per scrocconi comunisti e blah blah.Ormai sta diventando un ritornello patetico. Il post che ha iniziato il tread oltretutto e` venato (non troppo velatamente) da un certo razzismo e intolleranza.
  • Anonimo scrive:
    Re: La risicata è tutta tua
    - Scritto da: Michele Coppo
    No. Ciò che mi fa incazzare veramente è ilquindi sei tu che ti rosichi.A noj gli interventi di Zio bill fanni molto ridere, perchè dimnostra che non sa fare neanche un buon Marketing: offendere e dare dei "contadini" ai potenziali clienti è GRAVE davvero. Se continua così lo prendono a Zelig
    fatto che insistete a dare contro ad una e
    ad una sola azienda di software.la nota azienda MONOPOLISTA COLPEVOLE di ABUSO sul mercato
    Come se Microsoft fosse l'unica azienda
    multinazionale che produca software "chiuso"è la nota azienda MONOPOLISTA COLPEVOLE di ABUSO sul mercatocome al solito non ci sono argomenti nei tuoi post, ma solo livore
  • Anonimo scrive:
    Re: Termina un'era informatica?
    - Scritto da: Vittorio
    All'inizio degli anni 80 Digital Research
    era il leader del software PC con il suo
    CP/M. Negli anni 80 IBM era il leader con i
    suoi sistemi proprietari e il PC. Dalla
    seconda metà degli anni 80 ad oggi Microsoft
    ha dominato il mercato. Siamo forse arrivati
    al nuovo cambio della guardia con Linux,
    l'Open Source e derivati?
    Forse azzardando un po' penso che in questo
    momento Microsoft abbia iniziato la sua
    parabola discendente perchè si trova un
    avversario che combatte con su un altro
    piano, dove i soldi contano relativamente.
    Sto solo pensando ad alta voce, e il
    processo probabilmente durerà a lungo, ma
    vorrei conoscere altre opinioni.
    VittorioIo spero di si Vittorio! Non per veder Bill Gates piangere o rodersi,ma più che altro per veder migliorata la situzione al riguardo... Se ci pensiamo, quando ci si scarica una .iso da un sito contenente distro liunux gratuite, sappiamo ke delle persone ci saranno grate, non solo gli sviluppatori ed ingegneri, ma anche quelle società che li finanziano, che ci credono insomma! All'inverso, se esci di casa per comprare un pc, ti ritrovi sul preventivo la voce Windows XP ...Euro. ma siamo matti? Ti obligano quasi a comprarlo! Senza kontare che se leggiamo la licenza win, è l'utentre finale a sobbarcarsi il malfunzionamento del software stesso... Io un giorno c'ho provato: sono andato in 5 negozi d'informatica (2 dei quali grandi catene) ed gho chiesto per un pc con Linux installato risposte:1: Non è posibile in quanto nn riusciamo a reperirlo in tempo utile.... (www.linuxiso.org)2: La nostra società non ha previsto tale eventualità3: Cos'è Linux? (ma era una semplice bella ragazza messa li nn si sa per cosa in un centro commerciale)4: Non sappiamo se Linux supporti tale HW5: Nomi spiace non è possibileCi rendiamo conto?Scusate la lunghezza del mex, ma proprio nn ce la facevo piu!
  • Anonimo scrive:
    Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
    - Scritto da: Michele Coppo
    Come se Microsoft fosse l'unica azienda
    multinazionale che produca software "chiuso"
    del mondo.
    Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa
    produce il suo "db server unbreakable", il
    prodotto più closed dell'universo
    informaticoSi, un database... lo uso se voglio.Un sistema operativo NON DEVE essere closed-source, perche da esso dipende la produttività dell'80% dei terminali. Almeno le versioni "user" di windows dovrebbero essere "open".Tra qualche decennio, volenti o nolenti OGNI cosa passerà attraverso un computer. Per me potrà anche avere win2030, puo anche crashare ogni 30 secondi, puo anche costare 1milione (di lire) ma voglio il sorgente (anche non GPL, solo il sorgente intoccabile). Sarebbe gia tanto
  • Anonimo scrive:
    Re: e potresti aver sbagliato FORUM
    - Scritto da: Marco
    Merce tradizionale: per rivenderla devi per
    forza comprarla.
    Merce digitale: per rivenderla è sufficiente
    copiarla (leggi rubarla).non il software FREE (è questo l'argomento del FORUM)
    Merce tradizionale: ti piace un frullatore?
    vai a comprarlo.
    Merce digitale: ti piace un programma su cui
    qualcuno ha sudato e si è spaccato la testa
    giorno e notte? Vai a COPIARLO, così quel
    povero cristo morirà di fame...non il software FREE (è questo l'argomento del FORUM)
    Cosa dici? Che è giusto? certo
    bene... vuol dire
    che non sei onesto.non con il software FREE (è questo l'argomento del FORUM)
    Ah... a proposito, mi sa che sei tu che di
    economia non ci capisci molto... o meglio ci
    capisci tanto ma sulle TASCHE degli altri.tu hai addirittura sbagliato forum: si parlava di software FREE
    Ciao ciao,
    PS: che cosa copierai di bello stasera?
    anzi... cosa vuoi copiare oggi?Mozilla (www.mozilla.org)OpenOffice (ww.openoffice.org)LINUX (www.linux.com)Hai TOPPATO
  • Anonimo scrive:
    Linuzisti, continuate a rosicare...
    Ciò che mi indigna di voi linuzisti non è la vostra continua ricerca del litigio;non è la vostra insensata replica che voi siete gli unici detentori della Verità, gli Unti, coloro che parlano con il Dio Torvaldo.No. Ciò che mi fa incazzare veramente è il fatto che insistete a dare contro ad una e ad una sola azienda di software.Come se Microsoft fosse l'unica azienda multinazionale che produca software "chiuso" (come insensatamente continuate a chiamarlo voi, contrapponendolo ad un fantomatico "open", aperto) del mondo.Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa produce il suo "db server unbreakable", il prodotto più closed dell'universo informatico, il più ostico db relazionale mai pensato da mente umana, l'oggetto che per funzionare ha bisogno di tutte le risorse hardware dell'universo, e voi vi scagliate contro Microsoft che produce in fin dei conti dei sistemi operativi semplici da usare?E la SUN ? Ne vogliamo parlare? E' talmente closed che si fa sistemi operativi e hardware tutta da se. Si, dava anche la possibilità di scaricarsi una parte del codice di Solaris per Intel, ma guarda... ciò che non serve assolutamente a nulla.Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete dei cialtroni spiantati, repressi magari da un lavoro triste e senza orizzonti visibili. Chiusi nella vostra stanzetta, credete che risparmiare i 50? per il sistema operativo vi faccia sentire dei veri uomini, capaci, come Davide contro Golia, di combattere il Grande Satana.Mi sembrate tanto quei pezzenti dei Pakistani che in piazza bruciano le bandiere Americane, come se questo potesse riscattarli dalla situazione di tristezza in cui versano, invece di rimboccarsi le maniche e ricostruire una nazione distrutta dal fondamentalismo.Ma bravi i miei pakistani linuzisti: bruciate pure la bandiera di Windows in piazza in nome del fondamentalismo linuzista. E' l'unica cosa che siete in grado di fare, vista la vostra assoluta incapacità di costruire qualcosa: distruggere ciò che non potete avere.Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
      poverino...fatti vedere... ma da uno bravo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
      - Scritto da: Michele Coppo
      Ciò che mi indigna di voi linuzisti non è la
      vostra continua ricerca del litigio;.....A prescindere dal fatto che al momento a rosicare mi sembra siate, oltre a Bill Gates, tu e i tuoi simili.Comunque il problema non è open vs. closed, che sono solo due modelli diversi di sviluppo, ma sono le pratiche monopolistiche della M$. Pratiche che hanno portato grossi danni alle altre aziende di sw "closed", ma che al momento non si sono rivelate altrettanto efficaci contro il sw "open".Per questo motivo BG ha tirato in ballo discorsi idioti quali "filosofia capitalista" e simili.Quindi M$ è criticata non perchè "closed" ma perchè monopolista. Le altre sw "closed" hanno tutto il diritto di esistere e di adottare il modello di sviluppo che preferiscono. Ma mi sembra che siano più minacciate da M$ che non dall'open source...Mi sembra un discorso già affrontato innumerevoli volte e soprattutto facile da capire da tutti, ma evidentemente mi sbaglio....
    • Anonimo scrive:
      Re: si direbbe il contrario...
      Caro Michele,da quello che il tuo intimo amico Bill dice, sembrerebbe lui a cercare il litigio.E' lui a sparare a zero sulla GPL.Nessuno lo costringe a usarla, ma allora perche' parlarne male?Su questo possiamo solo fare supposizioni, certo e' che se un fatto non mi preoccupa non sento la necessita' di parlarne, quindi Gates per quello che riguarda l'Open Source e' effettivamente preoccupato.Che sia lui il buon samaritano e gli altri tutti cattivi, mi riesce difficile crederlo.Ingloba, smembra, assimila aziende come tutti gli squali del business. E gli squali del business non sono certo dei filantropi.- Scritto da: Michele Coppo
      Ciò che mi indigna di voi linuzisti non è la
      vostra continua ricerca del litigio;
      non è la vostra insensata replica che voi
      siete gli unici detentori della Verità, gli
      Unti, coloro che parlano con il Dio
      Torvaldo.
      No. Ciò che mi fa incazzare veramente è il
      fatto che insistete a dare contro ad una e
      ad una sola azienda di software.
      Come se Microsoft fosse l'unica azienda
      multinazionale che produca software "chiuso"
      (come insensatamente continuate a chiamarlo
      voi, contrapponendolo ad un fantomatico
      "open", aperto) del mondo.
      Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa
      produce il suo "db server unbreakable", il
      prodotto più closed dell'universo
      informatico, il più ostico db relazionale
      mai pensato da mente umana, l'oggetto che
      per funzionare ha bisogno di tutte le
      risorse hardware dell'universo, e voi vi
      scagliate contro Microsoft che produce in
      fin dei conti dei sistemi operativi semplici
      da usare?
      E la SUN ? Ne vogliamo parlare?
      E' talmente closed che si fa sistemi
      operativi e hardware tutta da se. Si, dava
      anche la possibilità di scaricarsi una parte
      del codice di Solaris per Intel, ma
      guarda... ciò che non serve assolutamente a
      nulla.

      Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
      dei cialtroni spiantati, repressi magari da
      un lavoro triste e senza orizzonti visibili.
      Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
      risparmiare i 50? per il sistema operativo
      vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
      come Davide contro Golia, di combattere il
      Grande Satana.
      Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
      Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
      Americane, come se questo potesse
      riscattarli dalla situazione di tristezza in
      cui versano, invece di rimboccarsi le
      maniche e ricostruire una nazione distrutta
      dal fondamentalismo.

      Ma bravi i miei pakistani linuzisti:
      bruciate pure la bandiera di Windows in
      piazza in nome del fondamentalismo
      linuzista. E' l'unica cosa che siete in
      grado di fare, vista la vostra assoluta
      incapacità di costruire qualcosa:
      distruggere ciò che non potete avere.

      Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...

      Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
      dei cialtroni spiantati, repressi magari da
      un lavoro triste e senza orizzonti visibili.
      Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
      risparmiare i 50? per il sistema operativo
      vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
      come Davide contro Golia, di combattere il
      Grande Satana.
      Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
      Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
      Americane, come se questo potesse
      riscattarli dalla situazione di tristezza in
      cui versano, invece di rimboccarsi le
      maniche e ricostruire una nazione distrutta
      dal fondamentalismo.ti rispondero' cosi'..."La masturbazione è una tecnica per raggiungere l?orgasmo che si sviluppa con l?adolescenza. Tecnica naturale di nessun costo e di scarso impegno. Tutti gli strumenti necessari sono a disposizione (direi a portata di mano) e possono essere sempre usati sempre secondo le proprie esigenze indipendentemente dal mondo (anche se un posto isolato andrà pur trovato).Andando avanti con l?età questa tecnica mostra tutti i suoi limiti. La masturbazione non basta più!Scopare è la tecnica più usata per raggiungere l?orgasmo dopo l?adolescenza. Inizialmente, è una tecnica molto più difficoltosa. Devi imparare a conoscere un corpo diverso dal tuo, sconosciuto, devi imparare a trasmettergli le tue esigenze perché le possa soddisfare, ma devi anche imparare a capire le sue esigenze ed i suoi tempi in modo che possa dare il meglio di se. Devi insomma entrare in sintonia con una persona sconosciuta di un altro sesso per acquisire assieme fiducia e conoscenza reciproca.Ma indubbiamente non vi e paragone tra lo scopare ed il masturbarsi!Nella vita, lo sappiamo, c?è chi, per motivi vari, è sempre costretto a servirsi solo della masturbazione, ma questi (aiailoro!!), non fanno testo, c?è poi chi l?adotta saltuariamente come variazione sul tema, ma c?è anche chi della masturbazione ne fa una ragione di vita e questi sono gli onanisti."Chi si accontenta gode dice il proverbio.. Affari suoi! Ma non ci venga a dire che masturbarsi è meglio che scopare!! La prossima volta che ti appare la schermata blu, pensaci. Potrebbe essere l'occasione buona per smetterla di masturbare il tuo povero cervello con simili idiozie. ...e magari chi lo sa... diventi pure un "Buon Contadino".
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
      - Scritto da: Michele Coppo
      Ma bravi i miei pakistani linuzisti:
      bruciate pure la bandiera di Windows in
      piazza in nome del fondamentalismo
      linuzista. E' l'unica cosa che siete in
      grado di fare, vista la vostra assoluta
      incapacità di costruire qualcosa:
      distruggere ciò che non potete avere.gcc il compilatore c/c++ piu` aderente agli standard a basso costo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...

      Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa
      produce il suo "db server unbreakable", il
      prodotto più closed dell'universo
      informatico, il più ostico db relazionale
      mai pensato da mente umana, l'oggetto che
      per funzionare ha bisogno di tutte le
      risorse hardware dell'universo,si ma io lo uso ???? no...quindi che critico a fare ????
      e voi vi
      scagliate contro Microsoft che produce in
      fin dei conti dei sistemi operativi semplici
      da usare?fino a quando si limita ai sistemi operativi okey, pero quando comincia a cambiare gli standard e quando vuole conquistare il mondo e il momento di ri-dire fly down...
      E la SUN ? Ne vogliamo parlare?
      E' talmente closed che si fa sistemi
      operativi e hardware tutta da se. Si, dava
      anche la possibilità di scaricarsi una parte
      del codice di Solaris per Intel, ma
      guarda... ciò che non serve assolutamente a
      nulla.intanto sun non modifica standard che fanno funzionare internet se non altro...e nemmeno lei e molto simpatica...
      Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
      dei cialtroni spiantati, repressi magari da
      un lavoro triste e senza orizzonti visibili.bhe non usiamo come voi windowsari sistemi che aprono nuovi orizzonti...che fanno volare...
      Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
      risparmiare i 50? per il sistema operativo
      vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
      come Davide contro Golia, di combattere il
      Grande Satana.quando microsoft si adattera al mondo e non il mondo al microsoft way nessuno dira piu niente...
      Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
      Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
      Americane, come se questo potesse
      riscattarli dalla situazione di tristezza in
      cui versano, invece di rimboccarsi le
      maniche e ricostruire una nazione distrutta
      dal fondamentalismo.immagino che pensi che la ricetta sia il microsoft way...ti e mai sfiorato il dubbio che il mondo puo essere diverso ????? intanto quel paese ha quasi la popolazione statunitense, con meno risorse sia naturali sia di intelligenza...in un posto sperduto del mondo dove non ci sono le condizioni che sono altrove...
      Ma bravi i miei pakistani linuzisti:bella conclusione logica...
      bruciate pure la bandiera di Windows in
      piazza in nome del fondamentalismo
      linuzista. E' l'unica cosa che siete in
      grado di fare, vista la vostra assoluta
      incapacità di costruire qualcosa:
      distruggere ciò che non potete avere.tu immagino abbia dato tantissimo all'umanita...
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...

      Come se Microsoft fosse l'unica azienda
      multinazionale che produca software "chiuso"
      (come insensatamente continuate a chiamarlo
      voi, contrapponendolo ad un fantomatico
      "open", aperto) del mondo.come già detto, è la sola che opera in regime di monopolio.
      Ma Oracle, allora? Sono decenni che questa
      produce il suo "db server unbreakable", il
      prodotto più closed dell'universo
      informatico, il più ostico db relazionale
      mai pensato da mente umana, l'oggetto che
      per funzionare ha bisogno di tutte le
      risorse hardware dell'universo, e voi vi
      scagliate contro Microsoft che produce in
      fin dei conti dei sistemi operativi semplici
      da usare?Certo (vedi sopra), ma a differenza della robaccia Microsoft, Oracle funziona. E bene.
      E la SUN ? Ne vogliamo parlare?
      E' talmente closed che si fa sistemi
      operativi e hardware tutta da se. Certo (vedi sopra), ma a differenza della robaccia Microsoft, Sun funziona. E bene.
      Il fatto vero, linuzisti miei, è che siete
      dei cialtroni spiantati, repressi magari da
      un lavoro triste e senza orizzonti visibili.
      Chiusi nella vostra stanzetta, credete che
      risparmiare i 50? per il sistema operativo
      vi faccia sentire dei veri uomini, capaci,
      come Davide contro Golia, di combattere il
      Grande Satana.
      Mi sembrate tanto quei pezzenti dei
      Pakistani che in piazza bruciano le bandiere
      Americane, come se questo potesse
      riscattarli dalla situazione di tristezza in
      cui versano, invece di rimboccarsi le
      maniche e ricostruire una nazione distrutta
      dal fondamentalismo.

      Ma bravi i miei pakistani linuzisti:
      bruciate pure la bandiera di Windows in
      piazza in nome del fondamentalismo
      linuzista. E' l'unica cosa che siete in
      grado di fare, vista la vostra assoluta
      incapacità di costruire qualcosa:
      distruggere ciò che non potete avere.
      Asciugati la bava. Quando lavorerai davvero vedrai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linuzisti, continuate a rosicare...
      Caro Michele, ma perché mai ti incazzi? In ogni dove e come troverai gente che si crede Dio in terra e gente umile che lavora seriamente; arroganti e simpatici, sgorbutici ed amichevoli.Il mondo Linux non è differente, come non lo sono gli altri.Di MS possiamo dire tranquillamente che ha fagocitato e fatto sparire molte aziende di SW (creando lavoro, secondo Bill Gates), diventando monopolista del mercato dei SO e delle suite per ufficio. Adesso vende caramente i suoi programmi (mentre in precedenza aveva tenuto bassi i prezzi).Sai, caro Michele, che significa non avere alternativa? Significa che DEVI fare quello che vuole un altro, cioè non sei libero. Comodo dire che liberamente hai scelto MS. Una volta era vero (quando potevi farlo), adesso è un po' diversa la situazione.Che uno Stato sia costretto a utilizzare sw di un unico produttore, mi sembra alquanto pericoloso.Ma sai con che facilità si possono inserire backdoor nel software ed entrare in aree riservate dell'aministrazione pubblica / militare per carpire dati segreti (e rivenderli)?Poi ci possono anche dire che questo, bontà loro, non verrà mai fatto. E se decidessero di aumentare i costi delle licenze del 50%? Guarda la filosofia di XP.Uno Stato / azienda si troverebbe a dover pagare il 50% di costi in più senza valore aggiunto.Ed il discorso dei formati non aperti? Ti costringono a comprare il nuovo software solo per leggere una lettera od un foglio elettronico.Questo non mi sembra corretto.Poi uso Windows tutti giorni, anche a casa, perché sono pigro e non ho voglia / tempo di imparare ad usare un altro SO.Ma nelle mie frasi spero non troverai livore o altro. Non mi credo un DIo in terra (né lo sono), ma cerco di farmi una mia idea al di là degli schieramenti ideologici che non hanno mai aiutato nessuno a crescere.Poi personalmente nutro poca simpatia per BG, che sicuramente è un ottimo stratega in termini di marketing, ma con quali mezzi ha operato? Che cosa ha ottenuto? No, grazie! Non ci tengo a dare a lui la possibilità di scegliere il mio futuro solo perché è stato abile nel fare gli affari. Voglio il diritto di scegliere! E Linux (+ Mac), me lo sta dando questo diritto! E non è poco, credimi!Matteo Ugolini
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè non lavorate VOI gratis?
    - Scritto da: Magari...
    Software gratis?
    Provate a andare da un architetto a
    chiedergli che vi faccia una casa gratis...se ce ne fosse uno che lo fa gratis io ci andrei.Non obbligo nessuno a farlo.L'equivalente di ciò che vorrebbe fare la M$ è di impedirti di parlare con l'architetto anche solo per chiedergli un parere. Vuoi un parere? PAGHI!Mi aspetto che inizi a dire che forum, ml, ng sono illegali in quanto diffondono conoscenza senza generare lucro. Anzi, anche le biblioteche,
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè potresti essere FUORI mercato
    - Scritto da: Marco
    Io non so cosa faccia tu per campare, forse
    sei uno studente, non lo so.
    Io faccio il programmatore, libero
    professionista, sviluppo un programma per un
    cliente che me lo paga e poi vado al
    supermercato a comprarmi da mangiare con i
    soldi che mi ha dato quel cliente.chi ti vieta di farlo???la GPL non c'entra uno zero con la pirateria...
    Ciao ciao,
    PS: che cosa copierai di bello stasera?
    anzi... cosa vuoi copiare oggi?mha, ho le iso della debian da masterizzare...
  • Anonimo scrive:
    Re: i contadini con i FORCONI in difesa della DIGNITA'
    Già da tempo non propongo prodotti Microsoft agli amici ma faccio ampio uso di prodotti biologici e alternativi, che non contengono OGM Microsoft.L'intenzione è di proseguire su questa strada, se noi che smanettiamo notte e giorno su queste cose (e che abbiamo aiutato in passato MS a diventare il monopolista che è oggi, ammettiamolo, fra copie e consigli più che di Win non si è parlato), oggi cambiamo strada, ci sono buone possibilità per il futuro di ridimensionere il vecchio Bill.Ma sarà molto molto dura e bisogna impegnarsi a fondo per fare passare il messaggio che si può usare un pc senza Windows, la paura degli utenti è grande nel passare ad un altro S.O., vediamo...
    • Anonimo scrive:
      Re: i contadini con i FORCONI in difesa della DIGN

      Già da tempo non propongo prodotti Microsoft
      agli amici ma faccio ampio uso di prodotti
      biologici e alternativi, che non contengono
      OGM Microsoft.NOOOOOOOOOOOOOOun'altro che pensa che gli OGM sia morte e basta ......
      L'intenzione è di proseguire su questa
      strada, se noi che smanettiamo notte e
      giorno su queste cose (e che abbiamo aiutato
      in passato MS a diventare il monopolista che
      è oggi, ammettiamolo, fra copie e consigli
      più che di Win non si è parlato), oggi
      cambiamo strada, ci sono buone possibilità
      per il futuro di ridimensionere il vecchio
      Bill.meglio fare come in un certo film: AMMAZZARLO
      Ma sarà molto molto dura e bisogna
      impegnarsi a fondo per fare passare il
      messaggio che si può usare un pc senza
      Windows, la paura degli utenti è grande nel
      passare ad un altro S.O., vediamo...
  • Anonimo scrive:
    Termina un'era informatica?
    All'inizio degli anni 80 Digital Research era il leader del software PC con il suo CP/M. Negli anni 80 IBM era il leader con i suoi sistemi proprietari e il PC. Dalla seconda metà degli anni 80 ad oggi Microsoft ha dominato il mercato. Siamo forse arrivati al nuovo cambio della guardia con Linux, l'Open Source e derivati?Forse azzardando un po' penso che in questo momento Microsoft abbia iniziato la sua parabola discendente perchè si trova un avversario che combatte con su un altro piano, dove i soldi contano relativamente. Sto solo pensando ad alta voce, e il processo probabilmente durerà a lungo, ma vorrei conoscere altre opinioni.Vittorio
  • Anonimo scrive:
    Tutti a comprare il SESTO CAIO BACCELLI !!!
    Premesso che la licenza GPL non vieta la commercializzazione del software prodotto, perchè M$ ed i suoi sostenitori si incazzano se qualcuno, come me, ha la voglia e il tempo di sviluppare software gratuito ?Che c'e' di male ?Non è che gli rode che il software gratuito, LINUX in testa, funziona bene ed è gratuito?Comunque grazie Bill, mi rendi davvero fiero e felice di essere contadino!:)nanna
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    - Scritto da: zop


    - Scritto da: NonEsiste

    Non capisco perché ci si ostina a volere

    software gratis a tutti i costi, e a che

    diritto, quando si pagano i notai, gli

    architetti, gli ingegneri...
    per la legge dello sbafo errore: per la legge del MERCATO:non ti lamentare se qualcuno offre software al prezzo più basso del TUO: saresti un ingenuo
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
      No, no: per la legge dello sbafo!Poi magari si può parlare anche del mercato delle COPIE ABUSIVE ... ma questo è un'altro discorso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
        - Scritto da: zop
        No, no: per la legge dello sbafo!per la legge del mercato, un prodotto FREE sarà sempre più conveniente di uno a pagamento
        Poi magari si può parlare anche del mercato
        delle COPIE ABUSIVE ... ma questo è un'altro
        discorso.infatti: era un altro discorso.Si parlava di softwafre FREE
  • Anonimo scrive:
    Un Altro mondo e' possibile???
    da alcuni interventi in questo forum e da alcune frasi di bill gates si capisce che:1 se sei imprenditore o vincente non sei criticabile indipendentemente in nessun campoindipendente da qualita del prodotto,metodi imprenditoriali,eventuali appoggi politici,ecc. ecc. quindi lunga vita allo sfruttamento minorile della nike..e ah e' vero il mafioso e' visto come "vincente"quindi nn lo critichiamo...2 ogni attivita deve essere soggetta a lucro altrimenti e' un male quindi Gino Strada sarebbe un criminale3 se criticate un"vincente" siete comunisti fanulloni come il "compagno Biagi",il"compagno Montanelli" e tanti "lavoratori-fanulloni" alcuni dei quali dopo il lavoro fan volontariato(ops scusate se lavoran gratis son criminali anticapitalisti)4 la licenza GPL e' un hobby per contadininonostante esitano aziende che vivano sviluppando SW GPL senza che queste siano imprese agricole...e comunque lunga vita ai contadini
  • Anonimo scrive:
    Re: Il vero problema, Signor Gates
    - Scritto da: nanna


    P.S. tutti a comprare il SESTO CAIO BACCELLI!...lo metto a fianco del K&R :)
  • Anonimo scrive:
    i contadini con i FORCONI in difesa della DIGNITA'
    il grande funzionario sovietico che è William Gates III, a capo dell'azienda monopolistica nota come microsoft (condannata per abusi sul mercato) pretende di insegnarci come si fa il software: come dice LUI, e chi non è CON lui è CONTRO di LUI (vi ricorda qualcuno?).Eppure un modo diverso c'è, e si è affermato sul mercato server. Ora si sta affermando anche su quello client, e questa "novità" (LINUX è sulla breccia da DIECI anni, esattamente lo stesso tempo del web) lo turba: ha fatto il possibile per raggiungere la posizione dominante del mercato, ha distrutto ogni possibilità di alternativa alle proprie "merci", ha tenuto a bada per dieci anni la giustizia americana, e ora si ritrova ad avere un nemico senza volto, né nazione che fornisce prodotti migliori dei suoi (o comunque in via di miglioramento progressivo) con in più la ciliegina sulla torta: una licenza che consente l'uso libero del codice! 8cosa che LUI non potrà mai offrire)Adesso che le alternative free sono mature per sostituire buona parte dell'offerta monopolistica, non rimane che il più profondo utilizzo dei mezzi di dissuasione (e le testimonianze degli OEM come Gateway lo confermano) per distogliere il mercato asfittico dall'unica alternativa che microsoft non può soffocare: il software free.E cosa c'è di meglio che dare dei "contadini" agli utenti e i produttori del software free?"Sua maestà! il popolo ha fame!!""Embè? dategli le brioches!!"ma fuori della Reggia di William Gates III c'è la folla inferocita con i forconi in mano, e la ghigliottina (virtuale, s'intende) è stata ben affilata con strumenti LIBERIAllons enfant!!BOICOTTIAMO microsoft!Diamo il colpo di grazia al monopolio affamatore del MERCATO, che si permette di offendere la legittimità e la DIGNITA' delle scelte degli utenti e delle ISTITUZIONI DEMOCRATICHE.non usiamo i suoi prodotti e NON COPIAMOLI né legalmente nè illegalmente, perchè microsoft SI SERVE di NOI e della nostra (presunta) DIPENDENZA dalla sua merce.Usiamo prodotti alternativi:MOZILLA, OPERAOPENOFFICE, STAROFFICEAbbattiamo la dittatura economica usando i mezzi di cui ogni consumatore dispone: la SCELTAORA POSSIAMO
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    ovvia zop... diccelo chi è il tuo fornitore...cmq. metticelo un po' di tabacco nel cannone. Altrimenti ti fa maleeee!!!:)
  • Anonimo scrive:
    A nome de tutti li cafuni
    A nome de tutti li cafuni d'Italiae fuori d'Italia, dell'estero e fuori dell'estero,che tutti sappiano che noi cafunicafuni come li nostri padricafuni come li nostri nonnisono quelli che ve fanno magnarela carne, lu latte, la frutta,li formaggi, lu vino, lu salame,le ova, l'amburgher, la bbirrae che senon ce fussimo nui cafuni alavura` la terra facendosinu mazzo accussi`tutta la ggente come bbilghettco la ggiacca e la cruattase magnassero capocchiellee i ciddi` de lu uindosse li schiafferebbero rindo lu posto che lui sabbene dovePino Silvestrel1vo8f1yv9hw08a001@sneakemail.com
  • Anonimo scrive:
    Re: X Tutti quelli che difendono zio Bill!!!
    Considerando che non si fidano nemmeno negli USA .....
    • Anonimo scrive:
      Re: X Tutti quelli che difendono zio Bill!!!
      - Scritto da: BSD_like
      Considerando che non si fidano nemmeno negli
      USA .....E' giusto che non si fidino di nessun soggetto Privato(in special modo di chi detiene il Trust).E' giusto che non si fidino di SO, non progettati espressamente, per la sicurezza.E' giusto, se pensi che la NSA Americana, ha ritenuto di rilasciare la propria versione di alcune distro like-unix(Opinabile o meno che sia!).Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: X Tutti quelli che difendono zio Bill!!!
        Bisogna continuare la campagna contro l'enorme spesa di software inferiore nella Pubblica Amministrazione; e d'altra parte, l'Unione Europea e` stata fatta per contrastare lo strapotere economico e politico degli Stati Uniti, si usi quindi Linux, che e` nato nella UE, ha costi notevolmente inferiori e non ci rende ulteriormente vassalli degli USA.
  • Anonimo scrive:
    Re: O campagnola bella......
    Si è preoccupato anche di rendere fuorilegge la GPL, e quest'annuncio mi sembra un'ennesimo tentativo di farlo.Ma non ci riuscirà mai!
    • Anonimo scrive:
      Re: O campagnola bella......
      - Scritto da: BSD_like
      Si è preoccupato anche di rendere fuorilegge
      la GPL, e quest'annuncio mi sembra
      un'ennesimo tentativo di farlo.
      Ma non ci riuscirà mai!E ti credo! Come si può controllare ciò che è libero? Eppoi visto che la GPL lo consente, perchè al posto di terrorizzarsi di fronte a Lindows nn lo supporta commercializza e ne rende pubblici i sorgenti? Muah...P.S.: Io nn oso immaginare il codice..sarà tanto ingarbugliato che anche se reso pubblico nn si potrà utilizzare..
  • Anonimo scrive:
    O campagnola bella......
    Io sono solo un contadino con la passione dell'informatica e probabilmente la mia opinione vale zero, ma dico io se per lo zio stronzo Bill, Linux nn funziona, l'open source è da buttare, tutto dovrebbe essere commercializzato...perchè si preoccupa al punto di organizzare incontri con la stampa, divulgare commenti e dichiarazioni, parlare e sparlare male di tutto ciò che nn riesce a controllare...perchè?Ha forse paura che il suo raccolto il prox anno andrà male?P.S.: Essere avidi nn è una buona cosa....
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??
    A parte che la GPL non impone nessuno di vendere il sw sviluppato da se stesso; nessuno qui stà dicendo che obbligatoriamente bisogna produrre sw gratis; è Bill Gates che dice che la GPL e simila se non limitate al mondo educativo/accademico, faranno chiudere le sw house, non solo M$.Ma ciò è falso!IBM, HP, etc., investono nello sviluppo del sw open; è chiaro che in questo modello sono le ditte svluppatrici di hw ad avere i maggiori vantaggi, perchè possono pagare i loro sviluppatori, avere un sw quantitativamente maggiore e migliore perchè collaborano allo stesso anche sviluppatori esterni, fornire i sorgenti alle ditte a cui vendono l'hw le quali possono pagare uno sviluppatore a minor costo per adattarlo alle proprie esigenze, e soprattutto nessuno paga per schiocchezze prive di vera innovazione messe solo per far soldi.Si tratta di cambiare modello di sviluppo anche da parte delle ditte sw, e lavorare di più sull'assistenza.Ciò non significa la fine del closed, ma una sua ridimensione, un'economia che leghi closed e open, magari nella stessa azienda sw.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo gratis??

      IBM, HP, etc., investono nello sviluppo del
      sw open; E beh, è FAMOSISSIMO in tutto il mondo il software prodotto da HP!! Che fa a parte i driver per le stampanti?SVEGLIA!!! Qui si sta parlando dell'occupazione nello sviluppo del software!!! Di questo parla Bill Gates!!Alla IBM e alla HP del software NON frega NIENTE! Per loro è solo un mezzo per vendere l'hardware!
      Si tratta di cambiare modello di sviluppo
      anche da parte delle ditte sw, e lavorare di
      più sull'assistenza.Si beh, cambialo tu! Sono assurde queste affermazioni sul "cambiare il modello di sviluppo"! Ma cosa vuol dire cambiare modello?Secondo te è una cosa facile? Guarda che di modelli ecnomici nella storia se ne sono inventati BEN pochi! Da quando il capitalismo esiste il concetto è "io produco una cosa e tu la compri"! Questa è l'idea di business sui cui si basa il capitalismo! E se ne sono amaramente rese conto tutte le dot com finite a gambe all'aria cercando nuovi modelli!NON ESISTONO nuovi modelli! Nessuno li ha ancora inventati!E piantiamola con la storia dell'assistenza! Guardate che la praticamente totalità delle distro Linux è sull'orlo del fallimento! La Mandrake si è ridotta a chiedere l'elemosina ai suoi utenti! La SuSE stava per chiudere bottega e si regge in piedi solo perchè c'ha messo la pezza la IBM! E così via! Non credo di sbagliare dicendo che l'unica ditta che FORSE guadagna dal'Open Source è la Red Hat! Le altre sono farse!Con l'assistenza al software non campa nessuno!!! Ditemi UNA ditta di assistenza! Se fosse così redditizio ce ne sarebbero a iosa!Le aziende campano installando sistemi! Poi prendono anche dall'assistenza ma per NESSUNO è il core business!Ragioniamo con i piedi per terra, per favore! Non facciamo voli pindarici totalmente fuori della realtà!La pura verità è che la GPL ha il potere virale di uccidere il lavoro retribuito del programmatore, riducendolo ad attività marginale per pochi (s)fortunati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
        - Scritto da: Upanisad

        IBM, HP, etc., investono nello sviluppo
        del

        sw open;

        E beh, è FAMOSISSIMO in tutto il mondo il
        software prodotto da HP!! Che fa a parte i
        driver per le stampanti?
        SVEGLIA!!! Qui si sta parlando
        dell'occupazione nello sviluppo del
        software!!! Di questo parla Bill Gates!!
        Alla IBM e alla HP del software NON frega
        NIENTE! Per loro è solo un mezzo per vendere
        l'hardware!mmm... hai mai sentito parlare di HP-UX? no, vero?e poi... cosa leggo? alla IBM non importa del software? ma stai scherzando?

        Si tratta di cambiare modello di sviluppo

        anche da parte delle ditte sw, e lavorare
        di

        più sull'assistenza.

        Si beh, cambialo tu! Sono assurde queste
        affermazioni sul "cambiare il modello di
        sviluppo"! Ma cosa vuol dire cambiare
        modello?vuol dire non scrivere programmi all'acqua di rose nella certezza che tanto gli utenti compreranno la nuova versione nella speranza di qualche bugfix, ad esempio...
        Secondo te è una cosa facile? Guarda che di
        modelli ecnomici nella storia se ne sono
        inventati BEN pochi! Da quando il
        capitalismo esiste il concetto è "io produco
        una cosa e tu la compri"! Questa è l'idea di
        business sui cui si basa il capitalismo! E
        se ne sono amaramente rese conto tutte le
        dot com finite a gambe all'aria cercando
        nuovi modelli!una cosa è il capitalismo (senza il quale probabilmente nessuno di noi avrebbe neanche il PC per scrivere i post su Punto Informatico), un'altra è cercare di imporre, forti di quote di mercato, i propri modelli agli altri (sfruttando pure l'ignoranza della gente su materie pressoché sconosciute come il free software e la licenza GPL)
        NON ESISTONO nuovi modelli! Nessuno li ha
        ancora inventati!questo lo credi tu... ma scusa allora perché si preoccupano tanto su a Redmond?
        E piantiamola con la storia dell'assistenza!
        Guardate che la praticamente totalità delle
        distro Linux è sull'orlo del fallimento! La
        Mandrake si è ridotta a chiedere l'elemosina
        ai suoi utenti! La SuSE stava per chiudere
        bottega e si regge in piedi solo perchè c'ha
        messo la pezza la IBM! E così via! Non credo
        di sbagliare dicendo che l'unica ditta che
        FORSE guadagna dal'Open Source è la Red Hat!
        Le altre sono farse!mmm... ne sei proprio sicuro? qualche dato, per favore.
        Con l'assistenza al software non campa
        nessuno!!! Ditemi UNA ditta di assistenza!
        Se fosse così redditizio ce ne sarebbero a
        iosa!ce ne sono, infatti. ma non sono famose come le software house: c'è chi le conosce e chi no. tu fai parte della seconda cetegoria. /quindi/ prima informati e poi parla, grazie.
        Le aziende campano installando sistemi! Poi
        prendono anche dall'assistenza ma per
        NESSUNO è il core business!
        Ragioniamo con i piedi per terra, per
        favore! Non facciamo voli pindarici
        totalmente fuori della realtà!

        La pura verità è che la GPL ha il potere
        virale di uccidere il lavoro retribuito del
        programmatore, riducendolo ad attività
        marginale per pochi (s)fortunati.vabbé, vattela a leggere che poi ne parliamo con calma, vuoi?http://www.gnu.org/licenses/gpl.html(se ti interessa ti do' anche qualche link in italiano)ciaogodz
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè chi produce sotware dovrebbe farlo grat
          Perchè non ce li dai tu dei dati seri buffone?E non quelli che pubblica ZDNet, per favore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come Berlusconi...
    - Scritto da: BSD_like
    Può anche essere divertente, ma sono proprio
    necessari questi ricorsi alla politica?Mettiamo da parte la politica (nel senso di tutti i governi che seguoni il Berlusconi I) e analizziamo i due imprenditori.Il signor Bill Gates, libero imprenditore, e' attualmente in una situazione di monopolio tale che e' impossibile fargli concorrenza in un mercato che sembra essere il media principale del prossimo futuro (diciamo una decina d'anni). Come e' arrivato in questa situazione? Strozzando (prima) e comprando (poi) tutte le aziende concorrenti di un certo peso.Il signor Silvio Berlusconi (nell'anno 1990) si trovava in una posizione di monopolio tale che era impossibile fargli concorrenza (il discorso RAI lo tratto in fondo) in una mercato che era oramai diventato il media principale (superando quindi i giornali). Come era arrivato in questa situazione? Strozzando (prima, leggi riempiendo i magazzini di programmi solo p